09
gen 2021
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 39 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.205

UN TOPIC DIFFICILE

Avevo l’intenzione di invitarvi a trovare una “colonna sonora” che accompagnasse gli eventi accaduti nell’anno di dis-grazia 2020 e dei suoi pricipali protagonisti, fossero essi personaggi politici, uomini di scienza o personaggi dello spettacolo o dell’avanspettacolo (Trump appartiene a questa categoria e i suoi epigoni italiani ancora più sotto- n.d.G.).

Per ora non ci sono riuscito tranne per una canzone che potrebbero canticchiare per un lungo periodo se la memoria dei fatti non fosse diventata così evanescente e se la capacità di guardarsi e riflettere non fosse diventata, per molti di loro, quasi impossibile…

31
dic 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 50 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.803

2021: BUON VACCINO A TUTTI!

E che la forza sia con NOI.

27
dic 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 7 Commenti
VISUALIZZAZIONI

554

EVOLUZIONI

Dialogo immaginario (?!?) tra il Do Minus e il Gazza.

D.: … sto pensando di darmi alla politica…

G.: Perchè?

D.: non riesco a comprendere bene il confine tra lecito ed illecito…

G.: e a cosa ti serve la politica?

D.: in politica l’illecito non esiste… specie nello sparar cazzate…

24
dic 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 4 Commenti
VISUALIZZAZIONI

692

ELCAN CI HA FATTO GLI AUGURI!

Molto belli, ma sono nel Topic precedente.

18
dic 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 16 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.012

NESCIT VOX MISSA REVERTI

La parola pronunciata non può (non sa) tornare indieto (Orazio, gran conoscitor dello strazio uman, dixit).

“E’ tempo che gli italiani si dichiarino FRANCAMENTE (?!?) RAZZISTI etc.etc.” (da La Difesa della razza, 1938)

Embè, hai visto mai che novità.

Poi sempre quelli (…) usarono pure i manicomi per liquidare gli “anti” (e le amanti scomode).

Uno dice (e c’è chi lo dice!) ma i nazisti fecero un VERO PROGRAMMA – oh tedeschi erano – per eliminare i disabili, mentali e non solo, vuoi mettere!

Per carità mai!

E adesso veniamo ai “minus quam”.

Il Guzzini, presidente della Confindustri marchigiana se n’è uscito con una frase, ma è un concetto in realtà, “La gente è stanca (delle restrizioni per il Covid n.d.G) PAZIENZA (!!) se QUALCUNO MUORE…”.

La Confindustria nazionale, col “duro” neo Presidente Bonomi, non poteva permettersi una tale licenza poetica.

Quindi?

Guzzini: “foer dale bal!”, torna nella tua azienda di prodotti di “alto arredamento” (chissà il Guzzini come cazz s’arreda).

Ma, ma, ma…

Siamo/siete sicuri che il “pensiero guzziniano” sia un caso isolato?

Personalmente non lo credo.

Che diamine, che sarà mai un po’ (un po’!?) di pulizia anagrafica?

Un altro dice: “Gazza, in fin dei conti tu temi il Covid perchè hai una/due patologie concomitanti/aggravanti e per questo t’incazzi…”.

A parte che le mie concomitanti patologie si trovano al sesto posto della graduatoria “aggravante”, ma in sostanza che mi frega di essere “aggravato”?

Sostanzialmente nulla!

Molto mi preoccupa di essere “concomitante” con degli amorali, che non chiamerò Baluba per rispetto di una nobile etnia Bantu dell’Africa occidentale, questo sì mi preoccupa e deprime Hostjiia!

E voi pensate ciò che meglio credete.

 

P.s.

E se il Covid non leggesse, come pare, la carta d’identità?

Cazzi amari.

My God!

Che scurrile mi diventa ‘sto Gazza…

Pazienza… come dice il Guzzini.

04
dic 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 34 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.421

LA SERENDIPITY AL TEMPO DEL COVID

Credo che non più di 2/3 lettori si ricorderanno uno dei primi Topic del 2008 che titolava più o meno così: “La serendipity? Averne…”.

In realta la serendipità non è una cosa ma una fortuita scoperta casuale.

Credo che su Internet siano descritti i casi più famosi: La scoperta della penicillina, i raggi X, il forno a microonde e così via.

Io ne scoprii il significato proprio cercando alcune istruzioni sul forno a microonde, scoperto casualmente da Percy Spencer nel 1945 mentre stava studiando nuovi apparecchi per i radar (…).

Ricordo una mia azzardata “teoria”, durante un esame universitario di cinquant’anni fa, sulla scoperta casuale (serendipity?) del meccanismo della RIMOZIONE da parte di Freud durante i suoi studi sull’Isteria.

In quella circostanza feci un’affermazione che recitava più o meno così: Senza la RIMOZIONE  di alcuni pensieri “pesanti ed inaccettabili” (per l’IO cosciente) nei quali ci imbattiamo o produciamo autonomamente  NON POTREMMO VIVERE,

pertanto li collochiamo temporaneamente (?) nell’INCONSCIO.

Si trattava di un’affermazione, allora, non fondata su elementi scientifici – e come avrei potuto! – ma che in seguito fu dimostrata e diventò uno dei cardini della psicoalasisi freudiana (contestata o ampliata da alcuni suoi allievi).

Sì Gazza, ma il Covid e la serendipity?

Beh abbiamo letto dell’evento accaduto nei test per il vaccino dell’Astra-Zeneca dove si è verificato un errore somministrando una prima mezza dose del vaccino sperimentale costatando che l’effetto protettivo del vaccino passava dal 65% al 90%.

Ho subito pensato “… ecco un caso palese di serendipity!”.

Credo tuttvia che la serendipità non sia necessariamente afferente solo ai fenomeni della ricerca e della scienza.

Mi domando perchè la mente, il pensiero e le deduzioni consequenziali debbano essere esenti dagli incontri con la serendipity, specie in questi tempi di “reclusione”, forzata ma indispensabile, nei quali il tempo per PENSARE e RIFLETTERE

è dilatato in modo irripetibile.

Ho un caro Amico che sta vivendo un momento emotivo per ora incontrollato e tumultuoso.

Lo ascolto sforzandomi di non entrare nel suo “ambito”, mantenendo, per quanto possibile, lucidità e “ratio”.

Quanti danni fa l’opinione della “vulgata” che tenta di mantenere separati emozioni e sentimenti forti, spesso obnubilanti, da un minimo di “ratio” sugli eventi?

E dopo l’ascolto ecco che la riflessione passa sul proprio personale con numerosi incontri di “serendipity” che non avresti mai pensato di fare.

Cari lettori, chiamate serenamente quanto sopra scritto il frutto di un’affabulazione di un anziano che tuttavia sa di sapere e pensare a quello che ancora non sa.

E’ un vostro diritto.

 

 

03
dic 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 1 Commento
VISUALIZZAZIONI

366

NUOVO TOPIC? DOMANI

Oggi una priorità Amicale ineludibile.

28
nov 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

749

Scusate

A causa di un incidente, banale nella dinamica e nello stupido atteggiamento di chi scrive, ma non nei risultati, sono costretto a sospendere il Blog per alcuni giorni.

ps

La riga sopra è stata scritta usando i mignoli delle mani…

19
nov 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 53 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.948

FUORICLASSE CHI?!?

Scusate se non trovate un testo, insomma qualcosa di scritto, ma devo riflettere se continuare o meno questo Topic.

Il titolo l’ho scritto di getto dopo la visione di uno splendido docu-film dal titolo “Mi chiamo Francesco Totti”, regia di Alex Infascelli.

A scanso di equivoci, ipocrisie e visioni ad alta miopia affermo, o meglio confermo, che Totti è stato un assoluto fuoriclasse di livello mondiale, uno dei pochissimi calciatori italiani a meritare quell’attributo.

Continua… (forse)

P.s.

In dodici anni credo di aver scritto di calcio, da diverse angolature, non più di 2/3 volte.

Chi non ama il “gioco” del calcio porti pazienza.

 

 

11
nov 2020
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 45 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.767

CHILLS MUSIC

Il significato letterale dovrebbe essere “Musica (da) Brividi”.

Si tratta di un fenomeno di cui si stanno occupando, con serietà, alcuni ricercatori specializzati in Neuroscienza, come ho letto oggi in un interessante articolo.

Sì, è vero-verissimo, c’è il Covid-19 e una situazione politica globale pesante legata alle elezioni negli Stati Uniti (per chi considera quest’ultima una “baggianata” che riguarda SOLO gli U.S.A. o la strumentalizza, ci può essere solo un “brivido” di avvilimento).

Chills Music dicevamo, si tratta di “manifestazioni in cui la sensazione di piacere, di benessere legata a un brano, o anche solo a un pezzo del brano, si uniscono a sensazioni fisiche, come i brividi appunto. Qualcosa che si vede nel cervello”.

“Già, perché ci si chiede che senso abbia, EVOLUTIVAMENTE parlando, il piacere provato ascoltando della musica. Perché deve averlo, connesso con una possibile FUNZIONE ANCESTRALE (cioè pertinente al mondo degli antenati lontanissimi – nota dal dizionario) DELLA MUSICA, attraverso il rilascio della dopamina – un neurotrasmettitore noto, semplificando, anche come l’ormone del piacere – e l’attivazione del sistema di ricompensa fisica associato alle melodie più amate”.

A questo punto qualcuno potrebbe dire: “quante pippe… è solo musica” oppure che ci sono “ricercatori o scienziati (perchè di questi si tratta) che hanno tempo da perdere”.

Io non la penso così.

Da chi si occupa della organizzazione sociale delle formiche o delle api, a chi sta cercando un vaccino funzionante per il Covid-19, tutti concorrono a dare risposte al “perchè e come siamo quello che siamo, oppure a consentirci di continuare a vivere e cercare, ancora, risposte alle molteplici domande sul senso della nostra esistenza e ai diversi modi con cui la gestiamo”.

La Musica (da) Brividi appartiene a tutte le sue diverse articolazioni: Classica, Lirica, Jazz, Rock e connessi, e credo che ognuno di noi ne abbia almeno UNA che gli/le produce tale effetto.

Volete cimentarvi “confessando” (!!) la vostra.

Avanti.

P.s.

Ci potrebbe essere qualche lettore che non ha ancora pratica sul postare un “link” della sua “Chills Music”.

NESSUN PROBLEMA, basta che citi il titolo del pezzo interessato e poi provvediamo “noi”.

Pechè ho scritto “noi”? Perchè tirerò con umile gentilezza la giacca all’impagabile Mastro Chivers per risolvere le cose più complicate