Torna al blog

JURIC E LA STRADA DEL FUTURO…

Juric sta superando se stesso. Il suo calcio, antico, che ripropone la tradizione dei duelli individuali e del gioco verticale, è in realtà la cosa più moderna che oggi esista in Italia. Re Mida trasforma in oro ciò che tocca, ergo rigenera giocatori (Barak) e ne lancia di nuovi (Zaccagni e ora Tamezé). Il Verona che schiaccia il Napoli è una macchina perfetta, gira a 30 punti (erano 26 lo scorso anno), a soli quattro dall’Europa. Può ambirci? Molto dipenderà dal mercato, e Lasagna in tal senso sarebbe un innesto importantissimo.

Un anno fa, sul più bello (vittoria casalinga con la Juventus), ci fu il Covid a rubare il ritmo all’Hellas, che alla ripresa post lockdown non fu più lo stesso . “Senza la pausa con questa squadra saremmo arrivati in Europa” disse a fine stagione Juric. Chissà, certamente quel nono posto è bugiardissimo. Questo campionato è diverso: c’è una spaccatura tra le prime nove e le altre, ciò significa che per conquistare il sesto posto potrebbero servire più punti dei 66 del Milan nel 2019-20.

Ora siamo in corsa e pare averlo capito anche la società, che se dovesse concludere l’operazione Lasagna a 9,5 milioni di riscatto lancerebbe un segnale preciso. Saremmo di fronte per la prima volta nell’era Setti a un investimento per un ottimo giocatore nel pieno della carriera. Certo, non fanno piacere (e Juric  lo ha rimarcato) le continue dichiarazioni dei procuratori che offrono i nostri migliori giocatori a destra e a manca. Non fa piacere sentire un noto agente che sostiene che il Verona non può tenere Zaccagni, così, a prescindere. Sembriamo la vittima sacrificale, segno di una società che –  a differenza della squadra – è ancora piccola e deve crescere se vuole farsi rispettare.

E’ questo il punto dirimente: capire se si può alzare il monte ingaggi in modo che i Zaccagni di turno si possano tenere e, casomai, dopo, rivendere a cifre nettamente più alte con più forza in sede di trattativa. Capire se i giocatori più bravi  si possono confermare, oppure se si dovrà ancora una volta ricominciare daccapo.  Capire se Juric  può essere “solo” il valore aggiunto di un ingranaggio che si sviluppa, oppure l’uomo a cui continueremo a votarci totalmente (ammesso che rimanga in quelle condizioni).

La seconda strada sarebbe comprensibile, ma sbagliata. E’ una scorciatoia, tra l’altro, demagogica, accontenterebbe i tifosi, ma ti lascerebbe al palo.  Juric certamente va accontentato, lo abbiamo scritto e lo ribadiamo, perché lui oggi è il dominus che va protetto e coccolato. Ma va fatto all’interno di una strategia più a lungo termine, che possa sopravvivere un giorno allo stesso Juric. Insomma il metallaro di Spalato deve essere un “cavallo di Troia”, non il Messia.

 

 

 

 

33 commenti - 5.520 visite Commenta

Hellas70

A Zaccagni nel 2019 è stato fatto un triennale, scadenza 2022…cosa dovevano fare?…fargli un altro triennale lo scorso anno?…se lui ed il suo procuratore non vogliono rinnovare c’è poco da fare ed, in questo caso, la società piccola non c’entra nulla…le sirene delle grandi ci sono e ci saranno sempre….e nella situazione di Zaccagni od anche peggio ovvero in
scadenza a fine anno ce ne sono tanti…Donnarumma, chalanoglu, Milik, Dybala, perfino sua Maestà Messi e chi più ne ha più ne metta…

Rispondi
Firpo

Per l'Europa League è facile che basti il settimo posto…il problema è che otre a fare meglio dei vari Sassuolo, Sampdoria, ecc. devi sperare che una delle 7 grandi davanti entri in crisi e vada in pezzi.
Non è facile ma se dovesse succedere a qualcuna, penserei o a una romana o al ciuccio…

Rispondi
So Tuto Mi

Può bastare il 7o posto ma non è alla nostra portata. Abbiamo fatto 14 punti con le 7 squadre davanti a noi (tanta ma tanta roba) e ‘solo’ 16 con le 12 squadre dietro. E non è un caso: NON abbiamo la qualità per segnare alle squadre che si chiudono e giocano di rimessa. NON abbiamo le qualità per giocare negli spazi strettissimi. Quindi tutto dipende dal mercato. Non possiamo pensare di fare 2 punti di media partita anche nel ritorno contro chi si gioca scudetto e Champions. Ps il fatto di non partire battuto anzi, pensare di poter vincere vs tutte le grandi…,beh mi riempie di orgoglio. Se non si può avere tutto preferisco così. Magari far perdere di nuovo lo scudetto al Bilan o alla Rube o all’Inter (vincendo a San Siro per la prima volta) sarebbe strepitoso.
Forza Hellaaaaaaaaas

Rispondi
Luca

Firpo, un'ulteriore difficoltà è riuscire a mantenere questo ritmo una volta superata quota 40… Secondo me molto difficile, direi impossibile

Rispondi
Oste Chri

Barana, secondo te, zaccagni, barak, fuori da verona, avrebbero lo stesso impatto? E juric? Siamo convinti che possa fare bene in altre piazza calde (vedi napoli)?

Rispondi
Hellas70

Si, ma sono quei costi di gestione che spesso e volentieri non vengono considerati o sottostimati…

Rispondi
london

Gasperini ha fatto bene a Genova e Bergamo.. A Inter no.. Il tipo di gioco di Gasperini o Juric poco si sposa per me per le grandi perché fai fatica ad imporre a campioni il concetto di correre 90 minuti, pressare sempre, etc
Io dubito che ad esempio CR7, Morata, Dybala, etc si sacrifichino magari per favorire gli inserimenti e i gol dei centrocampisti come da noi.

Rispondi
Prebenzia

il calcio è bello perchè e imprevedibile ( a volte!) l’inter ha vinto campionato e champions con Etò che faceva anche il terzino In panca c’era il simpaticone di Mourinho che in fatto di dare motivazioni ai giocatori era il maestro assoluto…….sono sempre convinto che sia il bravo sarto a fare modelli da urlo con le strasse e non il contrario, con le figurine non vinci, aiutano ma non vinci………..e Juric, oggi, è l’Armani della serie A

Forza /=\ Hellas ( Libero!!!)

Rispondi
DM

oste cri
io ho dubbi sulla straordinaria eccellenza del gruppo Hellas al di fuori di questo contesto.
sia chiaro, ottimi giocatori e allenatore preparatissimo, ma tutti hanno trovato qui l humus giusto per rendere il 150%. una sinergia rara.
la controprova ad oggi non c'è quindi sono solo ciacole.

Rispondi
Andrea Zen

Cmq è ora si smetterla col denigrare questa società. D'accordo con i meriti di juric, ma se riesci ad avere un giocatore che ha un margine di miglioramento del 30% e questo 30 te lo tira fuori l'allenatore, bravo certo il mister, ma sarebbe ora di dire anche grazie a chi ha messo li juric (e no aglietti) e a chi in qualche modo riesce ad assecondare certe richieste. Continuè a insultar la società e a dirghe de vendar…. a ghe el milan, l'inter, la samp, el torino, el genoa in vendita, ci semo? i pi bei che i ga da vegner a comprar el verona? Basemosse le manine a là….che mi ve mandarea a stacar tuti i adesivi che avì tacà in giro e a tornar a far trasferte a sesto. Dopo era…se si boni de portare qua i brendolan, i bauli, i veronesi con na vagonada de schei zontai ai vostri….alora gavì reson de criar…pal resto iè tute ciacole che serve a un ca

Rispondi
Oste Chri

DM, una piccola controprova c’e a livello di giocatori; a parte Pessina…..gli altri arrancano.
E credo che juric, come Gasp, farebbe fatica a imporre il suo credo

Rispondi
sergio

pienamente d'accordo Andrea…. la contro prova è quello che ha fatto Gasp con l'Inter…. è un gioco che puoi fare con calciatori che hanno fame….

Rispondi
Leo

Scusa, fammi capire: si giudicano i fatti per quello che sono oppure uno che sbaglia deve essere segnato per sempre? Qui tra il padrone di casa e qualche altro noto una certa difficoltà a leggere le azioni senza legarle a pregiudizi esistenti.
All’epoca di grecchia chi difendeva la società, scusa?

Rispondi
Giulio77

Leo ma infatti il mio discorso era un altro…
Son d’accordo con te, non con chi scrive col senno di poi

Rispondi
Giulio77

Me sta sui ovi quei che scrive come Andrea Zen… capisso se dopo Verona Crotone 0-3 del gennaio 2018 el se fusse messo fora dal stadio a parar a casa quei che contestava setti ma siccome mi no ho visto nessuno considero quei che scrive (da grandoni) col senno di poi alla stregua de quei che gá pregiudizi (come qui il padrone di casa)

Rispondi
Papo

Giulio questi sono quelli quando le cose vanno male ci pensano gli altri a contrastare e quando vanno bene allora i giudica quei che contestava…però la faccia la mettiamo solo quando le robe le va ben

Rispondi
Leo

In effetti il “salto sul carro” è sport nazionale diffuso.
Si parla sempre degli altri, mai di sè stessi: tu Papo, ad esempio come giudichi l’operato della società ad oggi?
Intendo dal dopo grecchia ad oggi.

Rispondi
Papo

Leo sono contento dei risultati e fino a questa settimana non vedevo nessuna ambizione sportiva. Oggi con l' ingaggio di sturaro e lasagna vedo intenzioni migliori… l' unica nota negativa è quella di aver promesso Zac al Napoli a cifre inferiori di quello che (a mio avviso) si poteva incassare a giugno da altre società

Rispondi
Papo

dopo se partito Zaccagni mi portano a Verona Gaston Ramirez come si vocifera per giugno sono ancora più contento che finalmente oltre a vendere anche la mare degl altri viene ingaggiato con ambizioni sportiva qualche giocatore già pronto per la categoria il che non vuol dire che automaticamente ci sarà un miglior risultato sportivo ma almeno si prova a migliorare non solo con dei giocatori scomessa

Rispondi
Andrea Zen

giulio77
fo fadiga a catar el post, ma mi lo sempre dito. Dai tempi de pastore che me fa girar le bale quei che insulta ci ghe mete i schei (fusse anca le mancie dela domenega). Non ghe nessuni che compra. E ci ha comprà sà roinà e magnà fora tuto. Mi non digo che sigaro el sia el mejo e che no là sbaglia, ma insoma se gavì qualchedun de pi sior e pi brao tirèlo fora, se no meio tasar…da le me parti i dise pitosto che gnente meio pitosto

Rispondi
Andrea Zen

giulio77
giulio…. ci vuto che vaga parar casa. Tuti iè liberi de dire la sua. Ci vol contestar ga reson a farlo, ghe mancarea altro. Mi però non so mia d'acordo con ci contesta no avendo proposte. Se te si nà a criarghe a setti tè fato ben, ma parchè eto mia comprà ti?

Rispondi
bruce

Speriamo che l’aquisto di Lasagna sia solo il viatico di una programmazione seria che purtroppo si è interrotta qualche anno fa, tra l’altro se non erro 6,5 milioni sono il giusto compenso per un giocatore sulla trentina ma di sicuro valore. Avremo comunque la riprova che la società si stà muovendo nel modo giusto a fine anno nel caso Juric decidesse di continuare.

Rispondi
DM

Leo, aspettiamo la partita con la Roma, dovesse andar male ( e ci può stare una sconfitta a Roma), apriti cielo!!

Rispondi
Danielr

Perché dovrebbe andare male ? Nelle ultime 23 partite giocate a Roma 18 vittorie della Roma e 5 pareggi. In questa stagione la Roma è L’ unica squadra imbattuta in casa , più punti e più gol fatti in casa …

Rispondi
DM

è anche la nostra forza, non abbiamo nulla da perdere, classifica ottima, si va e di gioca a mente libera.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code