26
lug 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 135 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.186

ZAIA, AUTONOMIA BY BY

 

Piaccia o anche no la politica è fatta di “do ut des”, di mediazione: se metti qualcosa su un piatto della bilancia non è che l’altro piatto rimane vuoto.

Fuor di metafora, il premier Conte ha messo sul piatto il sì Tav e non ha certo affondato i colpi sul Russiagate. Lo ha fatto convinto, non a torto, di evitare la crisi e garantire continuità al suo governo. Quale sarà a questo punto il “des” di Salvini, cosa metterà lui sull’altro piatto della bilancia? Pochi dubbi: il no all’autonomia di Veneto e Lombardia così come agognata da Zaia e Attilio Fontana.

Un colpo al cerchio, uno alla botte e avanti giallo-verdi (almeno per il momento).

Luca Zaia e Attilio Fontana non hanno capito (o hanno fatto finta di non capire) che la loro grande battaglia autonomista era fin dall’inizio vintage. Perché Matteo Salvini aveva già archiviato la Lega partito del territorio, aveva già tolto Nord dal nome e dal simbolo…

Tanto per capirci. Se ti chiami Partito sardo d’azione, dici che vengono prima i sardegnoli. Ma, se diventi Partito d’azione e basta, i sardi sono come tutti gli altri italiani. Non ha più senso che li privilegi. Chiaro?

Ma la palla, anzi la pallona di cannone, adesso se la trovano in mano i due presidenti di Regione. Cosa farà, cosa dirà il nostro Luca Zaia? “Cari veneti, ho scherzato quando proclamavo autonomia o morte! Quando dicevo non firmerà mai una farsa!”

Farà e dirà così? Accetterà “l’autonomia light”, come l’ha giustamente chiamata il Fatto, cioè l’unica autonomietta oggi possibile? Oppure, in un sussulto di dignità, rassegnerà le dimissioni da presidente del Veneto e esorterà i veneti, leghisti e non, a ribellarsi contro la truffa autonomista ordita dal governo giallo-verde?

Staremo a vedere. Di certo c’è poco da invidiarlo per la rovente poltrona di Presidente del Veneto su cui siede ora dopo il do ut des tra Conte e Salvini…

4.186 VISUALIZZAZIONI

135 risposte a “ZAIA, AUTONOMIA BY BY”

Invia commento
  1. Silvestro scrive:

    Siamo alla sclerosi!!!!
    “O elezioni o ci si risiede al tavolo”
    Il leghista: “Inaffidabile io? E loro che vanno da Renzi e Boschi?”.

    Forse Salvini ha bisogno di qualche elementare lezione sul funzionamento della rappresentanza parlamentare:
    >> Questo parlamento ha consentito un inciucio Lega-5S, opposto alla coalizione elettorale e contro ogni volontà popolare. Inciucio che si è materializzato dopo ben 3 mesi di incontri e concluso solo quando Mattarella aveva già incaricato Cottarelli di formare un nuovo governo. Si è cosi realizzata una accozzaglia politica, che ha governato per un anno intero approvando provvedimenti l’uno a favore dell’altro e impegnando il Paese con misure economiche che decorreranno dal 2020.
    >> Che fosse il parlamento a decretare l’eventuale fine del governo lo aveva annunciato proprio Conte il 24 luglio quando si è presentato al Senato, (al posto del Ministro dell’Interno), per precisare che la questione Moscopoli e Savoini erano iniziative esclusive del Viminale cioè di Salvini.
    >> E’ quindi prassi del tutto normale e ampiamente annunciata che la sfiducia avvenga in aula (e Salvini ci metta finalmente la faccia). Quello che succederà dopo dipenderà dagli accordi parlamentari, proprio come ha fatto lui nel 2018. Se il leghista si lamenta perché gli altri (forse) vanno da Renzi e Boschi, è solo perché il grande statista ha decretato la fine di questo governo.

    In tutto in attesa di quello che dirà Conte domani che non sarà certo piacevole.

    • martello carlo scrive:

      Dunque, il tuo sproloquio porta a questo assurdo: SICCOME C’È STATO UN MATRIMONIO SBAGLIATO, FACCIAMO PARI E PATTA E PORTIAMONE ALL’ALTARE UN ALTRO, ANCORA PEGGIORE E IN TEMPI PEGGIORI.

      La prassi normale è che la sfiducia avvenga in aula: E COSI’ SARA’.
      Mi sembra infatti che il governo sia tuttora in carica e la crisi, se deve venire, avvenga come deve: con le dimissioni di CONTE ( tardive perché sulla TAV doveva dimettersi di fronte al voto contrario dei 5* ) o DAL MOMENTO CHE E’ STATO RESPONSABILE DEL FALLIMENTO NO TAV.
      LA LEGA NON DEVE ASSOLUTAMENTE FARLO, dal momento che lo sbocco non è democratico, cioè il VOTO, ma i casaleggini/grillini, PUR DI CONSERVARE LA POLTRONA hanno deciso di mettersi insieme al DIAVOLO (travestito da BULLETTO ) che ha lo stesso timore.

      UN GOVERNO DELLA PAURA CHE FA PAURA.

      ELEZIONI SUBITO.

      • martello carlo scrive:

        EC – ” con le dimissioni di CONTE ( tardive perché sulla TAV doveva dimettersi di fronte al voto contrario dei 5* ) o dagli stessi pentastellati, DAL MOMENTO CHE E’ STATO RESPONSABILE DEL FALLIMENTO NO TAV. “

    1. Silvestro scrive:

      “Rimango al ministero, non la do vinta”, E Salvini oggi ha confermato che non lascia la poltrona: “Da ministro dell’Interno, ieri oggi e domani finché il buon Dio lo vorrà non darò la soddisfazione di togliere il disturbo”. 

      Quindi ricapitoliamo:
      Salvini presenta al Senato una mozione di sfiducia al governo;
      Vuole dettare tempie modi della crisi;
      Vuole andare a votare subito;
      “non siamo attaccati alle poltrone” dice Lui;
      chiede al popolo poteri assoluti;
      Dopo 10 giorni è ancora al suo posto come tutti i suoi Ministri

      Ma fa anche la vittima perché non vuole “darla vinta”. MA A CHI !!!!!!!!!!!
      Queste si che sono comiche. Il Ministro tutto di un pezzo, che ha una sola parola, che non tradisce mai, che mantiene gli impegni, fa una serie di giravolte e contorsioni degne della più spettacolare esibizione circense, cosi da presentarsi come vittima, perché il colpevole è sempre qualcun altro.

      Ma dopo questo fantasmagorico spettacolo della politica leghista, chi altro potrà mai fidarsi di quello che sostiene Salvini, come uomo, come politico, come Ministro.

      Infiniti bacioni, cuoricini e LIKE a tutto il popolo salviniano.

      • martello carlo scrive:

        ” cosi da presentarsi come vittima, perché il colpevole è sempre qualcun altro. ”
        Questa GIUSTA considerazione è di ESTREMA EVIDENZA.
        Che sia una vittima si evince dall’orda di MAMMALUCCHI ( o MAMELUCCHI che dir si voglia ) che, dopo averlo osteggiato, perseguitato in tutti i modi, leciti e non, cercano di contendersene le spoglie, come se fosse finito, coi loro giornaletti, sogli e altarini di tutti i tipi con i loro predicozzi, anatemi e le loro maledizioni.
        Che la colpa sia di qualcun altro, lo si capisce dalla rabbia dall’odio che i grilleschi, come donnine tradite, gli riversano contro come se il loro crollo fosse colpa di SALVINI e non dei loro NO da TERRONCINI VIZIATI.

        Ora questi sono diventati i CAMPIONI DELLA DEMOCRAZIA.
        SI, QUELLI CHE VOLEVANO APPRIRE COME UNA SCATOLA DI TONNO IL PARLAMENTO, I CASALEGGINI CHE VOLEVANO DISTRUGGERE LA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE, CHE VOLEVANO L’IMPEACHMENT DI MATTARELLA, ORA SONO DIFESI PURE DA QUESTO CHE HA ELETTO; PROTETTO CONTE A SUO CANE DA CACCIA ALLA VOLPE.
        Voglio ricordare a queste donnine tradite e offese a cosa era improntato il loro programma, come lo stesso CAGNOLINO ha spifferato alla MERKEL: era improntato, NON A PERSEGUIRE I LORO PROGRAMMI, BENSI’ AD OSTACOLARE A TUTTI I COSTI, FERMANDO L’ITALIA, QUELLI DI SALVINI.

        Ora quel mestatore di RENZI, quasi fosse un discendente di BORJA, a dimostrazione di quanto TEUTONICA, ripetitiva e priva di fantasia sia la strategia dei GOLPE sinistri, va in cerca del voto favorevole di BERLUSCONI CHE VOTO’ LA FIDUCIA SIA A MONTI CHE A LETTA.

        CHE SCHIFO!

        SALVINI ha fatto un solo errore ( che personalmente non ritengo tale ): quello di pensare onestamente che si potesse proseguire nella collaborazione con i grillini e difendere l’Italia dal disastro da quei pazzoidi viziati, invece di sfruttare il risultato delle europee.

        Ora quei figli del triangolo delle MAFIE, nati per imporre il cambiamento sono culo e braca col Quirinale, guidati dal loro CAGNLINO a fare l’alleanza del secolo con gli scassaffamiglie, scassabanche e scassaitalia, per fare ciò che predica PAPA2, cioè la SOSTITUZIONE ETNICA liberandosi del capitano con l’aiuto delle toghe rosse.
        La manovra è già scattata: CONTE, TONINELLI SI SONO GIA’ SMARCATI DALLA OPEN ARMS, lasciando SALVINI in loro balia, esattamente come successe a quell’ormai FALLITO del BERLUSCA.

        i MAMMALUCCHI però non vendano la pelle dell’orso prima di averlo fatto fuori: questa volta può succedere di tutto.

        IO PERSONALMENTE PENSO A CASA POUND.

      1. martello carlo scrive:

        Se il SEGRETARIO del PD non riesce a mettere becco nella soluzione della crisi, in cui prevalgono i vecchi rapporti di forza del GIGLIO magico e quindi la linea di RENZI CHIAPPE STRETTE, dovrebbe RASSEGNARE LE DIMISSIONI.
        Ma ZINGARETTI non è persona COERENTE, con un MINIMO di PERSONALITA’ e LINEA POLITICA.
        Si profila quindi un PD VECCHIA, PERDENTE MANIERA, ancor più perdente ed imbastardito dal matrimonio con i PENTAVITELLONI.
        Mi chiedo come il partito riesca a far passare questa linea che li ha già portati alla rovina elettorale.
        Ah già mi dimenticavo che sono PIDIOTI e per giunta incollati alle poltrone con le CHIAPPE BEN STRETTE COME IL LORO CAPO EFFETTIVO.

        PS – Il bulletto di Rignano ha rilasciato persino un’intervista a ” Il Giornale ” confessando che:
        - teme , in caso di patto con i 5*, la GRILLIZZAZIONE della sinistra
        - Berlusconi ha una casa politica centrale
        - Berlusconi ha senso delle istituzioni :-D :-D :-D

        1. Silvestro scrive:

          In fin dei conti gli effetti delle offerte nel MERCATO DEI PRODIGI li stiamo già vedendo.
          Le fantastiche prospettive di quota 100 e reddito di cittadinanza non solo all’atto pratico si sono rivelate molto meno allettanti delle promesse, ma di conseguenza gli “acquisti” ovvero le adesioni sono state un mezzo flop (volgarmente “bidonata”). Ciò nonostante i costi sono elevati e gli impegni per le coperture sono già stati sottoscritti.

          Si può dire che tutta l’Europa è in recessione e che non è colpa del governo. Ma la nostra debolezza finanziaria ci rende molto più esposti e questo si, non si può dire che è una sorpresa perché tutti ma proprio tutti ci avevano segnalato il pericolo delle iniziative compresi quei mercati finanziari di cui abbiamo bisogno come l’aria che respiriamo ma che insultiamo continuamente. Risposte? Me ne frego, i professoroni, tanti nemici tanto onore etc. Tutte sbruffonate che ora puntualmente si stanno ritorcendo contro gli sboroni di turno.

          Ma non è finita; nel mercato dell’impossibile si alza ulteriormente L’OFFERTA DELLE MAGIE. Riduzione fiscale, costo orario minimo, flat-tax, autonomie. Fantasiose prospettive alle quali è difficile che i boccaloni possano rinunciare, mentre, cosi come nell’autunno 2018, rimangono del tutto misteriose le fonti finanziarie che alimenteranno questo bendidio.

          Bacioni e cuoricini salviniani a tutti gli allocchi alla “CORTE DEI MIRACOLI”.

          • martello carlo scrive:

            Quanto a SBORONI , RENZI NON HA RIVALI: quando cammina sembra che lo stia mettendo a qualcuno e tema che qualcun altro glielo glielo metta: CHIAPPE SEMPRE BEN STRETTE: con lui l’Italia FARA’ DA TRAINO ALLA RIPRESA MONDIALE.
            COME? Ma con la fantasia, il coraggio e l’indipendenza che ha sempre contraddistinto i PIDIOTI.

            Sono un tipo che sa vedere anche nelle disgrazie degli aspetti positive, a volte divertenti: penso a DI MAIO o CONTE o TONINELLI a confronto con quel toscanaccio da merende di RENZI, in un governo giallorosso, a discutere di BENETTON, di MPS o di SPAZZACORROTTI: uno SPEZZATINO. Quello mica ha la pazienza e l’educazione di SALVINI. In quattro e quattr’otto, dopo la débâcle in salsa verde dirà loro di STARE SERENI.
            C’è pur sempre MATTARELLA, ma a quel punto da che parte starà?
            SARA’ MOLTO DIVERTENTE: ODIO E SARCASMO, OLTRE CHE RISATE A CREPAPELLE

            AL VOTO SUBITO.

          1. marco.com scrive:

            Mi racconta lo zio dei velocisti in pista che passavano minuti e minuti in surplace.
            Il gioco era quello di far partire prima l’avversa per potersi mettere in scia e superarlo negli ultimi metri.
            Da mesi e mesi abbiamo avuto il Paese fermo ad osservare il surplace dei due vicepremier nella corsa a diventare premier
            Sembra proprio che il salvino si sia fatto infinocchiare come dice Vittorio feltri che comunista non è e neppure terrone

            Bau bau voto subito bau bau voto subito bau bau

            1. martello carlo scrive:

              I numeri parlano chiaro: un’alleanza giallo rossa è fattibile, frutto marcio della promessa di assistere i mendicanti meridionali che ora tramite “ IL FATTO QUOTIDIANO “ rivoltano la frittata dando del MENDICANTE a SALVINI.
              La volontà di salvarsi le poltrone riesce persino a digerire il vomito di convivi avvelenati.

              C’era un gran disegno dietro alla LEGA DI SALVINI: il SUPERAMENTO DEL DUALISMO NORD SUD esportando l’efficienza amministrativa.
              E’ chiaro che una simile evenienza è intollerabile per chi si vedrebbe escluso per sempre dal potere avendo lavorato ( e sta ottenendo un insperato successo ) per dividere e imperare.

              Quell’obbiettivo rischia di saltare per gli ennesimi giochi di palazzo con interventi a gamba tesa dei presidenti della Repubblica e sempre sugli stessi stinchi.
              Se però si pensa che anche questa volta si riuscirà a normalizzare la situazione con la solita CLAQUE accompagnata dall’ORCHESTRA ROSSA, si sbaglia di grosso.
              L’Italia è già satura di ODIO, non a causa di SALVINI, ma per tutte le violazioni della democrazia già perpetrate e relative conseguenze.
              Questa volta l’odio rischia veramente di ESPLODERE con conseguenze imprevedibili, prima fra tutte il ritorno al disegno di separazione geografica del paese come delineatasi PLASTICAMENTE nel risultato elettorale del 2018.

              VOTO SUBITO

              1. martello carlo scrive:

                A proposito di giornali esteri.

                “Italie Six pays acceptent d’accueillir des migrants de l’«Open Arms»”
                Par LIBERATION, avec AFP — 15 août 2019 à 12:41 (mis à jour à 13:45)

                Devo apprendere da LIBERATION che la situazione della OPEN ARMS è praticamente risolta?

                1. Marco.com scrive:

                  Grazie Silvestro del link.
                  Tutto chiaro e condivisibile ma con un fondamentale errore di semplice logica.
                  Quindi di nessun valore.
                  L’errore è nella frase “dare quello che il mercato vuole”.
                  Chi va al mercato a proporre cose che nessuno vuole?
                  Il significato della parola “mercato” è proprio quella del soddisfacimento dei bisogni e desideri.
                  Sono accademico? Sì . Anche la meccanica quantistica, la chimica molecolare i microchip ecc ecc sono accademici e incidono eccome su tutti (anche sui cagnetti alla martello)
                  Anche per questo so riconoscere i cagnetti bau bau come quello che abbaia e spara solo cagate

                  Detto questo, per me di maio resta sempre di maio, Toninelli resta sempre Toninelli, il reddito di cittadinanza è una porcheria, quota 100 è una mossa di propaganda negativa per l’economia, l’immigrazione è colpa delle ong per lo 0,1%, il governo gialloverde ha aumentato l’isolamento in Europa e nel mondo, la nazionalizzazione che hanno in mente i grillini è antistorica.
                  Capisco che è durissima dargliela vinta al capopopolo ma con i 5s per me è impossibile pensare di costruire qualcosa di buono
                  Pax vobiscum

                  • Silvestro scrive:

                    OK Marco, ma per non complicare troppo stiamo pure sul
                     “DARE QUELLO CHE IL MERCATO VUOLE”

                    Nei mercati ci sono offerte di prodotti di varia qualità, di cui conosci prezzo e caratteristiche, e ci sono offerte di prodotti di ottima qualità con effetti miracolosi ma di cui non conosci il prezzo, oppure ti vengono offerti, come si dice oggi ”in piccole rate periodiche” senza informarti che il prodotto a volte non è cosi prodigioso, e trascurando le conseguenze qualora dopo un certo tempo non fossi in grado di pagare le rate stabilite.

                    Se frequenti esclusivamente un certo tipo di mercato (i social), dove vengono reclamizzati solo prodotti con effetti sopranaturali, mi sembra ovvio che finisci con l’affidare il tuo futuro ad una fede assoluta negli eventi che superano i limiti delle normali prevedibilità dell’accadere.
                    E con questo si spiegherebbe anche l’invocazione ricorrente del ciarlatano di turno alla Madonna di Medjugorje, al rosario, ed al vangelo.

                    • martello carlo scrive:

                      Discussione molto interessante, per cui, pur essendo uno ” CHE SEMPLIFICA LE COSE COMPLESSE ” anziché uno che complica le cose semplici, vorrei dire che tutto il tuo panegirico è perfetto, ma vorrei aggiungere due cose:
                      - c’è chi offre e chi si trattiene ( per esempio le tasse, la patrimoniale, ecc )
                      - oltre che frequentare il mercato ” social ” bisogna anche andare a vedere le offerte de “l’espresso”, de ” Il Corrierino “, de ” La Stampa ” de ” L’AVVENIRE, magari de ” Le MONDE ” de ” Der Spiegel ” e de “The N.Y. Times ” nonché di RAI TRE e PROPAGANDA LIVE.

                      Scusate tanto.

                  • martello carlo scrive:

                    “Mai crisi fu così salutare o meglio salvifica, così rivelatrice: UN VERO TOCCASANA che ha stanato le talpe della sinistra………”

                    Mai ho fatto una previsione più azzeccata: ho scoperto che non sei una semplice VIRGOLA; sei un’autentica TALPA pidiota.

                    FINALMENTE; certo che eri rintanato molto in profondità nel SOTTOSUOLO.

                  1. martello carlo scrive:

                    Mai crisi fu così salutare o meglio salvifica, così rivelatrice: UN VERO TOCCASANA.
                    La verità che sta emergendo in tutte le sue sfaccettature ci ha riportato ad una realtà che stavamo dimenticando:
                    - gravità della situazione immigrazione che i soliti sostenitore delle ” PERCEZIONI ” davano per risolta, ma che appena distogli l’attenzione è pronta a ripartire a livelli DISTRUTTIVI e DESTABILIZZANTI
                    - ha stanato le talpe della sinistra, sempre pronte a volere il casino del paese come sono abituate a fare all’ interno del partito, anzi dei partiti. A questi ROVINAFAMIGLIE, alla BIBBIANO, da FASCISTI AUTENTICI, interessa solo eliminare SALVINI E IL DECRETO SICUREZZA per FAR APRIRE LE GAMBE ALL’ITALIA come ad una Put…a di strada e pur di ottenere lo scopo si metterebbero persino nelle mani del DIAVOLO
                    - ha confermato la dipendenza dei PENTAVITELLONI da un COMICO MATTO DA LEGARE e da strutture esterne connesse alla CASALEGGIO ASSOCIATI e la loro volontà di aprire il PARLAMENTO COME UNA SCATOLA DI TONNO, prima paralizzando il paese e poi accettando un’alleanza , loro, il cosiddetto partito GIUSTIZIALISTA, con il partito che ha il maggior livello di inquisiti del paese per fatti gravissimi, per giunta legati allo scandalo dei vertici della magistratura.
                    - ha dimostrato che il MOVIMENTO DEL CAMBIAMENTO, quello che andava alla conquista della FRANCIA E DI BRUXELLES CON DUE SPOSTATI, rifiutati persino dai GILET JAUNES, altro non sono che dei sostenitori della VON der LAYEN manovrati e servi, resi forti solo dal presidente MATTARELLA (di cui avevano chiesto l’IMPEACHMENT ). In altre parole, degli ALLINEATI LACCHE’ DELLA CONSERVAZIONE PIU’ BECERA ( persino a quella del VATICANO ) paragonabili solo a DEI DEMOCRISTIANI D’ANTAN.

                    SALVINI E’ DIVENTATO UN EROE: RIESCE A RESISTERE PER IL VERO CAMBIAMENTO DA SOLO CONTRO TUTTI, DENTRO E FUORI IL PAESE E ANCORA UNA VOLTA HA RINFRESCATO LA MEMORIA CIVILE RICORDANDOCI CHE GLI UNTORI E I MONATTI DELLA DEMOCRAZIA SONO SEMPRE PRONTI AD USCIRE DAI LORO LOCULI PIU’ PERICOLOSI E CON PIU’ APPOGGI DI PRIMA.
                    ORA LI CONOSCIAMO MEGLIO: SI PARLA ADDIRITTURA DI CASINI COME PROSSIMO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA…… VEDETE VOI

                    ELEZIONI SUBITO.

                    1. Silvestro scrive:

                      MARCO 15 agosto 2019 alle 22:48

                      Questo è l‘approfondimento che trovo più completo; ma se ti interessa ce ne sono altri che con accenti diversi portano tutti alle medesime conclusioni

                      https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/01/salvini-il-consenso-a-suo-favore-e-sempre-piu-ampio-ma-a-me-il-conto-non-torna/5351675/

                      1. Silvestro scrive:

                        Mi fa piacere che MARTELLO citi Fubini. Non l’ho seguito ieri sera ma seguo sempre con interesse i suoi interventi. Uno degli argomenti più ricorrenti nelle sue interviste è l’esame del PIL prodotto da ciascun lavoratore.

                        https://www.corriere.it/economia/lavoro/19_giugno_23/vero-ritardo-dell-italia-lavoro-crea-poca-ricchezza-b973d050-95f4-11e9-a01d-909102f170fe.shtml?refresh_ce-cp

                        Dall’articolo si può facilmente dedurre che il nostro problema non è la Germania, La  VON DER LAYEN o altri, ma sono condizioni prevalentemente interne italiane, che si protraggono da tempo. Decisioni miracolistiche, soluzioni semplici non ce ne sono. Sono necessarie scelte di medio lungo termine e obbiettivi chiari.

                        E la necessità di “obbiettivi chiari” ci porta dritto alla crisi di governo di questi giorni.
                        Il “superuomo” Salvini, sovranista, che ringhia a torso nudo, arriva nelle Aule parlamentati ma non affonda, come ti aspetti. Una crisi urlata che si consuma fin dal Papeete beach, arriva il Parlamento con tono lezioso. Ci aspettavamo che “l’uomo che non deve chiedere mai” volesse drammatizzare, praticasse ciò che il giorno prima ha fatto scrivere a tutti i giornali, inondandoli di slogan bestiali, far dimettere i ministri, ritirare “formalmente” la delegazione dal governo, rinunciando alle “poltrone”, come ama dire in questa apologia dell’antipolitica. Invece niente di tutto questo.

                        Salvini praticamente si è “incartato”, il grande stratega si è incastrato da solo, nella classica situazione in cui avanti fino in fondo non riesce ad andare, indietro è difficile tornare. 
                        Per concludere si può dire che questa maggioranza non riesce a fare seriamente nemmeno una crisi di governo.

                        LIKE LIKE LIKE

                        • martello carlo scrive:

                          Ero certo che tu, da come ti esprimevi e la pensavi, ti facessi molto influenzare da FUBINI, ma mentre lui è stato fulminato sulla via di Damasco rendendosi conto di aver concordato con una linea NAZISTA nei confronti della GRECIA che ha provocato un notevole aumento della MORTALITA’ INFANTILE ( dai calcoli sono stati ben 700 i morti ) e se ne è scusato pubblicamente, tu mi sembra che perseveri nei tuoi errori.
                          Oggi mi sembra apprezzi una linea europea più flessibile.

                          Non so se te ne sei reso conto, ma praticamente, negando che possa succedere anche in futuro, praticamente ha ammessso che in passato in Europa SONO STATI UTILIZZATI I MERCATI E LO SPREAD PER INFLUENZARE ( DETERMINARE ) LA SCELTA DEI GOVERNI e se lo dice lui…..
                          In questo ambito va inquadrato il golpe del 2011 e tutto ciò che ne è conseguito, altro che “non è colpa della Germania o altri “.
                          Certo, la produttività è fondamentale insieme a un’altra miriade di cause, ma quando in un paese si sconvolgono le regole democratiche con una magistratura politizzata, onnipotente ed autoreferente si è di fronte ad una dittatura.
                          In quale paese al mondo un TAR QUALSIASI avrebbe potuto bloccare le decisioni di un MINISTRO DELL’INTERNO e una legge controfirmata dal Quirinale?

                          UN PAESE CERTAMENTE DI M…A DA CAMBIARE AL PIU’ PRESTO.
                          ELEZIONI SUBITO.

                        • marco.com scrive:

                          Spiacente ma questa linea, istintivamente comprensibile (sottolineo: istintivamente) è parziale ma , soprattutto ,perdente.
                          Sul piano della capacità comunicativa, non c’è storia.
                          Anzi, più si va sul personale e più si fa un favore.
                          Si vada alle elezioni con due blocchi contrapposti con due visioni contrapposte: da una parte chi pensa che la ricchezza deve andare chi se la conquista con qualsiasi mezzo (più o meno lecito) dall’altra chi pensa che sia possibile possibile costruire una società basata su valori diversi da quello dei soldi.

                          È molto semplice: la civiltà bianca occidentale sta perdendo l’egemonia mondiale a favore di realtà emergenti quali Cina, India ed Africa e per questo si sta imponendo il sovranismo che non è nient’altro che lo struzzo che mette la testa sotto la sabbia per non vedere la globalizzazione che avanza inarrestabile e che rifiuta di mettere in discussione che continuando sulla via del consumismo individualista si fa morire il pianeta.

                          • Silvestro scrive:

                            Mi spiace ma non sono per niente d’accordo e non c’è niente di istintivo.
                            Se il consenso di Salvini poggia su una montagna di consensi determinati da una media di 20 tweet al giorno non vedo quale favore dovrei fargli pubblicando le mie considerazioni meno frequenti che pesano ben poco.

                            Si può vantare una montagna di consensi dimostrando di aver una capacità politica pari a zero.
                            ED E’ QUELLO CHE PLASTICAMENTE STA SUCCEDENDO IN QUESTI GIORNI.

                            Approfondire credo sia più importante della discussione sulla “globalizzazione che avanza inarrestabile” che sostanzialmente è una esercitazione accademica.

                          • martello carlo scrive:

                            MIRACOLATO A META’

                        1. martello carlo scrive:

                          Chissà perché da qualche giorno mi appare una visione dell’Italia con le gambe aperte come i porti, in attesa del matrimonio PD/5S.
                          Intanto già arrivano i primi regali e si spera di avere RICHARD GERE E ANTONIO BANDERAS come testimoni. Ad officiare le nozze mi piacerebbe fosse PAPA2; ne avrebbe tutto il diritto

                          1. Marco.com scrive:

                            “Me lo dovevi dire in faccia” dice
                            Proprio lui che parla solo con facebook e Twitter
                            È insopportabile

                            1. Marco.com scrive:

                              Leggo ora lanci di agenzia che Conte accusa il capopopolo salvino di collaborazione sleale in relazione alle vicende in corso della Open Arms
                              Sarebbe una prova inequivocabile del carattere smargiasso e senza scrupoli del personaggio con il rosario in mano
                              Un vero schifo

                              1. mario scrive:

                                BYE BYE non BY BY

                                1. Silvestro scrive:

                                  Dopo aver portato la Lega dal 4% al 17% nelle elezioni del 2018, Salvini impegnandosi in una campagna elettorale permanente, registrava un crescendo continuo di consensi segnando nelle europee una vittoria strepitosa.

                                  Ma qui cominciano gli inciampi:
                                  >> In Europa i sovranisti registrano una significativa battuta di arresto
                                  >> Le grandi aspettative di ribaltare il paradigma europeo sono sostanzialmente fallite
                                  >> Le nomine di vertici e commissari a Bruxelles (non ancora conclusi) , si rivelano un fiasco clamoroso.
                                  >> I grandi alleati di visegrad (coerenti col “prima noi”), hanno fatto prevalere i loro interessi lasciando Salvini isolato.
                                  >> Le vicende poco limpide (e mai chiarite) che si accumulano sulle attività della Lega inducono a sospetti crescenti non solo in ambito nazionale.

                                  E’ quindi a questo punto che Salvini completamente rapito dal delirio di onnipotenza scambia l’esito delle indagini demoscopiche ed i LIKE per una vittoria già acquisita e decide di rovesciare il tavolo del governo. Quindi detta i tempi delle convocazioni parlamentari, decide quando e come si debba andare a votare.
                                  “Chiedo agli italiani il potere assoluto”, Lui che cinque dopo dichiara di non essere attaccato alle poltrone.
                                  Ma poi si accorge che in parlamento ha solo il 17% e che in aula i sondaggi valgono zero.

                                  Subisce quindi una sconfitta parlamentare che nei contenuti è assolutamente irrilevante, ma si ritrova come unico responsabile della caduta di un governo che doveva durare almeno 5 anni ed aveva un sacco di cose da fare (parole di Salvini).
                                  Fare cosa? Le stesse promesse miracolistiche di oltre un anno fa:
                                  CHI PUO’ ESSERE CONTRARIO ALLA ILLUSIONE DI AVERE PIU’ SOLDI IN TASCA.
                                  Poi chi paga non si sa.

                                  LIKE LIKE LIKE

                                  • martello carlo scrive:

                                    Che tu sia una persona coi piedi PIANTATI per terra nessuno lo può mettere in dubbio, ma è anche altrettanto certo che, appunto per questo, tu non sia un’aquila.
                                    Mi riferisco a tutte le tue freccette di analisi della situazione europea

                                    Ho trovato interessante iersera a “IN ONDA” il pensiero di FUBINI che di certo non si può tacciare di essere stato finora contrario alle politiche di austerità imposte principalmente dalla Germania della MERKEL.
                                    Sostanzialmente, da attento osservatore economico/politico, ha espresso le seguenti convinzioni:
                                    . l’aria dopo le elezioni europee è cambiata
                                    - la politica rigorista della penultima e ultima legislatura che vedeva in TIMMERMAN uno dei maggiori sostenitori è finita
                                    - il cambio di direzione è dimostrato anche da un atteggiamento morbido ( equivoco ) nei confronti di ORBAN e della sua politica interna giudicata illiberale: si è autosospeso per poi essere lasciato rientrare nel PPE (con la vicepresidenza del consiglio)
                                    - ciò è dovuto alla crisi politico/economica della Germania dove è in atto una transizione politica epocale con la CDU che, come primo partito, sente il fiato sul collo dei verdi e dove la crisi economica/finanziaria è pesante e non solo ciclica ma che è dovuta a carenze e arretratezza in comparti fondamentali dell’industria tedesca
                                    - ciò comporta un cambio di politica economica all’interno della Germania stessa, un bisogno di non esasperare i contrasti e quindi una maggiore elasticità nell’applicazione dei trattati e dei paramtri di MAASTRICHT

                                    La cosa che mi ha sorpreso di più nell’analisi di FUBINI è la convinzione che chi in Europa d’ora in poi pensi di influenzare la democrazia dei paesi con il MERCATO e lo SPREAD si sbaglia. L’Europa di VON DER LAYEN/MERKEL nei prossimi anni non intenderà più imporre sia la propria visione liberale nei confronti dei paesi dell’est che quella economica nei paesi del sud.
                                    Insomma i paesi membri, a meno di deviazioni macroscopiche, dovranno scegliere sulla base indipendente del volere dei singoli popoli.

                                    https://www.youtube.com/watch?v=ZK3dCgfRM_o

                                    Fosse così, caro SILVESTRO, L’AZIONE DEI SOVRANISTI SAREBBE TUTT’ALTRO CHE FALLITA e sarebbe un’occasione UNICA per proseguire con la politica portata avanti dalla LEGA per uscire finalmente dal cappio dell’austerità ed aprire il ciclo del rilancio economico.

                                    Sarebbe un peccato che per inciuci politici IMPRESENTABILI perché, al di là dei numeri sono veramente tali, si fuggisse ancora dalle scelte e dalla volontà ATTUALI del popolo.

                                    AL VOTO SUBITO

                                  1. Marco.com scrive:

                                    Il salvino doveva sapere come si sarebbe incartato
                                    Non credo che abbia sbagliato mossa così come non credo a nulla di quello che dice

                                    1. Silvestro scrive:

                                      MARTELLO!!!!!!! MA SIAMO SOLO ALL’INIZIO.

                                      L’imbarazzo e la strenua difesa di situazioni insostenibili è veramente commovente.
                                      I FATTI; SONO I FATTI QUELLI INCONFUTABILI.
                                      Le contestazioni a Salvini sono tutte puttanate?
                                      Un motivo in più per dare tutte le spiegazioni del caso. Ma non su FB dove racconta quello che vuole, non ai “giornalisti di giornalacci che sembrano al soldo dei servizi segreti deviati”, ma alle rappresentanze istituzionali che gli hanno chiesto conto.
                                      E quindi poteva andare in Parlamento a spiegare e rispondere alle domande su Siri; poteva andare alla convocazione del COPASIR e dare la sua versione su Moscopoli; in commissione antimafia e dare spiegazioni sui suoi rapporti con Arata; poteva dare risposte chiare e precise a Conte che gli ha chiesto delucidazioni sul ruolo di Savoini. Lo poteva fare davanti alle telecamere, e, trattandosi di puttanate, poteva ottenere un grande successo personale proprio lui che si vanta di metterci sempre la faccia.

                                      INVECE NO, E’ SEMPRE SCAPPATO. L’UNICA VOLTA CHE L’HA FATTO E’ STATO AL SENATO PER EVITARE IL RINVIO A GIUDIZIO SULLA DICIOTTI E LO HA FATTO PIANGENDO E CON IL ROSARIO N MANO.

                                      E dopo tutto questo, con il precedente sui 49 milioni che sono un altro mistero, ci sarebbe da scandalizzarsi se qualcuno nutre dei sospetti.

                                      LIKE LIKE LIKE E CUORICINI SALVINIANI

                                      • martello carlo scrive:

                                        Vedi SILVESTO, la tua insistenza sulle vicende giudiziarie, extragiudiziarie, pseudo giudiziarie, paleo giudiziarie vere o false sulla LEGA, come se voi foste delle verginelle, è la dimostrazione della vostra mancanza di idee che giustificano la voglia e la necessità di conquistare il potere per VIA GIUDIZIARIA.
                                        Se esistesse un giustizia giusta in italia, qualche presidente della repubblica dovrebbe essere inquisito, come SARKOZY in FRANCIA, altro che mutande verdi, RUBLOTROIATE e 49 mln fantasma. SALVINI non fugge, le SNOBBA: non è una servetta da corte.
                                        La DICIOTTI poi è il caso più eclatante di interferenza della magistratura contro il massimo responsabile della sicurezza in Italia nell’esercizio delle sue funzioni, nonché di una forza che il centralismo esterofilo comunistoide ( che contraddizione ) considera come il nemico numero uno deli suoi privilegi, la LEGA appunto.
                                        Certi magistrati politicizzati ( altra contraddizione ) si comportano come attorucoli al tramonto come GERE o BANDERAS in cerca di una PARTICINA IN COMMEDIA.
                                        Almeno l’attore spagnolo BARDEN per la OPEN ARMS, nave spagnola, si è rivolto a SANCHEZ com’è giusto, anche perché si metta a capo di un’azione in UE per finirla con DUBLINO.

                                        NON OSO PENSARE A COSA SUCCEDEREBBE CON L’INVASIONE SE TORNASTE AL GOVERNO COI PENTAVITELLONI.
                                        NEL GIRO DI QUALCHE ANNO CI POTREMMO TROVARE CON IL PAPÀ DELLA KYENGE ALLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA E I GUERRIERI MASAI CON TANTO DI LANCIA E DI SCUDO IN PELLE DI CAPRA AL POSTO DEI GRANATIERI NELLE GARRITTE DEL QUIRINALE, POSTO CHE MI ONORO DI AVER OCCUPATO ANCH’IO

                                        MEDITATE GENTE, MEDITATE…… ELEZIONI SUBITO.

                                        • Silvestro scrive:

                                          Divagazioni, distrazioni di massa che non hanno nulla in comune con gli argomenti in discussione. Qui vale il comportamento leghista.
                                          SARKOZY non c’entra, come non c’entra nemmeno la giustizia nelle vicende citate.
                                          C’ENTRA ESCLUSIVAMENTE LA CREDIBILITA’ E L’AFFIDABILITA’ DEL MINISTRO SALVINI.
                                          Lui non ha spiegato “SNOBBA: non è una servetta da corte.” ma ha dimenticato (avete dimenticato) che LA CORTE E’ LUI e se ha evitato il processo per la DIciotti è proprio grazie ai privilegi ed alle regole di quella corte. COMODO VERO?

                                          Il 5 agosto Salvini incassava con la fiducia il decreto sicurezza bis, ringrazia la Madonna di Medjugorje e solo due giorni dopo affossa lo stesso governo cui aveva chiesto e dato fiducia.

                                          Prefigura accordi segreti e ribaltoni, ma il primo ribaltone lo a fatto lui sottoscrivendo il “contratto” sbandierato come unico riferimento fino a tre giorni fa; ed un ulteriore ribaltone lo ha fatto in Parlamento sulla TAV, dove ha smentito il medesimo contratto, votando le mozioni delle opposizioni.
                                          “IO HO UNA PAROLA SOLA DICEVA”. MA LA FIDUCIA, LA STIMA DOVE SE L’E’ MESSA.

                                          I FATTI; SONO SEMPRE I FATTI QUELLI INCONFUTABILI NON LE CHIACCHIERE.

                                          • martello carlo scrive:

                                            Hai, avete uno strano concetto della democrazia, retaggio del socialismo reale che ormai vi ha modificato il DNA.
                                            - SARKO’ centra, essendo indagato dopo fine mandato e la magistratura italiana ( che quindi c’entra pure lei ) dovrebbe indagare NAPOLITANO che, correo del pres. francese per un attacco fuori dai confini italiani e della NATO, in palese violazione della COSTITUZIONE,tanti danni ha provocato e provoca al paese.
                                            - I privilegi della corte ( a parte che io intendevo la corte veneziana dove si radunano le “betoneghe”
                                            dalle calli circostanti ) non sono altro che la difesa più democratica che esista dei parlamentari da ingerenze della magistratura che recentementesi è visto quanto puzzi proprio dalla testa.
                                            il decreto sicurezza ( più che incassato, incazzato da SALVINI ), era annacauato in quanto pdipendeva , rispetto alla versione originale, dai consensi della DIFESA E TRASPORTI. Quindi ALTRO NO.
                                            Quanto alla sfiducia sulla TAV, voglio ribadirlo una volta per tutte, L’HA DATA IL M5S VOTANDO CONTRO IL SUO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CHE, SE NON FOSSE IL CAGNOLINO DI MATTARELLA, AVREBBE DOVUTO PRESENTARE SUBITO LE DIMISSIONI.

                                            Comunque, bando alle chiacchiere di cui siete i maestri: la decisione di MATTARELLA sarà come quella di tutti gli ultimi presidenti della repubblica di sinistra, cioè contro il voto popolare, dal momento che, secondo fonti IPSOS, assegnerebbe i 2/3 dei seggi al CENTRODESTRA, cosa confermata dalle elezioni europee e dalle regionali.
                                            Andare contro questa realtà sarà regalare il potere ad un PD ormai fuori dalla storia pieno zeppo di CORTIGIANI DEL GIGLIO MAGICO contrari al SEGRETARIO DEMOCRATICAMENTE ELETTO e ad un partito in caduta libera, squacquerone ed incapace di governare, cioè l’ennesimo inciucio quirinalesco che porterà alla definitiva distruzione della democrazia e del paese, in pratica peggio del post 2011: NON CI SARA’ PIU’ ALCUNA POSSIBILITA’ DI RIPRESA DEL PAESE.

                                            Su “ LA VERITA’ “ di oggi sono elencate le prime mosse del governo che definire ircocervo è già un complimento: PATRIMONIALE, RAFFORZAMEMNTO DEL REDDITO DI CITTADINANZA, IUS SOLI, AFFOSSAMENTO DEI DECRETI SICUREZZA, SALARIO MINIMO, FIGLI AI GAY E, AGGIUNGO IO, QUOTE LGBT IN PARLAMENTO.

                                            … E POI PARLANO, I KOMUNISTI, DI PERICOLO FASCISTA

                                            AUGURONI: QUI SEMBRA DI ASSERE AD HONG KONG

                                        • martello carlo scrive:

                                          Ehm, scusate, GARITTE

                                      1. Marco.com scrive:

                                        È di tutta evidenza la disonestà intellettuale, la mancanza di argomenti oppure la semplice stupidità dei sovranisti di casa nostra come il ben noto bau bau bauscia

                                        È in corso semplicemente una lotta di potere, fra chi vuole il potere assoluto e chi ovviamente si oppone

                                        Tutte le motivazioni apportate, da una parte e dall’altra, sono fumo e niente arrosto
                                        Vale quello che già ho scritto qui: come al poker Il salvino ha giocato “all in”
                                        Il salvino aveva il gioco tutto in mano sua: per suo merito aveva completamente soggiogato i 5s ai quali poteva far fare quello che voleva

                                        Tutto il resto sono povere povere povere cagate

                                        1. Silvestro scrive:

                                          Stiamo ai fatti, che sono sempre più solidi della propaganda e dei sermoni su FB.

                                          il governo Lega-5S non è stato il governo votato dal popolo. I due partiti alle elezioni erano su su fronti opposti, con programmi diversi e candidati che prima del voto si sono combattuti aspramente. Hanno dato vita ad un inciucio mascherato da “contratto di governo” con tutte le conseguenze del caso.
                                          Quindi chi oggi urla scandalizzato denunciando un possibile ribaltone, dovrebbe avere almeno un po’ di pudore.

                                          Salvini licenzia adesso il governo perché? Solo un paio di settimane fa senza esitazioni dichiarava  ”l’ultima cosa di cui il Paese ha bisogno è una crisi di governo, e quindi proseguiremo nella nostra azione fino a fine mandato”. E ora cosa è cambiato. Salvini non ce lo spiega; le diatribe con Di Maio da sole non chiariscono; erano scontri quotidiani, ampiamente documentati e sempre ricomposti. La fede dei leghisti è mistica al punto che nessuno se lo chiede; eppure i silenzi insistenti su situazioni poco chiare (49 milioni, indagine Siri, Moscolopoli), il rifiuto reiterato di chiarire queste posizioni favoriscono sospetti di ogni tipo.

                                          Ultimo ma certo non per importanza è l’eredità che lascia questo governo.
                                          Gli effetti miracolosi di quota 100 e reddito di cittadinanza non ci sono stati, neanche come affluenza. Investimenti zero, risparmi sugli ‘sprechi’ assenti, pil a zero o quasi. Lega+5S hanno firmato e sottoscritto una serie di misure automatiche (IVA) che scatteranno a gennaio 2020 per evitare ulteriore deficit. Poiché ad oggi non sono note scelte che superino questo impegno, gli automatismi risultano sempre più concreti.

                                          Magari l’UE aveva ragione a non fidarsi di Salvini-Di Maio.
                                          Alla faccia dell’orgoglio e della credibilità italiana.

                                          • martello carlo scrive:

                                            ” EPPURE I SILENZI INSISTENTI SU SITUAZIONI POCO CHIARE (49 MILIONI, INDAGINE SIRI, MOSCOLOPOLI), IL RIFIUTO REITERATO DI CHIARIRE QUESTE POSIZIONI FAVORISCONO SOSPETTI DI OGNI TIPO. “.
                                            Dovevi aggiungerci le MUTANDE VERDI delle toghe ROSSE per completare le vulgate pro base a lambrusco e salamelle.
                                            Non avete ancora capito che questi SOSPETTI e POSIZIONI POCO CHIARE, coordinate tra giornalisti di giornalacci che sembrano al soldo dei servizi segreti deviati e magistrati ormai sotto al minimo della credibilità, fanno parte del successo di SALVINI?
                                            TROVATE I SOLDI, LE MUTANDE E NON ROMPETE PIU’ I CO….NI.
                                            Tu continui a registrare tutte le cose dette, non fatte, promesse smentite dai fatti come se la politica non fosse l’arte di capire ed interpretare le situazioni ed i loro cambiamenti con la duttilità di adattarvisi, sempre nell’ambito degli obiettivi propri e del paese.
                                            Le elezioni europee hanno dato ragione alla LEGA e torto ai GRILLINI per la loro politica da pretenziosi dottorini laureati che vivono fuori dal mondo com’è il sud italia e che non migliorano di certo stando a ROMA.
                                            Dovevano prenderne atto e rompere meno le scatole: la lega aveva già dato e rischiava di essere confusa con l’immobilismo terronico: elezione VON der LEYEN e TAV hanno fatto traboccare il vaso e bene ha fatto SALVINI a prenderne le dovute conseguenze.
                                            La possibilità di ricostituire finalmente un nuovo centrodestra ha già evitato il lunedì nero che molti temevano e altri auspicavano: la riduzione forte delle tasse, la semplificazione ( nemica mortale dei quaquaraquà ), una vera riforma della giustizia, l’evidente superiorità ed efficienza del nord rispetto ad un sud caotico ritardato, alla fine fa gola ai mercati e penso che appoggeranno questa soluzione rispetto ad un governo non provvisorio , ma IRRIMEDIABILMENTE BASTARDO formato da FALLITI PATENTATI.
                                            ZINGARETTI ha ragione: votazione subito e lasciamo al paese dire cosa vuole.
                                            Ne uscisse un governo coeso di destra con la maggioranza assoluta, tutti i problemi di mercato ed UE ne uscirebbero risolti.
                                            Da ciò che ho capito anche gran parte dei sindacati mi sembrano d’accordo.

                                          1. martello carlo scrive:

                                            Bell’intervento umanitario quello di CAROLA, capitana della SEA WATCH agli ordini del ministro degli interni TEDESCO che l’ha obbligata a sbarcare i migranti in Italia.
                                            E’ l’anello che mancava per dimostrare la guerra dichiarata al governo italiano ben coordinato con i NAZIONALISTI DEL PD.
                                            QUINDI COMPLIMENTI A SEEHOFER, all MERKEL e ai nostri prodi marinanti Graziano Delrio, Matteo Orfini , Davide Faraone, Nicola Fratoianni e Riccardo Magi
                                            RICORDATE GENTE, RICORDATE.

                                            1. Silvestro scrive:

                                              Trovo fastidioso e indecente la meschinità politica nell’atteggiamento e nelle parole usate su CONTE.
                                              Era ed è tutt’ora il Presidente del Consiglio,non è stato scelto per imposizione, o decisioni di altri; LO HA VOLUTO E VOTATO QUESTA COALIZIONE.E’ la persona con cui dovevano governare fino al 2030 ed invece di 12 anni lo hanno mollato dopo 12 mesi.
                                              In questo periodo è stato mandato allo sbaraglio senza deleghe precise perché spesso contrastanti. Doveva essere l’immagine che rialzava le sorti dell’Italia, che ridava dignità al Paese, il simbolo del popolo che risollevava la testa dalla sudditanza altrui; “la pacchia è finita” dicevano. E intanto lo mandavano in giro da solo, a fare figure di merda causa divisioni e livori tutti interni, mentre nessuno aveva neanche le palle per partecipare alle riunioni Europee di specifica competenza Ministeriale perché era più importante la presenza su FB.

                                              Adesso che per puro interesse personale è stato scaricato e ha deciso di sputtanare i fanfaroni, viene accusato di aver aver fatto nulla e di essere andato in “giro per l’Europa a leccare”.
                                              La narrazione su nuovi nemicI, è già cominciata. Colpevoli inediti, vecchia storia.

                                              LIKE LIKE LIKE

                                              • martello carlo scrive:

                                                Dai SILVESTRO, adesso ti rimetti a fare il RENZIANO in difesa di uno che sapeva fin dall’inizio quale doveva essere il suo ruolo e poi s’è lasciato corrompere dalle alte sfere quirinalizie ed Europee?
                                                Hai il coraggio di difendere un cagnolino che scodinzolava in quel modo per ingraziarsi la MERKEL per prendersi un calcio sul di dietro, per poi prendersene un altro dai suoi quando ha detto no al la TAV?
                                                Allora saresti SEMPLICISTICO anche tu, cosa che non è, dal momento che confidi in una soluzione della crisi che ci riporterebbe dritti dritti a MONTI ed a tutti i tuoi governi disgraziati che l’hanno seguito.
                                                Sarebbe veramente assurdo che, ad un passo dal risolvere in modo DECISIVO, con la SCHIENA DRITTA i problemi con l’Europa, ci dimenticassimo che ci avete fottuto 1000 MLD di patrimonio immobiliare, la LIBIA, riempiti di 700000 migranti di tutti i tipi, mandato sul lastrico migliaia e migliaia di risparmiatori e generato 5 milioni di poveri.
                                                GLI ITALIANI SI RICORDINO DI TUTTO QUESTO: SI TRATTA DI IERI E FARSI FOTTERE DALLA STESSA GENIA DOMANI SAREBBE VERAMENTE DA FESSACCHIOTTI.

                                                VOTARE SUBITO.

                                                • Silvestro scrive:

                                                  IL “CAGNOLINO CHE SCODINZOLAVA IN QUEL MODO PER INGRAZIARSI LA MERKEL” è il vostro cagnolino. Lo avete voluto e assecondato finché vi ha fatto comodo per poi buttarlo via e addirittura rinnegarlo dopo qualche ora. Questo il segno che avete lasciato in Europa ed il simbolo della grande riscossa italiana che finalmente rialza la testa.

                                                  L’esito fallimentare di quel atteggiamento, e la prospettiva di una manovra lacrime e sangue che sempre VOI avete già sottoscritto nel dicembre 2018 vi ha finalmente costretto a gettare la maschera mostrando a tutti quello che siete veramente.

                                                  • martello carlo scrive:

                                                    Ho sempre osteggiato la follia di fare un governo coi pentavitelloni, specie se infarcito di ministri dettati da MATTARELLA. Era chiarissimo che con i meridionali non si poteva creare uno stato meno oberato di balzello: solo di quello vivono, ma dopo di voi era inevitabile.
                                                    Mi accontento per ora che si sia dimostrato che la sostituzione etnica non sia ineluttabile che quei pazzoidi di grillini siano ridotti al livello che meritano.
                                                    Il cagnolino ora coccolatevelo voi: ne uscirà un bel bastardo che porterà la LEGA in parlamento al 70% dopo che avrete salvato per l’ennesima volta l’Italia coi vostri metodi da BOIARDI.
                                                    Fra poco più di 2 anni ci sarà finalmente al Quirinale un presidente non di sinistra e in Vaticano un altro PAPA……
                                                    CIAO.

                                                • Marco.com scrive:

                                                  È di tutta evidenza il voler negare i fatti e lo spregio delle regole democratiche degli estremisti populisti alla salvini
                                                  Ed è di tutta evidenza la mancanza di cultura , raziocinio e intelletto del cagnetto bau bau bauscia al quale hanno insegnato che i problemi dell’Italia sono colpa della Merkel di bildenberg di soros e della finanza cattiva

                                              1. marco.com scrive:

                                                Sono pronto a votare il salvino
                                                Con questa condizione: il salvino ha detto che ha già pronta la finanziaria
                                                Che la pubblichi su Facebook
                                                Se lo fa, non la leggerò neppure e lo voterò

                                                1. Marco.com scrive:

                                                  Non c’è da credere una parola a salvino
                                                  Il quale cerca solo una cosa: il suo ego
                                                  Non prendiamoci per il sedere, lasciamo i martelli vari a fare il loro bau bau

                                                  • martello carlo scrive:

                                                    MARCHETTO, scusami, ma tu sei talmente tonto da pensare che ripetendomi continuamente ” Non c’è da credere una parola a salvino ” io mi incazzi?
                                                    Il primo a non crederci sono io.
                                                    Tu ti incazzeresti se io continuassi a ripeterti che ” per PAPA2 non è facile passare dalle appendici del nuovo mondo alla CIVILTA’ ” )?
                                                    Voglio sperare di no, altrimenti ragioneresti proprio con i calli delle ginocchia. :-(

                                                  1. marco.com scrive:

                                                    Abbiamo qui l’evidenza degli estremisti bau bau bauscia
                                                    Dove c’è cultura raziocinio intelletto non c’è bau bau bauscia

                                                    1. martello carlo scrive:

                                                      1) Il CONTE TRASPARENTE LAVORATORE NELLE SEGRETE STANZE:
                                                      “Non permetterò più che si alimenti la narrativa del governo che non opera, del GOVERNO DEI NO. Questo governo ha parlato poco e fatto molto. Non era in spiaggia, HA LAVORATO DALLA MATTINA ALLA SERA NEL RISPETTO DI TUTTI GLI ITALIANI. Non accetterò più che vengano sminuiti la passione e la dedizione con cui tutti hanno affrontato l’impegno di governo e il cospicuo lavoro svolto dai parlamentari”.

                                                      2) IL CONTE COMARE LECCA LECCA CON LA MERKEL AL BAR DI DAVOS:
                                                      ” il Movimento 5 STELLE È IN SOFFERENZA perché nei sondaggi che abbiamo fatto stanno calando. ABBIAMO FATTO DEI SONDAGGI. SONO MOLTO PREOCCUPATI PERCHÉ SALVINI È CIRCA AL 35-36% E LORO SCENDONO AL 27-26%. QUINDI DICONO: ‘QUALI SONO… QUALI SONO – VOGLIO DIRE – I TEMI CHE CI POSSONO AIUTARE IN CAMPAGNA ELETTORALE?’”.
                                                      ….La Cancelliera chiede: “Qual è focus dei Cinque Stelle?”. Il presidente del Consiglio risponde: “Nella campagna elettorale ora ci sono molti nel partito che dicono: ‘IL NOSTRO AMICO È LA GERMANIA, E QUINDI DOBBIAMO FARE LA CAMPAGNA CONTRO LA FRANCIA!’”. “E’ un approccio molto SEMPLICISTICO”, alza gli occhi al cielo Merkel. E Conte sorride: “Io penso che sarà… Siamo all’inizio”. “Quindi Salvini è contro Francia e Germania? E Di Maio è contro la Francia?”. “SALVINI E’ CONTRO TUTTI”, REPLICA IL PREMIER.

                                                      Questo è il presidente integro, super partes e soprattutto DISCRETO come una spia venduta che ha avuto molto successo in Europa!!!!!!

                                                      Cosa si può evincere dal CONTE PENSIERO, del sacro e proficuo lavoro dei suoi ( 5* ) parlamentari, commissari e ministri?
                                                      SI PUO’ CAPIRE COME LA POLITICA DEI PENTAVITELLONI SIA STATA DETERMINATA, NON DALLA TRASPARENZA E DAL BENE DEL PAESE BENSI’ DALLA NECESSITA DI NON SOCCOMBERE AI PROGRESSI DI SALVINI E DI NON PERDERE LE POLTRONE.
                                                      COME? MA CON LA POLITICA DEL BOICOTTAGGIO CONTINUO ALL’AZIONE DELLA LEGA, ALIAS LA POLITICA DEL NO A TUTTI I COSTI FREGANDOSENE DI TUTTO IL RESTO.
                                                      Questa è la pura e semplice realtà che ha costretto SALVINI a dimissionare questa massa di incapaci a cominciare dal LORO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

                                                      ECCO PERCHE’ NON SI POTEVA PIU’ ANDARE AVANTI

                                                      1. Marco.com scrive:

                                                        Non credo una parola di quello che racconta il salvino
                                                        E osservo con disgusto l’abbaiare del cagnetto
                                                        Bau bau bau
                                                        Almeno il salvino ha anche tratti di simpatia e obiettivi intenti fattivi
                                                        Il Cagnetto bau bau invece non sa fare altro che abbaiare: adesso deve abbaiare alla merkel
                                                        Bau bau bau

                                                        • martello carlo scrive:

                                                          Bravo, anche oggi hai fatto la tua marchetta quotidiana.
                                                          Tu che hai i calli sulle ginocchia, mi sai dire che ne pensa PAPA2 della PROSTITUZIONE?

                                                        1. martello carlo scrive:

                                                          La decisione è stata difficile da prendere, ma DOVEVA ESSERE PRESA.
                                                          A qualsiasi costo.
                                                          Sono vere tutte le supposizioni che hanno spinto SALVINI ad essere prudente. I giochini sulla pelle degli italiani ormai li conosciamo a memoria: partono dal COLLE, con l’occhio rivolto alla sinistra ( sempre pronta ad andare al potere senza voti per subire quello di Francia e Germania ) e danno fiato a progetti ed ESITI contrari alla volontà popolare SEMPRE DISASTROSI.
                                                          Proprio perché li conosciamo ormai da un TRENTENNIO e sappiamo come ci hanno ridotto, spero che questa volta la gente abbia il coraggio di andare fino in fondo.
                                                          Si arriva a dire che SALVINI ha aizzato l’odio degli italiani, anche razziale: 20 anni di recessione continua dall’ingresso dell’€, 700000 immigrati in 4 anni ( senza contare gli anni di Maastricht e dell’immigrazione albanesi, e dell’est europeo, forse non bastano per una RABBIA AUTONOMA?

                                                          E RABBIA DEVE RESTARE: la vecchia storia che chi fa cadere i governi perde le elezioni, dovrà cambiare: non è forse SALVINI l’unico rimasto che vuole il cambiamento? La VON der LEYEN , delfino della MERKEL è stata eletta solo per merito di quei traditori di PENTAVITELLONI che hanno frenato l’Italia.
                                                          DELFINO DEELLA MERKEL dicevo: la Germania è in piena crisi: è bastato TRUMP con la ( giusta ) politica dei dazi sulle sue macchinine a mandare all’aria il surplus commerciale e la sua crescita:
                                                          - crescita zero di fine 2018
                                                          - giugno: prod. ind. a -1,5% rispetto a maggio e con il calo anno su anno del 5,2%
                                                          - Pil secondo e terzo trimestre vist a -0,2 %, il che significherebbe RECESSIONE TECNICA.
                                                          - Indice di fiducia del settore manifatturiero da 67 punti del 2017 crollato a 43 punti.
                                                          - l’ industria che comincia a licenziare ( 20000 BOSCH, 40000 WW, ecc. )
                                                          - collasso DEUTSCHE BANK
                                                          e la politica tedesca continua testardamente sulla linea dell’austerità con la svalutazione del lavoro e
                                                          a non capire che senza aumento della domanda interna, condanna tutta l’EUROPA ad essere dipendente , come noi col debito pubblico, al primo stormir di fronde proveniente dall’esterno.
                                                          Se poi i tedeschi con la loro rigidità provocheranno l’HARD BREXIT, non la vedo molto bene per il futuro dell’UE
                                                          E’ il segnale che dimostra quanto assennata sia la modifica dei trattati e dei suoi vincoli paleolitici oltre che sbagliati in partenzae quanto sia favorevole l’occasione per SALVINI di portare avanti le riforme IN DEFICIT.

                                                          Non è l’ora dei ripensamenti, dei TRIA, dei CONTE, di MATTARELLA e della GHENGA DECRESCENTE PARASSITARIA GRILLINA.
                                                          QUESTO DEVONO TENERE PRESENTE GLI ITALIANI E NON FARSI PRENDERE ANCORA PER IL NASO:

                                                          LA CRISI E’ STATA DA LORO CON IL VOTO DI SFIDUCIA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SULLA TAV.

                                                          E non è pure l’ora, per ZAIA e FONTANA, se si andrà ad elezioni, di insistere sull’autonomia, che non si conquisterà MAI senza il COINVOLGIMENTO DEL SUD e la politica della LEGA NAZIONALE.
                                                          In questo momento serve la vittoria piena di SALVINI, PUNTO E BASTA.

                                                          • Silvestro scrive:

                                                            La narrazione buona per i boccaloni dei like è già cominciata, anzi non è mai finita perché la campagna elettorale è permanente.
                                                            “IN PARLAMENTO TU CI DOVRAI ESSERE, NON COME HAI FATTO SULLA RUSSIA, MI DOVRAI PASSARE DAVANTI, GUARDARE IN FACCIA E VOTARE CONTRO.”
                                                            Questa è frase che Conte in modo non troppo riservato a fatto direttamente a Salvini che potrebbe da sola sintetizzare la montagna di fesserie che girano in rete.
                                                            Sarà quindi molto interessante assistere al dibattito parlamentare sulla sfiducia.

                                                            Ma intanto cominciamo a puntualizzare.
                                                            “La VON der LEYEN, delfino della MERKEL è stata eletta solo per merito di quei traditori di PENTAVITELLONI che hanno frenato l’Italia”: BALLE. E’ stata candidata con il consenso di Conte autorizzato da Salvini/Di Maio. Giggino e gli alleati di Visegrad l’hanno votata come da accordi, mentre Salvini, solo lui, ha fatto il voltagabbana.

                                                            “la Germania è in piena crisi: è bastato TRUMP con la ( giusta ) politica dei dazi sulle sue macchinine a mandare all’aria il surplus commerciale e la sua crescita”.
                                                            E’ il caso di guardare innanzitutto le cifre degli scambi commerciali. L’Italia è il terzo partner commerciale dei tedeschi per circa 130 miliardi/anno. Infatti se la Germania è in crisi noi lo siamo più di loro (soprattutto il nord). Chi esprime soddisfazione per questo stallo, ragiona come quel marito che per punire la moglie si taglia gli zebedei.

                                                            “Se poi i tedeschi con la loro rigidità provocheranno l’HARD BREXIT….”
                                                            Se per le incertezze britanniche, dopo un referendum popolare, elezioni politiche, 3 governi, 3 anni di trattative ed elezioni europee, si vuole incolpare la Germania, ho seri dubbi sulla lucidità di chi fa queste affermazioni.

                                                            “LA CRISI E’ STATA DA LORO CON IL VOTO DI SFIDUCIA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SULLA TAV.” Giusto per chiarire quella sulla TAV era una mozione parlamentare senza seguito; una foglia di fico per i 5S.Ma sempre a proposito di narrazioni, segnalo semmai che Salvini ha votato tutte mozioni pro-TAV ed ha tradito platealmente quel contratto di governo che giorno dopo giorno ci ha sbandierato sotto il naso per oltre un anno.

                                                            LIKE LIKE LIKE; bacioni e cuoricini salviniani.

                                                            • martello carlo scrive:

                                                              TU e MARCHETTA: la coppia perfetta.
                                                              Lui ogni tanto, tra un cliente e l’altro, mette il naso fuori dal boudoire per bofonchiare le solite, ripetitive put….te.
                                                              Tu sei molto più QUADRATO, come si addice ad un buon fedele compagno, ma pur sempre ripetitivo e banalotto: se guardi bene, la politica non ci ha mai divertito tanto, anche se i complotti, gli sgambetti, le arie dell’orchestra mediatica, le sceneggiate di PARENZO, sono sempre le stesse.
                                                              Devi ammettere però che SALVINI e questa legislatura un indubbio SERIO merito l’hanno avuto: SQUAGLIARE I PENTAVITELLONI QUAQUARAQUA.
                                                              SAREBBE STATA PIU’ RISOLUTIVA LA LORO DISTRUZIONE, PERCHE’ HO IL SOSPETTO CHE COME TESTA SIANO MOLTO SIMILI AI PIDIOTI E QUINDI POTREBBERO TORNARE AL NAZARENO.

                                                              Nel merito
                                                              - su CONTE è meglio lasciar perdere: finora ha fatto il suo dovere, cioè nulla, se non andare a leccare in giro per l’Europa: la leccata più famosa è stata quella fuori onda con la MERKEL al BAR, in cui confessava che i 5* ROMPEVANO LE SCATOLE CON I NO E LE LITI CONTINUE SOLO PERCHE’ IN CADUTA LIBERA DI CONSENSI, quindi è meglio che continui a fare la SERVETTA anziché il NOBILE CAVALIERE SOTTO L’EGIDA DI MATTARELLA, TUTTO LAVORO E PALAZZO CHIGI .
                                                              - la crisi tedesca, dovrebbe insegnare ai tedeschi e quindi a BRUXELLES che bisogna allargare i cordoni della borsa e vivere anche di consumi interni, non solo del vergognoso surplus commerciale, mettendo in crisi noi ed il resto dell’UE che cresce meno del resto del mondo, perché c’è sempre un TRUMP qualsiasi che si rompe le palle e li rimette al loro posto.
                                                              - stesso discorso vale, non solo per la BREXIT, ma anche per la HARD BREXIT
                                                              - sulla crisi, non nasconderti dietro alle formalità da parlamentaristi azzeccagarbugli con MASTER IN CENCELLERIA, cosa che la gente comune ormai aborrisce: se la mozione grillina fosse stata approvata, la ( TUA ) TAV andava a farsi benedire contro il parere del presidente del consiglio, di parte della maggioranza di governo e della maggioranza del paese, ad esclusione di 4 montanari della val di Susa ( con tutto il rispetto per i montanari ) e di quattro fanatici capetti giurassici fuori di testa.

                                                          1. marco.com scrive:

                                                            Non credo una parola una a quel che racconta il salvino
                                                            Racconti buoni per gli haters come martello
                                                            Oggi più che mai martello fuori di testa ammesso che ne abbia mai avuta una

                                                            1. martello carlo scrive:

                                                              PAPA 2 ha decretato la morte del SOVRANISMO. Quasi fosse LEONE III che incoronò imperatore il mio antenato CARLO MAGNO, a danno dei LONGOBARDI, ora incorona MACRON a EMPEREUR DE LA SACRE UNION EUROPEENNE.
                                                              Quando si dice corsi e ricorsi storici che ci fanno concludere come la religione non abbia mai rinunciato al suo potere temporale oltre che spirituale per creare rivalità, guerre e distruzioni.
                                                              Si può concludere con fondatezza storica che non sia il sovranismo che provoca le guerre bensì la religione, o meglio LE RELIGIONI.
                                                              PAPA 2 si mette ancora dalla parte della CONQUISTA IMPERIALE di per sè violenta contro il SOVRANISMO che altro non è che legittima DIFESA della propria nazione e a favore di tutte le INVASIONI.
                                                              Non è facile passare dalle appendici del nuovo mondo alla CIVILTA’; almeno se ne stesse un po’ zitto e parlasse di più di GESU’ GIUSEPPE E MARIA….

                                                              Un altro AUTOGOL.

                                                              1. Marco.com scrive:

                                                                Non credo una parola una di quello che vuole raccontare il salvino felpino dj
                                                                Tutte balle buone per i creduloni
                                                                Salvino felpino ha un solo obiettivo: comandare da solo
                                                                Come per il festival di Sanremo ove doveva vincere quello che piaceva a lui
                                                                Accostamento improprio? Neanche per idea

                                                                Gli italiani hanno votato 17 mesi fa
                                                                Salvino felpino ha assicurato che avrebbe governato 5 anni
                                                                Dopo solo 17 mesi pretende di andare a votare il13 ottobre
                                                                Se si dovesse formare una maggioranza in parlamento che sostenesse qualsiasi altro governo, saremmo nel pieno rispetto della costituzione base della nostra democrazia

                                                                Salvino felpino non potrebbe obiettare nulla. L’unico argomento che avrebbe a disposizione è “qui comando io perché sono come Gesù cristo “
                                                                Salvino felpino ha calato l’all in e se non fosse un volgare baro saprebbe che si può anche perdere

                                                                Non credo una parola a quello che racconta salvino felpino
                                                                Dice balle buone per gli Hatters come il martellino

                                                                1. bardamu scrive:

                                                                  Alla mia mente limitata risulta incomprensibile il motivo del mancato distacco della spina al governo da parte di Salvini in tempo utile per andare presto al voto.
                                                                  A Salvini interessavano 3 cose: flat-tax, stop all’immigrazione selvaggia, maggiore autonomia per le regioni che a norma di costituzione l’hanno recentemente richiesta mediante referendum ( c’è anche la “rossa” emilia-romagna oltre alle regioni da lei citate ).
                                                                  L’unico tema sul quale è riuscito ad intervenire parzialmente è il secondo. Sugli altri due c’è un evidente ostruzionismo da parte di premier e alleati.
                                                                  Avanzo alcune ipotesi sul perché Salvini non abbia ancora mandato tutti a quel paese: 1) teme il contraccolpo elettorale che finora ha quasi sempre colpito chi è stato incolpato di aver fatto finire anzitempo l’esercizio di un governo; 2) teme le ripercussioni sulla finanza e/o una finanziaria di “lacrime e sangue” addebitata a chi ha fatto cader il governo 3) teme che pur di non andare anzitempo al voto i parlamentari votino un governo “tecnico” con una maggioranza bulgara che escluda la sola lega.
                                                                  Mi sembrano tutte ipotesi strampalate. Aggiungo anche l’ipotesi “complottista” che coinvolge la magistratura ( se fai cadere il governo altro che inchiesta sui finanziamenti da parte della russia…. ), strampalata come e più delle precedenti.
                                                                  Ma allora qualcuno sa spiegarmi che cavolo ci sta a fare ancora Salvini al governo? Tempo pochi mesi e i suoi consensi si eroderanno come quelli di Renzi.

                                                                  • bardamu scrive:

                                                                    Che mi abbia ascoltato? :-)

                                                                    • Silvestro scrive:

                                                                      Non so se ti abbia ascoltato, ma certamente ha scelto il modo sbagliato ed i tempi sbagliati.
                                                                      Sui tuoi argomenti:
                                                                      PUNTO 1. E’ vero, non voleva essere lui a staccare la spina, ha tirato la corda in ogni modo per farlo fare ad altri ma è stato sputtanato ed ha dovuto assumersene le conseguenze.
                                                                      PUNTO 2. Anche questo risponde a verità, ma era facilmente prevedibile. Certamente il fallimento delle manovre elettorali in chiave europea e la nomina della Van der Leyer gli hanno complicato ulteriormente la situazione.
                                                                      PUNTO 3. Magari è quello che spera Salvini: lui è molto bravo a trovare nemici e colpevoli. Però gli offrirebbero argomenti per una feroce campagna elettorale come fece con Monti, sorvolando che nell’autunno del 2011 con lo spread a 574 c’era il governo Berlusconi-Lega. Allo stato attuale vedo la soluzione poco verosimile, anche se l’aggressività dei mercati finanziari potrebbe imporre accelerazioni e scelte oggi imprevedibili.

                                                                  1. Silvestro scrive:

                                                                    I mercati finanziari sentono l’odore del sangue, si posizionano ed affilano gli artigli.
                                                                    Niente di grave …… per ora.

                                                                    1. Silvestro scrive:

                                                                      Ho sempre pensato a Salvini come un politico egoista, caratterialmente autoritario, un tattico grezzo e di breve respiro, ma proprio per questo attento a quello che gli è più utile. Solo ieri ho cercato di spiegare i motivi per cui a mio avviso non gli conveniva mandare tutti a casa.

                                                                      EBBENE SI, MI SONO SBAGLIATO CLAMOROSAMENTE, perché ho sopravalutato il personaggio. A quanto già detto, c’è da aggiungere che si tratta di un politico umorale, cinico, arrogante e falso.

                                                                      Dalla cronaca emerge chiaramente che Salvini non voleva essere lui ad aprire la crisi, ma pretendeva che Conte presentasse le dimissioni direttamente a Mattarella. Ma il Presidente del Consiglio lo ha sputtanato, dichiarando in conferenza stampa che Il ministro dell’interno voleva interrompere l’attività di questo Governo e che avrebbe dovuto spiegarlo in Parlamento. Il capitano quindi, suo malgrado, è stato costretto ad intestarsi in prima persona questa crisi.

                                                                      Fare previsioni con soggetti politici cosi irrazionali è impossibile. Ma ci sono alcune scadenze che a prescindere andranno affrontate:

                                                                      >>>>> 09-09-19 voto finale al Senato per il taglio di 345 parlamentari. Riforma che verrà affossata dopo averla votata in precedenza tre volte con grande soddisfazione social.
                                                                      >>>>> 26-08-19 Data entro la quale l’Italia deve indicare il nome del commissario europeo. Se prima in Europa Salvini si era ritagliato l’immagine di rompipalle bastian contrario, dopo aver aperto una crisi di governo dubito che la sua posizione sia più solida.
                                                                      >>>>> 27-09-19 Nota di aggiornamento DEF
                                                                      >>>>> 15-10-19 il governo deve inviare alla Commissione i nuovi obiettivi, sanciti dalla Risoluzione approvata dal Parlamento; 

                                                                      Infine se entro fine anno non sarà approvata una legge di bilancio scattano AUTOMATICAMENTE gli aumenti IVA approvati alla fine del 2018.

                                                                      Grande disegno strategico del capitano!!! LIKE LIKE LIKE

                                                                      1. Lona scrive:

                                                                        noto che l orgoglio di essere definiti bolscevichi e comunisti, un tempo tanto di moda, ora sono motivo di puzza sotto il naso e distacco. D altronde siete passati da Mosca alle moschee.

                                                                        • Marco.com scrive:

                                                                          Grande sputtanamento per lona
                                                                          Secondo lona salvino non voleva la crisi perché ovviamente ci sono i complotti
                                                                          Due ore dopo salvino apre la crisi
                                                                          Lona che la sa lunga lui
                                                                          Lui capisce tutto
                                                                          Sputtanamento completato

                                                                        1. marco.com scrive:

                                                                          Non credo una parola di quello che sbandiera il capo-popolo
                                                                          Slogan e narrazioni buone per la generazione delle discoteche
                                                                          Si vada a votare e si ponga fine a questo show delle campagne elettorali
                                                                          E non svegliate lona

                                                                          1. Silvestro scrive:

                                                                             “C’è la consapevolezza e la presa d’atto che, dopo le tante cose buone fatte, da troppo tempo su temi fondamentali per il Paese come grandi opere, infrastrutture e sviluppo economico, shock fiscale, applicazione delle autonomie, energia, riforma della giustizia e rapporto con l’Europa tra Lega e 5 stelle ci sono visioni differenti”

                                                                            E’ il comunicato fresco di questa mattina.
                                                                            Quindi andiamo a votare; SALVINI PREMIER e dia rapida applicazione a questa nota che è un sintetico programma di Governo.
                                                                            Cominciamo subito con la legge di bilancio per il 2020 dando corso agli impegni che lui stesso ha approvato solo 8 mesi fa.

                                                                            LIKE LIKE LIKE

                                                                            1. Lona scrive:

                                                                              Semplicemente perché non ci manderanno a votare. Ormai lo han capito anche i sassi…tranne qualche bolscevico cattocomunista o giù di li….senza lenzuolate di pensieri contorti.

                                                                              1. Silvestro scrive:

                                                                                MA SALVINI PERCHE’ NON FA SALTARE IL GOVERNO E CI MANDA A VOTARE.

                                                                                Sono le domande che gli italiani, i leghisti per primi, gli elettori di Lombardia e Veneto chiedono da tempo a gran voce. La risposta è molto semplice.

                                                                                Dopo il voto, un Salvini al 40% o giu di li, sarebbe “costretto” a salire a Palazzo Chigi e caricarsi sulle spalle le sorti del Paese. Ma con il debito in aumento e le casse vuote (ormai è stato condonato tutto quello che si poteva condonare) sarà costretto comunque a concretizzare tutte quelle promesse fatte da tempo e che oggi non può realizzare per colpa “degli altri”. Parliamo di flat-tax e autonomia ad esempio.
                                                                                Non potrà più dare la colpa a “quelli che dicono sempre no” con cui peraltro sta governando da oltre un anno. Non potrà manifestare il suo malumore su Conte quando è costretto ad ingoiare rospi; Non potrà più prendersela con Tria, se sull’economia esprime opinioni diverse dalle sue; non potrà più scaricare su Toninelli i ritardi sulle opere pubbliche. Tutte figure peraltro che anche la Lega ha votato. Ma oggi però può sempre dire che in fin dei conti in Parlamento ha solo il 17%.
                                                                                In Europa poi non potrà più essere assente ai tavoli o mandare avanti gli altri a giocarsi la faccia; sarà lui in prima persona a doversi confrontare con la Van der Leyen e beccarsi tutti i NO del caso.

                                                                                Con nuove lelzioni poi c’è il rischio di contare su una maggioranza parlamentare meno solida di quella attuale e di convivere con compagni di governo come la Meloni molto più combattiva di Di Maio. Senza considerare il giudizio dei mercati finanziari che lui, in prima persona, demonizza da anni.

                                                                                Una situazione migliore di questa è difficile da immaginare: La faccia se la gioca Conte, gli ostacoli alla sua voglia di fare sono tutti dei 5S; in pratica le colpe sono tutte degli altri. E’ difficile immaginare una situazione migliore di questa.
                                                                                IL TUTTO OVVIAMENTE NELL’INTERESSE DEGLI ITALIANI.

                                                                                GRANDE STRATEGIA !!! LIKE LIKE LIKE

                                                                                1. Silvestro scrive:

                                                                                  Dunque Gaton, vorrei concludere un confronto che francamente mi sembra sempre più astruso.

                                                                                  Qui non si sta parlando di decisioni prese dall’alto, di scelte fatte da altri, di destra contro sinistra, di nord contro sud. Qui si sta parlando di regole e provvedimenti presi democraticamente dagli stessi interessati e gestori che intendono far funzionare al meglio una comunità scolastica di ragazzini. Ci sono anche numerosi Istituti dove il diritto al panino viene riconosciuto e praticato. Dipende esclusivamente dal bacino di utenza.

                                                                                  NON VEDO ESPRESSIONE PIU’ VICINA DI COSI AL VOLERE DELLA COMUNITA’ INTERESSATA.

                                                                                  Chi non è d’accordo, pur contestando, la dovrebbe accettare fino a quando non costituirà una maggioranza che gli consenta di cambiare.

                                                                                  1. martello carlo scrive:

                                                                                    Vedo che la discussione ha preso la giusta piega: argomentazioni valide, interessanti da entrambi i punti di vista, ma io assegno la vittoria ai PANINI: non c’è corte di cassazione, costituzionale, dell’AIA che possa negare che non c’è nulla di meglio di una croccante MICHETTA ( ma anche una BAGUETTE ) appena uscita dal forno con la MORTADELLA BOLOGNESE DI BOLOGNA.
                                                                                    Io addirittura la renderei OBBLIGATORIA per favorire la tanto desiata INTEGRAZIONE.

                                                                                    1. Gatón scrive:

                                                                                      Un argomento più leggero e quindi adatto agli ozi agostani.
                                                                                      Cosa ne pensate di questa sentenza che trasforma un diritto in dovere ?
                                                                                      http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2019/07/30/cassazione-panino-da-casa-no-in-mensa_950fd555-714d-49b0-9a4e-7facc81c24f8.html

                                                                                      • Silvestro scrive:

                                                                                        Poiché si parla di minori, si deve guardare prevalentemente al loro interesse che credo innanzitutto sia quello di vivere le attività scolastiche in una comunità di apprendimento e crescita senza distinzioni. Fanno parte della vita scolastica non solo la didattica, ma anche gli intervalli, le attività ricreative e quelle di convivenza nelle pause pranzo.

                                                                                        Concordo quindi con la sentenza della Cassazione quando stabilisce che non esiste un «diritto soggettivo» a mangiare il panino portato da casa «nell’orario della mensa e nei locali scolastici» e che la gestione del servizio di refezione è rimesso «all’autonomia organizzativa» delle scuole.
                                                                                        Quindi non è vero che non si può più portare il panino a scuola, perché ci possono essere problemi specifici che vengono però gestiti autonomamente dall’Istituto scolastico.

                                                                                        Per sgomberare il campo da strumentalizzazioni varie, la controversia si verifica a Torino, con un comitato di genitori il cui capofila è un avvocato che ha tempo e soldi per portare l’argomento in tribunale, andare in Appello e quindi in cassazione a sezioni riunite. Proviamo a pensare quanto costa allo Stato, cioè a noi, questo panino.

                                                                                        Si potrebbe aprire facilmente una finestra sulla condizione della giustizia civile in Italia. Mi limito a sottolineare che da noi le controversie civili vanno a dibattimento (cioè in tribunale) nel 65% dei casi mentre nei Paesi in cui la giustizia funziona vanno a dibattimento meno del 10% dei casi. E’ chiaro quindi che una riforma seria, richiede misure radicali, che non si risolvono stabilendo tempi certi per le sentenze, oppure applicando o abolendo la prescrizione dei reati.
                                                                                        Aumentare l’efficienza della giustizia significa innanzitutto ridurre il numero dei processi, favorendo strumenti e procedure alternative (arbitrati, giudici di pace) e definendo misure più restrittive per l’ammissibilità al giudizio.

                                                                                        • Gatón scrive:

                                                                                          Bene, la gestione della mensa è di competenza dei dirigenti scolastici che possono concedere o meno deroghe a loro discrezione, così mi sembra di capire abbia stabilito la Corte di Cassazione.
                                                                                          Ciò che mi sento di contestare è la trasformazione del diritto a fruire dei servizi di mensa da parte degli alunni nel divieto di esercitare scelte diversificate il che, di fatto, obbliga chi è investito della patria potestà, volevo dire i genitori ma non sarei stato politicamente corretto, ad accettare quanto proposto / imposto dall’alto, salvo presentarsi col cappello in mano a mendicare soluzioni differenziate o, qualora non si arrivasse ad un accettabile compromesso tra le parti, a cambiare scuola, con tutto ciò che ne consegue.
                                                                                          Giusto puntualizzare che il capofila del comitato era un avvocato, ma anche il dirigente scolastico si è dimostrato piuttosto puntiglioso o, visto che alla fine si è ritrovato dalla parte giusta, consapevole delle sue ragioni.
                                                                                          Mi chiedo se, visto che anche le attività ricreative rientrano nel percorso di formazione, la stessa gita scolastica possa essere ricondotta a quanto sancito da questa sentenza.

                                                                                          • Silvestro scrive:

                                                                                            Sgombriamo subito il campo da impressioni errate:
                                                                                            La questione del panino in alternativa al pasto scolastico non è nuova; dura da anni ci sono stati diversi ricorsi al Tar in più città, con esiti contraddittori. Non è quindi il caso isolato di un dirigente scolastico puntiglioso dove qualcuno è costretto a presentarsi col cappello in mano a mendicare soluzioni differenziate.
                                                                                            Il Dirigente, peraltro, non decide autonomamente perché le regole dell’attività scolastica sono discusse e decise dal Consiglio di Istituto i cui poteri sono definiti per legge. E’ costituito in maniera paritetica da insegnanti e genitori votati dalle rispettive rappresentanze, mentre il Dirigente partecipa di diritto solo come membro ordinario.

                                                                                            Le motivazioni possono essere diverse (igieniche, sanitarie, organizzative, economiche etc,) ma la sentenza stabilisce che nell’ambito delle mura scolastiche non ci sono spazi per l’esercizio di un “diritto soggettivo” se non previsto dal Consiglio di Istituto.
                                                                                            Aggiungo io che la refezione scolastica, il doposcuola, le gite scolastiche sono attività scolastiche complementari (a pagamento), cui i genitori sono liberi di partecipare o meno.

                                                                                            Insisto sulla situazione della giustizia italiana che consente di arrovellarsi sul problema del panino a scuola come se si trattasse di una questione vitale della Repubblica italiana.
                                                                                            Il CODACONS, dopo questa sentenza, vorrebbe addirittura ricorrere alla corte internazionale dell’AIA: NON HO COMMENTI.

                                                                                            • Gatón scrive:

                                                                                              Il codacons dovrebbe rappresentare la base, quindi il massimo della democrazia a mio modo di vedere.
                                                                                              Quanto alla scuola di Torino se le disposizioni in materia di mensa sono state emanate dal Consiglio di Istituto, ciò starebbe a significare che tra i rappresentanti gli esercenti la patria potestà ed il corpo insegnante la maggioranza si è espressa in modo contrario al gruppo che ha portato la questione in tribunale, se ho ben capito.
                                                                                              Forse non siamo stati adeguatamente informati ma vedrei strana la posizione dell’avvocato (élite?) che vorrebbe provvedere alla refezione del figlio con mezzi propri mentre la maggioranza (proletaria?) ha scelto il servizio di mensa.

                                                                                      • martello carlo scrive:

                                                                                        Mah, esistono vari ordini di problem.
                                                                                        i principali::
                                                                                        - il diritto di scelta
                                                                                        - il dovere di adeguarsi ad una determinata organizzazione d’impresa che richiede dati certi
                                                                                        I “secondari “:
                                                                                        - sostenibilità delle famiglie delle spese della refezione
                                                                                        - diritto di scegliere una dieta personalizzata per i propri figli e per contrappunto il diritto di tutti ad avere una dieta equilibrata, non da fast food
                                                                                        - evitare qualsiasi tipo di discriminazione sociale/etnica.

                                                                                        Credo che:
                                                                                        - un aiuto economico dei comuni per aiutare le fasce più deboli
                                                                                        - una refezione garantita rispetto alle speculazioni
                                                                                        potrebbero risolvere il contenzioso, anche se esiste un problema del CAXXO, dovuto all’immigrazione suino/religiosa che complica in modo medievale la convivenza unidirezionale ISLAMO/IMPERIALISTA.

                                                                                        Caspita, però, di fronte al pericolo di privarmi di un panino con la mortadella e un buon bicchiere di vino bianco ( non certo per gli studenti , ma che potrebbe estendersi anche ai privati cittadini ), alla fine sono portato a dire: viva i panini portati da casa che non è certo una tradizio0ne islamica.

                                                                                        ALLA FINE SONO RIUSCITO A METTERLA IN POLITICA: ho subodorato un tentativo di imporci il cuscus , alimento insipido che fa incazzare gli islamici per assenza di sfoghi e soddisfazioni alimentari e a prendersela esclusivamente con gli AGNELLI.
                                                                                        Sono soddisfatto, ho compiuto la mia buona azione sovranista quotidiana per la difesa del prosciutto di PARMA gloria italiana nel MONDO LIBERO.

                                                                                      • Silvestro scrive:

                                                                                        Comincia a dire cosa ne pensi TU specificando magari dove finisce un diritto e dove comincia un dovere o viceversa.

                                                                                        • Gatón scrive:

                                                                                          Inutile che scriva, tanto TU interpreteresti deteriormente a modo tuo e me ne chiederesti giustificazione e ammenda.

                                                                                          • martello carlo scrive:

                                                                                            Mi sembra ovvio, SILVESTRO è talmente deteriorato che interpreta perfettamente il declino del suo cacchio di partito.
                                                                                            Risultato? Da una proposta di discussione seria è riuscito a mandare tutto in vacca per timore che si potesse arrivare a BIBBIANO.

                                                                                          • Silvestro scrive:

                                                                                            Questo si chiama PREGIUDIZIO ed è cosi radicato e profondo nel tuo atteggiamento da impedirti di esprimere un pensiero autonomo su un argomento che tu stesso hai proposto e sul quale chiedi l’opinione altrui rinunciando alla tua.

                                                                                            • Gatón scrive:

                                                                                              Non pregiudizio, bensì esperienza.
                                                                                              Vai a vedere cos’è successo anche l’ultima volta che tu hai proposto un argomento di discussione ed io ho avuto la bontà di risponderti.

                                                                                            • martello carlo scrive:

                                                                                              Il pregiudizio è tutto tuo: GATON ha proposto un tema neutro, agostano e tu gli hai impedito di rispondere ai pareri altrui, come è successo per il mio, il che quanto meno è distruttivo per il blog come ben si addice ad un pidiota ZINGARETTESCO

                                                                                      1. marco.com scrive:

                                                                                        Piu Fallaci e meno Carola
                                                                                        Una sintesi perfetta
                                                                                        Complimenti sinceri

                                                                                        Fin qui la parte facile
                                                                                        Anche dire “retorica 1 contro retorica 2” è facile
                                                                                        Ci aspetta una lunga traversata nel deserto
                                                                                        What about the news in USA? Does the final war begin to form?
                                                                                        Let’s know, d.

                                                                                        1. Silvestro scrive:

                                                                                          E cosi la VON DER LEYEN è venuta in Italia in sordina, quasi di nascosto.
                                                                                          E‘ stata ricevuta da Conte, un Presidente del Consiglio solitario, che più che un discorso di etichetta e stima personale non ha potuto fare.
                                                                                          Un Conte isolato che ha fatto fatica perfino a fornire i nomi dei possibili candidati commissari (Buongiorno, Fontana, Garavaglia), nomi che hanno perfino difficoltà con l’inglese ed alcuni evidentemente privi di quelle competenze necessarie a ricoprire il ruolo di titolare di un portafoglio di peso.

                                                                                          Eravamo partiti con grandi, promesse, “faremo una rivoluzione in Europa” , “stiamo costruendo il futuro”, “vogliamo diventare il primo partito europeo”, “la rivoluzione del buonsenso arriverà in tutta Europa”.
                                                                                          Ma come ho già detto, l’Italia non è il centro del mondo, ma nemmeno il centro dell’Europa, ed il suo buonsenso si è rivelato diametralmente opposto a quello degli altri. Ci hanno creduto solo i “BOCCALONI DE NOALTRI”, e sull’onda di questa iniziale illusione, Salvini prima decide di appoggiare la von der Leyen, poi di votare contrario, in disaccordo con gli alleati di ferro di Visegrad, spaccando anche la maggioranza del Governo, e certificando un solitario e preoccupante isolamento politico.
                                                                                          Capito l’andazzo Giorgetti, l’unico vero candidato forte, rinunciava, e le mezze figure proposte all’ultimo momento corrono il rischio di doversi accontentare di uno sgabello piuttosto che di una poltrona di peso.

                                                                                          Ma vista la situazione, è proprio quello che cerca IL GRANDE STRATEGA. Non l’interesse dell’Italia e degli italiani ma quello del consenso personale nei confini nazionali. E’ molto più facile “chiamarsi fuori”, tenersi le mani libere, cercare il nemico esterno, dare la colpa agli altri che vale per l’Europa come per l’alleato di governo.

                                                                                          In pratica è pronto per la grande battaglia sulla legge di bilancio d’autunno. Una litania cinica ed aggressiva contro burocrati, banchieri, buonisti, barconi, invocando la Madonna “che ci porterà alla vittoria” , ma in attesa del giudizio dei mercati finanziari.

                                                                                          Cuoricini e bacioni salviniani.

                                                                                          • Gatón scrive:

                                                                                            Se volevano un candidato che l’inglese lo parla quasi fosse madrelingua potevano sempre proporre Renzi.
                                                                                            Però mi chiedo quale importanza possa avere la conoscenza di questa lingua in un’Europa che si sta preparando ad una uscita senza accordi del Regno Unito.
                                                                                            Certo meglio il tedesco, forse il russo, non si sa mai…
                                                                                            Buona spiaggia a tutti.

                                                                                            • Silvestro scrive:

                                                                                              Capisco che la Bongiorno sarebbe stata più a suo agio con il dialetto napoletano, ma in un ambiente variegato dove la lingua più condivisa tra le varie nazionalità è l’inglese, se devi quotidianamente interagire con colleghi e collaboratori di ogni Stato, la prima cosa fondamentale, ovviamente, è quello di capire e farsi capire senza difficoltà.

                                                                                              Non credo sia difficile comprendere anche per i seguaci leghisti che a Bruxelles non è sufficiente essere “uno di noi” e nemmeno battere i pugni sul tavolo, se poi per motivi meramente linguistici non riesci nemmeno a dibattere i problemi.

                                                                                              Come Presidente della Commissione europea era stato proposto FRANS TIMMERMANS, che conosce bene l’italiano, innamorato del nostro Paese perché figlio di un diplomatico vissuto a Roma per anni. Ma il Governo rifiutò la candidatura perché (disse Conte/Salvini) “non possiamo accettare nomi decisi altrove”.

                                                                                              La VON DER LEYEN invece …. GRANDE STRATEGIA!!!!!!

                                                                                              • Gatón scrive:

                                                                                                Se intendi il napoletano come seconda lingua del Regno delle due Sicilie, concordo, come pure sull’inglese.
                                                                                                A rettifica di quanto affermato sopra, meglio una lingua terza, mette quasi tutti sullo stesso piano.

                                                                                                • Gatón scrive:

                                                                                                  Chi vive esperanto muore ca*anto.

                                                                                                • Silvestro scrive:

                                                                                                  Serve pragmatismo e concretezza per affrontare i problemi oggi, no idealismi visionari e impraticabili.

                                                                                                  L’ESPERANTO ne è la conferma.

                                                                                          1. martello carlo scrive:

                                                                                            Per chi come me coltiva ancora nel cuore il sentimento della COMPASSIONE è stato STRAZIANTE assistere alla disperata difesa del QUARTO POTERE da parte di chi è logorato per non detenerne nemmeno più quel tanto che possa aggiungere o togliere un 1% del consenso
                                                                                            Lo spettacolo è stato (s)offerto stamane su ” IN ONDA ” da un quintetto di giornalisti che se la cantavano e se la suonavano come fosse il ” REQUIEM in D minore ” di MOZART : PARENZO, TELESE, RIZZO, PADELLARO e FONTANA ( quello del corsera ) nel tentativo di dileggiare il rozzo parlare di SALVINI con il loro parlar forbito da clarinetti servi di un padrone, non hanno nemmeno lontanamente pensato che io fossi l’unico costretto a casa ad ascoltare la loro funebre musica, mentre lo share era a MILANO MARITTIMA e nemmeno che il REQUIEM fosse per loro.
                                                                                            C’è la cassa integrazione per certi pennivendoli? La mia COMPASSIONE spera di sì

                                                                                            1. martello carlo scrive:

                                                                                              Con quale appellativo si può chiamare GOZZI, ex sottosegretario alle politiche europee ora passato al governo MACRON con la stessa qualifica?
                                                                                              TRADITORE? VENDUTO? SPIONE? TALPA?
                                                                                              Senza sprecare tanti aggettivi che per quanto offensivi non rendono abbastanza l’idea, penso che il termine che più gli si addice sia PIDIOTA.
                                                                                              Egli infatti non è che la punta dell’iceberg di un partito che, pur senza andare fisicamente in francia, prende ordini come il più servile dei LACCHE’ direttamente dall’ELISEO.
                                                                                              Solo i pentastellati riescono a superarli quanto a capacità distruttive contrarie agli interessi del NOSTRO PAESE.

                                                                                              1. Gatón scrive:

                                                                                                Se puoi (vuoi) essere intellettualmente onesto puoi capire che non ho minimizzato, tanto meno giustificato, alcun crimine.
                                                                                                Non mi sono lamentato per la durezza della condanna, dove mai ?, ne’ ho giustificato il comportamento di Traini chiamando in causa il brutale omicidio della povera Pamela.
                                                                                                Se invece vuoi continuare ad interpretare le cose a modo tuo fai pure, tanto ci siamo tutti abituati.
                                                                                                Da un pezzo.

                                                                                                • Silvestro scrive:

                                                                                                  Dunque quella tua frase può essere letta in due modi:
                                                                                                  1 – Al Traini è stata inflitta una pena troppo dura visto che non ci sono state vittime
                                                                                                  2 – Il giudice (di sinistra) ha applicato in modo discutibile una pena per strage anche se non ci sono stati morti ammazzati.
                                                                                                  Per giustificare quella frase hai citato titoli di giornali per distinguere “strage” da “tentata strage”, poi mi hai accostato ai gechi e alle mosche, fino a attribuirmi “interpretazioni comode solo alla mia tesi” quando non hai nemmeno letto per intero la pagina vikipedia segnalata.

                                                                                                  Considerando che nessuno nel blog è obbligato a giustificare le proprie affermazioni, trovo francamente incomprensibile che dopo due giorni di botta e risposta cerchi ancora oggi di spiegarmi quello che tu stesso hai scritto.

                                                                                                  Non ci conosciamo di persona, quindi dietro il nickname il tuo orgoglio e la tua dignità sono intatte. Ma ci incrociamo da tempo su questo blog e suppongo di conoscere bene il tuo pensiero. La mia interpretazione l’ho già data e non sarà certo questo tuo nuovo post che mi fa cambiare idea.
                                                                                                  Dopo di ché si può sostenere che io sono in malafede, oppure che tu rilasci ambiguamente mezze sentenze che si possono smentire. In ogni caso l’onesta intellettuale non c’entra e credo che chi frequenta il blog non sia interessato più di tanto.

                                                                                                  Spero con questo che l’argomento sia chiuso.

                                                                                                  • Gatón scrive:

                                                                                                    “Ti ricordo che dopo la condanna di Traini a 12 anni per tentata strage a Macerata con l’aggravente dell’odio razziale, TU, PROPRIO TU, su questo stesso blog ti sei lamentato per la condanna troppo dura perché in fin dei conti “non aveva ucciso nessuno”.”
                                                                                                    Se sei capace di leggere, non mi sono lamentato di niente, ho soltanto chiesto se si potesse definire strage il gesto sconsiderato di Traini, senza alcun commento circa l’entità della condanna.
                                                                                                    Il resto sono soltanto silvestrate, ovvero masturbazioni dementali.

                                                                                                • martello carlo scrive:

                                                                                                  Non capisco perché ti ostini tanto a combattere su codici, commi, art. dei CP, CC, CPC. con un pidiota.
                                                                                                  Ormai dovresti sapere che le toghe sono politicizzate e vanno in carriera per interpretazioni.
                                                                                                  Quando leggi “Clandestino stupratore seriale era tornato libero in un giorno”, “Clandestino espulso tre volte
                                                                                                  punta la lama contro il militare”, “Picchia un poliziotto: “È profugo, niente cella”", cosa puoi pretendere, che siano tolleranti nei confronti di qualche italiano indignato per la macellazione di una drogata da una comunità trasferitasi dalla NIGERIA a MACERATA per guadagnarsi onestamente il pane e riscattarsi dalla miseria ( LADRA ), spacciando droga ( iva inclusa ) ad uso di abitanti, noti fin dall’antichità per la dipendenza dalle droghe?
                                                                                                  Gli ALLUCINIGENI ormai sono assunti ai più alti livelli: io e te NON SIAMO IN GRADO DI GIUDICARE.
                                                                                                  Arrenditi , caro GATON, altriment5i ti mando qualche assistente sociale LGBT per impedirti di vedere i NIPOTINI.
                                                                                                  IO NON CAPISCO PERCHE’ DI FRONTE A COTANTA SEVERITA’ NEL PUNIRE TALI REATI NEI CONFRONTI DELLA FORZE DELL’ORDINE, GLI ITALIANI QUALUNQUE, SI SENTANO COSI’ INSICURI.
                                                                                                  LA STESSA DOMANDA LA PORREI ALLA PAZIENZA DELLA POLIZIA

                                                                                                1. Gatón scrive:

                                                                                                  https://www.repubblica.it/cronaca/2018/10/03/news/macerata_traini_processo-208029128/
                                                                                                  Questo è l’articolo de “la Repubblica” del 3 ottobre al quale mi riferivo col mio post del giorno successivo.
                                                                                                  Tanto per mettere i puntini sulle i.

                                                                                                  • Silvestro scrive:

                                                                                                    Questa ostinazione nel voler contestare ad ogni costo sentenze che non sono gradite (con tutti i sospetti del caso) è veramente inconcepibile.

                                                                                                    E ALLORA METTIAMO ANCHE I PUNTINI SULLE I.
                                                                                                    Vai su Vikipedia, alla voce “STRAGE” vedrai che questo reato (art.422 cp) è previsto anche se non ci sono vittime. Infatti l’accusa sussite quando vengono posti in essere “atti idonei a mettere in pericolo la pubblica incolumità”. Nel caso di vittime si aggiunge, ovviamente, il reato di omicidio. TUTTO CHIARO???

                                                                                                    PS: Per fugare ulteriori illazioni ti interessarà sapere che questo articolo appartiene al Regio Decreto 19 ottobre 1930, n. 1398 cioè a Mussolini.

                                                                                                    • Gatón scrive:

                                                                                                      Da Wikipedia
                                                                                                      «Chiunque, fuori dei casi preveduti dall’articolo 285, al fine di uccidere, compie atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumità è punito, se dal fatto deriva la morte di più persone, con la morte (pena sostituita con l’ergastolo). Se è cagionata la morte di una sola persona si applica l’ergastolo. In ogni altro caso si applica la reclusione non inferiore a quindici anni.»
                                                                                                      (Articolo 422 Codice penale italiano)
                                                                                                      Il tuo intervento mi ricorda tanto l’estrapolazione non contestualizzata di alcune frasi da intercettazioni telefoniche.
                                                                                                      Hai scritto solo quanto faceva comodo alla tua tesi.

                                                                                                      • Silvestro scrive:

                                                                                                        Cos’è che fa comodo alla mia tesi.
                                                                                                        Cosa dice l’ultima riga dell’art. 422 che che tu stesso scrivi:

                                                                                                        “ ….In ogni altro caso si applica la reclusione non inferiore a quindici anni”

                                                                                                        E cosa significa!! Lo leggi cinque righe dopo proprio nella stessa pagina vikipedia:

                                                                                                        “Il delitto di strage è integrato, quanto alla condotta, dal solo porre in essere atti idonei a mettere in pericolo la pubblica incolumità. È pertanto classificato fra i reati a consumazione anticipata e non è ammissibile il tentativo” (di strage).

                                                                                                        Ed è ovvio che sia cosi. Altrimenti nello specifico il Traini che dichiara e conferma di voler fare una strage di immigrati, prende una pistola, spara per strada a quasiasi nero che incontra e siccome ha una mira farlocca, non ammazza nessuno ma li ferisce e quindi gli fanno uno sconto di pena….

                                                                                                        Se non sei convinto scrivi su google “strage reato a consumazione anticipata” e vai a vedere cosa significa prima di insistere con stupidaggini.

                                                                                                    • Gatón scrive:

                                                                                                      Non ho contestato alcuna sentenza, ne’ tanto meno minimizzato il gesto dello sparatore.
                                                                                                      Ho semplicemente chiesto se si possa essere accusati e condannati per strage senza aver ucciso nessuno.
                                                                                                      Ma a discutere con un punto morto superiore non ci può essere alcuna soddisfazione.

                                                                                                  • marco.com scrive:

                                                                                                    Imbarazzante
                                                                                                    A destra sono santi
                                                                                                    Allucinato sono

                                                                                                    • Gatón scrive:

                                                                                                      Che tu sia sotto l’effetto di allucinogeni mi è chiaro.
                                                                                                      E’ sufficiente leggerti.

                                                                                                      • marco.com scrive:

                                                                                                        È un fatto che quando salvini fa delle cazzate (statisticamente anche lui può farne se si ha l’onesta di considerare la possibilità) e qualcuno lo evidenzia, se a farlo è uno di sx, ti scatta una reazione irrefrenabile di contrattaccare
                                                                                                        La frase “lavori forzati a vita” è fin troppo evidente che ha un sapore di vero vero innegabilmente vero sapore di basso basso rango

                                                                                                        Io credo che persone come crucio e negri abbiano influenzato negativamente altre persone fini a indurli ad atti criminali e non giustificabili da alcuna ideologia
                                                                                                        Questo oltre ogni ragionevole dubbio

                                                                                                        Io credo che le sparate e i modi utilizzati da salvini siano capaci di generare o almeno supportare un clima assai contiguo al razzismo e contrario ai principi di civiltà della nostra società
                                                                                                        Per lo meno credo che ci sia il ragionevole dubbio

                                                                                                        Sempre allucinato sono dalle cose infamanti che leggo

                                                                                                        • Gatón scrive:

                                                                                                          Non stiamo discutendo di Salvini, stiamo verificando se, secondo me, qualcuno a destra giustifica i reati commessi da italiani citando reati commessi da stranieri e se a sinistra qualcuno giustifica i reati commessi da stranieri chiamando in causa quelli commessi dagli italiani.
                                                                                                          Poi qualcuno va fuori tema, interpreta a modo suo quanto scritto da altri e ne pretende giustificazione ed ammenda.

                                                                                                  1. Silvestro scrive:

                                                                                                    Ma sul carabiniere ucciso a Roma nessuno ha qualcosa da dire, oppure ci deve essere sempre qualcuno che lancia il sasso cosi poi è più facile sputare sentenze.

                                                                                                    • martello carlo scrive:

                                                                                                      Allora ammetti che stai a tirà sassi, oppure, se ti riferisci alla VIRGOLA, che stai a sputà sentenze…..

                                                                                                      Cosa vuoi che ti diciamo, tanto sappiamo che la buttate su SALVINI, sulla ingiusta demonizzazione dei magrebini e degli immigrati in genere, poveretti.
                                                                                                      Del carabiniere vittima di balordi drogati non vi frega quasi nulla.
                                                                                                      Comunque, qui c’è, dentro alle istituzioni, qualcuno che gioca sporco, che mette bende, manette, fa foto e le manda in giro: che non ci siano davvero le tanto derise “MANINE”?

                                                                                                      Attento, SILVESTRO, altrimenti la cosa si allarga e si va a parlare della scuola, degli insegnanti radical chic che dicono ” MENO UNO con lo sguardo poco intelligente “, si va alle porcherie di RIGNANO, ai diritti civili LGBT tanto cari al PD, alla legge contro l’omofobia ed al controllo dell’odio informatico da parte della censura partigiana.

                                                                                                      Ti conviene lasciar passare l’onda e tornare al RUBLIGATE.

                                                                                                    • Gatón scrive:

                                                                                                      Allora, un assist te lo faccio io così potrai provare a ributtare la palla nel mio campo.
                                                                                                      Se ti aspetti un autodafé per le affermazioni di alcuni leaders a proposito dei presunti magrebini, ti faccio notare che a tirare in ballo questo tipo di persone è stato lo stesso spacciatore, come riportato da
                                                                                                      https://www.huffingtonpost.it/entry/ecco-come-nata-la-pista-dei-maghrebini-sulla-morte-del-carabiniere-mario-rega-cerciello_it_5d3c9b39e4b0ef792e0d0238
                                                                                                      Inquietante la foto del complice del “reo confesso!” ammanettato e bendato, sembra l’offerta di una via di fuga per entrambi, il che avvalora l’ipotesi da qualcuno avanzata che i due americani siano la cortina fumogena dispiegata al fine di permettere la sparizione dei veri colpevoli.
                                                                                                      Da parte mia mi permetto di osservare che mai a destra i delitti commessi da persone irregolarmente presenti sul territorio nazionale sono stati strumentalizzati per giustificare o minimizzare quelli perpetrati da autoctoni, mentre a sinistra il contrario è all’ordine del giorno.

                                                                                                      • Silvestro scrive:

                                                                                                        La distinzione tra destra e sinistra assimilata a buoni e cattivi, nel blog ci sta a condizione che non sia un amore cieco.

                                                                                                        Premesso che ogni imputato è innocente fino a sentenza definitva (Salvini Docet), la politica dovrebbe SEMPRE starsene fuori dalle indagini giudiziarie.
                                                                                                        Viceversa fin dalle prime ore della mattina è stato rilanciato dai politici e social una «caccia al nero» senza fondamento, mentre Ministri e parlamentari utilizzavano parole come «bastardi» e si auguravano che «i colpevoli marciscano in galera», invocavano «pene esemplari». Che tutto questo si tenti ora di addebitarlo a delle dichiarazioni emotive raccolte in un ambiente di drogati, esaltati e ubriachi con zero affidabilità è francamente ridicolo.

                                                                                                        Sulla fotografia dell’americano bendato e ammanettano, trascuro qualsiasi illazione sulle motivazioni. E’ però certo che è stata fatta all’interno della caserma, e, pur comprendendo lo stato emotivo dell’arma, è chiaro che ci sono soggetti che operano border line creando un danno all’immagine di tutto il corpo dei Carabinieri. Lo scandalo sulla vicenda Cucchi è ancora aperto e dovrebbe indurre a maggiori cautele. Anche su questo caso, giusto per allargare un attimo lo sguardo, Salvini ebbe a dire «Ilaria Cucchi? Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello, ma mi fa schifo… io sto sempre con Polizia e Carabinieri».

                                                                                                        Infine:“mai a destra i delitti commessi da persone irregolarmente presenti sul territorio nazionale sono stati strumentalizzati per giustificare o minimizzare quelli perpetrati da autoctoni …”.
                                                                                                        Ti ricordo che dopo la condanna di Traini a 12 anni per tentata strage a Macerata con l’aggravente dell’odio razziale, TU, PROPRIO TU, su questo stesso blog ti sei lamentato per la condanna troppo dura perché in fin dei conti “non aveva ucciso nessuno”.

                                                                                                        • Gatón scrive:

                                                                                                          Ho scritto testualmente :
                                                                                                          “Senza nulla togliere alla condanna del gesto, ma è possibile essere colpevoli di strage senza aver (fortunatamente) ucciso nessuno ?” contestando l’accusa di STRAGE e non tentata strage.
                                                                                                          In ogni caso non ho con questo giustificato il gesto dell’assassino nigeriano, come altri hanno fatto.
                                                                                                          Stai diventando sempre più bravo ad imitare i gechi.
                                                                                                          O, più verosimilmente, le mosche.

                                                                                                    1. moreno scrive:

                                                                                                      by by

                                                                                                      oppure era meglio bye bye?

                                                                                                      • Gatón scrive:

                                                                                                        Stavo per scriverlo io, mi fa piacere che anche altri conoscano l’inglese.
                                                                                                        E porrei anche attenzione all’uso del termine “sardegnolo”.

                                                                                                        • martello carlo scrive:

                                                                                                          La tua domanda è ovviamente retorica
                                                                                                          Sai benissimo che sardegnoli è un termine dispregiativo di sardi, oppure un modo usato in alcune regioni per denominarli.
                                                                                                          Non credo che ZWIRNER abbia avuto intenzioni di usare il termine in senso spregiativo, ma semplicemente in forza di una vecchia abitudine veneta e nemmeno ad un errore, visto che poi li definisce correttamente.

                                                                                                          Per quanto riguarda il ” BY BY “, noto con piacere ( sadico ) che, al blog oltre alla ” , ” si sono aggiunti anche dei ” ; ”

                                                                                                          PS. il termine sardegnolo si riferisce propriamente ad un asino autoctono

                                                                                                      • marco.com scrive:

                                                                                                        by by

                                                                                                      1. Andrea Varni scrive:

                                                                                                        Bla bla bla

                                                                                                        1. Marco.com scrive:

                                                                                                          martello by by

                                                                                                          1. martello carlo scrive:

                                                                                                            MACCHÉ DIMISSIONI DI ZAIA: QUESTA È L’ORA DELLE DECISIONI, PRENDENDOSI RESPONSABILITÀ ANCHE PERSONALI COME LO SCIOPERO FISCALE!!!
                                                                                                            Senza arrivare a tanto, considerandola come ultima soluzione per il mitico PRESIDENTE DEL VENETO, ritengo ci siano soluzioni più morbide come ad esempio l’organizzazione di un sistema legale per favorire l’elusione e detrazioni per favorire inefficienza sul modello meridionalista che produca un minor residuo fiscale da regalare all’INEFFICIENZA in modo che i risultati dell’EFFICIENZA restino nel territorio, insomma ogni azione che, imitando lo sfruttamento sudista, trattenga sul territorio i benefici furbastri/mafiosi dagli altri.
                                                                                                            FACCIO UN ESEMPIO PROVOCATORIO: AUMENTIAMO DEL 300% lo stipendio degli ASSASSORI e CONSIGLIERI DELLA REGIONE VENETO e facciamo in modo, come insegnano i GRILLOSI, che vengano devoluti a fiondazioni territoriali per l’aiuto ai DISABILI, ai SENZATETTO COMUNALI, che so, magari ai superstiti delle vittime delle FOIBE….
                                                                                                            Insomma, abbiamo i migliori commercialisti d’italia, gran fatto che non si riesca a trattenere nel territorio i frutti del nostro lavoro nei confronti del LATROCINIO PARASSITARIO MAFIOSO?
                                                                                                            IN REGIONE SONO 4 DEFICIENTI?
                                                                                                            DIMISSIONI DI ZAIA….. MA CA CAXXO!!!!
                                                                                                            Ora come ora la potenza economica del NORD, di CHI PRODUCE, è considerata ” MINUS QUAM MERDAM ” ( MI SCUSI IL NASO SOPRAFFINO COI CALLI DI SILVESTRO ): vince sempre il piagnisteo QUAQUARAQUA, cioè LA DIALETTICA RISPETTO AI FATTI ( E CI DANNO PURE DEGLI IGNORANTI E BARBARI QUESTI MANGIASAPONE CHE AVREBBERO GIA’ FATTO LA FINE DELLA GRECIA SENZA IL NORD ITALIA ).
                                                                                                            Questo situazione non è più sostenibile: schiacciati tra l’incudine mafiosa ed il MARTELLO UE, chi produce conta meno dell’ultimo dei invalidi del RIONE SANITÀ di Napoli, il che significa che se continua con questta supremazia burocratica meridionale, l’Italia non è più recuperabile al novero delle SOCIETA’ CIVILI.
                                                                                                            L’ITALIA DEVE ESSERE UNIFICATA INNANZITUTTO SOTTO IL PROFILO CULTURALE E DELLA PRODUTTIVITA’: NON E’ PIU’ POSSIBILE TOLLERARE CHE QUALCHE INTELLETTUALOIDE TERRONE INSINUI CHE ORMAI LA MAFIA, LA CAMORRA, LA ‘NDRANGHETA STIANNO DIVENTANDO AUTOCTONI DEL NORD, ignorando la SCHIFOSA OPERA DEI CAPORALI ( IMMIGRATI CHE£ COSTITUISCONO L’OSSATURA DI CERTE AGENZIE DI CERTE RISCOSSIONE CREDITI ).
                                                                                                            NON E’ LA NOSTRA MENTALITA’, E QUESTA VISIONE potrebbe giustificare L’AVVERSIONE ALL’IMMIGRAZIONISMO, FOSSE SOLO DAL MERIDIONE.
                                                                                                            TUTTO IL RESTO, COMPRESO IL RUBLIGATE RIENTRA NELLA DISTRAZIONE DI MASSA ALLA URSULA VON DER LEYEN/MACRON PER LA SUPREMAZIA FRANCO TEDESCA SULL’EUROPA ( fin ché dura, dal momento che prima o poi finirà come l’inciucio PETAIN/HITLER per incompatibilità genetica/suprematista/SOVRANISTA all’ennesima potenza.
                                                                                                            SALVINI HA SCOMMESSO SULLE FORZE POSITIVE DEL SUD, ACCETTANDO e favorendo IL GIUSTO COMPROMESSO DEL RDC, MA ORA SPETTA AI MERIDIONALI APRIRSI ALL’ESEMPIO ED ALL’EFFICIENZA DELLE REGIONI GOVERNATE DALLA LEGA:
                                                                                                            SE COSI’ NON DOVRESSE ESSERE, SI VANIFICHEREBBE LA ( MERITORIA? ) OPERA DI SALVINI PER ricondurre l’Italia all’ IDENTITA’ DI UN MINIMO COMUN DENOMINATORE.
                                                                                                            A QUESTO PUNTO, prima o poi i proporrebbe una scelta per il NORD:
                                                                                                            -SOTTOMETTERSI ALLA BUROCRAZIA MAFIOSA MERIDIO0NALE
                                                                                                            -ACCETTARE LA SUPREMAZIA FRANCO EUROPEA DI UNA BUROCRAZIA EFFICIENTE.

                                                                                                            FRANCAMENTE, IN ASSENZA DI ALTERNATIVWE, NON AVREI DUBBI: VIVE LA FRANCE.

                                                                                                            CONTENTI?????

                                                                                                            1. Silvestro scrive:

                                                                                                              Ma il mio post su Moscopoli non parla di giustizia o di finanziamenti / tangenti.
                                                                                                              Ho parlato esclusivamente del ruolo istituzionale del Ministro, del rispetto degli organismi costituzionali, del dovere di presentarsi nei luoghi e nelle sedi opportune per motivare e spiegare, soprattutto se si tratta di balle.
                                                                                                              C’entra anche la meschinità della persona, il riguardo per quelle istituzioni che Salvini tratta spesso come fronzoli inutili, c’entra il tono sprezzante, c’entra l’arroganza, c’entra la credibilità e la dignità stessa di un uomo che fugge sempre quando il chiarimento non è su FB.

                                                                                                              Ma tutto questo ai fanatici del LIKE non interessa e spiega molti atteggiamenti.

                                                                                                              PS: Martello su questo blog è sempre più convinto di essere a casa sua. Quando è in difficoltà e manda AFFANCULO i familiari, questi magari si tacciono. Ma nel blog non è cosi, non ci sono sudditanze, ed il nickname non maschera certo l’intelligenza di chi con i vaffanculo crede di parlare sempre con sua moglie.

                                                                                                              • Marco.com scrive:

                                                                                                                Quello che vuoi, ma piaccia o non piaccia alla media degli italiani interessano solo questi temi: paura dell’immigrazione, paura della microcriminalità, tasse.
                                                                                                                I lavoratori dipendenti hanno negli occhi i dollaroni come paperon de paperoni per l’abbattimento delle aliquote
                                                                                                                I professionisti del nero possono dire “visto che è giusto non pagare le tasse”
                                                                                                                L’anti salvino non è ancora nato

                                                                                                                • Silvestro scrive:

                                                                                                                  Questo è innegabile, come è innegabile che Salvini cavalca in modo becero questi umori. Ma la domanda è se valgono solo ed esclusivamente i LIKE ed il consenso nazionale oppure se un Ministro della Repubblica Italiana non abbia anche il il dovere di guardare oltre.

                                                                                                                  L’italia non è l’ombelico del mondo, Salvini non è Trump come qualcuno ha tentato di affermare. Noi abbiamo bisogno di credibilità, di fiducia internazionale non solo dei Paesi europei ma anche delle organizzazioni internazionali e dei mercati finanziari.
                                                                                                                  Gli italiani che oggi osannano Salvini sono gli stessi che pretendono il rispetto, che lamentano di essere lo zerbino di altri, che si sentono sfruttati. Ci sono delle buone ragioni, ma la questione è quanto ci aiuta sul piano internazionale questo atteggiamento.
                                                                                                                  Alzando la voce, battendo i pugni sul tavolo (al quale spesso siamo assenti) cosa abbiamo guadagnato concretamente ed in credibilità fino ad ora ad es: sull’immigrazione; sulla legge di bilancio del 2019; sulla manovra correttiva di assestamento del 1 luglio scorso; sulle nomine dei vertici UE.
                                                                                                                  Se la media degli italiani continuerà a privilegiare solo esibizioni muscolari, ci sono buone possibilità che il risultato sia disastroso.

                                                                                                                  Se la smettiamo di guardaci solo la punta dei piedi questi potrebbero essere buoni argomenti da dibattere.

                                                                                                              1. Flower scrive:

                                                                                                                By by, bye bye, bai bai, bau bau.
                                                                                                                Bah, o l’inglese lo si sa altrimenti è meglio un sano “arrivederci”.

                                                                                                                • Marco.com scrive:

                                                                                                                  Io avevo pensato che – strafalcione ortografico a parte – herr Direktor intendesse “goodbye” cioè “addio”
                                                                                                                  Anyway: son tutte pagliacciate ad uso e consumo del pubblico sempre più appassionato ai grandi cra cra cra ranocchieschi

                                                                                                                1. marco.com scrive:

                                                                                                                  È stata pubblicata una mail di salvino che accredita Savoini a partecipare agli incontri a Mosca
                                                                                                                  È una prova evidente di falsità e di arroganza nel difendere la falsità in spregio di tutti
                                                                                                                  Ma per molti questo non conta niente
                                                                                                                  Perché la loro moralità è la sopraffazione

                                                                                                                  1. Mauro scrive:

                                                                                                                    E chi sarebbero "i sardegnoli"?

                                                                                                                    1. Oste Chri scrive:

                                                                                                                      Il titolo si intende ciao ciao (bye bye) o da da (by by)????

                                                                                                                      1. marco.com scrive:

                                                                                                                        Nel precedente topic l’avevo scritto
                                                                                                                        Assistiamo a scambi di favori dal sapore di propaganda per allocchi
                                                                                                                        Solo propaganda nient’altro che propaganda
                                                                                                                        Evidentemente a tanti italiani (5s+lega) piace farsi prendere per il culo
                                                                                                                        Vicenda Carola: distrazione di massa
                                                                                                                        Vicenda hotel Metropoli: distrazione per nostalgici della polemica (per qualcuno il fatto che Mosca finanziasse il pci è sufficiente per chiudere gli occhi oggi sulle possibili e probabili tangenti alla lega. Questa è disonestà intellettuale oppure deficit intellettuale)
                                                                                                                        Vicenda TAV: veramente qualcuno pensa che questa cosa sia così fondamentale?io no
                                                                                                                        Vicenda Siri: naturalmente essendo della lega, egli è sicuramente innocente , l’inchiesta è “a orologeria “ e la magistratura essendo rossa e la sola colpevole della situazione italiana

                                                                                                                        Siamo per fortuna in democrazia: chi ha avuto i voti del popolo sta governando. Sta governando male malissimo ma sta al governo
                                                                                                                        Fascismo vuol dire squadracce che picchiano gli avversari e non c’è libertà di stampa
                                                                                                                        Oggi non ci sono le squadracce e c’è la più ampia libertà di pensiero
                                                                                                                        Comunismo vuol dire che i mezzi di produzione sono di proprietà dello stato
                                                                                                                        In Italia non c’è mai stato il comunismo , chi lo afferma è un deficiente

                                                                                                                        • diogene scrive:

                                                                                                                          Molto interessante il punto sul tema di Mosca.

                                                                                                                          Il punto è “avere a cuore oppure non avere a cuore” di capire se la Russia stia finanziando partiti anti UE.

                                                                                                                          Nessun dubbio che si parte dai fatti “in passato l’URSS ha finanziato il PCI” e che “il finanziamento di Putin a Salvini è solo a livello di sospetto”. Un fatto è rilevante, un sospetto lo è meno.

                                                                                                                          Il fatto che in passato l’URSS abbia finanziato il PCI, rafforza il sospetto che la Russia di adesso, in continuità con il passato di URSS, continui a fare lo stesso anche adesso.

                                                                                                                          Detto in altre parole, proprio perchè si sa che in passato i russi hanno questa propensione, a maggior ragione ci dovrebbe interessare se la stanno ancora usando.

                                                                                                                          Il fatto che l’URSS finanziava il PCI è da condannare e quindi se oggi Putin finanzia Salvini, anch’esso sarebbe da condannare. Oppure no ?

                                                                                                                          La conclusione è questa: questo argomento non interesa, l’importante è che governi Salvini. A costo di calpestare la propria coscienza e non spiegare chiaramente perchè di questa posizione (e io lo conosco il perchè)

                                                                                                                      Rispondi a martello carlo

                                                                                                                      Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                                                                      Accetto i termini sulla privacy

                                                                                                                      *