Torna al blog

SE TRE INDIZI FANNO UNA PROVA…

Può una squadra buttare via una partita così? Alla terza volta che succede è fin troppo ovvio che qualcosa non va. Il Verona sta lasciando per strada punti preziosi e poco importa se prende applausi e se domina per metà tempo. Perché è necessario capire in fretta cosa succeda nella testa e nelle gambe di una squadra capace di annientare gli avversari e che poi spegne improvvisamente la luce. Prima che sia troppo tardi e che si pianga sul latte versato.

A San Siro è andato in onda lo stesso copione visto a Salerno e rivisto col Genoa. Ma a pensarci bene è anche lo stesso copione visto alla seconda giornata con l’Inter. Il Verona è bellissimo, attacca alto, vince i duelli, segna, diverte e si diverte. Gli avversari sembrano in sua completa balia ma poi ecco che la squadra pian piano si abbassa, i muscoli s’intossicano di fatica, il ritmo cala, il pressing uomo su uomo viene meno e pian piano gli avversari si portano nell’area scaligera dove qualcosa succede sempre e quando non succede la facciamo succedere come nel caso di Gunter, goffo e appannato di fatica, tanto da infilare Montipò clamorosamente.

Il Verona è una squadra fisica, atletica, capace di suonare un solo spartito. E’ stata creata ad immagine e somiglianza di Juric e del suo calcio, tanto da aver rigettato come un organo trapiantato in un corpo non suo, Di Francesco, rimasto a metà tra l’essere se stesso e l’imitazione venuta male del predecessore.

Il calcio di Juric non ammette mezze misure. O si fa ai mille all’ora o non si fa. Devi andare a ritmo altissimo tutta la gara, non puoi mai abbassare quell’intensità. Problemi che esistevano anche con Ivan, basti guardare alla seconda metà della scorsa stagione, quando appena appena si sono abbassate le motivazioni e di conseguenza il furore, il Verona ha perso una sfilza di partite.

Tudor, poveretto, è alle prese con una vera e propria impresa. Da una parte deve ridare intensità alle gambe dei giocatori, dall’altra deve ottenere risultati immediati. Il secondo obiettivo è stato centrato, mentre il primo è difficilissimo ottenerlo, in mezzo a turni infrasettimanali, impegni delle nazionali, infortunati. Di Francesco, se non è ancora chiaro a tutti, è saltato perchè non garantiva questa intensità e la squadra riduceva di gara in gara la propria autonomia.

Per questo non si può tirare la croce addosso all’allenatore attuale, né tantomeno alla squadra che pecca solo di una falsa partenza dovuta al cambio di allenatore e di metodi in cui probabilmente non è stata immagazzinata benzina sufficiente a reggere 90 minuti e oltre.

Finiamo ogni gara pensando a quale bicchiere sia bene guardare. A quello mezzo pieno di un primo tempo devastante o al secondo in cui si è scialacquato tutto? Dopo questa sconfitta con il Milan, scusatemi, ma non riesco proprio a farmi passare l’idea che abbiamo buttato via tre punti. E se qualcuno è contento lo stesso, si faccia vedere da uno bravo.

59 commenti - 2.584 visite Commenta

NIKE

La paura è che adesso subentra un blocco psicologico del tipo sindrome del secondo tempo o rimonta dell’avversario oltre che nelle gambe da rigenerare urge anche un cambiamento di mentalità.

Rispondi
Alberto

Io non sono contento ovviamente…non lo si è mai e non lo si deve essere mai quando ti rimontano un doppio vantaggio e poi addirittura perdi. Detto questo personalmente mi bruciano di più i 4 punti buttati con Genoa e Salernitana che questi 3…

Rispondi
hellasmastiff

in alto i cuori fuori la voce l’hellas che domina a san siro per un’ora non è da tutti i giorni… soprattuto come era iniziata questa stagione…. a sostentere questi ragazziin massa domenica…… forza gialloblu!!💛💙

Rispondi
hellasmastiff

molto semplice il discorso di Vigo fila benissimo va anche detto che per me il primo tempo deve essere lo spartito anche come modulo senza far tanti giri di parole con le due punte le 3 ecc… li davanti si gioca con simeone barak e caprari per il momento non si deve cambiare mai…….. secondo punto la tenuta fisica concordo con quanto descritto autonomia di 60 minuti troppo poco e i cambi dal 60esimo devono per forza di cose dare di più……. per questo già anticipo che a gennaio con le uscite di ragusa e cetin e considerando le condizioni di frabotta si andrà a rafforzare quei 2-3 buchi che abbiamo da limare nell lista over……. prendere un bel mediano alla sturaro ma non lui un esterno vice lazovic anche se provare cancellieri non sarebbe male in alcune gare e un centrale se come oggi mancavano dawidoviz magnani e ceccherini per me uscito troppo presto…….

Rispondi
Mir/=\ko

Behhh, resta pur sempre il Verona di Setti, con uno dei più bassi “monte ingaggi” della serie A. Non ci sarà abbastanza benzina nelle gambe per colpa della preparazione atletica sbagliata in estate, ma c’è nemmeno una qualità tale da imporre il proprio gioco in trasferta per 90 minuti. Il Verona ha lasciato punti per strada anche per colpa di imbarazzanti errori individuali dei vari Hongla e Gunter. Quest’ultimo poi, a mio giudizio, non è assolutamente un giocatore che può fare il titolare in serie A. E non da oggi! Ricordiamoci che per un Verona che investe così poche risorse, è già un miracolo poter giocare in questa categoria.

Rispondi
Alberto

Io non sono contento ovviamente…non lo si è mai e non lo si deve essere mai quando ti rimontano un doppio vantaggio e poi addirittura perdi. Detto questo personalmente mi bruciano di più i 4 punti buttati con Genoa e Salernitana che questi 3…

Rispondi
stefano zocca

Oltre ad un problema di condizione fisica e mentale, c’è di più. L’organico nelle seconde linee non è adeguato. Honglà, Ruegg, Cetin, Ragusa, temo Sutalo e soprattutto “Benassi bis” Frabotta sono forza assente. Poi ci sono giocatori logori, forse con la testa altrove, forse demotivati. Credo che anche con il portiere ci sia qualche problema. In ogni caso, con la proiezione dei gol subiti, si va a oltre il centinaio e statisticamente con questo score non si è mai salvato nessuno. Mercato vendite e acquisti di gennaio sarà determinate.

Rispondi
alex85

La realtà è che abbiamo difensori al massimo da serie B, tre o quattro cose buone e dopo sempre un errore che con le squadre di alta classifica paghi a caro prezzo: non sempre puoi segnare un gol più degli avversari. Che i difensori in rosa fossero scarsi si era capito già dall’anno scorso e non è stato acquistato nessuno, Sutalo è allo stesso livello degli altri se non peggio. Con la difesa colabrodo sarà difficile salvarsi.

Rispondi
Paolo

L’anno scorso il Verona ha chiuso come sesta miglior difesa del campionato; quest’anno è sedicesimo con 17 gol subiti in 8 giornate (più di due a partita) alla pari con Cagliari e Salernitana. Non può essere diventata di colpo un colabrodo, molti degli effettivi sono gli stessi ma è evidente che Silvestri tra i pali dava maggior sicurezza e che Juric dalla panchina aveva trovato un equilibrio che Di Francesco prima e Tudor poi non sono ancora stati in grado di replicare.

Rispondi
ak47

Per loro è Fatal Verona per noi è Fatal San siro, solo che perdere per la solita guntherata fa ancora più male, rassegniamoci lì non vinceremo mai.
andiamo oltre e sempre forza verona
Buona domenica a tutti

Rispondi
Franz

Condivido la sostanza dell’articolo. Mi permetto però un paradosso. Per poter considerare “buttate via” certe vittorie (vedi Milan, Genoa e Salerno) occorre prima essere stati in grado di mettersi nelle condizioni di vincerle. Cosa che a volte sembra che diamo quasi per scontata. Come se le partite iniziassero a monte 2-0 per noi. Mentre non era per nulla scontato (nè quest’estate nè dopo le prime sconfitte di Di Francesco) che questo Verona riuscisse a portarsi avanti 2-0 (non per caso ma per merito) su tre campi difficili come Salerno, Marassi e San Siro. Fino a un mese fa o poco pù pensavamo quasi tutti che Kalinic fosse un giocatore finito. Che Caprari non potesse sostituire Zaccagni. Che Casale fosse lì per sbaglio. Che Montipò stesse a Silvestri come la mia portinaia a Belen. E così via. Io mi prendo di buono che invece finora su tutte queste cose siamo stati smentiti. Che queste partite hanno evidenziato che la squadra c’è e non è per nulla male. Se a San Siro avessimo perso (come accaduto decine di volte nella nostra storia) 2-0 al termine di una mediocre partita giocata da provinciale, senza magari subire rimonte ma superando la metà campo 3 volte in 90 minuti, tutto sarebbe stato più “normale”, “banale”, “prevedibile”. Ma anche tanto più triste e indicativo dei limiti della squadra. Invece usciamo sconfitti ma consapevoli che anche quest’anno ce la possiamo giocare con tutti e dappertutto. Qualche volta girerà, qualche volta no. Ma questo in fondo è il calcio.

Rispondi
PAOLO ZANETTI

Tudor non insegna calcio, basta chiederlo a tutti coloro che l’anno avuto. Si arrabatta , è permaloso e testone, vuole fare vedere di innovare, vedi casale e sutalo, ieri ridicoli, vedi Guter che ha già sette gol individuali sulla coscienza, vedi Magnani e Ceccherini (due pilastri l’anno scorso, ora in naftalina senza un perchè. NON E’ UN BUON ALLENATORE E NON SA GESTIRE E VOI LO STATE PERDONANDO DI ERRORI GRAVI CHE A DIFRA NON AVRESTE PERDONATO. SVEGLIA

Rispondi
massimop

mi luccicano ancora gli occhi per il primo tempo, loro avevano assenze importanti ma sono cazzi loro.
detto questo se 3 indizi fanno una prova ora tocca a Tudor: se sei in vantaggio 2-0 non le puoi andare a perdere.
Che si inventi qualcosa, se no nriusciamo più a giocare facciam oalmeno catenaccio e facciamolo bene.
Imputo all’allenatore l’incapacità di organizzare un centrocampo di fastidio e rottura, in modo che sia più difficile arrivare nella nostra area (con le regole di oggi se ti chiudono in area per un tempo di gol ne prendi quattro) e l’incapacità di sfruttare i 5 cambi, cosa che Juric faceva benissimo.
I second itempi non dobbiamo mica segnare, ci basta non prenderli!
E per questo non è richiesta qualità, è sufficiente gamba interdizione e sacrificio già da centrocampo.

Rispondi
auzzaider

E’ passato un mese dall’avvento di Tudor e nel bene e nel male le prestazioni sono rimaste uguali, è pur vero che abbiamo fatto otto punti ma con un calendario più semplice e se abbiamo subìto rimonte da Salernitana e Genoa davvero ieri sera nonostante un primo tempo sontuoso credevamo di poter uscire indenni da San Siro? Se il tecnico croato avesse la bacchetta magica le partite finirebbero tutte tre a zero per noi ma non credo sia così, diciamo invece che la coperta è corta e che quest’anno magari ci salveremo con qualche emozione in più, il che non è male.

Rispondi
Andrea

Penso che lo veda anche Tudor cosa succede, fare tanta fatica, giocare un primo tempo splendido e poi ritrovarsi a perdere brucia e tanto. L errore che secondo me e stato grosso ieri nei cambi, e avere in panchina Magnani e non metterlo dentro, forse il secondo gol non lo beccavi, e quando ha messo ibra ragione di piu. Se giochi con lo spezia vinci, se giochi col milan perdi, la fase difensiva dovrà curarla bene, il fatto di avere poco tempo non centra niente, Magnani dovrebbe essere sempre titolare, io proverei anche cetin in mezzo, visto il gunter di ieri. Mercato di gennaio un difensore tosto, anche svincolato

Rispondi
Andrea

Magari provare una volta con montipò, gunter e magnani centrali, faraoni e ceccherini, ilic o veloso e tameze fisso, lazovic e barak, caprari e kalinic o simeone, squadra piu coperta e meno sbilanciata, mi sembra chiaro che gunter non è in grado di comandare la difesa, gli serve uno vicino forte, come poteva essere rahmani, e come può essere magnani adesso, senza voler insegnarghe niente a nisun, par carità, che qua i te ciama subito profesor..

Rispondi
luca

Troppe analogie con l’Hellas guidato dal buon Malesani.
Tutti questi punti persi alla fine faranno la differenza tra la serie A e la serie B.
Spero di sbagliarmi, ma 5 punti letteralmente buttati al vento non ce li possiamo permettere…
Forza Hellas

Rispondi
Mir/=\ko

Si perdono partite come quelle di ieri sera perché manca qualità un po’ ovunque, ma soprattutto manca solidità in interdizione a centrocampo e in difesa. Inutile fare finta di nulla, Amrabat a centrocampo, Kumbulla Rrhamani e Di Marco dietro non sono STATI ADEGUATAMENTE SOSTITUITI con scelte societarie effettuate costantemente al ribasso. Le seconde linee, poi, sono inesistenti. Ruegg mai visto, Hongla inadeguato palesemente, Cetin inaffidabile, Sutalo è l’ennesima e scommessa in prestito dalla solita Atalanta… E poi abbiamo la rinomata tendenza tutta Veronese ad ingaggiare giocatori fantasma come i vari Benassi e Frabotta. Le squadre che prendono tutti questi gol, in genere, finiscono il campionato con una RETROCESSIONE!

Rispondi
Zagus

Concordo, solo quest’anno ci sono squadre più deboli che ci permetteranno di mantenete la categoria, magari soffrendo ma ci salveremo

Rispondi
NIKE

La sconfitta di ieri, oggi a mente fredda mi brucia ancora di più. I milanisti a fine partita hanno festeggiato come se avessero vinto la Coppa Campioni perchè mai l’avrebbero vinta senza i regali del secondo tempo. Rimanendo in tema blog Tudor deve prendersi le sue responsabilità e non cercare alibi, non è un problema di sola condizione fisica, da luglio a fine ottobre sono passati quasi 4 mesi e lui è a Verona da un mese e mezzo, inoltre ha avuto a disposizione due settimane piene per le soste per poter lavorare anche se mancavano vari nazionali. Di Francesco può aver avuto tanti demeriti ma non credo che durante il ritiro abbia giocato a briscola con i giocatori, inoltre perchè solo il Verona su 20 squadre di serie A ha questo problema? Caro Tudor con 5 cambi la condizione fisica è relativa, 5 cambi su 10 giocatori ( il 50% della squadra) anche se scarsi ti portano forze fresche bisogna capire e leggere bene le partite per effettuare cambi opportuni

Rispondi
hellasmastiff

la lazio domenica è senza i due centrali titolari partire come con lo spezia con simeone e barak con caprari sarà la scelta migliore e con il rientro di dawidoviz e ceccherini e forse magnani partirei con i 3 più esperti li dietro…….. dall’analisi di ieri sera segnaliamo sui 3 gole errori individuali pesanti come quello di ilic nel non far il fallo o chiudere leao sul cros del primo gol nel secondo faraoni sapendo che l’argitraggio era tutto casalingo mai avrebbe dovuto avvicinarsi a castijego che furbescamente si è tuffato al primo contattino insistente di faraoni…. sul terzo non si capisce come lazovic non chiude la fascia per il cross di castijego e sutalo non stringe e va a chiudere lo spagnolo per non farlo crossare indisturbato……. tanto vi dovevo…..

Rispondi
Franz

Butei, va bene tutto. Anzi è ovvio che dopo una beffa come quella dell’altra sera ci sia delusione. Però lo vedete anche voi che il Sassuolo (con Scamacca, raspadori, Verardi, Defrel, Boga ecc.) va a Marassi è fa esattamente quello che abbiamo fatto noi. Due gol avanti in 20 minuti e poi subisce la rimonta al 90*. E al momento ha 8 punti in classifica come noi. E come il Torino di Juric che starà anche giocando bene ma alla fine ha fatto gli stessi risultarti del Verona di Di Francesco+Tudor. E che dire del Bologna che gioca per 70 minuti in superiorità numerica eppure non riesce a conservare il vantaggio subendo all’89* un gol talmente assurdo che se lo avessimo preso noi staremmo qui a imprecare contro tutti i nostri difensori per settimane. E non parlo del Cagliari, della Sampdoria, del Genoa, del Venezia, dello Spezia, della Salernitana che in un modo o nell’altro ci sono comunque dietro in classifica. Insomma. Va tutto bene. Giusto criticare ed esprimere le proprie opinioni. Ma a me non sembra davvero che il giardino dei vicini sia molto più verde del nostro. Forse ogni tanto converrebbe guardare alle cose con un po’ più di positività. Anzi semplicemente di realismo.

Rispondi
Mir/=\ko

Vabbè, si sapeva benissimo che non arrivava Guardiola! Dopo la scelta assurda di tesserare Di Francesco hanno migliorato decisamente il tiro, ma purtroppo siamo ben lontani da uno come Juric.

Rispondi
Mir/=\ko

SIAMO A SOLI 2 PUNTI DALLA ZONA RETROCESSIONE!!! Onestamente guardo quello e poco mi importa dello splendido primo tempo a San Siro. La verità è che i cambi restano ancora di qualità troppo bassa per poter contenere gli attacchi della seconda in classifica in casa loro. Tudor ha certamente le sue colpe così come sono evidenti le defezioni causate da una preparazione estiva inadatta a questa squadra, ma a mio giudizio pesa tantissimo la scarsa qualità delle seconde linee e pure di qualche “titolare” attuale. Gunter e Casale hanno dimostrato di non essere in grado di reggere l’urto dell’attacco Milanista. Con altri interpreti di qualità superiore avremmo sicuramente portato a casa come minimo il pareggio… In campo vanno i giocatori e purtroppo la scarsa qualità della difesa, con errori in serie, l’avevamo già vista nella seconda metà del campionato scorso. E la società cosa ha fatto? Ha portato Frabotta, mai visto perché arrivato già infortunato e la solita scommessa Atalantina Sutalo che ha già dimostrato di meritare la panchina. Serve qualità a gennaio, tanto per cambiare, anche in prestito. Siamo a 2 soli punti dalla zona retrocessione e chi prende raffiche di gol come il nostro Verona, non si è mai salvato!!!!

Rispondi
Leo

Menti sapendo di mentire.
Lo scorso anno e quello prima scrivevi le medesime cose ed eravamo in zona europa league.
Non sei credibile Mirko.

Rispondi
Andrea

Dici tutto e il contrario di tutto. INTANTO, la squadra secondo me non si è indebolita, anzi, avere un caprari così, kalinic ritrovato, Simeone che è un signor attaccante, vuol dire avere qualità, non sono assolutamente daccordo con te, se non avessimo qualità non saremmo stati in vantaggio 2 a zero ieri. Purtroppo in difesa facciamo errori grossi, TUDOR deve secondo me far giocare magnani e gunter, con un centrale siamo troppo sbilanciati, e poi ci sono giocatori come sutalo che devono entrare nel gioco, non si improvvisa una intesa coi compagni, ci vuole tempo, anche frabotta lo vedremo, ma essere negativi come lo sei tu, vuol dire andare contro alla realta. Ieri il torino ha avuto si e no due occasioni, il gioco di juric non è la meraviglia e ieri si e visto, intanto sono a pari punti come noi e come il sassuolo. Se riusciamo a beccare meno gol, scommetto con te che il torino ce lo teniamo dietro insieme a tante altre. Scommettiamo???

Rispondi
Mir/=\ko

Una squadra che prende così tanti gol, alla fine non si salva! Se vogliono migliorare la fase difensiva non basta solo il lavoro di Tudor, ma servono interpreti più forti. Non esiste che una rosa vada ai 1000 all’ora per una stagione intera. Serve maggiore qualità in difesa con il tesseramento di un centrale di esperienza e un mediano forte in interdizione al posto di un Hongla che faticherebbe in B.

Rispondi
MANUEL

Condizione atletica precaria. Questa volta, a differenza delle altre volte, nulla da eccepire sui cambi. Forse meritano più spazio Magnani e Tameze. Probabilmente con Magnani il primo gol poteva essere evitato.

Rispondi
hellasmastiff

visto il venezia oggi fino al 90esimo andava a mille all’ora raddoppi continui su tutti i portatori di palla della viola dove vlahovic non è stsasto pervenuto…… a noi manca quello il restare sul pezzo fino al 95esimo e se in vantaggio sapere perdere tempo e far girare il pallone senza accelerare perchè non abbiamo pi le gambe per recuperare tra metà campo e difesa…… ma certamente limata la condizione atletica se le partite fossero finite al 70esimo oggi eravamo terzi in classifica………

Rispondi
alex85

La classifica è corta e quest’anno non sembrano esserci squadre materasso come l’anno scorso. Forse la Salernitana. I punti buttati via alla fine peseranno. Come difesa andiamo male, lenti, poco reattivi, sempre con qualche svarione e distrazione, la grinta la mettono per fare falli inutili a metà campo beccandosi ammonizioni che poi pesano.. La salvezza si costruisce innanzitutto sulla difesa, i goal sono sempre difficile da farsi.

Rispondi
NIKE

A supporto di ciò che vado dicendo, che non è problema di condizione atletica, leggetevi l’intervista di oggi di Tricella che concorda con ciò che dico

Rispondi
Enrico Marchesini

Cioè se scrivo su google intervista dì tricella oggi mi viene fuori il link ? O Devo anche aggiungere la parola chiave renzaglia ?

Rispondi
hellasmastiff

riusciremo una volta a partire sereni e tranquilli senza spingere dal primo minuto e accelerare nel secondo tempo dal 60esimo prima o poi?? si deve lavorare sulla resistenza ok l’intensità ma ci manca la resistenza nei secondi tempi….. si spera mister Tudor lavori soprattutto su quel punto………

Rispondi
Andrea

Secondo me, col milan non è stato neanche discorso di resistenza, perchè se gunter non si inventa quello che ha fatto, il pareggio lo porti a casa. Per fare il solito paragone con juric, ha una squadra piena di incontristi, ma perde lo stesso e segna pochissimo, questo e frutto del suo gioco, non solo dei giocatori. Tudor è tutto diverso, marcature a uomo, come juric, ma squadra sbilanciata, si può segnare anche facendo giocare magnani e gunter. Insisto che magnani per me è insostituibile, 9 su 10 che il gol di giroux con lui non lo becchi, se tudor riesce a sistemare la fase difensiva siamo a posto, e la squadra ha qualità , al contrario di qualcuno affetto da rensite acute, per salvarsi alla grande, anzi, se segnamo tanto vuol dire che la qualità c è

Rispondi
Mir/=\ko

La qualità c’è davanti… Le occasioni a ripetizione create con Juric me le ricordo solo io? La squadra ha sempre creato molto ma non disponeva di giocatori in grado di concretizzare le tante occasioni da gol. Ora, grazie al cielo concretizza molto, ma purtroppo non difende altrettanto bene. E qualche responsabilità ce l’ha il tecnico e soprattutto la società che non ha effettuato adeguati investimenti in mediana e in difesa. Al momento, Hongla in mediana e i difensori Frabotta , Sutalo e Cetin (mi riferisco alla mancata cessione del Turco ) rappresentano dei fallimenti che di fatto hanno indebolito la rosa. Al momento è così, poi se nel prosieguo del torneo si riveleranno ottimi giocatori ne sarò felice!!!

Rispondi
Andrea

Non ha effettuato adeguati investimenti in difesa e in mediana..ma te acorsito de quel che te disi?? Hongla lo stanno massacrando tutti, ma mi risulta che sia un nazionale del camerun, magari aspetar qualche partia prima de parlar..frabotta non e pronto, e quanti ce ne sono in serie a?? Vlahovic l è sta fermo na vita, zaccagni alla lazio mi risulta ancora infortunato, ti hanno comprato ilic in mediana, se magari dai un attimo di tempo anche a sutalo di farsi le ossa..e poi dimmi, comprar par comprar no val gnente, secondo te noi siamo il real che andiamo a trattare mbappè, par dir….siamo a 8 punti, e tutti i canta el de profundis, juric li ha i giocatori nel torino, ma a parte un 4 a 0, segnano poco, per te belotti e piaca non sono un attacco forte ??? Juric chiede un sacrificio enorme alle punte, per questo arrivano spompati davanti alla porta, tudor no. Visto che anche il venezia non ha qualità, mi spieghi come ha vinto con la fiorentina??? Smetemola de condanar sugadori a prescindere, hongla per primo, che magari ala prima partia bona scatta il coro dei ” l avea dito mi che l era forte! “

Rispondi
NIKE

A Enrico Marchesini : stralci dell’intervista di Tricella sono riportati su quasi tutti i siti “Hellas…” poi per essere più precisi basta che vai sull’ “Arena” e ti leggi l’intervista per intera. Di renzaglia ce nè….

Rispondi
Andrea

Intanto, con gli auguri che posso fare a zaccagni, l è ancora fermo, visto che i pacchi come frabotta o hongla, o benassi, i ne le dà solo a noialtri. E ieri se te sughi altri 10 minuti, la và che el genoa el pareggia, visto che i recupera solo con noialtri

Rispondi
Alberto

Si infatti…come quel col goto in man che al bar el ma dito che al Milan bisognava farghene 4 parchè du iè massa pochi e i ne li recupera facilmente. E beh più ovvio de così…e zo goti..

Mir/=\ko

Con i se e con i ma non si fanno punti, e intanto i punti li fanno altre dirette concorrenti come Torino, Samp ed Empoli. La rosa di “grande qualità” (così sostengono molti su questo sito…) allestita per il dopo Juric, che si permette di buttare punti un po’ ovunque, intanto è a sole 2 lunghezze dalla zona retrocessione! Serve intervenire a gennaio??? SI!!! Aspettiamo pure i vari Hongla, Sutalo e Frabotta e la miglior condizione fisica… I punti nel frattempo li mettono in saccoccia le altre squadre.

Rispondi
PAOLO ZANETTI

Caro Mirko vorrei sapere perchè ti ostini a criticare chi non gioca o quasi come Frabotta Sutalo e Hongla. Criticare chi ci ha fatto prendere tanti gol con errori individuali è peccato? I tre che orami giocano sempre loro Daw Gun Cas pensi siano la miglior difesa che possiamo schierare al momento? Ed è così forte da riproporla ogni domenica?

Rispondi
Leo

Oggi allo stadio orgasmi intensi.
Simeone incredibile, Caprari non da meno. Ma i 4 gol che ha fatto Simeone, uno più bello dell’altro, rimarranno nella storia dell’Hellas.

Grole malefiche andate retro!

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code