Torna al blog

POCHI SOLDI E LA DIPENDENZA DA JURIC

Cercasi qualità. Ma quella costa e D’Amico ha già messo le mani avanti: “E’ un mercato difficile”. Traducete voi dal politichese…

Il Verona naviga tranquillo e potrebbe pure stare così con l’obiettivo salvezza ormai a una manciata di punti. La sconfitta di Bologna conferma alcuni limiti creativi nella  manovra, a cui si è supplito finora efficacemente con l’organizzazione tattica, la definitiva consacrazione di Zaccagni e l’esplosione di Dimarco. Niente di nuovo: delle difficoltà fisiche del vecchio Veloso si sapeva, dell’assenza di un vero trequartista anche (per intenderci non c’è un Pessina e nemmeno un Borini).

Non mi faccio grandi illusioni sul quel che sarà, da anni chiediamo invano a Setti la crescita. Ci troviamo in affanno con il nostro gioiello (Zac), che senza (improbabile) rinnovo dovremo svendere; Dimarco è in prestito e Lovato già in offerta. Il punto è un altro: se non si vogliono investire denari, si devono avere idee. Che è un concetto diverso da scommessa, da ciambella che esce con il buco di tanto in tanto, dal fare strike per puro culo. Juric ha portato a Verona un buon scouting e credo che mercati come quello franco-belga-olandese siano interessanti, mentre quello balcanico è un terno al lotto.  Non offre invece molto la serie B, anche se abbiamo i giocatori giusti da scambiare per arrivare a quel poco di buono che c’è. Ma dobbiamo intenderci se si vuole fare calcio vero, oppure operazioni stravaganti come quella che ha portato qui Cetin come parziale contropartita di Kumbulla. Un disastro se parliamo solo di pallone…

Le nostre fortuna sono legate a re Mida Juric, lo sappiamo. In prospettiva è un limite e non un bene, questo deve essere chiaro. Ma questo limite oggi è l’unica reale forza che abbiamo e perciò siamo obbligati a cullarlo e blandirlo. L’allenatore deve essere accontentato.

40 commenti - 5.011 visite Commenta

bruce

Che Setti non abbia la forza necessaria per fare la serie A è assodato ormai da anni, per nostra fortuna quello che è venuto a mancare dopo Volpi è stato in parte compensato dai 40 milioni dei diritti tv che possono non essere tantissimi ma che ci hanno consentito con abilità e fortuna di fare un nono posto insperato nello scorso campionato esattamente lo stesso risultato che conseguimmo nel 1999/2000 grazie al supporto occulto della Parmalat. Per quanto riguarda D’amico per quello che vedo mi sembra un ottimo ds, basta dare un’occhiata alla classifica e vedere dove si trova il Bologna che ha mille volte la nostra disponibilità economica ma che spende male, d’altra parte quello Bigon non sia un granchè lo abbiamo provato sulla nostra pelle.

Rispondi
Martino

Questa società di nerchia deve pagare i debiti contratti con Volpi e andarsene. È la cosa migliore che può fare setticemia…sparire senza lassar ciodi.

Rispondi
Martino

Lo scout, quello che ha portato Amione per intenderci, è Omar Milanetto, amico intimo di Juric da più di 10 anni.

Rispondi
ziga

il problema è che setti è esoso. Anche se prendesse 100 milioni euro sarà sempre… un mercato difficile!

Rispondi
mir/=\ko

Il problema è la forza economica di Setti, inadeguata per la serie A. Le idee servono fino ad un certo punto, oltre al quale servono investimenti. Di idee è pieno questo Verona, ma di qualità non è che se ne veda tanta perché capita molte volte che quella non arrivi subito… Un esempio? Zaccagni! Oltretutto la qualità non te la regala nessuno. Finché vale la massima "ogni soldo investito, è un soldo sottratto al guadagno del proprietario", non ci sarà mai crescita. Inutile fare paragoni tra Atalanta e Verona. L'Atalanta ha fatto il percorso di crescita che conosciamo anche e soprattutto grazie a Percassi. Con Setti non ci potrà mai essere un percorso simile perché a mio giudizio Setti non è interessato al risultato sportivo del Verona e ad una crescita del club. Togliamo Juric dal Verona e torneremo in breve ad essere, nella più rosea delle aspettative, quello che oggi è il Chievo

Rispondi
Ruspa62

Il problema è tutto qui, nella gestione settimana. Anche adesso di fronte a una rosa in difficoltà per infortuni, soprattutto a centrocampo non arriverà nessuno se non nell'ultimo giorno di mercato e con i soliti prestiti. Abbiano almeno la decenza di risparmiarci la parola progetto. Da quando c'è il signore di Carpi solo parole e pochi fatti. In attesa di una proprietà migliore Forza Hellas!

Rispondi
bruce

Inutile girarci attorno, siamo nella stessa situazione dell’era Pastorello dove si puntava a vivacchiare e purtroppo ogni anno è buono per retrocederei, nulla di drammatico per carità visto che chi scrive e come me molti altri non si faranno problemi a seguire l’Hellas in qualsiasi categoria ma aldilà di tutto godiamoci la classifica che ci sorride e che a meno di clamorosi imprevisti ci consentirà di disputare la serie A anche nel prossimo campionato e un plauso va ad allenatore e ds.

Rispondi
Zacatariano

Il mercato dell’Hellas?
In entrata il rinnovo per DiCarmine e Bessa
In uscita,ora o a giugno,Silvestri,Lovato,Zaccagni,DiMarco e tutto quello che si puó vendere e svendere.
Bye Bye Juric

Rispondi
Martino

Chiunque può espugnare il Pescara degli ultimi due anni. Non è certo la squadra arrivata a giocarsi i play-off contro di noi.

Rispondi
gabriele bianchini

Se tutti sostenete che il Sig.Setti NON è da serie A, perchè taccagno, che guarda esclusivamente ai suoi piccoli affari, pensando con timore al Bilancio anzichè avventurarsi in operazioni importanti, rischiose e azzardate acquistando giocatori di valore per il solo interesse dell’Hellas. allora Vi chiedo e mi chiedo dove sono andati i vari Mondadori, Garonzi,Martinelli,ecc.ecc.?
Come mai a Verona NON si trovano più “appassionati/tifosi” presidenti che comprano questa squadra e la portano definitivamente (spendendo soldi a palate) ad essere sempre una delle protagoniste della serie A e non solo?
Gabriele

Rispondi
Prebenzia

Che Juric sia in grado di cavare sangue ” 0 negativo ” dalla rapa più povera in assoluto non è una novità e, per nostra fortuna, lo sta facendo oggi più che mai a casa nostra.
Che il futuro prossimo del Mago Croato sia al di fuori dalle mure di Verona è altrettanto scritto e ‘L’Armani di Carpi” e la sua gestione non sono altro che accelaranti di situazioni che l’Hellas – e società similii per importanza economica – PURTROPPO – non possono fare altro che subire. This is the modern futball baby!!
Un appunto invece sul fatto di essere “dipendenti”; Foschi, Pastorello brothers, Prisciantelli, Gibellini, Sogliano, Bigon, D’Amico/Milanetto/Juric…………………ogni epoca ha avuto il proprio “RAS” con i relativi ascari, non capisco lo stupore.

FORZA /=\ HELLAS (Libero!!!)

Rispondi
Salta sul carro

Ma se hanno 13 punti in meno di noi???
E anche l’anno scorso sono arrivati dopo di noi!
Ma neanche queste cose riesci a vedere?
Ma non puoi esser vero…
Dai, ammettilo, che strisciata tifi in realtà?

Rispondi
Caverzan

Capisco tutto ma come si può preferire una squadra che con molte più possibilità economiche delle nostre in 2 anni ha fallito miseramente ed è sempre stata dietro di noi??? Vuol dire avere i paraocchi…

schetch

Ebbene pare sia stato accontentato (riferendomi all’ultima riga)…Li vedremo con nabule paisà??

Rispondi
bruce

Forza Hellas Verona, vincere con il Napoli e perdipiù con il risultato di 3 a 1 fa tornare alla mente bellissimi ricordi.

Rispondi
Caverzan

Giuli i pare voler fare il grande salto col Cagliari, ha rinnovato il contratto di Di Francesco, l anno prossimo vogliono lottare per vincere il campionato… E in B è più facile

Rispondi
bruce

E ovvio che per alcuni oggi non ha vinto il Verona bensì il suo proprietario che beninteso a differenza della stragrande maggioranza dei proprietari di serie A con il Verona ci campa come dimostrano i numeri, comunque poco male, avendo seguito il Verona ovunque e comunque mi ritengo in diritto di dire ciò che penso e lo stesso può dire l’intero staff del Tggialloblù.

Rispondi
Caverzan

Non riesco proprio a capire perché bisogna dividersi in Manila boys e Rensi Boys, io preferisco essere un tifoso del Verona e gioire per una grande vittoria senza pensare se sia merito di Juric o di Setti, per me è il gruppo che vince

Rispondi
Salta sul carro

Infatti, l’unico che scrive solo è sempre di presidenti, sei tu.
Ma nemmeno te ne rendi conto.
Rileggi indietro tutto quello che hai scritto.
Tifare Verona, tu non hai la più pallida idea di cosa voglia dire.
El re dei rensi.

Rispondi
Salta sul carro

E per parlare di numeri, bisogna saperli leggere.
E tu non lo sai fare.
Bisogna prendere tutti e 8 gli anni per fare una valutazione equilibrata, non solo uno.
Come sempre, scrivi cose alla cazzo.

Rispondi
Danielr

Trasferta : pareggio con Ladroni e Milan , vittoria con Lazio e Atalanta , casa: sconfitta con Inter , pareggio con Roma e vittoria con Napoli . Signor Barana è ancora convinto che siamo più scarsi dell anno scorso? Abbiamo venduto due difensori e siamo la migliore difesa del campionato. Abbiamo giocato sempre in emergenza e per differenza reti siamo davanti al Sassuolo quello che si tieni tutti i suoi giocatori migliori perché così si deve fare …. strana materia da commentare il football

Rispondi
uolly

sento rumore di specchi? ma ricordati che per parlare di calcio non ci vuole una laurea…ti diranno che è tutto merito di juric…(che ha un grande merito ovviamente) e che i soldi sono pochi (vero)

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code