10
giu 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 75 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.387

GOVERNA “LA BANDA DEGLI ONESTI”

Governa “la banda degli onesti”, non solo con l’esecutivo giallo-verde: da sempre, è la caratteristica fondativa della nostra Repubblica.

“La banda degli onesti” è uno splendido film del 1956 che sancì il successo della coppia Totò-Peppino De Filippi: tre amici entrano casualmente in possesso dei cliché e della carta filigrana dell’Istituto Poligrafico dello Stato e pensano di costruirsi un radioso futuro economico stampando banconote false nella cantina del loro condominio.

Angelo Panebianco sul Corriere ha evocato questo film osservando che i nostri governi hanno fatto e fanno la stessa cosa: continuano cioè ad accumulare debito pubblico – che è come stampare banconote false – puntando così a conquistare il consenso degli elettori.

Lo fecero nella Prima Repubblica con quell’autentico macigno sul sistema pensionistico che furono le baby pensioni (continuiamo a pagarne centinaia di migliaia); e la Fornero fu solo l’inevitabile tentativo di riparare al danno provocato dagli spacciatori di pensioni “false”, cioè senza contributi versati.

E poi arriviamo ai giorni nostri con gli 80 euro di Renzi fino a quota 100 della Lega e reddito di cittadinanza dei 5 Stelle.

Nel film i tre amici alla fine non osarono spenderne nemmeno una di banconota falsa. I nostri governi invece tirano dritto verso il baratro finanziario.

Tant’è che il vero motivo dello scontro con l’Ue, il cosiddetto sovranismo o nazionalismo alla Salvini, condivisi anche da Di Maio, ha un unico obiettivo: rifiutare i vincoli europei e poter continuare a fare debito, cioè a stampare banconote false per cercare di comprarsi il consenso degli elettori. (I quali, alla fine, di certo incassano ma non è detto che ripaghino nell’urna…)

1.387 VISUALIZZAZIONI

75 risposte a “GOVERNA “LA BANDA DEGLI ONESTI””

Invia commento
  1. marco.com scrive:

    Parliamo degli anni 60’-70’ ?
    Parliamo dei tempi nei quali c’erano classi sociali molto piu’ visibili di adesso?
    Parliamo di quando lo studio era prerogativa dei ricchi?
    Vogliamo sempre vedere una sola faccia della medaglia?
    Come e’ possibile che a Verona sia ritenuto normale e goliardico sventolare la bandiera con la svastica?
    Ogni cosa e’ collegata

    1. Gatón scrive:

      Facendo seguito alla parte conclusiva dell’odierna edizione de “Il rosso e il nero”, ove i rappresentanti PD e sinistra auspicavano una riforma della scuola sostenendo che, comunque, tutto alla fine dipende dalla classe insegnante, mi viene da chiedere:
      Chi ha fatto l’ultima riforma, mi pare l’abbiano ottimisticamente chiamata “La buona scuola” ?
      La stragrande maggioranza dei docenti è di destra o di sinistra ?

      • Silvestro scrive:

        Ma tu sai cosa prevedeva la legge 107/2015 detta “la buona scuola”?.

        • Gatón scrive:

          Senza entrare nel dettaglio è una riforma del sistema nazionale di istruzione.
          Che lo stesso partito che ha emanato questa legge oggi mi venga a dire che la scuola ha bisogno di riforme mi pare una ammissione di fallimento.
          Magari la scuola va benissimo così, ma allora ditelo ai vostri rappresentanti che partecipano ai dibattiti televisivi.

          • Silvestro scrive:

            Senza entrare nel dettaglio la riforma prevedevamolti interventi tra cui l’autonomia dei dirigenti scolastici con il diritto di scegliersi i docenti più idonei, una valutazione qualitativa della loro attività e premi relativi. Ne Parlammo a suo tempo anche su questo blog.
            Un corpo docente che deve valutare gli studenti e rifiuta a sua volta di essere valutato è una autentica schifezza.

            La prima cosa che ha fatto questo governo è stata quella di cancellarla per prevederne un’altra scritta per ora solo sulla carta, cioè niente.
            Fu cosi con la riforma Brunetta (ci ricordiamo i tornelli all’ingresso dei Ministeri?); è stato cosi con la riforma Madia che prevedeva una maggior responsabilità di funzionari e dirigenti; sarà cosi anche con la riforma Bongiorno che prevede i controlli biometrici contro l’assenteismo.
            Si tratta di riforme che richiedono impegno e investimenti, necessitano di più tempo di quanto durano i Governi, e trovano sempre molti ostacoli perché avanzamenti retributivi e di carriera per anzianità sono meglio di qualsiasi valutazione su qualità e impegno sul lavoro.

            Quindi non è questione di destra o sinistra come la pensi tu.
            Quando si parla di riforma della pubblica amministrazione è sempre stato cosi.

            • Silvestro scrive:

              Tra vaghezze e contraddizioni sulla scuola, nel “contratto di governo” l’unico obiettivo chiaro (e ripetuto ben cinque volte) è l’abolizione delle legge 107/2015 ovvero “la buona scuola”.

            • Gatón scrive:

              Che qualcuno facente parte di questo governo abbia chiesto di cancellarla è vero, che l’abbiano fatto non mi risulta ancora.
              Quanto a destra o sinistra, la prima è sempre stata molto più meritocratica della seconda, che ha trasformato il diritto allo studio in diritto al titolo di studio.
              Che poi le riforme richiedano tempi che normalmente trascendono la vita di un governo è un dato di fatto, come lo è la pervicacia delle varie associazioni, direi quasi lobbies, nel mantenere e perpetuare assurdi privilegi di casta.

      1. Silvestro scrive:

        Si può già prendere in considerazione qualche risultato delle favolose promesse elettorali. COMINCIAMO CON “QUOTA 100”. Gli slogan premianti erano:
        “abolire la Fornero”
        “Nuove occupazioni: almeno due nuovi assunti ogni prepensionamento”
        “Pensione anticipata per quelli che si spaccano la schiena da una vita lavorando come muli”.

        RISULTATI: I prepensionamenti per il 2019 saranno circa 130mila contro 290mila previsti dal governo: meno della metà. Motivi possibili:
        >> la decurtazione della pensione per minori versamenti non é conveniente (che sbadati!! prima non l’avevano mai detto!!) .
        >> Incremento dei posti lavoro: vale proprio il contrario. Causa carenza di lavoro per gli imprenditori è una buona occasione per ridurre l’organico.
        >> In Pensione chi si spacca la schiena: NO
        — perché non ce ne sono, soprattutto nel pubblico impiego;
        — perché fruiscono già della clausola “lavoro usurante”.

        Naturalmente c’è già chi euforicamente parla di grande successo perché ci sarà un “risparmio” sulla spesa prevista. Ma anche questa è una balla perché:
        >> non ci sono risparmi su soldi che non hai;
        >> Abbiamo fatto grande casino per affrontare una spesa a debito che è stata già ribassata (Conte: abbiamo rifatto i conti), e che ora risulterà ancora più contenuta.
        >> Aumenta comunque il debito senza risolvere neanche nel breve, le tante aspettative.

        Ottimo come risultato della nostra immagine e credibilità a Bruxelles nei prossimi giorni.

        CUORICINI AI SEMPLICIOTTI DEL LIKE

        1. marco.com scrive:

          A proposito di islamici
          L’altro giorno sul monitor di frecciarossa e’ comparsa questa notizia: mammoudh in testa alla hit parade di Israele
          Se ricordiamo: la vittoria di Sanremo per qualcuno era un cedimento radical chic al pensiero unico (??!!!!) esponendo la nostra civilta’ occidentale all’annientamento da parte dell’islam

          Oggi il CNR ha presentato l’ennesimo studio dell’impatto sul territorio italiano dei cambiamenti in atto prodotti da cementificazione e dall’avanzamento della desertificazione

          Ma il futuro e’ messo a rischio dalle adozioni ……
          Ho letto di una proiezione di crescita demografica che dice che entro il secolo la popolazione africana superera’ i 4 miliardi

          In piena sintonia con forza nuova e similia , la preoccupazione e’ ripristinare la cultura di un secolo fa

          • martello carlo scrive:

            Mi risulta comunque che gli israeliani non siano molto teneri con gli arabi in genere; per certe degenerazioni di gusti musicali sono quindi scusabili.
            Se ti interessa, sull’accelerato delle ferrovie nord, tra VANZEGHELLO e TURBIGO, un frate mi ha informato che MAMMOUDH è primo anche nella hit VATICANA.

            Sulla sostenibilità della crescita demografica, hai ragione, ma allora i GAY PRIDE bisognerebbe organizzarli8 in AFRICA e mandarci la BONINO, altrimenti qui si va alla SOSTITUZIONE ETNICA il che potrebbe configurarsi come una specie di GENOCIDIO.
            Per fortuna che SALVINI c’è.

            Sono discorsi sufficientemente trogloditici e medioevali per te?

          • Gatón scrive:

            Il futuro è messo a rischio dall’esplosione demografica.
            Se per adozioni intendi quelle gay, per me quelle sono la vera bestemmia.
            Con tutte le coppie normali che aspettano da anni…

          1. Gatón scrive:

            O.T. Nella fase conclusiva dell’odierna edizione de “Il rosso e il nero”, parlando di adozioni da parte ci coppie omo, sinistra, conduttore e giornalista di TeleChiara hanno sostenuto che è sempre meglio di una coppia etero, io dico normale, che si sta separando.
            La domanda è: Ma le coppie gay o lesbo durano eternamente, non si separano mai ?

            • Gatón scrive:

              Ma perché tanta ostilità verso le adozioni da parte dei gay?

              «Perché quelle unioni sono intrinsecamente volubili. Come ho già detto, conosco molti amici gay che vivono in coppia. Ma sono scelte mature, ponderate. In età più giovane, ci si prende, ci si lascia con grande facilità: non c’è un legame di consacrazione e quindi si tende a svicolare. È un mondo incostante, insomma. Quanto di meno adatto per crescere un figlio che ha diritto ad essere nutrito e accudito non solo dal punto di vista materiale ma nei passaggi più delicati in cui si edifica un’esistenza. Un bambino ha diritto ad avere genitori autorevoli: e poi una rete di parentele fatta di nonni, di zii, di cugini. Con una coppia gay si rischia di creare un disagio. Certo, se ci mettiamo a minare anche un’istituzione fondamentale per la società come il matrimonio tra un uomo e una donna ci prepariamo un futuro veramente molto brutto».

              No è che un’opinione, ma è quella di Franco Zeffirelli.

            1. Silvestro scrive:

              I piagnistei, le lamentazioni, il dare sempre la colpa agli altri, a quelli che c’erano prima, altro che schiena dritta…. TUTTO FINITO!!!.
              Gli alleati, le popolazioni che si ribellano, che non si piegano alla prepotenza dei burocrati di Bruxelles eletti da nessuno: tutte puttanate smentite, tra l’altro, proprio dall’esito delle elezioni europee.

              Può darsi che l’infrazione per debito eccessivo, per ora non venga applicata.
              Ci sarà qualcuno che magari griderà ancora una volta alla vittoria, al recupero del rispetto, che l’Italia dopo lungo tempo ha mostrato i pugni, ha rialzato la testa.
              Questo illudendo ancora una volta quella fascia di cittadini ingenui che con i LIKE ed il “vinci Salvini” crede ci siano soluzioni semplici e indolori a problemi complessi.

              Ma è sbagliata la strategia, sbagliata la tattica, sbagliati i tempi e le alleanze o presunte tali.
              In realtà L’Italia dipende più di prima dalla benevolenza proprio di quegli Stati che i governanti italiani hanno lungamente maltrattato.

              CUORICINI AI “PRIMA NOI”

              • martello carlo scrive:

                Cos’è, ti è venuta la PAURA che dopo tanto terrorismo da mezzadria, scoppi solo un PETARDO?
                Comunque ” è sbagliata la strategia, sbagliata la tattica, sbagliati i tempi e le alleanze o presunte tali.
                In realtà L’Italia dipende più di prima dalla benevolenza proprio di quegli Stati che i governanti italiani hanno lungamente maltrattato.” mi sa tanto di EXCUSATIO NON PETITA.

                Quanti discorsi per il cacchio, quando le cose sono così semplici: come fanno le imprese ad investire in Italia con:
                - una giustizia che fa terrore anche solo per i tempi
                - una burocrazia paralizzante
                - una tassazione fuori dal mondo
                - uno stato fiscalmente canaglia come il LUSSEMBURGO come vicino di casa..

                Solo un governo ERMINI riuscirebbe a convincerle.

                QUAND’E’ CHE CAMBI UN PO’ REGISTRO? SEI DI UNA PROPAGANDA MONOTONA MORTALE.

                • Silvestro scrive:

                  Eh si brucia vero? Sentirsi restituire nei denti tutte narrazioni farlocche raccontate negli anni. E siamo solo all’inizio!!
                  Ma questo è il governo che ha preso un sacco di voti perché si è autodefinito il governo del cambiamento, perché ha promesso un cambio di passo, perchè “mai più col cappello in mano come Monti e Renzi”.
                  Ed è sostanzialmente questa la grande differenza con i governi precedenti.
                  Perché sono tutti bravi a distribuire soldi facendo debito e poi lamentarsi dello spread come fai tu.

                  • martello carlo scrive:

                    Mai che tu risponda a tono, cioè alla ricerca di soluzioni per me per te per tutti, e poi parli di propaganda degli altri, ma quando si parla di giustizia, altro che BRUCIORI

                    Intanto:
                    “A Bruxelles vincono i falchi, ma la Spagna adesso dice basta ”
                    DA ” EL MUNDO “:” “La Spagna è ferma: o uno strumento europeo stabilizzatore e anticiclico oppure nulla”: Se non c’è alcuna componente di stabilizzazione nel bilancio della zona euro, DOVREMO ABBANDONARLA DEL TUTTO”.

                    La Spagna ha già espresso una sorta di ultimatum, l’Italia potrebbe farlo qualora si palesi concretamente la procedura d’infrazione. Gli Stati del sud Europa si stanno forse predisponendo per una silenziosa, ma ordinata uscita dall’euro?

                    https://it.insideover.com/economia/bruxelles-falchi-spagna-euro.html?utm_source=ilGiornale&utm_medium=article&utm_campaign=article_redirect.

                    Vediamo cosa ci riporta SALVINI dagli USA.

                    • Silvestro scrive:

                      Sulla giustizia ho già risposto ampiamente (SAI LEGGERE?)
                      TUTTI INNOCENTI FINO A SENTENZA DEFINITIVA. (SALVINI DOCET)
                      Poi c’è chi si dimette, chi è costretto a dimettersi, chi si sospende autonomamente.
                      C’è il partito che difende sempre e comunque i propri eletti, che addirittura li fa confermare in Parlamento anche se già condannati e il partito che ne prende le distanze.
                      Ti ho già chiesto “vuoi qualche esempio”? Tu mi hai risposto “lascia perdere”.
                      Nella vasto assortimento di promesse della Lega, peraltro, non ho mai sentito impegni per risolvere la piaga dei POLITICI LADRI. Ma forse è una svista.

                      La soluzioni sono quelle indicate anche da te: giustizia, burocrazia, riduzioni fiscali, revisione delle regole europee. etc.
                      TUTTE PERO’ DA FARSI CON I VINCOLI CHE SONO IN VIGORE OGGI.
                      Ma non facciamo troppo casino: con giustizia e burocrazia L’Europa non c’entra.
                      MA L’EUROPA NON C’ENTRA NEANCHE CON LO SPREAD.

              1. Silvestro scrive:

                “..non può succedere che un popolo debba sopportare al potere dei venduti…”
                i fanatici di Salvini parlano in fotocopia del loro Capitano.

                Ma allora cerchiamo di essere esaurienti.
                Il popolo non può sopportare nemmeno la Merkel, l’Euro, le regole europee, i burocrati di Bruxelles, i giornalisti incivili, i grandi speculatori internazionali, il debito eccessivo, lo spread (“aaah” questo spread), le cospirazioni di Soros, la mancanza lavoro, le tasse eccessive, le infinite lungaggini burocratiche, le grandi multinazionali, i professoroni, bankitalia, FMI, OCSE, etc.
                Tutti a complottare contro l’Italia, tutti a congiurare per ridurre in schiavitù il popolo italiano, tramare per anni contro di noi, avere una Italia succube di qualcuno, addirittura “una Italia che fa la parte del frocio che ci mette il culo”.

                Salvini però è stato eletto per risolvere, ha girato il lungo e in largo l’Italia per anni promettendo la fine di questa sudditanza vergognosa.
                Ora il tempo delle chiacchiere è finito. Dopo tutto quello che è stato detto, il “LASCIATECI LAVORARE” non è più sufficiente. Ci chiedono fatti, che però devono essere convincenti non per gli italiani ma per quelle figure internazionali contro cui il grande stratega leghista si è scagliato con ogni insolenza.

                BACIONI AI SOSTENITORI DEL “PADRONI A CASA NOSTRA”.

                • martello carlo scrive:

                  Mandiamo LOTTI e PALAMARRA a BRUXULLES: di sicuro riuscirebbero ad evitare convincere MOSCOVICCI a condonarci la PROCEDURINA DI INFRAZIONCINA, mettendo a capo di un governo di emergenza ERMINI o CRISCIUOLI.

                  PS: le prime 4 righe di ” allora cerchiamo di essere esaurienti.” sono condivisibilissime, anzi incontestabili: potrebbe essere un ottimo punto di partenza per ZAZA e un PD autenticamente di sinistra.

                1. marco.com scrive:

                  I bitcoin sono solo nella tua testa, accomodati pure
                  Non sai ribattere al semplice fatto che le politiche economiche di questo governo sono controproducenti e allora parli di altro

                  • martello carlo scrive:

                    La politica del governo!!! Ma quale governo e governo: prima delle elezioni 2018 sostenevo su questo blog che andare a votare con questa magistratura era perfettamente inutile, ED ECCOCI QUA.
                    Non ti ho sentito dire una parola sullo scandalo CSM e di tutto il resto, il che denota un grave DEFICIT DI CIVILTA’ da parte3 tua.
                    Ah, già, ma l’unica giustizia che tu riconosci è quella del PAMPERO.
                    Quando ribatto, anzi SPIEGO, non mi rivolgo a te: da buon ectoplasma non sei in grado di capire le ottime ragioni di noi poveri mortali.

                  1. martello carlo scrive:

                    @ marco.com 15 giugno 2019 alle 18:03

                    Non seguirmi nei voli pindarici: tra multi nick e leggende finanziarie, tra BITCOIN, BAHAMAS e CINA di voli ne hai già fatti molti da solo. :-D

                    1. martello carlo scrive:

                      ZEFFIRELLI NON C’E’ OIU’ anche se c’è stato POCO in passato: anticomunista, cattolico, così la critica ( sinistra ) lo snobbò.
                      Non ci resta che piangere con NANE MORETTI, l’artista dell’ARCI GAY e quel porta sfiga di SAVIANO, i MEZZADRI di CANNES.

                      1. Silvestro scrive:

                        GATON (14 giugno 2019 alle 19:08): con le tue considerazioni sei in forte ritardo. Qui non c’è qualcuno che “vuol far fare all’Italia…”, c’è qualcuno che lo sta già facendo. E’ cominciato con le promesse elettorali irrealizzabili, è proseguito con la legge di bilancio del dicembre 2018 e proseguirà nei prossimi mesi. Se la vuoi metterla sul piano sessuale si può dire che qualcuno gridando al mondo per anni che ce l’ha duro, poi è finito col prenderselo nel culo. Potrebbe essere un culattone a sua insaputa.

                        MARTELLO (14 giugno 2019 alle 17:04): Beh! Il nervosismo è comprensibile. Si scontrano miseramente con la realtà anni di affermazioni boriose e spregiudicate, che hanno illuso milioni di cittadini.
                        IL momento delle chiacchiere è finito, ora ci vogliono i fatti, e non serviranno gli appelli ai santi, alla madonna e nemmeno i baci al crocifisso. IL MONITORAGGIO FEROCE E PUNTIGLIOSO E’ PROPRIO IL CONTRAPPESO DI TUTTE LE BALLE RACCONTATE.
                        Lo Spread? Non è una novità. Lo decide chi i soldi te li presta; alla faccia del “prima noi”, “padroni a casa nostra” etc. Se non te ne sei accorto Savona nel suo discorso da neo-Presidente CONSOB sta già ipotecando i nostri risparmi: sarai contento.

                        GIUSTIZIA: anche qui la memoria è breve è piuttosto lacunosa.
                        “Un cittadino è innocente fino a sentenza definitiva” sono le parole di Salvini di qualche giorno fa. Ma ho già chiesto se queste affermazioni valgono per tutti o solo quando fanno comodo.

                        https://video.repubblica.it/politica/fuga-di-notizie-salvini-pubblicazione-intercettazioni-fatto-indegno-di-un-paese-civile/337243/337840

                        Anche in questo Salvini sbaglia perché i giornalisti fanno il loro mestiere e non puoi pretendere che gli scoop si facciano solo attraverso i social.
                        C’è indubbiamente un problema diffuso di moralità che viene prima della giustizia e che riguarda l’opportunità politica. Non c’è differenza tra schieramenti politici ma interessa più la dignità personale.
                        C’è però una grande differenza dei partiti sull’atteggiamento nei confronti dei propri esponenti indagati / giudicati. Se vuoi qualche nome, qualche raffronto, ho solo l’imbarazzo della scelta.

                        • martello carlo scrive:

                          Lascia perdere gli esempi: ti sei mai chiesto perché gli italiani ce l’hanno tanto con voi? Per averci rovinato con politiche economiche sbagliate? Per essere dei MEZZADRI della MERKEL o dei MONSIEUR LE PRESIDENT di turno??
                          Nooo; può succedere che un popolo debba sopportare al potere dei venduti, ma il fatto che vi siano arrivati per tresche giudiziarie, è INSOPPORTABILE.
                          Il governo giallo verde sta in piedi per merito o colpa vostra: i giustizialisti perché vogliono la giustizia ” giusta ” che per loro è quella del terrore e i leghisti perché, checché ne dica SALVINI, sono stufi di essere giustiziati da magistrati che agiscono politicamente al di fuori della costituzione e delle leggi.
                          Gli italiani lo hanno capito, ed è STORIA, come hanno capito che è giunta l’ora di mettere finalmente una mano, ma pesante, sullo strapotere incontrollato e deviato della magistratura: questa è il compitino da fare, anzi la rivoluzione democratica da fare, altro che PROCEDURINA DI INFRAZIONCINA ITALIOFOBA.
                          Nel frattempo voi continuate a fare i MENARROSTI MEZZADRI, tanto non sapete fare altro, da bravi proletari da emancipare, perché al di là del radical chic, questo siete rimasti.

                          BACIONI ZINGARESCHI/SOROSKALERGIANI… e LIKE LIKE LIKE LOTTOMATICI

                        • Gatón scrive:

                          Che lo stiano facendo è pacifico.
                          Da definire chi e da quando.

                          • marco.com scrive:

                            Povero micino. Cosa ti hanno fatto quei cattivoni?
                            Raccontacelo qui che ti aiutiamo

                            • Gatón scrive:

                              Quante volte figliolo ?

                            • martello carlo scrive:

                              Mi sembrava che non ce la raccontasse giusta, PADRE: Lei è dei CISTERCENSI per caso?

                              • marco.com scrive:

                                Frate cappuccino.
                                Viviamo dei lasciti che ci fanno coloro che hanno accumulato ricchezze durante la vita terrena in cambio di serenità e custodiamo i capitali con grande oculatezza (vedi Irlanda)
                                Lei e’ certamente il piu’ ricco del blog, un imprenditore audace, un amministratore capace un osservatore politico arguto.
                                Quando ci invita tutti ad una cena di prestigio in qualche villa in Valpolicella?

                        1. marco.com scrive:

                          E frignano
                          E abbaiano
                          E frignano
                          E abbaiano

                          Chi continua a criticare UE ed euro, avesse il coraggio di farlo
                          Ma quale coraggio
                          Meglio la campagna elettorale permanente

                          1. martello carlo scrive:

                            Sto aspettando con ansia dopo tanti BACIONI SALVINIANI, tanti LIKE LIKE LIKE, la risposta di SILVESTRUCCIO NOSTRO adoratore di DOMBROVKISS e MOSCOVICCI, ma temo che ancora una volta quando si parla di interferenze della magistratura in politica, specie quando vi è coinvolto ( eufemisticamente ) mezzo PD, il CSM, L’ANM con sfumature QUIRINALESCHE, faccia MURO, ma muro di GOMMA.

                            A margine della questione, osservo che molti sinistri ( o similari ) idolatri dell’EURO e dell’UE gli attribuiscono 70 di pace nel continente.
                            Questi MENARROSTI credono ancora che la GERMANIA, la FRANCIA, la SPAGNA, vogliano che l’ITALIA esca dalla crisi e non si accorgono che sullo spiedo c’è il nostro paese mentre i commensali summenzionati stanno aspettando che l’arrosto arrivi al giusto punto di cottura.
                            E questa sarebbe la pace tanto decantata? Certo non ci sono cannoni, missili, carri armati, ma c’è una FEROCE GUERRA FINANZIARIA di cui la GRECIA rappresenta la prima conquista, la prima vittima.

                            BACIONI ZINGARESCHI/SOROSKALERGIANI… e LIKE LIKE LIKE LOTTOMATICI.

                            1. Silvestro scrive:

                              Per chiudere il discorso sul MASOCHISMO, c’è una frase di FREUD che sintetizza bene l’atteggiamento:
                              “SE C’E’ LA POSSIBILITA’ DI PRENDERE UNO SBERLONE, IL MASOCHISTA CI METTE LA FACCIA”.
                              Ovviamente si può discutere a lungo, ma qualunque spiegazione, per lo schiaffeggiato non è certo prestigioso, soprattutto se non si tratta di un singolo peisodio.

                              Ma sulla via di Damasco, colgo anche una folgorante “conversione” affiancata da una “via crucis verso il martirio, che sarà ATROCE…”.
                              Andrà accertato quanto l’affermazione sia sincera e quanto voltagabbana di convenienza o paraculo per azzerare e dimenticare quanto affermato e urlato da anni a questa parte.
                              CI SARA UN MONITORAGGIO CONTINUO E FEROCE, PERCHE’ LE “PERLE DI SAGGEZZA”, RILASCIATE A PROFUSIONE IN QUESTI ANNI SONO VERAMENTE NUMEROSE.

                              • Gatón scrive:

                                Più che la parte del masochista che ci mette la faccia, qualcuno vuol far fare all’Italia la parte del frocio che ci mette il culo.

                              • martello carlo scrive:

                                IL MONITORAGGIO FEROCE FALLO AI TUOI KOMPAGNI ALLA LOTTI CHE HANNO DISTORTO E DISTRUTTO LE SORTI DEMOCRATICHE DEL PAESE.
                                Ormai hai rotto le scatole col tuo perbenismo golpista che perdura da quando avete distrutto la prima repubblica con una tangentopoli che avrebbe consegnato il paese al partito KOMUNISTA e alla sua ” GIOIOSA MACCHINA DA GUERRA “.
                                Solo il SECONDO MIRACOLO ITALIANO, DEL POPOLO ITALIANO, ci aveva momentaneamente salvato, ma poi sappiamo com’è andata: COME ERA SCRITTO.
                                La gestione dell’ingresso nell’EURO con lo smembramento e privatizzazione dell’IRI che ci perseguita tuttora, le persecuzioni giudiziarie, golpe a ripetizione, fino al GOLPE DELLO SPREAD, la LIBIA di SARKOZY e di NAPOLITANO, il governo della TRIMURTI EUROPEA, l’invasione di profughi africani cui GHEDDAFI dava lavoro……
                                ED ECCOCI QUI, DI NUOVO CON ‘STO CAZZO DI SPRED, NONOSTANTE DA 20 ANNI ABBIAMO UN AVANZO PRIMARIO UNICO IN EUROPA DERIVANTI DA COMPITI E COMPITINI DEL KAISER, RIFORME DISTRUTTIVE, QUANDO L’UNICA RIFORMA CHE AVREBBE DOVUTO IMPORCI L’EUROPA ERA QUELLA DELLA

                                ……………………………………GIUSTIZIA!!!!!!!…………………………………………………………….

                                E ancora hai il coraggio di predicare: IL MONITORAGGIO FEROCE….. MA VAI A QUEL PAESE.
                                NON CI RESTA CHE RIDERE PER NON PIANGERE.

                              1. marco.com scrive:

                                Secondo il salvino-felpino Quota 100 avrebbe generato 3 nuovi posti di lavoro.
                                Secondo lona-martello i nuovi posti di lavoro non sono arrivati per colpa dei burocrati di bruxelles che vogliono boicottare la schiena dritta del governo italiano

                                Secondo dimaio il rdc avrebbe rilanciato l’economia oltre che risolvere il problema della poverta’
                                Secondo lona-martello cio’ non e’ avvenuto per colpa della finanza internazionale che teme la politica nazional-comunista del governo italiano
                                E’ tutta colpa di soros magistrati rossi merkel macron junker moscovici e del pd naturalmente che agitano l’aria con il
                                del debito pubblico

                                Ah, ma quanto ci piacciono le sceneggiate della campagna elettorale

                                • martello carlo scrive:

                                  Quando ti si toccano FRANCESCO, e i tuoi adorati MOSCOVICCI e SOROSS, superi te stesso in minchiate, con fake news sul sottoscritto.
                                  Comunque, senza contestarti nel merito, il che sarebbe ELEMENTARE, io in questo momento sto seguendo, da convertito, non la sceneggiata, ma la mia via crucis verso il martirio, che sarà ATROCE se inflitto dalla CRICCA INDIAVOLATA dei paesi lecca…lecca che seguono la GERMANIA verso il 3° conflitto mondiale.
                                  L’ITALIA non è la GRECIA.
                                  Alla fine però dovranno pagare tutti i danni, senza sconto alcuno, specie il LUSSEMBURGO che dovrà sparire dalla faccia della terra a mo’ di DUMPING FISCALE.

                                1. Marco.com scrive:

                                  Patrimoniale per martello?
                                  Minibot a martello
                                  Confisca delle cassette di sicurezza di martello
                                  Salviamo il pil

                                  1. Silvestro scrive:

                                    Archiviata rapidamente la grande idea dei MINIBOT, subito sul piatto c’è una nuova grande trovata: tassa sulle cassette di sicurezza.

                                    In pratica chi ha dei valori in cassette di sicurezza, i cui contenuti non sono noti nemmeno alle stesse banche, dovrebbe autodenunciare i suoi contenuti (altrimenti diventa una patrimoniale), e pagarci una tassa per poter utilizzare i contenuti alla luce del sole. Naturalmente:
                                    >> si parla di denaro ma ci possono essere pietre preziose, gioielli, ninnoli di valore a vario titolo, lingotti d’oro cui non si fa cenno.
                                    >> Si tratta di soldi, ma si sorvola sulla sua provenienza, utilizzabili per qualsiasi tipo di iniziativa più o meno riservata / legale.
                                    >> Si tratta di liquidità, che proprio perché nascosta e infruttifera, non è certamente destinata ad uso frequente.
                                    Non vedo in pratica quale sia la convenienza dei titolari nel denunciarli.

                                    Poi c’è una questione di metodo. Se alla mattina mi invento qualcosa non vado subito tetto di casa, per farne un annuncio su FB, salvo poi abbandonare tutto perché non si può fare, è controproducente, difficile da realizzare, o altro. Un governo che si rispetti, con queste maggioranze, si mette attorno ad un tavolo, prepara in dettaglio l’iniziativa e poi quando è pronta al 90% la annuncia e la applica. Non fa la vittima perché ad ogni nuova idea sono tutti contrari. Non siamo più all’asilo.

                                    Siamo veramente alle comiche. Qui non si tratta di intelligenza o creatività. Siamo al punto in cui non sanno più cosa inventarsi per evitare uno scontro frontale con Bruxelles. Che poi, ricordiamolo, sono quelli ai quali si urlava “io me ne frego”, “io tiro avanti”, “tanti nemici tanto onore”, ubriaconi ed altro.

                                    BACIONI SALVINIANI.

                                    • martello carlo scrive:

                                      Può darsi che qualcuno lo cerchi sul serio lo scontro, magari che ci porti ad un bel un bel ” NO DEAL ” come si sta pensando in GB: non sarebbe male qualora l’europa continuasse a sodomizzarci.

                                      P.S. non ti piacerebbe scovare nelle cassette di sicurezza i 49 fantomatici milioni della LEGA?

                                      • Silvestro scrive:

                                        Chissà perché, leggendoti, mi viene subito in mente il “masochismo”, “masochismo sociale” ovviamente.
                                        Sorvolerei sull’aspetto erotico/sessuale, troppo personale per essere generalizzato.

                                        Ma se il termine “MASOCHISMO” si interpreta come l’illusione di un predicatore, che enfatizzando i sentimenti più ingenui di una comunità, considera come il dolore e la sottomissione alle volontà altrui sia preferibile all’impegno per uscire da una condizione di dipendenza e sudditanza esterna, direi che la diagnosi è perfetta.

                                        BACIONI DAL SANTONE.

                                        • martello carlo scrive:

                                          Più che da SALVINI, che è un SOVRANISTA, quindi l’esatto contrario del masochista, il quale si lega molto a un carattere servile, sono stato fulminato dalla visione FRANCESCANA del martirio da ricercare come supremo atto di fede, da invidiosi dei martiri al tritolo islamici. E proprio qui si esplica il massimo del MASOCHISMO: il nostro paradiso è molto più monotono: non si vede un culetto di URI neanche a pagarlo con l’intero debito pubblico italiano.

                                          Se proprio vuoi ragionare in termini laici, possiamo tranquillamente affermare che quanto a masochismo forse ci siamo semplicemente adeguati a MONTI, e successori compagni tuoi.

                                    1. marco.com scrive:

                                      E quindi?
                                      La grande risposta e’ : meglio la brace della padella.

                                      C’e’ una sola costante: il salvino sa fare solo una cosa: campagna elettorale.
                                      Osservate bene: adesso che non ci sono elezioni di rilievo in vista, come fa il salvino a stare lontano dai bagni di folla.
                                      Quella del salvino e’ chiaramente una dipendenza psichica acquisita
                                      Ma se il popolo e’ contento , va bene cosi’
                                      Meglio poveri e felici che moderatamente benestanti ma infelici e incazzati

                                      • martello carlo scrive:

                                        …. e quindi stiamo a vedere cosa succede. Il divertimento, la suspense sono al massimo: sembra di essere agli EUROPEI di CALCIO, anzi ai MONDIALI di CALCIO, visto che anche TRUMP più di qualche calcio lo sta tirando.

                                      1. Gatón scrive:

                                        Mai titolo di topic così azzeccato.
                                        I concittadini di Giggino sono già pronti a stampare i miniBot, che sarebbero in tutto e per tutto identici a quelli del Poligrafico dello Stato.
                                        Una sola.

                                        1. martello carlo scrive:

                                          E QUINDI?
                                          E quindi siamo stati presi per i fondelli: il PIL non è cresciuto, il debito è aumentato, DRAGHI è finito, e con lui il Q.E , il paese è pieno di gente spostata e aliena, senza casa, incattivita e perciò ci ritroviamo con questo ” governo “, il tutto seguendo il magnifico PIANO dell’austerità dettato a MONTI & KOMPAGNI che assomiglia sempre più al PIANO KALERGI dove niente ha più valore né identità né giustizia.
                                          Una landa desolata costretta a tentare un ultimo sussulto di speranza stampando carta straccia. La cosa assurda è che servirebbe a restare nella GABBIA. Chissà, se questa UE ci dirà di no, se PROCEDURERA’, potrebbe darsi che sia la fine di questa Europa lontanissima dai suoi iniziali ideali.
                                          Purtroppo non siamo soli pieni di debitucci, e ad essere stufi di questa grigia austertà tedesca, al contrario di quanto vogliono farci credere i SERVI ILLUMINATI di casa nostra. La SPAGNA soprattutto, ma anche altri potrebbero dannarci a restare in questa gabbia infernale. Speriamo solo che non venga delegato tutto a quella foglia d’autunno che risponde al nome di CONTE.

                                          1. martello carlo scrive:

                                            Ieri JUNCKER deve avere avuto un altro dei suoi momenti di Brillantezza: ha detto che l’UE avendola data ( 30 MLD ) tutta negli anni scorsi la FLESSIBILITA’ E’ FINITA
                                            Non ricordo bene chi fosse al governo: LETTA? RENZI? GENTILONI? O forse è solo una scusa per non scucire un € ai giallo verdi?
                                            PADOAN conferma che è vero e dice che ne abbiamo le prove tangibili: 700000 immigrati. :-( :-(

                                            • Marco.com scrive:

                                              E quindi?

                                              • Marco.com scrive:

                                                Naturalmente io sono un ‘collaborazionista’ se dico che junker e’ il termometro e il nostro governo (?) e’ la febbre
                                                Naturalmente sono anti-italiano mentre capezzone e’ un italiano vero
                                                Conte dice una cosa
                                                Salvini ne dice un’altra
                                                Da bruxelles possono pensare che siamo matti?
                                                Temo proprio che abbiano ragione
                                                Quelli di bruxelles
                                                Salvini ha i voti, agisca

                                            1. Marco.com scrive:

                                              Ma salvini ha preso un colpo di sole o di caldo?
                                              Minibot, cassette di sicurezza ?

                                              Ma dove cazzo siamo finiti?

                                              1. Lona scrive:

                                                La solita….sbrodolata ……europeista.
                                                Per di piú senza spiegazione.

                                                1. Silvestro scrive:

                                                  11/06/19 – MINIBOT O PATACON

                                                  Sono dichiaratamente “pezzi di carta” del valore stabilito dallo Stato con un rimborso non definito e privo di interessi.
                                                  L’obiettivo sarebbe di quello di rendere spendibili da subito crediti che lo stato non riesce a rimborsare. In pratica si vorrebbe spendere più soldi che sono comunque debiti, senza aumentare il deficit (definizione di Garavaglia).

                                                  Basterebbe dire che NON è previsto dai trattati internazionali sull’euro e chiuderla qui.
                                                  Ma sempre nello spirito di approfondire un argomento che può risultare complesso, sorvoliamo su questo, e sorvoliamo anche su tutti gli aspetti legali, fiscali e finanziari che la soluzione comporterebbe.

                                                  Semplice esempio: Un imprenditore vanta crediti di imposta dallo Stato per decine di migliaia di euro. Questo (finalmente) viene rimborsato con minibot e come indicato, li usa, tra l’altro, per pagare contributi previdenziali dei dipendenti. L’INPS si troverà quindi a disposizione miliardi di minibot anziché di euro. Quindi pagherà le pensioni con i minibot?, ed a cascata i pensionati li useranno nel supermercato, e nei negozi?
                                                  Siamo sicuri che tutti gli artigiani commercianti, ed imprenditori leghisti saranno soddisfatti di questa figata?

                                                  Ma se, come segnalato all’inizio, l’obiettivo dei minibot è spendere senza fare debito e poi si insiste sulla flat-tax da realizzare totalmente in defircit, agli occhi esterni risulterà una una buffonata a quelli interni una presa per il culo.

                                                  BACIONI SALVINIANI.

                                                  1. martello carlo scrive:

                                                    POLITICHE DI EUROEGOISMO: l’ex ministro degli esteri tedesco JOSECHKA FISCHER definisce DEVASTANTE la politica tedesca della MERKEL e SCHAUEUBLE per i paesi del SUD EUROPA dell’ “OGNUNO PER SE’ ” antesignana dell’” AMERICA FIRST ” tanto criticata.
                                                    Tale politica ”  ha imposto ai Paesi del Sud Europa una deflazione dei salari e dei prezzi impossibile da superare con il peso del rigore; alla trappola della spirale dei debiti, che condanna questi Paesi a non uscire dalla crisi con il pretesto del risanamento dei conti. Fischer, in definitiva, accusa la Germania della signora Merkel e della sua grande coalizione di «euroegoismo» e di avere la memoria troppo corta. «Se la Bce non avesse seguito le decisioni di Draghi ma le obiezioni dei tedeschi a quest’ora l’euro non esisterebbe più. ” Riccardo Barlaam – Il Sole 24 Ore ”
                                                    L’EGOISMO TEDESCO dimentica la conferenza di LONDRA del’53 , in cui 23 paesi ( tra cui ITALIA E GRECIA ), ridussero del 50% i debiti tedeschi di 2 guerre mondiali, dilazionandoli in 30 anni e il pagamento del restante 50% dopo la eventuale riunificazione.
                                                    Nel ’90 KOHL SI OPPOSE AL PAGAMENTO E ANCORA UNA VOLTA ITALIA E GRECIA RINUNCIARONO A PRETENDERE IL DOVUTO.

                                                    https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-10-14/la-merkel-ha-dimenticato-quando-l-europa-dimezzo-debiti-guerra-germania-151827.shtml?refresh_ce=1

                                                    Ora sentir recriminare sulle origini del debito italiano, sugli errori ( effettivamente ) compiuti ( nel mentre da 20 anni abbiamo un AVANZO PRIMARIO maggiore di tutti i paesi europei ) e vedere la GERMANIA farsi ALFIERE della guerra contro il debito italiano, non consentirci di cambiare rotta rispetto alla rotta del RIGORE da lei imposta che ha comportato sacrifici enormi e contemporaneo aumento il debito stesso, francamente fa girare gli ZEBEDEI, visto anche la fine che ha fatto fare alla GRECIA, fine che lo stesso JUNCKER in un momento di brillantezza alcoolica ha bellamente ammesso come un ERRORE.
                                                    E’ quindi ora di cambiare rotta: basta austerità, la BCE continui a fare il lavoro che ha fatto DRAGHI in modo da garantire il debito ( di tutti ) per aver la possibilità di ridurre l’imposizione su imprese e persone fisiche. favorendo una ripresa sana al riparo di quello schifo che è il DUMPING FISCALE che molti paesotti europei (COMPRESO IL LUSSEMBURGO DI JUNCKER ) applicano impunemente ,.
                                                    E’ ora di finirla pure col debito eccessivo dell’Italia , come se FRANCIA, SPAGNA e molti altri paesi non l’avessero.
                                                    A questo punto c’è qualcuno che ha stabilito quale è il livello che lo definisce tale? A quanto mi risulta , nessun paese ha raggiunto i livelli stabiliti dal FISCAL COMPACT e allora DI CHE CA..O SI PARLA A BRUXELLES?
                                                    QUALCUNO VUOLE IMPADRONIRSI DELL’ITALIA COME HA GIA’FATTO CON LA GRECIA, QUESTA E’ LA VERITA’
                                                    A QUESTO PUNTO MI SONO RIDOTTO A PENSARE CHE SIA MEGLIO ABBANDONALE QUIELLA CORAZZATA EUROPEA CHE SI PIO’ ORMAI BATTEZZARE BISMARK, PRIMA CHE AFFONDI, COME EFFETTIVAMENTE HA FATTO: CORSI E RICORSI STORICI.

                                                    1. Lona scrive:

                                                      No Silvestro non puoi essere d accordo con la mia ….sbrodolata…..per il semplice fatto che a te questa gabbia piace…eccome se piace……tanto da viverci comodamente. Beato te. Le tue domandine lasciano il tempo che trovano…..anche perché dibattete se la gabbia è comoda o meno non seve a NULLA.
                                                      TEMPO PERSO.

                                                      • Silvestro scrive:

                                                        I miei interventi,, i tuoi, quelli di Zwirner e di tutti gli altri, lasciano sempre il tempo che trovano. Ma questo non impedisce di approfondire, a me di porre domande e a te di dare risposte. Se poi le risposte non le hai allora parliamo di “gabbie”.

                                                        A me non piace la “gabbia” che si sta delineando per il prossimo anno. Io so di cosa parlo e tu?

                                                        Salvini sostiene “Io ho 60 milioni di figli, se gli italiani hanno fame devo dargli da mangiare”. Ma quanti sono quelli che a queste condizioni preferirebbero essere orfani!!
                                                        BACIONI SALVINIANI.

                                                      1. Lona scrive:

                                                        Sento un brusio di fondo di chi non capisce cosa è il debito pubblico o non vuol capire come funziona….

                                                        Riporto alcune considerazioni fatta da un noto giornalista ex MMT per di piú di area sinistra…..ma forse l unico di sinistra senza le famose fette di salame….buona lettura

                                                        DEBITO POSITIVO, DEBITO NEGATIVO. LA DIFFERENZA. (Mosler Economics MMT)

                                                         

                                                        Se la politica capisse cos’è veramente il Debito Pubblico, nessuno in Italia, così come in alcun Paese europeo oggi, parlerebbe di crisi. Ma poiché la politica non sa (e in alcuni casi non vuole) capirlo, tocca a noi cittadini e imprenditori informarci, e salvarci di conseguenza. Sapete bene che il reale governo italiano risiede nelle istituzioni dell’Eurozona, che decidono tutto ciò che conta nelle nostre vite di cittadini e aziende. Costoro ci dicono da anni che il Debito Pubblico va sempre contenuto, perché è la causa di ogni possibile male economico. A tale scopo hanno imposto ai diciotto membri della zona euro le Austerità, cioè tagli selvaggi a tutto ciò che è spesa dello Stato, il cosiddetto ‘risanamento’ dei conti. Ma i risultati non ci sono, anzi: in nessuno dei diciotto si è vista una riduzione di Debito, e peggio, le relative economie sono tutte in calo, includendo Belgio, Finlandia, Olanda e anche Germania, non solo noi ‘spendaccioni’ del sud Europa, dati Eurostat alla mano. E allora ecco la domanda: cos’è che non funziona?

                                                        E’ semplice. Primo punto: il Debito Pubblico non è pubblico. Quando uno Stato spende o emette un titolo, esso accredita conti correnti di cittadini e aziende (noi, il cosiddetto ‘pubblico’). Quella spesa è debito di Stato, ma è il credito di tutti gli altri, cioè noi, il ‘pubblico’. Non può essere contemporaneamente debito per tutti e due. Nessuno di noi dovrà ripagarlo. Nessuna impresa privata che lavora per lo Stato dovrà restituire quel fatturato, così come nessun risparmiatore dovrà ripagare i BOT che ha in portafoglio. Di nuovo: la spesa di Stato è debito del governo, ma credito per tutti noi.

                                                        Secondo punto: il Debito dello Stato può essere fruttuoso, o, al contrario, dannoso per l’economia. Ed è qui l’errore catastrofico della politica di Bruxelles, cioè il condannare il Debito di per sé, sempre, e sempre pretendere che esso venga ridotto. Innanzi tutto, ribadendo che il Debito di Stato è il credito di cittadini e aziende, ridurlo significa automaticamente impoverirci. Poi, di nuovo, vanno distinti i due tipi di Debito. Se lo Stato investe in un programma di piena occupazione, in infrastrutture e tecnologie per le imprese, in ricerca, se impone il costo del denaro a tasso quasi zero, o addirittura fra credito agevolato in settori vitali per le imprese e le famiglie, la ricchezza del Paese cresce (il PIL), e parlo della ricchezza di cittadini e aziende. La crescita del PIL non solo rilancia i consumi e i fatturati, ma rientra sempre nelle ‘casse’ dello Stato e finisce poi col mantenere il Debito stabile. Questo è il Debito Positivo.

                                                        Se, come invece pretendono le Austerità di Bruxelles, viene impedito al governo di usare il Debito in quel modo virtuoso, l’economia collassa, il PIL cala e in questo modo la proporzione del Debito su PIL appare maggiorata. E peggio: il governo è poi costretto a spendere montagne di denaro per ‘tappare i buchi’ causati proprio dalle Austerità, come la cassa integrazione, come i salvataggi delle banche travolte dai prestiti emessi ma ora inesigibili, come l’aumento delle spese per la povertà sociale, e come le ‘punizioni’ che i mercati c’infliggono alzandoci i tassi d’interesse proprio a causa della crisi innescata dalle Austerità stesse. Questa è tutta spesa a Debito Negativo, perché non produce nulla, non aumenta né PIL né fatturati né redditi, e fa crescere precisamente il volume del Debito. Un paradosso micidiale, che sta devastando le nostre vite, ma che la politica italiana, totalmente serva del Potere europeo, non vuole capire, tanto meno rimediare.

                                                        Esiste un Debito di Stato non solo positivo, ma vitale per noi cittadini e aziende. Non possiamo fare senza oggi.

                                                        • Silvestro scrive:

                                                          Bravo LONA sono abbastanza d’accordo con le tue citazioni.

                                                          MA TU HAI LETTO BENE QUELLO CHE ESPONI CON IL COPIA-INCOLLA; HAI CAPITO IL SIGNIFICATO DI QUELLE CONSIDERAZIONI?

                                                          “Se lo Stato investe in un programma di piena occupazione, in infrastrutture e tecnologie per le imprese, in ricerca, se impone il costo del denaro a tasso quasi zero…”

                                                          >>>Dopo un anno di Governo giallo verde ti risulta questo?
                                                          >>>Hai per caso sotto mano un preciso piano di investimenti in infrastrutture, tecnologie, ricerca, mentre il costo del denaro ancora oggi è molto basso?
                                                          >>>TI risulta che il Governo abbia presentato una visione chiara dettagliata dei suoi piani di intervento nel Paese?
                                                          >>>Sei forse convinto che i vari Ministri siano determinati e coesi nelle scelte che fanno?
                                                          >>>Sei assolutamente certo che in aggiunta a questo, l’atteggiamento rissoso e provocatorio nei confronti di chi ci finanzia sia quello più adatto per meritare credibilità e fiducia?

                                                          Attendo con curiosità, ma le tue risposte non le sbrodolate di altri.

                                                        1. The preacher scrive:

                                                          Ma infatti, il reddito di cittadinanza, oltre a ridare dignità a chi l’ha persa, è un evidente “due piccioni con una fava”: crei un potere d’acquisto in colui che prima non l’aveva si traduce in soldi spesi (che prima non sarebbero stati spesi, la taglio a fettine). Le baby pensioni sono state una vera porcata, un modo vile per ottenere consensi ed è intellettualmente scorretto paragonarle al RDC. Sinceramente, sono contento che parte delle mie tasse, da onesto ma oppresso cittadino come voi, vada a chi fatica a mettere il piatto in tavola. Non posso che essere d’accordo con te: o sfori il tetto che l’UE impone o fai austerity, “no ghe n’è banane”. P.s. L’effetto del RDC sul rilancio dei consumi lo si vedrà l’anno prossimo.

                                                          Saluti

                                                          • Silvestro scrive:

                                                            I nobili sentimenti sono apprezzabili e sempre più rari; ma bisogna distinguere tra quello che faresti e quello che poi concretamente ti è possibile fare. Premesso che aiutare “chi fatica a mettere il piatto in tavola” o “mandare in pensione chi si ammazza di lavoro per decenni” sono narrazioni elettorali che non sono diffuse come raccontate, se per realizzare tutto questo faccio ulteriori debiti, penalizzo le scelte che mi permettono di crescere, e aggravio ulteriormente il peso del debito su figli e nipoti, le mie generose intenzioni si trasformano rapidamente in scelte sciagurate.

                                                            Per rispondere anche a LONA, sottolineo che il debito è un elemento cosi concreto, che ci costa decine di miliardi di interessi all’anno. Poi per fornire anche qualche contributo ai suoi riferimenti, gli ricordo che tutti i governi hanno aumentato il debito: Renzi +122mld, Letta +66mld, Berlusconi stesso, assieme alla Lega e prima di Monti, +262mld. Questo significa che non è solo la dimensione del deficit, ma anche come intendi utilizzarlo, e come risulta compatibile con il PIL.

                                                            Per non farla troppo lunga, concludo che noi da un anno, paghiamo più di interessi che di quanto cresca il PIL, cui si aggiungono pressioni per un ulteriore ampliamento del debito.
                                                            Quanto credibile ai mercati finanziari possa risultare questo atteggiamento, qualcuno me lo dovrebbe spiegare. Ovviamente col massimo rispetto per le “fette di salame”.

                                                          1. Lona scrive:

                                                            A prescindere che il problema del debito pubblico è la piú grande truffa del secolo vorrei combattere sul finto terreno del debito….

                                                            DEBITO DUE ANNI MONTI RISPETTANDO TUTTE LE REGOLE E SACRIFICI. …170 MLD

                                                            DEBITO DI UN ANNO GOVERNO GIALLOVERDE DA MAGGIO A MAGGIO SUCCESSIVO 40 MLD……

                                                            BUONA NOTTE …ANCHE ALLE FETTE DI SALAME……

                                                            1. diogene scrive:

                                                              sembra facile e invece è assai complicato

                                                              Chi può dire se anche le baby pensioni (cosa orripilante agli occhi di oggi, cosa che grida vendetta al cospetto di Dio) non siano state, oltre che un regalo elettorale, anche un volano per l’economia ?

                                                              Grosso modo: l’Italia ha un debito pubblico di 2.500 miliardi e un patrimonio privato di 4-5000 miliardi, senza contare, cioè, il patrimonio immobiliare che però non può essere messo sul piatto della bilancia ai valori attuali

                                                              Un investitore estero perchè non potrebbe pensare “gli italiani sono ricchi, il patrimonio c’è, facciamogli pure pagare interessi elevati, tanto abbiamo le garanzie ….”

                                                              La filosofia “il debito è pubblico (cioè di tutti) ma il mio patrimonio è bello consistente” si attaglia prfettamente alla mentalità italiana. Si può negare ? No

                                                              Tocca ai politici al governo oggi camminare sul filo del rasoio: fare comunque debito per tirare avanti oppure fare austerity

                                                              Il resto sono discorsi da bar, con tutto il rispetto per il bar, naturalmente

                                                              • Silvestro scrive:

                                                                Non voglio avviare un dibattito sulle baby pensioni che cessarono definitivamente solo nel 1992 col Governo Amato. Si stimano in 530mila quelli che ancora oggi fruiscono di quella pensione.
                                                                Non mi risulta che questa norma abbia favorito in Italia un particolare sviluppo economico. E’ certo però che a partire da quegli anni ci furono modifiche e ritocchi del sistema pensionistico tese a contenerne i costi negli anni.
                                                                Ancora oggi i lavoratori stanno pagando quelle pensioni, e con “quota cento” sarà necessario anche un ulteriore aumento del debito.
                                                                IL messaggio ancora non è chiaro a molti: le pensioni concesse con troppa generosità penalizzano le generazioni future in un momento peraltro in cui figli e nipoti sono sempre meno.
                                                                DISCORSI DA BAR?, SE ANCHE FOSSE C’E’ CHI CI HA COSTRUITO SOPRA LA SUA FORTUNA ELETTORALE. E SOLO PER QUESTO E’ OPPORTUNO APPROFONDIRE.

                                                              1. marco.com scrive:

                                                                O popolo italiano.
                                                                Volete voi una bella finanziaria in deficit perche’ solo cosi’ il pil tornera’ a +3-4% ?
                                                                Dite SI , votate salvino e che Dio sia con voi ?
                                                                E’ cosi’ o non e’ cosi’?
                                                                Alzate la mano destra e dite “io credo!”

                                                                1. marco.com scrive:

                                                                  Wow , eventually m.d.

                                                                  1. Lona scrive:

                                                                    Mio dio amcora con sta storia che dobbiamo rientrare dal debito…..quante balle…..miserie…..quante fette di salame megli occhi……Aveva ragio Hanry Ford…..un popolo non aspetterebbe un solo secondo a fare la rivoluzione se sapesse realmente come funziona la finanza ed il sistema bancario…….il tentativo di indipendenza mometaria con i minibot ne è la prova……buona notte.

                                                                  Lascia un Commento

                                                                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                                  Accetto i termini sulla privacy

                                                                  *