05
ott 2020
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 25 Commenti
VISUALIZZAZIONI

653

COSENTINO, IL VERO SEQUESTRO DI PERSONA

Teoricamente anche l’Asl di Napoli potrebbe essere denunciata per sequestro di persona: ha obbligato i giocatori partenopei a restare in città, ha impedito loro di andare a Torino a giocare con la Juve; creando gravi danni non solo alla società di De Laurentis ma all’intero sistema calcistico.

Le accuse a Matteo Salvini sono diventate una farsa, che sta producendo più vantaggi che danni al leader della Lega.

Ma il vero sequestro di persona è un altro, quello subito da Nacola Cosentino: costretto a restare, non quattro giorni su una nave, ma oltre tre anni in carcere; salvo venire in questi giorni assolto.

I media hanno ignorato questa autentica barbarie giudiziaria, la lunga carcerazione preventiva, prevista – tra le democrazie europee – solo nel nostro Paese.

Qualche articolo su alcuni giornali, silenzio totale della Rai, ampio risalto solo sul Riformista il giornale on line (di sinistra) diretto da Piero Sansonetti, unico media davvero garantista.

Sansonetti ha spiegato che, grazie anche al decreto “spazzacorrotti”, la carcerazione preventiva dilaga sempre più nel nostro Paese. Quando sarebbero comunque più che sufficienti gli arresti domiciliari di fronte all’ipotesi – sempre messa in campo da certi magistrati – del pericolo di fuga o di reiterazione del reato.

Andrebbero o no processati per vero e autentico sequestro di persona quei pm che hanno lasciato per oltre 3 anni in carcere Nicola Cosentino? Non se ne parla. Per quante ne abbiano combinate certe toghe da Enzo Tortora in avanti non c’è notizia di una sola seria sanzione a loro carico.

Anche oggi, di fronte allo scandalo Palamara, si parla massimo di dimissioni dal Csm. Cose se a suo tempo fosse bastato far dimettere Cosentino da parlamentare e responsabile di Forza Italia in Campania…

Arriverà mai una seria riforma della giustizia, basata sulla separazione delle carriere e una precisa responsabilità giudiziaria dei magistrati che sbagliano (come avviene, tanto per dire, con i medici)? No, non arriverà mai. A meno che il politico che dovesse proporla non voglia rischiare di finire in carcere preventivo…

 

653 VISUALIZZAZIONI

25 risposte a “COSENTINO, IL VERO SEQUESTRO DI PERSONA”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    BENE: il GOVERNO ha deciso di riprendere con l’invito al mondo, come fosse PAPA FRANCESCO, di venire in italia, un PESE EX STATO, senza più confini da cui si entra evangelicamente attraverso un arco benedetto senza alcun diritto se non quello IMPOSTO da un partito il PD la cui unica ragione sociale è combattere SALVINI quale usurpatore ( una volta del PCI ) del potere popolare essendo stato eletto dal popolo stesso proprio per fermare quell’IMBARBARIMENTO dell’Italia che adesso viene rinfocolato…. rinfocolato.come la divisione tra ESTABLISHMENT IMPOSTORE agli ordini del VATICANO e di BRUXELLES e la gente comune, fatta eccezione per TOSCANA; EMILIA, CAMPANIA E PUGLIA che i migranti se li meritano proprio.
    BENE, questo è sempre meno il MIO GOVERNO, anzi, NON LO E’ PROPRIO, tanto più che non sono né comunista, né credente e sono scettico nei confronti dell’europa, quindi il mio comportamento nei confronti di tutto ciò che riguarda la migrazione, i suoi interpreti e le sue conseguenze, sia pur nell’ambito della legalità, sarà CONTRO.
    Tutto ciò che mi sarà consentito di fare CONTRO, LO FARO’, in quanto IMPOSTOMI, CREATO SPESSO PER INTRERESSI INCONFESSABILI e A SCAPITO DEL POPOLO ITALIANO, pur rendendomi conto che sarò contro anche a povera gente incolpevole, spesso meritevole.
    Ho visto iersera com’è ridotto il centro di PALERMO in mano APERTAMENTE, SFRONTATAMENTE, VIOLENTEMENTE a TRIBU’ DI PUSHER STRAFOTTENTI DELLA MAFIA NIGERIANA….
    A PALERMO, SICILIA!!!!
    Ho capito cosa voleva dire la MARAVENTANO parlando della “nostra” mafia che stiamo cancellando….. perché la stiamo cancellando ma non per eliminare la malavita, bensì per abbandonare il territorio a questi stramaledetti spacciatori di morte che a sciami stanno invadendo tutte le piazze italiane, da MILANO fino a PRATO, per passare da MACERATA, che hanno trovato in italia il paese ideale per fare i loro sporchi comodi, sotto il naso di ORLANDO, il quale forse giustificherà la situazione con l’esigenza di questi poveri. pii nigeriani di migliorare le loro misere condizioni di vita…..
    DICO IO, MA NON C’E’ NESSUN PM CHE LO INDAGGHI E DENUNCI PER OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO?
    SOLO SALVINI E LA LEGA VENGONO INDAGATI?
    Certo, non è tutto così, c’è pure CASTELVOLTURNO, ci sono gli SCHIAVI e la BELLANOVA che dentro i problemi ci entra…. e si vede: PIANTI PREMONITORI, come quello della FORNERO.
    SIAMO IN BUONE MANI, manca solo che si metta a piangere la AZZOLINA e SIAMO A POSTO, come i BANCHI A ROTELLE

    DECISAMENTE QUESTO NON E’ IL MIO GOVERNO. E’ UN GOVERNO DA PIANGERE.
    NE TRARRO’, RIPETO, TUTTE LE CONSEGUENZE…. e penso che NON SARO’ IL SOLO.
    RESISTENZA CIVILE.

    • Mario56 scrive:

      Forse tu non hai capito bene …
      SE NON È IL T U O. GOVERNO DEVI OSSERVARE LE NORME EMANATE!

      Tutto il resto sono le tue ORMAI STANCANTI tiretere dei luoghi comuni, un gran minestrone di arroganza, disobbedienza, sciocchezze d’ogni genere.

      E … indossa la mascherina e
      SCARICA IMMUNI!!

      • martello carlo scrive:

        PEPPONE, limitati a fare da VIRGOLA, che vai bene, ma non pretendere di impostare un dibattito o di dare ordini da SERVO ad altri che non lo sono ma che non per questo non fanno ciò che è giusto fare, senza bisogno del COMITATO CENTRALE.
        Questo è un governo tenuto su con dei DEPUTATI E SENATORI FANTASMA, ONOREVOLI PER CASO, come i NAVIGATOR e persino tu l’hai capito, dal momento che di fronte ai suoi problemi reali ti STRESSI.
        GOVERNO PER CASO che pretende di risolvere i problemi del mondo, soccombendo ad un potere che non è terreno ma solo teologico, addossandone il compito esclusivamente all’Italia: non ho mai sentito il papa tuonare contro o sollecitare l’EUROPA a risolvere il problema dei migranti, cominciando magari dalla FRANCIA che le sue grosse responsabilità in Africa ce le ha, né contro il LANDGRABBING, soprattutto cinese, nel continente nero.
        Io non ho parlato di DISOBBEDIENZA CIVILE, ho parlato di RESISTENZA CIVILE: osservanza delle NORME IMPOSTEMI, ma senza contribuirvi. Il mio atteggiamento MORALE E PRATICO che si può esprimere in mille modi ed è fondamentale per il successo delle norme di cui sopra, sarà ANTAGONISTA.
        Se ciò si tradurrà in un atteggiamento di massa calare quelle norme nella vita reale sarà moolto problematico
        Esci dal guscio della tua sezione di paese e comincia a guardarti fuori: certo non avrai problemi a trovare la droga e chi la spaccia, quindi non t’incazzare…… e non fare il maestrino che non ne hai l’abilitazione.

    1. Mario56 scrive:

      ARRIVA LA SECONDA ONDATA.
      Il Covid dilaga per l’Italia e per tutta Europa. Salgono i decessi e i ricoveri.
      Occorre frenare i contagi con i mezzi che la scienza ci mette a disposizione e con le risorse che abbiamo.
      Viene chiesto a TUTTI responsabilità e collaborazione,
      VIENE COINVOLTA L’OPPOSIZIONE, che si è sempre lamentata di non essere interpellata nelle decisioni,
      MA …
      QUESTI CIALTRONI, GIOCANO AD ASTUZIE E OSTRUZIONISMO chiedendo il numero legale,
      E OGGI
      … OGGI NON VOTANO …
      … CHIAMANDOSI FUORI.

      VERGOGNA!

      1. Andrea scrive:

        Cosentino ha una condanna definitiva a 4 anni per corruzione di un agente della polizia penitenziaria.
        Strano che Lei non lo sappia, Sig.Zwirner. O forse no.

        Fa veramente ridere che si stracci le vesti per Cosentino, ma ognuno ha diritto ad avere le perversioni che preferisce.

        • martello carlo scrive:

          RIDI RIDI CHE LA MAMMA HA FATTI GLI GNOCCHI….
          In effetti c’è da ridere per la vicenda che sa tanto di sceneggiata NAPULITANA: la corruzione, che gli è costata 4 ANNI DI CARCERE per avere da un agente DEI VESTITI, 1 IPOD E DEL CIBO (NIENTEPOPODIMENO ).
          L’assurdo è che COSENTINO ERA IN CARCERE PER UN?ACCUSA DA CUI E’ STATO PROSCIOLTO.

          NON auguro, nemmeno ai giustizialisti perversi a un tanto al chilo come te, di finire nelle sgrinfie della giustizia italiana.
          CIAO.

          • Mario56 scrive:

            Non auguri a nessuno di finire nel tritacarne della giustizia, tranne PALAMARA?
            E cosa avrebbe fatto?

            • martello carlo scrive:

              Dai, non menare il can per l’aia….
              Su PALAMARA, da quanto si potrebbe evincere da alcune intercettazioni, ruotava tutta l’organizzazione di assegnazione delle procure, in primis quella romana, delle promozioni, con riflessi sulla interferenza della magistratura in politica e a processi in corso.
              Dalle intercettazioni è casualmente saltata fuori una conversazione su SALVINI diventata virale, in cui il PM AURIEMMA si chiedeva quale reato avesse potuto commettere nel contrastare l’arrivo irregolare dei migranti nel nostro paese e cosa c’entrasse la PROCURA DI AGRIGENTO.
              La risposta di PALAMARA fu che aveva le stesse convinzioni, ma che ” ORA BISOGNA ATTACCARLO “.
              NATURALMENTE TU A PALEMARA DARESTI UNA MEDAGLIA, VERO?

              • Mario56 scrive:

                Nessuna sentenza finora.
                SOLO INTERCETTAZIONI DA VALUTARE .
                Siamo al SI DICE, SI PENSA, AVREBBE, POTREBBE …

                Tutto indefinito, fumoso … per la giustizia.
                Per la politica, invece da condannare sicuramente il metodo Palamara.

                Ps
                Pure Salvini è finora innocente…
                ma politicamente il suo metodo e le sue leggi scellerate
                SONO DA CONDANNARE

        • marco.com scrive:

          Caro Andrea, benvenuto.

          La storia nasce nel 1994.
          L’ex PCI, unico non toccato da Tangentopoli si apprestava a governare.
          Entra Berlusconi e soffia l’accesso al potere all’ex PCI.
          Berlusconi è chiaramente a doppio filo con il precedente assetto di potere, in particolare quello craxiano. Senza quella connessione, nonostante le eccezionali capacità di imprenditore, non avrebbe fondato il regno di Mediaset. Berlusconi fa una montagna di soldi con la vendita della pubblicità televisiva. Merito suo. Il pubblico lo ha seguito. Merito suo.
          Ma si presenta candido come la neve. Un sogno per chi ha sempre avversato il PCI.
          La Magistratura lo mette sotto lente di ingrandimento. Ci vuole poco a scoprire fatti e misfatti.
          Ci vuole poco a scoprire comportamenti border line.

          Gli avversari del PCI ci mettono poco a fare l’equazione: la magistratura è rossa e quindi la sua azione è mirata a colpire l’avversario Berlusconi per far governare i nipotini di stalin, contro la volontà popolare.

          Siamo ancora a questa lettura.

          Pensare che si applicasse il “cui prodest”, bisognerebbe dedurre senza tema di sbagliare che la magistratura è diventata leghista. Continua a dirlo anche il dir Zwirner: più la magistratura attacca il leader della lega, più il popolo si schiera con il leader della lega.

          Di entrare nel merito delle questioni, non se ne parla. Troppo difficile? e’ chiedere troppo ? Assolutamente “SI”

        • Mario56 scrive:

          https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/22/nicola-cosentino-condannato-per-corruzione-a-quattro-anni-tangenti-a-un-agente-di-polizia-penitenziaria/2852718/

          FORSE LA VECCHIAIA CHE AVANZA O FORSE…
          B U G I E V E R E E. P R O P R I E !

          CI POSSIAMO FIDARE ANCORA DELLE NOTIZIE DI ZWIRNER E TELENUOVO??

        • Mario56 scrive:

          Zwirner si straccia le vesti per tutti quei delinquenti in cravatta e camicia bianca, specie se politici di destra.
          Presenta Salvini come un martire, invece di chiamarlo col nome corretto: uno sciacallo che USA TUTTO, DA POVERI MIGRANTI, AL COVID PER…
          … FARE PROPAGANDA POLITICA.
          I destri vogliono piegare a loro favore la magistratura…
          … questo è ignobile e vergognoso!

        1. Marco.com scrive:

          Per concludere, caro Andrea, gentile audience, se non fosse chiaro dove volevo arrivare: qualsiasi indagine, qualsiasi atto della magistratura che vada contro i misfatti della dx, sarà considerato un attacco politico.
          Con questo mantra la dx può fare quello che vuole tanto potrà sempre giustificarsi.

          Vale anche per Cosentino.

          Lo stesso meccanismo viene usato anche contro l’establishment, le élite. Trump può fare quello che vuole: sarà giustificato a priori.
          Non contano i fatti, conta l’obiettivo politico. Niente di originale, no?
          Chissà se il dottore (medico) di questo blog esulterà anche quest’anno per la vittoria del suprematista bianco contro i radical chic.

          PS @M.o.dA. vedi intervista a faggin

          1. Mario56 scrive:

            Scaricate quotidianamente app che tutto sanno di voi, in che ristoranti andate, che percorsi avere fatto , cosa comprate e non temete la privacy…
            … MA LA APP IMMUNI CHE SERVE A COMBATTERE LA PANDEMIA NON LA SCARICATE…
            …PER I PIÙ CRETINI MOTIVI.

            SALVINI NON LA SCARICA … SCARICHIAMOLA QUINDI NOI TUTTI
            PER IL BENE DEL PAESE, PER LA SCONFITTA DEL COVID …
            … E PER LASCIARE SALVINI COL CERINO IN MANO

            1. martello carlo scrive:

              @ marco.com 5 ottobre 2020 alle 18:13

              Gran bella analisi, liscia liscia; scorre come l’olio nel frantoio che ti interessa: quello delle balle per screditare, da parte della DX, la magistratura ( originalissima trovata di MARIO56 ) di cui il processo a SALVINI è parte fondamentale.
              Sembra che tu la pensi come lui, il che mi delude non poco in quanto tesi che porta dritti dritti, attraverso una natura incorreggibilmente assolutistica, al PARTITO UNICO.
              Analisi liscia liscia sì, ma c’è un MA…., c’è un MACIGNO grande come il monte TOC ( che mi torna in mente spesso in questo momento di frane di ogni tipo )…. MA come MAGISTRATURA DEMOCRATICA.

              —-Già parecchi anni fa a GARDONE, in un convegno di magistrati di tale “corrente” si sostenne la necessità che la magistratura assumesse un PROPRIO RUOLO POLITICO, e ciò per la considerazione che la funzione giurisdizionale ” E’ UN’ATTIVITA’ ESSENZIALMENTE POLITICA ” e ancora, a TRIESTE , si sostenne che, essendo l’IMPARZIALITA’ DEL GIUDICE UNA MERA UTOPIA, fosse NECESSARIA, ANZI DOVEROSA LA SUA POLITICIZZAZIONE, e quindi ” prendere le parte di una o dell’altra parte politica, dell’una o dell’altra classe e conformarne la propria attivittà GIURISDIZIONALE “.
              Ma MD è andata oltre: in una mozione approvata il 30/11/1969 ( quindi in piena rivoluzione sessantottesca che avrebbe dato i natali a molte carriere in magistratura – NDR ), si è auspicata una SELEZIONE POLITICA DEI MAGISTRATI in violazione dell’art.51 1° comma della COSTITUZIONE che prevede la selezione sulla base della COMPETENZA TECNICA
              SI AUSPICAVA INSOMMA UN CONTROLLO IDEOLOGICO SUI GIUDICI ( e ciò spiega anche il DISASTROSO funzionamemnto della giustizia italiana – NDR ).
              GIORGIO BOCCA ( nomen omen ) ammise che MD abbia cercato un PROTETTORE NEL PARTITO COMUNISTA )—-
              DA ” MAGISTRATURA E POLITICA ” PARTE PRIMA.

              Mi sembra, questa, una buona base di partenza per rivedere tutta la storiella tua, di TANGENTOPOLI e di tutto ciò che è successo dopo.
              OGGI SIAMO AL LIVELLO CHE IL PD e CIOE’ IL PCI + la DC ( nuovo corso francescano ), manda a processo un MINISTRO DEGLI INTERNI perché si è opposto alla distruzione dei confini che sono il fondamento di uno STATO ( ma l’Italia LO E’? ).
              Finché ci saranno ancora i comunisti trogloditi alla PEPPONE ( che pensano che alla gente non interessi la GIUSTIZIA ma la FAVOLETTA METROPOLITANA DE FANTASMAGORICI 49 MLN DELLA LEGA ) e i gesuiti missionari al contrario, CERTAMENTE NO: si cercherà di sostituire l’inno nazionale con ” BELLA CIAO ”
              COSA C’E’ DI PIU’ FOMENTATORE DI ODIO IN UNA SOCIETA’ SE NON L’INGIUSTIZIA?
              QUALCUNO, PER TORNARE AL BELLISSIMO TOPIC DI ZWIRNER NON DOVREBBE FINIRE DRITTO DRITTO IN GALERA?

              • Mario56 scrive:

                Ma quali confini della patria infranti?
                Io non vedo che migranti sfruttati da AGRICOLTORI, GENTAGLIA SENZA SCRUPOLI e lava… di anziani italiani rappresentino
                IL PERICOLO DEL PAESE.
                IL VERO PROBLEMA PER L’ITALIA…
                … SONO QUEI POLITICI CHE LUCRANO SU QUESTE TRISTI VICENDE…
                … COME SALVINI E COMPANY

              1. martello carlo scrive:

                LA STAMPA – LUNEDI 5 SETTEMBRE
                ” IL CASO – IL VIRUS CONTAGIA I SOVRANISTI.

                LA CADUTA DEGLI INVINCIBILI “.
                Donatella Di Cesare
                Che tempismo Donatella!

                Domani ” LA STAMPA” dovrebbe intitolare: ” ABBIAMO UN DIRETTORE SOVRANISTA:”

                IH IH

                • Mario56 scrive:

                  Giannini non si è mai definito INVINCIBILE, quindi può accadere. Diverso il discorso per i sovranisti – negazionisti che quando accade vengono inevitabilmente DERISI! O PRESI PER IL …

                  • martello carlo scrive:

                    No ma prende per frondelli coloro i quali, se sono meno fissati sul covid, si “ammalano definendoli NEGAZIONISTI tout court.
                    Sai cosa sto pensando? Mi frulla per la mente la pazza idea: che alla fin fine, di questo passo si arriverà veramente all’immunità di gregge e probabilmente, indipendentemente dai diversi provvedimenti si arriverà allo stesso risultato epidemiologico, solo che chi ha adottato restrizioni più severe si troverà in peggiori condizioni economiche

                1. Guido scrive:

                  I nodi vengono sempre al pettine.
                  La Brexit e la grande fuga da Londra: UK perde 1,6 trilioni di dollari di Mauro Speranza
                  Investing.com – La Brexit sta già costando caro al Regno Unito anche a causa della decisione delle grandi società di servizi finanziari di lasciare Londra e la situazione potrebbe peggiorare dal prossimo anno.
                  Secondo un’analisi di Ernst & Young, infatti, le società finanziarie britanniche hanno già spostato verso diversi paesi dell’Unione europea 7.500 dipendenti e attività del valore superiore a 1,2 trilioni di sterline, corrispondenti a 1,6 trilioni di dollari.
                  Da quando la Gran Bretagna ha votato per lasciare il blocco nel 2016, l’industria finanziaria ha aggiunto 2.850 posizioni nell’UE, con Dublino, Lussemburgo e Francoforte quali principali destinazioni.
                  L’emorragia di società e capitali, però, potrebbe non essere terminata in quanto secondo EY sono state annunciate solo nell’ultimo mese circa 400 delocalizzazioni.
                  L’uscita del Regno Unito comporterà per le società finanziarie la perdita del diritto di offrire servizi finanziari in tutta la UE, facendo affidamento solo sul blocco che concede al Regno Unito la cosiddetta equivalenza per fare affari con i clienti della regione, corrispondente fino a un quarto di tutte le entrate di Londra. L’Unione europea, però, potrebbe non concedere tale accesso e le imprese dovranno quindi rafforzare la loro presenza continentale.
                  “Mentre ci avviciniamo rapidamente alla fine del periodo di transizione, alcune aziende sono entrate nelle fasi finali del loro piano Brexit, comprese le delocalizzazioni”, ha affermato Omar Ali, partner di EY.
                  “Le società finanziarie devono assicurare come minimo ai clienti di essere pienamente operative e in grado di servirli anche all’inizio del prossimo anno”, sottolinea, “questo nonostante la pandemia e le conseguenti restrizioni alla circolazione delle persone”. “Molte aziende sono tuttavia ancora in modalità ‘wait and see’ e presto potrebbe annunciare i loro piani di trasferimento”, aggiunge Ali.
                  Questi spostamenti sono ancora ben al di sotto di alcune stime fatte dopo il voto sulla Brexit. Il Think-tank Bruegel dichiarava nel 2018 che Londra potrebbe alla fine perdere 10.000 posti di lavoro nel settore bancario e 20.000 ruoli nel settore dei servizi finanziari, mentre l’ex capo del London Stock Exchange Group (LON:LSE) Plc Xavier Rolet era più pessimista: la Gran Bretagna potrebbe raggiungere i 232.000 posti di lavoro.
                  Il rapporto di EY ha anche notato che ben 24 società di servizi finanziari hanno dichiarato che trasferiranno attività fuori dal Regno Unito in mezzo all’incertezza sulla natura del continuo accesso della City of London al blocco.
                  Per ora, Londra fa ancora la parte del leone nel patrimonio delle banche statunitensi in Europa. Le cinque grandi aziende di Wall Street hanno sostenuto le loro unità britanniche con 136 miliardi di dollari di capitale di base alla fine del 2019, mentre la cifra per l’UE era di 45 miliardi di dollari, anche se sono previsti ulteriori trasferimenti nei prossimi mesi.
                  L’addio di JP Morgan e Goldman Sachs
                  La settimana scorsa, JP Morgan (NYSE:JPM) ha annunciato lo spostamento di asset per 200 miliardi di euro da Londra alla Germania per poi chiedere a 200 banker di lasciare Londra per altre città europee. In questo modo, la banca americana diventerebbe la sesta banca più grande del paese sulla base delle attività dei maggiori istituti di credito commerciale dello scorso anno.
                  Le attività da trasferire corrispondono a poco meno del 10% del bilancio totale di JP Morgan. Secondo le statistiche della Bundesbank, tale migrazione rappresenta quasi la metà delle attività totali detenute dalle filiali tedesche di banche estere alla fine di giugno.
                  Stesse scelte per Goldman Sachs (NYSE:GS) che ha chiesto a un centinaio di suoi banker di lasciare gli uffici di Londra per raggiungere quelli di altre città europee in vista della Brexit.
                  Ai suoi dipendenti che lavorano in aree quali sales, trading e wealth management, Goldman Sachs chiederà di firmare nuovi contratti e di prepararsi a trasferirsi in tempo per il 1 ° gennaio 2021.
                  Da Bloomberg scrivono che le destinazioni del personale potrebbero essere Parigi, Francoforte, Milano e Madrid.

                  1. Mario56 scrive:

                    https://firenze.repubblica.it/cronaca/2020/10/05/news/cascina_pisa_si_profila_il_ribaltone_centrosinistra_avanti-269550342/

                    Lega sconfitta in casa della CECCARDI.
                    Toscana:
                    UNA REGIONE DA DIMENTICARE PER SALVINI.

                  Lascia un Commento

                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                  Accetto i termini sulla privacy

                  *