Torna al blog

ARRABBIATI PER LA SCONFITTA DI MILANO MA NON DELUSI

E’ un peccato perchè bastava proprio pochissimo per uscire con un risultato positivo da San Siro. Il Verona ha fatto trenta, non trentuno e questo aumenta il rammarico. Lo ha detto benissimo Marco Baroni nella sua lucidissima analisi a fine gare. “Non dobbiamo fare la partitina, ma fare la Partita”.

Se vuole migliorare anche il mister adesso deve fare però scelte in questo senso. Dopo aver ricercato giustamente l’identità e l’equilibrio, è il tempo di “osare”. Faraoni , c’è poco da fare, non sta bene, vederlo in campo così è un supplizio per il Verona e per lui. Anche la mossa Lazovic non ha convinto. Il serbo non ha ancora condizione e gamba per partire titolare in una gara così. Meglio mettere gente che spinga, che abbia gamba (penso a Mboula, per fare un esempio).

Un capitolo a parte per Bonazzoli. Il ragazzo è un valore aggiunto nel Verona. Va fatto giocare sempre e comunque. Bonazzoli è un ragazzo sensibile, che ha bisogno di esaltarsi nella fiducia. Il meglio di sè lo ha dato in questi frangenti. Entrare ed uscire non gli fa bene. Mandorlini, anni fa, ci insegnò che gli attaccanti sono come i portieri. Non vanno messi in discussione. Cacia fece 24 gol in B, Toni 22 in serie A. Nessuno ha segnato come loro e il motivo è proprio nella gestione dell’allenatore. Nel suo approccio sbagliato contro il Milan credo si nasconda la sua voglia di strafare per conquistarsi quella fiducia di cui ha bisogno.

E’ giusto essere arrabbiati dunque. Ma non delusi. Il Verona ha giocato comunque una buona gara e il Milan ha persino tremato in certi frangenti. La delusione non fa bene al Verona. Vuol dire non aver capito che questa squadra è stata costruita al risparmio e non può arrivare alla Uefa ma se la deve giocare per non retrocedere. Ma la rabbia per il risultato avverso ci sta. Alla vigilia della gara con l’Atalanta al Bentegodi, e poi in vista della sfida con Torino e Frosinone, bisogna tornare a fare punti. In qualsiasi modo.

105 commenti - 4.749 visite Commenta

teo_el teo

I problemi davanti sono sotto gli occhi di tutti… però se il Milan oggi non ha fatto paura è anche merito nostro!
Dietro molto bene la fase difensiva…. Magnani e Pavel hanno retto benissimo contro avversari più veloci di loro!
Davanti purtroppo siamo sterili…e anche la panchina dice poco

Rispondi
Pixi

@teo. Oggi milan…per modo dire! A un certo punto avevano in campo una squadra che sembrava il Legnago! Peccato perché le circostanze erano ideali per far punti! Davanti siamo leggeri e poco cattivi! Solito problema che baroni ha capito benissimo! In qualsiasi caso….l’ 1-1 sarebbe stato risultato più giusto senza quella patata di sportiello su floro!

Rispondi
jes

Io spero nel rientro di Henry. Può essere adattissimo al gioco che ha adesso l’Hellas se torna al 100%. Cruz non lo conosco piú di tanto ma non mi convince.
Gli altri Djuric é utile ma non segna mai Bonazzoli, lasciamo perdere….
Domanda ma Mboula perché mai?
In precampionato e in coppa aveva ben figurato

Rispondi
Celtico

Le altre piccole senza tanti complimenti prendono punti alle grandi…faccio fatica a trovarne 3 da mettere sotto.Se hai pochissimi soldi da spendere(tralasciando i misteriosi motivi),hai l obbligo quantomeno di non spenderli male.non spenderli male.un errore come quello di Hien a Milano,non è tollerabile a livello professionistico.speriamo in bene.

Rispondi
stefano

Per piacere.. il solito schifo, il giocare per non prenderle… e il solito risultato. Formazione pessima. Quando leggo poi “sconfitti a testa alta” mi viene da vomitare. Guardate giocare monza lecce frosinone genoa, poi ne riparliamo. Sassuolo, bologna, milan: solo punti buttati. In avanti siamo alle solite miserie. Otto milioni di mesi senza simeone and company, e sèmo ancora qua con djuric e ngonge. Gavemo sempre scuse, sempre alibi. Con sette punti e senza mai aver vinto a san siro, bisognava osare. Si sono stancati a far niente e per i soliti zero punti. Mercoledì atalanta, e te vedarè stessa manfrina. Son stufo.

Rispondi
Francesco

Ecco bravo guarda un bel film o guarda le partite d’Arabia. Anche io sono stufo di tifosi finti come te.

Rispondi
cristiano

proa ad andar da le parti de Borgo Venessia – Borgo Santa Croce che ghe na squadreta nova , tutta simpatia e buoni propositi. Magari te trovi la tua dimensione

Rispondi
scala1970

Ciao a tutti. Se non abbiamo vinto con i veronesi di juric e tudor decisamente più forti di questo a Milano, a meno che non ci compriamo la partita, non vinceremo mai, infatti oggi non l’ho guardata sapendo già come andava a finire.
Adesso proviamo a fare punti contro la dea

Rispondi
Andrea

No,questo hellas non mi convince e non mi diverte per niente per evidenti limiti tecnici,tattici e di tenuta fisica:ma come si fa ad affrontare la difesa a 3 del milan senza cursori esterni?e davanti la punta centrale chi l’ha vista?E’ Hongla il Fellini del centrocampo gialloblu?e il povero Ngonge non sa cantare e portare la croce,in piu’ si intestardisce a partire in dribbling quasi sempre e quasi sempre a sproposito.Gioco dispendioso che obbliga ad una girandola di cambi.Siamo in un vicolo cieco,bisogna uscirne.

Rispondi
Paul Mariner

Questa è un’occasione clamorosa buttata nel cesso, un Milan più mediocre e ridicolo di questo faremo fatica a trovarlo nei prossimi dieci anni…. Non è sconfitta a testa alta, è una sconfitta brutta che evidenzia quello che purtroppo sapevamo: la qualità della squadra è modesta, molto, e anche questo campionato sarà di sofferenza, a cominciare da mercoledì contro una squadra che gioca a calcio , e molto meglio del Milan visto oggi….

Rispondi
luca

Uno dei problemi principali quando si affrontano le strisciate è la mentalità. Si vanno a giocare queste partite sempre con in testa il pensiero “perdere con loro ci sta”. Partendo da questa premessa, a Milano come a Torino non vinceremo mai.

Rispondi
Bruno

Bhe adesso Baroni deve fare delle scelte, chi è la punta centrale, chi gioca a destra, a sinistra c’è Cabal che secondo me può fare bene, Saponara deve iniziare a giocare dall’ inizio per vedere cosa ci può dare sulla trequarti, altrimenti qua il cantiere rimane aperto fino ad agosto dell’ anno prossimo.

Rispondi
Raycharles68

Ho l’impressione caro Bruno che Saponara sia un ex giocatore…di gran classe, intendiamoci…ma ben oltre la maturità. Spero di essere smentito. Quel che ci manca come il pane è un metronomo a centrocampo che dia i tempi della manovra : il Veloso di 5 anni fa per intendersi. Sulla punta centrale, tolto Djuric che è buono per l’ultimo quarto d’ora, spazio a Bonazzoli e poi aspetterei Henry per vedere se rientra integro. In una squadra che avanza palla a terra, se lo fai giocare fronte alla porta è uno che attacca bene la porta e un buon rendimento lo può garantire.

Rispondi
Mingon Federico

Bravissimo Bruno, alle volte un allenatore deve saper cambiare anche certe “gerarchie” interne. Se i senatori Faraoni e Lazo in sto momento non vanno dia spazio a Cabal (che si conferma veloce e anche abbastanza tecnico) e Saponara o Mboula ect. Non sono d’accordo con chi dice che abbiamo la mentalità sbagliata. Ieri nel primo tempo il Milan in possesso aveva sempre due o tre soluzioni di scarico palla, noi mai neanche una. Si dice: il gatto che gioca col topo. Quindi nessun rammarico, giusto così

Rispondi
stefano56

Abbiamo un po’ la memoria corta. Basterebbe ricordare come si giocava l’anno scorso…Vero che ieri ci poteva stare, eccome, portare via un punto. La squadra deve crescere atleticamente e poi potremo dire la nostra. Baroni è un signor allenatore

Rispondi
Mingon Federico

Porta pazienza, Baroni è un Allenatore che sia un Signor Allenatore lo dirà il tempo . I due dell’anno scorso iera “scapa’ de casa”. Loro segnano dopo 8 minuti su palese errore nostro. Se per caso pareggi te ne danno altri due. Ne abbiamo viste mille di partite così.

Rispondi
Hellas1971

E adesso avanti con la barzelletta dei senatori….Baroni ha 60 anni, Sogliano 52, non sono di primo pelo ed entrambi di spogliatoi ne han visti e vissuti una miriade, figurarsi se si fan condizionare nelle scelte da Faraoni e Lazovic…se questi due giocano è perché sono ritenuti due giocatori fondamentali da Baroni. Poi potrà anche sbagliare ma parlare di senatori che condizionano lo spogliatoio, a mio parere, è una gran fesseria.

Rispondi
Mingon Federico

Ciao Hellas1971, vorrei precisare. Non ho usato la parola Senatori in senso dispregiativo, anzi. In ogni squadra, per chi ha giocato o allenato a qualsiasi livello, esistono nello Spogliatoio delle gerarchie di cui si tiene conto. Faraoni e Lazovic per tutto ciò che hanno fatto sono due leader. Sogliano che abbia 50, 60 o 30 anni nulla c’azzecca. In questo momento sono fuori forma e a mio parere poco utili alla squadra . Se per te è una barzelletta, riditela di gusto .

Rispondi
Hellas1971

La barzelletta è che condizionino le scelte, stiamo parlando di professionismo non di squadre dilettantistiche o amatoriali. Sogliano c’azzecca eccome, è il direttore sportivo ed un direttore sportivo deve avere ben chiaro cosa succede nello spogliatoio e stroncare sul nascere ogni elemento di disturbo…Lazovic e Faraoni giocano perché Baroni li ritiene importanti per questa squadra ed il primo che ci rimette se sbaglia le scelte è lui.

Rispondi
Mingon Federico

Hai ragione in ogni singolo passaggio, peccato che non hai compreso ciò che ho detto. Ci mancherebbe che DS e Mister non sapessero gli umori dello spogliatoio e non stroncassero gli elementi di disturbo. Non invertire causa ed effetto. Non è che Faraoni e Lazovic condizionino le scelte di Baroni, ma Baroni può essere condizionato dal “peso” dei due giocatori entrambi importanti sia adesso che in futuro. Solo che se vai a Milan dove diciamo hai il 5% di possibilità di sfangarla e devi scegliere tra ” l’ usato sicuro un po’ arrugginito” ed il “nuovo tutto da scoprire” uno come Juric sceglie la seconda opzione, uno come Baroni più conservativo sceglie la prima. Rispettabilissime entrambe, io starei con Juric. Tutto qua. Alla prossima puntata

Rispondi
Hellas1971

Non sei il primo che tira in ballo i senatori, è un ritornello che si ripete nel tempo. Credo che ogni allenatore segua le sue sensazioni, le indicazioni che gli arrivino dal lavoro sul campo e non è che Juric andasse sempre col nuovo tutto da scoprire, Casale per dire non lo ha voluto e lo han mandato in prestito ad Empoli ed Udogie lo ha fatto giocare col contagocce. Alla prossima

Paolo

Non una parola sugli incivili urlatori durante il minuto di silenzio. Bene Gianluca. Bravo. Questo è vero giornalismo professionale.

Rispondi
Nike

Purtroppo ancora una volta una ciurma di dementi getta fango su un’intera città e sono ancora più stupidi perchè sanno che certa stampa non aspetta altro che denigrarci

Can Dal

Purtroppo il solito branco di decerebrati.
Inquinati mentalmente che inquinano una tifoseria ed una città.
Mi son vecio e si me tempi regnava l’ironia dei veronesi mati.
E l’era un gran tifo.
I tempi de Questa pazza fede dell’amico Tim Parks.
Adesso ghe sto pori sfigadi.
Pecá. Dal bon.

Rispondi
Hellas1971

Oddio ai tempi di Tim Parks fu anche fischiato l’inno italiano in una partita della nazionale ed in curva c’erano le bandiere austriache….qualche minuto di silenzio non rispettato c’è sempre stato. La differenza è che non c’era sto can can mediatico del piffero.

Rispondi
cristiano

Per la precisione in quell’occasione Italia-Uruguay furono uno sparuto gruppo di mantovani assiepati in curva ..

Rispondi
teo_el teo

a Napoli avrebbero parlato di folcrore e starebbero tutti a difendere città e squadra…noi dobbiamo sempre essere gli unici ad insultarci da soli? come se a livello nazionale interessasse la cosa e non vi paragonasse comunque uguali a loro solo perchè abitate qua? tra l’altro per aver intonato cori per la squadra senza insultare nessuno invece di fare un minuto di silenzio?

Rispondi
Raycharles68

Il minuto di silenzio è un atto convenzionale, in uso fra persone civili, di omaggio alla memoria di una figura (piaccia o non piaccia) di rilievo della comunità di cui (piaccia o non piaccia) facciamo tutti parte. Io non mi insulto da solo, ma mi sento insultato da chi questo silenzio lo infrange (non importa con che modalità….anzi sì, ancor più grave che lo faccia (ab)usando il nome dell’Hellas, passione comune). Poi, se vogliamo andare a costruire ipotetiche di ennesimo grado per vedere cosa sarebbe successo se lo avessero fatto a Napoli, Bari, Palermo, Rieti o Venegono Inferiore, stiamo parlando di un altro argomento e non mi interessa. Non vivo a Verona da 35 anni e il fatto che parte (certo non la migliore) di coloro con i quali condivido una Fede calcistica si comportino così, mi reca imbarazzo e vergogna

Rispondi
Gnanfo

Intanto FORZA MATTEO!
Poi, fin ieri ghemo smadonnà perché ghè massa attaccanti e adesso el problema l’è l’attacco…ghè calcossa che no cuàdra…

Rispondi
Pixi

Ragazzi …come spesso si dice…io non ho visto fenomeni vs la roma…ne cadaveri col Milan! La verità sta nel mezzo! È verissimo che da sempre l’ hellas si porta sulla pelle la convinzione che quando giochi fuoricasa con milan, juvw, Inter, ecc…vai in gita! NON HO MAI CAPITO PERCHE! “Cambia squadra, presidente e allenator…” ma non si capisce perché l’hellas alcune partite pare non volerle giocare. È così da 30 anni. Di converso in casa, l’ hellas ha spesso una personalità superiore alle diretti concorrenti. Detto ciò….quest anno organico, gioco, mister SONO MIGLIORATI. Punto. E su questo bisogna essere onesti. Scorso anno con BARONI e sta squadra …per me ci salvava a man basse. Purtroppo le dirette concorrenti di quest anno sono attrezzate e partite razzo. Quindi non è così facile trovarne 3 peggiori ! Pertanto GHE DA TRIBOLAR…come sempre. Chi pensava di salvarsi facile dopo ROMA e EMPOLI ha molto torto….così come chi parla parendo che siamo già in B. Semo qua per sugarcela e tribolare.fine

Rispondi
Hellas1971

Lecce e Frosinone son partite a razzo ma sono anche squadre con giocatori agili e rapidi che inevitabilmente rallenteranno e, soprattutto il Frosinone, sono lì a pochi punti. Empoli, Cagliari, Genoa, Udinese e Salernitana non .i sembrano poi così forti.

Rispondi
hellasmastiff

non ci possiamo permettere di regalare 2 giocatori fuori casa per un tempo…… ad oggi il capitano e lazo non stanno bene meglio farli entrare se serve gli ultimi 20 minuti……. non avendo neppure doig e Tchatchoua era necessario ingaggiare valeri dalla cremonese che è a scadenza e fuori rosa….. potrebbe dare chance a terraciano e cabal dalla prossima seppure entrambi inesperti per la categoria………

Rispondi
mattia

Piccola analisi che potrebbe non mettere d`accordo in tanti.
Dopo 5 giornate , io farei un piccolo bilancio sulle prestazioni del verona.
Baroni ha dato equilibrio tattico alla squadra, però dovrebbe iniziare a fare delle scelte ben precise e dare continuità con il modulo e non cambiare atteggiamento ogni partita in base all’avversario.
Esempio ,basta con questo falso nove che non ha nessun senso ma in nessuna squadra di calcio.
A mio parere ci deve essere una punta di riferimento vecchio stampo.
Se deve essere Bonazzoli , che giochi con continuità per qualche partita e poi eventualmente dentro un altro.Ma girare in continuazione i giocatori sopratutto in attacco non ha nessun senso.

Lo dissi gia qualche settimana fa , non vorrei che anche quest’anno ci sia il problema del bomber.

Rispondi
teo_el teo

il problema esiste…abbiamo solo Djuric (scarsissimo coi piedi) ed Henry (rotto) come prime punte! Bonazzoli e Ngonge (anche Cruz credo) sono seconde punte (Ngonge puo fare anche esterno) che non possono fare il centrale da soli!
gli altri sono esterni (mboula) o al piu trequartisti (Saponara).
io credo che pure lo stesso Baroni deve ancora capire la quadra…davanti siamo tanti ma male assortiti…

Rispondi
stefano 50/60

Qualche considerazione su sabato ma anche più in generale…….dall avvento di sacchi, e dell uomo che faceva il vignaiolo, la teoria da dementi sparsa a piena coglioneria era che tutti possono allenare il talento e raggiungere traguardi calciospaziali…..chi ha diffuso, e chi la pratica con giocatori medio bassi, questa teoria andrebbe castrato ed impalato vivo affinchè non generi figli così altrettanto idioti come i padri…..sacchi e l uomo di montorio hanno avuto alle loro dipendenze tecniche calciatori fortissimi che avrebbero vinto, vedi intervista recente di van basten, anche con scaramacai in panca………gestire la palla alla guardiola modalità barca era cosa da iniesta bousquet ed altri giocatori con un piede a dir poco elettronico…….farlo se hai il piede di un alce a digiuno, colpendo la palla come se dovesse spaccarla così chi la riceve la stoppa altrettanto da cani e la perde regalandola al leao di turno che te lo mette in culo, è voler far la pipì controvento…i giocatori NON sono tutti uguali, il talento se ce l hai non si allena e se non ce l hai devi colpre il pallone con più riguardo, meno velocemente ( non lentamente ) e non in orizzontale porca miseria così il tuo compagno potrà scambiarlo senza perderlo..non è una vergogna è semplicemente il conoscere se stessi con pregi e difetti……..la teoria che il milan ha giocato così così sarà anche vera ma questa ragazzi miei sono cazzi loro, vuol dire cje il milan è una squadra di merda che come l inter l anno scorso perdendo a spezia ha fatto figure di MERDA, tutto li…..per quant è del Verona di Baroni etc ci si può salvare, non mi dispiacciono affatto e abbiamo margini di miglioramento specialmente, per me, quando rientrerà henry………..lecce e frosinone ? ci vediamo fra qualche mesetto…….dietro di noi comunque arrancano in parecchi eh…..ps ripeto, conoscersi ed applicarsi in base alle proprie capacità e non alle cazzate che ti dice qualche illuminato mal nò lè la strada iusta…..pragmatismo e praticità…non seguzze mentali…a Voi la palla..

Rispondi
Pennabianca

E’ chiaro che i cambi che Baroni ha a disposizione, non sono ancora in grado di incidere. I vari Suslov, Saponara, Serdar, Cruz che potrebbero essere quelli in grado di cambiare volto alla partita, non sono nemmeno in una condizione fisica accettabile.
Poi questa squadra ha difetti strutturali, manca ad esempio un terzino sinistro di ruolo in grado di sostituire Doig. Siamo costretti ad inventarci Terraciano in quel ruolo.
Detto questo con il milan la squadra non mi è dispiaciuta. Ha giocato con personalità e per lunghi tratti ha messo sotto gli strisciati, è vero che non siamo quasi mai stati pericolosi, ma con il lavoro di Mister Baroni sono convinto che anche le occasioni da gol arriveranno.
Capitolo Lazovic Faraoni…Baroni li considera imprescindibili per il suo gioco e soprattutto il Serbo per ritrovare la condizione deve giocare.
Sono fiducioso per il futuro.

Rispondi
Hellas1971

Manca un terzino sinistro che possa sostituire Doig?????…Guarda che sono 4 anni che in quel ruolo lì gioco Lazovic….

Rispondi
teo_el teo

comunque ragazzi mi sembra di sentire, in generale, troppi palati fini…
eravamo tutti d’accordo che sarebbe stata una stagione difficilissima, con una squadra sempre scarsa, fatta con zero euri ma con una panchina più lunga!
sembra che le prime due partite abbiano resettato la memoria di molti, Vigo in primis

Rispondi
Brunoconlasciarpadell'83

Che delusione che deve essere stata per chi pensava che il Verona quest’anno vincesse lo scudetto eh?
Dai butei… Siamo seri, la squadra c’è, il gioco abbastanza, il fisico sta crescendo.

Rispondi
Dragan Piksie

Fotografo la partita vista con il Milan
Il Verona ha fatto passi avanti con il dosaggio delle forze fisiche (con i felsinei dopo un tempo eravamo già in riserva).
Non ho capito la fase offensiva proposta nella formazione iniziale …Ngonge inadatto, spero sia l’ultimo esperimento, qui caro Baroni servono scelte definitive o quasi.
Non capisco perchè Djuric non sia entrato almeno per farsi 20 – 25 minuti visto che qualche cross e qualche pallone riuscivamo a buttarlo dentro l’area…perdevamo e quindi paura di subire un contropiede (cosa che è avvenuta e ci sta tutta la vita..) ??
Do a Baroni tutte le attenuanti del caso, tanti giocatori non ancora in forma ma a me la partita e’ sembrata quasi imbarazzante : noi che spingiamo la tavoletta al massimo, loro trovano il golletto e poi gestiscono senza poi tanti rischi se non con Ciccio “Folo” mantenendo praticamente il motore acceso …senza andare MAI in affanno anche quando noi li abbiamo un po’ chiusi…
Ritengo come con il Sassuolo che abbiamo perso un punto.
La cosa più importante adesso è fare scelte offensive precise almeno per un po’ di partite.
Singoli : Faraoni e Lazo, mi piange il cuore, ma devono entrare nel secondo tempo dando quello che possono dare.. La posizione di Lazo tra l’altro non mi è piaciuta con tutte le soluzioni che questa rosa per fortuna potrebbe dare..

Rispondi
Brochetti

Süper Lig turco – 6. Giornata 23.09.2023

PENDIKSPOR – FATIH KARAGÜMRÜK 1 -1
Ó. Romero (45+3′ rigore) – V. Eysseric (90+3′)

È tutta colpa di Lasagna!

Rispondi
pixi

Stefano, penso tu metta un po’ di concetti tutti insieme: che da bonazzoli non si possano pretendere i movimenti di Van baste e da Hongla quelli il palleggio di Iniesta siamo tutti concordi. Ed io sono uno assolutamente contro “la partenza dal basso”. Ma Baroni non mi pare esasperi il gioco dal basso e il gol di Leao è stata un cag,ata. Punto. Fine. Volendoti poi seguire nell’ estensione del discorso, ci andrei piano con l’affermare che Sacchi e il “vignaiolo” siano i primi scappati di casa. Hanno introdotto concetti capaci di rivoluzionare il calcio. Prima di sacchi non si era mai vista una difesa in linea … i terzini giocare nella metà campo avversaria … oppure una zona totale ad alti livelli. Aveva una rosa fortissima? Forse! Ma fino a un certo punto. E’ bene ricordare che Tassotti, prima di Sacchi, era reputato un terzino come tanti. Galli, come centrale, era il signor nessuno. Maldini un giovane dalle enorme potenzialità ma non affermato. Donadoni arrivava dall’atalanta non dal real Madrid. Angelo colombo divenne fondamentale arrivando dall’avellino. Lo stesso Van Basten il primo anno non fece sfaceli ma fu introdotto pian piano spesso con maglia da titolare a Virdis! Detto ciò … i campioni vanno anche saputi gestire! Esempio più lampante è Zeman …per me altro mentore del calcio..forse fra i più geniali … ma che ha dimostrato che una cosa è chiedere certi sacrifici a Rambaudi, Ciccio Baiano e Shalimov … altro è pretendere le stesse cose da giocatori di calibro internazionale (che è facile ti mandino a ca.gare). E secondo me in questo limite è caduto anche il buon malesani. Insomma, certe riflessioni sono corrette ma esasperarle può far incorrere in errori opposti.

Rispondi
Manu14

Io rimango assolutamente fiducioso. Fiducia massima in Baroni, che è un signor allenatore. I Buoni giocatori li abbiamo, soprattutto Suslov e magic Saponara se torna ad essere quel giocatore fantastico che ho sempre ammirato. Ci vuole pazienza, anche se Frocinone e Lecce non me li aspettavo così avanti. Quota salvezza altissima quest’anno, non c’è alcun dubbio.

Rispondi
Pennabianca

E’ qualche tempo che Lazovic non gioca piu’ esterno a sx. L’ anno scorso ha giocato quasi sempre sulla trequarti e quest’anno durante la preparazione, Baroni l’ ha riproposto nella stessa posizione in cui ha giocato con il milan.

Rispondi
Hellas1971

L’anno scorso ha giocato sulla trequarti perché non c’erano molte alternative davanti e, per un certo periodo, c’era anche doig in gran spolvero ma il meglio di sé qui lo ha dato esterno nei 4 di centrocampo, faraoni terracciano a dx, lazovic doig a sx mi sembra più che logico anche perché metterlo davanti con tutti quelli che abbiamo non ha senso…deve solo prendere un po’ di condizione, poi se lo fa giocare in altro ruolo mi adeguo..

Rispondi
bardamu

Per quanto riguarda la partita non capisco tanti commenti negativi letti e condivido quanto scrive Vigo.
Abbiamo giocato alla pari, lo scrive persino la gazzetta che è stampata a Milano, con una squadra che vale svariate decine di milioni più della nostra e perso per un singolo errore.
Rimango molto fiducioso per il futuro e spero che Bonazzoli, che non sarà un centravanti ma senz’altro ha doti balistiche migliori di Djuric e tanti altri, giochi sempre dall’inizio.
Per quanto riguarda il minuto di silenzio non rispettato dai Butei dico solo che non mi scandalizzo. I tifosi della Lazio hanno intonato la canzone “Avanti ragazzi di Buda”, dedicata a coloro che ebbero il coraggio di opporsi all’invasione sovietica dell’Ungheria nel 1956 mentre quello per cui si faceva il minuto di silenzio la giustificava e glorificava.
Io sarei semplicemente uscito per un minuto, ma tutta questa indignazione per una mancanza, inelegante finché si vuole, di ipocrisia, la trovo assai esagerata.

Rispondi
Tag

Più che altro titoloni sparati solo per i butei. Poi, si scopre che molte altre tifoserie hanno fatto lo stesso viste le multe affibbiate ieri.. Che poi hanno cantato il coro di inizio partita, non è che abbiano fischiato o chissà che.. Bah..

Rispondi
pixi

@bardamu Io rimango fiducioso, però bisogna essere onesti che del Milan di “svariate decine di milioni in più” c’era pochino … neppure la maglia :):) Si poteva osare qualcosina in più…erano totalmente in bambola… tutto qua. Poi niente drammi.

Rispondi
cristiano

Non sapevo esistesse l’obbligo di silenzio sui minuti di raccoglimento.. i na taca’ 5k de multa !! Ridicoli

Rispondi
Nike

Ma che dici chi? E’ stato Presidente della Repubblica per due volte, in tutti gli stadi
CIVILI si fa. Si può discutere il suo operato politico ma la morte va rispettata

Rispondi
Stefano

Caro Vighini … nessun commento sul mancato rispetto al minuto di silenzio? Su altri blog hellas i soliti tifosi tristemente famosi si stanno vantando delle loro azioni…. una vergogna.

Rispondi
Tex67

Rispondo a Raycharles68.
Naturalmente non si può che condividere quanto da te affermato. Tutto sensato e politicamente corretto. Personalmente però lascerei fuori dagli stadi questi momenti di commemorazione Istituzionale. Mi limiterei a fare un minuto di silenzio solo per il Ciccio Mascetti di turno (solo tesserati ed ex della società). Credo che sia meglio lasciare SEMPRE la politica fuori dagli stadi e Napolitano prima di essere Presidente, piaccia o no, era un uomo politico, di spessore e valore sicuramente, ma pur sempre un uomo di partito. Posso capire che qualche tifoso non abbia quindi rispettato il minuto di silenzio. Io lo avrei rispettato ma non mi sento di mandare alla forca chi non lo ha fatto. Chi di competenza decida pure se interrompere il campionato in caso di calamità, stragi, moti insurrezionali e quanto altro. Ma
una volta che stabiliscono che “the show mast go on” si giochi solo a pallone. Eviteremmo così anche di fare una discutibilissima cernita tra chi ha diritto al minuto di raccoglimento e chi no. Altri sono gli ambienti deputati a quella MARSA de politica. Come diceva qualcuno, allo stadio bisogna solo cantar. E ber birrette. Piuttosto di quelli che non hanno rispettato il minuto di silenzio a me recano imbarazzo coloro che ai bagni del Binti i lustrava display. Ciao e forza Hellas

Rispondi
OvunqueHellas

Si però Sabato si commemorava anche Lodetti, grande giocatore e uomo rispettabile… Io sabato mi sono vergognato. Le bandiere del calcio vanno rispettate, sempre, ovunque.

Rispondi
pixi

Tex quoto al 100%. Tra l’altro + un’abitudine prettamente italiana! I minuti di silenzio possono avere senso per personaggi che rientrano nella sensibilità di una tifoseria o della nazione sportiva, nel quale ogni tifoso allo stadio (INQUANTO TIFOSO E SOLO TIFOSO!) può rivedersi con nostalgia. Lodetti è un conto … Napolitano, attualmente neppure rappresentante di alcun ruolo istituzionale (se non senatore a vita) non c’entrava davvero nulla anche perchè MARCATO SIMBOLO di parziale e specifico orientamento politico.

Rispondi
cristiano

Per gli orfani dello Stalinista : organizzatevi un pulmann a andasì a baterghe le mane al funerale al vostro idolo!

Rispondi
stefano 50/60

Ciao Pixi è un piacere…….sottolineavo nella mia comunque che calciare il pallone un pò più piano è alla portata di tutti….calciarlo come con un cannone verso il compagno per fare lo scambio cosiddetto VELOCE richiede un piede che pochi hanno….ed ormai se lo noti è un abitudine di MODA questa di toccare una volta sola la palla con troppa forza per poi perderla e beccare il goal……nel milan poi di sacchi c erano giocatori molto forti, colombo d accordo ma gli altri………i terzini giocavano alti anche nell era mesozoica……facchetti petrelli de agostini sabadini sirena cabrini nela rocca etcetc…e comunque se hia giocatori dotati puoi fare gli schemi sennò son dolori……..il buon malesani come dici Tu aveva un grosso problema di fondo ( tra altri quali la presunzione ), che quando comunicava lo faceva come un mezzadro che rimproverava i muli sfaticati….e così faceva con i giornalisti che da buone puttane poi lo massacravano…….per me rimane un sopravvalutato e quello che fece qui a Verona lo dimostra in modo lampante, quando vedi che la barca fa acqua per mille ragioni un discreto allenatore punta a un paio di pareggi con i quali, forse anche uno solo se ricordo bene, ci saremmo salvati…….comunque riscontrami perchè vedo che mastichi assai bene la materia calcio…..un salutone…. e doman avanti con la dea eh….

Rispondi
RobyVR

Lezo sempre con piacere i veci amarcord dei ani 80/90, voria solo spessar na lancia par el Male, asieme al Verona de Prandeli uno dei più bei Verona del dopo scudeto, almanco fin a quando i giuda no i l’ha molà par 30 denari

Rispondi
stefano 50/60

ciao Roby ho risposto anche a Te sotto oltre che a Pixi…ps, per me il post scudo più eccitante è stato col Griso……….ottimo prandelli, magnaparticole però……

Rispondi
mattia

anche quell`anno che sfiorammo di un solo punto la serie A con Ficcadenti , il verona giocava a meraviglia.

Rispondi
pixi

@STEFANO è un piacere anche per me. Concordo che il tiki taka con i piedi di marmo diventa complicato. Serve però equilibrio. Altrimenti si rischia di trovarsi col gioco dello strano duo B&Z … con palla lunga sul teston di Djuric e basta! Penso che in 40 anni di hellas non ho MAI visto nulla di peggiore! Per quanto riguarda il buon e antipatico Arrigo … una cosa è avere il terzino sinistro di spinta (effettivamente presente “dall’era mesozoica”) altra cosa è pretendere la la stessa cosa dal terzino destro … specie se era tassotti … con 2 centrali in linea a zona senza libero!
Ti assicuro che a far questo, è arrivato Sacchi (pur ammettendo che il personaggio non è particolarmente simpatico!).
La comprova che molti dei giocatori del Milan di Sacchi sono diventati davvero grandi con lui, è che sei ti vai a vedere le nazionali di spagna 82 o ancora più mexico 86 non c’era un solo giocatore del Milan di sacchi (escluso Baresi).
Poi per carità lui e il buon Berlusca capivano di calcio e hanno saputo pizzicare giocatori potenziali di alto profilo ma non stiamo parlando di una campagna acquisti di “giocatori pronti” stile PSG. Persino Gullit, Van Basten e Rikjiard (con Gullit il più famoso ma pur sempre proveniente dal PSV e Rijkiard neppure presente al primo scudetto) non avevano all’epoca il pedigree di Maradona, Zico, Rumenigge. E all’epoca giocavi contro quella gente la …
Nell’ 1986-87 il Milan del decantato barone Liedholm arrivò quinto … dietro di noi dell’Hellas quarti (hiuppieee!!!!) e in squadra il Barone aveva tassotti, galli, maldini, baresi, donandoni, evani, virdis … non pervenuti alle cronache internazionali (forse manco nazionali)! I due più famosi (Di Bartolomei ed Hetley) vennero ceduti e sostituiti da Ancellotti e Gullit (con Van Basten preso come giovane di belle speranze: virdis titolare). Questa in pratica fu la prima campagna acquisti del Milan di Sacchi, insieme a Colombo dall’avellino. Il buon Arrigo arrivò il primo anno dalla B col Parma e vinse lo scudetto con un calcio mai visto. Diamo a Cesare quel che è di Cesare … 🙂 Non penso che chiunque avrebbe fatto uguale.
Comunque si parla per parlare…e ricordare anni fantastici.
Anche per Malesani sarei un po’ più clemente. Concordo che ha avuto grossi limiti personali e di gestione (te lo dicevo anche io) ma di calcio ne capiva! Per me almeno. Per la retrocessione col Verona successe chiaramente qualcosa a livello di spogliatoio. All’andata eravamo in europa con un ottimo calcio. salutone

Rispondi
Pixi

Appunto! Concordo. Cioè…quando andarono via hateley, di bartolomei e liedholm…per gullit, ancellotti (con grandi problemi al ginocchio) e sacchi…in molti ritenevano il Milan si fosse indebolito (e per “pedigree” …avevano pure ragione!)

Rispondi
Hellas1971

Dal mio punto di vista non c’è dubbio che Sacchi cambiò il calcio…così come Zaccheroni quando ad Udine si inventò la difesa a 3 che prima non faceva nessuno anche se Tricella Ferroni e Fontolan era già una difesa a 3…

Rispondi
stefano 50/60

Eccomi e rispondo anche al buon Roby sui giuda da 30 denari che immagino Pixi condividi anche Tu……non nego, era ben noto, che il berico giocò a poker col morto non pagando qualche mensilità alle prostitutacce in calzoncini…..ma era controproducente anche per loro finire in B a piacenza con la nomea peraltro di giuda quali erano……..per cui il grosso del casino lo fece lo scienziato del calcio giocando almeno 5, e dico poco, partite sena cavarne un ragno dal buco…..col toro e con la viola gli esempi piu immondi di demenza calcistica……..bastava pareggiare…….concordo con Te Pixi sulle descrizioni tecniche dei vari giocatori ma sacchi o no tanto scarsi non erano se poi fecero quel percorso di altissimo livello………e a proposito, nuovamente, della retrocessione di piacenza continuo a pensare che prendere un punto, salvarsi e rimanere in A avrebbe cambiato in meglio la storia di tutti, per primi i giocatori……stento molto a credere che tutti sti giuda abbiano rinunciato a giocare retrocedendo……ho ancora bene in mente le partite in casa con torino e fiorentina………mah, di preciso non lo sapremo mai…però un pareggio eh……è stato capace per fare lo sbruffone di beccare anche colla diga nel match di ritorno……federico cossato disse più volte a molta gente, compreso un cliente del Vostro umile 50/60, che non accettò di dividere la posta per orgoglio…e perdemmo…..allenatore in gamba dici ? può essere non discuto…..ma un allenatore in gamba deve avere nel suo bagaglio anche il grano salis nella zuccheriera…nella sua di grani c erano solo quelli del recioto probabilmente…..non gliela perdonerò mai, comprese le recenti parole di un intervista ove disse che gli sconsigliavano di andare all Hellas perchè non si deve mai, lui dixit, scendere più in basso di ove si è stati……più in alto invece si magari a parma coi soldi dei crack tanzi eh…..che coglione perdiana..che coglione….

Rispondi
Skywalker

Ciao Stefano. Mah.. non sono molto d’accordo che la colpa di quella retrocessione fu quasi esclusivamente di Malesani. Lui ci mise certo del suo perché anche io mi chiedo come si faccia a non fare nemmeno un pareggio in 5 opportunità lampanti (Piacenza compresa). Però diciamo che erano anni in cui tutti i presidenti buttavano soldi nel calcio. Nessuno ci guadagnava, come succede oggi (o vogliono farci credere che succeda oggi). Quindi Pastorello era certamente foraggiato da Tanzi (cosa peraltro dimostrata anche dai tribunali). Quando l’amico da Parma ha chiuso i rubinetti (il crack è successo solo un anno dopo, se non sbaglio) il vicentino ha dovuto correre ai ripari per non rimetterci la collezione di quadri.
Io me la spiego solo così quella storia. Poi è venuto il resto: giocatori non pagati, allenatore matto come un cavallo, clima spogliatoio deteriorato… Ma quella è una retrocessione che mi ricorda molto quella più recente di Setti-Pecchia.
Se guardiamo ai calciatori di allora, nessuno secondo me ha avuto effettive ripercussioni sulla carriera per quella retrocessione. Penso a Camoranesi, Mutu, Gilardino, Oddo, ma anche a Cossu, Cassetti, Dossena…

Rispondi
Brunoconlasciarpadell'83

Un chiarimento per favore… Durante il minuto di silenzio si può respirare? Oppure va fatto in apnea?

Rispondi
stefano 50/60

Ciao grande Bruno…..ho provato a toccare qui mille volte sto tasto incandescente……ho scritto e cancellato riscritto e ricancellato e sinceramente se fossi stato allo stadio avrei taciuto…ma vedere e sentire il solito refrain di sdegno ed affini, in particolare contro la sponda Hellas, mi ha fatto perdere la voglia di rispondere…..siamo in questo paese unico al mondo, e qualcosa per ripagare questa fortuna bisogna sborsarlo evidentemente……questa sostanza venefica radical chic snob salottiera è da estirpare ma penso sià più facile che torniamo in champions……..nel frattempo basterà l indifferenza ? quien sabe……se nel 2023 sentiamo ancora gente in tv che vuole spaventarti col ritorno del nazismo mentre succedono cose reali che mettono in pericolo chiunque, allora la questione è seria……

Rispondi
Pixi

@ malesani. Su quella maledetta retrocessione non sapremo mai la verità.Ma quando alludo a problemi di spogliatoio…non intendevo stipendi. Mi arrivò voce di “questioni di letto”. Gran caos…alcuni parlarono del mister direttamente coinvolto … altri che prese le difese della parte debole, inimicandosi tutti. Poi…chissà! Di sicuro gestione sbagliata! Responsabilità di un allenatore la gestione di uno spogliatoio. Sia chiaro! No alibi. Per l’appunto il suo limite. Io pero’ parlavo di competenza calcistica! Per me l’uomo…di certo sa qualcosa in più di pecchia, grosso o bocchetti! Non lo reputo l’ultimo arrivato…ecco. Sia lui che del neri (nonostante nessuno ci abbia dato soddisfazione e nonostante siano due ex mussivolanti 🙂

Rispondi
stefano 50/60

Ieri ho guardato la iuveM contro il miracolo lecce, come lo definisce una stampa sportiva nazionale che assomiglia da tempo a uno spettacolo circense che intristisce……premesso che la squadra di new york che fa finta d esser italiana non è neanche lontana parente delle edizioni in cui vinse scudetti di fila ( o erano ,le altre troppo scarse ? mah…)……ieri sera però ho visto parecchie azioni dei niuiorchesi, ma no arrosto e neanche fumo dai pugliesi……va da se che quando giochi con squadre che hanno valore economico esponenzialmente più alto del tuo il risultato è pressochè scontato…….ma se noi a bilanM abbiamo un bel pò regalato i tre punti al bilanM è anche vero che un paio d occasioni l abbiam create…….il lecce ieri ha fatto zero in tutti i sensi….dopo stasera, che sarà dura come tutte del resto, il toro ( molto difficile ) ma soprattutto la trasferta in ciociaria ci dovrà dire chi siamo in questa mini serie…….ripeto, stasera lè dura ma BISOGNA… a toro la vedo brutta….a frosinon SI DEVE far legna……..

Rispondi
Brunoconlasciarpadell'83

Ammetto di non essere intelligente… Ma avrei una seconda richiesta di informazioni… Non sono riuscito a trovare sul web il commento di condanna dei Sindaci di Empoli, Firenze, Udine, Como, Catanzaro e Roma per il minuto di silenzio non rispettato (si può dire non condiviso?) dalle rispettive tifoserie.
A tempo perso eh, qualcuno mi può aiutare nella ricerca?

Rispondi
stefano 50/60

Rispondo io, o almeno ho la presunzione di farlo per esser coerente, a Bruno che ADORO per la Sua ironia british style………e rispondo con l occasione anche ad Inogniposto qui sotto per lo stesso argomento…..shirley temple di casa nostra, o di Fosse per la precisione, oltre alle biciclettate arcobaleno è impegnatissimo coi diritti civili…..cioè degli allegri cortei ove dei tizi si vestono con guepiere e truccati come delle drag queen di carriera fanno gesta da quartiere amburghese o amsterdamese come preferite…..tutto ciò per rivendicare la loro libertà, e chi gliela tocca, di sodomizzarsi tra lazzi frizzi operazioni chirurgiche ovviamente a carico dei contribuenti matrimoni con reversibilità inps e tutti diritti che nulla hanno a che vedere col vil denaro noooooooooooo ma solo per sentimento, che dev esser libero per tutti ( e qui di nuovo mi ripeto chi contesta mai cose simili, però magari nn coi soldi pubblici come quei che se refà i busi del naso a spese ulss dopo aver tirà sù anca le righe del bentegodi )……..questa è la giunta per i prossimi 4 anni mi sembra, in democrazia chi vince le elezioni governa, scordandosi però che chi non l ha votato non è affatto contento di farsi rompere i coglioni con uscite da leccaculo bolscevico……a Verona nò volemo paroni…gnanca a stadio…..

Rispondi
inogniposto

Il Verona purtroppo ha un problema serio : due giocatori da anni FONDAMENTALI non vanno… parlo di Faraoni e Lazovic, capisco la necessità di far fare loro “gamba” ma una squadra come la nostra non può regalare 2 giocatori agli avversari.
Faraoni da un anno purtroppo non è più quello di una volta (causa infortunio), lo slavo a parte qualche ottima partita da tempo non è più il giocatore amato da Juric.

Purtroppo durante il mercato non ci si è pensato

Rispondi
inogniposto

gli altri sindaci sono occupati nell’amministrazione delle rispettive città, il nostro tra una biciclettata e l’altra ha più tempo

Rispondi
Celtico

no,Freddy,non siamo mica gli americani…per ora..ma stando a Tuttosport di stamattina,non dovrebbe mancare molto

Rispondi
Nike

Baroni non ci stà capendo niente dopo aver fatto giocare per 3/4 di partita Ngonge come punta centrale lo fa uscire quando mette il campo Henry, non ha capito che Ndonge il meglio di sè lo dà con una punta di riferimento vicino?

Rispondi
Nike

Baroni non ci stà capendo niente dopo aver fatto giocare per 3/4 di partita Ngonge come punta centrale lo fa uscire quando mette il campo Henry, non ha capito che Ndonge il meglio di sè lo dà con una punta di riferimento vicino? gravitandoci intorno?

Rispondi
OvunqueHellas

Unico obbiettivo trovarne 3 dietro di noi, come l’anno scorso. Zero gioco e veramente poca garra nel primo tempo, spero Baroni cambi qualcosa. Le prossime 2 ci diranno qualcosa di più su chi realmente siamo

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code