10
mag 2021
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.991

CAMBIAMO PROSPETTIVA: MA SETTI LO VUOLE DAVVERO JURIC?

È il silenzio che segna e misura le distanze. Tutti commentano, discutono, interpretano ogni parola di Juric, che ieri si è lamentato del fatto che Setti in questi mesi non lo ha mai chiamato o avvicinato, nemmeno per ringraziarlo. Nessuno invece che si soffermi appunto sui silenzi di Setti. Quindi sulla prospettiva di Setti. Perché, torno a ribadire, mentre tutti siamo “distratti” da Juric, è verso Setti che bisogna volgere lo sguardo per capire cosa succederà sulla panchina del Verona. Quindi mentre vi chiedete se Juric desidera davvero rimanere, la domanda vera è: ma Setti lo vuole ancora Juric? 

Chi scrive è un ammiratore incondizionato di Juric. Allenatore fantastico, dal calcio rutilante e focoso. Uomo inquieto, avrebbe detto lo scrittore Mankell, profondo, colto e complesso. Ma, si sa, il mondo purtroppo non è degli eroi, Gesù Cristo finì in croce e gli indiani furono dirottati nelle riserve dai coloni americani.

Figurarsi, nel suo piccolo, come se la passa Juric, che più brontola e più in questa storia sembra il famoso cane che abbaia senza mordere. Al contrario di Setti, che tace perché il potere è silenzio e il potere in questa storia ce l’ha lui. Non solo perché lui è il presidente del Verona, mentre Juric “solo” l’allenatore. Non solo perché Juric ha altri due anni di contratto e chi lo volesse dovrebbe pagare profumatamente la rescissione (anche qui, tutti a disquisire sul fatto che a Juric un anno fa stava bene firmare un triennale milionario, ma sfugge ai più che quel rinnovo era anche e soprattutto nell’interesse di Setti come investimento e fonte di eventuale plusvalenza). Il vero potere di Setti non è gerarchico né economico: è psicologico, cioè risiede nella sua convinzione di poter anche rinunciare a Juric senza subire danno.

Insomma Setti si sente forte, fortissimo. E non molla di un centimetro. Del resto, grazie al paracadute, ha saputo trarre profitto perfino dalle retrocessioni, figurarsi ora, pienamente in A, se lo spaventa perdere un allenatore, per quanto bravo. Le plusvalenze, dite? Merito indubbio di Juric, come a suo tempo furono di Sogliano, ma qualche milionaria plusvalenza la si è fatta persino nel rabberciato Verona di Pecchia e Fusco, nel calcio di oggi non è un affare complicato. E comunque, quel che conta in questa analisi, è la convinzione di  Setti, certo di poter continuare a fare business con o senza Juric.

Il silenzio di Setti pertanto parla eccome e lo interpretiamo così: o Juric si adegua alla politica societaria, oppure può anche dimettersi o rescindere, o persino per un periodo restare fermo con stipendio assicurato. Una politica rischiosa sul piano squisitamente sportivo. Ma Setti non fa calcio, fa il presidente-manager di un club di calcio. Non è solo una differenza sintattica, ma sostanziale. Ed è questa differenza che spiega la freddezza di Setti con Juric. 

1.991 VISUALIZZAZIONI

6 risposte a “CAMBIAMO PROSPETTIVA: MA SETTI LO VUOLE DAVVERO JURIC?”

Invia commento
  1. Jes scrive:

    Bel post già scaduto dopo un giorno scarso dall’uscita viste le dichiarazioni di Setti….

    1. london scrive:

      Io non riesco a capire tutto questo discutere su un tema che crea solo malumore. Secondo me stanno facendo solo il gioco delle parti, come da anni fanno a Bergamo. Ogni anno Gasperini “provoca” la società esternando nervosismo, ottenendo poi peró quello che vuole. Setti ha fatto firmare un super triennale a Juric, e questo è il più grande attestato di stima. Juric non si deve aspettare “carezze” da Setti, perché il carattere del presidente è quello, rimane molto in disparte e lega poco (vedasi con stampa e tifosi), ma non è un problema. Ad esempio anche D’Amico da quando ha cominciato a tenere un profilo basso è stato molto più apprezzato dall’ambiente Verona. E penso anche Setti rispetto al primo periodo in cui appariva molto di più. Juric deve solo abituarsi al carattere di Setti.
      Comunque io eviterei di continuare a domandare/domandarsi sul tema perché si amplificano malumori che in realtà non esistono.
      Come ieri quando è stato chiesto a Dimarco cosa ne pensa dei malumori sugli ultimi risultati?? Mi domando dove si sentano questi malumori in giro.Io sento solo gente orgogliosa di giocatori e mister, a prescindere dagli ultimi risultati seppur diano fastidio.

      1. ciccio2 scrive:

        Se Setti tace, forse qualcuno potrebbe fargli la domanda, invece di ascoltare solo e sempre il ritornello di Juric.

        1. RobyVR scrive:

          Se el strassarol el parla l’è par dirghe a Jiuric “compralo ti el Verona”. Con l’aplauso de nani e bufoni de corte.

          1. bruce scrive:

            Mettiamola così, Setti lo scorso anno ha investito sull’allenatore ma ovviamente lo stipendio molto alto di Juric è una bazzeccola se paragonato all’acquisto di giocatori di valore, ovviamente avrà convinto il tecnico croato con promesse che non poteva mantenere così come fece anni addietro con il modello Borussia e il centro sportivo. Visti i tempi che corrono (lo schifo della proposta della superlega ne è un esempio) bene che ci vada faremo campionati come questo e male che ci vada stagioni in cadetteria, l’unica cosa che non cambia è il portafogli bello gonfio di chi gestisce la società, Pastorello docet e Setti direi che ne stà seguendo l’esempio, beato lui.

          Lascia un Commento

          Accetto i termini e condizioni del servizio

          Accetto i termini sulla privacy

          *