Torna al blog

NONOSTANTE I PUNTI BUTTATI IL BICCHIERE E’ MEZZO PIENO

Dopo la partita di Bologna nessuno di noi non avrebbe firmato per fare cinque punti tra Roma, Salernitana e Genoa. Quel Verona stava diventando un malato grave, il timore diffuso era di prendere un’imbarcata devastante da cui sarebbe stato difficile riprendersi. Tre gare dopo, siamo qui a rimpiangere i punti buttati. Per due volte il Verona ci ha illuso di poterla vincere e per due volte è finita in pareggio.

A Genova il livello di masochismo è stato portato alla massima potenza. Il Verona ha giocato la sua miglior partita di questo campionato, liberandosi finalmente del fantasma di Juric, equilibrato, coperto, cinico, bravo a verticalizzare e a richiudersi a testuggine. Tudor in due giorni ha costruito il miglior Verona possibile in questo momento: finalmente con due punte, un centrocampo a quattro che diventava a cinque con l’abbassamento di Barak, una difesa che per 70 minuti non ha fatto vedere biglia agli avversari, una gara che pareva avere solo un binario.

Purtroppo però è bastato un banale episodio per rimettere il Genoa in pista e la partita in discussione. Il rigore ha dato la stura alla rimonta genoana, mentre il Verona, complici i cambi, ha perso per strada qualche certezza, mentre la stanchezza affiorava. Pensare di perdere una partita così, aveva il sapore delle peggiori beffe. Meno male che ci ha pensato Kalinic, tre gol in due giorni, a pareggiare, facendo perdere l’aplomb di Setti in tribuna.

Si poteva vincere, certamente, sia a Salerno, sia a Genova. Ma si poteva perderle anche tutte e tre ed essere ancora a zero, in fondo alla classifica, aspettando la sfida salvezza contro lo Spezia con l’animo terrorizzato.

Invece abbiamo capito che il Verona, opportunamente guidato e ricompattato dopo il cambio in panchina, in questo campionato ci sta alla grande e se dopo una settimana Tudor ha riportato la barca in linea di galleggiamento le cose da ora in poi non possono che migliorare.

In questo momento, dunque, bisogna accantonare la rabbia, seppure giusta, e le recriminazioni e dare a Tudor il tempo di lavorare sul campo per migliorare tutte quei difetti che ancora limitano il nostro decollo. Guarderei il bicchiere mezzo pieno, senza dubbio.

55 commenti - 4.283 visite Commenta

gabriele bianchini

Ok tutto bene, ma la difesa comincia a farmi paura…
Vendere per poche lirette Lovato e specialmente Silvestri NON credo sia stata una politica assennata.
Montipo’?, Bah, sul secondo gol doveva uscire e respingere di pugno. Preferisco Pandur.
W Hellas
Gabriele Bianchini
Como, 26.09.2021

Rispondi
Raycharles68

Confrontando con lo stesso periodo dell’anno scorso, la sensazione è che rispetto alle prestazioni quest’anno ci manchino 4-5 punti, mentre l’anno scorso ne avevamo almeno altrettanti in più..e questo è un buon segnale…così come il fatto che, se è vero che prendi gol facilmente è vero anche che ne fai. Le punte ci sono e segnano, oltre a sbattersi per la squadra e basta. E poi, ultimo ma non meno importante, mi sembra che squadre veramente da cool in giro non manchino…insomma, mi sembra si possa guardare con ottimismo al futuro. Unica nota negativa è che, per come gioca Tudor, Cancellieri lo vedremo poco…

Rispondi
Martino

Cancellieri lo stavamo bruciando. La Roma se n’era liberato proprio perché soffriva le responsabilità. L’abbiamo forgiato in un anno…ora non è il caso di gravarlo con pesi per lui insostenibili.

Rispondi
NIKE

Infatti è giovane e va centellinato per farlo maturare anche perchè da buon romano potrebbe facilmente montarsi la testa

Rispondi
massimop

non sono daccordo con Tudor che si lamenta dell’arbitro che ci ha trattato bene.
dovrebbe essere informato che volontarietà cazzi e mazzi sono discordi da juventini, è sufficiente toccarla ed è rigore punto.

abbiamo giocato bene fino a che le gambe ci hanno sorretto.
poi siamo diventati lunghi generosi e perforabili.

la domanda è ma che cosa abbiamo fatto durante l’estate?
la risposta è l’esonero di Di Francesco e del suo staff.

Poi , ovviamente, il primo anno dell’era Juric Gunther era l’anello debole ora è il perno della difesa…la sfida è sempre farw di più, con meno.

Rispondi
Beppe

Concordo su tutto, rigore netto, preparazione approssimativa, Gunter non adeguato a dirigere una difesa.
Alcuni giocatori chiaccherando informalmente questa estate erano contenti di Di Francesco perché prima con Juric faticavano troppo poverini. Gunterha delle amnesie che non sono da leader di una difesa, se uno se ne sta da solo a bere sulla trequarti tu sali insieme ai tuoi compagni e non te ne preoccupi nemmeno più, è in fuorigioco macroscopico, lo capisce anche uno di terza categoria.

Rispondi
auzzaider

Al momento a livello di gioco non vedo nessuna differenza tra il Verona di Di Francesco e quello di Tudor con il copione che è sempre uguale, ottimi primi tempi e brutti secondi tempi con la differenza che in queste ultime tre partite qualcosa abbiamo finalmente raccolto perchè non può andare sempre male, oltretutto Salernitana e Genoa sono due squadracce quindi più che due punti fatti sono quattro punti buttati. Ora speriamo di battere lo Spezia in casa che la pausa nazionali ci permetta di assestarci.

Rispondi
Alberto

Meme social e pentolini…please no, no more.
We are Hellas, drink again, it’a correct to watch the “half-full” pint of beer.
Don’t forget the Brazilian Cruise…

Rispondi
RobyVR

Traduco par quei che no mastega el tedesco: Ui ar Hellas drinch eghein itsa coret tu uac de alf ful paint ov biir.

Rispondi
Andrea

Se la partita che ha fatto il torino ieri sera, l avesse fatta l hellas, sarebbero state critiche anche con un pareggio, col venezia poi. Ma siccome è il guru, il fantasma che aleggia sempre sull hellas, che allena il torino, l innominabile, allora neanche una parola. Certo, una squadra come il toro, se perde intensità, è normale,concetto trito e ritrito. Personalmente, vado controcorrente, ma non vedevo l ora che piangina andasse via, vedremo il girone di ritorno,la spremitura si farà sentire. Speriamo di recuperare veloso, la prima spremitura di juric

Rispondi
NIKE

Mi trovi d’accordo anche io non guardo solo i risultati ma le macerie che ha lasciato la lacrima sul viso di Spalato

Rispondi
RobyVR

Par averghela cosita tanto te s’èri proprio inamorà. Pol èssar che nesuni disa niente parchè no ghe ne frega un casso.

Rispondi
Andrea

Al contrario, quei inamoradi de juric iè quei che piansea, disendo che setti no l è mia sta bon de tegnerlo. Anca a Faraoni no ghe ne frega un c…asso, a ti forse si, ma adeso te fe finta de gnente

Rispondi
Martino

Perché dovremmo parlare del Torino? Un conto è accennare a ciò che ha fatto Juric qui, un altro conto è seguirne la carriera per fregarsi le manine (perché poi…bah) quando fa qualche tonfo. Per il momento Tudor sembra ancora più piangina, quindi se di vuole uno born to tribular taciturno bisogna ancora attendere.

Rispondi
Martino

*Se si vuole.
P.s. Guru, magister o rabbi…solo prosopopee. Ciò che non si più confutare è che Juric abbia migliorato il 95 % dei calciatori che ha avuto tra le mani. Chi faticava con lui? Le punte.

Rispondi
Andrea

Allora seguendo il tuo ragionamento, anche kalinic o dawidovicz, a parte i 5 minuti di nebbia da rigore, sono migliorati con tudor, kalinic ha cominciato a segnare. Come vedi, anche altri migliorano i giocatori, non solo il lacrimatoio da spalato, anche con ballardini esisteva nel genoa uno che segnava, e poi con juric si e fermato, o meglio, era sempre in panchina. Quello non è migliorato, anzi

Rispondi
Andrea

Se mi spieghi dove è che ha pianto Tudor, anzi, tutto al contrario, ha detto di avere giocatori forti, e che lasagna e kalinic in panchina sono un lusso, se x te questo e piangere… Magari piangerai se ti viene qualcuno peggio di setti, visto che critichi e basta

Rispondi
Martino

Non è vero che critico e basta. Potrei dirti allora che tu sei sempre pronto avallare qualsiasi decisione. Tudor si è lamentato di decisioni arbitrali che, a freddo, posso dire che ci stavano assolutamente, anche se il giorno dopo la trasferta di Genova ero ancora avvelenato.

Rispondi
auzzaider

Di solito le partite dopo il cambio di allenatore non sono molto indicative anche perchè come si è visto nei due match successivi pregi e difetti sono rimasti tali, la gara di domenica è dunque fondamentale perchè giocata contro una diretta concorrente a mio avviso più tosta di Salernitana e Genoa, serve assolutamente una vittoria e allora si che si potrà parlare di effetto Tudor, al momento tutti questi peana mi sembrano un tantino esagerati.

Rispondi
RobyVR

Secondo la Gaseta de Mantoa el Strassatol Magnaschei no l’ha ancora deciso se vendar el Verona o el Mantoa. Sperem che el faga la sielta giusta e che el torni più arente le so sone.

Rispondi
Mir/=\ko

Per favore, presidente Setti, venda il Verona!! Adesso è ora di fare grande il Mantova. A Verona la sua missione è terminata e non credo possa “sportivamente” fare di più.

Rispondi
auzzaider

Una cosa è certa, con Setti un altro scudetto non lo se vinse de sicuro e noi tutti vogliamo continuare a sognare e non accontantarci di qualche salvezza raccattata, per questo vedo Mantova come una destinazione più consona a Setti dove potrà fare le sue sparate su fantomatici centri sportivi e modelli Borussia o Bayern.

Rispondi
Enrico Marchesini

Nella vita godo più facilmente di piccoli traguardi e trovo la felicità nelle cose semplici: vincere domani e agganciare in classifica una lacrima sul viso dei Balcani è una di queste. E xo bire.

Rispondi
NIKE

La partita Salernitana-Genoa (due squadre derelitte) ha dimostrato ancora una volta che abbiamo buttato via 4 punti piuttosto che guadagnarne 2 come dice Tudor

Rispondi
auzzaider

La coperta è corta, o si privilegia la fase difensiva (Juric) o quella offensiva (Di Francesco) resta da capir come mai per alcuni come mai i gol fatti iè merito de Tudor e quelli subiti lè colpa de Di Francesco, oggi speriamo di fare risultato pieno perchè dopo (Udinese a parte) con Milan, Lazio e Rube sarà moooolto difficile ma quantomeno la sosta dovrebbe venirci incontro.

Rispondi
Andrea

Qua me par che tutti o quasi i spera che setti el vaga via, parchè, vivendo i più soto el pero, i pensa che vegna el magnate par portarne in champions, mentre magari te andarè peso, visto che nessuno vien qua par perdarghe. Anca el fenomeno de commisso me par che no l abia fato sfracelli, anzi, se i ghe dava un tot addio Vlahovic. Ghe n era du o tri che purtroppo i ghe na drio alla tifoseria, e infatti ia fato na bruta fine,vedi chiampan e il povero conte. Se oggi vinciamo agganciamo il fenomeno del pianto, non male peruna squadra di derelitti come la nostra

Rispondi
Alberto

L’è el filtro “anti-Rensi” el entra in azione quando se scrive renserie…
E zo bire…

Rispondi
auzzaider

Par fortuna el sommo presidente non era presidente negli anni 80, altrimenti salvezze risicate e conti (soi) a posto.

Rispondi
auzzaider

Il problema è che c’è chi tifa Hellas Verona e chi il suo presidente, vedremo se certi scriveranno ancora su queste pagine quando il carpigiano un giorno lascerà la società che a quanto pare gii permette lauti guadagni a meno che ovviamente tre milioni di euro non vengano considerati elemosima per i poveri, prosit.

Rispondi
Alberto

Rensi auzzaider scatenati per ritagliarsi un posto per aggiudicarsi il Renso d’Oro…
Mirco o è un tuo allievo oppure hai un concorrente pieno di entusiasmo…una scheggia impazzita

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code