28
mar 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI No Comments
VISUALIZZAZIONI

1.374

GIORNI DI (BUONI) PENSIERI

Il titolo è dichiaratamente ispirato a quell’immenso Maestro che è stato Gianni Mura, titolare di una strepitosa rubrica domenicale su Repubblica: “Sette giorni di cattivi pensieri”. Ma siccome non faccio il verso ai Maestri (è come bestemmiare in chiesa!) decido che i miei pensieri saranno buoni.  Mura ci ha lasciato una settimana fa e la notizia mi ha rattristato molto, non bastasse il momento che stiamo vivendo. Non l’ho mai conosciuto, purtroppo o per fortuna (mai avvicinare i propri miti, è la mia regola), ma conosco bene chi gli è stato amico. Ora però la tristezza fa posto alla gratitudine: leggevo Mura durante il Tour de France (passione assoluta comune), ricordo quelle mattine estive da ragazzino in vacanza da scuola, prima di andare in fabbrica, o il periodo universitario a Padova mentre preparavo la sessione di esami di settembre: a luglio su Repubblica trovavi il suo paginone sul Tour, a fianco quello di Gianni Clerici sul Wimbledon. Quanta bellezza. Sono grato a Mura: se scrivo, se mi sono appassionato della parola lo devo a quelli come lui.

C’è del chiarore anche nel video postato da Zaccagni su Instagram. Zac che corre, Zac guarito. E’ un segnale luminoso in questo buio, ci rimette di buonumore. Giocatore generoso, romagnolo esuberante e innamorato della vita, ma anche un po’ veronese adottivo. Un’immagine da conservare nella mente. Ti aspettiamo Zac.

Ho letto ieri sulla Gazzetta le parole del ministro dello Sport Spadafora: “Le previsioni che facevano pensare di riprendere a fine aprile, inizio maggio le competizioni sono state un po’ troppo ottimistiche” ha detto. Ma va? Che tenero, l’ha capito persino lui. La settimana scorsa firmavo su questa testata un articolo in cui definivo la volontà di Spadafora di riprendere il 3 maggio un ipotesi lunare, fuori dal mondo.  Forse Spadafora parlava pressato da qualcun altro (Lotito? De Laurentis?), bene però che stia finalmente scendendo dal pero ho pensato nel leggere la retromarcia. Pia illusione, Spadafora con una finta di corpo (in)degna di Garrincha, due righe sotto ci ha sorpreso ancora: “Rispetto all’ipotesi del 3 maggio oggi sono molto dubbioso”. C’ha ancora i dubbi lui…povera stella, anima inquieta. Ma gli vogliamo bene, l’ho detto sopra, oggi sono buono.

Sapete che idea mi son fatto io? Nella migliore delle ipotesi si riprende l’attuale campionato dopo la seconda metà di giugno (a porte chiuse), si gioca ogni due-tre giorni (stile Nba) e si chiude nel giro di un mese. Niente ferie e via con la nuova stagione a metà agosto per arrivare agli Europei 2021.  L’alternativa è che si annulli tutto, come ha detto il presidente dell’Aic Tommasi e come ha confermato alla Gazzetta il potentissimo agente Fifa Branchini.  Poi, come ha sottolineato Prandelli, “non è che si può passare dal cimitero allo stadio nel giro di due giorni”. Nonostante lo dica Prandelli non è retorica: si chiama minimo comun pudore. Voglio pensare che tutti i presidenti dei club ci arrivino. Non è difficile.

Mi direte, ma il calcio è un’azienda. Certo e aggiungo: al netto dei club milionari di serie A, pensate alle società di B e C. Vanno tutelate, per farlo si andrà verso la sospensione degli stipendi per il periodo di inattività e la proroga dei contratti in scadenza a giugno (se i campionati dovessero ripartire). Detto questo, guardiamo in faccia alla realtà: a fine emergenza ci sarà mezzo Paese in ginocchio, qualche milione di persone che sono in cassa integrazione o che il lavoro lo hanno perso. Fuori da ogni demagogia: il calcio è nel calderone, né più né meno.

Sia chiaro, il pallone deve tornare a rotolare. Guai a chi dice che non è importante. Il calcio è fondamentale, è un collettore sociale, è uno svago, è un rito laico nazional-popolare che può (deve) aiutare moralmente il Paese. Non va fatto ripartire in tempi brevi (come vorrebbero i Lotito), ma in tempi ragionevoli, cioè appena è possibile e moralmente accettabile. Ma andrà fatto ripartire. Sarà un segnale di speranza e di ripresa. Ce la faremo.

 

 

 

08
mar 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 7 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.280

E IL CRONISTA PERSE IL SENSO DI TUTTO…

E’ tutto così surreale. Quello stadio, Marassi, spoglio. E il mondo fuori, impazzito e impaurito. Si gioca al Ferraris, mentre si litiga fuori sull’opportunità di scendere in campo e sui diritti in chiaro o in scuro, senza ovviamente che si tratti di una querelle cromatica ma solo di vil denaro.

Il cronista fatica anche solo ad abbozzare un ragionamento calcistico. Si può parlare della partita che è stata? Ha senso? Sono giorni in cui non ha senso nulla. Parlano di campionato falsato, ma è il mondo, la nostra vita da due settimane a essere falsata. Là fuori c’è un Paese che è un minestrone di comportamenti e reazioni: chi, irresponsabile, si ammassa nei bar o nelle piste da sci; chi, impanicato, si barrica in casa. Estremi opposti, due facce della stessa medaglia: i menefreghisti e gli allarmisti. L’equilibrio mai, il riuscire a continuare a vivere la vita di tutti i giorni nel rispetto di nuove regole sembra impossibile.

Josè Saramago, premio Nobel per la Letteratura, e immenso scrittore portoghese, in Cecità scriveva che l’uomo, nel dramma, “è per metà indifferenza e per metà cattiveria”. Altroché spirito unitario e retorica del volemose bene.  E così la stazione di Milano è presa d’assalto di notte da chi vuole fuggire da quella che, da lì a poche ore, sarà zona rossa. Una cretinaggine che, a punirla, certo ci sarebbero voluti il Mascetti, il Perozzi, il Melandri, il Necchi e il Sassaroli di Amici Miei, i quali sulla banchina avrebbero pensato bene di schiaffeggiare i passeggeri. Non saprei invece chi chiamare in causa per addomesticare per bene chi, uscito dai focolai, se ne è andato bellamente a sciare. O forse lo saprei anche, ma qui è l’autocensura a fregarmi.

Che senso ha parlare di calcio? Che, certo, è sacro cazzeggio, ma è pur sempre cazzeggio. Eppoi ci ha tolto dall’antipatica incombenza il buon Juric, a cui è bastato un mezzo telegramma: “Abbiamo regalato la partita alla Sampdoria”. Che senso ha parlare del gomito birichino del mai irreprensibile Dawidowicz, o di un Var che oramai ha sostituito l’arbitro, che quasi viene da rivangare la rivolta luddista contro le macchine industriali?

Non so se sia giusto continuare. Non sono all’altezza per esprimere un giudizio. “Show must go on” scriveva amaro e sarcastico Brian May e cantavano i Queen. “Empty spaces what are we living for/spazi vuoti, per che cosa stiamo vivendo?“. Non so che dire, per me si può anche continuare a far finta, a trascinarsi.  Forse è anche giusto. Forse ci distrae. Ha un senso sinistro sentire che quelli, i signori della stanza dei bottoni, anche in questi giorni insistono a litigare su soldi e diritti tv, a disquisire di campionato europeo. Agnelli e Marotta e Zhang: potete tranquillamente continuare, metaforicamente, a giocare a chi piscia più lontano (poi ci diranno che è solo pioggia…di interessi). Siete quasi rassicuranti, sembra che niente là fuori sia cambiato. “Inside my heart is breaking/il cuore mi si sta spezzando dentro/My make-up may be flaking/il trucco forse si sta sfaldando“. Già, il trucco. Il re è nudo più che mai e ci voleva un fottuto e maledetto virus per capire definitivamente lo spessore di chi tira i fili del calcio italiano.

“But my smile still stays on/ma il mio sorriso permane“.  Sì perché passeremo anche questa e allora sì che il cronista troverà di nuovo un senso a parlare di calcio. E sarà bello quel giorno anche maledire, bonariamente (è pur sempre una palla che rotola) quel gomitaccio di Dawidowicz, la nota inconsistenza di Di Carmine e gli arbitraggi ai tempi del Var, che assomigliano a quel tale che completa i cruciverba sbirciando le soluzioni.

 

17
feb 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 38 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.434

TRE MESI E…DUE CAMPIONATI

Dopo il trionfo con la Juve il rischio sbronza e quindi di hangover era altissimo. Per questo il pareggio di Udine è un buon risultato, al netto di cosa si sia divorato Zaccagni nel finale. L’unico neo, se vogliamo, è di un Verona – rispetto ai soliti eccellenti standard -  apparso meno aggressivo e padrone del campo. Spero si tratti di un piccolo passaggio domenicale (peraltro comprensibile dopo i fasti del ko a Madama) e non di un appagamento, anche inconscio, che inizia a farsi sentire.

Ho scritto che l’obiettivo Europa è da coltivare. Ciò non significa arrivarci (continuo a pensare che tre-quattro squadre del nostro gruppone ci siano superiori), ma intanto siamo ancora al sesto posto, seppur in coabitazione. Ritengo che il Verona possa chiudere il campionato realisticamente a 52-53 punti, ma per mantenere  questa classifica ne serviranno una decina in più. Difficile, ma perché non provarci? Cosa abbiamo da perdere? Capiremo presto il senso finale del nostro (ottimo) campionato nel miniciclo che ci porterà alla partita con l’Inter. Cagliari, Samp, Napoli, Sassuolo, Parma e Brescia, per motivi diversi, sono tutte partite alla portata. Anche il Napoli in casa nostra è un match contendibile.

Parallelamente si giocherà l’altro…torneo: la conferma o meno di Juric, il futuro, i giocatori che possono restare e chi partirà per forza, il consolidamento o la ripartenza da zero. Se ne parlerà tanto (giustamente), anzi si è già cominciato con la conferenza stampa di Juric di venerdì scorso.  Su questo fronte sono più pessimista, per questo vorrei consolarmi con qualche altra impresa in campo. Godiamocela, finché dura.

 

 

09
feb 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 45 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.886

L’EUROPA NON È SOLO UN SOGNO

“Non lo disse ad alta voce perché sapeva che a dirle, le cose belle non succedono” scriveva Hemingway ne Il vecchio e il mare.  Anche il nostro Ivan Juric, uomo di letture e figlio di un uomo di lettere, deve pensarla così. Lui dribbla l’insidia di pronunciare la parola Europa, che almeno nel calcio rimane un concetto ancora affascinante. Juric, da tanti anni in Italia, recita la filastrocca italiana dei “40 punti”, quelli intesi della quota salvezza (che se va bene invece sarà a 36 punti). “E poi vedremo” aggiunge però sibillino il pirata di Spalato.

No, meglio non dirlo ad alta voce. Eppure il Verona (in attesa dei risultati odierni) è sesto in classifica, ma il discorso si spinge oltre. Se batti la Juve (con il miglior Ronaldo) con l’autorevolezza di ieri sera (in rimonta, con la prima mezz’ora sublime, con la capacità di gestire il calo e la sfrontatezza di ribaltare in un quarto d’ora il risultato) hai la conferma che sei forte. Scrivo la conferma e non la scoperta, perché che il Verona sia un’ottima squadra allenata divinamente lo sappiamo da un po’. A inizio dicembre qua scrivevo che eravamo da 9°-12° posto, ma da allora alcuni giocatori sono cresciuti ulteriormente (Pessina, Lazovic e Zaccagni), altri si sono confermati (Amrabat, Rrhamani, Kumbulla, Veloso), altri ancora sono arrivati (Borini ha alzato il livello tecnico davanti), aggiungici un Pazzini che gestito in questo modo sa ancora far valere la sua classe di vecchio campione (117 gol in serie A con quello di ieri).

Insomma ora non possiamo più nasconderci: si deve puntare all’Europa League, poi vada come vada.

Un inciso: dovremmo volerci un po’ più bene, almeno a livello di città e di critica. Essere per una volta meno umili e provinciali e smetterla di ridurre il Verona a una questione di cuore, grinta ed entusiasmo. Solo con quelli non vai da nessun parte. Diamoci un taglio con la retorica e godiamoci per un anno (almeno per un anno) la consapevolezza di essere una squadra medio-grande del campionato italiano. Per organizzazione tattica, of course, ma non solo, anche per qualità tecnica individuale, che spesso crediamo appartenga solo ai giocatori dal nome altisonante.

Invece il calcio ha storie complesse. Ci sono i fuoriclasse, i campioni, gli ottimi giocatori, i buoni giocatori e quelli di categoria. Veloso è un ottimo giocatore con tratti da campione (50 partite e oltre nel Portogallo di Ronaldo), ma non ha sfondato. E’ a fine carriera ma rimane uno che sa giocare come pochi e il “suo” Juric e l’aria veronese lo hanno rivitalizzato (direi anche l’essersi liberato del peso di essere il genero del presidente del club per cui gioca). Idem Lazovic, che pure al Genoa ha ben figurato, ma che ai tempi della Stella Rossa era uno dei ventenni più chiacchierati d’Europa. Amrabat a 23 anni vanta presenze in Champions e al Mondiale: se poi i dirigenti dei grandi club non se ne sono accorti prima è un problema loro. Ma ottimo giocatore è, per di più nel pieno della carriera. Per Rrahmani si può dire lo stesso. Kumbulla invece è più di un ottimo giocatore, è un campione che può diventare fuoriclasse, ma già oggi è uno dei più forti difensori italiani e tra i pochi con profilo europeo (non per niente lo vuole mezzo continente). Pessina è stimato dall’Atalanta, che infatti ce lo ha dato in prestito con valorizzazione: oggi è tra i migliori centrocampisti del campionato, è già un ottimo giocatore e probabilmente diventerà un campione. Ottimo giocatore che sembrava poter diventare campione è Borini (il gol di ieri è da cineteca per fattura), che però rimane tra i migliori nel suo ruolo tra gli italiani. Poi ci sono i buoni giocatori, quelli da media classifica: Zaccagni, Silvestri e Faraoni.

Voglio dire, non siamo sesti per caso, la sorpresa oggi è realtà. Per questo è giusto provare ad andare fino in fondo, verso l’Europa. Con questi valori potrebbe non essere solo un sogno.

03
feb 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 26 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.238

DUE MESI PER SOGNARE

Due pali e un rigore (non dato!) clamoroso su Borini. Siamo arrivati vicini a vincere, eppure rischiavamo anche di perderla, con il forcing finale del Milan e il nostro commovente ed esaltante muro difensivo. Sarebbe stato beffardo. Il calcio è strano e una partita può avere mille sfaccettature. Ieri si sono visti tanti match dentro lo stesso: Verona dominante, poi sofferente, ancora comandante, infine in dieci e di nuovo in affanno.

Sono domeniche dal sapore antico che valgono la pena di essere vissute e che ci riportano alla parte più bella del calcio: il duello, il filo della tensione, l’adrenalina, l’illusione, la voglia di realizzare l’impossibile, la sofferenza. E ancora: la domenica pomeriggio (il vero e unico orario da campionato), l’inverno, il cielo grigio tendente al plumbeo, il mitico San Siro con un colpo d’occhio degno della tradizione dei due club avversari. E, permettetemi una nota apparentemente marginale in realtà sostanziale, i colori delle maglie, quelli veri.  Il Milan strisciato di rossonero e i pantaloncini bianchi e il Verona con il suo completo blu (il blu nostro) con i bordi gialli. E’ stato un vero Milan-Verona.

Alla vigilia, ve lo confesso, sentivo odore di vittoria. E sarebbe stata sacrosanta e anche probabile se il mediocre e “casalingo” arbitro Chiffi si fosse accorto di quel pestone a Borini al 90° in area di rigore che ancora grida vendetta  – e che tuttavia è passato sotto silenzio (meglio, si vede, il simpatico cabaret di Comisso della Fiorentina a reti quasi unificate).  E’ stato solo pareggio ma un fatto resta: il Verona di San Siro conferma di essere squadra da parte sinistra della classifica che un pensierino (senza affanno) all’Europa può farlo, se non altro per dare un senso fino in fondo a questo bel campionato.

Con Lazio e Juve abbiamo poche chances, almeno sulla carta. Quest’anno – se un piccolo appunto dobbiamo fare – quello che sinora manca a referto è l’impresa, il risultato da mettere in cornice. Questo sarebbe il momento di provarci. Con la Lazio poi non abbiamo nulla da perdere in tutti i sensi: è un recupero e, andasse male, la classifica rimarrebbe quella di oggi: meno due dall’Europa League. Dalla settimana prossima però inizia un lungo ciclo alla portata: Udinese, Cagliari, Sampdoria, Sassuolo, Parma e Brescia. In mezzo il non irresistibile Napoli in casa nostra. In due mesi capiremo se è lecito sognare.

 

 

 

26
gen 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 65 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.413

IL PIÙ BEL FILM DELLA STAGIONE…

Ora è davvero complicato per Juric indossare la divisa del pompiere. In questo spazio, lo sapete, da almeno un mese e mezzo non parliamo più di salvezza: troppo forte questo Verona per accontentarsi. Ebbene ora siamo arrivati (quasi) al dunque: il Verona può decidere serenamente cosa diventare da grande, cioè da qui alla fine del campionato. L’Europa League è a due punti e abbiamo una partita in meno. Sia chiaro, non credo che l’Hellas sia all’altezza di raggiungerla – ci manca quel pizzico di talento e fantasia in zona gol e sulla trequarti (Zaccagni è un discreto centrocampista, Pessina ottimo, nessuno dei due è una mezza punta) – ma sarebbe significativo solamente provarci. Ed è un diritto del tifoso godere della classifica e vagheggiare lidi argentati.

Capiremo in fretta come sarà il nostro girone di ritorno. Milan-Lazio-Juve in sette giorni offriranno risposte determinanti: sulla carta sono 1 punto, massimo due, forse zero, farne 4 darebbe un senso diverso alla prospettiva. Juric pubblicamente (nelle segrete stanze non so…) continua a dire “arriviamo a 40 punti”, anche se stasera in conferenza stampa si è indirettamente lasciato un po’ andare, cominciando a sbottonarsi a modo suo (“per ora non alziamo l’asticella…”).

E’ elettrizzante scrivere di Europa nella settimana che ci porta al Milan e a San Siro. Scala del calcio inviolata nella storia gialloblu: che sia la volta buona? L’argomento della settimana sarà questo, inutile raccontarcela. Magari sbaglieremo partita, può essere che il Milan con Ibra sia davvero più forte di qualche settimana fa, forse saremo sfortunati, magari ci si metterà l’arbitro, chessò; eppure quest’anno sul piano tecnico non siamo così inferiori al Diavolo.

Vorrei lanciare un Opa sul Meazza: colpo gobbo a Milano, ma senza Ricky Menphis o Claudio Amendola (al limite lasciateci la Bellucci), con Juric e Pazzini. Sarebbe il più bel film della stagione. Come cantava Vasco, un gran bel film.

 

13
gen 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 59 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.128

DIAMOCI UN OBIETTIVO: L’OTTAVO POSTO

Io guardo avanti, non indietro. Siamo a quattro punti dall’Europa League e – anche se non credo che il Verona sia all’altezza di raggiungerla – vagheggiare quei lidi rende più buono ogni sapore. Il Verona, certamente e già da un pezzo, non è squadra da lotta per la salvezza. Non ci riguarda. Juric ha disegnato un collettivo meraviglioso, illuminato da 5-6 giocatori individualmente in grado di fare la differenza (Amrabat, Kumbulla, Rrahmani, Veloso, Pessina, Lazovic). Il sornione Ivan gioca un calcio poco italiano: veloce, atletico, verticale. Come l’Atalanta di Gasp  e poche altre squadre. Gioia rutilante in quel mare di noia orizzontale che è la serie A.

Girare a 25 punti significa chiudere i conti con la zona rossa (11 lunghezze di distanza, ma soprattutto – si è visto – una superiorità tecnica e tattica disarmante). Oggi però si tratta di capire che senso dare al campionato. Lo sappiamo come funziona spesso in serie A: le piccole che ce la fanno nel girone di ritorno tendono a mollare la presa e a limitarsi al compitino. Ecco, vorrei che ciò non accadesse, mi piacerebbe vedere un Verona che fino all’ultimo cerca di conquistare la classifica più prestigiosa.

I nuovi obiettivi? Da settimane parlo di un Hellas da 9°-12° posto per valore. Il nostro miglior piazzamento – escluso il grande ciclo di Bagnoli – sono due noni posti: quello di Valcareggi nel 1976-77 (arrivammo settimi con Napoli e Roma, ma noni per la classifica avulsa) e Prandelli nel 1999-00.  Sarebbe bello arrivare ottavi e poterli superare. Juric potrebbe sempre dire di essere stato il migliore dopo l’Osvaldo. Noi potremmo dire di esserci divertiti fino in fondo.

 

 

06
gen 2020
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 57 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.743

VOLIAMO SULLE ALI DELL’INTELLIGENZA

Dopo la sconfitta con la Roma scrivevo di un Verona che – calendario alla mano – avrebbe dovuto/potuto raccogliere 5 punti in 5 partite e chiudere il girone di andata a 23 punti. Al di là che con la Lazio si deve ancora giocare (metto in conto una sconfitta, confidando ardentemente in una smentita), il Verona a una partita dal giro di boa è già a 22 punti e in casa con il Genoa potrebbe accontentarsi perfino di pareggiare per rispettare il mio pronostico. Un risultato alla portata.

E’ chiaro che girare a 23 (se non a 25…) di fatto metterebbe in soffitta il discorso salvezza. Ci si salva a 35-36, massimo 37 punti (la soglia dei 40 punti non esiste più da anni e tante squadre in lotta abbassano il quorum), ma c’è qualcosa che vale più della matematica e della logica in questo Verona. L’Hellas, ripeto, per valore tecnico e tattico, è squadra da 9°-12° posto e – sempre in tema di pronostici – lì possiamo arrivare, con tutte le variabili del caso (infortuni, mercato, rilassamento post-salvezza). E non menatela con la storia del Verona dell’incolpevole Malesani: lì probabilmente accaddero fatti che con il calcio hanno poco a che fare. Fu l’eccezione e l’irripetibile, non un paradigma.

Juric ha creato e disegnato una squadra intelligente. Credo sia l’aggettivo che descriva meglio il Verona di quest’anno. Spesso delle neopromosse si dice – con buona dose di retorica e in assenza di analisi – che giocano “sulle ali dell’entusiasmo”. Io dico che il Verona di Juric gioca sulle ali dell’intelligenza. Sa attaccare il campo, sa difendersi, sa accelerare e rallentare alla bisogna. Insomma sa gestire al meglio le fasi della partita. E sa sfruttare (quasi) sempre la sua superiorità. Non a caso con le medio-piccole e quelle dietro di noi abbiamo perso solo con il Sassuolo – non conto il Milan, per blasone e per l’arbitraggio di quella sera. Significa che siamo solidi e per nulla frutto di ingannevoli exploit. Tradotto: abbiamo la classifica che meritiamo e che rispecchia il nostro valore. Ed è un falso che non siamo cinici: ieri Berisha ha fatto due parate straordinarie su Rrahmani e Pazzini, quelli non sono gol sbagliati, ma prodezze del portiere. Pertanto non capisco chi sostiene che “non chiudiamo le partite”: il 90% delle squadre al mondo non ne è capace, altrimenti il calcio sarebbe un concentrato di 3-0. Per fortuna così non è.

Juric fa bene a parlare di salvezza, ma io faccio un mestiere diverso e posso tralasciare le frasi di rito. Non siamo da Europa League, certo, tuttavia mi piacerebbe che il tecnico della fascinosa Spalato, dentro allo spogliatoio, spostasse l’obiettivo sulla parte sinistra della classifica. Non porta trofei, ma è sempre un bel vedere. Poi ci sono due perle da inseguire, che darebbero ulteriore luce e prestigio alla stagione: battere una grande (Juventus o Inter), come ai vecchi tempi, e vincere finalmente a San Siro, impresa mai riuscita. Il Milan di quest’anno è alla nostra portata: capiterà di espugnare la Scala del calcio prima che l’abbattano…

 

 

27
dic 2019
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 97 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.764

LA PENNA PIÙ VELOCE DEL WEST

La “penna più veloce del west” è tornata tra noi. Maurizio Setti, tra i mille talenti, ha pure questo: lui quelli bravi sembra sempre volerli vendere in fretta. Non sia mai che scappi l’occasione di incassare subito; non sia mai che si riesca a fare un ragionamento su un mezzo progetto. E così nemmeno a metà campionato, Amrabat è già dato al Napoli, Rrahmani quasi e Kumbulla è a sua volta chiacchierato. E tutti ricordiamo la cessione in stile Carl Lewis di Jorginho.

Tralasciando il lato romantico della faccenda – leggi il messaggio che si lancia ai tifosi – sui cui non ci esprimiamo per non passare da vecchi tromboni nostalgici di un calcio che non c’è più (in realtà non guardiamo al passato), passerei alla questioni più concrete. Mi chiedo: la nostra società – dopo quasi otto anni di introiti con lo stesso presidente – non è in grado, come dire (passatemi l’espressione), di “tirarsela” un poco? Ha (ancora) necessità di fare cassa appena può? Non ha la forza di prolungare (e ritoccare) i contratti dei calciatori migliori per poter alzare la propria forza contrattuale con gli acquirenti? Puoi anche vendere, ma c’è modo e modo, tempo e tempo. Aggiungo: è necessario mettere sul mercato tutti i tre migliori contemporaneamente senza salvaguardarne nemmeno uno? Che ricadute può avere sulla squadra, sui diretti interessati e quindi sui risultati dell’oggi (cioè di questo finora ottimo campionato) questo modus operandi?

Si apre poi una gigantesca questione sul domani: smantellando la squadra a giugno (se vendi i tre più forti l’hai già smantellata anche dovessi tenere tutti gli altri) Juric rimarrebbe? Assodato che, oltre alla questione tecnica, per confermarlo sarà necessario ovviamente rivedere quella economica.

Domande che vagano. Domande a cui per ora voglio dare solo una risposta: sono giorni di festa, godiamoci il momento e godiamocela finché dura.  Con la “penna più veloce del west” guardare a orizzonti troppo futuri non ha molto senso.

16
dic 2019
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 16 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.577

NUOVI ORIZZONTI TECNICI (NON SOCIETARI)

Il rischio, in casi come questi, è cadere nella facile retorica: la rimonta, il ritorno di Pazzini, l’esistenza di Stepinski. La domenica del Verona è stata un carrello di emozioni, ma resta un fatto, checché ne dica l’ottimo Juric: non siamo gli ultimi, siamo una buona squadra, altroché. Ha detto bene Mazzarri: “Il Verona si potrà prendere delle soddisfazioni, la salvezza sarà l’obiettivo minimo”.  Io rimango della mia idea: 9°-12° posto, al netto delle variabili che ci potranno essere (mercato di gennaio, infortuni, finale di campionato dovessimo essere già salvi).

Sia chiaro, io capisco Juric: lui deve tenere tutti sulla corda e ha trovato il ritornello motivazionale vincente per i suoi: “Noi piccoli contro i grandi”. Inoltre in estate siamo partiti con tutt’altri presupposti e il budget è tra i più bassi della serie A: giusto non creare troppe aspettative o indebite pressioni. Resta però l’analisi dell’oggi:  il Verona ha buoni giocatori ed è messo magistralmente in campo dal suo allenatore. E ha un carattere d’acciaio, se n’è avuta conferma ieri dopo un primo tempo orribile e uno 0-3 a mezz’ora dalla fine che avrebbe mortificato le speranze di chiunque. Appena il Torino si è adagiato siamo tornati in partita: non è forza questa? Concedere due terzi di partita e pareggiarla nel restante terzo: impressionante.

Dopo il Torino si aprono anche nuovi orizzonti tecnici-tattici. Juric ora sa che Pazzini non è un ex giocatore, sa che Stepinski (come sostengo da mesi) se schierato con un’altra punta qualcosa può dire, sa che Bessa e Badu con il nuovo anno potranno infoltire di qualità il reparto già oggi più forte, il centrocampo.

La squadra c’è, la società un po’ meno, nonostante il buon lavoro nel mercato estivo. Siamo a dicembre e Amrabat viene già dato al Napoli per giugno (e suo fratello in merito dà interviste senza riguardo); mentre in tutta Europa i club spingono per gli stadi di proprietà, a Verona, l’Hellas sostiene un progetto che va in direzione opposta. Che devo dire: per fortuna c’è il campo, il calcio giocato.