Torna al blog

IL PAGELLONE DI VERONA-MILAN

MONTIPO’ 6.5 Due belle parate, una su Krunic, l’altra su Calabria, probabilmente la più impegnativa. Bravo anche a giocare sui piedi, fondamentale che fino a qualche mese fa non era proprio tra le sue qualità più scintillanti. Impotente sui gol rossoneri.

CECCHERINI 5 Dispiace, perché sbaglia due cose, purtroppo decisive. Sul pareggio del Milan è clamoroso l’errore di marcatura su Tonali. Si fa sovrastare fisicamente e d’astuzia. Anche nel raddoppio del Milan è in affanno e nonostante la corsa disperata non arriva all’appuntamento, sempre con Tonali solo e libero di segnare indisturbato. Peccato, perché aveva azzeccato anche giocate di coraggio, ma la bilancio pende dalla parte sbagliata.

SUTALO 5 (dal 34’ s.t.) Gioca quanto basta per perdersi Florenzi che segna il 3-1 rossonero.

GUNTER 6+ Il duello con Giroud è tutto suo. Il francese si accontenta di qualche spizzata, ma sono tutto sommato delle briciole. Il difensore turco è concentrato e attento nelle cose che contano. E’ bravo anche a salvare due quasi gol, mettendoci prima il testone, su una botta di Calabria, e poi lo stinco nella ripresa. Sfiora il pareggio con un bel colpo di testa, alto di poco. Forse poteva essere un po’ più reattivo sull’1-3

CASALE 5 Leao è sornione, quando pensi che sia addormentato rischi di prenderti un bello sberlone. E il difensore gialloblù se lo prende quando l’attaccante milanista lo brucia, entra in area di rigore e regala, di fatto, il gol a Tonali. Nella ripresa, quando Leao si invola per quello che sarà il secondo assist gol sempre a Tonali, lui proprio non c’è. Così come tutta la difesa, a dire il vero.

HONGLA 5.5 (dal 21’ s.t.) Tocca pochi pallone e ne sbaglia molti

FARAONI 6.5 Parte con qualche difficoltà perché Theo Hernandez tende ad accentrarsi in mezzo al campo e lui è costretto a fare altrettanto. Bada quindi più a difendere che attaccare. Ma quando il Verona inizia a uscire dal guscio, lo fa anche lui e gli basta un amen per trovare il gol che sblocca il match. Esce azzoppato dopo qualche calcione di troppo.

DEPAOLI s.v. (dal 20’ s.t.)

TAMEZE 7+ Questo ragazzo gioca veramente un altro campionato, è proprio di un altro pianeta. Non inizia benissimo, perché gli tocca stare attaccato a Krunic e nella prima mezz’ora è il Milan a fare la partita. Ma ci impiega poco a scrollarsi di dosso le consegne difensive e a macinare gioco. E’ dappertutto, sempre con la stessa qualità e con la stessa lucidità nelle giocate. A centrocampo fa anche quello che dovrebbe fare Ilic e, per esigenze tattiche, si ritrova ancora una volta a fare il difensore centrale.

ILIC 5 Paga il tasso tecnico del centrocampo rossonero, che pur non facendo cose mirabolanti, lo mette in difficoltà. Non riesce quasi mai a trovare il passo e fatica non poco nella marcatura su Tonali. Che gli va via anche nel gol poi annullato dal Var. Insomma, una partita non facile per il giovanotto serbo. Ma è anche giusto riconoscere il fatto di avere di fronte giocatori più forti di te.

LAZOVIC 6+ Meraviglioso l’assist per Faraoni, la cosa più bella di tutta la partita. E’ ispirato quando la squadra ha il coraggio di uscire dalla propria metà campo. Nella ripresa, quando il Milan accelera, il Verona fatica ma lui prova comunque a restare in linea di galleggiamento. Va a fiammate, ma non bastano per recuperare le cose.

BARAK 5.5 L’andamento lento di depiscopiana memoria è una sua caratteristica, lo sappiamo tutti. Ma quando fisicamente è al top non è un limite, anzi. Il problema nasce quando la condizione non sembra eccellente. Segue a uomo Kessie e si dimentica che anche lui dovrebbe provare a far male. Impotente sulla sgroppata di Leao in occasione della rete del sorpasso rossonero.

CAPRARI 5.5 E’ lui ad aspettare il momento giusto per darla a Lazovic che poi, a sua volta, la mette in mezzo per il gol di Faraoni. Ma c’è lui anche nel pallone perso in maniera “tafaziana” dal quale nascerà poi il pareggio del Milan, a trenta secondi dalla fine del primo tempo. Capisce di aver sbagliato e nella ripresa si incaponisce un po’ troppo, cercando la giocata solitaria che, a lungo andare, lo fa diventare eccessivamente egoista.

SIMEONE 6+ Gioca bene soprattutto quando il Verona aspetta e riparte. C’è sempre quando bisogna fare sportellate e quando è il momento di inseguire gli avversari come un forsennato. Sui suoi piedi due ottime palle gol, una di sinistro, difficilina, l’altra col piede naturale, che meritava più fortuna.

LASAGNA 6 (dal 26’ s.t.) Entra con la voglia giusta, ma la squadra non lo asseconda più di tanto.

ALL. TUDOR 5.5 Nel primo tempo decide di aspettare il Milan, mettendo ovviamente in conto di rischiare qualcosa. Ma nelle ripartenze fa male e infatti il suo Verona è capace di creare un paio di occasioni importanti. La squadra ci crede e trova il vantaggio al culmine di una bellissima azione. Poi tornano i soliti e già visti errori difensivi, che, se in parte possono essere imputabili a errori individuale, dall’altra, secondo me, dipendono anche da un’attenzione non sufficiente alle dinamiche difensive. Detto ciò, il Milan è stato più forte. Riconoscerlo non è una bestemmia.

12 commenti - 1.093 visite Commenta

Andrea ANGELOFAGNANI

Direi che sottotono è giusto perché i contrasti non li abbiamo mai vinti o pochissimi superficiali perché non si è mai visto sbagliare passaggi e dare palle come quelle di Caprari Da ultimo Hongla … non ho parole per l’inconsistenza e la nullità calcistica di questo giocatore

Rispondi
ziga

Tameze migliore in campo. Ilic il più determinante in negativo (voto 4) anche se devo dire che se fossi stato Tudor l’avrei tolto dalla marcatura di Tonali il quale, infatti, ha fatto ben tre goal. Honglà non mi sembra nemmeno un giocatore di calcio (voto 4). Purtroppo l’errore del buon Caprari a 30 secondi dalla fine del 1° tempo ha fatto girare la partita.

Rispondi
RINO

Troppo duro con Caprari, si ha fatto un errore madornale, ma solo quello, il resto è latte e miele!
Mentre sono d’accordo su Hongla, il ragazzone è volonteroso, ma il calcio è ben altro sport, lui ha poca tecnica, zero tattica, sembra abbia giocato solo nel cortile della parrocchia. Alle volte azzecca una mezza partita, ma capita a molti brocchi la giornata buona. Direi che è un esperimento non riuscito (fra i tanti riusciti bene). E non si capisce perchè venga ancora impiegato, in effetti quando è entrato abbiamo detto un definitivo addio alle speranze di raddrizzare il risultato.

Rispondi
Mingon Federico

Giusto così, loro sono più forti. Ma la difesa dell’ Hellas è ridicola, purtroppo da tutto il campionato. La qualità davanti ha per fortuna mascherato le enormi lacune difensive

Rispondi
Pieronte

Ma hongla…siamo sicuri che giocasse a calcio prima di venire qui?? E soprattutto perché continua a trovare spazio? Io non lo metterei nemmeno tra i convocati

Rispondi
Kar

Questa volta Tudor ha sbagliato a non raddoppiare su Leao e a non far entrare Cancellieri (forse gli sta sulle scatole?), Pioli ha vinto nettamente sulla tattica… Ilic surclassato 4, Casale è stato ridicolizzato da Leao 3, Depaoli mi dispiace ma non è da serie A, Hongla meglio cederlo subito, Sutalo si fa infinocchiare come un dilettante, Faraoni solo per la grinta e l’attaccamento 8, Tameze fondamentale per il prossimo anno. PS. arrivavamo sempre secondi sulle palle…

Rispondi
Carletto

Caprari voto 3, anche meno. Bastava buttare la palla in out, andavi al riposo sull’1 a 0 e nel secondo tempo vedevi un’altra partita con loro costretti ad attaccare. Presi tre gol in contropiede, anche Tudor ci mette del suo

Rispondi
Kar

Questa volta Tudor ha sbagliato a non raddoppiare su Leao e a non far entrare Cancellieri (forse gli sta sulle scatole?), Pioli ha vinto nettamente sulla tattica… Ilic surclassato 4, Casale è stato ridicolizzato da Leao 3, Depaoli mi dispiace ma non è da serie A, Hongla meglio cederlo subito, Sutalo si fa infinocchiare come un dilettante, Faraoni solo per la grinta e l’attaccamento 8, Tameze fondamentale per il prossimo anno. PS. arrivavamo sempre secondi sulle palle…

Rispondi
bardamu

Troppi ieri non erano “sul pezzo”. Salvo solo, soprattutto per la volontà e la grinta, Faraoni, Caprari ( è vero che non ha gestito bene quella palla alla fine del primo tempo, ma è stato l’unico a creare qualcosa, assieme a Lazo, ed ha corso per 90 minuti ) Lazovic e il Cholito. E il portiere.
La marcatura su Leao non è stata azzeccata. E pure i Butei ci hanno messo del loro, insolitamente spenti.

Rispondi
ak47

Spiacente Vitacchio non sono d’accordo con le insufficienze ai nostri tranne a Caprari che ha fatto la caprarata che ci è costata il pareggio per il resto continui a pensare che siamo il real madrid quando invece siamo solo il Verona. L’unico che in Europa può tenere Leao oggi è Hakimi e gioca al PSG. Siii obiettivo. Abbiamo perso perchè sono più forti punto e va riconosciuto evitando di punire con voti negativi i nostri che hanno dato tutto

Rispondi
jes

francamente non vedo come possano esser dati gli stessi voti a Casale e Ceccherini.
Simeone si sarà anche sbattuto ma le uniche 2 palle che poteva tirare le ha ciabattate malamente e non vedo come possa essere sufficiente.
Ilic non così male.
Purtroppo il Verona si è allungato troppo rispetto al solito ed a pagare è stato in primis Ilic che si è trovato spesso solo a fronteggiare un centrocampo che ci ha dominato (è stata li la chiave).
Io comunque sono soddisfatto, di fronte ad un Milan che non ha sbagliato nulla e si è dimostrato nettamente superiore a noi, la nostra partita l’abbiamo fatta

Rispondi
 

Rispondi a jes Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code