Torna al blog

IL PAGELLONE DI VERONA-TORINO

MONTIPO’ 7 Due cose in una: una doppia parata nella stessa azione, prima sul colpo di testa ravvicinato di Belotti, poi su quello ravvicinatissimo di Zima (era in fuorigioco). Per un attimo sembrava di essere tornati a quel Verona-Perugia, quando a difendere la porta gialloblù c’era quel giovanotto che rispondeva al nome di Seba Frey. Girone di ritorno da vero protagonista.

CECCHERINI 6- Il “meno” per essere stato poco grintoso sul gol del Toro. Marca a distanza di due metri, il tanto che basta per fare andar via Brekalo, che pesca il jolly. Per il resto, ce la mette, magari con un po’ troppa foga, che gli fa rischiare il cartellino in più di un’occasione. Ma è una sua caratteristica la grinta, non sempre dosata al punto giusto.

HONGLA s.v. (dal 28’ s.t.)

GUNTER 6.5 A uomo su Belotti, disputa una buona partita, pur condizionata da un cartellino giallo, forse esagerato. Ma è bravo a rimanere lucido e a giocare sempre in anticipo sull’attaccante granata, usando tutte le armi a disposizione, anche la malizia in qualche spintarella non vista dall’arbitro. L’ammonizione “obbliga” Tudor a lasciarlo nello spogliatoio dopo l’intervallo.

SUTALO 6 (dal 1’ s.t.) Concentrato quanto basta.

CASALE 6- Anche lui come Gunter si becca un cartellino giallo nel primo tempo. Una spada di Damocle, soprattutto per un difensore, ma lui non ci pensa più del dovuto e mantiene la barra dritta. Belotti non lo impensierisce, se non sgomitando nelle mischie. Sicuramente sta meglio nella posizione di centrale puro. Qualche passaggio sbagliato di troppo, più per stanchezza che per altro.

DEPAOLI 5.5 Mollo, mollissimo sul gol di Brekalo. E’ vero che non è un difensore, ma poteva, doveva fare meglio. Se non altro non doveva “concedere” il destro al giocatore del Toro. In fase offensiva le cose non vanno meglio. E’ uno che corre, non si discute, ma sono tanti i cross sballati, che spesso vanno a morire dove non c’è nessuno.

CANCELLIERI 5.5 (dal 28’ s.t.) Non dà la scossa.

TAMEZE 7 Sempre e comunque il migliore in campo. Ci sono cose inevitabili: Tameze una spanna sopra agli altri, è una di queste. La partita, come si diceva una volta, è spigolosa, più da clava che da uncinetto, ma lui si adatta a tutto, anche a questo. Sua un’occasione importante per pareggiarla. Mi viene un brivido lungo la schiena a pensare che potrebbe essere stata la sua ultima partita al Bentegodi da giocatore del Verona.

DAWIDOWICZ 8 (dal 41’ s.t.) Solo per averlo rivisto in campo dopo tanti mesi a soffrire per il recupero dall’infortunio al ginocchio.

ILIC 6.5 La partita è brutta, ma lui spicca per eleganza e qualità e per forza fisica. Ha gamba giusta per portare il pallone e creare, davanti a un centrocampo avversario che la mette tutto sulla forza. Finale di stagione che confermano seconda parte di campionato di assoluto livello. Sarà uno dei punti fermi del prossimo campionato. A meno che non ci siano strane sorprese.

LAZOVIC 6+ Sui suoi piedi le occasioni in assoluto più importante del Verona. Prima un bel sinistro che Berisha mette in angolo, poi, una cannonata che il portiere granata para di puro istinto. Nel primo tempo tiene un buon ritmo, ma nella ripresa cala, non a suo agio in un partita tanto spezzettata e nervosa. Esce stanchissimo.

FRABOTTA 5.5 (dal 28’ s.t.) Così così. Ma d’altra parte, rientrare dopo tanti mesi è durissima.

LASAGNA 5.5 Io lo capisco Kevin, ha una gran voglia di spaccare il mondo. Anche troppa. Ci mette una foga che spesso gli si rivolta contro, perché bisticcia col pallone, che in più di un’occasione va meno veloce di lui. Quando ha campo non riesce a sfruttare al meglio le sue qualità e si inceppa sul più bello. Ha una buonissima occasione, ma si fa stoppare da Berisha.

CAPRARI 5+ Nervosissimo, mai così nervoso. E secondo me la colpa non è solo sua, l’arbitro ci ha messo del suo. Lo stato mentale incide in maniera determinante su un giocatore come lui, che quando non è luci fatica a imbroccare la giocata giusta. Ci prova, ma non è la sua giornata. Saluta comunque il Bengodi dopo una stagione da protagonista e leader. La più bella scommessa della sua carriera. Vinta alla grande.

SIMEONE 5 Quanta confusione per El Cholito. Questa volta non riesce a mettere in campo almeno la grinta, che, a dire il vero, gli è mancata raramente. Non riesce mai a rendersi pericoloso e quando ha l’occasione potenzialmente giusta, fa cilecca. Tantissimi palloni gestiti non bene, soprattutto nei minuti finale quando il Verona aveva bisogno del miracolo.

ALL. TUDOR 5.5 Perde il duello con l’amico Juric, che già all’andata aveva vinto 1-0. Peccato perché ora c’è il rischio di perderlo il nono posto. Bisognerà andare a fare almeno un punto a Roma, contro la Lazio. Poi si penserà al futuro, con l’auspicio che non ci sia un tira e molla infinito e che chiarisca subito quali siano le sue intenzioni. Nella speranza che vadano a braccetto con quelle della società.

9 commenti - 1.106 visite Commenta

Gnanfo

Un punto non basterebbe in caso di vittoria del Toro, abbiamo gli scontri diretti sfavorevoli…servirebbe una vera impresa! Peccato finire il campionato così.

Rispondi
Comhellas

Arbitro a di poco irritante che ha tollerato il loro gioco duro (primo cartellino giallo per loro a 10 minuti dalla fine) e le continue perdite di tempo. Scarso anche nella conoscenza del regolamento… Se un vantaggio non si concretizza si fischia il fallo (secondo tempo)!!

Rispondi
stefano56

valutazione a gunter incredibile. Come ogni stagione poi tutti se ne vogliono andare. Quale il motivo? le possibilità sono due: o è puro mercenariato e in questo caso si accomodino pure.oppure nessuno crede nella stagione prossima e qui si aprono scenari molto, ma molto inquetanti.

Rispondi
ziga

Voto sbagliato quello di Gunter mediocre anche oggi.
In generale: oggi troppe ciacole in campo; nel secondo tempo praticamente mai pericolosi al contrario del Torino.

Rispondi
bitcoineureka

Qualcuno spieghi come De Paoli possa giocare in serie A..non esiste rispedirlo immediatamente al mittente..
ieri e non solo ieri difesa imbarazzante…
cambi inesistenti giocatori che farebbero fatica a trovare posto in lega pro..
Peccato perchè si aveva a disposizione un traguardo importantissimo. mi sa che resterà impossibile batterlo per parecchi anni,,,con i ciari de luna che se prospetta… solo tanti dubbi ma tanti…speremo in bem ma…..

Rispondi
claudio

TUDOR voto : 0
Grande stagione,bravo allenatore,piccolissimo uomo,anche ieri non si è degnato di salutare i tifosi,questo altezzoso Juventino dovrebbe ricordarsi un pò di umiltà,esonerato da secondo con Pirlo ,esonerato a Udine,gli riesce una buona stagione con la pappa pronta lasciata da Juric e non si degna mai una volta di salutare dei tifosi straordinari che come ogni anno hanno contribuito in casa e in trasferta ad aiutare la squadra! tornatene pure sul divano,grazie !

Rispondi
stefano56

Perfettamente d’accordo con te. Verona è diventata una stazione periferica della metropolitana. Qui tutti per rilanciarsi, strappare i contratti e poi via, con il mal di pancia o le unghie incarnite . Questo mediocre allenatore può andarsene quando vuole. Nessuno come Mandorlini!

Rispondi
pipphellas

non capisco la sorprendente generosità e “comprensione” per Lasagna. Uno dei giocatori più scarsi visti in questi ultimi anni. Farebbe fatica in B oggi. Un clamoroso bidone. L’uomo in meno. Lo capisci? E’ più facile capire il perchè portate ancora la maschera in Italia…

Rispondi
 

Rispondi a claudio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code