08
ott 2019
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 40 Commenti
VISUALIZZAZIONI

914

PARLAMENTARI, IL GRANDE ALIBI

Al di là che la riduzione dei parlamentari sia una sciocchezza, sia sotto il profilo dei risparmi che della rappresentatività democratica, resta un provvedimento assolutamente popolare. Perché rappresenta il grande alibi di tutti noi italiani.

Consente cioè di credere e pensare che i soli farabutti, strapagati, carichi di privilegi e fanagottoni, siano i parlamentari. Mentre noi italiani siamo sobri, ligi ai doveri, privi di privilegi, sottoposti a rigorosi controlli di produttività, mai assenteisti a piacimento.

Per dirne una. Alla Camera e al Senato ci sono più funzionari che parlamentari; con privilegi e stipendi analoghi se non superiori, anche se privi della sovranità popolare. Riduciamo drasticamente anche il loro numero o no?

Per dirne un’altra. Alitalia ci costa molto più dell’intero parlamento: dieci miliardi il deficit ripianato negli ultimi anni. Una hostess mi raccontava che lei, come il resto del personale, (oltre ad essere pagati il doppio e lavorare la metà rispetto al personale Ryanair e Easyjet) possono far viaggiare gratis i figli. Vi risulta che questo privilegio valga anche per i figli dei parlamentari?

Lasciamo stare il numero spropositato di ferie, la mancanza di controlli sulla produttività e l’assenteismo, anche nel settore privato. Tutti gli ufficiali che, da colonnelli, sono andati in pensione con l’assegno da generali. I milioni di baby pensionati con poco o nulla di contributi versati.

Il vero problema è il sistema Paese. Giuseppe Mazzini andrebbe ricordato per quel volumetto che si intitola “I doveri dell’uomo” e recita: “Ogni diritto è la conseguenza di un dovere compiuto”. Mentre noi tutti l’obbligo dei doveri l’abbiamo rimosso, per fare spazio ai diritti a raffica e a prescindere

Ma per fortuna i 5 Stelle ci hanno offerto la possibilità di prendercela con quei farabutti dei parlamentari. E tutti gli altri partiti a seguire la vergognosa onda demagogica.

 

914 VISUALIZZAZIONI

40 risposte a “PARLAMENTARI, IL GRANDE ALIBI”

Invia commento
  1. Silvestro scrive:

    Quando dicevo che per mantenere questa legge elettorale si trattava di una “ …opzione che nessuno prende in considerazione” era esattamente ciò che ho scritto.
    Non la vuole l’attuale maggioranza che ha già dichiarato di volerla riscrivere, con l’impegno, entro l’anno, di avanzare ulteriori riforme costituzionali.

    Ma non la vuole neanche Lega che ha già presentato in Cassazione (da sottoporre alla Corte Costituzionale) l’istanza di 8 Regioni per un referendum che prevede l’abrogazione della parte proporzionale dell’attuale legge che nomina i due terzi del Parlamento.

    • martello carlo scrive:

      L’aver chiesto il referendum per l’eliminazione della quota proporzionale ( che verrà respinto ), non significa che la Lega non voglia le elezioni ” subito “: è semplicemente un’opzione per tentare di contrastare ciò che COLA’ si vuole e verrà fatto per far vincere i soliti apparati.
      Del resto non mi pare che FDI cerchi scuse per cambiare per l’ennesima volta la legge elettorale ma abbia fatto una scelta molto più attuale e fondamentale: l’elezione diretta del capo dello stato
      Non se ne può più di presidenti alla NAPOLITANO & K.

      • Silvestro scrive:

        Io non ho parlato di elezioni subito o elezioni rinviate. Ho sottolineato che l’attuale legge elettorale piace a nessun schieramento parlamentare ed ho citato le iniziative che lo confermano.

        Le dietrologie e le interpretazioni le lascio a te.

        • martello carlo scrive:

          Tu non hai parlato di elezioni subito, ma ciò non significa che io non lo possa fare e più che legittimamente, dal momento che tutte le proposte del governo sono dei pretesti per procrastinare le elezioni fino al post MATTARELLA ed impedire di vincerle ai partiti che rappresentano la maggioranza relativa nel paese
          Elezione diretta del capo dello stato subito.

          Comunque penso che sia ora di troncare qui la discussione: mi rendo conto che non dovevo dare seguito al primo quesito di GATON, cui nessuno voleva rispondere nell’ottica della cloroformiolizzazione delle coscienze critiche nei confronti di questo MODESTISSIMO governo di servi.
          E’ ora di parlare di cose ben più serie.

    1. Gatón scrive:

      Sbaglio, o se non verrà supportata da una legge che preveda una nuova ripartizione dei seggi nei vari collegi elettorali la tanto sbandierata riduzione dei parlamentari rimarrà lettera morta ?

      • Silvestro scrive:

        Non può restare lettera morta perché sarebbe incostituzionale.
        E di leggi elettorali incostituzionali credo che ne abbiamo abbastanza.

        • Gatón scrive:

          Sarebbe possibile, dopo l’approvazione del ridimensionamento del numero dei parlamentati, andare al voto con l’attuale legge elettorale ?
          Grazie per la precedente risposta e per la prossima.

          • Silvestro scrive:

            Leggi elettorali ne abbiamo viste di ogni tipo; quindi per quanto ne so l’attuale legge potrebbe essere valida anche con la riduzione dei parlamentari. Però è una opzione che nessuno prende in considerazione.

            Sicuramente va rivista la geografia elettorale perché aumenta il numero di elettori per ogni parlamentare.
            Alla Camera per ogni Deputato si passa da 96mila votanti a 151mila.
            Per il Senato aumenta anche la platea degli elettori ( circa 4 milioni ) perché votano a 18 anni e non a 25. Per ogni Senatore si passa quindi da 188mila votanti a 302mila.

            Va quindi ridisegnata completamente La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni.

            • Gatón scrive:

              Esattamente ciò che intendevo, tu sei stato preciso coi numeri.
              Secondo me significa che finché non avranno ridisegnato collegi e circoscrizioni non si potrà votare, oppure che andando a votare con l’attuale ripartizione territoriale la tanto declamata riduzione dei parlamentari non potrà essere attuata.
              A meno che mi sfugga qualcosa…

            • martello carlo scrive:

              ” Però è una opzione che nessuno prende in considerazione. ”

              Non mi risulta e ciò conferma che accade quel che si decide “colà dove si puote ciò che si vuole”.
              Sarà un modo di vedere populistico, ma mi sembra che il discorso si potrebbe risolvere tranquillamente con una semplice operazione matematica, rispettando le attuali norme sugli arrotondamenti.

              Naturalmente chi vuole impedire il voto si rivolgerà COLA’.

      • martello carlo scrive:

        Accadrà ciò che si decide “colà dove si puote ciò che si vuole”.

        • Gatón scrive:

          …e più non dimandare.
          Ma io ripeto la domanda, e magari l’altro gatto, quello bianco e nero per intenderci, è in grado di spiegare bene la cosa dal punto di vista burocratico.

          • martello carlo scrive:

            Dubito che lo farà: per lui e MARCHETTA la consegna è IL SILENZIO ELEVATO AD OMERTA’.
            Chi li ha più VISTI? Basta parlare di TASSAROLI GABELLIERI, di PARASSITI BUROCRATIZZANTI. di IOR e di TROGOLO DI S. PIETRO, che si rintanano nel silenzio assoluto.
            ROBA DA SERVIZI SEGRETI.

      1. marco.com scrive:

        Pax vobiscum
        Il mood generale resta tutto sommato tranquillo
        Stamattina mentre colazionavo con un orecchio su rai3 ho sentito dire da una pazza sovranista che non si parla più di flat tax. Alla semplice domanda della conduttrice “come avrebbe finanziato la flax (contrazione di flat tax) la disgraziata rispose “naturalmente a debito”.
        Non avrei scommesso su questo governo ma sono stupefatto del fatto come riesca a marcare la differenza di concretezza rispetto al precedente.
        Il precedente governo era quello del cambiamento urlato.
        Un governo che aveva coltivato un livello di tensione altissima
        Il governo del cambiamento era il governo dell’isterismo permanente
        Di maio fortunatamente è sempre più ridimensionato è marginale , apprezzo la strategia di cloroformizzazione che lo rende non pericoloso

        1. The preacher scrive:

          Zwirner il taglio dei parlamentari non è assolutamente una sciocchezza ma un passo avanti per liberare il paese di un costo che si è rivelato inutile fino adesso. Il paragone politici ladri-italiani bravi e ligi al dovere è stato probabilmente partorito durante una degustazione di cabernet. Si sa benissimo che l’italiano medio non rispetta solitamente le regole e cerca sempre di migliorare il suo orticello. Ma se l’italiano medio è diventato tale è anche per gli esempi che ci sono arrivati dalla politica negli ultimi 25 anni. Potrebbe essere una buona chiave di lettura invece un cambio di mentalità generazionale. Chiaro che sarebbe da ridurre anche il carrozzone di uscieri, barbieri, cuochi e addetti agli orologi ma una cosa per volta. Arriverà anche questo nell’ottica di una spending review continuamente strombazzata. Io abolirei anche il finanziamento pubblico ai giornali, pensi un pò. Il discorso Alitalia è un’altra cosa. Un paese come l’Italia deve avere una compagnia di bandiera ma se si pensa che fino a poco tempo fa era sull’orlo del fallimento, direi che ci sia stato un mezzo miracolo. Non solo i figli delle hostess volano gratis ma anche i figli dei ferrovieri, che sono molti ma molti di più dei figli delle hostess Alitalia. Zwirner, lei molto probabilmente fa una vita agiata, ben lontana dalla vita dei milioni di italiani che fanno fatica o non ci arrivano nemmeno a fine mese. Si può parlare anche di rispetto verso questa categoria di persone che vedono nei privilegi dei parlamentari un insulto alla loro vita in quanto, di concreto, per il Paese è stato fatto poco o niente. Il signor Mario la mattina di oggi, come la mattina di 25 anni fa, si alza alla mattina e va a lavorare per poter avere una vita dignitosa. Il suo post, direttore, è un calderone di luoghi comuni da bar che punta solo il dito senza menzionare alcuna soluzione. Divertente ma inutile.

          • martello carlo scrive:

            THE PREACHER, cosa ne dici se eliminiamo anche il SENATO, come sarebbe giusto e poi la CAMERA, mettendoci al loro posto ROUSSEAU?

            • The preacher scrive:

              Ciao Carlo…leggo tra le righe una sottile ironia… :) Ci avevano provato ad abolire il Senato ma il popolo italiano (me compreso) ha detto di no! Non credo proprio che il dimezzamento dei parlamentari sia la strada per una dittattura, suvvia…..E cmq ti ricordo che un governo del genere si è creato per il suicidio politico di Salvini. Se non avesse fatto quella cazzata adesso staremo a parlare di altro (magari dell’ennesimo blocco di 15 mori al largo di Lampedusa).

              • martello carlo scrive:

                Caro PREACHER, ti ricordo la favoletta del GRILLO PARLANTE che raccontava di un parlamento da aprire come una scatoletta di tonno per passare poi alla ” democrazia in diretta streaming ” eliminando il parlamento e far nascere il mondo di “GAIA” made in Casaleggio. Se questa non è la strada verso la dittatura, devi ammettere che lo è quanto meno per l’anarchia ed una grossa fregatura tecnologica alla MATRIX
                Quanto al suicidio di SALVINI, è stato completamente ininfluente sulla riduzione dei parlamentari ( ho già espresso il mio disaccordo sul voto favorevole della Lega ) e quindi ne staremmo a parlare ugualmente, mentre di sicuro non staremmo a parlare di MIGLIAIA di MORI ( seconda ondata da TEOLOGIA DELL’IMMIGRAZIONE FRANCESCANA ) ma solo fortunatamente ( per me e sfortunatamente per te ) di qualche decina.
                Ciao

          1. MARC LEGRET scrive:

            Buongiorno

            Sono un individuo che offre prestiti a livello internazionale. Con il capitale
            che sarà utilizzato per concedere prestiti a breve e a lungo termine tra privati
            1500 € a 500.000 € per tutte le persone serie che sono nel bisogno reale, il tasso
            di interesse è del 2% annuo. Garantisco prestiti finanziari, mutui, prestiti per investimenti,
            Prestito auto, prestito personale. Sono disponibile a soddisfare i miei clienti in un massimo di 3 giorni dopo il
            ricevuta del modulo di domanda.
            Contatto: marclegret@gmail.com

            1. Marco.com scrive:

              Ma quale ossessione di salvini, almeno per quello che mi riguarda. È vero o non è vero che Q100 e RdC sono misure di sx mentre quelle di Renzi sono state più di stampo (in campo economico) più ispirate al liberismo che al comunismo?

              Obiettivamente, è vero o non è vero che con lo spread alto provocato dalle teste calde ci ha danneggiati a noi italiani?
              È uno sforzo così grande provare a liberarsi dalla propaganda?
              La domanda naturalmente non riguarda il cagnolino bau bau

              • Silvestro scrive:

                Più che classificare i provvedimenti di destra o sinistra, che è una distinzione sempre più sfumata, credo siano importanti altri parametri:

                a) QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEL PROVVEDIMENTO.
                Tanto più ambiziosi e miracolistici sono gli obiettivi, maggiori sono le aspettative (e quindi anche il consenso). C’è poi una questione di toni con cui lo promuovi: Se la norma definita ‘elementare’ che l’ottusità dei predecessori non aveva mai considerato, se magari non funziona come promesso la delusione può diventare beffa o protesta.

                b) COME VIENE REALIZZATO.
                Dare per scontato che con l’approvazione del Parlamento sia tutto risolto è un’altra delle certezze fuorvianti. Ci sono i decreti attuativi, le competenze dei vari Ministeri e quelle territoriali, con inevitabili divergenze. C’è poi l’applicazione pratica negli uffici, procedure informatiche, adeguamento/informazione degli organici. C’è infine la burocrazia, che a parole tutti vorrebbero semplificare, ma che all’occorrenza è un buon sistema per limitare gli aventi diritto, e ostacolare le domande.

                c) SOSTENIBILITA’ DEL PROVVEDIMENTO.
                Riguarda l’ambito nazionale per il finanziamento della legge; l’aspetto temporale perché vanno valutate anche le ricadute sul medio periodo (le esperienze ci dicono che un diritto acquisito difficilmente poi si riesce a ritirarlo); l’aspetto internazionale perché non si può agire in contrasto con norme e trattati internazionali senza aver ben valutato le conseguenze politiche.

              • martello carlo scrive:

                Smentire che MARCHETTA abbia l’ossessione per SALVINI è come smentire che sia un devoto papista plagiato dalla TEOLOGIA DELLA IMMIGRAZIONE FRANCESCANA.
                Stupisce il fatto che, invece di preoccuparsi di come vengano spesi i denari dell’OBOLO DI S. PIETRO, si preoccupi delle politiche salviniane in favore della povertà, del lavoro e delle politiche di contrasto ad una UE serva del grande capitale, delle banche ( compreso lo IOR ).
                A pensarci bene, come “can no magna can”, SERVO NO MAGNA SERVO, per cui MARCHETTA è soddisfatto del governo TRUMP/GIUSEPPI, alias il governo delle tasse: tasse VERDI, tasse BIANCO SUGAR, tasse ROSA PANNOLINO, tasse NERO MIGRANTE, insomma tasse di tutti i colori, esattamente quello che ci vuole per rilanciare le imprese, cioè il PIL che, a parte le menti libere dalla propaganda, tutti sanno che deve salire sopra il 2% per pensare di ridurre il debito pubblico.
                Naturalmente la ITALTROIKA GUALTIERI/ SASSOLI/GENTILONI si guarda bene da cercare di cambiare il FISCAL COMPACT: le grandi manate sulle spalle si trasformerebbero in pedate sul lato B come successo con EPOCALE ACCORDO SUI MIGRANTI
                Quindi, dobbiamo continuare nella direzione del baratro, sopportando che tutti sforino il 3%, mentre noi dobbiamo stare dietro la lavagna come ASINI degni di MARCHETTA.
                DEFICIT PIL IN UE:
                - Italia fuori parametro per 3 anni; Spagna per 10, Francia 9, Portogallo 8 e la Germania per 2
                - livelli nel 2010: IRLANDA32,1%, PORTOGALLO l’11,2%, GRECIA 11,2, REGNO UNITO il 9,4%, SPAGNA 9,4% ( nel 2009 11,0% (ma l’anno prima si era raggiunto l’11%), FRANCIA 6,9%.
                Qualcuno ha ancora il coraggio di affermare che la crisi dello spread non è cominciata per far fuori BERLUSCONI e mandare al potere i MUGIK del PD?
                Qualche MARCHETTARO ha ancora il coraggio di denunciare, come ha fatto SALVINI che per questa europa va rivoltata come un calzino almeno per quanto riguarda l’atteggiamento imperialista franco tedesco nei confronti dell’Italia…. e non mi si tiri fuori il solito ritornello dell’entità del debito.

              1. bardamu scrive:

                Sottoscrivo dalla prima all’ultima parola quanto scritto da Zwirner. La riforma che avrebbe semplificato realmente l’iter legislativo è stata bocciata dal popolo italiano perché lo sbruffoncello l’aveva trasformata in un referendum pro o contro la sua persona.

                • marco.com scrive:

                  L’argomentazione del barda è la stessa alla base del defenestramento temporaneo del maggior sbruffone italiano alias il dj-salvino

                  Se non vado errato Zwirner al referendum di renzi si espresse a favore di Renzi

                  • bardamu scrive:

                    Non ho capito il senso della prima frase. Sul referendum anch’io, e molti amici di destra, votai a favore, non certo per fare un favore a renzi, che rimane il top degli sbruffoni ( non c’è gara ), ma per fare un favore all’Italia.

                    • Marco.com scrive:

                      Il senso è questo: pur di non consentire di darla vinta a Renzi il 60% di coloro che sono andati a votare al referendum ha votato NO. A favore del NO si erano pronunciati m5s Lega FI e quelli che si definiscono a sx del pd

                      È assai verosimile che se al referendum avesse vinto il SI, le elezioni del 2018 (alla scadenza naturale della legislatura) avrebbero determinato 5 anni di governo di dx

                      Ad agosto 2019 è successa una cosa simile: pur di non consegnare il governo a qualcuno (il dj-salvino) si è costituita una forza ad escludendum

                      Chi sia più sbruffone fra Renzi e il dj-salvino è una questione evidentemente di opinioni.
                      Io non ho dubbi che il campione degli sbruffoni sia il dj-salvino che in sbruffonaggine vince 6-0 6-0 6-0 contro tutti
                      Il dj-salvino per esempio ad agosto ha affermato che lui aveva già in tasca una manovra di 50 miliardi per il nuovo miracolo italiano.
                      L’avesse pronta, la pubblicasse.
                      Il dj-salvino cosa ha fatto? Una guerra simbolica contro le ong , voluto una operazione di sx come Q100 e votato una misura di pura sx come il RdC
                      Per il resto ha fatto tanta propaganda. Organizzava degli eventi istituzionali nei luoghi dove poi faceva comizi di propaganda elettorale. Un furbetto degno del miglior napoletano
                      Come puoi vedere ho usato fatti precisi senza entrare nelle faziosità tipiche del bar

                      • bardamu scrive:

                        Ribadisco che non c’entra nulla con quanto ho scritto molto brevemente all’inizio: se renzi non avesse fatto l’errore di trasformare quella consultazione su un referendum pro o contro la sua persona la riforma sarebbe con tutta probabilità passata, perché era puro buon senso e l’ha votata anche chi, come me, non era di sinistra e non apprezzava renzi. Quella era una riforma sensata, il taglio dei parlamentari puro e semplice è fumo negli occhi, e forse è anche un ( inconsapevole ? ) favore alle lobbies.
                        Voler infilare salvini in questo ragionamento mi sembra incongruo.
                        Ma alcuni vivono di ossessioni: prima era silvio, ora salvini. E sempre, immarcescibile, il Duce ( quello nella classifica delle ossessioni non tramonta mai ).

                1. Gatón scrive:

                  Per mantenere l’equilibrio andrebbe ridotto proporzionalmente anche il numero dei senatori a vita.

                  1. wallace scrive:

                    hanno fatto
                    tutto solo per accaparrarsi, secondo loro, voti, visto che siamo governati da chi la maggioranza non ce l ha. Legge stupida e idiota, potevano eliminare il senato e tenere un parlamento unico. E inutile votare leggi che passano in parlamento, poi il senato te le boccia, poi ritornano modificate. Alla fine non sono più quelle di patenza, ma una accozzaglia solo x accontentare i senatori di turno. Il senato ormai non ha piu ragione di esistere, basta un unica camera. Per quanto riguarda i 500 ml l anno risparmiati, su 340 parlamentari, non so di cosa parlano. Vuol dire che un parlamentare ci costa più di un ml all anno????? va bene il ladrocinio, ma fino a questo punto non credo. Purtroppo fino a nuove elezioni ci tocchera sorbirci questi. A proposito, adesso che il cattivo salvini non c e più, come mai la sinistra non va in piazza a dire che 30 persone sono naufragate, dato che sono riprese a iosa le partenze dalla libia?

                    1. martello carlo scrive:

                      Non posso nemmeno dire che sono contento per la rabbia di MARCHETTA nel dover sopportare il sorrisetto di DI MAIO trasformatosi in un SORRISONE da spot della CHLORODONT: questa volta soffro con lui.
                      Per sapere come la penso, basta andare a vedere l’intervento di SGARBI.

                      Il taglio così TRANCHANT dei parlamentari è semplice DEMAGOGIA DISTILLATA, un tranello cui nessuno è riuscito a sottrarsi, nemmeno la LEGA, la cui giustificazione RIDICOLA è la lealtà verso un provvedimento già votato controvoglia in un governo che NON ESISTE PIU’, ponendosi alla pari di chi l’ha votato SOLO PER ESTROMETTERLA DAL PROBABILE LEGITTIMO GOVERNO DEL PAESE e facendo di DI MAIO un politico di livello stratosferico rispetto ala realtà.
                      Questa delegittimazione del Parlamento, cominciata con tangentopoli, lo rende ancora più fragile nei confronti dei poteri forti ( mafia compresa ) e della MAGISTRATURA, sulla quale NON SI RIESCE, NONOSTANTE TUTTI GLI SCANDALI , ANCHE RECENTI E LA SUA INCOSTITUZIONALE INTERFERENZA COL POTERE LEGISLATIVO, A TENERE ACCESI I RIFLETTORI PER PORTARE A TERMINE UNA RIFORMA , QUESTA SI’ INDILAZIONABILE.
                      Vorrei capire ( tra l’altro anche l’età degli elettori verrà unificata ), quale senso abbia mantenere in vita 2 rami del parlamento con gli stessi identici compiti ed elettori.

                      UNA COSA E’ CERTA: IL PD E’ COMPLETAMENTE SUCCUBE DI UNA MASNADA DI SCIPPATORI DI POLTRONE SENZA PREPARAZIONE ( se non qualche frequentazione alla LINK CAMPUS UNIVERSITY ), INTENTO COM’ E’ A LECCARE LE MANI DI CHI CONTA A BRUXELLES.

                      NON L’AVREI MAI CREDUTO.

                      1. martello carlo scrive:

                        Trolls, usurai, mafiosi, cravattari, riciclatori di denaro sporco oppure benefattori, qualsiasi cosa siano, ne va fermata la proliferazione, anzi vanno decisamente azzerati.
                        Grazie.
                        Intanto bisogna evitare assolutamente di cliccare sull’indirizzo mail.

                        1. Stephane scrive:

                          Buongiorno

                          Io sono una persona che si offre di prestare denaro a chiunque abbia bisogno di buon carattere e che desiderano acquisire per fare buon uso di.
                          Vi prego di contattarmi per ulteriori informazioni sui miei termini di prestito. Faccio prestiti a chiunque sia in grado di ripagare con un tasso di interesse del 3% a breve, medio e lungo termine per chiunque abbia bisogno di creare piccole imprese, investimenti personali.
                          Per questo motivo i loro interessi saranno accessibili a seconda dell’importo richiesto.
                          Contattami oggi e fammi sapere quanti soldi vuoi prestare.
                          Sono pronto a soddisfarti Ecco la mia
                          E-mail: stephanemateo10@gmail.com

                          1. wallace scrive:

                            il bello e il brutto
                            di internet..il bello, i commenti di persone libere che esprimono il loro parere. Il brutto, questi cravattari usurai che riempiono di spam questo sito. Forse voi del sito dovreste bloccarli, non credete??

                            1. Esule Valtellina scrive:

                              Cravatte e Miserie

                              Appello a Telenuovo per impedire la pubblicità agli usurai sul suo sito e sui suoi blog…abbiamo letto anche di altri in questi giorni.
                              per dire la mia sono d'accordo con Zwirner sul tema c'è ben altro…però intanto va bene ridurre i parlamentari…anche perché fino ad ora con tutti i loro predecessori si sono rivelati complici di tutto quel ben altro che fa parte del sistema Italia.
                              La strada è ancora molto lunga…ma va imboccata.

                              1. Riccardo scrive:

                                parlamento unicamerale
                                fatto di 100 parlamentare
                                60 della maggioranza
                                40 dell'opposizione
                                pagati bene e che timbrino in cartellino.
                                troppo difficile?

                                1. Lona scrive:

                                  oltre ad eliminare i cravattari e strozzini del web come ines perano dei miei cog….

                                  1. Lona scrive:

                                    A me bastebbe che facessero pagare ai tesserati PDioti i 108 milioni di debiti creati dal fallito giornale dell UNITÀ. Oltre a giggino.

                                    1. Ines Perano scrive:

                                      INCREDIBILE MA VERO

                                      Sono Ines di nazionalità italiana Città: castaglione del lago

                                      Sono molto felice oggi grazie a questo prestito di 65.000 € ottenuto dal sig. LEROY ho finito per trovare una persona di buon cuore e parola che mi ha concesso il prestito di denaro che desideravo da anni e grazie a lui sono stato in grado di realizzare i miei sogni e di ripagare i miei debiti.
                                      Mi fido solo del signor LEROY Andre e in 24 ore ho già i soldi sul mio conto
                                      che Dio stia lodando, te lo offro per tutti i tuoi problemi finanziari un singolo indirizzo molto sicuro e affidabile, la mia vita ha preso un’altra svolta. Vuoi pagare l’auto dei tuoi sogni o una casa o se vuoi fare un investimento un prestito per avviare la tua attività e altri …, contatta Mr LEROY Andre.

                                      La sua email: andre11leroy@gmail.com

                                      1. marco.com scrive:

                                        A me basterebbe che tagliassero un parlamentare
                                        Uno ben preciso: giggino di maio
                                        Questo qua ci costa centomila volte tanto tutto l’apparato statale
                                        Purtroppo è stato eletto regolarmente dagli italiani
                                        Quindi mi tocca tenerlo

                                      Lascia un Commento

                                      Accetto i termini e condizioni del servizio

                                      Accetto i termini sulla privacy

                                      *