14
apr 2019
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 63 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.302

COSA FA UN BUON PRESIDENTE?

1) Ci ha sempre messo la faccia; 2) ha veramente fatto di tutto per salvare una stagione iniziata male e destinata a finire pure peggio; 3) si è preso a cuore la questione stadio, mettendo sul piatto un progetto sul quale sta lavorando con concretezza. Queste le tre verità assolute che riguardano la persona di Roberto Bonetto, presidente del Padova. Purtroppo però oggi, di fronte all’ennesima prestazione caratterizzata da poco coraggio e da occasioni da gol clamorosamente fallite, è arrivato il momento di smettere di tenere acceso il filo della speranza di agganciare i playout che magari vinciamo le ultime quattro e via discorrendo. E’ giunta l’ora piuttosto di cominciare a stendere una fredda e impietosa analisi di tutto quello che non ha funzionato. Roberto Bonetto dovrà guardarsi allo specchio e capire come questa prima stagione in serie B della sua fin qui breve carriera da dirigente di calcio è riuscita a fregarlo così bene, nonostante gli sforzi economici e morali sovrumani.

Deve farlo adesso, presidente. Non tra una settimana o un mese. Adesso. Perché ci vorrà del tempo per sviscerare tutto. Lei dovrà prendere carta e penna e buttare giù nero su bianco tutto quello che è successo dall’estate del 2018 ad oggi. Dovrà capire dove ha sbagliato. Di chi non si doveva fidare. Doveva capire quali erano le persone da ringraziare e salutare al momento della promozione dello scorso campionato e quelle invece dalle quali non separarsi per continuare il cammino insieme.

Mi guardo indietro e mi sembra impossibile che 40 giocatori (tanti se ne sono alternati in questo campionato sul campo con la maglia biancoscudata finora) non siano riusciti, ognuno per la sua piccola parte, a impedire alla nave di affondare. E mi sembra altrettanto impossibile che né Bisoli né Foscarini né di nuovo Bisoli né adesso Centurioni (che però francamente è il meno responsabile di tutti) siano in qualche modo riusciti a incidere se non in qualche sporadica occasione. Nel domandarmi questo mi accorgo che la prima risposta al “perché abbiamo fatto un così brutto campionato?” sta proprio in questi numeri. 40 giocatori e 3 allenatori simboleggiano proprio il modo di agire di una società che ha pensato troppo poco e agito troppo spesso d’istinto. Magari col cuore, ma senza la testa che ci voleva per rimanere a galla.

A cascata il presidente troverà senz’altro tutte le altre risposte. Tanti giocatori della C non dovevano restare. Bisoli per primo non doveva restare. L’investimento importante doveva essere fatto la scorsa estate e non a gennaio quando la qualità della rosa è stata sì ritoccata verso l’alto ma con giocatori fermi da molto tempo, con tutte le problematiche fisiche, e di conseguenza di rendimento, che questo aspetto porta con sè.

Si torna mestamente in serie C (salvo ripescaggio successivo, ma questo è un capitolo che apriremo eventualmente più avanti). E io mi auguro veramente che teniamo bene a mente la diagnosi di questa disfatta perché dovrà essere la molla per farci tornare in B alla svelta, ripartendo con forza da queste macerie. E stavolta dovrà essere per rimanerci.

3.302 VISUALIZZAZIONI

63 risposte a “COSA FA UN BUON PRESIDENTE?”

Invia commento
  1. Lacoste76 scrive:

    Vi rendete conto che ci attende la C all’Euganeo?
    Solo trasferte

    • Filippo scrive:

      mi domando che senso abbia ancora parlare di calcio giocato
      il rigore di capello più fasullo di una banconota da 500 emessa a scampia
      Centurioni che parla di partita eroica la certificazione del delirio di chi vive in una realtà parallela

      torno a ribadire, senza che nessuno abbia a sentirsi mortalmente offeso da paragoni “impropri” che non farò (detto questo non intendo abiurare, eppur si muove diceva quel tale), che questa società a partire dal suo massimo rappresentante ha fatto il suo corso ed è giusto che passi la mano. come diceva Lacoste, ringraziamenti doverosi, ma il futuro va scritto con altre pagine ed altro inchiostro.

      prima la piazza lo digerisce, meglio è.

    1. effebi scrive:

      io vorrei sapere e penso sia un mio diritto di abbonato perche marcandella e zambattaro neanche convocati con centurioni non giocano un minuto.. sicuramente zamuner che fa le convocazioni e le formazioni mi dara una risposta

      1. Lacoste76 scrive:

        Io spero che i Bonetto lascino.
        Ribadisco che la stima ed il ringraziamento per quanto fatto resteranno.
        È peró un CICLO FINITO. Anche per loro secondo me. Con quale carica emotiva potrebbero ricalarsi nella realtà della C??? Trovarsi dopo un solo anno a Grogonzola, Meda, Adria o Arzignano o Feltre. Vedere che l’odiato Pordenone è sopra. Trovarsi a competere coi miliardi di Rosso, del Como, del Monza, della Triestina

        Bonetto può portare avanti il progetto stadio anche senza essere presidente.
        Ci siamo amati ma c’è bidogno di un progetto nuovo

        Ho amato Bonetto più di Puggina ma anche le storie più belle finiscono. Il Padova resta.

        • Bozzi85 scrive:

          Eutanasia di un amore. Puoi perdonare tutto, ma non il Bounty.
          Non so chi , come e perché, ma qualcosa di opaco è accaduto.
          Spero che la stampa un giorno ci racconti la verità sull’annata 2018/2019.
          Lacoste, chiunque sarà , dovrà fare i conti con un emorragia di tifosi imponente.
          Mai più in serie C, lo pensano in tantissimi.

        1. Pietro scrive:

          Vista la partita ieri sera in streaming mi è venuto un raptus tale da decidere di aspettare il tal Capello questa mattina davanti ai cancelli della Guizza. Ma poi ho detto chi se ne frega di farmi il sangue amaro per uno dei tanti bidoni che vestono la NOSTRA AMATA MAGLIA, tanto a fine giugno andranno fuori dei coglioni. A parte un ottimo Minelli che da garanzie, discreta la difesa, tolti Cappelletti, Capelli, Trevisan….Non male il centrocampo con Lollo, Serena e solo ieri sera Pulzetti, in attacco le foglie morte dei Bonazzoli, Capello, ormai incapace pure di tirare i rigori, resta il guizzante e discreto Baraye. Certo vincere ieri sera su rigore sarebbe stato RUBARE la partita, giocata all’ambrosiana cioè solo ad una porta, il Palermo strameritava di vincerla….gli auguro di salire in A. Noi per ripartire dalla C…dobbiamo vendere, svendere o restituire prestiti per l’80% dei giocatori, dunque un estate bollente per quel disgraziato che ne avrà il durissimo compito e fare una squadra magari partendo proprio da Minelli, Madonna, Cherubin, Serena, Mazzocco (gasp…)Lollo, Calvano, Scevola, Marcandella, Piovanello (ottimo campionato col Bari), Moro, Favaro, Baraye……..e basta! Sfruttiamo il tesoretto del nostro uomo migliore tale BARISIC, che ho visto solo in fotografia….bel colpo Zamuner!!!!!!!!!!!

          • tifoso ignoto scrive:

            Lollo Calvano rimangono in B, difficile che seguano il padova,sono di categoria superiore.
            Terremo Madonna(spero) Mazzocco Marcandella forse Minetti(ma temo di no)
            Mbakogu si sta riprendendo avrà mercato in B, Cherubin lo vedo ancora in B, la truppa dei prestiti prenderà il volo.
            Ceccaroni potrebbe anche rimanere ma la vedo difficile, Andelkovic rimane poi ci sono le bandiere
            Trevisan Pulzetti anche se l’età avanza rimarranno, Cappelletti se ne va, Morganella rimane.
            Il vero problema è Bonetto
            Sarà ancora presidente?

          1. cris18 scrive:

            Ormai, e non da oggi, il campionato per noi non ha più niente da dire. Sarebbe bello anzi se fosse già finito per poterlo archiviare e per non dovere più sopportare questa odiosa agonia.
            Adesso l’unica cosa che mi interessa è ascoltare delle parole chiare da parte di Bonetto relative alle sue reali intenzioni per l’anno prossimo, spero che questo avvenga al più presto perchè credo sia un diritto assoluto da parte di noi tifosi conoscere gli obiettivi a cui la nostra squadra potrà aspirare.
            Personalmente credo, per una serie di motivi, che il nostro destino per parecchi anni sarà quello della serie C dal cui inferno, la storia dimostra, non si è sicuri di uscire nemmeno investendo un sacco di soldi, figuriamoci potendo investire risorse limitate.
            Se proprio la Società non potesse creare i presupposti per una risalita spero almeno si vada a prendere un allenatore che ami e sappia esprimere un gioco offensivo e coraggioso e non i soliti mister, Brevi e Bisoli docent, solo agonismo e combattività.
            Agonismo e combattività sono necessari come supporto alla qualità e non come sostituti di quest’ultima.
            Mi ripeto perchè è un concetto a cui tengo tantissimo: se proprio devo accontentarmi di una squadra di media classifica almeno voglio potermi divertire nel vederla giocare un calcio dignitoso a livello estetico.
            Sembrerebbe un concetto logico ed invece nell’italico calcio sparagnino è quasi un’idea rivoluzionaria, pensate voi a come siamo messi.
            P.s: questa volta, per non farmi del male da solo, ho volontariamente evitato di addentrarmi in qualsiasi analisi relativa a quest’annata indegna ma una cosa la devo dire, ovvero che anche la partita con il Palermo ha dimostrato che due sono le ipotesi, o nel dna di noi tifosi del Padova è presente qualche gene di sfiga congenita oppure stiamo sulle palle a qualche divinità calcistica che si diverte a farci andare storto tutto il possibile immaginabile.
            Ciao a tutti

            1. Mario2 scrive:

              Capello a quanto era quotato l’1-1?oltre al rigore ha fatto di tutto per farli segnare (vedi il cross di prima prevedibilissimo sul quale non fa la diagonale)…bonazzoli un buon talento per fare la maratona 42 km, forse ha sbagliato sport

              1. Pietro scrive:

                L’incompetenza del trio Bonetto-Bonetto-Zamuner è stata la causa principale della debacle scudata, la seconda causa è l’indifferenza di chi, pur avendone le possibilità, non investe in questa squadra. L’Euganeo c’entra fino ad un certo punto, pur essendo uno dei peggiori stadi d’Italia, poi cerchiamo di ridimensionare la nostra spocchia nel pensare che questa squadra sia una grande squadra….abbiamo una squadra che ha giocato 2 miseri campionati di serie A dal 1962 e che continuiamo a vivere di ricordi ingialliti dal tempo. L’anno scorso la marcia trionfale è stata per la serie B negativa al punto di trattenere in rosa giocatori appena passabili nelle serie inferiori e qui c’entra il cuore e l’onestà di Bonetto. Spero rimanga, nonostante tutto, è importante che non ci sia Zamuner e nè tanto meno Seeber come si vocifera, scarto di Rosso al Vicenza. Sarà impossibile ripetere la cavalcata dell’anno scorso in C, ci vorranno almeno 2 o 3 anni per ritornare in B. Tanti auguri vecchio, caro Padova…..resisti!
                PS: togliete dai coglioni quella brutta maglia blu.

                1. Stefano scrive:

                  Il rigore tirato da capello ……………. no comment

                  1. Lacoste76 scrive:

                    Attualmente nel triveneto siamo inferiori a:
                    Udinese
                    Chievo
                    Verona
                    Cittadella
                    Venezia
                    Pordenone/Treviso
                    Vicenza
                    probabilmente Sudtirol con la Foster
                    probabilmente Treviso

                    Chi deve vergognarsi non sono i Bonetto ma CHI NON LI AIUTA

                    1. Buona Pasqua a tutti i tifosi biancoscudati, indipendentemente da come la pensano su Bisoli, sul Presidente, su quanto si sia impegnato Bonazzoli. Buona Pasqua a tutti, perchè ce la meritiamo. Noi ci siamo stati, ci siamo e ci saremo sempre. Auguri

                      • Lacoste76 scrive:

                        Sarebbe ora di mettere in discussione il “ci saremo sempre”
                        È ora di iniziare a dare un peso alle cose.
                        È ora di NON ACCETTARE di vedere il Padova in C.
                        È ora di criticare le gestioni non consone.
                        È ora di non accettare l’Euganeo.

                        • Enrico M. scrive:

                          No, non dobbiamo avere paura di chiedere di più e di pensare di meritare di meglio.
                          La giusta retrocessione è frutto di un elenco lunghissimo di errori che fa venire il sangue marcio. Solo un grande pubblico ha avuto la forza di stare vicino alla squadra nonostante le continue sberle e amarezze.
                          Quella lista di errori la dovrebbe imparare a memoria Bonetto per primo, per guardarsi allo specchio senza scuse e senza autodifese. E poi tabula rasa… Questo fanno le persone intelligenti quando vogliono ripartire. E se per caso non ci fosse questa volontà, lo si dica subito. Il tempo corre e un’altra estate di tentennamenti sarebbe forse peggio della retrocessione stessa perché ci impedirebbe di pensare al futuro.

                        • Lacoste76 scrive:

                          Vedo troppa ignavia. Troppa rassegnazione. Troppa acriticitá anche verso la società.
                          Ora…il calcio è uno sport. Non è che si debbano lodare solo le buone intenzioni. Ovvio che i Bonetto non siano neppure accostabili ad un penocchio o Viganó…MA NON SI PUÒ NEPPURE SORVOLARE SU DI UN CAMPIONATO DEL GENERE.

                          Retrocediamo senza aver mai lottato per salvarci.
                          Retrocediamo avendo perso tutti gli scontri diretti.
                          Retrocediamo dopo aver visto errori dei singoli da patronato. Retrocediamo dopo che è stato ripreso un allenatore rinnegato fortemente in televisione 10 giorni prima.
                          Retrocediamo avendo vinto 4 partite in tutto il campionato.
                          Retrocediamo avendo perso con Carpi ed Ascoli quando si davano come punto di partenza due vittorie.
                          Retrocediamo dicendo che Moncini non è stato preso perché non avrebbe avuto il posto da titolare garantito
                          Retrocediamo con arbitraggi scandalosi ed una società ambiziosa deve sapersi muovere anche in tal senso
                          Retrocediamo dopo aver confermato un blocco di giocatori che un DS serio doveva dire “no signori, questi la B non possono farla”
                          Retrocediamo dopo aver preso 10 giocatori nuovi ed una sola prima punta ferma da quasi due anni e poi ci si accorge che il Padova ha segnato troppo poco nel girone di ritorno.
                          Retrocediamo dopo aver affidato le partite più importanti ad un esordiente

                          Ora…assodato che Bonetto ci ha presi in D e portato in B…posso da tifoso dire che la gestione della serie B è stata allucinante? Posso avere dei dubbi sul fatto che si possano avere serie ambizioni in caso di sua permanenza? Assodati i valori morali dell’uomo che nessuno mai rinnegherà, posso avere dubbi sulla gestione sportiva della squadra di calcio di una città che dovrebbe avere la B come palcoscenico minimo???

                          Posso essermi rotto i coglioni???

                      1. Pietro scrive:

                        Forse se giocassimo al PLEBISCITO cambierei parere e tornerei a vedere il mio PADOVA anche in quel merdaio della C. Ma all’Euganeo manco morto!!!!!!!!!!!

                        1. Lacoste76 scrive:

                          Ma veramente vi attaccate ai singoli episodi??
                          Questa squadra fa cagare in entrambe le versioni pre e post gennaio.
                          Hai vinto ad Ascoli, col Verona e a La Spezia e mai c’è stata la svolta.

                          Neppure se avessimo vinto a cittadella
                          E comunque se il Cittadella segnava il rigore all’inizio?
                          Gli episodi vanno visto tutti.

                          Resta la pochezza imbarazzante ed una retrocessione che spegnerà la fede di metà tifosi padovani.

                          • Stefano 2 scrive:

                            Sono d’accordo con te sulla pochezza (costante) della squadra, ma resto del parere che certi singoli episodi in certi specifici (speciali) momenti abbiano il potere di cambiarti la vita in un senso o nell’altro. Come in un match point in una partita di tennis, la palla sbatte e rimbalza sul nastro e può cadere di qua o di là, e ti cambia la storia. A maggior ragione che a Cittadella il nostro portiere aveva anche parato un rigore che poteva segnare la partita in senso opposto. Per me la pietra tombale sulla retrocessione è stata messa in quel mancato gol alla fine.
                            Come avevamo vinto ad Ascoli? Il nostro portiere era stato da 8 in pagella sventando una caterva di occasioni per loro. Vittoria dimostratasi fortuita e con Foscarini palesemente inadatto per quello spogliatoio. E che svolte volevi avere nelle altre due vittorie con Bisoli in panchina a far danni dentro e fuori lo spogliatoio dal girone di ritorno dell’anno scorso?
                            Se l’anno prossimo si allestisse una squadra per vincere e tornare su, e partisse bene con buon filotto di risultati, i tifosi ripopolerebbero sicuramente lo stadio. Lo abbiamo già fatto in D.

                          1. Stefano 2 scrive:

                            Fatemela dire questa, ricollegandomi a quanto scritto in precedenza, e poi mi taccio: se a Cittadella Bonazzoli l’avesse passata al centro al 90° a Baraye libero a porta vuota, avremmo vinto la partita. Era la prima di Centurioni e avrebbe potuto benissimo essere la classica svolta, una molla, lo “sblocco al blocco” che ora ammette Centurioni stesso. Penso quindi che con quel volano di entusiasmo non avremmo perso con l’Ascoli, e poi vinto le due partite abbordabilissime con Carpi e Cosenza. Potevamo essere oggi potenzialmente (e realisticamente) a 33 punti in piena corsa e in grande spinta morale e fisica. I risultati negativi delle altre contendenti per la salvezza erano ampiamente pronosticabili come da calendario sulla carta, e così è stato. Tanti se e tanti ma, certo, e nessuna controprova, mi rendo conto, però nessuno mi toglie dalla testa che l’abbiamo buttata via in modo indegno e che avevamo ancora, nonostante tutto, le possibilità di farcela. Bonazzoli non ha nè testa nè cuore per emergere e non sarà mai un giocatore completo nè un uomo di squadra.

                            • Se volete fare di Bonazzoli il capro espiatorio di tutte le nefandezze di quest’anno, siete liberissimi di farlo, ma pensare che le sole 4 vittorie in un intero campionato siano colpa del centravanti di scuola interista, mi sembra a dir poco esagerato. Poi se vi piace trovare uno da mettere alla gogna…Se avete notato, da quando è stato pesantemente messo in discussione, non è più riuscito a trovare una giocata che sia una. Fragilità di carattere, probabilmente, ma anche i tifosi biancoscudati, ci hanno messo del loro. In ogni caso tranquilli, il prossimo anno non ci sarà, così sarete contenti e felice del Guidone di turno. Auguri….

                              • Stefano 2 scrive:

                                Scusa Massimo, comprendo il tuo pensiero ma il senso delle mie parole non era fare di Bonazzoli “l’impiccato in sala mensa”, unico colpevole di una stagione inenarrabile. Dico solo e ribadisco che la sua cocciuta egoistica ricerca del gol personale, che si è ben vista per tutto l’anno – ricordo solo un suo (bellissimo) assist di esterno per Mbakogu col Verona – ha impedito in quel momento che si potesse svoltare, con una vittoria fuori casa in un derby alla prima del nuovo mister che avrebbe avuto in sè il potere e l’energia di cambiare il corso degli eventi

                            • fabio.pd scrive:

                              benvenuto tra noi

                              • Stefano 2 scrive:

                                Grazie Fabio, dovevo pur sfogarmi anch’io, e consolarmi in vostra buona compagnia! Si può rinascere e ricostruire da queste macerie, e se l’orgoglio di Bonetto gli impedirà di andarsene da sconfitto, e al contrario gli darà una massiccia spinta per cercare la rivalsa, l’anno prossimo potrebbe essere di nuovo stimolante e vincente. Turiamoci il naso e lottiamo per risalire….se si andasse al Plebiscito sarebbe il primo fondamentale mattoncino per l’impresa!!

                                • Bozzi85 scrive:

                                  Se l’avesse passata, poteva ciccarla, come ha fatto a Carpi o come hanno fatto i suoi compagni contro il Cosenza . Ridatemi Vantaggiato.

                            1. Pietro scrive:

                              Spero VIVAMENTE che qualche giocatore del Padova legga questo mio commento, perchè non potendo andare ad urlare la mia rabbia allo stadio almeno lo faccio ospite di Martina, sperando di non essere bannato:
                              - a Clemenza e Bonazzoli ci metto pure Marcandella per voi la strada della consacrazione devono ancora asfaltarla.
                              - a Pulzetti, Cherubin, Mbakogu, Trevisan, Berlingheri vi spedirò 5 chiodi per appendervi le scarpe.
                              - a Capelli, Ravanelli, Capello, Broh, Ceccaroni, Merelli di voi non rimarrà alcun segno tangibile….ombre!.
                              - a Mazzocco ma perchè insisti a fare il calciatore, con quel fisico potresti fare alla grande il modello.
                              - a Zambataro, Barisic, Lollo, Calvano, Longhi, Andelkovic, Morganella, Baraye buon ritorno a casa.
                              - a Madonna sei forte e meriti per il tuo coraggio di giocare almeno in B, chiedi il trasferimento.
                              - a Minelli e Serena grazie per il vostro attaccamento ai nostri colori.
                              - a Favaro o ti fanno giocare o chiedi il trasferimento…hai avuto anche troppa pazienza.
                              - a Cappelletti grazie per quella mano a Venezia, spero di non vederti l’anno prossimo con i lagunari.
                              - a Zamuner………torna a San Donà e cambia mestiere.
                              - a Bonetto e Bonetto….cercate soci ultradanarosi non soci che cercano solo di far conoscere la propria attività.
                              - al CALCIO PADOVA….amore mio, quanto mi fai soffrire non so se ci vedremo l’anno prossimo in quel merdaio della C.

                              1. acp scrive:

                                padova non merita la serie c.

                                1. Mario2 scrive:

                                  Al bando la maglia blu elettrica col gattamelata, solo retrocessioni con quella…tuttavia non capisco i rimpianti per il mago di Porretta..padova-salernitana 0-0, padova-foggia 1-1 (su errore clamoroso della difesa avversaria al 93′ dopo zero tiri), padova-crotone 0-0 (in 11 vs 10 per 30 minuti), padova-perugia 0-1 (partita non impossibile, anzi mi sembra che le ex dirette concorrenti abbiano vinto)…ci aggiungo i due mercati gestiti da lui, di cui quello estivo vergognoso..a volte basta guardare le partite, vedi il girone di ritorno orrendo dello scorso anno, per capire che doveva essere mandato via, soprattutto quando a chiesto in biennale…bonetto purtroppo si è fidato..zamuner ha colpe ma non lo manderei via, ha dimostrato in 2 anni di conoscere molto bene la c..piuttosto di prendere l’altoatesino poi

                                  1. fabio.pd scrive:

                                    cosa vuol dire “pesantemente messo in discussione” ? secondo te non averlo fatto giocare il primo tempo con il Cosenza da Centurioni è stato perchè ha ascoltato le nostre, mie in particolare, critiche ? Le critiche almeno da parte mia sono arrivate DOPO le passeggiate fatte sul campo dal fenomeno! Alla gogna non è stato messo nessuno, questo è un film che vedi solo tu. Tempo per le critiche e i rimedi del caso ci sarà, vedrai. Il termine nefandezza è la prima volta che lo sento e lo stai dicendo tu, non mettere in bocca nostra cose che nessuno – mi pare – pensa. Nefandezza equivale a malvagità. Siamo ben distanti ed in senso migliorativo da quello che è accaduto e sta ancora accadendo…non dimentichiamo che il campionato non è ancora finito.

                                    1. Lacoste76 scrive:

                                      Non ha più senso parlare di questa stagione.

                                      LE PRESENZE ALLO STADIO SI DIMEZZERANNO AD ESSERE OTTIMISTI.
                                      INACCETTABILE ESSERE IN 2000 ALL’EUGANEO.

                                      TRASFERIMENTO SUBITO AL PLEBISCITO SENZA CURVE.
                                      Qualche tifoso lo riprenderesti.

                                      1. acp scrive:

                                        pensavo che bisoli fosse il top. invece centurioni è meglio.

                                        cosentini peggior tifoseria vista a padova da anni.

                                        1. Il romano scrive:

                                          Pardon no playoff ma playout!

                                          1. Il romano scrive:

                                            Da lontano l’impressione che ho è questa il primo esonero di Bisoli e stato causato per la lite di spogliatoio,masfido chiunque con 30 gioc6atori ,cui qualcuno si credeva un fenomeno, accontentarli tutti! La secon da volta,penso che ci sia la mano di Zimmer che voleva dimostrare la bontà degli acquisti di gennaio. E sono convinto che sia lui che decide la formazione! Con Bisoli credo che sarebbe arrivato ai playoff, poi a vincerli sarebbe da vedere! Poi non ne farei una tragedia la retrocessione, programmando per bene, penso che l’attuale rosa sopratutto la difesa e a centro campo ci sono giocatori che potrebbero essere di primo piano per la C. Certo che ci sia la volontà degli interessati. Basta prestiti ,bisogna investire su qualche Buon giovane! Certo che non avranno bisogno dei miei consigli, ma solo un desiderio e una speranza di un vecchio tifoso. Saluti vi leggo volentieri, e sempre FORZA PADOVA,

                                            1. francescosolesino scrive:

                                              mi spiegate una cosa tutti gli attaccanti venuti a padova non hanno mai segnato via da padova segnano caterbe di gol vedi l anno scorso giliozzi fino ad ora ha senato 13 gol poi granoche e anche lanini qui l anno scorso mai giocato quest anno 10 gol e con penocchio c era un certo ciano che gioca in serie a

                                              1. effebi scrive:

                                                gli unici giocatori del padova ma ancora per un anno sono serena merelli e marcandella neanche da retrocessili mandano in campo vergognatevi societa di dilettanti. padova e la rovina dei giovani ci sono giocatori in serie a e b di padova scartati dal padova. DILETTANTI QUESTA E LA VOSTRA CASA LA SERIE C…40 anni che seguo il padova e quesya e la piu grande delusione neanche la serie d e stata cosi dura

                                                1. Martina Moscato scrive:

                                                  @Spinoccia: son convinta che Braglia volesse far arrivare un messaggio costruttivo a Jerry, non dire che è un giocatore finito. Anzi: se recupera un po’ di umiltà e si rimette in gioco può essere ancora quel giocatore che Braglia si chiamava in ogni squadra che andava ad allenare. Ha detto anche che gli vuole bene. Quindi secondo me voleva proprio spronarlo perché sa che può dare molto più di quanto ha fatto ieri in campo. Certo, se poi non riesce a capire che deve rimanere umile allora meglio che smetta di giocare, ha detto Braglia. E condivido questo pensiero.

                                                  1. effebi scrive:

                                                    marcandella meritava di giocare piu di cocco piu di baraye piu dij trevisan latetale sx con ascoli ma zamuner non li va tanto è vero che l anno scorso se non era per bisoli andava via..zambataro? stessa cosa…il vero problema cara martina è il ds gioca chi o per procuratore o per raccomandazione è nel suo giro. e parlo perche le so ste cose e ql che succede me lo conferma….

                                                    1. effebi scrive:

                                                      la formazione la fa zamuner centurioni è un fantoccio messo la per fare le veci di allenatore. pensate ql che volete ma con bisoli ai playout arrivavamo

                                                      1. Enrico M. scrive:

                                                        chi se ne frega
                                                        giocherà la primavera…

                                                        Oggi ironia, malinconia ma anche orgoglio. Questo pubblico merita molto di più.

                                                        • Marcatonio scrive:

                                                          Bello e numeroso, vista la distanza, inaspettatamente numeroso per un a squadra a 38 punti che nulla ha più da chiedere al campionato….

                                                        1. Mario2 scrive:

                                                          Adesso si venderanno le partite, chi segue queste categorie non è stupido…con bonetto si ripartirà con ambizioni, purtroppo avremmo un campionato tosto con Vicenza e forse Monza in stile Parma e venezia..il paracadute andrà sfruttato al massimo e chiederei ad alcuni giocatori Che si possono trattenere di mettersi una mano sul cuore e spalmati lo stipendio per provare a tornare su subito (Minelli, cherubin, andelkovic, mbakogu, madonna etc)

                                                          1. Stefano scrive:

                                                            Beh finiremo con democristiana uguaglianza rispetto sia alla lotta per la a che per la retrocessione : un bel filotto con palermo Lecce Benevento e Livorno : così nessuno avrà di che lamentarsi

                                                            1. Lacoste76 scrive:

                                                              Fatta la premessa che NON METTO NEPPURE A CONFRONTO PENOCCHIO E BONETTO;
                                                              fatta la premessa che BONETTO AVRÀ SEMPRE IL RISPETTO DI NOI TIFOSI;

                                                              Fatte queste premesse, QUESTA RETROCESSIONE È LA PEGGIORE DA QUANDO SEGUO IL PADOVA, perché non è alla fine di un ciclo come fu dopo la serie A o dopo il quinquennio di B con Cestaro, È UNA MAZZATA CHE UCCIDERA’ LA TIFOSERIA CHE PENSAVA DI ESSERE IN CREDITO DOPO L’ERA VIGANÒ ED IL FALLIMENTO CON PENOCCHIO.

                                                              È la retrocessione che ci pone innanzi al fatto che ORMAI LA SERIE C È LA DIMENSIONE CALCISTICA DI PADOVA.
                                                              È la retrocessione più beffarda, perché vanifica quell’unico primo posto dello scorso anno.

                                                              MOLLERANNO IN TANTISSIMI

                                                              1. fabio.pd scrive:

                                                                …continuo a rivedere i gol non realizzati di oggi. Se pensiamo a tutte le partite che si potevano sia vincere che pareggiare….da ultimo Cittadella e Carpi…e oggi….Ognuno di noi ha in mente gli andamenti delle partite giocate nelle settimane/mesi trascorsi. Poche le partite nettamente e meritatamente perse. Parlare di sfiga non ha senso. C’è dell’altro, provo a dire…..scarsissima concentrazione mentale, scarsa preparazione atletica, mancanza di una personalità di squadra, nessuno schema di gioco. Di contro…giocate vincenti isolate. Io ho notato questo. Ho notato anche che quando i giocatori pressavano l’avversario si otteneva – sempre – un risultato utile, per poi richiudersi quasi timorosi o appagati permettendo così all’avversario di fare il suo risultato. Adesso qualcuno parla come se fosse un ingegnere civile di un necessario assestamento in C, un altro inizia a farsela sotto perchè troveremo il wcenza ed il Monza che fa paura. A voi…io rispondo: abbiate fiducia nel Presidente, con la speranza che continui a esserlo e che non passi la mano….

                                                                1. svissero scrive:

                                                                  non credo che si dimentica una stagione cosi anzi si ricordera x decenni una cosi indegna e vergognosa stagione di giocatori e allenatori che di piu inadeguati x questa categoria non c erano non si salva nessuno ……ora tabula raza e si riparte sperando di non restare x molto xk so veccio e vorrei rivedere il mio Padova in B di nuovo

                                                                  • fabio.pd scrive:

                                                                    ….permettimi di correggerti, Svissero,sono stati i primi sei mesi e mezzo del 2014 che rappresentano la pagina più nera della storia calcistica padovana, ricordiamocelo !! C’è un abisso tra oggi ed il 2014 e questa differenza è data da chi è Presidente: all’epoca c’era l’innominabile, un avventuriero…… oggi c’è un imprenditore sano e questa per me è l’unica speranza per una ripartenza veloce ed un meritato ritorno nella serie che ci compete. Ottimo post, Martina !

                                                                    • svissero scrive:

                                                                      forse hai ragione ma e stato anche l inizio di una nuova vita x il calcio padova e di tutto quello che ci gira intorno il campionato di serie D e stato x me come tifoso il piu bello e dove ho fatto piu trasferte cioe quasi tutte

                                                                  1. Stefano scrive:

                                                                    Realisticamente ci si deve attendere un assestamento in c per qualche anno . Non ci sono ne mezzi ne presupposti (concorrenza , disamore, base squadra) x immaginare una risalita veloce

                                                                    1. Lacoste76 scrive:

                                                                      MARTINA MA DAVVERO CREDI CHE TORNEREMO SU ON TEMPI BREVI E PER RESTARCI???

                                                                      La storia non insegna mai nulla??? Pensi che questa retrocessione sia tipo quella del Cittadella di 4 anni fa???

                                                                      E pensi che Bonetto abbia intenzione di riprogrammare la serie C???

                                                                      1. Spinoccia scrive:

                                                                        Il povero Centurioni ha dimostrato di non saper minimamente dove sbattere la testa. Anche lui, come tutti quelli che lo hanno preceduto, ha rivoluzionato la formazione e il modulo. Francamente non capisco però la logica di scendere in campo con una sola punta (in condizioni da sempre precarie). Puntavamo al pareggio forse? No, bisolismo doc: belli chiusi per 60 minuti e poi o la va o la spacca negli ultimi 20/30 minuti. Ma quando anche gente che dovrebbe avere i piedi buoni come Lollo fa errori da terza categoria vuol dire che proprio non c’è storia.

                                                                        Il commento a fine partita di Braglia su Mbakogu, che lo ha avuto nella Juve Stabia, fa riflettere parecchio… Praticamente l’ha definito un ex-giocatore che non ha l’umiltà di smettere con il calcio. Insomma anche lui si è rivelato l’ennesima cantonata o grossolano errore di valutazione della stagione.

                                                                        Non sono certo di condividere gli insulti a Capello. Se li merita lui, li meritano anche moltissimi altri. Tutto questo per il filmatino di Padovasport?!? Boh, mi suona da capro espiatorio…Avrei preferito una serie di cori pesanti diretti alla squadra nel suo complesso.

                                                                        1. francescosolesino scrive:

                                                                          e anche zamuner ha fallito quando hanno mandato via x la seconda volta bisoli lui doveva dimettersi che ha portato a gennaio giocatori che anno giocato poco tipo cocco e barisic a cosa servono questi non era meglio lanciare dei giovani della primavera io non capisco centurioni come mai non faccia fare nemmeno un minuto a marcadella

                                                                          1. tifoso ignoto scrive:

                                                                            Martina hai fatto la domanda e ti sei data anche la risposta cioè l’agire troppo d’istinto, ma penso sia l’errore che la maggior parte dei presidenti commette quando le cose vanno male, quello di cambiare in fretta e poi cambiare ancora(vedi Empoli e Palermo ecc). Del resto quando ti tirano tutti per la giacca fra tifosi giornalisti dirigenti è molto difficile rimanere con la barra a dritta, perchè alla fine se si fosse tenuto Bisoli tutto il campionato e fossimo retrocessi saremmo tutti a dire: ma potevi cambiare allenatore…

                                                                            1. Bozzi85 scrive:

                                                                              Temo che questa volta saranno in pochi a ripartire, sempre se si riparte.

                                                                            Rispondi a Enrico M.

                                                                            Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                            Accetto i termini sulla privacy

                                                                            *