Torna al blog

PREMIERATO Sì, AUTONOMIA NI…

Giorgia Meloni è decisa an andare avanti col premierato, con l’elezione diretta del capo del governo. Il che implica dare più potere all’eletto dai cittadini e invece toglierne all’eletto dai parlamentari, cioè al presidente della Repubblica.

Che lui, il presidente della Repubblica, non scelto dagli elettori, abbia troppi poteri mi pare evidente. Sceglie il premier, avvalla la scelta dei ministri, qualunque provvedimento del governo, compresa ora la manovra, prima di andare al voto delle camere ha bisogno del suo benestare.

Cambierebbe molto con l’elezione diretta del premier: un governo con più poteri reali.

Se il premierato sembra procedere nella volontà di Meloni di andare a quella che lei chiama la “Terza Repubblica”, l’autonomia invece sembra in stallo, quasi non se ne parla più.

C’è l’ostilità di tutte le regioni del sud. Che mi pare comprensibile: già il nostro Paese è radicalmente diviso tra Nord e Sud, con l’autonomia si accentuerebbe ulteriormente la divisione…

Alla fine la soluzione all’italiana c’è: alla Lega daranno un autonomicchia…

39 commenti - 936 visite Commenta

Mario56

È già tanto se a Salvini la Meloni non gli dà una pedata nel di dietro.
Comunque mi sento tranquillo con Salvini che controlla la situazione maltempo, infrastrutture e viabilità.
È come avere IL NULLA ASSOLUTO a vigiliare.
Riforma premier
Troppi poteri
Avremmo la DONNA FORTE ( uomo) al potere senza più bilanciamento di poteri. Un presidente della repubblica ridotto a maggiordomo.
Non c’è nessuna democrazia occidentale con questi poteri.
Sono sicuro che il popolo la boccerà, specialmente per una erede di Mussolini, Almirante e fronte della gioventù.
11:11

Rispondi
El grinta

Troppo parassitismo e attaccamento al compitino d’apparato pubblico per il meridione. È così dal dopoguerra. Non sempre, ma troppo troppo spesso. Purtroppo è un sistema di sopravvivenza che riduce il potenziale nazionale. E di molto. Oggi il meridione, produce una legione di burocrati e poca gente che abbia una forza imprenditoriale seria.
Sono circa il 70% della popolazione italiana sparsa ovunque. Ma troppi, purtroppo, sono demotivati. Non è solo questione di mafia. C’entra la mentalità e l’approccio. C’entra il pensiero che qualcuno deve fare comunque per te.
Vivo in mezzo al 50% di questa popolazione e penso di saperlo bene.
Le stesse persone che scrivono qui, anche se non tutte, sono su questo piano. Un’influenza negativa che porta poco di buono.
Non so se l’autonomia sarà la chiave in futuro. Ho qualche perplessità.
Ma se deve esserci, non potrà avere vie di mezzo. E’ certo.
Oggi, avere a che vedere con uomini privi di vero apporto al bene del Paese, è una delle peggiori prerogative.

Rispondi
Mario56

Ma un Fontana ti sembra più efficiente di un De Luca ?
L’abbiamo visto al tempo del Covid
NON ERANO NEMMENO CAPACI DI GESTIRE LA PIATTAFORMA COVID il cui esito portava a zone rosse, gialle o verdi.
Sono rimasti in rosso quando avevano i numeri per aprire MA NON CAPENDO IL FUNZIONAMENTO DEL SOFTWARE, si sono tirati la zappa sui piedi.
Ti sembra efficiente la Lombardia che non era capace di partire coi vaccini?
Facevano andare i milanesi a Brescia perché non erano capaci di organizzarsi.
Hanno persino messo i malati infetti Covid nelle case di riposo creando incendi micidiali.
Difatti la Lombardia è stata prima in Europa per vittime su abitanti.
Cert luoghi comuni EL GRINTA sono ormai insopportabili.
11:42

Rispondi
El grinta

King Kong 56…. Non c’è nessun luogo comune e nessuna distinzione fine a se stessa. C’è differenza, a torto o ragione. In meridione l’organizzazione in generale, pubblica e privata è diversa. Ci ho lavorato.
Senti, una cosetta puoi farla…
O se vuoi te la faccio io. Ti spedisco come pacco espresso, non assicurato in Cambogia…Allego ciupa ciupa in omaggio al destinatario..

Rispondi
inogniposto

DAL CORRIERE DELLA SERA:I PATRIMONI
“Le ricchezze della «cupola» di Hamas: «All’estero in grattacieli di lusso». Haniyeh ha beni per 4 mld di dollari ”

Dott. Zwirner Le faccio tre domande:

1. se non ci fossero problemi e lo Stato Palestinese esistesse da anni…. questi avrebbero accumulato questi ingenti patrimoni?
2. E’ possibile che tali patrimoni siano stati accumulati da traffici poco puliti? (armi e droga per esempio)
3. questi ehm “signori” hanno interesse che si arrivi alla pace?

Rispondi
inogniposto

correggo

2. E’ possibile che tali patrimoni siano stati accumulati grazie a traffici poco puliti? (armi e droga per esempio)

Rispondi
inogniposto

l’autonomia non si raggiungerà mai tramite Referendum o tramite il Parlamento, semplicemente perchè significherebbe che
a) per lo meno 1/3 dell’Italia sarebbe ridotto alla fame…..
b) ci sarebbe l’80% dell’apparato burocratico medio/alto che perderebbe il lavoro (per esempio quanti sono i prefetti o i giudici o gli alti ufficiali meridionali sul totale? Io personalmente non vedo perchè un Veneto debba sorbirsi un Prefetto che la come unico interesse che finché è qui non scoppino “grane” tali da mettere in pericolo la sua carriera, e se il prezzo da pagare in cambio di questa “tranquillità è fregarsene dei Veneti beh, poco importa (a già è vero l’insicurezza è SOLO una “cattiva ” percezione nostra ) . Per ciò che mi riguarda renderei la figura del prefetto ELETTIVA (certo con requisiti minimi), solo così si farebbero gli interessi dei cittadini, e potete star sicuri che certe miserie in giro per le città non si vedrebbero .

Rispondi
Mario56

Sento EL GRINTA
sento INOGNIPOSTO
e nessuno di loro parla di evasione fiscale.
Metà dei nostri problemi sarebbero risolti SE TUTTI PAGASSERO LE TASSE.
Ma questo governo è retto proprio da quelli che LE TASSE NON LE PAGANO.
Chi sono?
Piccole imprese, artigiani, ristoratori, partite iva, professionisti privati, tassisti, balneari, coltivatori diretti.
Quindi non cerchiamo di colonizzazione l’Africa o di arrampicarci in autonomie regionali quando nemmeno Salvini ci crede.
Pensiamo a FAR PAGARE LE TASSE A TUTTI!!
19:53

Rispondi
El grinta

Mario, mi scuso per ieri. Mi ha fatto perdere un po’ la pazienza con i tuoi soliti contrappunti fuori luogo.
Ti vorrei ricordare che non è solo una questione di distinzione professionale che fa la differenza per l’introito fiscale. E non è solo questione di mere tasse. È l’esborso spaventoso per opere strutturali poi abbandonate. È l’esborso spaventoso per sovvenzioni in aree a volte fintamente depresse e tante altre cosette.
Inogniposto ha centrato la motivazione che porta un dirigente pubblico ad operare. E’ fondamentale. Deve giustamente avere il rispetto e beneplacito diretto della popolazione su cui va a incidere il suo lavoro.

Rispondi
Mario56

Tu devi allora batterti perché le opere pubbliche, la manutenzione strade vengano eseguite e non TROVARE LA SCUSA PER TENERTI I SOLDI IN TASCA.
Chi non paga le tasse con che coraggio si fa ricoverare in ospedale, fa cure, visite, esami A SBAFFÒ.
Io se fossi medico ad un idraulico che non paga o anche solo se le elude gli direi: “ hai dolori forti alla pancia, hai la febbre a 40, saresti da operare MA NON HAI CONTRIBUITO a pagarmi, non hai contribuito a formare gli infermieri e pagarli.
Quindi ARRANGIATI. Vai nel privato ma quello non convenzionato MA QUELLO CHE UNA PROTESI DI ANCA TI FANNO PAGARE 12.000 euro intervento, più anestesista, infermieri, degenza, visita di controllo.
Non contribuisci?
Allora PAGA!
10:38

Rispondi
Silvestro

ore 10.40
El grinta
Giusto per dare continuità e un senso a quello che scriviamo, mi ricollego alle tue idee innovative e creative rimaste in sospeso. Io sono d’accordo con quello che scrivi, ed è esattamente la seconda parte della riflessione che ho rinviato dopo la mia puntualizzazione sulle difficoltà esterne / internazionali.
Tutte le osservazioni che fai rappresentano altrettanti ostacoli interni e di consenso a quelle tue proposte che (se mantenute nel tempo) dovrebbero peraltro concretizzarsi a medio termine senza alcun vantaggio per gli italiani.
Infatti quando Meloni parla di “piano Mattei” per l’africa, sorvola sempre su chi dovrebbe metterci i soldi e quanto tempo sarebbe necessario per ottenere qualche risultato. Per andare nel concreto dovrebbe cominciare a scrivere in bilancio qualche cifra da impiegare su questo voce, così vediamo subito l’effetto che fa.

Rispondi
martello carlo

Silvestro Ottobre 30th, 2023
ore 17:30
Fai bene a ricordarmi ciò che la mia denunciata demenza ha dimenticato: di questa LAMORGESE non ricordo nemmeno l’esistenza, se non in momenti di lucidità molto limitati….. essì che, come dici, ha fatto mirabilie, oscurando persino DRAGHI con le sue IDEE geniali
> LAMENTO’ la mancanza di una legge ad hoc sui RAVE , interrogata da FDI in Parlamento
> TRACCIO’ nella sua testolina le famose linee guida
> LOTTO’ strenuamente contro la LEGA per far passare la genialità di tali idee.
In pratica, la LAMORGESE verrà ricordata per aver visto attuate le sue idee dal Governo MELONI e dalla tua circostanziata e appassionata rivendicazione.
PS: cerca di essere ancora più completo: metti data di inizio e fine ( la durata è più importante della data, ma forse è richiedere troppo alla tua inutile pignoleria ).
PPS: RIDISTRIBUZIONE: interessa solo agli straccioni dell’opposizione che si accontentano delle ELEMOSINE. Infatti i migranti distribuibili ( asilo politico ) è una piccolissima quota di chi entra illegalmente nel nostro Paese; penso invece che l’obiettivo deva essere di tentare, almeno, il loro arrivo e poi rimandarli a casa loro, magari cercando di attuare il piano EL GRINTA ( anticipazione dettagliata e fantasiosamente creativa del piano MATTEI ) . I fatti di questi giorni stanno facendo emergere quanto il cancro islamista stia ammorbando il mondo intero. 😎
10:50

Rispondi
Mario56

Ma ci rendiamo conto che siamo governati da GENTE IMPROVVISATA, TOTALMENTE INCAPACE, Meloni sta per 15/20 minuti a fare la COMARE ITALIAETTA e
MANTOVANO dice che se n’è accorta subito che la stavano prendendo per il sedere.
Rimpiango persino il tempo di Conte uno.
Che umiliazione, che vergogna!
Povera Italia in che mani siamo capitati.
Sbeffeggiati e derisi!
16:29

Rispondi
Silvestro

ore 17:30
Quindi non si era accorta che l’interlocutore faceva solo domande senza fornire le sue impressioni; e poiché aveva capito tutto, è per questo che ha manifestato qualche perplessità sugli aiuti militari all’Ucraina ed ha confermato una certo distacco da Macron.
Se poi non se ne fosse accorta ……

Rispondi
Mario56

A quanto pare non se ne sono accorti nemmeno i tifosi della Meloni nostrani: MARTELLO, EL GRINTA ED INOGNIPOSTO ( lui più estremista)
07:36

Rispondi
El grinta

L’economia bianco celeste è in crisi nera da diversi anni. Svalutazione pesante e tanta povertà. Hanno bisogno di una scossa e Milei può essere un rischio, ma anche una soluzione se saprà puntare su una vera rinascita. Di quel che leggo, non tutto mi convince, ma vedremo.

Rispondi
Mario56

Speriamo di non vederlo.
L’argentina assomiglia abbastanza all’Italia: il popolo rincorre in continuazione figure POPULISTE che promettono di far diventare tutti ricchi, di far sparire magicamente i debiti e l’inflazione. Per lo più sono personaggi che mirano al potere, alla CAREGA, a sistemare le loro cricche.
Ma la triste realtà è che per estinguere i debiti devi fare sacrifici enormi o aumentare il pil tantissimo, il che non avviene da oggi a domani. Servono riforme, nuovi modelli di sviluppo, investimenti.
Ci vorrebbe un Draghi per raddrizzare l’Argentina. Il popolo deve seguire però il rientro dei greci.
11:22

Rispondi
marco.com

ore 16:15

Questo è un commento all’Opinione del 2/11, in cui Zwirner esercita la funzione di tranquillizzare il popolo, dicendo che la telefonata-scherzo di Meloni non ha alcuna rilevanza.

Le colpe semmai sono di chi le ha passato la comunicazione, ma per il resto “caro popolo di destra, tutto a posto”.

Contesto a Zwirner di non ammettere invece che:
– Meloni è stata mezzora al telefono con uno sconosciuto, con il quale è arrivata a dire “detto fra di noi”. E’ abbastanza grave: detto fra di noi lo dici ad una persona che conosci molto molto bene, figurarsi se è un capo di governo che sta parlando.
E’ molto, molto semplice: un Draghi, non lo avrebbe mai fatto. “Non so se mi spiego….”
Nella sostanza delle cose dette, è vero, niente di particolarmente sorprendente.
Anche se, nelle dichiarazioni pubbliche e negli abbracci commossi a Zelenski, queste cose dette a due comici russi, non sono esattamente le stesse

– Zwirner dice che Zelenski dovrebbe smetterla di pretendere di non cedere nulla a Putin. Zwirnwer: si faccia questa domanda: se lei avesse un vicino prepotente, uno che conosce molto bene come un prepotente, invadesse il giardino della sua ville pretendendo di occuparla come sua, lei accetterebbe per il quieto vivere? Sono certo al 110% che non starebbe zitto e buono

Rispondi
martello carlo

Solo poche persone hanno ricevutole attenzioni della Meloni: le più potenti, in qualche modo, del mondo: da KISSINGER alla MERKEL, ecc.
Ciò conferma ciò che oramai tutti sanno, magari con invidia repressa , ma non sempre: il ruolo ormai consolidato che riveste e gli viene riconosciuto a livello politico mondiale.
La conversazione telefonica si presta ad una lettura molto interessante; sembra quasi che a parlare sia BIDEN, il quale non può certo dire quello che ha detto la MELONI, come dire “parla a nuora perché suocera intenda “. Questo dimostra quanto la sintonia tra i due sia importante e quanto si apprezzino. Tutta Europa la pensa come dice la MELONI, nessun può dirlo: la trovata è stata ottima, sia per la RUSSIA che per l’Europa: è ora che ZELENSKY abbassi la cresta e si arrivi ad un compromesso.
Qui si rischia veramente una guerra mondiale con l’apertura del fronte islamico che risulta il più pericoloso per l’infiltrazione islamica, ormai troppo rilevante in tutto l’occidente a fare da quinta colonna.
Se tutto ciò non avverrà sarà merito anche delle telefonate della MELONI, che possiamo definire IL KISSINGER DONNA DELTERZO MILLENNIO.
23:00

Rispondi
Mario56

Martello
Te la canti e te la suoni perché il tuo SUPER IO non può tollerare che Meloni, la sbrufoncella della Garbatella, sia rimasta vittima di una frode, di uno scherzo, di un imbroglio a 40 anni.
Kisinger lo hanno gabbato a 99 anni senza più uno staff di consiglieri diplomatici.
La Merkel era malata e comunque non hanno chiacchierato come la tua Presidente.
Ora cercherà di rifarsi una verginità con la provocazione vera e propria della pseudo riforma istituzionale sulla elezioni diretta del premier. Unico caso mondiale.
Quindi continua a vergognarti.
08:32

Rispondi
Silvestro

ore 09:45
Certo che l’analisi di Martello è meditata e profonda. Secondo lui MELONI ha conquistato la credibilità e la considerazione internazionale con una rapidità incredibile. Dopo un solo anno di governo Giorgia è già affiancata a MERKEL e KISSINGER che hanno dedicato ben 20 anni di impegno politico internazionale; e questo senza nemmeno disporre ne della forza economica ne di quella militare per giocarsi questo ruolo.

Rispondi
Mario56

Zwirner
Non è altro che il pensiero unico destroide iniziato da MEDIASET, LIBERO, IL GIORNALE, RAI TELEMELONI ( che se la sta passando malissimo senza Fazio, Berlinguer e Nunziata oltre a Gramellini e Vecchioni.)
Se uno dice che la merda è buona da mangiare tutti lo diranno compreso Zwirner, prostrato al potere politico del suo editore.
10:44

Rispondi
Mario56

Le tv locali come telenuovo, per me sarebbero da chiudere tutte, perché più che il territorio, ,narrano le gesta e le lamentele delle destre locali che rappresentano una cricca locale di piccole imprese, artigiani, professionisti privati e i NOSTRI COLDIRETTI, indietro come la COA DEL PORCO.
Zwirner è un giornalista che narra questo mondo di PIAGNONI, EVASORI FISCALI, dove tutto è colpa della sinistra.
Pesca proficuamente in un Veneto bigotto e arrestato, in un mondo da messa della domenica col vestito nuovo e le porcherie si lavano in famiglia.
11:14

Rispondi
martello carlo

@Mario56 Novembre 4th, 2023 8:32
Martello
Sbruffoncello sarai tu,schiavo del SUPER LUI ( DRAGHI e razzista anti GARBATELLA ( il che dimostra il vostro disinteresse, anzi disprezzo per le periferie zetatiellisti ipocriti dei miei stivali ).
Ciò che ho scritto ha una sua logica ( nessuno avrebbe fatto uno scherzo simile a LETTA, ma, se proprio vogliamo fare gli sciacalli, io me la prenderei con lo SPOYLS SYSTEM, lasciato a metà: magari nel sistema chigisono rimastitroppi raccomandati dell’opposizione stracciona.
11:20

Rispondi
martello carlo

@Silvestro Novembre 4th, 2023
ore 09:45
Emergere nella NULLITA’ ASSOLUTA che alligna in UE è molto più semplice.
DIMMI CHE AMICI HAI E TI DIRO’ CHI SEI; LETTA ERA AMICO DI MACRON. AH AH
11:25

Rispondi
martello carlo

TOSCANA SOTT’ACQUA, come l’altra ROSSA, l’EMILIA ROMANA, oggi come ieri, per non parlare di MILANO,
Ci vorrebbe un MOSE per difenderle dall’effluvio di parole dei loro governatori.
Il principale evasore è lo stato guidato dagli ZETATIELLISTI che hanno fatto diventare MILANO una fogna della moda, della futilità e del consumismo matriarcale, l’eldorado dei diritti LGBTQ+. Tassalisti spreconi del lavoro serio, buffoni capaci solo di creare circhi mediatici come CHE TEMPO CHE FA e buttare milioni su ” film ” invisibili e mantenere una pletora di chiacchieroni che usa definirsi l’intellighentia del Paesea pprofittando dei complessi di inferiorità di chi sta a sentirli e vedere.
MENO LICEI e più ISTITUTI TECNICI: di mani senza calli col reddito di FANCAZZISMO MILITANTE e spettatori inebetiti ne abbiamo a iosa: che vadano pure su DISCOVERY, là, almeno non dobbiamo mantenerli col canone.
Viva le reti locali che sono a contatto col mondo LAVORATIVO che tu non sopporti perché ti ricorda che nella tua vita non hai mai combinato un cazzo.
…. Caspita forse sono andato un po’ oltre, mi sono lasciato andare come fossi al telefono…..
Scusami per un attimo ti ho confuso con un comico dell’URSS.
11:55

Rispondi
Mario56

Le opere sui corsi dei fiumi sono in capo alla regione Lombardia. ( Fontana Lega) e al ministero delle infrastrutture (Salvini Lega) e non a Beppe Sala.
Menti sapendo di mentire sei come Meloni e Salvini: mentitori seriali.
In Veneto le opere idrauliche sono state fatte da regione Veneto ( Zaia Lega ? Boh, non per molto) e lo scolmatore Adige Garda fu iniziato in era fascista è finito dall’Italia democristiana. Va aperto con parsimonia perché ammazza i pesci del lago.
1247

Rispondi
Silvestro

ore 14:10
martello carlo – Novembre 4th, 2023 – 11:25
Il tuo tafazzismo masochista è preoccupante; credo che tu debba farti curare.
leggo ”DIMMI CHE AMICI HAI E TI DIRO’ CHI SEI; LETTA ERA AMICO DI MACRON. AH AH”.
risposta facile ”DIMMI CHE AMICI HAI E TI DIRO’ CHI SEI; MELONI AMICA DI ORBAN AH AH”.

Rispondi
Mario56

Ma qualcuno potrebbe immaginarsi QUESTO GOVERNICCHIO, QUESTA PSEUDO CLASSE DIRIGENTE, se avesse dovuto affrontare il covid nel 2020, il crollo del pil a -9 punti, le vaccinazioni di massa, la guerra in Ucraina e il botto di aumento delle materie prime, del gas, del ricatto di rimanere al freddo con mezze industri chiuse??
Non sono nemmeno capaci di distinguere chi gli telefona, se sono dei burloni o dei diplomatici.
Grazie Conte due e Speranza, grazie Mario Draghi che almeno c’eravate voi e non questi fascistelli affamati di potere ma che sanno fare solo delle insulsaggini.
16:36

Rispondi
Silvestro

ore 15:30
PREMIERATO
Per restare nell’argomento è utile qualche considerazione.
Innanzitutto perché ora; è forse la principale preoccupazione degli italiani? Francamente no; è semmai l’ennesimo argomento di distrazione dell’opinione pubblica proposto ogni volta che il governo si trova nell’occhio del ciclone. E non è un sospetto ma una constatazione:
>>> obiettivi del PNRR a rischio? c’è divieto di registrazione dei figli di coppie omogenitoriali.
>>> caso Santanchè: pronto il reato internazionale di maternità surrogata.
>>> picco di sbarchi: ecco il decreto sulle baby gang.
>>> lacune del decreto cutro: attacchi alla magistratura politizzata.
>>> difficoltà nella chiusura della manovra? c’è il lancio del premierato.

Ma per questa iniziativa c’è un secondo motivo più strumentale. E’ previsto un percorso temporale che prevede una prima approvazione delle camere a ridosso delle europee. E’ la madre di tutte le riforme da brandire nella campagna elettorale. C’è una formale apertura a tutte le forze parlamentari, ma proprio per lo stesso motivo, qualunque modifica non potrà trovare ampio consenso. Va aggiunto che se poi c’è il vincolo che non deve essere stravolta l’impostazione originale vale il messaggio “OK a modifiche ma come le vogliamo noi”.
Quindi se avrà un seguito, sarà una riforma esclusivamente della destra che verosimilmente sarà sottoposta a referendum.

Rispondi
martello carlo

LANDINI, che fine hanno fatto i METALMECCANICI? Sono stati sepolti da BOMBARDIERI?
In piazza non si vedono: solo facce di pensionati, sfaccendati e statali da manicotto.
MASERATI. MAGNETI MARELLI, l’acciaio dove sono finite? ELKAN se li è portati in OLANDA?
Ah, stai seguendo la linea ZTIELLINA del PD; scaricata la classe operaia, punti alla politica dei diritti LGBTQ: il successo, con l’apporto di ELKAN/REPUBBLICA e LA STAMPA e con le tue capacità di metterlo a bottega ai lavoratori, l’obiettivo, visto anche la antagonista, è assicurato.
14:25

Rispondi
martello carlo

Però, DELLA VEDOVA, la faccia da carne artificiale ce l’ha, bisogna ammetterlo.
Le future generazioni allevate integralmente con i BIOREATTORI avranno le sue fattezze o quelle di MAGI oppure avranno delle fattezza standard col marchio di fabbrica? Avrà la supremazia la tecnologia oppure il DNA?
La cosa mi incuriosisce molto; per quanto ne sappiamo il risultato potrebbe essere straordinario oppure DISUMANO.
Provare sui TOPI, NO?
14:50

Rispondi
 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

code