19
mar 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

696

OPPIO DEI POPOLI DA LOURDES A GRETA

Quando Marx fece la celebre affermazione – “la religione è l’oppio dei popoli” –  avrebbe dovuto aggiungere che anche la fede laica, anche l’ideologia, è oppio per chi ci crede. Stessa drastica contrapposizione tra bene e male, tra Demonio e Salvatore.

Per Marx il demonio era il capitalismo, il salvatore era il proletariato. Oggi il demonio è il cambiamento climatico, il salvatore è l’ambiente tutelato.

Per diffondere l’oppio non bastano i profeti, ci vogliono anche i testimonial. Meglio se adolescenti, giovinette/i innocenti, puri, la cui buona fede non può essere messa in discussione.

Non a caso non fu un vescovo né un cardinale e nemmeno un prete ad avere l’apparizione della Madonna a Lourdes, ma una pastorella innocente Bernadette Soubirous. Come si può dubitare delle parole di quest’anima candida? La Madonna sicuramente è apparsa e le ha parlato. A lei come ai tre bimbi pastorelli di Fatima.

E come si può oggi dubitare delle parole di Greta Thumberg, anche lei innocente, candida e per giunta afflitta dalla sindrome di Asperger? Chiaro che ha avuto l’indiscutibile visione di un pianeta che sta per esplodere a causa dei cambiamenti climatici…Molto meglio lei come testimonial di un ambientalista o uno scienziato illustre…

(Naturalmente chi crede “vede”: a Medjugorje un sole del tutto particolare, nell’Urss il “paradiso del proletariato”, in Antartide lo scioglimento totale dei ghiacci e l’estinzione dei pinguini)

Ma queste pastorelle di Lourdes e Fatima assursero a fama mondiale, motu proprio, sorgendo e imponendosi da sole? O ci fu un’abile orchestrazione da parte della potenza religiosa, economica e divulgativa della Chiesa cattolica?

E così oggi Greta; lei sola dal nulla a emblema mondiale della lotta ai cambiamenti climatici? O che abbia anche lei sponsor potenti, ad esempio gli imprenditori dei nuovi prodotti cosiddetti ecologici contrapposti alle produzioni tradizionali e inquinanti?

Dice nulla che anche 007, nell’ultimo film che si sta girando, guidi un auto elettrica e non più a benzina né a gasolio? Ovviamente continuerà a sparare; ma saranno proiettili “senza olio di palma” e con l’indispensabile dose di oppio per obnubilare il popolo…

696 VISUALIZZAZIONI

6 risposte a “OPPIO DEI POPOLI DA LOURDES A GRETA”

Invia commento
  1. marco.com scrive:

    La storia della Groenlandia.

    Dopo mesi e mesi di navigazione in mezzo ad un mare grigio e sotto un cielo grigio a ancor più grigio, Erik il Rosso approdò su un lembo di terra. C’era un metro quadrato di erba verde, un raggio di sole in quel momento trafisse la coltre grigia delle nubi grigie e illuminò il metro quadro di erba di verde abbagliante.

    Terra Verde, esclamò Erik. La terra dove Erik era approdato era effettivamente una terra molto ospitale con foreste lussureggianti, fiumi canori che portavano l’acqua della vita. Erik costruì grandi città, castelli, cattedrali e fu il progenitore di una fiorente civiltà di cui tuttora possiamo ammirare i grandiosi resti.
    Cosa avvenne poi, in un rapidissimo volgere dei tempi, non sappiamo.
    Oggi non resta più nulla, solo il nome di questa terra felice, a perenne memoria di speranza per le umane genti.

    • martello carlo scrive:

      Condurre una battaglia ecologica basata sulle responsabilità del genere umano, deridendo le posizioni di ZWIRNER sulla GROENLANDIA, è RIDUTTIVO e non fa certo bene alla causa perché equivale ad escludere i cambiamenti climatici in un passato in cui la terra era quasi disabitata e quindi la responsabilità di altri fattori che devono essere conosciuti e approfonditi
      Non voglio dilungarmi troppo sull’argomento, ma ti rimando a 2 ” studi “, il primo pubblicato nel 2007 su SCIENCE dal professore Eske Willerslev dell’Università di Copenaghen, con il quale con l’estrazione di DNA da organismi sepolti dentro al permafrost, si è scoperto che tra gli 800.000 e i 450.000 anni fa la Groenlandia era una terra verde ricca di ontani, abeti rossi, pini e tassi e popolata da coleotteri, mosche, ragni, farfalle e tarme.

      https://www.spiccandoilvolo.com/blog/2017/04/19/dieci-curiosita-groenlandia/

      il secondo, ” andamento del clima nel lontano passato, ipotesi di evoluzione ( Lorenzo Cassitto – AERA e Mario Silvestri – Politecnico di Milano ) riporta un grafico dell’andamento della temperatura media alla superficie nell’emisfero boreale degli ultimi 11000 anni, evidenziando come tra l’800 e il 1300 ( il viaggio di ERIC IL ROSSO è del 932 ) vi sia stato il ” medioevo temperato ” che ha coinvolto la GROENLANDIA, favorendone la colonizzazione.
      E’ quindi provato che ere glaciali si sono alternate a periodi più caldi/temperati, spesso collegati all’attività solare e che quindi la discussione sulla GROENLANDIA sia deviante.

      E’ preoccupante invece l’onda pecoreccia della GRETA, che porta certe ragazzine ( terrore della cellulite? ) a voler diventare vegetariana per eliminare gli allevamenti intensivi degli ANIMALI origine di tutti i mali come deforestazione, erosione, scarsità d’acqua, inquinamento dell’acqua, ed emissione di metano con effetto serra, continuando a non voler considerare che IL PIU’ DISTRUTTIVO E PERICOLOSO ANIMALE SULLA FACCIA DELLA TERRA, E’ PROPRIO L’UOMO.
      E’ ORA DI TRARNE LE DEBITE CONCLUSIONI, PRIMA DI ARRIVARE ALL’ULTIMA, DEFINITIVA GUERRA MONDIALE, CON LA “SACRALITA’ DELLA VITA UMANA” CHE VA VERAMENTE A FARSI BENEDIRE.

    1. conte scrive:

      Quesiti molto interessanti che mi pongo spesso anch'io.Poi sono il primo ad ammettere che c'è molto da fare per la salvaguardia dell'ambiente,a partire dai piccoli gesti quotidiani.Ma se parliamo di plastica mi chiedo perché la grande distribuzione alimentare ne fa uso in quantità smodata,con l'avvallo di governi vari?la spinta verso la motorizzazione elettrica porterà solo benefici,oltre che ai produttori? ne dubito fortemente

      1. Silvestro scrive:

        Questa mattina, al Senato, Salvini si è lasciato andare ad un appello straziante e si è scusato per aver speso anche qualche lacrima. Devo dire che non ho ricordi che un Parlamentare per difendersi da qualche accusa abbia pianto pubblicamente.

        D’altra parte è comprensibile. Un Ministro solitamente misurato, attento nel linguaggio, riservato in ogni atteggiamento, composto in ogni dichiarazione, sensibile verso l’immigrazione, in una circostanza cosi importante, non poteva che commuoversi.

        Like like like Like like like Like like like

        1. Silvestro scrive:

          CONGRESSO DELLE FAMIGLIE “TRADIZIONALI”

          Per non deludere nessuno, soprattutto Gaton (18 marzo 2019 alle 19:33) e non drammatizzare sulla libera espressione delle proprie opinioni, credo non si possa però sorvolare sulla strumentalizzazione politica dell’evento.
          Ignoriamo quindi il lungo elenco di autorevoli relatori di caratura internazionale noti sopratutto per la loro posizione arcaica sull’argomento, ma parliamo degli atteggiamento più rilevanti. Potremmo parlare

          >> Della bellezza del matrimonio e dei diritti dei bambini, della donna nella storia e della salute e della dignità della donna stessa.
          >> Dell’opposizione al matrimonio omosessuale, all’aborto, alla pornografia.
          >> Del patrocinio fornito dalla Regione Veneto, che per testimoniare questo sforzo culturale, ha recentemente proposto un albo per le prostitute in ogni Comune e quindi la riapertura dei casini.
          >>Del Patrocinio del Governo, fornito con convinzione ed entusiasmo, dove Di Maio sostiene “si festeggia il Medio Evo”.
          >> Della partecipazione del Ministro Salvini che meglio di chiunque altro testimonia con il suo percorso familiare l’importanza dell’Istituto del matrimonio (Sposato nel 2003 con un figlio, divorziato, nel 2012 da una convivenza finita ha avuto un altro figlio, quindi una storia sentimentale con la Isoardi, documentata anche da foto intime, conclusa alla fine del 2018).

          E’ proprio con queste iniziative che si manifesta la serietà delle proprie convinzioni morali e civili.

          1. Silvestro scrive:

            BREXIT
            Per chi è affetto da amnesia ricordo i commenti più significativi.

             Salvini (giugno 2016) : «La coscienza dei cittadini si è dimostrata più forte dei banchieri. Ora l’Europa ha davanti a sé l’occasione di liberarsi dell’Unione Europea. Basta coi salotti dei banchieri, …. E’ un gran peccato che la nostra Costituzione, che è antidemocratica, non consenta agli italiani di votare tramite referendum su trattati internazionali». Like like, like.
            Poi in conferenza stampa: «Da Londra è arrivato uno schiaffone ai Napolitano, ai Prodi, ai Monti e ai Renzi a quelli per cui “l’Europa è cosa nostra, gli italiani non si impiccino”». Like like like

            Se pensiamo ai brindisi, alle ubriacature all’insegna di “Victory” la sera del 23 giugno 2016, il confronto non può essere più imbarazzante: la perdita di credibilità è enorme, i costi non calcolabili o non calcolati, le soluzioni ai vari problemi sono tutti ancora da costruire o da inventare.
            Theresa May ha preteso il voto anticipato per trovarsi poi con una maggioranza più risicata di prima. Ha subito la defezione di diversi ministri, ha effettuato un corposo rimpasto nel governo, ha deciso di condurre in prima persona le trattative per l’uscita dall’UE. Dopo aver preso diversi sberloni dalla Camera dei Comuni che ha bocciato due modifiche al trattato concordate con Junker impedendone anche la votazione di una terza, ora si presenta a Bruxelles con il cappello in mano per realizzare nei prossimi tre mesi quello che non ha ottenuto in tre anni di estenuanti trattative.

            Allora, dopo l’allontanamento di Savona e la messa in silenzio delle velleità di Borghi, CREDO SAREBBE IL CASO CHE I SOVRANISTI PURI E DURI LO RICONOSCESSERO: LA GRANDE SPALLATA E’ FALLITA; LA CELEBRAZIONE DI UNA GRAN BRETAGNA AVANGUARDIA DELLO SFALDAMENTO EUROPEO E’ UNA CLAMOROSA DISFATTA.

            L’Europa deve cambiare, e molto, ma l’Italia non può farne a meno. Anche perché Trump è molto lontano e la Cina molto vicina.

          Lascia un Commento

          Accetto i termini e condizioni del servizio

          Accetto i termini sulla privacy

          *