16
set 2019
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 9 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.323

PENSIAMO POSITIVO (E NO VITTIMISMO)

Ora però non entriamo nel loop del vittimismo. Lamentarsi non serve a nulla, anzi può essere controproducente. Da sempre chi scrive trova discutibile “l’arbitrio” che si cela dietro all’uso del Var. Ieri ne abbiamo avuto una nuova conferma e il fenomeno non tocca solo il Verona. Non contesto e nemmeno trovo scandalose le decisioni in sé (ho visto di peggio, gli episodi incriminati sono discutibili ma non fuori dal mondo), quello che urta (e parecchio) è l’ormai bulimico ricorso alla tecnologia di arbitri privi di personalità e spogliati di responsabilità.

Prendete il fallo di Stepinski: al 20′ e in quel contesto di gioco un arbitro deve assumersi l’onere della decisione valutando la dinamica in cui avviene l’intervento scorretto. Stepinski non vuole far male e non ha intenzione nemmeno di commettere fallo. Bastava il giallo. Ma è chiaro che se ricorri al Var – che fissa solo il fatto in sé decontestualizzandolo – la prospettiva cambia. Ma allora dovremmo chiederci: è ancora calcio? Il calcio è sport dinamico e di contatto, non è per definizione “oggettivo” o “scientifico”, insomma non è il tennis o la pallavolo che si prestano alla tecnologia o nei quali infatti la tecnologia funziona benissimo. Storia vecchia, direte, di cui si discute da un anno, dall’ingresso della “moviola in campo”. Sia chiaro, bene la tecnologia, ma se da strumento di aiuto diventa soggetto prevaricante allora si trasforma in tecnocrazia.

Ma dicevo, guai a piangere vittimismo. Juric intelligentemente non si è prestato, sa come funzionano certe cose. Il rischio involontario sarebbe dare alibi alla squadra, che sarebbe più debole se si sentisse perseguitata. Alla terza giornata e con 4 punti in classifica sarebbe ridicolo. Meglio ripartire dalle (tante) cose buone viste ieri sera e analizzare quello che ancora non va.

Mi è piaciuta la difesa: qui si sta confermando Rrhamani e imponendo Kumbulla, sempre più bravo. Gunter ancora non mi convince e l’ingenuità sul rigore non è un errore veniale. Difetti? Noto una certa lentezza, si soffre sulle infilate verticali. Juric – in attesa di avversari più dinamici del Milan -  deve metterci una toppa con la tattica. Mentre poco si può fare sull’altra carenza: siamo “corti”, non vedo alternative all’altezza dei titolari. Durante il mercato, mentre tutti parlavano della punta, scrivevo che serviva inserire almeno un altro difensore. Messaggio inascoltato.

Si conferma il centrocampo. Il reparto è ben assortito,  ci sono qualità, quantità e alternative. Attenzione a Pessina: questo che tu lo metta regista o sulla trequarti ha le movenze del grande giocatore. Lazovic a sinistra è sacrificato: aspettando Adjapong, Juric rifletta.

In attacco Stepinski, in quei venti minuti, ha confermato i limiti noti su quel pallone giocato male (cento tocchi fino a perdere il tempo) nei pressi dell’area. Deve ambientarsi e lavorare per migliorare i fondamentali.  Contro la Juve proporrei Di Carmine e non Tutino falso nove: il Verona deve abituarsi a giocare con un centravanti vero per trovare la sua fisionomia offensiva, oggi ancora carente.

Infine un plauso a Juric: la squadra è organizzata e ben disposta in campo e con una notevole condizione atletica (da anni non vedevo il Verona a questi ritmi). Il tecnico però deve incidere maggiormente sul gioco sulle fasce laterali e sulla fase offensiva in generale.

 

3.323 VISUALIZZAZIONI

9 risposte a “PENSIAMO POSITIVO (E NO VITTIMISMO)”

Invia commento
  1. Marko86 scrive:

    Oddio metti anche che giocare in una squadra derelitta con due gatti come tifosi non ti porti tutto questo entusiasmo e voglia di impegnarti…magari qui sarà giusto un “pochino” più motivato…

    1. MCMLXXI scrive:

      Ciao Francesco, concordo riguardo a Stepinski ma sono pessimista. Tifo Hellas ma sono orgogliosamente veronese e l’anno scorso mi sono visto parecchie partite del Chievo e Stepinski non l’avrei mai voluto al Verona: 1- Si è impegnato SOLO contro le grandi; 2- Non sa tenere la palla e quindi far salire la squadra e far respirare la difesa; 3- Fa dei falli stupidissimi ed assolutamente inutili (tipo quando il difensore è già nella cac.a la cosa più inutile da fare è fargli fallo e questo l’ha fatto sia domenica che TUTTO lo scorso anno) deve imparare a distinguere cosa è stupido da cosa è intelligente a livello di tattica; 4- Come dici tu dovrebbe migliorare la tecnica (ne ha poca) ma dubito abbia le qualità morali per farlo visto il poco impegno dello scorso anno e le polemiche di quest’estate. 5,5 MIL li vedo buttati. Spero per noi tifosi e per le casse dell’Hellas che Stepinski mi smentisca.

      1. schetch scrive:

        Totalmente d’accordo.
        A centrocampo siamo a posto anche quando verrà a meno una certa condizione fisica che mi aspetto prima o poi vista la densità di gioco. Perché stiamo giocando e questa è una grande notizia!

        1. Marko86 scrive:

          Totalmente d’accordo sull’inutilità di fare vittimismo, anche se l’arbitraggio è stato veramente insufficiente. Invece non capisco come puoi giudicare la fase offensiva del verona, tenendo conto che abbiamo giocato due partite in 10 e una senza attaccante centrale. Direi che è il caso di aspettare…anche perchè ieri abbiamo creato tre nitide palle gol, di cui due in 10 (più il rigore negato), mentre il milan è riuscito solo a prendere solo un palo con un tiro della domenica da fuori area.

          1. bruce scrive:

            Il risultato è casuale, la prestazione no e se tre indizi fanno una prova quest’anno abbiamo le carte in regola per poterci salvare alla grande anche se ovviamente occorrerà un pò di fortuna e (arbitri permettendo) poter giocare le partite in parità numerica.

            1. Riccardo scrive:

              Francesco
              siamo con concordi.
              parlando in generale
              la regola di punire il fallo di mano a prescindere dalla volontarietà lascia perplessi.
              se un difensore si gira per far scudo, ti sfido a tenere le braccia lungo il corpo. va contro la dinamica del movimento
              poi per ieri, i guardalinee i fuorigioco dubbi non li segnalano più rimettendo tutto al Var
              ieri no, ieri andava bene fermare il gioco.
              cmq basta
              niente piagnistei, rafforziamo la nostra tenuta e avanti così
              Ciao

              1. wallace scrive:

                il commento
                può essere anche condivisibile, certo, come dice sotto tomhv, se ti troverai a retrocedere x un punto, vedremo dove arrivera la tua pacatezza. Non parlerei di vittimismo, noi non ne abbiamo mai fatto. Il vittimismo e prerogativa di de laurenis, la iuve, l inter il milan..ce lo mettono sistematicamente nel qlo, salvo dire che c e il var e quindi decisione giusta.Caro Barana, se il var non tiene conto dell involontarietà di stepinsky, deve però a regola dare il rigore x noi, visto che il fallo comincia fuori, ma in quel caso la conseguenza e in area. Non sono daccordo sul difensore da prendere, ne abbiamo gia in quantita ed adattabili. Non dici, e secondo me è importante, che invece di dicarme, ieri poteva mettere un ex del milan, x 10 minuti, tal Giampaolo Pazzini, ormai dimenticato. Ribery corre 90 minuti e pazzini non può farne 10..questo dovresti dire..se non e vittima pazzini, non so chi lo è

                1. Tomhv scrive:

                  Giusto, bello , esatto, tutto condivisibile ma se retrocedemo par un punto ?? Femo sempre i buonisti .. femo i bravi e dopo lo ciapemo sempre nel cu.l .. e sabato si replica..ocio

                  1. GIANLUIGI scrive:

                    Mi piace assai questo commento dove non si indulge né al facile vittimismo, anzi lo si respinge, né all’euforia pericolosa che impedisce una obbiettiva analisi dei limiti, indiscutibili, della squadra, che vengono spesso mascherati da un grande agonismo e da un voglia di correre e giocare, sempre e comunque, circostanza che negli ultimi tre anni sembrava aver smarrito la via del Bentegodi. Grazie per la pacatezza del commento, perchè di calma e sangue freddo ne avremo sempre tanto bisogno nel corso del campionato

                  Lascia un Commento

                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                  Accetto i termini sulla privacy

                  *