16
lug 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 49 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.284

DAI MIGRANTI AL RUSSIAGATE

Finchè il problema principale all’ordine del giorno sono stati i migranti – come accaduto per mesi, mesi e mesi – per Matteo Salvini era tutto grasso (elettorale) che cola.

Non solo per gli oggettivi risultati conseguiti dal ministro dell’Interno nel frenare l’immigrazione clandestina, ma anche per tutti i gentili sponsor che ha trovato lungo il cammino: da Carola a Luca Casarini, dalla gip di Agrigento ai parlamentari del Pd saliti sulla Sea Watch. Fondamentali per far balzare la Lega nei sondaggi addirittura al 40%. (Sondaggi che però non erano e non sono voto reale…)

Improvvisamente lo scenario è mutato: da dieci giorni domina la scena il continuo crescendo del Russiagate o Moscopoli che dir si voglia.

I fatti, i risultati, contano relativamente. Come ha ben spiegato Domenico Cacopardo su Italia Oggi “le operazioni di acquisto di petrolio da parte dell’Eni sono sottoposte a una serie di rigidi controlli” e quindi non esiste che uno come Gianluca Savoini – senza averne il mandato – potesse trattare una qualunque fornitura.

Il che non toglie che un tramaccione come lui ci abbia provato mettendoci anche in ballo una tangente da pagare a qualcuno. Savoini, presidente della fantomatica associazione Lombardia- Russia (Ci mancava solo che l’ex sindaco di Rovigo Bergamin lanciasse l’associazione Polesine-Stati Uniti). Le associazione vere sono infatti tra Stati; quelle farlocche servono solo a darti un lasciapassare per poter andare, nella fattispecie, in Russia a cercar di combinare qualche affare…

In questo contesto la difesa di Matteo Salvini non può limitarsi a dire “Savoini non lo frequentavo, non lo ho inviato io in Russia”, anche perché sono state pubblicate decine di foto che li ritraggono assieme.

Aggiungiamo che, come sempre avviene in queste vicende, ci sono i servizi segreti (francesi) che tramano nell’ombra. C’è il problema della collocazione internazionale del nostro Paese (con gli Stati Uniti nostro alleato di sempre o con la Russia di Putin?). Tutte realtà che un politico scafato non può ignorare, se non a suo danno.

Ecco perché dopo l’ascesa trionfale dovuta ai migranti, per Salvini rischia di iniziare una discesa altrettanto brusca causata dal Russiagate.

Inevitabile – come hanno fatto tanti – pensare ai diamanti di Bossi; o a Savoini come al “mariuolo isolato”, il Mario Chiesa divenuto fatale per Bettino Craxi…

2.284 VISUALIZZAZIONI

49 risposte a “DAI MIGRANTI AL RUSSIAGATE”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    Sono depresso, da qualche giorno non ci sono registrazioni sul RUBLIGATE e quelle su SIRI sono solo dei remake triti e ritriti, MUELLER sul russiagate ha dovuto gettare la spugna.
    Non mi resta che sperare nelle donne : NANCY PELOSI e la RACKETE CAROLA per rendere più vivace la monotonia di questi giorni……. e pensare che l’anno scorso stavo andando su e giù a nuoto dall’ADIGE al BRENTA ed al ritorno mi trovavo circondato da perizomi di tutte le taglie e colori.
    Bah, così è la vita: ” la tua legittima sposa per amarla, onorarla e rispettarla in salute e in malattia in ricchezza e in povertà finché morte non vi separi …”.
    Comunque la speranza deve essere l’ultima a morire…….. e qualsiasi sacrificio vale oro per la donna amata.

    1. Silvestro scrive:

      E cosi Salvini è scappato ancora una volta.
      Chiamato in Parlamento a spiegare Moscopoli, che riguarda solo lui, al suo posto ha dovuto farlo Conte che evidentemente ha sputtanato il suo Ministro confermando non solo che la presenza di Savoini nelle riunioni ufficiali era una iniziativa del Viminale, ma che dietro richieste esplicite di chiarimenti da parte di Palazzo Chigi Il Ministro non ha nemmeno risposto. “le parole di Conte? Mi interessano meno di zero” è la risposta sprezzante.

      Ma questo è solo l’ultimo di una serie di comportamenti censurabili:
      Ci sono decine di interrogazioni parlamentari per il Ministro che sono senza risposte;
      Convocato dal COPASIR (Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica) non si è mai presentato;
      Invitato più volte dalla Commissione parlamentare antimafia a riferire non ci è mai andato anche se la materia è di sua precisa competenza.

      Salvini fugge; il Capitano quello che ci mette la faccia, fugge dai processi, fugge continuamente da ogni spiegazione; non chiarisce i rapporti con Arata, quelli con Siri, che si porta a fianco nonostante non sia più sottosegretario; quelli con Savoini, i 49 milioni ….

      Certo è molto più facile parlare su FB; sermoni dove racconta quello che vuole; non c’è un contraddittorio, non ci sono interruzioni, domande scomode, anzi i commenti imbarazzanti vengono addirittura censurati; nei comizi elettorali sono stati ritirati perfino gli striscioni ritenuti offensivi.

      E poi il capitano grande stratega e i leghisti per primi pretendono rispetto e considerazione.

      Cuoricini, bacioni e tanti LIKE Salviniani

      • martello carlo scrive:

        Intanto ho gradito il tuo silenzio alla mia del 23 luglio 2019 alle 23:33. hai avuto un minimo di pudore per non contestarmi.
        Quanto al resto, SALVINI non è un interprete di giornaletti ROSA NON VUOLE GIUSTAMENTE APPARIRE COME TALE, non vuole alimentare questo muliebre concetto della politica.
        Per i giornali rosa e ROSSI è una disdetta, ma penso che sia la nuova via per fermare il linciaggio mediatico/giudiziario/ emimondiale, SALVINI ha ben chiaro in testa di cosa sia la magistratura… e giustamente la teme perché come ha rinfacciato iersera a “STASERA ITALIA a quel minus abens di MUGHINI ( NON PER NIENTE E’ JUVENTINO ) la sua TEXXA di CAXXO fiduciosa nella magistratura
        La testa della magistratura è palesemente malata perché politicizzata, quindi è pericoloso sottoporvisi, come è successo, per MANCINO, perseguitato da 30 anni e dichiarato INNOCENTE
        Per un politico di destra, affidarsi alla magistratura, nello stato attuale è come andare alla ghigliottina, peggio, alla MORTE CIVILE

        SALVINI HA DIMOSTRATO ANCORA UNA VOLTA DI ESSERE UNA PERSONA SERIA CHE STA BEN LONTANO DAI SETTIMANALI PATINATI AD USO DI VECCHIETTE SULL’ ORLO DELL’ ALZHEIMER.

        ARATA E’ UN MITOMANE MILLANTATORE: C’E’ LA PROVA DEL LA TANGENTE? NO! E ALLORA AFFANCULO TU E GLI ARATA.

        • Gatón scrive:

          I soli rubli di cui vi sia certezza sono quelli finiti a Botteghe Oscure.

          • martello carlo scrive:

            Ma quelli sono stati condonati in vista di tangentopoli……..

            PS. ho riletto il mio post e ti ringrazio di non avermi fatto notare che è scritto da CANI ( non mancherà di farlo MARCO ), ma penso di essere scusabile: avevo una riunione condominiale alle 21.
            Ciao.

      1. martello carlo scrive:

        Su ” il tempo di osho ” si vede CONTE che dà un buffetto sulla guancia a TONINELLI, dicendo ” NOI FAMO ‘A TAV, TE CONTINUA A PASSA’ PE ‘R TUNNELL DER BRENNERO “.

        Grande SALVINI…. e convoca MICRON a ROMA.

        1. marco.com scrive:

          Io ti dò la tav la testa di Toninelli chiudo gli occhi sui rubli tangentari e i maneggi di siri

          Tu fai un po’ di melina e annacqui l’autonomia del lombardo veneto

          Martellino abbaia, come sempre. La natura del cagnolino è quella

          • martello carlo scrive:

            IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

            ,

            IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

          1. martello carlo scrive:

            @ SILVESTRO 22 luglio 2019 alle 08:42 e 22 luglio 2019 alle 18:03

            Tu devi avere le chiappe coi calli, da immigrato meridionale prontamente imbucatosi in qualche ufficio a maneggiare scartoffie per rendere la vita complicata a chi lavora, insomma devi aver avuto la vita e lo stipendio troppo facili, da decrescita felice col sombrero, per ragionare come sragioni.

            Al di là delle singole questioni sull’autonomia differenziata, sulle sconfitte della lega o delle leghe, noto una dicotomia che non esito a definire MAFIOSA nel tuo modo di affrontare lo stesso problema:
            - pretendi dall’Italia, nei confronti di BRUXELLES, il rispetto delle regole, dell’austerità, dell’efficienza, considerando il nostro paese come il cancro dell’UE
            - da noi tolleri che ci sia un evidente, innegabile , interminabile parassitismo di un meridione che non vuole mettersi al passo con il resto del paese, il quale, se non avesse tale PESO MORTO, sarebbe alla pari se non superiore alle regioni più efficienti e ricche d’Europa e con le tue maledette regolette UE tutte a posto.

            Riassumendo, il male dell’Europa, non è l’Italia nel suo complesso, bensì una parte di esso: questo STRA….BENEDETTO MERIDIONE.
            Meridione nella magistratura nell’insegnamento, nella burocrazia, in tutti i corpi militari e para, negli uffici delle tasse, insomma dappertutto e ovunque si tratti di fare da controllori di chi produce.

            Per dimostrarti quanto sia pretestuoso il tuo modo di vedere le cose, anche ammettendo che non si tolga nulla ai trasferimenti ed alle assegnazioni alle varie regioni sulla base della spesa storica, attribuendo alle regioni stesse le competenze, come ad esempio la scuola, si potrebbero avere dei risparmi con una gestione più efficiente, risparmi che i ladroni inefficienti ed ingordi vorrebbero aggiungere al calderone dell’attuale residuo fiscale.
            E’ inutile che ti ricordi come il 67% del fabbisogno di insegnanti sia al centro/nord e la quasi totalità degli insegnanti sia meridionale, con il solito balletto e carenza di insegnanti che tornano al sud dopo qualche anno di insegnamento qui da noi.
            E’ ora di finirla: il reddito di cittadinanza che va a sommarsi alle pensioni di invalidità fasulle, all’evasione fiscale, ai MLD dei residui fiscali, già attualmente consentono ai sudisti di vivere al 90% sulle nostre spalle.

            MI VUOI DIRE COME FACCIAMO A RIMANERE NELLA TUA TANTO AMATA STRAMALEDETTA UE IN QUESTE CONDIZIONI?

            • Silvestro scrive:

              Tanta confusione soprattutto mentale che accomuna problemi che non hanno nulla in comune nelle scelte ma solo nelle conseguenze.

              Il problema dell’Italia nell’UE prima che i risultati è di credibilità ed affidabilità nei confronti degli interlocutori. E’ un problema che noi oggi pretendiamo di risolvere alzando la voce e battendo i pugni sul tavolo. Gli altri, tutti gli altri, non hanno questa pretesa, e si vede.

              Il problema del parassitismo di Stato è una questione nazionale che dipende esclusivamente da noi in cui l’UE proprio non c’entra.

              SULL’AUTONOMIA:
              Non è una conquista di cui compiacersi, perché come ho già segnalato la Lega nella sua storia ha cercato di intestarsela sotto vari titoli, ma invano.

              Ci sono già delle regioni autonome (statuto speciale), che per questo non hanno risolto i divari tra nord e sud. Ci sono anche ampie autonomie su capitoli specifici come la sanità, che allo stesso modo, dopo oltre 15 anni non hanno nemmeno ridotto le differenze.

              Questo per dire che l’autonomia finanziaria/decisionale delle Regioni, non risolve da sola le distanze se non è accompagnata da efficienza amministrativa, chiarezza nelle responsabilità dei vari Enti interessati. E per questo sono necessari tempi, determinazione e modalità molto più lungi.

              I passaggi comunque sarebbero:
              1 – Approntamento del Governo di una bozza di legge che consenta la Presidente del Consiglio di incontrare le Regioni.
              2 – Dibattito e approfondimento con i Governatori per definire un testo comune.
              3 – Approvazione del Governo del nuovo articolato.
              4 – Passaggio in Parlamento della legge (Camera + Senato), discussione, eventuali emendamenti, ed approvazione.
              5 – Sottoscrizione delle singole Regioni della versione definitiva della legge.

              Ma se ad oggi all’interno del Governo siamo ai litigi e alle minacce prima ancora del punto 1, ho detto, ribadisco e sottolineo DI COSA STIAMO PARLANDO.

              • martello carlo scrive:

                Avevo ragione circa i calli sulle natiche: ragioni da burocrate e non cogli il senso ( ma forse cerchi solo di svicolare) di un’accusa precisa che riguarda te, solo te ed il tuo modo strabico di pensare che naturalmente porta ad altre conseguenze sbagliate, ma questo è un discorso a parte.

                Partendo da un postulato, cioè l’inefficienza, il fatalismo, la vocazione parassitaria e una situazione molte volte fuorilegge del sud, dovresti essere altrettanto duro nel censurare, almeno a livello concettuale, il problema meridionale come fai con quello che ritieni il problema Italia nei confronti dell’UE.

                Come si possa raggiungere il risultato è come per l’immigrazione incontrollata: basta volerlo, tutto il resto è fuffa che serve solo a perpetuare la deresponsabilizzazione di una parte del paese.
                Il fallimento dei precedenti tentativi è dovuto alla mancata definizione delle competenze ( modifica dell’ art. 5 ) che stavolta sono CHIARISSIME e sono 23 per il Veneto.
                La fine della legge delega ( tuttora in vigore ) sul federalismo è stato uno degli elementi che ha creato la tempesta perfetta del golpe 2011 ed è uno dei motivi per cui l’UE e tutta la ghenga napoletanesca mi sta pesantemente sugli zebedei.

            1. marco.com scrive:

              Salvini terun
              Taca’ alla carega del potere
              Circondato dai martelli suonati
              Che spettacolo desolante

              1. marco.com scrive:

                Se tu fossi onesto intellettualmente, cosa ormai troppe volte smentita, come un belpietro qualsiasi, ammetteresti che il legame con gli affaristi e’ presente soprattutto negli ambienti di destra, come e’ naturale che sia
                Ma il deficit intellettivo e di sinapsi ti trattiene in basso per legge fisica

                1. Silvestro scrive:

                  Gaton (22 luglio 2019 alle 15:00 )

                  Magari è il caso di fare chiarezza.
                  La lLega è l’unico partito che fin dalle sue origini ha promosso una separazione del nord declinato nel tempo come Padania, indipendenza, secessione, federalismo, autonomia ed ora autonomia differenziata.
                  In 27 anni di tentativi, la Lega ha ottenuto ZERO, passando da pagliacciate stile battesimo alle sorgenti del Po, a pseudo occupazioni con carri e trattori camuffati da tanks, per finire con pseudo referendum taroccati, o governi ombra del nord. In questa sintetica carrellata storica di comportamenti carnavaleschi, si incastrano anche 9 anni di governo ed una riforma costituzionale che non prevedeva alcuna autonomia, comunque bocciata, ma che ci ha lasciato una legge elettorale incostituzionale che ha caratterizzato 7 governi e 3 legislature.

                  Dopo questo patetico escursus, nuovamente sull’autonomia mi parli di una “CONTROPARTE CHE NON INTENDE RAGIONE…” ma quale controparte!!!!!!!!!!!!! La Lega e 5S sono assieme al governo; hanno la maggioranza parlamentare; con questa maggioranza la Lega ha votato il reddito di cittadinanza a beneficio prevalentemente del sud: provvedimento che da solo ci costerà 6 miliardi quest’anno e 8 miliardi/anno per il 2020, 2021, 2022.

                  Sull’atteggiamento rissoso poi, di cosa stiamo parlando!!!! mi sai indicare qual’è il testo di riferimento, quali sono i punti di contrasto, le divergenze, quali delle dichiarazioni pubbliche risultano vere e quali invece contraddittorie. Se non sono d’accordo nel governo di chi sarebbe la colpa. Perchè se non è cosi stiamo nuovamente assistendo a delle pagliacciate.

                  • Gatón scrive:

                    Nove anni al governo, di cui otto con Berlusconi bloccato dalla magistratura ogni qualvolta cercava di fare qualcosa.
                    Ora è al governo con un “alleato”, o partner di programma che dir si voglia, che cerca di realizzare quanto promesso ai propri elettori ma non intende assolutamente mollare sui punti richiesti dalla Lega.
                    Questa è la controparte che non intende ragione e che provoca l’atteggiamento rissoso.
                    A mio avviso meglio mandare tutti a casa.

                  1. martello carlo scrive:

                    L’epiteto SERVO Della GLEBA, nonostante la rivoluzione di ottobre fa parte del DNA dei PIDIOTTARI: li ho spesso definiti tali, nei confronti dei potenti del mondo: gente senza testa che ho spesso paragonato ai MEZZADRI e alle VIRGOLE.
                    Voglio allegare questo link che esprime esattamente la prostrazione a chi secondo loro comanda in europa, che sia a svantaggio del loro paese.

                    https://tv.liberoquotidiano.it/video/politica/13484238/russia-francesco-lollobrigida-fdi-meloni-contro-pd-sovranita-nazionale-tradimento-chiedete-scusa-pci-togliatti-stalin.html

                    Uno col DNA del MUGIK italiano ( ALIAS CAFONE, MEZZADRO, BRACCIANTE AGRICOLO ), può anche laurearsi , ma è condannato alla sottomissione.

                    E questa sarebbe il livello della la classe intellettuale del nostro PAESUCOLO cresciuto all’ombra di TOGLIAATTI ?
                    VOLETE ESSERE anche voi des CHATONS come quel SAUMON FUMÉ di SLVESTRO?

                    1. Silvestro scrive:

                      L’argomento del litigio quotidiano delle varie anime del governo è L’AUTONOMIA.

                      EPPURE LA STORIA E’ MOLTO SEMPLICE. .
                      I referendum sono stati un grande successo perché basati sul recupero del ‘residuo fiscale’ ovvero sulla differenza tra tasse pagate allo Stato e ritorni finanziario sul territorio. In altre parole si vuole trattenere una quota più significativa della tasse pagate. ERGO:

                      Uno – Non mi risulta sia disponibile un qualsiasi testo scritto su cui poter ragionare o contestare. Non vedo quindi perché politici, Ministri e Governatori di Regione parlino pubblicamente alla gente di una legge e di argomenti di cui nessuno conosce i conenuti. E già qui ci potremmo fermare.

                      Due – I risultati del referendum si basano esclusivamente sulla promessa che Lombardia e Veneto disporranno di maggiori risorse finanziarie.

                      Tre – I tentativi quotidiani di rassicurare affermando che l’operazione avverrebbe a saldi invariati, oppure che non si chiedono soldi ma solo maggior autonomia, sono autentiche fesserie, perché non era questo il tema del referendum, e perché se al nord si riconoscono maggiori risorse, evidentemente se ne stanzieranno meno per sud. Diversamente si realizza ulteriore debito.

                      Quattro – Non esiste nessuna ipotesi nota di tempi, modalità costi e/o risparmi per questa operazione. Quindi i cialtroni sono semmai quei governatori che parlano di norme che nessuno ancora conosce, che denunciano come “farsa” “pannicello caldo” qualcosa di di cui nessuno ha cognizione.

                      Cinque – Le minacce tipo “non accettiamo”, “non firmiamo”, sono parole arroganti e prive di senso perché non ci sono stati contatti, trattative, tra governatori e governo di Roma, ne si può immaginare che una riforma cosi fondamentale si possa risolvere in un diktat di due regioni da prendere o lasciare.

                      Tutte fanfaronate buone per i tanti LIKE LIKE LIKE

                      • Gatón scrive:

                        Fino ad oggi il diktat è stato da parte dello stato centrale che ha sempre ripianato i “deficit” di alcune regioni a spese di altre.
                        Evidentemente a qualcuno va bene che si continui su questa strada, evitando di responsabilizzare chi lo necessiti nel nome di una male intesa unità nazionale.

                        • Silvestro scrive:

                          Parli di uno Stato centrale come di un estraneo.
                          Ma in questa parte terza c’è stata a lungo anche la Lega. il “PONTE SULLO STRETTO”, “ROMA LADRONA” dovrebbero ricordarti qualcosa.

                          E comunque non mi sembra che un atteggiamento rissoso su quello che ancora non c’è favorisca una soluzione. A te si?

                          • Gatón scrive:

                            …a lungo…
                            Da dopo Andreotti ( Giugno 1992) il Berlusca è stato Presidente del Consiglio per 97 mesi, diciamo 8 anni ed un mese, il resto lo siete stati voi, e si tratta di 25 anni.
                            Quanto all’atteggiamento rissoso, se la controparte non intende ragione ci vuole anche quello.

                      1. marco.com scrive:

                        Vorrei iscrivermi al partito del triveneto-lombardo
                        Certo che quando vedo certi personaggi suonati falle martellate che han rovinato la loro crapa, evidentemente vuota…..
                        Sospiro mi concedo un sospiro

                        1. marco.com scrive:

                          Poi c’e’ mara bizzotto (ouhm , conato di vomito) fa la savonarolina che si incazza perche’ viene isolata dietro un cordone sanitario
                          Poi c’e’ la donazzan starnazzan che dice di amare il veneto, se amassedavvero il veneto andasse inclausura
                          Poi c’e’ il bloggista filo-trumputiniano per il quale dostoievskij aveva ante-litteram preso spunto per uno dei suoi capolavori
                          Roba da camicia di forza

                          1. martello carlo scrive:

                            @ SILVESTRO 20 luglio 2019 alle 10:05

                            Ma cosa vuoi affondare se vedi le cose a rovescio: più che RUSSIA GATE, visto l’esperienza pregressa ( MATTEI, USTICA, ECC. ), sarebbe meglio parlare di FRANCIA GATE che sta a dimostrare l’importanza acquisita dal ns. paese e il rispetto timoroso che incute dal momento che non tratta più migranti per flessibilità, ma vuole FATTI, ed i fatti verranno, sempre che SALVINI resti e non venga eliminato da congiure di sporchi colonialisti.
                            Insisti PUERILMENTE a pensare che ci siano differenze in europa sull’immigrazione: NESSUNO LA VUOLE, solo VOI PIDIOTTARI alla DE MAGISTRIS e alla ORLANDO.
                            Quanto alle frontiere con la RUSSIA, YALTA E’ ANDATA AFF…ARSI BENEDIRE, il COMUNISMO E’ QUI DA NOI, PER MERITO VOSTRO.
                            Trovo peraltro comprensibile che POLONIA e UNGHERIA abbiano ancora INCUBI TREMENDI dopo 50 anni di sottomissione al più PUTRIDO DEI REGIMI DITTATORIALI, incubi che la germaniae la francia sfruttano abilmente per farsi gli interessacci loro, tipo NORTH STREAM ( altro che SAVOINI ).
                            Non ho paragonato a caso SALVINI a MATTEI, augurandomi che ci si limiti alle commediole da METROPOL: tutte le vicende incentrate sulla LIBIA e contro GHEDDAFI sono finite nel sangue come del resto la battaglia di ALGERI di poco più di MEZZO secolo fa
                            SALUTI. TU continua a credere alle FAVOLE e alla GRANDEUR, l’importante è che non lo facciano più gli ITALIANI.

                            1. Silvestro scrive:

                              MARTELLO (18 luglio 2019 alle 21:44)
                              Sono veramente contento che su questo blog tu ti consideri a casa tua.
                              Sei spontaneo, diretto, esprimi quello che pensi; perfino il linguaggio è lo stesso che usi in famiglia. Sono certo infatti che con la moglie, i figli, gli stessi nipoti quando non sono d’accordo con te li riprenderli duramente definendoli MENO CHE DELLE MERDE. PERCHE’, SE NON FOSSE COSI, L’UNICA MERDA SARESTI PROPRIO TU.

                              Ma a parte il preambolo, l’argomento è anche pertinente con gli eventi di questi giorni.
                              esempio1
                              Dopo che il governo aveva concordato e accettato la candidatura della Von der Leyner, la Lega decideva di votare contrario, spaccando il governo e la maggioranza, mettendosi contro lo stesso Presidente del Consiglio.
                              Conseguenze: Italia (la Lega) non avrà un commissario UE con deleghe importanti (Giorgetti infatti ha già rinunciato ufficialmente), mentre dopo questo voltagabbana, la flessibilità di bilancio sarà tutta in salita.

                              Esempio 2
                              Nella ottava riunione a Helsinki dei Ministri dell’Interno UE (per Salvini era solo la seconda volta) si è parlato ovviamente di immigrazione. Italia assieme a Malta (la stessa contro cui Salvini neri mesi scorsi si è scagliato con parole infuocate) ha presentato un documento che prevede la redistribuzione obbligatoria dei migranti.
                              Senza tanti clamori e proclami Francia e Germania si sono dichiarati contrari, ma ci hanno lasciati soli soprattutto i grandi alleati di Visegrad con cui abbiamo un grande patto di alleanza.

                              E proprio tu ti lamenti che ci trattano minuns quam merdam.

                              LIKE LIKE LIKE

                              • martello carlo scrive:

                                ” La Francia non vuole perdere il suo status di potenza e intende proiettare., in linea con le altre potenze globali, la sua presenza nell’Indo-Pacifico; impegnandosi, …… a svolgere il suo “compito” per mantenere la stabilità nella regione…… schierare la portaerei nucleare Charles de Gaulle nei mari orientali…..Parigi ritiene sia anche sua responsabilità garantire una presenza nella regione per far fronte a “elementi costitutivi di un CONFRONTO GLOBALE”, ma essenzialmente dimostra la necessità di mantenere una posizione di rilievo nel Pacifico PER PROTEGGERE GLI INTERESSI NAZIONALI NEL MONDO….. ( da INSIDE OVER – Davide Bartoncini )

                                Bell’Europa, grande coordinamento per difendere gli interessi UE, magari spendendo i soldi dello sforamento del DEFICIT/PIL e noi che c’entriamo? C’entriamo quando facciamo una cena in cui 4 amici al bar che non contano una emerita pippa, non foss’altro per il fallimento delle chiacchiere? In definitiva parlavano di come impedire che la francia possa continuare a fare ciò che vuole e gli altri no, magari calpestandone i diritti e gli interessi consolidati.

                                Tutto il can can da folies bergères montato dai nipotini di TOGLIATTI, magari laureatisi o diplomatisi con i soldi del PCUS, non ti sembra abbastanza per autorizzarmi a chiamarli gentucola che conta, per MACRON meno della ” merdam “, ma forse sarebbe più raffinato dire ” merde “. Va meglio così?

                                • martello carlo scrive:

                                  PS. per quanto riguarda il voto contrario alla URSULA VON LEYEN, ti interesserà sapere che la PRUSSIANA, non ha voluto ricevere i parlamentari leghisti.
                                  Probabilmente ha già in mente, la manichea, di riconfermare la MOGHERINI :-( :-D :-D

                                  • Silvestro scrive:

                                    Se vuoi che affondiamo il coltello sulle patetiche figure di questi giorni ti interesserà sapere che la Von der Leyen non ha ricevuto i leghisti proprio per l’ambiguità politica nei confronti della Russia confermata anche dalla cronaca recente.

                                    Ma c’è di più; ti interesserà sapere che anche Polonia e Ungheria hanno votato la Prussiana perché c’era un accordo sovranista di condizionare attività e nomine dei commissari. Infatti hanno già avanzato la richiesta di rafforzare i confini UE: non quelli che intende Salvini, ma i confini con la Russia a ricordo della cortina di ferro sotto cui hanno vissuto.

                                    E SALVINI IL GRANDE STATISTA? Un buffone ciarlatano del tutto inaffidabile. Oltre ad aver realizzato una solitaria irrilevanza nel panorama europeo gli resta solo Marine Le Pen che non è al governo ma che sull’immigrazione la pensa esattamente come Macron.

                                    Un capolavoro diplomatico!!!! LIKE LIKE LIKE

                              1. marco.com scrive:

                                Sempre convinto che la storia russa e’ distrazione di massa
                                Che i leghisti siano trafficoni nel dna non sorprende per nulla
                                Ma che il salvino ne esca come un qualsiasi grande pinocchio dovrebbe far pensare
                                Sempre che certa gente sappia pensare

                                1. marco.com scrive:

                                  Ho ragione da vendere: a salvino piace fare e sa solo fare CAMPAGNA ELETTORALE PERMANENTE
                                  E ci riesce benissimo

                                  1. Silvestro scrive:

                                    La questione MOSCOPOLI più che sul piano giudiziario è un grana politica internazionale gravissima perché:

                                    >> Le sue simpatie putiniane non sono nuove
                                    https://www.ilmessaggero.it/video/politica/salvini_mosca_mi_sento_casa-4045819.html

                                    >> Le intercettazioni di Savoini e amici, pubblicate e mai smentite, scoperchiano senza falsificazioni le intenzioni geopolitiche di Salvini, dentro e fuori Europa.

                                    >> Se fossero tutte falsità, sarebbe un motivo in più per smentire tutto pubblicamente senza incertezze, sputtanando Savoini almeno come millantatore.

                                    >> Analogamente sarebbe un buon motivo per presentarsi in Parlamento e dichiarare ufficialmente le sue intenzioni. Invece, pur di evitarlo, si è messo contro l’alleato di governo e perfino il Presidente del Consiglio.

                                    >> La vicenda della presidenza UE di Von der Leyen confermano in pieno l’ambiguità dell’atteggiamento. Come già segnalato, prima approva la candidatura della tedesca, poi vota contrario dividendo anche la maggioranza di governo.

                                    >> Non conosco le motivazioni, ma nessuno si premura di spiegarcelo. In mancanza di chiarimenti, è lecito pensare che dovendo scegliere tra gli interessi italiani e la leadership sovranista europea, Salvini abbia scelto la seconda.

                                    >> Ovviamente cosi,abbandoniamo la speranza di qualche concessione sullo sforamento di bilancio, come pure un italiano come commissario europeo di qualche dicastero economico importante.

                                    E cosi l’uomo che ce l’ha duro, colui che non è il lacchè di nessuno, fugge a qualsiasi richiesta di chiarimenti e lascia l’Italia irrilevante in Europa e inaffidabile nelle scelte di politica internazionale.

                                    LIKE LIKE LIKE

                                    • martello carlo scrive:

                                      “MA NO, PIU’ CHE GIUDIZIARIE E’ UNA QUESTIONE DI POLITICA INTERNAZIONALE “.. e chi è che guida questa esplosiva politica che cerca di far saltare l’UE?
                                      Ma il MAZARINO DI TURBIGO, naturalmente, ADALGISO SAVOINI, d’ accordo con un diretto discendente dei ROMANOFF, più un avvocatucolo ex PD difensore delle cause perse, evidentemente formato alla scuola della MOGHERINI.

                                      ” Le intercettazioni di Savoini e amici, pubblicate e mai smentite, scoperchiano senza falsificazioni le intenzioni geopolitiche di Salvini, dentro e fuori Europa…… Analogamente sarebbe un buon motivo per presentarsi in Parlamento e dichiarare ufficialmente le sue intenzioni. Invece, pur di evitarlo, si è messo contro l’alleato di governo e perfino il Presidente del Consiglio.”

                                      Nella tua pedissequiale, ANALOGICA osservanza alla direttiva ZINGARESCHIANA,tii fossi mai posto la domandina semplice semplice:
                                      MA MACRON HA MAI MANIFESTATI LE SUE INTENZIONI GEOPOLITICHE, HA MAI CHIESTO IL PARERE DI QUALCUNO, GLI SI E’ MAI CHIESTO DA CHE PARTE STA, SPECIALMENTE IN LIBIA?
                                      NOOOOOOOOOOOOO!
                                      E SAPETE PERCHE? PERCHE CONSIDERA TE E TUTTI I PIDIOTI MINUS QUAM MERDAM,

                                      GENTUCOLA DA 8 SETTEMBRE, MENTRE SALVINI E’ COME IL GRANDE MATTEI..

                                    1. marco.com scrive:

                                      Questo governo durera’ 5 anni
                                      Questo governo ha lavorato benissimo ha acquistato rispetto nel mondo intero ha realizzato in 3 mesi quello vhe gli altri non hanno fatto in tanti anni
                                      La mia parola e’ una sola e non la cambio
                                      Io lavoro per 60 milioni di figli

                                      Firmato: megabugiardo del secolo buono tutti i palati

                                      1. martello carlo scrive:

                                        Che ZWIRNEWR FOSSE TALMENTE PERACOTTARO DA CREDERE A ” ITALIA OGGI ” , l’unico media che sostiene che SALVINI non conosceva SAVOINI, per sposare le tesi dei PIDIOTI alla ZINGARETTI, NON ME L’ASPETTAVO, anzi SI.
                                        ANDREA MARKU’ è uno dei migliori imitatori de ” la ZANZARA ” che ha preso per i CXXO molti politici che hanno fatto la figura, meritata dei PIRLA.
                                        La fantomatica REGISTRAZIONE DEL SUPER, MEGAGALATTICO PLENIPOTENZIARIO ENI/LEGA che gassava l’Italia con migliaia di tonnellate di GASOLIO : CHI E’ IN GRADO DI AFFERMARE CHE NON SIA AUTENTICA?
                                        LA MAGISTRATURA CHE NON VUOLE DIRE DA DOVE E’ ARRIVATA E NON HA FATTO LE DOVUTE ANALISI TECNICHE?
                                        ZWIRNER, per piacere, faccia la sua parte come giornalista non dipendente dagli altri, e tragga le dovute conclusioni, prima di decidere che gli italiani sono FESSI.

                                        • The preacher scrive:

                                          Oddio, giornalista indipendente è una cagata pazzesca. Forse non sai, caro Martello, che a telenuovo sono tutti di destra. L’unico che non lo è credo che sia Lillo Aldegheri.

                                          Comunque la verità su Moscopoli uscirà fuori e attendo lacrime di coccodrillo sgorgare copiosamente dagli occhi dei dilettanti leghisti.

                                          Saluti

                                          • martello carlo scrive:

                                            PREACHER, non mi dirai che ci sono giornalisti indipendenti nel ” L’AVVENIRE, FAMIGLIA CRISTIANA E L’OSSERVATORE… ” oppure nella galassia DE BENEDETTIANA.
                                            Essere dell’attuale destra, anzi non essere dell’attuale sinistra finanziofila, è un titolo di merito, al di là dei tuoi preconcetti da TEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE PAMPERESCA buona per gli indios.
                                            Tra l’altro questo magnifico sito di destra, nonostante io abbia dato del PERACOTTARO a ZWIRNER, di cui mi scuso, essendo una delle persone più LIBERALI e TOLLERANTI dell’ intero WEB va BENEDETTO.: Altri siti ” DEMOCRATICI “, mi avrebbero e mi hanno bannato.

                                            Quanto alle lacrime di coccodrillo sono caratteristica conclamata di femmine e PREACHERS

                                            LILLO ALDEGHERI HA CHIUSO PERCHE’ NON RIUSCIVA A CONTROBATTERE ALLE CONTESTAZIONI.
                                            SONO SEMPRE IN ATTESA CHE TU MI DIA LA DIMOSTRAZIONE CHE SALVINI HABBIA DETTO CHE NON CONOSCE SAVOINI.

                                            SE NON LO FAI, NE USCIRAI SCOMUNICATO.

                                        1. Marco.com scrive:

                                          Chi tira fuori la storia che anche il pci prendeva rubli e’ un mentecatto da tifo da stadio
                                          Ma si sa ai propri beniamini tutto e’ concesso
                                          Spudorati senza il minimo di decenza
                                          Se salvini ama fare la guerra alla UE non faccia il cretino di lamentarsi se in UE tirano su il cordone sanitario attorno ai lego-sovran-popul-fassistoidi
                                          Un po’ di decenza please

                                          1. Silvestro scrive:

                                            C’e’ UNO ZWIRNER CON UNA DOPPIA IMMAGINE
                                            E’ un giornalista autorevole, indipendente, espressione della volontà dei veneti quando esprime opinioni che lisciano il pelo al bacino di utenza.
                                            Viceversa per i leghisiti paranoici è un peracottaro, disdicevole, poco credibile, come tutti coloro che fanno affermazioni che non piacciono.

                                            LIKE LIKE LIKE

                                            • martello carlo scrive:

                                              C’è un PIDIOTA che ha un’immagine sola, quella del LACCHE’.
                                              Indovinate chi è?
                                              Ma VON DER SILVESTER NATURALMENTE.
                                              Ricordatevene al momento opportuno quando la GERMANIA si comprerà la COSTA SMERALDA e CORTINA.
                                              Ho una speranza che in alternativa all’autonomia, il VENETO subisca la stessa sorte.

                                            1. martello carlo scrive:

                                              Per cominciare, gradirei che qualcuno mi dimostrasse che SALVINI ha dichiarato di NON conoscere SAVOINI.

                                              Ciò detto, da tutta questi rigurgiti maleodoranti da guerra di comari/spione al soldo di interessi anti sovranisti, smaccatamente PATACCARI, traggo una sola conclusione: FORZA SALVINI.
                                              Della sua linea politica condivido tutto, tranne la sopportazione nei confronti di gentucola troppo onesta per essere cresciuta in ambienti mafiosi di ogni ordine e grado, ma questa forse è una via obbligata, per cui bisogna tapparsi il naso.
                                              IMMIGRAZIONE, CRITICA alla UE FRANCO TEDESCA con codazzo di pidioti anti italiani, CRITICA all’EURO, AUTONOMIE, POLITICA DEI DAZI, SUPERAMENTO dell’ANTAGONISMO UE/RUSSIA/USA ESCLUSIVAMENTE PER ASSECONDARE LE MANIE DI GRANDEUR DI QUELLA VIRGOLETTA DI MACRION, MEDIAZIONE PER UN’ALLEANZA DI TUTTO L’OCCIDENTE ( l’oriente russo è solo nelle menti bacate dei paleo comunisti ) per arginare lo strapotere delle formiche cinesi, POLITICA ECONOMICA ANTI AUSTERITA’, SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA tanto ostica ai meridionali del tipo pentastellato, RIVOLTARE LA GIUSTIZIA COME UN CALZINO…. ECCO QUESTO E’ CIO’ CHE MI INTERSSA E DEVE INTERESSARE A TUTTI GLI ITALIANO CHE NON VOGLIONO ESSERE CALPESTATI e PRESI PER IL NASO DAI CARLETTO, DAI SOROS, INSOMMA DA ” LORO “.

                                              Ormai di commedie, anzi TRAGEDIE in Italia ne abbiamo già viste troppe, ed IL ;SISTEMA E’ SEMPRE LO STESSO PARTENDO SEMPRE DA DUE NAZIONI REVANSCISTE PERCHE’ PERDENTI: FRANCIA E GERMANIA.
                                              SARKONANO/MERKEL/TRICHET, ci hanno IMPOSTO i governi che hanno voluto; MACRON/VON DER LEYEN/LAGARDE non devono riuscire a fare altrettanto con l’ultimo colpo di coda di questa UE MORENTE, che la spunta per 9 ( NOVE VOTI ) di quei PERACOTTARI di PENTAORTOTTERI.

                                              A MAGGIOR RAGIONE, FORZA SALVINI.

                                              1. Silvestro scrive:

                                                Ma quando parliamo di rapporti internazionali siamo interessati alle opinioni dei nostri interlocutori oppure no.
                                                Siamo consapevoli che dimostrarci credibili e affidabili è indispensabile sopratutto per noi oppure ce ne frega niente.
                                                Nei rapporti internazionali, la vicenda con gli oligarchi russi è diventato un caso diplomatico a tutti gli effetti, e non per le vicende di possibili tangenti che sono un aspetto penale tutto italiano, ma soprattutto per l’immagine politica, per il tentativo dichiarato e documentato di spostare l’asse politico europeo verso la Russia “Una nuova Europa deve essere vicina alla Russia ….Non vogliamo dipendere dalle decisioni degli ‘illuminati’ di Bruxelles degli Stati Uniti. Salvini è il primo a voler cambiare l’Europa”.
                                                Questo con i russi negando perfino l’evidenza, salvo poi qualche mese dopo andare a Washington e proclamare l’Italia l’alleato più fedeli e affidabile degli USA.
                                                Qualcuno ha pensato solo per un attimo la credibilità che dimostriamo nei nostri incontri?

                                                L’evidenza più recente è nelle votazioni per la Presidenza della Commissione UE.
                                                >> Per anni ci hanno riempito la testa con la strafottenza e l’egemonia germanica ed abbiamo accettato la candidatura della tedesca Von Der Leyen.
                                                >> Negli incontri preliminari anche per l’ambiguità tra atlantismo e putinismo, la stessa Von Der Leyen non ha neanche voluto incontrare la Lega nonostante fosse il partito con la percentuale di voti nazionali più elevata dell’Unione.
                                                >> Proprio per chiarire la sua posizione si è anche dichiarata “sollevata” di non avere i voti dei sovranisti.
                                                >> La ciliegina sulla torta viene poi dall’esito delle votazioni: La Lega vota contro, mentre i 5S votano a favore.

                                                E tutto questo mentre noi continuiamo a guardarci le punte delle scarpe ed i LIKE sui cellulari.
                                                Urlare, rovesciare i tavoli, porre veti: Dove…. Quando…. Come…

                                                1. bardamu scrive:

                                                  Di tutta questa vicenda l’aspetto più comico è rappresentato dall’atteggiamento degli ex comunisti. per decenni foraggiati dall’URSS, che ora sembrano quasi provare invidia per il fatto che gli epigoni di quel grande stato rivolgano altrove le loro attenzioni.
                                                  Negli stessi anni la DC prendeva soldi dagli USA, così come altri partiti alleati, per contrastare il pericolo comunista.
                                                  Nessuno si scandalizzava, la magistratura non indagava.
                                                  A parte le considerazioni giuridiche, che lascio ai competenti, mi limito ad osservare, come comune cittadino, che il fatto che la Lega venga finanziata dalla Russia non mi turba.
                                                  Il governo russo in questo momento storico, è più vicino ai nostri interessi strategici di quanto non lo siano gli USA. Così come i paesi del vicino oriente e del nord Africa, con i quali sarebbe ora che l?europa imparasse a trattare come soggetto unitario.
                                                  Se la Cina finanziasse qualche partito per ottenere favori contrari ai nostri interessi nazionali lo troverei grave, sotto il profilo meramente e cinicamente pratico, senza pensare a risvolti legali.
                                                  Comunque se è stato commesso un reato è giustissimo che si indaghi e chi ha sbagliato paghi, ci mancherebbe.
                                                  Ma politicamente la cosa non sposta di una virgola il mio giudizio sull’operato di Salvini.

                                                  1. marco.com scrive:

                                                    Abbiamo avuto l’esempio di un distratto di massa

                                                    1. Matteo scrive:

                                                      (el Teo)
                                                      non credo Salvini possa perdere più di tanto consenso! ormai non abbiamo più l'anello al naso!
                                                      non sono solito al credere al fato, ma fatalità questo presunto scandalo coincide con lo stop delle ONG nel Mediterraneo, e sono pronto a scommettere che se non riusciranno a far cadere il governo a breve, queste ritorneranno a solcare i mari, destinazione Italia

                                                      1. marco.com scrive:

                                                        Poco tempo fa ebbi a dire che il tema sea watch era distrazione di massa e materiale per i giornalisti cui piace rovistare nei cassonetti dell’immondizia
                                                        Oggi dico che il russiagate e’ la stessa cosa

                                                        Oggi e’ stato reso noto un dato: la germania investe piu’ di 200 euro procapite per la trasformazione digitale
                                                        L’Italia ne spende 80
                                                        In compenso abbiamo Quota 100 e reddito di cittadinanza

                                                        Non inseguiamo il russiagate inseguiamo l’innovazione

                                                        1. The preacher scrive:

                                                          Lo aspettavamo all’angolo Salvini. E’ chiaro che qualcosa di loschissimo c’è sotto. Salvini che dice :” io non conosco Savoini” è di un patetico clamoroso che lo fa eleggere a “bugiardone dell’anno”. Roba da far impallidire Collodi. Comunque non è una novità che la Lega sia in buonissimi rapporti con la Russia di Putin ma tra l’essere in buoni rapporti e cercare accordi economici sottobanco, ne passa di acqua sotto i ponti. Il caso Savoini è solo la punta di un iceberg anche perchè, in un paese serio e democratico come dovrebbe essere l’Italia, un partito politico che ha distratto 49 milioni di euro pubblici, non dovrebbe nemmeno più esistere. Un’azienda con tanti debiti fallisce. Difficile spiegare perchè, la Lega, essendo un partito politico economicamente fallito, sia ancora attivo. Salvini, esaurita la carta migranti (perchè è stato questo il suo letimotiv) si troverà a fare i conti con la realtà. Realtà farcita di azioni sottobanco, di corruzione ancora imperante, d’immobilismo politico e d’ignoranza. A breve aspettative i piagnistei di capitan volgo a fronte dell’oscuramento dei suoi account social. Un giudice non può lasciare attivi canali dispensanti odio quotidiano. A tal proposito, vorrei riportare un caso successo nel riminiese. Un 82 enne insultò pesantemente via web il vice sindaco malatestiano. Giustamente è stato condannato ad effettuare due donazioni a due ONG impegnate nel mediterraneo. Il vecchietto improvvisatosi hater, commenta così la sua serie d’ingiurie : “ritengo di essere stato condizionato da un clima di odio ed intolleranza verso gli ultimi, che purtroppo stiamo vivendo nel nostro Paese”. Piccolo esempio di come si possano influenzare le menti malleabili senza età.

                                                          Saluti

                                                        Rispondi a marco.com

                                                        Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                        Accetto i termini sulla privacy

                                                        *