10
feb 2018
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 51 Commenti
VISUALIZZAZIONI

11.070

GIÀ… I FATTI CARO SETTI

Giovanotto…carta, calamaio e penna, su avanti scriviamo!”. Amore in quantità. “Ma si, fai vedere che abbondiamo. Abbondandis in abbondandum, che poi dicono che siamo provinciali…”.

Lettere aperte, quasi commoventi. Totò e Peppino? No. Ernest Hemingway e Marlene Dietrich? Men che meno. Setti, sì, Setti e il suo panegirico di ieri.  

C’è l’immancabile retorica della strada (“sono figlio di operai”).

C’è il risentimento (giustificato) verso chi usa per offendere “persone che non ci sono più” (ma l’autore si è scusato pubblicamente e sarebbe stato altrettanto giusto ricordarlo); salvo poi usare per “difendersi” le stesse persone che non ci sono più. E che peraltro non possono commentare il passaggio sul fallimento sfiorato (“una società che era vicina al fallimento, proprio come quel Verona che mi venne ceduto”).

C’è l’invito a venire con il proprio commercialista per controllare il bilancio del Verona (ma spero anche delle altre società della complessa catena di controllo e magari della società anonima lussemburghese), tuttavia nemmeno si prova a confutare nel merito l’analisi di Verona col Cuore (che commercialisti sono!).

C’è la lode a Fusco in un “mondo fatto di furbetti che ho anche conosciuto da vicino”. Spero non si riferisse a Lotito e Preziosi, non due verginelle, con cui Setti è stato immortalato a pranzo in Lega.

C’è poi quella che sembra avere tutta l’aria (ma certamente sbagliamo) di un excusatio non petita accusatio manifesta: “Osvaldo Bagnoli presidente onorario non è e non sarà mai un gesto per abbindolare la tifoseria”. Perché specificarlo? Chi mai l’ha detto o scritto?

C’è poi il coup de théatre, assai demagogico: “Chiunque voglia chiedere chiarimenti e spiegazioni può scrivermi a…”. Ma intanto nessun cenno di risposta ai giornalisti (ad esempio il sottoscritto) che da mesi propongono interviste e-o incontri anche solo informali per capire.

C’è infine il solito refrain sui fatti che lui preferisce alle parole. Bene i fatti parlano di un presidente che ha goduto di introiti milionari come nessun’altro predecessore. Che ha rilevato il Verona in B ereditando una squadra tecnicamente già strutturata (Jorginho, Maietta, Hallfredsson, Rafael). Che dopo tre anni positivi ha silurato il ds (lo stesso che ha portato Fares, Valoti e Zaccagni, ora citati come patrimonio) ed è stato capace di collezionare una retrocessione umiliante, una promozione per il rotto della cuffia e un campionato – l’attuale – che rischia di essere addirittura più umiliante di quello di due anni fa.

I fatti – seguendo l’analisi di Verona col Cuore ad oggi non smentita e non confutata – raccontano dell’improduttività della società di marketing HVMC, di un’anticipazione finanziaria alla Seven 23 (la società dei marchi di abbigliamento di Setti) e degli ultimi due bilanci della HV7 non disponibili. I fatti ci riportano alla cessione del marchio del 2013 che ha salvato il bilancio. I fatti confermano i rapporti finanziari, perlomeno indiretti, con Volpi per anni smentiti. I fatti sono il quinquennale a Pazzini (5 anni!), poi soprammobile solo due anni dopo (la chiamiamo continuità di gestione? Programmazione? Lo definiamo progetto?). I fatti parlano di un forte e improvviso ridimensionamento economico, a cui non è mai stata data spiegazione.

Setti dice che è stanco di falsità, ma sarebbe auspicabile una maggiore onestà intellettuale da parte sua.

11.070 VISUALIZZAZIONI

51 risposte a “GIÀ… I FATTI CARO SETTI”

Invia commento
  1. Jordan scrive:

    Francè le una val che se brusa,subiremo umiliazioni continue finchè resterà presidente.

    1. bruce scrive:

      Forza Francesco, non mollare!

      1. Cesaretto scrive:

        Francesco, mi permetto di darti del tu..
        Vorrei complimentarmi con te, in passato ti ho criticato, oggi ritengo tu sia uno dei pochi validi giornalisti sportivi a Verona.

        Provo a chiederti un parere riguardo un passaggio, a mio parere decisivo, del recente video di Setti.

        Setti dice:
        ” Vorrei ricordare che il verona è la terzultima squadra della serie A come proventi, quindi bisogna dirlo: ci sta di soffrire.”

        Terzultimi? Io non credo…
        Sulla base di quali dati il presidente Setti afferma quanto sopra? Di quali proventi sta parlando?

        grazie

        1. RobyVR scrive:

          … Francesco, comela che non te se sente più? Tai epurà parché te sì l’unico che ha tentà de metar in dificoltà el poro Pechia?

          1. Ziga scrive:

            Se sei coerente non dovresti più partecipare alla trasmissione “bulgara”…

              1. Bruno scrive:

                Setti che risponde alle letterine come Marta Flavi su Intimità…
                Pecchia che sfida il (falso) martirio e si conquista la via della riabilitazione mediatica…
                Sono troppo vecchio per queste stronzate (cit.)

                1. Elia scrive:

                  Ho visto solo ora la replica. Mi spiace Francesco, speravo che i commenti fossero esagerati ma erano tutti veri. Pecchia si è preparato (da buon avvocato) per un’arringa eccezionale… finendo per cadere nella banalità. Venire in televisione per fare degli attacchi a una persona (addirittura ha mostrato la sua preparazione andando a leggere dei post dell’era Mandorlini, quando lui e Verona non centravano niente) piuttosto che spiegare scelte tecniche è stata un’idea sconsiderata da parte del mister e (mi pare una conseguenza) della società. Questi non hanno ancora capito che nessuno si aspetta di vincere lo scudetto, di andare in europa. Si può anche retrocedere, perderle tutte, finire con una media di 5 gol subiti a partita… ma almeno provando a lottare, basta giocatori che non si impegnano. Cambieremo la categoria… ma cambieranno i giocatori, il presidente e (anche) l’allenator….

                  1. Parmenide scrive:

                    Pensaci Francesco… Che senso a che tu continui a scrivere ed alimentare contatti all’interno di un sito dopo essere stato così malamente aggredito verbalmente? Ti si leggeva negli occhi la delusione… Non sono questi. Compromessi che ti portano in alto, sei già troppo in alto! non meritano un nuovo Giordano Bruno… Anche perché non c’è Campo de fiori…

                    • Paolone scrive:

                      Ok Parmenide ma Francesco non scrive gratis e non penso guadagni come un allenatore di serie A. Certo può scrivere da un’altra parte, può anche scrivere sulla sua pagina facebook ma non è che se c’è uno scazzo con il tuo direttore responsabile sbatti la porta e te ne vai. Per permettersi certe “impennate” bisogna essere Mentana.

                    1. Betty68 scrive:

                      ma secondo voi la società non aveva posto dei paletti prima di mandare il burattino in pasto ai cosiddetti lupi?

                      1. Ale scrive:

                        Ciao Francesco, onore a te che ieri sera volevi fare una trasmissione per arrivare a risposte.
                        Mi è sembrato di vedere uno studio di Buonisti ……..e lasciamo perdere l’attacco di Vighini verso i tuoi confronti.
                        Peccato perché hanno perso credibilità visto che alla domenica ne dicono di tutti i colori e quando lo trovano davanti sembrano mutare.
                        Peccato. forse è questo che ci meritiamo a Verona.

                        1. luchinho scrive:

                          il nostro allenatore ci sta portando la serie B con il sorriso, e gli abbiamo anche rifatto il trucco ieri sera. Le tue domande dirette non erano appropriate evidentemente, ma la gente a casa credo che abbia capito ancora meglio di prima come stanno le cose…

                          1. RobyVR scrive:

                            … poro Francesco, ma parché lì a Telenovo jè leoni durante i comenti ale partie e dopo i se trasforma in pegore quando l’è ora de ripetar i stessi conceti con davanti el protagonista numero uno dele critiche domenicali?

                            Ma ti veramente vuto misciarte a sta gente qua? A uno come Purgato che el ghe na dite te ogni duminica passà a quel’incapace (tennicamente parlando) de Pechia e che ieri el parea quasi el fusse el novo messia?

                            Pechia l’è sensa dignità ma anca certi commentatori/giornalisti che i tà invità par dopo placcarte.

                            1. Skywalker scrive:

                              Non ho francamente capito come la redazione intendesse gestire la serata. Ad un certo punto, tra le urla di Purgato e lo stizzito quanto gratuito rimprovero di Vighini sembrava quasi che l’imputato fossi tu. Se avessero riservato la stessa veemenza a Pecchia la puntata avrebbe avuto un qualche valore aggiunto. E invece, come spesso succede in questo Paese, si è messo un microfono a disposizione dell’invitato di turno, senza replicare, senza incalzare, per farci sorbire solo un gran blaterare. Aveva chiesto ed ottenuto delle garanzie circa una linea diciamo “morbida” per intervenire? Mah. Lo scollamento con i tanti articoli e blog di questo sito delle ultime settimane è parso evidente. Comunque complimenti a te, a Betteghella e Tommasoni per averci almeno provato.

                              1. Riccardo antoniazzi scrive:

                                Francesco ma perché frequenti le trasmissioni del di Vighini? È stata una serata patetica. mirata solo a difendere pecchia dalle tue domande. Eri l'unico con le palle a dire le cose come stanno.

                                1. Flower scrive:

                                  Francesco Barana non ti hanno fatto parlare, eppure eri l’unico con domande intelligenti e proprietà di linguaggio.
                                  Miserie.

                                  1. Gian Paolo Ranocchi scrive:

                                    Chapeua

                                    1. michele scrive:

                                      la lettera di Setti è quasi offensiva nei confronti di chi tifa questa squadra anche quando le cose vanno male fa l’abbonamento tutti gli anni anche se la campagna acquisti fa cagare come quella di quest’anno compra le maglie del verona anche se hanno dei colori improbabili e antistorici cantano fino all’ultimo minuto anche se la squadra sarebbe da prendere a calci in c…lo.
                                      ci sta tutto nella vita, ma che Setti ci faccia le pulci su come dobbiamo amare il Verona Hellas proppio no!!!
                                      che spieghi la situazione in un intervista a quattrocchi con te che le domande scomode le sai fare e non trincerarsi dietro queste fiabe.

                                      1. k scrive:

                                        Francesco scommetto che pechia nol te vol mia in trasmission stasera par vegner

                                        1. alex11 scrive:

                                          Concordo su tutto…bravo! Sembrava di leggere un discorso preparato per uno di quei comizi elettorali di paese…sai :) ).

                                          1. Grazie setti scrive:

                                            Il verona che hai acquistato era in perfetta gestione finanziaria, grazie a Martinelli ed il suo n.a.v.( nel asset value, se non sai cosa vuol dire) era ampio e solido. Poi, mano a mano, hai venduto qualsiasi cosa che respirasse ed in cambio hai acquistato 10 giocatori in 5 anni. Hai svuotato la cassa , ti sei portato i soldi all estero. Questi sono i fatti. Il resto è demagogia da 4 soldi e bugie. Oltre al bilancio del verona, vorremmo avere i bilanci della Falco Investimenti Lussemburgo e relative controllate( dal Lussemburgo i soldi andranno in un altra controllata, svizzzera o altro paese equivalente) nonché i bilanci delle altre controllate dello schema societario che gravitano sopra,sotto,di fianco all Hellas Verona. Quando ci fornirai i bilanci di TUTTE le società saremo pronti a ricrederci. In assenza no, perché è palese che hai depauperato è distratto il nav. Ed onestamente, di quello che dicono i tuoi dipendenti( pecchia,Fusco,ecc) non ce ne frega niente, è come ascoltare Galliani,Previti!ghedini e Dell Utri

                                            • Parmenide scrive:

                                              A questi signori del calcio sfugge qualcosa che cerco di raccontare. Oggi per esempio in Cuva, luogo a loro oscuro, c’è un età media alta. dico Curva un quano gli ideali ed i colori sono più sentiti che in altri settori e senza offesa per nessuno. Abbiamo sciarpe e bandiere come a 20 anni, andiamo in trasferta ammassati in pulmini carichi di cibo e birre e diamo la sensazione di essere dei ” richiedenti asilo ” ( senza offesa o tacciato di razzismo). Tutto questo la domenica o quando gioca il nostro amato verona.
                                              Il lunedì però cambia la musica, gli stessi che prima erano additati di essere come i vecchi ASU ( associazione stalle umane) tornano ad essere anche professionisti, e grandi professionisti che regolarmente hanno una laurea, un master, che dirigono aziende, frequentano tribunali, membri di Cda, responsabili di reparto, politici, giornalisti, dottori, senator in Lufthansa, artigiani, operai, pubblici dipendenti e dirigenti, giudici, avvocati ed alla via così! Molti erano allo stesso liceo ed oggi nella stessa multinazionale a Milano, Londra o Pechino. Un network composto da social la cui forza e’ quasi sempre la curva. Qual’e il messaggio per il nostro caro Presidente! Non ce la racconta , siamo in grado di capire tutto, i bilanci per molti sono pane quotidiano, le società lussemburghesi ed il loro diritto sono come leggere topolino, le dinamiche di un’azienda sono come Tex ( e l’Hellas e’ la sua azienda) pertanto attenzione a sottovalutarci perché la domenica siamo al nostro posto ma durante la settimana, dopo i nostri impegni professionali e per amore del nostro Verona, un po’ di considerazioni le facciamo. Ai tempi dell’università eravamo ragazzi e non capivamo quasi nulla di queste dinamiche e volavano sassi (sbagliatissimo ) oggi abbiamo i capelli bianchi ma la passione di un tempo e’ rimasta quella. La sua lettera e’ la dimostrazione lampante di quanto abbia sottovalutato tutto ciò. Nessuno vuole toglierle il giocattolo ma non ci tratti come trogloditi…

                                              • Cesare Settore Superiore scrive:

                                                Specie perche’ tra quei tanti professionisti in Curva Sud ci sono anche fabbri ferrai e pugili di professione. Che magari non sanno leggere ed interpretare le voci di un bilancio, e che parlano in dialetto stretto a causa della loro poca dimestichezza con i libri di studio. Ma che sanno usare le mani. E’ sempre pericoloso esagerare, i trogloditi hanno le mani lunghe e assai pesanti. E le sanno usare molto bene

                                              • spc scrive:

                                                Non fare il provincialotto

                                                • Parmenide scrive:

                                                  Mi chiedo perché si continui a contestare Setti, siamo davanti al Benevento e miglioriamo il precedente campionato di A quando eravamo ultimi con decine di punti dalla penultima. Allora cambio’ allenatore quindi oggi, vista la classifica, e’ meritevole la panchina per Pecchia. Hanno ragione, il Bentegodi e’ ostile perché si contesta la squadra, infatti oggi ringrazio l’osservatorio ( monte Palomar) per aver proibito la trasferta. Purtroppo gli incivili doriani per tutto il primo tempo hanno cantato i nostri storici cori rovinando la partita. Infatti abbiamo perso. Per favore si spacchi il gemellaggio e chiudete il Bentegodi e non andate in trasferta, vorrei evitare altre lettere strappalacrime. Una passi due sarebbero troppe.

                                            1. bkl scrive:

                                              grazie per mantenere attivo un giornalismo reale e non accondiscendente e succube.
                                              ci vogliono le palle. non c’è piu’ da parlare di alcun aspetto tecnico ma solo indagare a fondo e mettere alla luce una situazione che dire poco chiara è star leggeri..

                                              1. spc scrive:

                                                …salvo poi usare per “difendersi” le stesse persone che non ci sono più. E che peraltro non possono commentare il passaggio sul fallimento sfiorato (“una società che era vicina al fallimento, proprio come quel Verona che mi venne ceduto”).

                                                Questo è un passaggio fondamentale, non era sfuggito neanche a me e ne va chiesto conto a settorello (sempre se ne ha il coraggio), davanti alla controparte…

                                                1. Bruno scrive:

                                                  Apprendiamo due notizie :
                                                  1 le parole di pecchia
                                                  2 la lettera di Setti
                                                  1) la prima non va neanche commentata: già in passato pecchia ha provato a fare questa sceneggiata di nascondere le proprie incapacità con le difficoltà ambientali. Trattasi di sceneggiata indegna per un professionista. Mai sentito un allenatore che si lamenta dei tifosi. Infatti lui non è un allenatore. Peraltro anche un giornalista importante come Criscitiello ha sostenuto fin dall’anno scorso che pecchia è inadeguato e non sa allenare… e Criscitiello non è un veronese che ce l’ha con quelli di Formia in provincia di Latina. Ci aspettiamo una bella vittoria domenica visto che la squadra va in trasferta senza tifosi al seguito: vediamo come giocano senza questa insopportabile pressione.
                                                  2) La lettera di Setti è un compitino svolto male, con superficialità, come per togliersi il fastidio di dover parlare per forza.
                                                  Se fosse sincero Setti avrebbe mille occasioni per comunicare quello che vuole, invece no, dice al suo scribacchino “dai valà scrivi due cazzate così almeno la piantano di rompere”.
                                                  Sei sbrigativo Maurizio, tratti la città di Verona con fastidio come quando devi pagare la puttana che ti ha fatto compagnia una notte, sperando che si rivesta in fretta.
                                                  Qualcuno potrebbe dire: IO NON CREDO AD UNA SOLA PAROLA DI QUELLO CHE HO LETTO. Ma sarebbe inesatto, perché sulle parole di Setti (o meglio del suo scribacchino) non c’è da fare nessun atto di fede, i fatti parlano da soli. Grazie Maurizio che ci risparmi sempre la fatica di farci venire il dubbio che hai ragione tu.
                                                  E’ una lettera scritta con superficialità sconvolgente che conferma l’inadeguatezza del personaggio.
                                                  Ma, caro Francesco, questi due surreali interventi (scomposto quello di pecchia, sbrigativo quello dello scribacchino) ci confermano che il tg gialloblu sta lavorando nella direzione giusta, che i tuoi interventi e anche quello molto provocatorio di Mauro Micheloni hanno scalfito lo scudo di gomma che sembrava proteggere queste canaglie. Andate avanti così, scrivete, chiedete, rompete le scatole.

                                                  • Daniele scrive:

                                                    Bravo Bruno, concordo

                                                  • schetch scrive:

                                                    Concordo!
                                                    Ma se l’ambiente è così ostile mai farse dele domande…no? Un’autocritica? Una semplice parlola:Scusate.
                                                    Magari…anche per educazione. Ma ghè mia nesun che ghe l’è dise ste robe a sto omo?
                                                    Hellas Huber Alles.

                                                  • stefano 50/60 scrive:

                                                    Bruno tette sì desmentegà che el diretor sportivo pompeiano lascia l incarico….stò zà pianzendo forte..ma de gioia…

                                                  1. mir/=\ko scrive:

                                                    Se questa lettera caro Setti, l'avesse scritta ai propri tifosi "malcontenti per i recenti risultati" un certo Campedelli, allora sarei pienamente d'accordo con l'autore!!! il fatto che l'abbia scritta lei, sembra l'ennesimo tentativo di tenere calma una piazza che, ripeto, le ha chiuso definitivamente la porta in faccia, dopo aver portato fin troppa pazienza !!!! perché Verona, caro Setti, non è intollerante nei confronti di chi non è di origini autoctone o nei confronti di chi non è un magnate, ma semplicemente di chi NON È TRASPARENTE!!!!! GAME OVER. il Modena la aspetta con trepidazione e noi anche!!!

                                                    1. pinkhellas scrive:

                                                      …… Muto sulla trasferta?!!!!

                                                      1. pinkhellas scrive:

                                                        Grandissimoooo Francesco!!!! Setti VA TT E N È!!!!!!

                                                        1. Parmenide scrive:

                                                          Francesco, se veramente la questione fosse stata fra setti ed i tifosi, avrebbe inviato la lettera al giornale amico invece di pubblicata sul sito dove ” tutto il mondo” degli addetti al lavoro entrano pertanto la cosa non mi convince. In fin dei conti sono panni da lavare in casa!
                                                          Mi sa molto di parlo a nuora perché suocera intenda e ciò sarebbe molto grave… Mah…

                                                          1. giacomo scrive:

                                                            La cessione del marchio non è il problema di fondo ha “salvato” pure l’Inter. Di certo tutto il resto è assurdo continue bugie mezze verità parole scelte che non corrispondo al vero, i fatti dicono altro.Non sono opinioni

                                                            1. RobyVR scrive:

                                                              … almanco el l’avesse scrita lú la letera, gnan quel sforso lì l’ha fato.

                                                              1. moreno scrive:

                                                                Ma cosa vuoi dire?

                                                                finito soldo finito amore.

                                                                1. Davide scrive:

                                                                  La nota più dolente della lettera di Setti è che afferma di voler restare anche l’anno prossimo in serie B. Perciò anche quegli illusi che pensavano che lo svuotamento del parco giocatori dell’Hellas fosse l’anticamena della cessione sono stati serviti.

                                                                  1. CHICCO scrive:

                                                                    Francesco veto ala conferensa dell'avvocato di formia? te prego…!!!!

                                                                    1. k scrive:

                                                                      non penso che ci si debba meravigliare se un vertebrato che ha una “azienda” che conoscono in 23/24-dipendenti compresi- sia in grado di fare solo danni all’AZIENDA HELLAS,più importante del proprio cuore per migliaia e migliaia di persone.
                                                                      l’innominabile è solo un incapace,come si può definire altrimenti uno che dichiara che vengono prima i bilanci e poi tutto il resto?Per questo ci sono squadrette amatoriali che avrebbero tanto bisogno dei suoi suggerimenti,che lui potrebbe elargire senza fare danni enormi alla città e ai tifosi.Si prenda a cuore questa attività.
                                                                      lui segue solo il trend della sua “azienda”,un marchio sconosciuto che non riesce a far decollare,magari proprio coi bilanci in ordine(con soldi infusi)ma che nessuno caga.ecco questa è la fine che il tipo vorrebbe far fare all’Hellas e ci sta pure riuscendo alla grande.
                                                                      L’unica cosa positiva è venire a sapere che fusco e pecchia,a breve,a cadavere ancora caldo,non faranno più parte dell’organigramma

                                                                      1. mir/=\ko scrive:

                                                                        Game over Presidente!!! metta in vendita in maniera "chiara" e se ne vada ad investire il suo denaro o quello di qualche suo amico fidato nel fallito Modena… Verona le ha chiuso la porta in faccia e non sarà una lettera che peraltro non convince "uno straccio di nessuno" a cambiare le cose!!! FATTI, NON PAROLE!!!! la metafora di Vighini sulla Ferrari è una sintesi perfetta di quello che è lei: uno della classe media con il sedere su una Ferrari che non è in grado di mantenere!!!!!!!!! si compri una bella Fiat Punto (alias Modena Calcio….) a lei più consona e tolga il disturbo… e stia sereno, tutto passa. Come Pastorello, anche lei sarà presto dimenticato…. io, ad esempio, non la considero un "poco di buono", ma semplicemente uno che ha fatto il passo più lungo della gamba!!!! pure io ho dei bei sogni, ma destinati a rimanere tali!!!!! il Modena, caro Setti, si compri il suo Modena!!!!!!!

                                                                        1. Stefano scrive:

                                                                          Il nostro caro presidente megagalattico ha imparato dai politici italioti che si possono tenere in ostaggio milioni di persone per diversi decenni proponendo una narrazione della realtà a volte edulcorata, altre totalmente distorta. Forse il nostro caro presidente megagalattico non sa che a Verona abbiamo la memoria lunga e siam desti.

                                                                        Rispondi a Skywalker

                                                                        Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                        Accetto i termini sulla privacy

                                                                        *