Torna al blog

L’EQUIVOCO. NON POSSIAMO (PER ORA) SOSTENERE IL GIOCO ALLA JURIC

Fragile e delicato, il Verona. Gira che ti rigira, molti nodi restano lì da sbrogliare. Bocchetti ha certamente migliorato il Verona – pressing alto, il vecchio codice di Juric dell’uomo contro uomo, squadra di nuovo compatta – ma rimane la sensazione di fondo di una squadra vulnerabile, che ce la mette, eccome se ce la mette, ma poi si scioglie sul più bello. Con il Milan un gol preso in contropiede, con il Sassuolo infilati con facilità disarmante. Nel mezzo, quello che è oggi l’equivoco di fondo: se vuoi applicare il (dispendioso) calcio di Juric, devi avere una condizione atletica che sappia supportarlo.

Per tacere della qualità dei giocatori. Juric, pur senza un centravanti degno di nome, schierava sulla trequarti Zaccagni e Pessina e l’anno dopo Zaccagni e Barak, collanti determinanti per il suo gioco; nonché difensori di razza che sfruttavano la preparazione maniacale del tecnico croato nella fase di non possesso e ti vincevano i famosi uno contro uno in quelle (poche) circostanze che, perso il pallone, ci si trovava scoperti. Tudor è riuscito a riproporre, a suo modo, un copione simile anche senza buoni difensori (a parte Casale), approfittando abilmente del talento offensivo dei tre funamboli da 40 gol e svariati assist, Simeone, Caprari e Barak.

Ecco, non nascondo una mia perplessità: si è scelto Bocchetti per spendere poco  (in linea con il mercato estivo di smantellamento) e per ridare ancora una volta, come un anno fa con Tudor, continuità al verbo del mentore Juric, come richiesto anche dai senatori della squadra (checché ne dica Setti che, smentendole piccato, ha confermato le pressioni dello spogliatoio). Eppure la domanda è lì sospesa: possiamo giocare come Juric (e Tudor), pur privi della medesima condizione atletica e dei giocatori adatti? E se la condizione atletica arriverà (sia benedetta la pausa dei mondiali in Qatar), dal mercato di gennaio non aspettiamoci nulla. Setti lo conosciamo.

23 commenti - 3.074 visite Commenta

mattia

Concordo su tutto.
Sono riflessioni che ci siamo posti da qualche mese , visto che i primi campanelli d`allarme cerano gia da fine luglio -Agosto (presentazione direttore sportivo, cioffi e mercato estivo).

Alla fine i nodi vengono sempre al pettine.

Rispondi
Frankie

Per salvarsi serve: 1-preparazione atletica al top; 2- comprare un centrocampista di livello, perche ora ne abbiamo solo tre, Tameze, Ilic e Veloso; Hongla non va; 3- comprare un attaccante da 10 – 12 gol, Henry va solo di testa e può essere la prima riserva, Piccoli è sempre rotto, Djuric va venduto.

Rispondi
ciccio2

ma la condizione atletica perché non c’è? Preparazione estiva errata o differente? Ma come si fa a commettere certi errori?!

Rispondi
Ero Tuto Mi

Concordo in toto, come quasi sempre, con Barana. La preparazione fisica non c’è perché in Italia pochissimi allenatori hanno capito cosa fa la differenza nel calcio moderno. Nemmeno Allegri alla Juve, nemmeno Mou alla Roma. Non vinceranno mai in Europa e nemmeno in Italia a parità di rosa. Ma la faccenda diventa ancor più grave quando, specialmente chi allena le “piccole”, non capisce che: più è scarsa la rosa più si devono minimizzarne i difetti e massimizzare i pregi. Tradotto: se hai difensori scarsi NON puoi giocare basso e tenere la difesa sotto pressione 80 minuti. DEVI giocare alto, uomo vs uomo, essere feroce negli anticipi sulle seconde palle (cosa riuscita ieri solo nel primo tempo…nonostante parecchi nell’altro blog abbiano commentato il contrario…..ieri si è visto un GIOCO solo nel primo tempo – indipendentemente dalle occasioni – poi non hanno più retto per la mancanza di preparazione. Devi essere in grado di capire quali dettagli faranno la differenza. PS Juric, a mio parere, non è ancora riuscito a riprodurre al Toro il bel gioco del suo Hellas perché….ha giocatori ENORMEMENTE meno intelligenti di quelli che aveva qui….

Rispondi
michele

manca un passaggio, ovvero la deficitaria ed imbarazzante pochezza tecnica di certi giocatori. puoi avere Guardiola o Conte, ma se un giocatore non riesce a stoppare un pallone o segnare a 40 cm dalla porta, oppure non sa che l’avversario lo devi accompagnare all’esterno e non farti infilare al centro, la condizione atletica non conta. la verità è che salvo 3/4 elementi, sono giocatori da serie B e tale sarà la categoria che ci attende.

Rispondi
michele

manca un passaggio, ovvero la deficitaria ed imbarazzante pochezza tecnica di certi giocatori. puoi avere Guardiola o Conte, ma se un giocatore non riesce a stoppare un pallone o segnare a 40 cm dalla porta, oppure non sa che l’avversario lo devi accompagnare all’esterno e non farti infilare al centro, la condizione atletica non conta. la verità è che salvo 3/4 elementi, sono giocatori da serie B e tale sarà la categoria che ci attende.

Rispondi
bardamu

Il commento era perfetto per la gara col bilan. A Reggio io non ho visto nulla di nulla nel primo tempo, a parte i primi 5 minuti. Un’abulia sconcertante che, unita alla pochezza tecnica, ci ha fatto perdere tutti i duelli e le seconde palle. I giocatori sembravano in attesa rassegnata dell’inevitabile. Un atteggiamento inspiegabile.

Rispondi
Tire

Ghemo da far quadrato e tirar fora el massimo….Fora i cojoni…xke semo Omeni….se dopo tutto non riussimo a salvarse…..no podemo mia dir de no averghe provà….

Rispondi
Mingon Federico

Anch’io concordo sull’analisi di Barana. Mi resta un dubbio: ma un Presidente così attento ai conti in ordine perché punta su Cioffi che di certo non ha grossa esperienza invece di promuovere direttamente Blocchetti che conosce lo spogliatoio ed i metodi di lavoro del precedente Mister? A me sembra una palese contraddizione. Alla fine ti carichi dei costi di un altro esonerato e in sostanza ricominci da capo…ed il contatore gira e quasi un terzo del Campionato è andato…boh!!!

Rispondi
Claudio

Per quale motivo non dovremmo aspettarci nulla dal mercato di gennaio? Certo,sarebbe ora di mandare a casa Marroccu,o spingerlo alle dimissioni,a furor di popolo.
Bocchetti valuta insieme ai senatori,credo,come giocare. Può essere un bene,se si manovra(con Il Milan le due fasi non sono state fatte male),viceversa può nuocere e creare confusione di ruoli.

Rispondi
Beppe

Analisi di Barana che condivido, anche se a Sassuolo abbiamo fatto un passo indietro
rispetto alla gara con il Milan. La difesa tiene poco perchè il centrocampo non copre a sufficienza anzi molto spesso si perdono palloni e allora son dolori !!
Aggiungerei oltremodo anche queste analisi:
Terracciano è sparito improvvisamente ? Kallon non mi sembra un fenomeno…
Praszelik non pervenuto. Come mai? perchè non provarlo nemmano?
Hongla dimenticato. Perchè quel poco che ha giocato era sempre fuori ruolo?
SPERIAMO almeno di recuparare presto gli infortunati…c’è bisogno di tutti e in forma !
A gennaio non arrivarà nessuno…anzi… Setti lo conosciamo bene (ha ragione Barana).
Infine, ma non ultimo, MARROCCU scelta molto infelice.

Rispondi
ivo

speriamo che a gennaio setti se ne sia gia andato …. ( setti secondo qualcuno il miglior presidente della storia del vr )

Rispondi
Loris

Io invece mi aspetto molto dal mercato di gennaio. Se sbagli acquisti devi rimediare. Comunque ora ci sono troppi infortuni, mi sembra il terzo anno di Mandorlini. Tra l’altro tutti quelli che vanno al mondiale sono infortunati…..

Rispondi
Nicola75

Per loris.
Mercato di gennaio con quali soldi?? Questo piange sempre il “morto”, pertanto se finora con il mercato estivo i giocatori arrivati sono scarsi ed inadatti al gioco di Bocchetti, cosa ti aspetti a gennaio??
Penso non si sia ancora capito che setti di soldi non ne tira fuori e nel calcio attuale (che fa schifo comunque) o investi molto e bene, oppure ti ritrovi nelle categorie inferiori.
Ma tanto a lui cosa interessa? percepirà il c.d. paracadute.

Rispondi
Paoko

Personalissima opinione: settivendolo ha fatto male i suoi calcoli. Ha voluto “s”vendere il più possibile per portare ulteriore fieno in cascina (sua, non quella dell’Hellas!), per poi riuscire a “stra”vendere la Società. Magari poter riuscire a liberarci di questa sciagura, da molti meglio definito come “miglior presidente dell’Hellas”! Purtroppo è come un gattino attaccato ai c……, non ce ne libereremo più, visto che certo non pensava, dopo aver scientemente smantellato la squadra, di trovarsi dopo 11 giornate a soli 5 punti. Ora, con una serie B dietro l’angolo, possibili ed eventuali acquirenti valuteranno molto bene prima di imbarcarsi in un simile investimento.

Rispondi
Jes

Io spero che non si sia perso troppo tempo con Cioffi che qui si è dimostrato inadeguato. Non sono un preparatore ma non capisco perchè non partire già al max di giri sapendo che si gioca x 3 mesi scarsi e poi cè la sosta. Ultima cosa spero di non essermi giocato Henry! La fiducia per una punta è tutto e questo non è il giocatore dell’anno scorso ma neanche dell inizio qui.
Mi sembra palesemente in difficoltà di testa e uscirne è molto molto difficile

Rispondi
Adri

Analisi realistica diciamo però che Bocchetti partite facili da calendario non ne ha avute ….. purtroppo i punti in questi casi diventano vitali e noi siamo andati in vantaggio e lì quando serve va messo il pullman davanti alla porta. Punti non olet….

Rispondi
Scala1970

Disamina perfetta Francesco.Solo tu abbia il coraggio di dire l’ovvio ovvero che questa squadra è qualitativamente scarsa?
Provo a scrivere il finale di un film che spero non si avveri, retrocessione ignomignosa. Spolpamento del restante e fuga del laido perchè se con noi scende la Doria il grosso del paracadute lo prende lei perchè è in a da più campionati di noi e quindi il giochino gli salta.
Spero in una iscrizione alla B ma temo peggio.
Bel modo di festeggiare i 120 anni.
p.s.
Se a fine stagione sarà avvenuto l’impossibile (salvezza) ricordati di farmi una reprimenda (cazziata) che accetterò volentieri
un saluto e continua così voce libera e libero pensiero

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code