21
ott 2020
AUTORE Mario Zwirner
COMMENTI 35 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.029

DA MANZI ALLA DISEDUCAZIONE DI MASSA

 

Quelli della mia generazione ricordano tutti il mitico maestro Alberto Manzi che per tanti anni – dal 1960 al ‘68 – tenne la rubrica “Non è mai troppo tardi”. C’era solo la Rai, la televisione in bianco e nero. Ma l’impegno era quello di combattere l’analfabetismo, di istruire ed educare gli italiani; di dare loro un minimo di basi culturali indispensabili per comprendere i problemi e la realtà.

Oggi siamo all’esatto contrario: la funzione della Rai, e delle reti nazionali in genere, è la diseducazione di massa.

Dico le reti nazionali, perché noi delle televisione locali siamo estranei a questa vergogna: ci occupiamo del territorio, dei telegiornali provinciali, trasmettiamo film; abbiamo dei tolk show che non sempre sono il luogo del ragionamento e del confronto politico. Ma niente a che vedere con la rissa continua dei talk nazionali, la mancanza assoluta di informazione, il ring che domina: manca solo che gli avversari politici si prendano a pugni che così salgono gli ascolti.

Ma il vero problema, la vera vergogna delle reti nazionali sono i programmi di intrattenimento, serali e non solo.

Penso a Forum su Canale 5. Ospiti, pagati o anche no, per mostrare tutta la possibile loro monnezza privata; insulti, litigi, minacce. Ed è inutile far finta che poi ci sia un giudice che giudica; il fulcro del Forum e la rissa continua, il massimo dell’inciviltà e della diseducazione.

Stessa cosa coi serali. Dall’Isola dei famosi al Grande fratello vip, da Temptation Island a Ballando sotto le stelle e via dicendo: amorazzi, tradimenti, scenate, insulti, esibizioni più o meno sexy. Tutto tranne che un minimo di educazione e pudore. Qualunque splendido film in onda in prima serata fa meno ascolti di questo intrattenimento da latrina.

Con questa vasta e costante promozione della diseducazione di massa di cosa ci meravigliamo? Di aver creduto che un comico potesse risolvere i drammatici problemi del nostro Paese?

Siamo in grado di comprendere il cambio di marcia Covid annunciato in queste ore? Fino a ieri ci dicevano uscite con la mascherina, distanziamenti, sanificate le mani. Adesso dalla Merkel (premier del Paese meno colpito d’Europa) al ministro Speranza ci dicono “State a casa, uscite solo se indispensabile”. Non è il coprifuoco notturno, ma un lockdown totale. Lo abbiamo capito o siamo ancora convinti di poter andare a ballare sotto le stelle?…

1.029 VISUALIZZAZIONI

35 risposte a “DA MANZI ALLA DISEDUCAZIONE DI MASSA”

Invia commento
  1. martello carlo scrive:

    @ SIMONE 26 ottobre 2020 alle 10:55

    SONO PERFETTAMENTE D’ACCORDO con la tua analisi, anche se manca un pezzo rilevante per una corretta ricostruzione storica che va riportato per evitare il ricorrente atteggiamento razzistico nei cionfronti dei bianchi e dell’occidente in genere che è di gran moda di questi tempi: la tratta degli schiavi ha avuto il massimo sviluppo dal VII al XIX secolo ad opera degli ARABI. Si tratta di 14/17 milioni di africani tratti in schiavitù ( contro gli 11 delle americhe ) dalla sola Africa subsaariana deportati nel mondo islamico, cui vanno aggiunti 1,2 milioni dall’europa occidentale e altri dall’Europa orientale, senza contare che i rastrellament all’interno per consegnarli alle navi in partenza per oltreatlantico era opera loro.
    Ciò detto a scopo puramente didattico, le ricostruzioni storiche , l’andare al passato per giustificare il presente, lo ritengo profondamente sbagliato e un ostacolo alla soluzione dei problemi, nel tentativo, VANO, di cercare chi è stato il PRIMO a cominciare.
    Partendo dal comune concetto che il globalismo così come oggi è dannoso, mi sembra di poter confermare quanto già detto:
    - attualmente la sua principale interprete è la CINA
    - la CINA non è un paese democratico e pertanto non può esportare nella sua espansione un modello migliorativo né nei paesi sviluppati né in quelli in via di sviluppo
    - dopo decenni di politica “imperialista”, interventista da guardiano del mondo degli USA, TRUMP ha cambiato completamente rotta, lasciandosi alle spalle un mondo in fiamme lasciatogli dai grandi osannati pacifisti premi NOBEL.
    Che sia stato più o meno coerente si può anche contestare, ma dai nemici che siè fatto in tutto l’establishment e i conseguenti tentativi di deporlo e di evitarne l’ elezione, poi dimostratisi completamente falsi, si può desumer che la sua azione sia stata INCISIVA.
    IL PERCORSO QUINDI NON PUO’ ESSERE INTERROTTO: SIGNIFICHEREBBE SPIANARE LA VIA ALLA CINA E AI LUPI VESTITI DA AGNELLI DEL PIU’ RETRIVO DEEP STATE DELLA MAGGIORE POTENZA MONDIALE.
    PER NOI SIGNIFICHEREBBE L’IMPORTAZIONE DI UN MODELLO PALEOINDUSTRIALE E LA DISTRUZIONE DELLE CONQUISTE DEL LAVORO DEGLI ULTIMI 70 ANNI ATTUATA ANCHE GRAZIE ALLA SOSTITUZIONE ETNICA.

    1. marco.com scrive:

      Comunicazione commerciale e FATTI

      Nei supermercati nostrani, non solo quelli chic, si trovano
      - kiwi Sungold della Nuova Zelanda, cari ma speciali
      - Pere dell’Argentina
      - Limoni del Sudafrica
      - Fagiolini di Egitto
      - Uva del Cile
      - Pesche della Turchia
      - Prugne della Macedonia
      - agrumi della Spagna, in misura > 50%

      Ho trovato, più o meno per caso, un negozio di frutta e verdura: qualità superiore e prezzi più bassi. Esempio “uva pizzutella, veramente fenomenale” a 2,75 al kg; prugne piccole ma speciali a 1,75 al kg.
      Il conducente del negozio è un arabo, marocchino I think.

      Di che marca è il vostro smartphone? Cinese, Xiaomi? o Coreana?
      Di che marca è il vostro televisore? ci scommetto: >50% di risposte è Samsung

      Questa è la globalizzazione che tutti vogliono e accettano.
      D’altra parte, altrimenti, come fai a vendere l’Amarone a 2.000 euro la bottiglia?

      Bene, per i nostri poveri sovranisti da strapazzo, l’importante è dire che combattono la globalizzazione.
      Seguono gli spot commerciali, esprimono desideri e chiudono gli occhi a sognare: occhi chiusi e deretano spalancato a fare da portaombrelli.

      Comunque: Fondo China Consumer: +225% i 3 anni.
      Coraggio: diciamo tutti in coro, a morte la China e sotto traccia comprate i chinese funds

      VAI TRUMP, siamo tutti con te

      • Simone scrive:

        Al di là del fatto che a livello di inquinamento prodotto, la Cina è il terzo Paese al mondo dietro Brasile e USA (che però lo sono e lo continuano ad essere da almeno 70 anni, e se ne sono sempre sbattuti i coglioni, quindi non possono imporre e/o insegnare niente a nessuno da questo punto di vista), CM in questo caso ha ragione. Oltre al discorso legato all’inquinamento, in Cina (ma non solo), Paese in espansione e crescita economica costante, le condizioni dei lavoratori è al limite della schiavitù in determinati contesti. E questo è un principio che non può essere tollerato. E se lo è, come in effetti è, è proprio per il fatto che la produzione e l’esportazione di massa che è uno dei principi cardine della globalizzazione, sono visti ed ed accettati, nonché promossi e stimolati, come fattori più importantI del benessere umano. Questi temi prima o poi dovranno essere affrontati.

        • Mario56 scrive:

          I fenomeni della globalizzazione non mi sembra proprio che siano accettati ne esaltati. Sono purtroppo subiti, specialmente per lo sfruttamento umano che è il cardine della produzione globalista.
          Casomai, Marco.com sottolinea il fatto che le destre nostrane e i loro amici sovranisti di tutto il mondo oppongono ad un globalismo a prevalenza cinese e asiatico in genere, un IDENTICO GLOBALISMO A TRAZIONE AMERICANA o DEI RISPETTIVI PAESI.
          Ognuni dirà che le proprie arance sono le migliori
          Ognuno dirà che la propria attività è NON È DA SFRUTTAMENTO
          ognuno PARLERÀ BENE E RAZZOLERÀ MALE.

          • Simone scrive:

            Tutto quello che è collegato alla produzione di massa e che fa girare il sistema in cui viviamo è mosso dal globalismo. A partire dalla pubblicità, che ha lo scopo non tanto di proporre prodotti ma di stimolare i consumi, creando un sistema è una mentalità fondata sul superfluo, che crea e ha creato a sua volta molti dei problemi di cui ora siamo succubi e schiavi (a proposito, trovo questo pezzo di quasi trent’anni fa stupendo https://m.youtube.com/watch?v=raFs7Ghf_Dc).
            Visto che mi pare del tutto evidente che non c’è modo di venirne fuori facendo finta che non sia tutto collegato, che sia ora o ho di calare la maschera, partendo da una presa di coscienza reale e senza ipocrisie?

            • Simone scrive:

              Continui a farne una questione collegata al singolo Paese senza renderti conto che quel Paese è mosso dallo stesso principio globalista che ha mosso gli altri nei molti decenni precedenti. L’Africa ha cominciato a peggiorare con la vecchia colonizzazione europea e americana (vedi importazione di massa degli schiavi), per poi avere un’accelerazione impressionante e costante non da ora ma guarda caso dalla fine degli anni sessanta, quando la nuova colonizzazione “globalizzatrice” ha gettato la maschera e ha spiegato le ali. Poi all’interno dei vari Paesi/continenti padroni si sono scelte way of life diverse (in Europa generalmente un modello più equo e statalizzato, negli Stati Uniti più concorrenziale e privatistico, ma nel territori dominati questo non contava affatto). La Cina è arrivata dopo e ha copiato il modello di base, accelerando le cose per porre la propria egemonia come tutti gli altri. A discapito dei Paesi poveri prima e di tutti gli altri dopo (da qui le condizioni lavorative e non solo che stanno peggiorando ovunque anche da noi).
              Ergo: se ci si intestardisce a puntare il dito sul singolo Paese prima di girarlo sul principio, facendo definitivamente mea culpa sullo stesso (quello che vorremmo, siamo sinceri, è tuttalpiù un blocco all’espansione cinese per il semplice motivo che vorremmo occupare noi i lori “nuovi spazi”), la sconfitta mondiale sarà inevitabile.

            • martello carlo scrive:

              Certo ed è anche per questo che bisogna fermarlo, visto che è fagocitato soprattutto dalla CINA, a discapito del resto del mondo: non mi risulta che questo stato di cose, prodotto di una feroce dittatura comunista abbia prodotto un avanzamento dei paesi africani o in genere dei paesi, una volta detti “in via di sviluppo”. Le grandi migrazioni, i grandi esodi, al di là dei cambiamenti climatici, non è forse conseguenza anche di CINESERIE che hanno messo in crisi il resto del mondo, del landgrabbing e di un sistema di sfruttamento del lavoro che sta distruggendo le conquiste degli stati ” avanzati ” per portarlo allo stesso suo livello?
              La stessa pandemia è una conseguenza di questo sconsiderata, affrettata distruzione delle barriere e dei necessari filtri.
              Non so se TRUMP sia stato coerente, ma certo questo disordine lo contesta, e cerca di combatterlo.
              Il mondo non può seguire né la CINA, né i BEZOS, ZUCKERBERG, GATE & C che le sono funzionali ed entrambi in antitesi con qualsiasi politica democratica.
              SAREBBE LA STRADA PIU’ BREVE PER UNA SOCIETA’ DI SCHIAVI DIGITALI.
              Già siamo a buon punto se un governo ( sia pure lapalissianamente ECORADICALCHIC ) è convinto di combattere l’inquinamento mondiale con i MONOPATTINI. :-(

        • Marco.com scrive:

          Forse NON ci capiamo , Simone.
          Non sto sostenendo che Sono contento e felice di quello che sta succedendo.
          Dico e sostengo la evidenza dei fatti.
          Dico e sostengo che i sovranisti (da strapazzo) esprimono un pio desiderio ma non hanno alcuna possibilità di cambiare le cose. Lo dicono, e poi sono i primi che Perseguono il valore principale alla base di quello che sta succedendo: il suprematisti. Se pensi di essere più figo degli altri e vuoi essere il primo sarai pagato con la stessa moneta.

          In un’altra occasione, hai manifestato delusione quando ho circoscritto troppo il discorso alla politica (?) nostrana e potrei ricaderci, perché come Mario56 trovo repellenti i discorsi del duo melon-salvin capaci solo di sparare minchiate.
          Se capisco un poco i tuoi ideali, credo fermissimamente che troverai gli oppositori a dx
          Tutto qui

          • martello carlo scrive:

            SUPREMATISMO, NEGAZIONISMO, POPULISMO, SOVRANISMO: dispregiativi che si stanno NOBILITANDO grazie alla CECITA’ di gente come te.
            Vedo che la ” LECTIO MAGISTRALIS ” di SIMONE non ti ha insegnato niente… e lo dico senza la pretesa di tirarlo per la giacca.
            PS – attento a continuare a parlare di fenomeni irrefrenabili e pii desideri che non hanno alcuna possibilità di cambiare le cose: è un atteggiamento che spesso si conclude con l’uso delle armi.

          • Simone scrive:

            Credo sia abbastanza chiaro di come io non mi senta rappresentato da alcun partito o personaggio politico. Detto questo, reputo vero che ci sia chi nelle situazioni ci sappia speculare in modo più o meno spudorato, predicando magari in un modo ma razzolando in un altro (Trump non è che un esempio tra tantissimi altri ma dà più all’occhio perché più famoso).
            Io trovo che uno dei “trucchi” della globalizzazione sia quello di nascondere agli occhi i fatti per permettere al mercato di poter proseguire liberamente senza porre ai soggetti compratori alcun dubbio morale. Nell’Ottocento in Inghilterra facevano lavorare per un tozzo di pane al giorno bambino di 6 anni. In Europa questo non accade quasi più. Ma la faccenda si è spostata in altre zone del mondo. Noi non lo vediamo e allora va tutto bene. Ma sappiamo benissimo che non è affatto così. E, ripeto, prima o poi la questione bisognerà affrontarla. Possibilmente non con gli occhi filtrati da un partito politico o simili…

      • martello carlo scrive:

        Mi sembra ovvio che la situazione vada cambiata: se il fondo CHINA CONSUMER ha certe performances, ciò è dovuto all’assoluto disprezzo per le normative sul lavoro ( anche IGIENICHE ) che sono causa di buona parte dell’inquinamento mondiale e di molte delle epidemie che hanno funestato il mondo e che non insegnano niente a PECHINO.
        Nemmeno la SARS ha costituito una lezione, per cui ancora non vi sono leggi che regolamentino il mercato degli ANIMALI VIVI, fonte di molte ZOONOSI.
        IMBROGLI tipo il marchio CE prendono in giro il mondo ed è il caso più palpabile del comportamento criminale di quel paese comunista che piazza anche sulle nostre tavole porcherie di ogni tipo.

        Ma la gente ” DI AMPIE VEDUTE ” come te che propugnano la salute prima della vile economia si ferma alle porte di casa e dà ragione alla campagna di BIDEN che si basa solo sulla pandemia e sulle disgrazie esportate più o meno volontariamente da un PAESE FUORILEGGE in tutti i campi per abbattere il nemico politico.

        COMPLIMENTI. Speriamo che la CINA non colpisca anche te, ma se sì sono convinto che, in caso di sopravvivenza, daresti la colpa al TYCOON. :-(

      1. Mario56 scrive:

        LA DISEDUCAZIONE DELLA DESTRA …
        ha ridicolizzato le mascherine
        strizza l’occhio ai negazionisti
        tifava per le discoteche della Santanche’
        invita a non scaricare la APP immuni
        governa 15 Regioni su 20

        MA DICE CHE IL GOVERNO NON HA FATTO NIENTE.

        • marco.com scrive:

          e guarda zwirner come predica bene e razzola male

          a me non me ne frega niente ma proprio niente se zwirner non interviene e partecipa al suo blog
          ripeto: a me non me ne frega niente ma proprio niente se zwirner non interviene e partecipa al suo blog
          ripeto: a me non me ne frega niente ma proprio niente se zwirner non interviene e partecipa al suo blog
          ripeto: a me non me ne frega niente ma proprio niente se zwirner non interviene e partecipa al suo blog
          ripeto: a me non me ne frega niente ma proprio niente se zwirner non interviene e partecipa al suo blog

          L’evidenza dei fatti: il suo blog fa parte della sua rete commerciale. Rete commerciale = pubblicità

          e allora stai zitto, che cazzo vieni a predicare contro le tv?

          • martello carlo scrive:

            La pubblicità è BELLA.
            Chi la pensa diversamente è contrario alla libertà e indipendenza dell’informazione, sostenitore di un monopolio statale indirizzato politicamente, infarcito di raccomandati che pure ti fa pagare il CANONE.
            W Telenuovo e le tv private libere di dare voce a chi è fuori dal coro e orchestra del DEEP STATE.
            SEI IRRIMEDIABILMENTE STATALIZZATO, SULL?ORLO DEL COMUNISMO COMPULSIVO DI STAMPO CINESE.

            • Mario56 scrive:

              @@ martello
              Vedrai le tv locali che fine faranno col nuovo DTT-T2 dove le frequenze scarseggiano ed inevitabilmente molte spariranno.
              Del resto il mercato è mercato …
              … o facciamo aiuti di STATO a telenuovo?

              • martello carlo scrive:

                Se il mercato è mercato, la RAI non dovrebbe farsi pagare il canone e forse farebbe la stessa fine che meriterebbe l’ALITALIA.
                Quello che mi preoccupa è il compiacimento di gente come te cui dà fastidio la pluralità dell’informazione: FASCISTA..
                Dubito molto che le TV locali come TELENUOVO spariranno: si tratterà di riordinare le assegnazioni ( doppioni e radiodiffusione locale terrestre con le relative interferenze )….quindi mettiti l’animo in pace, i tuoi desideri di tappare la bocca alla libertà, come è successo in URSS è destinata alle fogne. :-D :-D :-D

        • martello carlo scrive:

          PROTERVIA di uno prodotto dei poteri spuntato dal nulla esaltatosi strada facendo, dittatorucolo con delega assoluta ai servizi segreti che ora sta raccogliendo i frutti di un governo che si regge esclusivamente sul ricatto.
          ” ha ridicolizzato le mascherine “!!!!! Perché FONTANA è a palazzo Chigi?
          Mi sa che discoteche o no stiamo facendo la fine di BOLSONARO, in attesa che la CINA ci salvi con il vaccino

        1. martello carlo scrive:

          ZWIRNER, che dire, non so quale situazione l’abbia spinta a scrivere questo topic, quale trasmissione abbia fatto traboccare il vaso….. perché, sono d’accordo con lei che il vaso è pieno.
          Tanto per non fare il nome, il programma clou del campione di ascolti è per il 70% roba da donne plastificate il cui problema principale è il N° delle ZINNE e l’introduzione della plastic tax, cosa estremamente GREEN
          Devo dire che questi programmi, nonostante non abbiano la levatura culturale di quelli di distruzione della famiglia e delle unioni exrtraroutine, classiche della sinistra e dei programmi correlati soprattutto RAI, ottengono ugualmente risultati encomiabili.
          Insomma sono programmi per minorati sessuali, gossippari da strada e donne da evitare in tutti i modi.
          Ciò detto, la nostalgia per MANZI e la RAI d’antan con 3 canali monopolizzati dai 3 partiti che hanno indotto gli italiani alla divisione inconsulta su base esclusivamente politica: UN DISASTRO senza concorrenza che non era più sopportabile.
          BERLUSCONI ha avuto il merito di aprire la strada, non senza resistenze da parte statale cui andava benissimo che per loro con l’informazione come ” COSA NOSTRA “.
          Non è che oggi le cose siano cambiate in RAI, ANXZI, MI SEMBRA CHE FACCIA SEMPRE PIU’ PARTE DELLA BUROCRAZIA INTOCCABUILE RACCOMANDATA E IMPEGNATA IN CONTRATTI CON I PARTITI CHE LI HANNO “PIAZZATI” .
          Quanto alle locali, finché lasciano parlare perennemente e giornalmente le signora FRANCA iscritta al PCI dal 1946 come oggi su ” ROSSO E NERO, mandando a quel paese GOTTARDO e BITONCI, sono la dimostrazione di dare democraticamente la parola anche alle fasce più derelitte della società.
          In ottica globalista il discredito, la parzialità e l’infimo livello dei media ( basti guardare il NEW YORK TIME ) conferma in modo quanto mai autorevole la distruzione dell’imparzialità e il servizio alla democrazia, quindi non si può pretendere nulla di diverso dai media al di fuori dei giochi ( guerra ) per la supremazia mondiale.
          ESEMPIO TIPICO: cosa può valere un misero post di MARCO la cui rassegnazione è l’emblema dell’IMPOTENZA?

          • Silvestro scrive:

            SONO D’ACCORDO; E’ giunto il momento di introdurre una ferra censura nel sempre più affollato mondo dei media. La libertà della donna è un obiettivo primario.
            Le puttane non possono esibirsi liberamente davanti alle telecamere.
            La loro attività va retribuita e svolta in apposite case opportunamente attrezzate.
            Ricordo che ti sei dichiarato favorevole più volte per questa soluzione.

            Ma non sei il solo. La Regione Veneto è andata oltre con la proposta di istituire un “albo professionale” che stabilisce senza incertezze chi sia autorizzato ad esercitare la professione. Non so, se per l’iscrizione all’albo sarebbe previsto un “esame di abilitazione”, come pure se fossero previste sanzioni in caso esercizio abusivo (scopata gratis), o di evasione fiscale (scopata senza fattura).

            https://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/politica/19_febbraio_14/veneto-albo-prostitute-ogni-comune-c84bd2f4-3031-11e9-91f0-6671abe4e447.shtml

            • martello carlo scrive:

              La tua ilarità da finto laico è fuori luogo. Dovresti domandarti: “ma chi sono io ” per impedire alle donne di prostituirsi, limitandone le potenzialità?
              Purtroppo la proposta di legge fatta in regime giallo verde è stato messo in un cassetto dai tuoi compagni cattocomunisti papalini e là resterà finché FRANCESCO, da un’aereo, ispirato dall’alta quota non si domandi chi è.
              GATON direbbe che con un papa che, di fatto, ha abolito il matrimonio, l’esercizio pubblico della professione più antica al mondo non dovrebbe scandalizzare più nessuno.
              INECCEPIBILE, tra l’altro potrebbe finalmente mettere a tacere lo ZINGA sulla necessità del MES: 25 MLD di fatturato sono una bella cifra da tassare e toglierebbe il monopolio ai cinesi. ( sempre loro fuori sistema ).
              SONO STUFO DI DOVER ANDARE IN AUSTRIA. :-(

              • Silvestro scrive:

                Non sono contrario alla prostituzione in generale, e certamente dovrebbe essere disciplinata. Quello che è assolutamente inaccettabile è l’Istituzione di un albo professionale, gestito addirittura da un ente statale con tutti i di problemi che riguardano la sicurezza, le modalità di iscrizione / abilitazione, limiti e sanzioni, visto che diventerebbe una attività legale.
                Ma anche superando tutti questi ostacoli, puoi forse immaginare che tutte le prostitute correranno in massa ad iscriversi agli albi professionali, richiederanno partita IVA e rilasceranno fattura?; quanti sarebbero i clienti disponibili a fornire i loro dati anagrafici, cod. fiscale per il rilascio di regolare fattura, pagabile, magari con il POS?

                Una norma di questo tipo, comunque, dovrebbe essere nazionale e non regionale, con regole e vincoli anche sotto il profilo sanitario, fiscale, e contributivo. Una regolarizzazione che esclude comunque la gestione da parte di enti pubblici per evitare che diventi PROSTITUZIONE DI STATO.

                COSI COME PROPOSTA IN VENETO E’ UNA NORMA DI ESCLUSIVO DELIRIO POPULISTA.

                • martello carlo scrive:

                  Mentalità da burocrate che nasconda un atteggiamento nettamente contrario alla effettiva soluzione del problema.
                  E’ tanto difficile considerare una prostituta a livello di un lavoratore autonomo dotato di partita FIVA, e di una deontologia ( :-) ) caratterizzata dalla particolare attenzione alle norme sanitarie, magari iscritta ad un sindacato?
                  E il resto?….. Come per tutti gli altri lavoratori autonomi, con le loro sedi ( escluse tassativamente le strade ), le loro tasse, i loro contributi, orari, relativi controlli e la benedizione annuale del parroco.
                  PUNTO

          1. marco.com scrive:

            Un esempio che magari sarà troppo terra terra per te: si legge sulla stampa che senaldi, il dir di liberoquitidiano, ha detto che il governo sta lavorando per fare il lockdown a Natale. Mi dovresti spiegare quali percorsi culturali hanno portato questo signore a dire una idiozia così idiota.
            Un altro esempio. La sora meloni evidenzia che economicamente la Cina performa bene quando tutti gli altri vanno male. E quindi dice ‘gatta ci cova’. Io ne deduco che il messaggio neanche tanto subliminale è quello di dire che il covid è frutto di una strategia economica ben precisa.
            Di fronte a queste cose, anche tu devi scendere dalliperuranio delle idee

            • martello carlo scrive:

              Mi stupisci sempre (negativamente ) con il tuo modo di ragionare rasoterra. In un certo senso ciò, da un particolarissimo punto di vista, porta alla superficie un carattere tutto sommato onesto, genuino, scevro da idee non meno che lineari e un non più che normale desiderio di potere.
              Purtroppo non tutti sono come te ed il desiderio di potere è più forte del semplice denaro: chiunque abbia un minimo di cultura dovrebbe averlo capito.
              Non credo che SENALDI abbia voluto dire ciò che sembra: probabilmente intendeva dire che le azioni di CONTE ci porteranno inevitabilmente al lockdown natalizio.
              Però se CONTE riuscisse a chiudere il NATALE senza sollevamenti popolari, PASSEREBBE ALLA STORIA, come il primo presidente del consiglio ad aver avuto un tale potere e consegnare un paese depauperato, distrutto economicamente a preti e nomenklatura per mantenere comando e privilegi…. e i tipi come te lo considererebbero persino il salvatore della patria.
              Quanto alla MELONI, penso che quel ” QUANDO ” stia per ” MENTRE “

            1. Mario56 scrive:

              La
              MISERA URLATRICE DELLA MELONI …
              soffia sul fuoco …
              “ I disordini di Napoli sono frutto della incapacità del governo “

              Nemmeno Salvini si è spinto a tanto!

              1. Mario56 scrive:

                MELONI…

                “ Il governo non ha fatto nulla per prevenire seconda ondata…”

                E lei e Salvini?
                Cosa avrebbero fatto se non ringhiare contro
                LA DITTATURA SANITÀ?

                1. Silvestro scrive:

                  I SOVRANISTI NOSTRANI ci hanno spiegato e ripetuto per quattro anni che il Tycoon è l’avversario spietato delle grandi multinazionali, il nemico degli speculatori internazionali, l’uomo che vuole distruggere l’egemonia comunista cinese. Ma dall’esame delle sue dichiarazioni dei redditi (che voleva tenere riservate) si scopre che mentre a casa sua attraverso alchimie contabili riusciva a pagare solo 750 dollari di tasse federali, per i propri interessi personali ne ha pagate 188mila in Cina.
                  «Trump ha passato dieci anni — scrive il New York Times — a cercare, senza successo, di fare affari in Cina e, durante la prima campagna elettorale per la Casa Bianca, aveva aperto un ufficio nel Paese stringendo un’alleanza con un’importante azienda legato al governo cinese».
                  Questo mentre da tempo critica le aziende USA che operano in Cina e accusa l’avversario Joe Biden di essere troppo debole nei confronti di Xi Jinping.

                  • martello carlo scrive:

                    Prima osservazione: E’ estremamente MALEDUCATO iniziare un nuovo topic con un argomento, quello su TRUMP che nulla c’entra, anche se lascia insonni la vostre notti. Avrei capito maggiormente un commento, da cattocomunisti, sull’endorsement PAPALINO alle famiglie OMO……
                    Guardate, in questo momento non desidero nulla di più che TRUMP venga riconfermato: lo schianto di certe mentine sarebbe garantito. Un divertimento impagabile: veder piangere alla fornero i poveri cattocomunisti fanatici.
                    Forse credete che in caso contrario farei la stessa cosa e avreste lo stesso godimento, MA NON E’ COSI’, altrimenti non mi sarei esposto in questo modo.
                    Perché? Perché non sono fanatico come loro che mangiano politica a senso unico a pranzo e a cena.
                    SAPETE COSA PENSERO’? CHE OGNUNO HA QUELLO CHE SI MERITA, CIOE’ UN MONDO PEGGIORE E ANCHE QUESTO SARA’ UN GODIMENTO ESTREMO.
                    RIPETO, OLTRE CHE FISSATI, SIETE MALEDUCATI ED IRRISPETTOSI VERSO CHI VI DA’ VOCE.
                    CAMBIATE BLOG.

                    • Silvestro scrive:

                      Caro Martello, visto il momento capisco perché i tuoi interventi si sono diradati: ti sei accorto di avere impegni molto più importanti. Ma come vedi ti dedico sempre molta della mia attenzione.

                      Primo: ancora una volta ti stai spendendo come paladino e difensore di Zwirner, neanche fosse persona indifesa che non sa come giustificarsi. In questo blog abbiamo sempre espresso le considerazioni più disparate talvolta con eccessiva crudezza proprio nei confronti della sua professionalità senza che Mario abbia mai cercato di ribattere o difendere i suoi interventi. Il motivo è molto semplice:
                      Al Direttore Responsabile di Telenuovo interessa solo che il blog abbia un numero di frequentazioni funzionale al richiamo di pubblicità. Se le sue proposte di stupidaggini o banalità possono contribuire a questo scopo, ben vengano anche quelle; di tutto il resto non gliene frega una mazza.

                      Secondo: Gli entusiasmi ed i toni trionfalistici manifestati in più occasioni con l’avvento di TRUMP Presidente avevano creato nei sovranisti come te l’illusione che si potessero ribaltare drasticamente i paradigmi del mondo economico globale. Questa miope visione vi ha impedito di constatare perfino che anche DONALD è un immobiliarista internazionale con proprietà e partecipazioni societarie sparse in tutto il mondo. In pratica un globalista che anche come Presidente ha continuato la sua attività pure in Cina dove pagava più tasse di quante ne pagasse negli USA.

                      Terzo: Il sovranismo / nazionalismo, urlato e aggressivo, a distanza di qualche anno sta dimostrando suoi limiti. Oltre a TRUMP, vediamo JOHSON, pure lui ammirato e additato come esempio, che sta dando evidenti segni di difficoltà con tendenza al peggio perché per lui non ci sarà ne recovery fund, ne finanziamenti a fondo perduto, ne garanzie finanziarie UE. Per non parlare poi degli amici di VISEGRAD, nei quali non ho mai trovato un solo motivo di convergenza e che oggi si confermano più nemici che alleati.

                      • martello carlo scrive:

                        Non so dove tu voglia arrivare con le tue insinuazioni ( tu non hai affari o problemi famigliari? ): ho sempre risposto a tutti, anche alle ripetitive stupidaggini che proponete, non solo, ma per uscire dal GRIGIORE ROSSO, cerco di proporvi argomenti interessanti al di fuori della vostra pedante interpretazione della pandemia.
                        Il “MOMENTO”? E’ interessantissimo ricco di spunti, specie per pungolare dei conformisti come voi che ripetete le solite litanie:
                        mummie come il BIDEN inespressivo per non rovinare l’effetto della plastica facciale nei dibattiti impari con TRUMP
                        la pandemia disastrosa di BOLSONARO, TRUMP e JOHNSON, mentre qui da noi CONTE sta facendo miracoli ESPONENZIALI
                        ZWIRNER che non risponde alle vostre provocazioni e continua ad andare per la sua strada sbagliata snobbandovi per la pubblicità………..
                        SILVESTRO, mi piaci di più quando parli di cose tecniche, ma per cortesia lascia stare le divagazioni politiche che vengono stravolte dalle tue FISSAZIONI PANEUROPEE sui traditori alla BOJO come se avessimo già in tasca i miliardi delle suggestioni dell’AVVOCATO che vedremo col CANNOCCHIALE e che servono solo far vegetare questo governo di falliti e di supporters illusi e plagiati, mentre le aziende chiudono a miglia lasciandoci in un mondo simil URSS: strade deserte, negozi, ristoranti, discoteche chiuse, libere da quelle maledette partite iva, tutti ad ascoltare dagli altoparlanti le prediche PAPALINE.
                        Prediche papaline, rivolte sempre e solo agli italiani, che vi hanno completamente liquefatto il cervello: unici antisovranisti globalisti ( megaspeculatori economici e mentali a parte ) che lottano per gli interessi degli altri.
                        Questo significa solo una cosa: che odiate il benessere degli ITALIANI, cioè siete dei PAUPERISTI ANTINAZIONALISTI SQUALLIDI e SERVI.
                        QUESTO E’ IL MIGLIOR BLOG DEL MONDO. E’ PER QUESTO CHE LO DISPREZZATE.
                        GRAZIE ZWIRNER

                  • Simone scrive:

                    Beh, è risaputo che generalmente per diventare ricchi e di successo nel mondo globalizzato, ti ci devi tuffare. Oltre alla questione cinese, è risaputo che Trump, con “la sua società cominciò a fare investimenti immobiliari in tutte le parti del mondo e il suo successo diventò internazionale“. Inoltre, per stare in tema con l’articolo, è stato un personaggio mediatico di trasmissioni televisive di livello berlusconiano, nonché un protagonista attivo del mondo del wrestling. Un curriculum coerente con quello che è il personaggio. Che non reputo nemmeno ipocrita. E’ solo un uomo di spettacolo di basso livello. Quindi di potenziale popolarità, dato il Paese in cui risiede e il periodo storico…

                  • Mario56 scrive:

                    Sarebbe…
                    INTERESSANTE SENTIRE IL PARERE DI CHI, QUI SUL FIRUM,
                    fa di Trump…
                    IL PALADINO CONTRO IL COMUNISMO CINESE E GLI SCHIAVI CATTOCOMUNISTI!

                  1. marco.com scrive:

                    È uno di quei post in cui bisogna dire a Zw. “Aho, a zwirner, fai pace con te stesso…..”

                    Per definizione, una tv commerciale deve attirare audience per vendere pubblicità. Zwirner che fai, sputi nel piatto dove mangi?

                    Con la tv commerciale , Berlusconi ha costruito un colosso di azienda (merito e capacità sue). Come B. Trump è diventato presidente degli Stati Uniti: tv e edilizia. Show men. Come zw. Nel suo piccolo.

                    Cosa vuole zw. , una tv etica? Certo, così lei si tiene quella commerciale.
                    Strano, sembrano discorsi da vecchia zitella

                    1. Esule Valtellina scrive:

                      un po' manicheista…

                      trovo la comparazione tra educazione nazionale e locale, pessima la prima ottima la seconda? Non mi sembra. Mi pare che entrambe abbiano a cuore più gli ascolti che i 25 lettori: è normale perché devono incassare dalle pubblicità.
                      Comunque sono destinate a sparire per fare spazio alla richiesta on demand: gli spettatori sono stanchi delle interruzioni pubblicitarie. Comunque non tutte le trasmissioni sono ciarpame, mi sento di salvare almeno la famiglia Angela con la divulgazione scientifica e il nostro Roberto Puliero con la torcolada.

                      Cordiali Saluti

                      • Mario56 scrive:

                        Articolo senza capo né coda.
                        Si passa alla critica di alcune trasmissioni spazzatura di Mediaset e Rai, alle raccomandazioni anti Covid, un po’ qualunquista.

                    Lascia un Commento

                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                    Accetto i termini sulla privacy

                    *