Torna al blog

PIÙ CHE LA PUNTA, (NON) POTÉ LA FASE DIFENSIVA

A forza di parlare della punta (tradizionale hit estiva) ci siamo dimenticati come si difende. E così ieri con il Sassuolo ci è toccato assistere alla “passione” di Gunter e Dawidowcz, che già non sono draghi di loro, a impacciate costruzioni dal basso di difensori che non hanno certo piedi di fata (e allora a cosa serve il regista basso a centrocampo?), a soventi infilate del Sassuolo nelle nostre vaste praterie centrali. Insomma, un martirio difensivo. E non mi riferisco solo ai gol subiti, ma anche ad altre situazioni poi sbrogliate last minute con affanno.

Ora, ognuno scelga la prospettiva che vuole per analizzare l’esordio di ieri. Elementi ce ne sono, l’uomo in meno per tutto il secondo tempo, i gol sbagliati, i se e i ma.  Tutto perfetto. Aggiungici anche qualche scelta tecnica da rivedere: auspico che l’investimento societario per Ilic trovi riscontro in campo e non in panchina; che Magnani, il miglior marcatore sull’uomo che abbiamo, sia titolare in difesa. Rimane però un fatto incontrovertibile: una squadra, qualsiasi squadra, che vuole salvarsi non può essere così morbida in fase difensiva. Poi, per carità, si continui a parlare della punta: magari sono gli stessi che un anno fa ti additavano se mettevi in dubbio la condizione fisica di Kalinic – che Ranzani nostro aveva spacciato per colpo del secolo – o se sottolineavi che (il bravo) Lasagna non è una punta centrale eccetera eccetera.

Il Verona, in serie A, non schiera un centravanti decente dai tempi di Luca Toni, ma nelle ultime due stagioni, quando i punti contavano, ha supplito alla lacuna con una fase difensiva tra le migliori del torneo. Ecco, siccome la rosa è decisamente all’altezza per salvarsi,  prima di pensare alla punta (ri)cominciamo da lì.

P.S. Discorso Kalinic: o arriva un attaccante davvero forte, oppure se la scelta è tra i nomi che si leggono meglio aspettare il croato, che pur al crepuscolo rimane giocatore di tutto rispetto.

P.P.S. La rosa ovviamente è già competitiva così con Zaccagni e Barak, non senza. A buon intenditor…

7 commenti - 2.420 visite Commenta

Marco

Ciao a tutti. Sono Marco dalla Svizzera.
Ieri ero allo stadio .
Non sarei così pessimista come voi giornalisti, col sassuolo
A che l’anno scorso abbiamo perso in modo ingiusto.
Prima del espulsione il verona a dominato a fatto un sacco di palla gol
L’episodio del espulsione dallo stadio non si è visto ma un attimo prima c’era
Un falli del sassuolo w la prima ammonizione di venoso regalata…
Noi 10 falli 5 cartellini, l’oro 50 falli anche brutti (da dietro,giocatori che
Stavano entrando in area, il rigore su zacagni 2 cartellini…) sulla gara
Poi pesano. Per me la nota stonata è di carmine se entri perché
Kalinic e troppo lento per giocare in 10 non puoi camminare in campi
Devi mangiare l’erba poi su 10 palloni ne tiene 2…allora era meglio
Kalinic.
Comunque forza hellas.

Rispondi
auzzaider

Riguardo alla partita di ieri poco da dire, in undici contro undici probabilmente ne sarebbe scaturito un pareggio più che meritato nonostante a livello di gioco il Verona sia stato un filino superiore al Sassuolo che però ha giocatori qualitativamente superiori e direi che ieri (ad esclusione di Zaccagni) si è visto. Per quel che riguarda Kalinic dal momento che l’obiettivo stagionale è il quart’ultimo posto direi che per noi va più che bene e che nel calcio moderno valutare un attaccante solo per i gol fatti mi sembra riduttivo, per fare un esempio un superpippo Inzaghi nel calcio di oggi farebbe parecchia panchina.

Rispondi
massimop

proprio così.
la difesa innanzi tutto.
mi scoccia dover ricordare Juric e il suo metodo, ma la primissima sfida di campionato col Bologna fu dedita a “come difendersi”.
Non come difendersi nell’area, ma come difendersi a tutto campo.
Poi, messa a posto la fase difensiva, aggiunse un po alla volta qualcos’altro.

Perchè una difesa ballerina nel giro di qualche partita mina e scoraggia il morale di tutta la squadra, e poi va a farsi benedire anche il resto.

Rispondi
london

Concordo..tranne per discorso magnani sulla panchina di domenica, giusta secondo me se si considera che raspadori è piccolo e rapido e sarebbe scappato sempre a un marcantonio come giacomo( visto lha fatto anche con gunter..). Magnani come ha dimostrato è ottimo per quelli possenti tipo lukaku, dzeko, ibra, etc

Rispondi
alex85

Ho capito, i commenti vanno approvati. Da chi ? Puoi scrivere quanto vuoi, se non va bene al censore non viene pubblicato

Rispondi
 

Rispondi a alex85 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code