Torna al blog

SIMEONE, L’ATTACCANTE CHE L’HELLAS CERCAVA DA ANNI

Fame, grinta, garra. E senso del gol. Ma non solo: si sacrifica, corre, fa assist. E’ come se il puzzle avesse trovato il tassello giusto quello che mancava da tempo. Un tassello che s’incastra alla perfezione: el Cholito Simeone è l’attaccante perfetto per il Verona, non a caso Juric lo ha inseguito per due anni e chissà cosa poteva diventare quella squadra con lui al posto di Stepinski.

E’ arrivato quando Juric se n’è andato, e siccome l’amore (ma non solo) a volte fa dei giri lunghissimi, Simeone è stato consigliato anche da Di Francesco che però non se l’è goduto. E così alla fine è Igor Tudor che ne mangia i frutti prelibati.

In realtà ce lo godiamo tutti noi, perché il Cholito è l’attaccante che abbiamo sempre sognato e poche volte avuto. E’ come tornare ai tempi di Cacia e poi di Luca Toni.

Simeone si è già ritagliato un posto nella storia del Verona con questo poker fantastico, ma a mio avviso siamo solo agli inizi. Perché mi pare più che evidente che Simeone abbia trovato finalmente il suo posto nel mondo. E cioè fare l’attaccante del Verona, magari al fianco di Gianluca Caprari, il miglior compagno che si potesse trovare.

I due messi assieme mi sembrano due “cagacazzo” come Iorio e Galderisi, i puffi al tritolo di Bagnoli. Uno inventa, l’altro conclude e si cercano come due che alla sera vanno a cena assieme, intesa perfetta.

Ridurre il Verona a loro due però sarebbe sbagliato. Questa squadra viene da lontano, dal lavoro eccezionale di Juric che ha scavato solchi profondissimi nello spogliatoio e in campo, viene dalle scelte oculatissime di D’Amico (Caprari rischia di diventare un capolavoro clamoroso, lo dice uno che pensava Zaccagni insostituibile), viene da una società che a piccoli passi continua a migliorare.

E viene anche dal buon senso di Tudor che pare un po’ come Capello dopo Sacchi. L’uomo che vive sull’onda creata dal predecessore ma che la mantiene in vita e persino la migliora.

50 commenti - 3.667 visite Commenta

Antonio

Possiamo non parlare sempre di Juric e di chi non c’è più e parlare del presente? Mi sembra di essere tornato al dopo Prandelli con Perotti.. Tudor sta dimostrando di essere un buon allenatore e di meritarsi questo posto,e ancora una volta D’Amico un signor ds.

Rispondi

Scusami Antonio, capisco la tua posizione ma Juric è stato troppo importante per la storia recente del Verona per finire già nel dimenticatoio. Con i suoi due campionati, la salvezza, i piazzamenti e le plusvalenze che ha creato ha cambiato la storia della società e della gestione Setti. Non possiamo archiviarlo così.

Rispondi
Antonio

Certo Vigo, ho tirato fuori l’esempio Prandelli perché siamo più o meno della stessa generazione e se ti ricordi quando se ne andò (più o meno come Juric…) tutti a dire: ah la me morosa vecia…. e una buona squadra non seguì l’allenatore e si salvò come si salvò…. Juric è stato un allenatore importante per noi, non lo nego, però credo sia arrivato il momento per noi tifosi e voi addetti ai lavori di fare un bagno d’umiltà, e pur non amando Setti, ammettere che abbiamo una società che sa quello che fa, e che adesso sa anche prendere decisioni importanti (esonerare in tromba un allenatore ammettendo in pratica d’aver sbagliato). Abbiamo per anni guardato il Chievo in serie A navigando in acque tranquille senza picchi verso l’alto con un po’d’invidia per la stabilità che aveva, forse Setti a quello può arrivare e per me sarebbe tanta roba. E non tiriamo in ballo l’esempio atalanta per piacere: Percassi è uno dei dieci uomini più ricchi d’Italia, può permettersi cose che noi umani… Un caro saluto

Rispondi
stefano 50/60

scusate..ma fioravanti ? io fenomeno e company ci divertivamo la..mi date notizie per favore ? grazie

Rispondi
Leo

L’anno scorso eravamo la seconda miglior difesa a questo punto del campionato, quest’anno il terzo migliore attacco

Rispondi
Sick boy

Guastafeste in una giornata fantastica: siamo sicuri che Tudor legga bene le partite? Non capisco i cambi di oggi sinceramente.

Rispondi
Alberto

Bravo Gianluca, hai proprio ragione: onesto e apprezzato il commento su Zaccagni insostituibile… ma nel calcio come in azienda quando è ora si deve cambiare…

Rispondi
Antonio Toma

Assolutamente d’accordo! Tudor sta incidendo a tutti i livelli, motivazionale, atletico e tecnico. Con lui viaggiamo a una media di tre goal fatti a partita nelle sue 6 partite e con oggi davanti al capocannoniere della A anche la difesa ha tenuto. Ne vedremo delle belle…

Rispondi
Andrea

Juric ormai è il passato, e certi giocatori, come ha detto faraoni, non sono maturati solo grazie a lui, erano forti anche prima, quindi smettiamola col piangina da spalato, tudor gioca un altro calcio, e oggi ho visto giocare meglio di qualsiasi partita di juric, quindi onore a tudor, e complimenti alla società, ora tutti sul carro, me raccomando, anca quei che continuava a dir che la squadra e stata indebolita di molto. Non par far polemica, ma una bella dose di autocritica per molti sarebbe utile

Rispondi
Andrea

Nel 2020 siamo arrivati decimi a 45 punti , il genoa era a tre punti da noi, le prime 9 partite 15 punti mi sembra, adesso ne abbiamo 11, ma ne abbiamo persi con le rimonte. Juric aveva in squadra di marco, salcedo, favilli, kalinic, zaccagni, colley, veloso meno acciaccato, lasagna è arrivato dopo, voglio dire che non aveva una squadra di derelitti, anzi, e ha cominciato a dire nel ritorno dopo il torino, che si aspettava piu rispetto, quando già alcuni giornalisti sportivi dicevano che non sarebbe rimasto a verona, quindi secondo me resta uno che piangeva troppo e che ha tradito, è
stato preso che non aveva praticamente mercato, se ne è andato malamente senza neanche ringraziare, e ha fatto la commedia, come l anno prima, quando l ha tenuta lunga una vita x firmare

Rispondi
Vigo

Sono due piani diversi. Juric come allenatore è un fuoriclasse, sul piano personale e per come se n’è andato molto meno. Qui stiamo parlando dell’allenatore

Rispondi
Andrea

Non sono daccordo che sia un fuoriclasse, e spiego. A parte che dicevate tutti che dall anno scorso la rosa si è indebolita, ora invece il discorso è cambiato, ma tralascio. Juric non è vero che non aveva attaccanti, c era zaccagni, borini che poteva essere falso nueve, kalinic, che guarda caso non giocava mai, favilli, che le pochissime volte che ha giocato ha fatto vedere che poteva incidere, vedi il gol alla iuve mi sembra, c era amrabat, kumbulla, veloso al top, quindi non mi sembra assolutamente un fuoriclasse, l arte di juric è il massacro dei centravanti in copertura, quindi pochi gol, e il massacro in generale dei giocatori, ed infatti i gironi di ritorno sono sempre stati difficili. Ieri, ho visto un cambiamento, cioè nel secondo tempo sul 2 a 1, siamo stati sul pezzo, non siamo calati, i cambi sono stati buoni, siamo andati a segnare ancora, e questo è frutto di tudor, non certo di juric. Smettiamola col fuoriclasse, non lo è assolutamente secondo me, e un buon allenatore, ma con molti limiti, il primo quello di lamentarsi sempre, ma a torino dovra abbassare le penne, anche perchè con belotti e piaca, ha poco da lamentarsi

Rispondi
NIKE

Juric è unì’allenatore di media fascia non credo sia un fuoriclasse, ha fatto vedere grandi cose ma anche tanti difetti sia tecnici che personali.
Capitelo tutti che è andato via da Verona non per scelta tecnica (Torino non è superiore al Verona anzi) nè per soldi. Si lamentava perchè si era stufato di allenare giocatori per altre società (Pessina Di Marco) ed ora con Pobega che stà facendo? E’ andato via da Verona solo perchè è una lince ha capito che il suo ciclo era finito, i giocatori erano spompati ha abbandonato per non rovinarsi la carriera con un flopp.

Rispondi
hellasmastiff

BEAT BEAT VERONAAA BEAT UNA “SQUADA” e UNA CITTÀ 💛💙 BEAT BEAT VERONAAA BEAT 💛💙 vi amooooo!!

Rispondi
hellasmastiff

senza Juric oggi non eravamo a queso punto fidatevi….. siam partiti alla prima col bologna con tutino e tupta pareggiando in 10 in casa…. da lì è partito tutto il percorso con mister Juric che ha dato la mentalità alla squadra ma anche alla società di poter osare sia in sede di mercato sia su tutti i campi d’italia…… con una netta distinzione di modulo intensità difesa alta meodi di allenamento sempre al massimo e molto altro…… oggi Tudor si trova tutto questo con in più una qualità della rosa incredibile…… oggi abbiamo lasagna kalinic simeone mentre Juric era partito con di carmine tupta tutino e pazzini che era ormai alla fine della carriera…… meditate

Rispondi
Ale

Ok, Juric fatto 2 anni strepitosi ma forse anche lui dovrebbe essere riconoscente alla città e alla società visto da dove veniva, dunque per me visto che lui non ha mai parlato di Verona sarebbe ora anche noi di smetterla….se dobbiamo parlare parliamo di quel direttore sportivo che noi tutti avevamo dubbi sulle sue qualità ma per adesso è la vera fortuna di Verona.
Spero che da oggi si smetta di parlare di Juric visto che è come parlare della morosa vecia in presenza de quella nuova.

Rispondi
Giulio

A volte certi giudizi andrebbero espressi con maggiore cognizione di causa. Mi riferisco a tutti quelli che definivano Tudor un difensivista, uno scarso, figlio della pessima stagione della Juve come secondo di Pirlo. Leggendo il suo curriculum personalmente non mi sembrava proprio così scarso, visti i buoni campionati in giro per l’Europa… ma sottovalutato in Italia sicuramente si. Quindi ora mi rende veramente felice vederlo raccogliere quello che merita e poi, lasciatemelo dire, ho apprezzato moltissimo Juric, ma a livello di simpatia Tudor lo batte 10 a 1…

Rispondi
Leo

Molto semplicemente: serve tempo per raccogliere i frutti. E d’altronde Roma non è stata costruita in un giorno, no?

Rispondi
ak47

ciao Vigo. il Nostro Leo Messi si chiama Toni d’Amico l’unica azzeccata, per la legge dei grandi numeri, dal presidente MERCENARIO.
Avanti e Forza Verona

Rispondi
auzzaider

A llivello di intensità e tenuta mentale (il gol di Immobile poteva essere una mazzata) una delle più belle prestazioni di sempre dell’Hellas al Bentegodi a cui si aggiunge il poker del Cholito che fa diventare la giornata di ieri storica.

Rispondi
Bepi

Vero che gli ingressi di Ceccherini e Sutalo hanno per qualche minuto mandato in tilt la difesa, ma poi con l’innesto di Magnani su Savic e Tameze largo a sinistra la situazione si è normalizzata. quindi non vedo grandi errori

Rispondi
massimop

solo tre cose voglio dire.
la prima, eravamo tutti a piangere sull’addio di Zaccagni e a invocare quel bomber di Simy che era lì a portata di mano.
Ecco, d’Amico ci ha messo tutti in padella ancora una volta, e per il terzo anno di fila non può essere un caso.

La seconda.
E’ vero che Juric ha portato un calcio e una mentalità moderna, ma è anche vero che ormai questo è il calcio e la mentalità di tutte le squadre europee e ora anche della serie A:
partite da 4-5 gol come minimo, tutti all’attacco anche se sei agarruppato come la Salernitana, non fa catenaccio più nessuno anche perchè se ci provi grandinano rigori, gialli ed espulsioni.
Questo è il nuovo calcio spettacolo signori.

La terza:
ora vabbè avere la memoria corta ma anche il Verona di Mandorlini giocava alla grande, talvolta sul tubo vado a rivedermelo.

Rispondi
Luchinho

Secondo me guardare a cosa fa Juric è giustissimo, è l’allenatore più importante della storia recente del Verona e, a mio avviso, si sta dimostrando che forse così fuoriclasse non è.
Non voglio essere frainteso, ma quello che diceva Faraoni un po’ di tempo fa si rivela veritiero: “Juric ottimo allenatore, ma se non hai una squadra all’altezza i punti non li fai”. Si son sentiti piagnistei e bordate per un anno e mezzo, è passato a quella che doveva essere l’eldorado ed eccoci qua.
La cosa che a me personalmente fa più piacere è constatare che questo Verona SEGNA. Siamo passati da difesa coriacea con attacco stitico ad attacco stellare con difesa ballerina. Guardo le statistiche e vedo curiosamente che abbiamo il terzo (TERZO) attacco della serie A e la nona difesa. Il Torino invece ha la terza difesa e il non attacco.
La cosa ancora più curiosa è che dalla nostra parte rispetto allo scorso sono cambiati solo 2 titolari su 11: Caprari al posto di Zaccagni e Simeone al posto di Kalinic e/o Lasagna e/o Salcedo.
Zaccagni sembrava il messia ed era insostituibile, ora ce lo siamo dimenticato grazie a quel Caprari che è arrivato nei mormorii generali.
Simeone sembrava il solito giocatore da ultimo giorno di mercato arrivato in extremis e con tanti “MA” in groppa e ora è il terzo attaccante della Serie A. Però segna anche Kalinic, che l’anno scorso c’era.
A questo punto mi domando se la vera forza era l’allenatore dello scorso anno che cavava il sangue dalle rape. O questa squadra, che non è fatta di rape, ma che se ha il timoniere giusto mette in mostra le qualità? Qualità evidenti, aggiungerei.

Rispondi
Enrico Marchesini

Assolutamente la seconda che hai detto , come ripeto da due anni a sta parte. Ottimo lavoro dì D’amico anche in fase dì scelta allenatori. Juric ed caporenso , allenatore da me apprezzato ma mai stato simpatico ( e non l’ho mai nascosto nemmeno qua , fra i mormorii generali ).

Rispondi
hellasmastiff

montipò sutalo cancellieri hongla il ritorno di Ilic frabotta ma che mercato hai visto e siamo solo all’inizio di questi tra poco saranno lanciati da mister Tudor per le giuste rotazioni e farli valutare in termini di rendimento e cartellino……….. sveglia!!!!

Rispondi
Luchinho

Si mastiff, grazie per le tue sempre puntuali perle. Io ho seguito il mercato della squadra, tu non hai seguito il filo del discorso dico che sono andati via dei giocatori per farne arrivare altri: Dimarco>Frabotta, Lovato>Sutalo, Zaccagni>Caprari e così via, tutti funzionali al progetto. Ma l’ossatura della squadra è la medesima, nel mio discorso ho dimenticato Montipò, ma se tu guardi i titolari 9/11 sono gli stessi dello scorso anno. Discorso a parte per Casale e Cancellieri che vengono il primo dal vivaio e il secondo dalla primavera dello scorso anno, quindi non li definirei acquisti veri e propri.
Per citarti: “………….sveglia!!!!”

Rispondi
Mir/=\ko

E secondo voi, la Roma manderebbe Kumbulla nella sua ex squadra? Dai su, va bene tutto, ma credo sia praticamente impossibile. Effettivamente il Torino di Juric è meta molto più probabile.

Rispondi
Mir/=\ko

Forse sarebbe opportuno provare a lanciare Pandur tra i pali… Sono un po’ deluso da Montipo’. Silvestri era di un’altra categoria. Siete d’accordo vai questo???

Rispondi
Luchinho

Si mastiff, grazie per le tue sempre puntuali perle. Io ho seguito il mercato della squadra, tu non hai seguito il filo del discorso dico che sono andati via dei giocatori per farne arrivare altri: Dimarco>Frabotta, Lovato>Sutalo, Zaccagni>Caprari e così via, tutti funzionali al progetto. Ma l’ossatura della squadra è la medesima, nel mio discorso ho dimenticato Montipò, ma se tu guardi i titolari 9/11 sono gli stessi dello scorso anno. Discorso a parte per Casale e Cancellieri che vengono il primo dal vivaio e il secondo dalla primavera dello scorso anno, quindi non li definirei acquisti veri e propri.
Per citarti: “………….sveglia!!!!”

Rispondi
Andrea

Senti, ma sito sempre bastian contrario???? Ma come feto a dir che silvestri l è meio, ma hai vosto le due parate che ha fatto domenica?? Ma allora te si recidivo proprio, a gennaio prenderei un trequartista giovane, da allevare alla corte di caprari e tudor, un crack eccezionale!!

Rispondi
Andrea

La risposta era per mirko, non per luchinho, axo, meti a posto el sito par piaser, se no fraintendimenti a maca

Rispondi
PAOLO ZANETTI

Vado controcorrente.
Il Verona è una buona squadra, migliorata dal punto di vista della pericolosità perché Caprari si accentra molto più di zaccagni e diventa imprevedibile.
Ribadisco Tudor, al momento sulla cresta, non mi piace né per come gestisce la formazione iniziale né per i cambi.
Credo che Tudor sia un bluff e che sia stato molto fortunato e aiutato dalla forma straordinaria di certi giocatori.

Rispondi
fregghy

Si certo te fe 3 gol alla Roma, 2 al Milan e 4 alla Lazio e secondo ti le fortuna? Per favore pietà! Ghe sempre la Clivense par quei che non ghe va ben Tudor…nemmeno davanti ai fatti riuscite ad avere obiettività!

Rispondi
PAOLO ZANETTI

Ne parleremo più avanti.ho questa idea che è.piu di una sensazione e volevo esprimerla senza polemica. Tutto qui. Caro fregghy

Rispondi
Mir/=\ko

Lasagna si sta rivelando non solo l’investimento più oneroso della gestione Setti, ma anche quello più deludente. Lasagna non pervenuto. E non è la prima volta. A gennaio è da cedere necessariamente!

Rispondi
Mir/=\ko

Tudor è sicuramente più adatto ad allenare il Verona di quanto lo sia stato Di Francesco e questo l’ho sempre sostenuto. In estate, quando si era fatto il nome di Tudor avevo espresso su questo blog la mia preferenza proprio per il Croato, rispetto al Di Fra. Ma continuo a sostenere che Juric è di un’ altra categoria… E lo si sta vedendo proprio stasera in cui sembra che in panchina ci sia Grosso.

Rispondi
Martino

Paolo Zanetti ha ragione da vendere. Senza gli uomini chiave, dal tasso tecnico indiscutibilmente elevato, andiamo a Udine a fare una figura barbina. Tudor ha enormi responsabilità…a parte il pressing alto e la marcatura sull’uomo non ha portato nulla. Devo ancora capire quale sia la sua idea di gioco dopo 7 partite, con due pause per le nazionali di mezzo. Allenatore mediocre che deve ringraziare Caprari, Simeone e Faraoni. Formazioni cervellotiche, cambi sempre incomprensibili.

Rispondi
Leo

Punto rubato a Udine, ma va ben cosi.
Non si possono cambiare 7/11 di squadra solo per far bella figura contro la giubendus, casso….

Rispondi
ziga

Nessuno ricorda che dopo La Juventus cè il Napoli dove rischiamo di fare 0 punti. Quindi stasera Tudor ha scherzato con il fuoco; scelte incomprensibili, per fortuna c’è andata di lusso. Ok alcuni cambi ma così è assurdo.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code