Torna al blog

SIAMO DEI MIRACOLATI. E SARÀ LA NOSTRA FORZA ALLO SPAREGGIO

Baciamoci le mani. Per come si era messa, lo spareggio è già un mezzo miracolo. Una proprietà che svende di tutto e di più, che in una sola estate depaupera un patrimonio tecnico costruito in tre anni, che sceglie allenatori inesperti (Cioffi) o addirittura esordienti (Bocchetti), non merita nulla. Per tacere delle vicende extra-calcio che riguardano Maurizio Setti. Ricordiamocelo sempre quando lamentiamo il punto perso di qua, o quell’altro perso di là. Facciamo un’operazione di memoria e rammentiamo di chi siamo figli: di una proprietà inadeguata che ha partorito una squadra scarsa, che a gennaio era spacciata (dopo dieci sconfitte consecutive!). Se raccogli 31 punti non puoi avere rimpianti, per nulla. Il gol dell’Empoli al 96′? Un grave errore tecnico individuale del nostro esterno (come è stato un errore quello del loro portiere sul nostro vantaggio). C’è una regola aurea: se non investi, giochi con calciatori modesti, che sbagliano più di quelli bravi, figuriamoci sottopressione.  

Insomma, non tiriamo in ballo la sfortuna o il “poteva essere…”. Siamo dei miracolati! Con una proprietà politicamente debole che nemmeno con gli arbitri sa tutelarci. Dove pensavamo di poter andare in simili condizioni? Anzi, semmai Setti può ringraziare ancora una volta la sua proverbiale fortuna: se Mourinho giovedì scorso si fosse portato a casa l’Europa League (con annessa qualificazione in Champions League) hai voglia di immaginare che partita sarebbe stata ieri con lo Spezia. E se non avessero (ri)penalizzato la Juventus poche settimane fa (sacrosanto, ma non era scontato), sempre la Roma avrebbe affrontato la nostra diretta concorrente già fuori dai giochi per la qualificazione alla nuova Europa League. Perciò, sapete che c’è? L’abbiamo scampata, altroché.

Ed è questo senso di averla fatta franca, paradossalmente, che potrebbe darci forza psicologica domenica contro lo Spezia. Società che, al contrario della nostra, non ha depauperato un bel nulla: sofferto hanno sempre sofferto, anche negli scorsi anni, semmai era questa la stagione in cui avevano le fiches per evitare patimenti. Invece hanno gettato tutto all’aria con un girone di ritorno infausto. Ecco, se proprio, sono loro ad arrivare affannati e piani di rimpianti allo spareggio. Loro sì che hanno molti “se” e “ma” da raccontarsi.

Mentre noi possiamo solo apprezzare il girone di ritorno di un Verona (inteso solo come squadra e direzione sportiva) che è riuscito a risollevarsi e poi, in qualche modo, a stare a galla nonostante enormi problemi strutturali, che si sono riverberati su uno spogliatoio già di per sé complicato, con senatori a fine corsa ma ancora ingombranti. Problemi a cui Sogliano ha messo una toppa con la sua generosità e personalità, ma che non ha risolto del tutto. Problemi che ci spianavano la strada verso la B. E invece siamo ancora qua, graziati dal destino. Questa è la condizione, decisiva, da sfruttare domenica.

24 commenti - 3.752 visite Commenta

michele

nessuno supererà la metacampo, e poi ai rigori magari Verdi, Veloso e Lazovic faranno pesare la loro esperienza

Rispondi
Markigno

Concordo pienamente. Loro hanno avuto un sacco di possibilità di evitarsi tutto questo, noi abbiamo fatto tutti i punti che potevamo fare nel girone di ritorno: o qualcuno pensa che avessimo una squadra da oltre 50 punti?!? (se guardiamo i punti del ritorno e li proiettiamo anche sull’andata superiamo i 50) . Sarei curioso di capire come sono gli stipendi perchè l’ultimo mese non riesco ad etichettarlo semplicemente come “stanchezza” perchè stiamo parlando di atleti che hanno avuto anche la pausa mondiale per recuperare energie.

Rispondi
Manu14

Eh sì….mi trovo completamente d’accordo. Non cambierei una riga. Il pagliaccio carpigiano ha dimostrato e confermato la sua inefficienza finanziaria, ha distrutto una macchina perfetta in cambio di 4 denari. Adesso tocca a noi ancora una volta l’attaccamento ai colori, sperando che i nostri stavolta dimostrino che vogliono la serie A, quanto e più di noi

Rispondi
Ghost3

Se siamo dei miracolati francamente non lo so, quello che so è che, per la svendita dell’Hellas, sarebbe meglio retrocedere, altrimenti a $etti viene l’acquolina in bocca di ricominciare a fare i suoi strampalati affari per riassestare le sue attività ormai chiaramente agonizzanti.
Poi se è vero che i suoi affari sono malmessi per l’effetto covid, perché mai non ha venduto quando ne ha avuto l’occasione prima di questo campionato a cifre che ora son solo miraggi?
Avrebbe sistemato le aziende alla grande e guadagnandoci pure bene invece di distruggere il Verona che, da quanto sembra, era l’unico gioiello che aveva in mano!
Ora comunque vada per lui si è fatta durissima visto che la società ha ormai la nomea di porto di mare con 0 progetti seri (figuriamoci quale giocatore di talento sceglierà di venire qui).
Per non parlare dell’assurdo operato degli allenatori e di come intenderà sostituirli (ammesso che lo faccia visto che di calcio non capisce un H )!
Lo so il cuore mi dice che è meglio vincere e restare in A, ma se la sconfitta contribuisse alla dipartita di questo infausto elemento ne sarei più che contento!!!

Rispondi
davtex

Ghost3 – è la storia dell’uovo oggi o della gallina domani… Se però l’ovo l’è marso e la galina vecia, ne resta gran poco da sperar.

Rispondi
Daniele

Se non fosse stato per la novità di questo campionato(spareggio)saresti retrocesso per lo scontro diretto,SBAGLIO??

Rispondi
RINO

ok tutto vero, però anche lo Spezia è miracolatissimo, basti vedere la partita vinta con l’Inter (dove hanno fatto 2 tiri 2 gol, Inter 26 tiri 1 gol e 80% di possesso palla) o la partita vinta con il Milan al quale mancava Leao. Ieri il Milan se non aveva Leao non avrebbe avuto nemmeno voglia di segnare. E con noi all’andata ha avuto un culo da morire. Quindi…andiamoci a vedere sto pareggio tra due squadracce scarse e vediamo chi ha più culo.

Rispondi
Roberto

El balón l’é tondo, e partiamo col 50% di possibilitá, ne una di piú ne una di meno. Mi viene in mente una canzone di molti anni fa di Tonino Carotone…” É un mondo difficile e vita intensa, felicitá a momenti, e futuro incerto…” rispecchia in pieno la situazione del Verona attualmente. Setti ha il fiato corto, e senza iniezioni di capitali rischiamo in caso di permanenza in serie A una stagione ancor piú sciagurata di questa. A tal proposito, in un futuro prossimo, mi piacerebbe scrivessi del perché, a tuo giudizio, in tutti questi anni, non é emersa nessuna figura imprenditoriale di rilievo, proveniente dal territorio, che si faccia carico della societá. Mi rendo conto che é un argomento complesso, ma vorrei il punto di vista di un professionista dell’informazione, sciorinando dati e formulando ipotesi con fondamento, perché di discorsi da bar ne ho sentiti fin troppi. Sempre Forza Verona!

Rispondi
Franchellas

Se esiste un minimo di logica e serietà sportiva dovremmo essere già scesi in B come un’ancora buttata in mare….se il Palazzo fa 2+2 ci manderà un arbitro con il colpo in canna per mandarci giù nei 90 minuti e tenere su una società povera ma minimamente piu seria della nostra….se siamo ancora qui a sperare è solo per l’estremo e infinito bu..de.cu.. del nostro tristemente noto magliaro carpigiano…) e non rimane che puntare sulla voglia di giocatori limitati ma forse con un briciolo di dignità ancora…Ma poi? L’anno prossimo saremo ancora qui a tribolare ed essere ( non tutti ) presi per i fondelli da questa società ridicola?
Forse mai come questa volta la sensazione è che la piazza sia sfinita e disinteressata….serve una rifondazione totale

Rispondi
Roberto

FrancHellas, sfinita sicuramente, disinteressata non direi, i numeri che facciamo al Bentegodi dicono che, nonostante tutto, la piazza c’é e risponde presente. Quanto durerá non lo so, certo basterebbe veramente poco per riportare un minimo di entusiasmo. Abbiamo una storia ed una tradizione sportive che ben poche societá possono vantare nella storia del calcio italiano, ma noi per primi non sembriamo rendercene conto! Sulle manovre di palazzo non ti so dire, ma non mi stupirebbe succedesse l’esatto opposto di quello che affermi, saluti.

Rispondi
Franchellas

Concordo , disinteressata era riferito rispetto alla società, non ai colori o alla storia. Però converrai che ai tempi del barbagianni Pastorello con lo spareggio con la Reggina o con lo stesso Spezia per la B c’era un’altra aria…poi sopratutto c’era speranza nel futuro…ora l’unica speranza è che il magliaro si dilegui …se in cambio di questa certezza io ripartirei anche dalla B

Rispondi
Roberto

Franchellas, vero, ma ancora una volta il responsabile ultimo é Setti, che negli anni ha fatto e disfato a suo piacimento, lanciando proclami al vento, tipo modello Borussia, internazionallizazione del brand, centro sportivo eccetera eccetera. Ricordiamocelo sempre, quanto siamo stati presi per il culo. Tolto Setti dall’equazione, l’entusiasmo tornerá. Comunque meglio venda in A, perché coi debiti che si ritrova, se perdiamo lo spareggio, rischiamo di fare la fine del Brescia.

Rispondi
PAOLO ZANETTI

Si, i tifosi del Verona allo stadio sono unici, veramente unici. Non si può non ammirarli e amarli. Meritano tante soddisfazioni.

Rispondi
hellasmastiff

basta che non si fa male ebuhe dell’empoli non sarebbe entrato stojonovic che ha fatto di tutto per impegnarsi alla morte e per pareggiarla…….. casa allucinante la sua……. col dito davanti a zittire tutti……

Rispondi
mattia

il Verona prima dell`empoli aveva 36 gare per non essere in quella situazione.
Il giocatore dell`empoli ha fatto solo che il suo dovere dai su.
Cerchiamo di essere razionali una volta tanto.

È cosi difficile ammettere che facciamo pena e schifo neanche ai tempi di Cagni e Salvioni?

Rispondi
scala1970

ciao Francesco che altro aggiungere hai detto perfettamente tutto tu. Solo la tifoseria e 120 anni di storia meritano la salvezza.
Una cosa tecnica. No sarebbe il caso giocare col tridente lazovic ngonge verdi che ne pensi
riciao

Rispondi
Leone Scala

Completamente d’accordo, siamo dei miracolati che hanno goduto delle altrui sfighe, regali e condizioni favorevoli insperate. Per questo lo spareggio è manna dal cielo, confidiamo nella proverbiale fortuna del carpigiano privo di calze. Abbiamo pure la rosa al completo, se recuperiamo anche Lasagna abbiamo un’altra freccia a mio avviso validissima e con tanta voglia di riscatto. A loro mancherà Gyasi e Amian, due pedine importanti insomma ce la giocheremo e saremo artefici del nostro destino meglio di così.

Rispondi
Ghost3

A prescindere da come andrà lo spareggio, visto quanto emerso dai guai finanziari del presidentone, l’Hellas versa in una pericolosa situazione economica!.
E’ da tempo immemorabile che sostengo come $etti abbia perso il treno dell’affare Hellas prima dell’inizio di questo orrido campionato (cioè alla fine della gestione Tudor).
E a quel tempo manco conoscevo la sua situazione economica che sembrava, da quel che faceva trapelare, abbastanza florida.
Oggi a maggior ragione dico che ,non solo non capisce una beata mazza di calcio, ma non ha alcuna dote (a parte il culo) anche come puro affarista.
Per come si son messe le cose ormai è nella merda fino al collo e deve per forza svendere la baracca (se lo faceva a tempo debito ne sarebbe uscito con dignità, un discreto guadagno e in più avrebbe sistemato tutte le sue aziende!!!).
Ora rischia il crack altro che guadagno da gran affarista come veniva inizialmente descritto dai più compresa, in certi frangenti, la stampa.
Di tutto ciò (ampiamente previsto) non me ne frega nulla; spero solo che chi subentrerà onori la società e di riflesso questa bellissima città che non ha mai meritato questo mediocrissimo affarista senza scrupoli.
Se poi si capirà a tutti i livelli che il calcio italiano, così come è regolamentato, non fa altro che calamitare questo tipo di gente (e $etti onestamente è solo un esempio di tutti quelli che si son visti anche negli altri club) sarà un grandissimo passo avanti verso uno sport più pulito e trasparente a beneficio di tutti!.
Certo, se la lega fa figuracce solo per scegliere il campo neutro di uno spareggio, figuriamoci cosa sia in grado di regolamentare a livello economico per i club.
Comunque sia the show must go on.

Rispondi
bardamu

La designazione assurda di Udin come sede dello spareggio era perfetta per la mia ricerca di scuse buone per non recarmi ad assistere a questa tenzone.
Così come lo era stato l’orario della partita a Milano.
Ho una certa età ed un lavoro che mi obbliga ad essere lucido dalle 8 del mattino alle 19.
In realtà poi la partita manco l’ho guardata in TV e lo stesso accadrà domenica prossima, a meno che non avvenga ciò che temo: che mi si sottragga ogni scusa anticipando anche l’orario della partita.
Per farla curta temo per il mio apparato cardiocircolatorio, ma piuttosto che guardarla in TV vado allo stadio, anche se la mia prima scelta sarebbe quella di non guardarla affatto.
Ci sono poi complesse ragioni scaramantiche che non sto qui a spiegare, anche perché non sono molto chiare nemmeno a me, che mi consiglierebbero sia in un senso che nell’altro al fine di ottenere il risultato sperato.
Alla fine ho deliberato che se la disputano nel pomeriggio me toca andarghe, in caso contrario rimango a casa scollegato da tutto fino alle ore 23.30.
Ho preso anche un’altra importante decisione: quella di rassegnarmi al peggio già da ora, in modo da non soffrire come un cane se avverrà ciò che temo avvenga comunque.
Ero già rassegnato anche fino a domenica scorsa, poi è avvenuto che la Roma ha fatto il miracolo ( t’amo pio Bove e San Paulo Di Bala ) e la sorte ci è stata amica.
Chissà che tutte queste mie manfrine non funzionino anche per domenica prossima.
Scusate lo sfogo, che non c’entra niente col tema del topic, ma ho bisogno di scaricare la tensione in qualche modo e questo è il più innocuo.
Sempre Forza il Verona !

Rispondi
hellasmastiff

cremona o monza nessuno ha pensato visto che sono a norma serie A??
al mapei potrebbero dare mezza tribuna al verona e mezza allo spezia tipo quella della tribuna stampa lato ospiti agli spezzini e quella opposta lato settore curva sud ai butei per un tot. di circa 8-9 mila a squadra……. sabato a reggio c’è anche il concerto di zucchero…..

Rispondi
hellasmastiff

però nessuno crede però nessuno ci credeeeee………. FESTA Hellas!!!!💛💙
setti si o setti no…… ci sarà tempo ora festa e tutti in piazza Bra………..

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code