Torna al blog

COMUNQUE VADA SARÀ UN (IN)SUCCESSO (MA AL CUOR NON SI COMANDA)

Nemmeno il leggendario lato B di Maurizio Setti (in senso di fortuna), che pure si è palesato anche quest’anno (vedi mega-sosta per il mondiale e il ciapano-salvezza), sembra nulla potere dinanzi all’imbarazzante pochezza della squadra. Di più imbarazzante delle storiacce di campo c’è solamente la proprietà dell’Hellas, che gioca d’’azzardo ogni anno sulla ruota del campionato, con inopinate campagne svendite e zero programmazione sportiva.

Neppure con un Empoli che per 80 minuti ha pigramente giochicchiato e il cui portiere, con un errore da principiante (respinta centrale, fin dai pulcini insegnano che si respinge ai lati), ci ha regalato il vantaggio, siamo riusciti a vincere. Ogni volta che il Verona ha in canna il colpo del ko (sullo Spezia), fallisce miseramente. Non è un caso, of course.

Si decide tutto domenica. L’Hellas a San Siro col Milan, lo Spezia all’Olimpico con la Roma. Si aggira lo spettro dello spareggio e, va sottolineato, per il Verona sarebbe un mezzo miracolo visto com’era messo a gennaio e visto il teatro degli orrori gestionali a cui abbiamo assistito (mercato, scelta allenatori, ingaggio di Marroccu).

Comunque vada però sarà un insuccesso: retrocedere, si sa, è un dramma sportivo e anche finanziario. Anche perché risalire sarà più complicato rispetto al passato (quando peraltro ci aveva assisto una buona dose di coincidenze fortunose). L’ipotesi serie B potrebbe indebolire anche la leadership di Setti e forse facilitare un suo addio nel giro di un anno (se non si tornasse subito in A). Se dovessimo salvarci, invece, non so come il patron possa tornare improvvisamente a investire il necessario per dare dignità a un nuovo campionato – non si parla di chissà quali cifre in una serie A nella quale ormai ti salvi a meno di 35 punti. Il rischio, insomma, è di rivivere la sciagura di questi mesi, sebbene già confermare Sogliano alla direzione sportiva potrebbe facilitare le cose.   

Ma questi sono ragionamenti, che approfondiremo a giochi fatti. Ora c’è solo il cuore, a cui non si comanda e che spera ardentemente in un miracolo a San Siro. Una speranza senza logica e senza ratio, il nostro è solo folle romanticismo.

75 commenti - 4.854 visite Commenta

RINO

In caso (molto probabile) di spareggio, io cambierei allenatori, anzi meglio dire, io chiamerei un allenatore, andrebbe bene anche Cioffi o Di Francesco, che almeno di calcio qualcosa ne sanno. Certo è un rischio, è un azzardo, ma nulla in confronto con l’avere in panca i due che abbiamo adesso, che non riescono a vincere la partita di ieri perchè si abbassano volutamente di 30 metri, favorendo gli attacchi di un avversario che fino a quel momento era piuttosto tenero.

Rispondi
Freddy

Se andassimo allo spareggio e riuscissimo a tener botta fino ai rigori questi non avrebbero neanche il coraggio di tirarli. Rinculerebbero davanti al dischetto.
Giusto per cercare di alzare un po’ l’autostima in vista della partita di san siro.

Rispondi
Ero Tuto Mi

Ciao non sono d’accordo su Cioffi o Di Francesco, mi spiego: l’unico sistema per sopperire alle croniche mancanze tecniche delle squadre a basso (o nullo) budget è quello fare un calcio alla Juric (o Tudor). Ovvero un gioco aggressivo ed organizzato che tenga l’aversario lontano dall’area per gran parte della partita e che quindi conceda meno iniziativa possibile. Il primo Verona di Bocchetti faceva bene questo. Il problema era che la squadra reggeva solo un tempo…a causa della NON preparazione fisica adeguata effettuata da Cioffi. Se andiamo a vedere la maggior parte della striscia di sconfitte sono maturate nel secondo tempo, in particolar modo negli ultimi 20 minuti di gioco. Nel primo si era spesso in vantaggio… Il limite di Bocchetti è la mancanza di esperienza che si traduce in errata lettura della partita e della minor cura dei dettagli rispetto ai suoi 2 predecessori. Ieri ho spento la tv nei primi minuti di recupero dopo aver visto i cambi effettuati dopo il vantaggio e quel che ha fatto Gaich: un tiraccio ai 2 km/h anzichè tener palla e bruciare secondi sul cronometro. I 2 fenomeni in panchina non hanno capito che la palla va tenuta lontana dalla nostra area visto la qualità che abbiomo dietro!! ..e per far questo NON puoi mettere in campo difensori al posto dei piedi migliori che abbiamo a centrocampo. Paradossalmente Gaich andava tolto dopo aver segnato . Ho spento la TV perchè per me (dalla mia esperienza di allenatore sebbene di altro sport) 2+2=4!!!! Ovvero Verona che arretra di 30 mt = goal subito (rif. anche alle sconfitte di cui parlavo prima col Verona che arretrava perché non aveva più birra.
Bocchetti farà strada ma non è ancora pronto (forse terrei in serie B visto che la preparazione se la farebbe lui). Di Francesco o Cioffi MAI. Piuttosto un esperto in salvezze. Ciao!! Che ne pensi tu Francesco (Barana)?

Rispondi
Ero Tuto Mi

Scusami Rino, avevo letto male, pesavo in caso di salvezza: si in caso di spareggio li cambierei anch’io … anche se in tal caso come si suol dire: …se ti va bene sei un genio e se va male sei un pirla 🙂

Rispondi
Paoko

Assolutamente d’accordo, piuttosto che il nulla eterno, meglio un azzardo del genere! In tutti questi mesi non sono riusciti a trovare la benché minima quadra, sarebbe come mandare Pupo a combattere con Mike Tyson.

Rispondi
auzzaider

La cosa che dispiace è che anche in caso di salvezza ci aspetterebbe un campionato sulla falsariga Pecchia/Fusco che per inciso subirono fin troppe critiche, credo che nella migliore delle ipotesi potrà finire allo spareggio e che tutto dipenderà dal risultato della partita di mercoledì sera, in caso di successo della Roma la nostra retrocessione sarebbe quasi certa ma ovviamente sarei lieto di sbagliarmi affidandomi in caso all’illogicità del calcio.

Rispondi
Graziano

Condivido tutto. In queste condizioni credo che l’attuale proprietario abbia chiare e grosse difficoltà anche solo a mantenere una squadra in B. Se ci salviamo quest’anno cosa può fare l’anno prossimo con le quasi azzerate plusvalenze? Chiede un prestito a Volpi?

Rispondi
Roberto

Sbagli, senza soldi a disposizione, e senza poter programmare, Sogliano ha fatto un miracolo, il Reset che ci serve é un altra propietá.

Rispondi
Leo

Mi faresti un esempio di quanto ha fatto Sogliano quest’anno? Il valore concreto di quel che ha apportato?

Rispondi
Freddy

Sogliano avra’ fatto i suoi errori, però e’ venuto qua da innamorato dell’hellas e con pochi mezzi a disposizione ha cercato di fare il bene della squadra. E’ una cosa che non si può dire di setti e marroccu, che hanno preso per il culo la gente. Non so per te ma per me fa tutta la differenza del mondo

Rispondi
Malatosano

Sogliano è venuto qua perché ormai la sua carriera era a un punto morto e non aveva più niente da perdere. Un po’ come fece Ventura l’anno che retrocedemmo in C nello spareggio contro lo Spezia….

Freddy

Certo, messi come siamo sogliano e zaffaroni son venuti. Chi doveva venire giuntoli e conte?

Leo

Anche io amo il Verona ed ho pochi mezzi a disposizione.
LA domanda era chiara: quest’anno Sogliano che valore ha portato al Verona?

Roberto

Ma scherziamo?!? 26 punti in 22 partite a casa mia sono 45 punti sulla media dell’intero campionato! A te sembra poco, con un mercato di riparazione fatto con due lire?!? Ti ricordo che alla sosta eravamo in coma profondo e venivamo da dieci sconfitte consecutive! Essere qui a giocarcela all’ultima giornata é un miracolo, con una squadra raffazzonata e zeppa di infortunati. Dire che Sogliano non ha inciso é oltremodo ingeneroso. Zaffaroni sará anche tristo come el pecá, ma il suo lo ha fatto, anche se giochiamo spesso da schifo, e certe dinamiche interne allo spogliatoio non le sapremo mai. Contano solo i numeri, quelli non mentono, e sono tutti dalla parte di Sogliano.

Rispondi
Ero Tuto Mi

Preferivi Marrocu? Per citarti: “Mi faresti un esempio di quanto ha fatto Marrocu quest’anno? Il valore concreto di quel che ha apportato? “

Rispondi
Nessuna Resa

Poco o niente, concordo!
Ma l’errore imperdonabile è stato non prendere un allenatore degno di questo nome! Bastava uno come Ballardini e forse oggi saremmo già salvi pure nella mediocrità generale ns e di questo campionato! Che si retroceda o che ci si salvi (per miracolo), unica possibilità di non prolungare questa agonia è che il tumore di carpi si levi dalle palle!

Rispondi
Freddy

Sei tu che parli di reset totale, se non si resetta il presidente il resto conta veramente poco. Se devo scegliere tra marroccu e sogliano scelgo sogliano. Se si tratta di provare con un altro stile marroccu (perché arriverebbe comunque qualcuno che regge il moccolo al carpigiano) sperando che a sto giro siamo più fortunati, non me ne può fregare di meno

Rispondi
Leo

Reset totale…. Come fai a resettare setti?
Ma con juric/tudor e d’anico se stava mia massa mal tutto sommato.
Se conosci un mido oer far vendere a setti va benon eh? Sempre che l’acquirente non sia quello che si traveste da vescovo…

Rispondi
Leo

@Freddy
3 anni sono stati buoni, poco da aggiungere.
Via d’amico è finito tutto e ci si è sbracati.
Per questo auspico un reset totale per tornare ai livelli del triennio suddetto: so che non è possibile, ma la: speranza è quella.
E poi c’è la realtà: setti non vende, stop. Non a prezzi di mercato almeno: chi glielo fa fare finchè fa business?

Rispondi
Cristian

Ti puoi limitare a guardare la classifica prima dell’arrivo di sean e oggi…non so se sía dovuto ai giocatori che ha portato con 6 euro di budget o alla carica che riesce a trasmettere all’ambiente ! L’unica certezza è che la differenza è abissale, questi sono numeri implacabili non punti di vista…FORSA VARONA

Rispondi
Roberto

Se l’obbiettivo del magliaro é vendere la societá, e sembrerebbe questa l’ipotesi, sicuramente andare in b é un dramma, poco appetibile per un eventuale compratore, e prezzo sicuramente di molto inferiore ai famosi “cento milioni non bastano”. Diversamente, intasca il paracadute, svende quel poco che resta da svendere, e ricomincia la giostra. Quindi per il nostro da Carpi sará comunque un successo. E con Sogliano come.direttore sportivo, son sicuro che le possibilitá per fare un campionato in B di livello ci siano tutte. Se restassimo in A, preparatevi comunque ad un campionato d’agonia con Setti al timóne…incrociamo le dita.

Rispondi
Leo

Da cosa desumi che setti voglia vendere? Finchè il Verona Hellas genera utili scordati che venda. Deve iniziare a generare perdite. E quest’ultimo scenario se non sei una strisciata sai cosa significa, vero?

Rispondi
Roberto

Dal fatto che abbia dato mandato alla, non mi ricordo esattamente se era quella, Deutsche Bank di fare da mediatore per vendere?!? Notizia uscita tempo addietro e mai smentita dal diretto interessato…son d’accordo sul fatto che fintantoché il Verona sia vantaggioso non venda, ma forse, e dico forse, il carpigiano pensa che sia arrivata l’ora di tentare il colpo gobbo e intascare un discreto gruzzolo tutto d’un colpo invece che vederlo dilazionato sotto forma di stipendio anno per anno…chi lo sa? L’importante é cavarcelo dalle balle il prima possibile anche a costo di fallire, sia mai che sia la volta buona che arrivi qualcuno serio al timone, non dico ricco e appassionato dell’Hellas, ma almeno che smetta di prenderci per il culo. Saluti.

Rispondi
Leo

Anca mi volea vender la panda: l’ho messa su autoscaut a vinti mila euri. Gnanca una ciamada…

Rispondi
Igor

Probabilmente anche l’eventuale acquirente ha tutto l’interesse ad acquistare in serie B. Vuol dire monte ingaggi molto più basso e magari sconto sul valore finale

Rispondi
teo_el teo

è avvilente stare qua a sperare e tifare Roma quantomeno per allungare l’agonia di una giornata…
ripercorrendo il film della stagione non si vede alcun tentativo di salvare la stagione e si possono anche elencare quelli che lo dimostrano:
– mercato di indebolimento estivo (vedi il trio davanti sostituito da Henry, Lasagna e Verdi, quest’ultimo arrivato sul gong)
– giocatori big ceduti a prezzi di saldo
– scelta di promuovere l’allenatore della Primavera al posto di Cioffi invece di prendere un allenatore
– tenerlo e non accorgersi dell’errore durante la pausa mondiale
– ulteriori cessioni a gennaio e mercato in entrata spendendo 0 euri
– continuare con il duo in panchina anche dopo continue gare delle verità fallite
– avere già ceduto altri big prima della fine del campionato
ora vorrei che qualcuno dei fan della società mi spiegasse cosa è stato fatto per salvare una stagione.
ed il bello è sentire dire da qualche tifoso “grazie presidente”

sia chiaro, domenica alle 23 potremmo pure essere salvi senza passare dallo spareggio…ma g’ha da succedere l’imponderabile o un cataclisma e ovviamente spinto dal cool de setti.

Rispondi
Freddy

Avvilente rende l’idea.
Concordo col tuo elenco degli errori/orrori.
Secondo me però la madre di tutte le puttanate e’ stata cedere caprari.
Un giocatore dalle caratteristiche uniche ed insostituibile per una squadra come la nostra, per come lega i reparti, viene a prendere la palla, nonmla perde mai e fa salire la squadra. Si potevano vendere ( vendere non svendere) tutti gli altri e costruire una squadra al risparmio intorno a caprari. Sarebbe stato almeno un tentativo sensato. Qualcuno dira’ e’ voluto andar via, il monza gli ha offerto di più. Ecco, se non sei in grado di trattenere caprari ( caprari al monza, non osimhen al manchester city) dopo che l’hai riportato alla ribalta ripescandolo dal dimenticatoio, significa che non sei una società che può stare in serie a.

Rispondi
Roberto

Sono completamente d’accordo con te, Barak si sapeva che volesse andare da un’altra parte. Cedere Simeone al Napoli per fare la riserva, boh, contento lui…ma non assecondare le richieste di Caprari, tra l’altro vendendolo per due lire, é stato un errore clamoroso.

Rispondi
Roby

Se La Roma vince la finale con il Siviglia e quindi va in Champions domenica con lo spezia manda in campo quelli che non hanno mai giocato palesemente ubriachi dalle varie feste….. Forse è meglio che perda ….

Rispondi
Hellas

Francesco siamo oramai in B quindi un Presidente serio avrebbe anche la voglia di Inc….. e invece tutto tace, invece di riempire lo stadio secondo me bisognerebbe riempire la sede quando c è anche lui allora si che forse ci dice veramente come stanno le cose

Rispondi
Giovanni

Vorrei addormentarmi ora e svegliarmi lunedì mattina per non vivere questa settimana di sofferenza…

Rispondi
Fran

Ma negli ultimi due mesi qualcuno a sentito qualche dichiarazione di Setti? Ha per caso perso la voce quando ha visto che l’Hellas aveva chance di salvezza? O forse si è reso finalmente conto di essere macaco ( chiedo scusa ai macachi)????

Rispondi
Virgi

Sinceramente non meritano di restare in serie A hanno fatto un campionato indecente nonostante i tifosi siano sempre stati vicino alla squadra e non hanno quasi mai contestato. È sicuro che dispiace retrocedere ma piuttosto di fare un altro anno di agonia, scendiamo di categoria e speriamo che Setti con un quarto di paracadute faccia costruire una squadra in grado di tentare il ritorno in . Non vedo altre soluzioni. Forza Hellas

Rispondi
Mir/=\ko

Setti, senza diritti TV o paracadute dai quali attingere, non potrebbe stare nemmeno in C… Vedasi l’esperienza Mantovana!

Rispondi
Leo

I numeri dalla parte di Sogliano perchè ha portato concretamente cosa? Non dirmi entusiasmo, perchè quella è la storiella che si racconta quando non c’è nulla di tangibile/concreto. Dei giocatori presi a gennaio a tuo avviso quali valgono i pochi soldi spesi?

Rispondi
Ghost3

Scrissi già a metà campionato che $etti ha già perso prima dell’inizio di questo campionato il treno del VERO AFFARE e rifiutando offerte che ora paiono SOLO MIRAGGI perchè:
1 – Se resta in A (cosa che vedo praticamente impossibile) l’anno prossimo saranno comunque problemi grandissimi visto che non esiste più la squadra a partire dagli allenatori e visto quello che spende per il mercato (chissà quali rottami andrebbe a raccattare ovunque).
2- Se retrocede (molto molto probabile) la squadra avrà una svalorizzazione così alta che il paracadute potrà esser paragonato ad un cerottino.
Poi si affronterebbe la cadetteria con le macerie rimaste e il super mercatone $ettiano (della serie se ti salvi è un miracolo altroché ritorno immediato in A e questo per vari anni).
Con queste più che concrete prospettive l’unica cosa che gli resta da fare è SVENDERE la società sperando almeno di non perderci anche perché, quando le cose si mettono male, con questo tipo di mercato rischi la bancarotta molto velocemente (come dimostrato dal presidente del Mantova di vari anni fa che col crack si è mangiato ben 2 aziende)!!
Se poi, come dicono molti sia con le pezze al culo, ciò risulta essere solo un aggravante:
non avendo più liquidità deve sempre svendere per restare a galla questo aggrava ancor più le sue ormai pochissime scelte affaristiche!!
Da parte mia resto positivamente in attesa della notizia di vendita anche ad un fantasma pur di non vedere più operare questo mediocrissimo e squallido affarista.

Rispondi
Rak

Notizia di oggi ufficiale, ma si sapeva da tempo, $etti ha debiti con le sue aziende per 11 milioni, ora svenderà tutto e tutti per raccattare qualsiasi cosa… Barana, stai attento che se ti vede passare dalla tribuna stampa con la maglia dell’Hellas vende anche te.

Rispondi
Roberto

Tutti i nodi vengono al pettine, fatalitá la settimana scorsa, passando al lato di Porta Borsari mi sono accorto che il negozio del magliaro non c’era piu’…

Rispondi
Roberto

Guarda, io alzo le mani. Se non vuoi capire, problema tuo.
Sintetizzo, Cioffi/Marroccu e Bocchetti/Marroccu 5 punti in 15 partite, Sogliano/Zaffaroni/Bocchetti 26 punti in 22 partite, cosa vuoi che ti dica piú di questo?!? Sono medie da salvezza ultra tranquilla, quasi in linea con l’epoca Juric, tutt’altro calcio, siamo d’accordo…ma i numeri dicono questo, la scossa l’avra’ pur data, e poi un paio di acquisti li ha azzeccati sicuramente, in primis Zaffaroni, che, se é vero che é il responsabile della fase difensiva, eccetto l’imbarcata con l’inter, direi che il suo lavoro lo ha fatto, da quando c’é lui prendiamo la metá dei gol, poi direi Ngonge, qualcosa di buono ha fatto direi, gli altri senza pena ne gloria, ma almeno Gaich si vede che ci tiene, forse piu’ di molti giocatori in rosa dal principio. É poco secondo te?!? Vorrei vederti come direttore sportivo chiamato in fretta e furia al capezzale di una squadra in coma profondo a punto di spirare, col compito di tentare il miracolo e farlo senza schei e senza tempo, penso che piú di cosí non riusciresti a fare…

Rispondi
ander

giusta dsamina Barana…d’altronde è davanti agli occhi ditutti lo scempio di quest’anno, tutti si sono accorti che il mercato è stato fallimentare, la gestione sportiva disastrosa e l’ormai riconosciuta “anestetizzazione ” della società..è veramente triste sperare di salvarsi già sapendo che se anche andasse così ci ritroveremmo in un’altro anno zero, ci ritroveremmo a vendere tameze, hien, montipò e quel poco di buono che resta per l’ennesima rifondazione; spererei anche in panchina, ci ritroveremmo in partenza con meno affiatamento e preparazione di una neopromossa, saremmo probabilmente gli ultimi o quasi sulla griglia di partenza…ecco, io credo sia quello il male vero..questa assoluta mancanza di trasparenza, progettualità, un minimo di passione..quest’anno per vari motivi non ho potuto frequentare molto lo stadio ma con toro ed empoli ero presente ed ho notato come ci sia questo alone di scoramento determinato più da quello che ci trasmette in questo momento l’hellas verona in tutti i suoi componenti che da una possibile retrocessione come tante altre; sembra una società “anestetizzata” come dicevo prima…manca la passione , il futuro..sinceramente Setti mi ha deluso anche a livello manageriale, lo facevo più scaltro..dopo dieci anni non è riuscito a dare alla società un’immagine solida:
progetto centro sportivo mancato/ consolidamento società mancato/ appettibilità per nuovi investitori mancato/ appettibilità riguardo giocatori -allenatori di livello discreto mancato (dopo una stagione buona sembra vogliano andar via tutti)/ MINIMO RAPPORTO DI TRASPARENZA E COESIONE CON LA CITTA’ AMPIAMENTE MANCATO…..e così via penso sia questo il vero male, ringraziando comunque ad onor del vero per alcune belle stagioni, indubbiamente, ma sempre sistematicamente poi rovinate per una totale assenza di programma…ormai il suo tempo è finito FORZA VERONA

Rispondi
Stefano

Le colpe di Setti sappiamo tutte quali siano.
Ma la rosa non è inferiore, anzi, nè a quella del lecce, nè a quello dello spezia, sia ben chiaro.
Se retrocediamo sará per colpa di due allenatori completamente incapaci. Poi appunto sappiamo chi li ha messi lì.

Rispondi
Stefano

Se mai andremo allo spareggio, che qualcuno imponga la formazioni, altrimenti è persa in partenza.

Rispondi
caio merlo

Conti in rosso per Manila Grace, l’azienda di abbigliamento del presidente del Verona Maurizio Setti.

Lo scrive il sito di finanza Affaritaliani.it, che racconta la situazione nel dettaglio.

“Una strada in salita a 40 anni dalla nascita per Antress Industry (Antress), azienda di moda posseduta tramite il Moulin Rouge dall’imprenditore Maurizio Setti, tra l’altro titolare e presidente di Hellas Verona, amministratore delegato e azionista di maggioranza di Mantova 1911. In pochi giorni fa, infatti, Emilia Salvatore, giudice delegato del tribunale di Modena, ha nominato commissario della società ammessa al concordato Maurizio Bisi, accogliendo così il ricorso presentato dall’avvocato Andrea Novarese dello studio White & Case”.

Rispondi
Roby

Il cuore mi da la speranza ( folle ) che ci salviamo senza spareggio ( ho bisogno di un TSO ?? )
La ragione mi dice che domenica sera saremo dove è giusto, dove ci meritiamo di andare, in B.
Speriamo che serva almeno per far sparire da Verona il businessman Setti/Ronzani prima che ci trascini in un baratro finanziario e sportivo. Anche la serie B sarebbe una gioia a patto di togliercelo dalla vista. Amen

Rispondi
Andrea

Ottimo articolo Francesco, chapeau ! Rispecchia alla perfezione la realtà del mio pensiero e del romanticismo ad essere tifosi dell’Hellas. Complimenti. Un cordialissimo saluto. Andrea

Rispondi
Franchellas

Condivido l’analisi di Barana e a questo punto bisogna decidere se, per liberarsi definitivamente del neofallito imprenditore tessile basso modenese, è meglio restare in A o retrocedere per sperare che molli il colpo e sparisca per sempre.Con la B c’è il rischio che, abbassandosi i costi, il carpigiano provi a restare per spolpare ancora il misero osso gialloblù, credo anche io che ci vorrà un altro anno con il serio rischio di puntare alla salvezza…
Ps per i guru della stampa sportiva veronese : ci voleva molto ad andare a verificare la situazione di Antress per capire che con 9 milioni di perdita e 37 di debito, il magliaro avrebbe depredato il patrimonio Hellas per salvare il suo deretano ?

Rispondi
hellasmastiff

Alberto Parentela toglie il velo di mistero che lo accompagnava da quando è stato annunciato il suo ingresso nell’organigramma societaria gialloblu. Ai microfoni di tggialloblu Parentela ha detto: “Sono solo, non sono la testa di ponte di nessuno. E non sono l’uomo dei misteri. Ho sempre agito con grande chiarezza e trasparenza”.

Rispondi
Mingon Federico

A mio parere Setti vendera’ già a fine campionato. Si accontenterà di un offerta che gli permetta di ripianare i debiti delle “strasse” e forse di avere un ruolo da dipendente della nuova società o di ritirarsi tra Carpi e zanzare cui dà del Tu….non vedo altre chanches

Rispondi
caio merlo

metto a disposizione il pick up per la trasferta di domenica a san siro(non dalla mattina,a causa trasferta amatori a ponte possero)per dare un po’ di fiato al magnate che contende il mercato a intimissimi.10 posti disponibili,prendo su solo giocatori,quindi non kallon e tameze e tutte le borse e le altre cose superflue,quindi anche bocchetto e zaffaron.no perditempo

Rispondi
Pietro

Siamo arrivati al “dirigilo sportivamente ti el Verona”, Sogliano ha fatto il possibile con un budget nullo, ma ha sulla coscienza l’aspetto allenatore, avrei fatto a meno di tutti gli acquisti di gennaio in cambio di un allenatore vero. Ricordo che Verdi, unico giocatore tecnico e di esperienza che abbiamo davanti, il quale praticamente da solo ha tenuto accesa una piccola speranza di salvezza, era stato ceduto ed è rimasto per puro caso. Sogliano mi sta simpatico e non avrei problemi a tenerlo anche il prossimo anno, però non facciamolo passare per un fenomeno per favore.

Rispondi
Roberto

Pietro, Sogliano ha preso Zaffaroni perché probabilmente quello poteva prendere col budget che aveva…e considera anche che magari altri profili hanno declinato, data la situazione in classifica, e per la societá Hellas Verona, poco appetibile attualmente a qualsiasi professionista che si definisca tale…detto questo, Verdi era sul mercato perché voleva andarsene, e Sogliano, giusto o sbagliato, ha assecondato il desiderio del giocatore, d’altro canto, la stessa cosa successe con Ilic, se ne voleva andare, e Sogliano disse che a parer suo, se un calciatore vuol cambiare aria, é giusto che parta. Ripeto, dal punto di vista del tifoso, é troppo facile dispensare giudizi critici nei confronti di questo o quello, ma dubito che altri profili dirigenziali avrebbero fatto meglio di Sogliano. Saluti.

Rispondi
Pietro

Roberto, secondo me il tuo ragionamento fila fino a quando non pensi al fatto che la Cremonese ha preso ballardini a Gennaio, per cui un allenatore libero e disponibile c’era sicuramente (non credo che la cremonese gli abbia offerto cifre impossibili). Per quanto riguarda Verdi, perché voleva andarsene? Perché non giocava, se a gennaio gli avessero dato garanzie non credo avrebbe creato problemi. Comunque non voglio sembrarti troppo critico nei confronti di Sogliano, è una persona che rispetto e credo abbia a cuore il Verona, però una fetta di responsabilità è anche sua. Conta che per me dal presidente (compreso) in giù sono tutti colpevoli, ci saranno 4 giocatori che sono disposto a salvare.

Rispondi
Roberto

Pietro, purtroppo il mio ragionamento fila fino in fondo, Ballardini ha un contratto fino a Giugno 2024 a quasi mezzo milione di euro a stagione, ed aveva un bonus equivalente in caso di salvezza, cifre impossibili da pareggiare per il magliaro, con tre allenatori a libro paga, Di Francesco, molto oneroso, Cioffi e Bocchetti. Fidati che Zaffaroni é venuto per una cicca di tabacco, e rimane comunque il fatto che non sappiamo chi abbia sondato realmente Sogliano per la panchina, ne le risposte che abbia ottenuto. Credo francamente Zaffaroni sia il massimo che si potesse ottenere con i pochi soldi a disposizione. Su Verdi, boh, fuori forma, mezzo rotto, anche il butel, posso capirlo, ma deve essere lui a dimostrare d’essere imprescindibile negli schemi di gioco, e francamente, fino a Gennaio non aveva combinato nulla. Dopodiché, che sia uno dei pochissimi coi piedi buoni in questa squadra, é fuor di dubbio. La fiammella resta accesa, Forza Verona!

Rispondi
Papo

Su Verdi la verità è una sola non vogliono riscattarlo ….e se giocava raggiungeva le condizioni perché questo avvenisse ma 5 milioni non li tira fuori il patacca

Rispondi
Hellasebasta

Vorrei sbagliarmi ma “comunque andrà a finire sarà un insuccesso” anche perchè se restiamo in A resta anche l’innominabile, e se andiamo in B invece potrebbe anche togliersi di torno. Quindi per noi tifosi è una sconfitta in ogni caso. C’è chi mi potrà dire giustamente che la A è sempre la A, e che quindi è secondaria al fatto che il farabutto rimanga, ma cosa volìo fioi, mi non posso proprio più vedarlo, mi fa un effetto emetico ogni volta che lo inquadrano. E poi prima di pareggiare i conti con tutto il coolo che ha avuto negli ultimi 3 anni mi sa che se non se ne va ci toccherebbe pure un periodo di sfighe………..che tristesssssa.

Rispondi
Franchellas

Fare una A come questa è una vera schifezza e anche salvarsi non toglie la puzza di m….a che arriva dalla gestione settiana…chi vive l’Hellas come la gita a Gardaland o la birreria/panetto fuori dallo stadio sarà anche contento …il tifo è orgoglio e sofferenza ….con $etti è solo incazzatura

Rispondi
Kilgore

mah par mi , come ho già detto , obbiettivo dall’inizio era il paracadute , peccato che la Doria gli abbia rovinato i piani e quando ha capito che andavano giu’ anche loro ormai le 10 partite di fila erano state perse e la stagione andata. Comunque vada semo alle asse.

Rispondi
Pixi

Qua tutti propendono per un probabile spareggio. Sarò pessimista…ma io non vedo lo spezia perdere a Roma. Innanzitutto perché spezia gioca meglio con le big che con le diretti concorrenti. Ma poi la roma darà tutto quello che ha, a livello nervoso e fisico, nella partita di stasera, e per preparare la prossima. Special-cazzon-one vuole la sua coppetta del nonno annuale per fare il figo altro che qualificazione champions…spero di sbagliarmi!

Rispondi
hellasmastiff

Faccini: “Le Aquile devono tifare per la vittoria in Europa League della Roma”

aggiungo che se fosse stata roma juve la finale avrebbe vinto la roma perchè la juve oggi non si regge in piedi….. difatti quando si è qualificato il siviglia che è la sua coppa si era più sereni……
volpato solbakken lorente belotti zalesky i più freschi questi giocano tutti…. han detto anche che guardano atalanta monza se pareggia o vince il monza possono andare sopra loro…….

Mou ha detto in conferenza: “ora dobbiamo prepararci per domenica. Dobbiamo battere lo spezia per tornare in Europa League”. Speriamo sia di parola

Rispondi
Giovanni Manzini

Non mi sembra che la società sia più di tanto rammaricata per questa probabile retrocessione in B. Del resto prima ancora che terminasse lo scorso fantastico campionato la squadra è stata smembrata con la svendita di tutti i giocatori migliori Barak Caprari Simeone Casale Ilic Cancellieri poi via Tudor e D’Amico. Pertanto la probabile retrocessione è una scelta programmata un obiettivo da considerare come possibile purché ottenuto dignitosamente. Setti non credo sia preoccupato se il prossimo anno giocasse in B. Il Verona è sempre stato gestito sperando nella buona sorte….non dimentichiamo che in passato sono passati da Verona anche giocatori come Ambarabat Zaccagni Rachmani Borini Kumbulla , Silvestri Di Marco , Pessina ….tutti via a buon mercato per motivi di bilancio. Il prossimo calcio mercato chi venderà? Solo Tameze o Hien perché non credo che Gaich Ngonge Duda Diuric Magnani o Lasagna abbiamo grande mercato.

Rispondi
RobyVR

Ocio che el Cul de Seti el g’ha n’altra scians, la natica l’ha za fato perdar la Roma

Rispondi
Marco

Lo Spezia pareggerà all’Olimpico, il Verona perderà a San Siro, e sarà serie B com’è giusto che sia (lo dico per scaramanzia).

Rispondi
hellasmastiff

Roma-Spezia: 62mila spettatori ed ennesimo sold-out. Cancelli aperti dalle ore 18:30 (COMUNICATO)
È la vigilia di Roma-Spezia , l’ultima partita della stagione giallorossa, in programma domani alle ore 21 allo Stadio Olimpico. Che sarà, ancora una volta, sold-out, con 62mila spettatori sugli spalti. I cancelli dell’impianto saranno aperti dalle ore 18:30 e il club, nel comunicato sul proprio sito, consiglia ai tifosi di arrivare almeno 90 minuti prima del fischio d’inizio. Questa la nota integrale: Quello che andrà in scena domenica alle 21 sarà l’ultimo atto di una stagione emozionante. Ma la partita con lo Spezia non sarà solo il saluto della squadra ai tifosi, e viceversa. In palio ci sono infatti i punti che valgono la partecipazione alla prossima Europa League. Sugli spalti siederanno 62 mila voci romaniste.

Rispondi
Bento

Concordo in pieno con Barana
Oltre faccio i conti della serva….. Che di solito ci indovina
Cessione giocatori 35 mln
Paracadute altri 25 mln
Totale 60 mln in mano ad un imprenditore manifatturiero che non è fallito durante il covid. Anzi ha introitato con un l azienda di manifattura altri miloni…. Guarda caso finisce il covid e fallisce. I conti setti se li è già fatti e bene.
Lasciera’ l’Hellas in serie B, (era già scritto) avendo fatto tutto il possibile per farlo. Saremo senza debiti ma anche senza squadra…. Lui in questi anni mette in saccoccia almeno 30mln puliti. Ciamaghe oco…… al pito…..
Ciao da Paolo

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code