Torna al blog

GIUSTO VIETARE IL CELLULARE

Ci voleva la Gran Bretagna per svegliarci e introdurre il divieto dei cellulari a scuola. Noi semplicemente “ordiniamo” che siano spenti: figuriamoci…

Il cellulare a scuola serve a due cose: copiare i compisti scritti domandando le risposte e non seguire la lezione dell’insegnante stando lì a ciattare..

Ma la cosa fondamentale è la terza: la Gran Bretagna ne vieta l’uso anche durante l’intervallo. E questo è il pilastro della tragedia: invece che socializzare coi compagni stanno al cellulare che ha letteralmente distrutto la socialità. A scuola e nella vita.

In teoria doveva servire a fare e ricevere telefonate anche lontano dal telefono fisso. In partica ha distrutto i rapporti sociali. Fate caso: in sala d’attesa o nei mezzi pubblici non si parla più col vicino; tutti a farsi gli affari loro e a mandare il millesimo messaggino.

Ormai anche i giovani in particolare fanno sesso a distanza col telefonino…

Vergognoso vedere bimbi di due anni col cellulare, che così non rompono le scatole ai genitori…

Ovviamente non puoi vietarlo ai maggiorenni. Ma agli altri dovresti farlo a scuola e non solo. Puro buon senso. Il cellulare ha distrutto i rapporti sociali. Questione non da poco…

80 commenti - 1.623 visite Commenta

Mario56

Non è che la tv commerciale, le cosiddette tv private, le “tv libere”, di Berlusconi e company, siano state meno pericolose per i bambini e “adulti “.
Hanno creato il consumismo del sesso e il valore smisurato nel dio denaro.
Inculcato nel popolo l’idea che TUTTO SI PUÒ COMPRARE e tutto è merce.
Salvini
Che figura di m … con l’assassinio Navalny!
18:33

Rispondi
Gibba69

ma la Rai cattocomunista degli anni 60-70-80 pagata anche con i soldi degli operai (canone) non mandava la pubblicita’ commerciale? O non faceva vedere “Il Cappello Sulle 23” di Mosca con le donnine nude dei night club d’oltralpe (che notoriamente sono a pagamento) ? La tv commerciale semmai e’ l’evoluzione della tv politicizzata a carico dei contribuenti…ma a costo zero per gli stessi

Rispondi
Mario56

CATTOCOMUNISTA un cavolo:
Democristiana SI,
CRAXIANA si
Erano i precursori di Berlusconi, bellezza.
In Italia non c’è mai stato un regime comunista.
C’è stato un PCI escluso da tutto. Dalla Rai e dal governo. Aveva più amici nella Rai Almirante di Berlinguer.
Il cattocomunismo non esiste: è stata un’espressione di Berlusconi e camerati vari.
08:37

Rispondi
Gibba69

adesso salta fuori che Rai3 era un’invenzione di berlusconi con tesserati di forza Italia..ma per favore…pure Sandro Curzi? Dai su…
Informati prima di scrivere eresie: “Il termine si è diffuso nella pubblicistica politica italiana a partire dagli anni settanta. Secondo il Dizionario della lingua italiana di Tullio De Mauro il neologismo appare nel 1979. In quell’anno il giornalista Enzo Bettiza (aderente al PCI) pubblica il saggio Il comunismo europeo in cui utilizza il termine” (da wikipedia)..

Rispondi
Mario56

Enzo Bettiza poi passato alle destre può dire quello che vuole.
Rai tre tu parli ? Dovresti inchinarti a colossi come Curzi!
E Tele Vespa
È il tg2 TeleBettino
Ma statte almeno zitto che voi destri avete fatto man bassa con la Rai come con le tv private che vediamo dal dott. Zwirner che colore politico indossano!
E mi vieni a parlare del micro spazio di Rai tre conquistato con valorosi giornalisti al potere e all’ideologia dominante: il clero lego fascismo!
12:46

Gibba69

appicichi etichette gratuite senza sapere nulla. Sono apolitico e non mi inchino a nessuno, di destra o sinistra o centro che sia. La cosa triste è vederti come un nostalgico di un passato irrealizzato e che (per fortuna delle nuove generazioni) non si realizzerà mai in futuro…Buona vita Mario (e goditela come faccio io che di doman non v’e’ certezza).

Mario56

No!
È la scrittura facilitata dello strumento che usa il dott. Zwirner.
Uno smartphone o un tablet.
Anche lui stesso vittima di ciò che denuncia!
10:39

Rispondi
El grinta

È una questione di lunga data a sto punto.. Per quel che riguarda la cultura in generale lo smartphone può dare una mano. Certo..per la socializzazione di persona e il rapporto face to face con l’insegnante il discorso cambia. Tutto risaputo. Presto si arriverà a un mondo dove delle macchine penseranno e agiranno per noi. Sarà ancora più drammatico il discorso. Un’utopia del futuro da dire: promuovi lo studio, il rispetto e la conoscenza usando anche la tecnologia, ma abolisci il lavoro sfruttato e sottopagato, dando il giusto da vivere per tutti e tornerà il contatto umano.

Rispondi
Gatón

Al telefono:
Mamma, dove sei ?
Sono appena uscita dal centro commerciale, tra un po’ torno a casa.
Mamma, ero al centro commerciale con te…

Rispondi
inogniposto

Il Corriere della Sera:
“Navalny è stato ucciso con un pugno al cuore” è una Tecnica del KGB….

In realtà è una tecnica di mio “cuggino”

Rispondi
Mario56

@ gibba69
… riporta le notizie almeno salienti di chi citi:
“ Nel 1997, in seguito alle dimissioni di Vittorio Feltri, Silvio Berlusconi gli offrì la direzione del Giornale, ma Bettiza rifiutò: «Belpietro mi spiegò che lui non sarebbe stato il mio vice ma direttore come me, sia pure non responsabile. A me le querele, a lui il potere, per conto di Berlusconi. Ovviamente, rinunciai. Non avrei mai potuto fare un foglio sotto padrone»[4]. Dopo la rinuncia di Bettiza la direzione del quotidiano fu affidata a Mario Cervi[19].

Bettiza fu tra i pochi intellettuali e giornalisti a offrire sostegno politico alla Lega Nord, che nel 2010 rivelò di votare affermando che «discende dal Lombardo-Veneto asburgico. Gli antenati di Bossi sono Maria Teresa, Giuseppe II, il lato umano di Radetzky. Il suo antecedente è la buona amministrazione austriaca»[20]. Secondo Ugo Magri «conservatore Bettiza è stato sempre, ma di un’intelligenza rara»[9].
Come si vede sarà nato nel PCI ma poi è virato a destra, anche se rimane un colosso rispetto ai giornalai di destra che abbiamo oggi!
13:01

Rispondi
Gibba69

Parlo del 1979 non del 1997 (se noti stessi numeri ma cambiati di posto…) , quindi epoche diverse. Mario vedi l’invito finale nella mia replica sopra….e meditaci.

Rispondi
marco.com

ore 18

sui cellulari, non mi pronunciano
se qualcuno riesce a vietarli a scuola, va bene, ci provi, l’intenzione è positiva
che in questa maniera l’insegnante riesca a riprendersi l’attenzione degli studenti, ho molti dubbi
non ho titoli per fare prediche

TEMA TERZO MANDATO GOVERNATORI

Qualcuno mi spiega come si può votare Salvini?
C’è un video di un comizio del 2016, in cui Salvini con il suo modo di fare disgustoso dice che non si devono concedere più di 2 mandati agli amministratori.
Oggi dice ESATTAMENTE IL CONTRARIO.

Sul terzo mandato, il tema è solo ed esclusivamente politico.
Salvini, il cui unico scopo nella vita è stare in qualche stanza dei bottoni (purtroppo per noi) e che farebbe qualsiasi cosa pur di fare il PdC, sa perfettamente che senza Zaia, la sua Lega in Veneto perde e questo lo allontana sempre di più dalla stanza dei bottoni.
Degli italiani: non gliene frega niente.
Dei Veneti: non gliene frega niente, anzi ha paura che gli oscurino il suo bacino naturale, che è la Lombardia.

Beninteso, lo stesso vale per il PD. Bonaccini, De Luca, Emiliano .

Ma la spudoratezza di Salvini, a voi leghisti del blog, proprio non vi fa nessun effetto?
Credo di no.
Perché una volta, Gaton docet, i compagni prima di parlare aspettavano le direttive dei capi.
Oggi invece, sento tanti pappagalli, pronti a bersi tutte le fregnacce.

Le frasi “bisogna ascoltare i cittadini” va letta: contiamo quanti pappagalli ci sono.
E’ una fregnaccia l’argomento “i parlamentari possono essere a vita” perché anche non gli amministratori? La risposta, giusta, l’ha data Salvini nel 2016. Non sono cariche (parlamentari e amministratori) che sono confrontabili.
I parlamentare fanno (dovrebbero fare) le leggi e gli iter di approvazione sono infiniti.
L’amministratore, in particolare il Governatore di Regione, gestisce miliardi dei cittadini. E’ diverso, è profondamente diverso.

Rispondi
Gatón

Dico la mia sul terzo mandato.
Il principio è stato sancito al fine di evitare il perpetuarsi di cariche deciso dalle segreterie, specialmente ove l’elettorato sia profondamente fidelizzato nei confronti di un qualsivoglia simbolo.
D’altro canto, è controproducente impedire l’accesso alla carica di chi ha ben operato.
A decidere dovrebbero essere gli stessi elettori.
Una modalità a mio avviso semplicissima e che non darebbe alcuna rendita di posizione ad alcuno, sarebbe quella di proporre comunque l’amministratore uscente, affiancandogli un nuovo candidato per la stessa lista.
L’elettore, esprimendo la sua scelta, sarebbe libero di confermare l’amministratore uscente o optare per quello nuovo, pur rimanendo nell’ambito dello stesso partito / coalizione. Qualora uno dei partiti che avevano concorso alla precedente vittoria dell’amministratore uscente decidesse di partecipare singolarmente, dovrebbe mettere comunque il candidato uscente a fianco di quello nuovo .
Ancor più semplicemente basterebbe un’ulteriore settore della scheda elettorale con scritto “vuoi confermare Pinco Pallino” e a fianco due caselle SI / NO e questo garantirebbe anche la scelta per chi esprime un voto disgiunto.
Detto questo, sto con Zaia e con Bonaccini, ma mi pare evidente.

Rispondi
Mario56

La scelta di dire NO ad un terzo mandato è stata voluta principalmente da Meloni e dal suo partito famigliare per PORTARE VIA il Veneto dalle grinfie della Lega.
Lo sanno tutti che la lega senza Zaia arriverebbe nel Veneto probabilmente sotto il 10% e anche meno. Quindi inutile affiancare al governatore uscente un pinco pallino qualunque, tipo Valdegamberi ma anche un Marcato. Sarebbe inutile. La Meloni vincerebbe a man bassa e Zaia potrebbe fare facilmente dei pensierini a prendersi la segreteria della lega, specialmente adesso con un Salvini che è debolissimo e farnetica cazzate dalla mattina alla sera.
Ma state ( voi destri) attenti che l’aria in Italia cambia rapidamente e quando meno là si aspetta.
Chiedetelo al povero Renzi che dal 41% europee, alle glorie del Expo di Milano e’ passato alle stalle.
Succederà anche a Meloni: la gente già si lamenta.
Vedremo prossimamente.
@@ gibbo69
Apolitico, né di destra, né di sinistra, ma parli del cattocomunismo e di Rai tre occupata dalla sinistra come un Salvini qualunque: quindi io dal tuo frasario ti reputo di destra, di quella farisea che ha paura a dirlo!
10:09

Rispondi
Gatón

Come al solito hai capito tutto.
Pinco pallino nel mio post sta per il nome dell’amministratore uscente, non del nuovo candidato.

Rispondi
Gibba69

guarda @Mario56 mi dispiace (mica tanto) per te… un nostalgico frustrato con manie di persecuzione… vedi destre ovunque…peccato hai perso l’occasione per apprezzare il mio invito a goderti la vita. Resta pure triste coi tuoi fantasmi del ‘900….io me la spasso.

Rispondi
marco.com

ore 11:30

TERZO MANDATO

Nel merito: io credo più nella democrazia rappresentativa che in quella diretta (in risposta a: lasciamo che i cittadini …). Per me è giusta la limitazione dei due mandati. E la ragione è quella nota in tutte le grandi organizzazioni democratiche: il rinnovo è salutare.
Zaia, Bonaccini ecc. sono ottimi amministratori, ma è inevitabile che attorno a loro si formino delle lobbies. Inevitabile e comprensibile.

Aspetti politici.
Dal punto di vista politico, inteso come lotta fra personaggi politici, lo scontro sul terzo mandato è molto divertente.
Salvini ha bisogno di avere la bandierina della Lega (x Salvini premier, non quella della Liga Veneta, come si affanna qualcuno a dire). La possibilità di una Lega (quella per Salvini premier) di diventare marginale è tenere la bandierina sul Veneto, sul Friuli oltre che la ‘naturale’ Lombardia. Quindi dirà e farà di tutto per quell’obiettivo.

Chi vota contro il terzo mandato, lo fa per motivi puramente ‘politici di lotte fra personaggi’.
Facile per Meloni e FdI dire che è ora di governare il Veneto visto che ha la grandissima maggioranza.
Difficilissimo per il PD. Che alla fine ha sacrificato i propri governatori per la scommessa di puntare a dividere la destra. Stessa cosa per i centristi: spaccare l’attuale maggioranza significherebbe tornare potenzialmente in gioco per allearsi con le componenti democratiche.

Uno spettacolo poco edificante, ma meglio così dei regimi alla Putin e alla Orban. (che, a proposito dei cittadini votanti, sono l’esempio di quanto sia flebile e delicato l’argomento).

Rispondi
Mario56

@ GATON
pinco pallino e’ un mio esempio. Di quello che hai scritto tu ho letto fino ad un certo punto anche perché francamente mi è sembrata subito una PUTTANATA !
13:46

Rispondi
Gatón

Io, al contrario, leggo tutto attentamente e fino in fondo.
Dopo di che posso decidere se sia il caso di rispondere o meno.

Rispondi
Silvestro

ORE 15:50
CELLULARI A SCUOLA
Sono contrario a proibirli perché l’educazione all’uso corretto ha origine innanzitutto in famiglia. Se si comincia a dare il cellulare al figlio di due anni che sul passeggino in strada si guarda i cartoni, cosi non rompe, trovo difficile toglierlo poi a scuola. Con il covid, peraltro, proprio nella scuola abbiamo favorito e incoraggiato questo tipo di comunicazione. Sono comunque curioso di vedere l’applicazione di questa regola, il consenso e le proteste (sopratutto dei genitori).

TERZO MANDATO
Sono per principio favorevole ad una limitazione temporale dei mandati governativi. Guardandoci intorno c’è per gli USA, c’è per la Francia, c’è per i governatori delle regioni, c’è per i Comuni sopra i 15mila abitanti.
Il limite dopo due mandati, è un elemento indispensabile per il ricambio democratico.
Non è sempre cosi, ma molto dipende dalle qualità personali del leader e dal contesto degli elettori: Margaret Thacher governò 11 anni, Angelo Merkel 16 anni; per contro abbiamo tuttora Orban al governo da 13 anni, e Benjamin Netanyahu da 14 anni. In Italia l’esempio più negativo è Roberto Formigoni governatore della Lombardia per 18 anni. Il limite del doppio mandato anche per i parlamentari l’ha annunciato ed applicato per sè M5S; e di questo bisogna almeno darne atto.

RUOLO DEI GOVERNATORI REGIONALI
Sono convinto che il compito del governo centrale non sia molto diverso da quello regionale. Alla fine si tratta pur sempre di destinare soldi da impiegare. Il governo centrale definisce l’ammontare per le singole regioni e le relative regole per collocarli; le regioni discutono sulla quantità di denaro loro assegnata e sulla modalità più o meno autonoma della spesa. Due facce della stessa medaglia

Rispondi
El grinta

Scusami il francesismo Silvestro, ma ti rispondo il cazzo decide sulle regioni equamente. Sempre con i fondi concessi alle zone depresse…e sappiamo tutti dove. Come se i problemi fossero solo lì. Non abito in Veneto e farà male quello che sto dicendo perché un po’ l’Italia la giro. C’è una rete stradale non molto meglio di quella della Calabria in certi punti. Purtroppo. Ed è solo un esempio.
A fronte di ingressi all’erario per tasse di varie natura, tot volte superiori. Potremmo parlarne per una vita….

Rispondi
Mario56

Cellulari a scuola
La destra, come al solito, tende solo a PROIBIRE, PUNIRE, BASTONARE.
L’educazione invece, quella che cerca di coinvolgere i ragazzi e cercare di convincerli intimamente a rinunciare allo smartphone per un determinato periodo e per un determinato obiettivo è una cosa complessa e va gestita con competenze .
Quindi non sono d’accordo con Zwirner.
Terzo mandato
Due mandati sono più che sufficienti: sono 10 anni, una marea di tempo. Oltre si potrebbero creare potentati, lobby, interessi ristretti, nicchie di gente che ci mangia su.
Mi pare che nel Veneto Zaiano ne abbiamo già degli esempi e probabilmente, anzi sicuramente anche in Emilia Romagna e Campania.
@ GIBBO 69
Guarda che io vivo bene. L’astio è tuo. Sei stato tu ad entrare nel blog contestandomi e continuando a farmi notare che sono nostalgico del 900 e di fantasmi del cattocomunismo.
Stai attento perché chi dice troppo CHE SE LA SPASSA è perché magari NON SE LA SPASSA AFFATTO !
19:13

Rispondi
Gibba69

Basta leggere la seconda riga per darmi ragione, sei attanagliato dai fantasmi peggio di un racconto di Edgar Allan Poe. Ecco perche’ non puoi goderti la vita come me. Con questo ti saluto definitivamente e ti invito a levarti quanto prima (vista l’eta’) i fantasmi di torno, starai piu’ sereno.

Rispondi
Silvestro

ore 09:50
El grinta
prima di esprimerti con i francesismi del cazzo che usi a casa tua, è meglio che impari a capire l’italiano: io ho scritto “Il governo centrale definisce l’ammontare per le singole regioni e le relative regole per collocarli” che è cosa diversa da quello che tu interpreti “equamente”.

Poi se vuoi parlare di tasse di varia natura puoi cominciare tu senza alcuna autorizzazione.

Rispondi
El grinta

Silvestro, fai dei voli pindarici. Non io….tu.
Lo Stato, Definisce per le regioni, come intendi tu è un’accettazione contestuale del fatto che si sottointenda un’equità….che di fatto non c’è e non è mai esistita.. Perché non cominciare a buttare lì qualche fatto concreto? Di quello che viene dilapidato dai proventi dati a varie Regioni, ma anche di quello che non viene concesso ad altre Regioni invece meritevoli. Oggi c’è un controllo della UE anche su questo. È risaputo. Ma succede anche perché certi movimenti di denaro non sono cristallini.

Rispondi
Silvestro

ore 16:00
El grinta
Gli stanziamenti che lo Stato definisce per i territori è stabilito fin dal 2010 con apposita legge che indica i capitoli dei fabbisogni non solo delle regioni ma anche di Comuni e province.
I fabbisogni sono definiti in base alle caratteristiche locali quali efficenza amministrativa generale, viabilità e territorio, gestione dei rifiuti, servizi sociali, asili nido, polizia locale, istruzione pubblica etc. Influisce quindi il numero abitanti, la densità della popolazione, la loro età e di conseguenza l’offerta che riguarda asili nido, scuole, servizi sociali.

L’aggiornamenti du tutti questi indicatori è affidato ad un ente interministeriale, (SOSE) che raccoglie le informazioni sia locali che dei vari ministeri, e ne definisce anche il peso finanziario.

Quindi prima di parlare di francesismi o voli pindarici bisognerebbe avere un’idea di cosa si parla. In questo contesto il criterio di equità è personale e semplicistico che lascio sottintendere solo a te.

Ovviamente nessun ente locale è soddisfatto delle risorse assegnate, ed è la molla che fa scattare la richiesta dell’autonomia differenziata.
L’ostacolo principale di questa riforma oggi in discussione è la definizione dei LEP (livelli essenziali di prestazioni) che dovrebbero essere garantiti su tutto il territorio nazionale (es. quanti posti di asili nido ogni 100 bambini, quanti posti letto ospedalieri ogni 1000 abitanti etc,)
Un sistema che dovrebbe sostituire quello attuale ma che pone subito grossi ostacoli: poiché ci saranno territori con prestazioni inferiori ai livelli minimi ed altri decisamente superiori si tratterebbe di finanziare maggiormente quelli carenti ma anche di ridurre gli stanziamenti a quelli con livelli ampiamente superiori.

Una situazione esplosiva con ampio riflesso sul consenso elettorale.

Rispondi
marco.com

ore 18

La verità ha il linguaggio burocratico e scientifico.
Il populismo usa altri linguaggi e vince, perché risponde al bisogno di avere qualcuno su cui scaricare la colpa del proprio stato, ritenuto, ovviamente, ingiusto.

Rispondi
Mario56

E per i Veneti sono i “terroni”, per i meridionali ed i Veneti sono i migranti, la Germania, la Francia, Macron, la UE matrigna che ce l’ha con l’Italia e i governanti italiani ( di sinistra, che pare abbiano governato da soli per un paio di secoli) che non fanno l’interesse del proprio Paese, mentre gli altri “furbi “ fanno i propri comodi.
Poi ci sono le banche ed i Soros, i Draghi e i “ poteri forti”.
Ora pare che ci siano anche i giovani di sinistra che vanno presi a bastonate
mentre la gioventù fascista non va toccata “per evitare scontri di piazza”
Il solito doppiopesismo delle destre.
08:54

Rispondi
Mario56

“ I manganelli coi ragazzi esprimono il proprio fallimento “
A chi si riferisce il Capo dello Stato?
Alla polizia
a Piantedosi
a Meloni ???

Se poi ci mettiamo che l’estrema destra fascista fa quello che vuole nelle piazze, senza che nemmeno sia toccato un capello a loro … mentre delle anziane signore russe che vanno a mettere i fiori sulle foto dei dissidenti ammazzati da Putin, la Digos a Milano chiede i documenti per l’identificazione! La stessa Digos che ha voluto identificare anche il signore che alla Scala ha gridato : “ viva l’Italia antifascista!”
… la dice lunga su chi abbiamo al governo!
Cosa ne pensa gaton od el grinta?
O martello, o INOGNIPOSTO, o gibba69?.
10:03

Rispondi
Silvestro

ore 11:00
Parlare con un Ministro rientra certamente nelle competenze del Capo dello Stato; é molto più raro che lo faccia con pubblica diffusione dopo una manifestazione di piazza contenuta con violenza inspiegabile.
C’erano già stati altri segnali, ma evidentemente con quell’intervento si è passato il segno, e Mattarella ha voluto evidenziarlo con un avvertimento esplicito, che per Piantedosi suona molto come un fermo rimprovero.
Il vecchio motto “legge e ordine” che sta molto a cuore alla destra più nostalgica, va rimodulato secondo principi di democrazia reale, e non di democratura.

Il Presidente della Repubblica si rivolge a Pientedosi perché Meloni capisca

Rispondi
El grinta

A Silvestro e Marco, tante parole e il solito populismo sbandierato ad etichetta e poi non si vanno a vedere le reali destinazioni, del fondo perequativo destinato alle regioni ed altri enti locali. Diciamo pure che dovrebbe essere trasparenti e motivati (come legge) tali finanziamenti, definire meglio quali sono le regioni non autosufficienti e soprattutto perché non lo sono. E allora ci si farebbe qualche domanda più appropriata.

Rispondi
Silvestro

ore 15:30
El grinta
parole tante, perché ho esposto dettagli che sono tutt’altro che un generico populismo.
Ma puoi sempre smentirmi: Tu che hai le idee molto chiare puoi indicare con precisione i territori non autosufficienti, e perché non lo sono.
Ma saprai illustrarci anche le soluzioni più adatte che suppongo richiedano molti soldi (che non ci sono) ed un tempo piuttosto lungo durante il quale è indispensabile mantenere un solido consenso elettorale.

Tenersi sul generico e lamentarsi senza indicare di chi e di cosa, è solo un inutile lagna.

Rispondi
Mario56

EL GRINTA
alla fine ha poca grinta. Sparisce dal blog alle prime difficoltà.
CUTRO
dopo un anno aspettiamo ancora che i colpevoli di omissione di soccorso paghino.
E’ strano che il governo di LEGGE E ORDINE non si stia preoccupando di far pagare chi NON HA FATTO IL SUO DOVERE, magari influenzato da qualcuno??
Salvini, pronto a mettere in galera e buttare le chiavi per gli stranieri quando commettono un reato NON HA NIENTE DA DIRE sui 94 morti di Cutro?
19:17

Rispondi
El grinta

Mario, a volte sei un cazzo di primate. Mario the Viet kong.Fattelo dire. Ah, non rispondere. Evita.
A Silvestro: sappi che dalla Gazzetta del Sud stimavano di 4,6 miliardi il finanziamento perequativo recente, già ridimensionato di 3,5 miliardi rispetto all’anno precedente. Poverini. Vattelo a cercare se vuoi..Se a te sembrano pochi. Ah tu non ti lagni perché evidentemente sei nel tuo agio. Ma risparmialo, a chi ha un concetto di paese diverso dal tuo.

Rispondi
Mario56

Ma tu, @ EL GRINTA non potresti astenerti dalle offese personali VIETATE TRA L’ALTRO IN QUESTO BLOG?
Rispondi invece agli inviti che ti ha fatto Silvestro, con numeri, dati certi, E NON CON LAGNE DA OSTERIA ?
I numeri, i dati, la statistica, la scienza NON SONO OPINIONI PERSONALI, come non lo era il covid ed il vaccino.
09:12

Rispondi
marco.com

ore 9:40

@El Grinta: permetti, il tema era il terzo mandato, favorevoli o contrari, e tu ti sei inserito per rimarcare che ci sono Regioni virtuose (al nord) e Regioni meno virtuose (al sud). Per quanto mi riguarda, ti dico che sono d’accordo, d’accordissimo anzi.
Ma questo che c’entra con il terzo mandato? Ce lo puoi dire?

Rispondi
Gatón

Evidentemente qualcuno ha già deciso chi sono i colpevoli, senza attendere non dico sentenze definitive ma semplici rinvii a giudizio.

Rispondi
Mario56

Lo stesso dovrebbe valere per tutti: anche per i magrebini accusati di stupri.
Invece in questi casi si invoca SBRIGATIVAMENTE la castrazione chimica, senza nemmeno sapere cos’è, come è, se funziona , si invoca la detenzione in carcere con chiavi buttate nel mare.
Il fatto che i soccorsi siano arrivati sei ore dopo, il fatto che ufficiali della guardia costiera e della guardia di finanza erano presenti nella centrale operativa di frontex e non abbiano deciso di monitorare la nave dei migranti, il fatto che frontex dice che “Roma “ sapeva tutto ma nessuno si è mosso …
… dovrebbe spingere il governo a chiedere giustizia.
Giustizia che invece viene chiesta subito se i reati sono commessi da migranti, giovani studenti, attivisti del clima.
Giustizia che non viene chiesta se invece i reati sono omicidi del lavoro, corruzione, concussione, traffico di influenze, stupri ( se non sono marocchini o egiziani).
10:40

Rispondi
Silvestro

ore 10:45
El grinta
Mi aspettavo (avevo chiesto) una spiegazione più esauriente.
Il Fondo perequativo fu avviato dal Governo Draghi per individuare i differenti fabbisogni territoriali (opere idriche, istruzione, sanità e trasporti). A seguito di una precisa indagine su scala nazionale fu stabilito un primo finanziamento di 4.6 mld l’80% del quale era destinato al meridione. L’obiettivo era avviare un primo passo per ridurre le distanze infrastrutturali nord-sud e facilitare l’approntamento dei livelli essenziali di prestazione (LEP) che sono i confini necessari per applicare quella autonomia differenziata tanto invocata (anche la Lega approvò quella disposizione).

Il governo Meloni ha sostanzialmente eliminato questo fondo (sono rimasti circa 700milioni) rinviando tutto al PNRR aggiornato, di cui, ad oggi, non si sa nulla.

Conclusioni:
>>> L’italia non è un paese da progetti di medio termine: cambiano spesso gli obiettivi, si ridiscute spesso quanto approvato in precedenza.
>>> L’elettore cambia opinione più volte, è sensibile solo ad obiettivi di breve periodo e di interesse personale.
>>> Non ho letto risposte alle mie osservazioni, le motivazioni del tuo malcontento, e nemmeno il tuo concetto di paese.

Rispondi
Silvestro

ore 11:00
Sulle manganellate agli studenti mi sono sbagliato:
Affinché il richiamo sia ben chiaro, Mattarella ha chiamato anche Meloni.

Rispondi
El grinta

Mario, te le vai a cercare. Non sono il tipo da offese gratuite, ma spesso, troppo spesso sei una continua provocazione, a chi supponi o vuoi diverso dal tuo pensiero.
Silvestro il grande problema è la mancanza di contesto e chiarezza a queste manovre. Prima l’ho chiesto apertamente, Ci vanno delle motivazioni serie e trasparenti per muovere i fondi perequativi. Devono essere spiegate chiaramente. E mi sembra che questo non avvenga. Non vi sono tabelle specifiche e dettagliate regione per regione portate all’opinione pubblica e, perché. Non va bene per niente.

Rispondi
Mario56

Le provocazioni continue e anche le manganellate PROVENGONO DALLA TUA PARTE POLITICA CHE IO NON HO MAI OFFESO.
Permetterai di dissentire dal VOSTRO PENSIERO UNICO o è vietato?🚫
12:16

Rispondi
Mario56

Telenuovo Rosso e nero
Molti telespettatori veneti vedono in ogni manifestazione dei partecipanti violenti, facinorosi, vandali, spacca vetrine e una polizia che va difesa a prescindere.
Le uniche eccezioni sono per le manifestazioni degli agricoltori e dei no vax. Li le richieste sono legittime e la polizia cattiva ( idranti a Trieste contro i no vax).
Bravo Lillo Aldegheri
14:24

Rispondi
Silvestro

Ore 14:30
El grinta:
Per evitare menate infinite sarò molto chiaro.
Ho seguito il tuo consiglio, sono andato a leggere relazioni ministeriali, verbali, chiarimenti delle figure coinvolte sul fondo perequativo e solo dopo ho postato le informazioni e le notizie che avresti dovuto dare tu, visto che era una tua citazione.

Quindi credo sia doveroso che tu metta in pratica quello che suggerisci agli altri:
VAI SUL SITO DEI MINISTERI O SUL TESTO DEI DECRETI, segnati i dati rilevanti e poi vieni qui a lamentarti con cifre, e numeri concreti.

E’ l’unico modo per evitare di piagnucolare continuamente lamentando che gli altri non pubblicato, non comunicano.

PS: Per confermare quanto queste tue lagnanze siano strumentali e superficiali, a me risulta che il fondo perequativo sia stato cancellato prima ancora che entrasse nella fase operativa, e quindi mancano tabelle specifiche e motivazioni.

Rispondi
Mario56

Probabilmente il centro centro sinistra alla fine perderà in Sardegna soprattutto per l’ irresponsabilità di Renato Soru … altrimenti si sarebbe stravinto,
… ma la Meloni se la facendo sotto per tutto il giorno .
Destra destra non più una fortezza inespugnabile.
Salvini verso un pietoso 4%.
Avanti così!
17:54

Rispondi
El grinta

Silvestro, a me il fondo non sembra affatto cancellato. È da attestare come misura compensativa in ogni caso. Altrimenti mandami link relativo alla cancellazione e ci do un’occhiata, cortesemente. Io non l’ho trovato.

Rispondi
inogniposto

Dott. Zwirner ieri sera ho visto la sua “opinione” (tema le forze dell’ordine) e devo dire che mi trovo in totale disaccordo con lei; chi indossa la divisa deve essere il primo a rispettare la Legge, deve essere il primo a non utilizzare la violenza ( perchè è addestrato ma soprattutto perchè rappresenta lo Stato). Come si può pretendere che i cittadini rispettino le Leggi quando gli uomini dello stato sono i primi a non rispettarla? Chi dietro una divisa sfoga le proprie frustrazioni per me è uomo che non vale nulla (ovviamente non tutte le forze dell’orine sono così)

Rispondi
Mario56

Sono d’accordo. Ma Zwirner deve sempre stare da quella parte, anche quando sbaglia.
Io ho capito che alla fine Piantedosi abbia condiviso il rimprovero di Mattarella, infatti la nota del Quirinale dice “ condiviso” , quindi gli esponenti della destra, quale è Zwirner, hanno poco da menar il can per l’aia: va fatta una inchiesta e vanno puniti i responsabili che picchiano bambini di 14/15 anni.
09:22

Rispondi
Mario56

Sardegna
Sconfitta chiara di Meloni. In Sardegna ci ha messo la faccia: l’isola era letteralmente tappezzata con la sola faccia della Meloni su migliaia di manifesti.
I tre moschettieri MELONI, SALVINI, TAJANI sono andati al comizio finale convinti di espugnare l’isola e il risultato sarebbe stato nazionale …
… ma ora che hanno perso lo degradano subito ad una sfida locale poco importante!
09:30

Rispondi
Silvestro

ore 10:00
Ma questo risultato rafforza la richiesta del terzo mandato per i Governatori (Zaia e non solo)

Rispondi
Mario56

Salvini dal 12% del 2019
al 3,7% di oggi.
Probabilmente il terzo mandato è un rischio anche per lui.
10:39

Rispondi
inogniposto

L’ho scritto qui alle ultime elezioni nazionali e lo ripeto ora: se non vuole sparire la Lega deve cambiare “manico” e non è colpa di FI o di FdI ma di Salvini che è un incapace

Rispondi
Silvestro

ore 11:10
Non credo. in Sardegna la coalizione di destra ha preso più di voti di Truzzu.
Significa che (finalmente) il voto disgiunto ha funzionato e che il 4% degli elettori di destra pur votando per la coalizione ha preferito altri.

Truzzu era una figura politicamente debole e imposta da Roma.
A mio avviso significa che nelle regionali il peso del Governatore candidato fa la differenza e, nel Veneto, nessuno è più popolare di Zaia.

Rispondi
inogniposto

Silvestro posso sbagliarmi ma questo è quanto preso dalla Lega (salvini – Sardegna) nel 2019: 11,40%. Oggi la Lega non arriva al 4%; certamente il candidato era debole ma PER ME questo non spiega da solo il disastro elettorale del carroccio in Sardegna

Rispondi
inogniposto

io sono di destra e ritengo che ogni comportamento di organi dello stato debba essere LIMPIDO anzi CRISTALLINO, i cittadini di qualsiasi pensiero/idea essi siano debbono aver il diritto a manifestare liberamente. L’inchiesta è necessaria non solo per “quelli che hanno preso le manganellate (tra l’altro lontani anni luce da me) ma anche e soprattutto per lo STATO CHE HA TUTTO L’INTERESSE A NON ESSERE ACCOSTATO A COMPORTAMENTI CONTRARI ALLA LEGGE.

Qualche anno fa (nel 2020) partecipai ad una manifestazione “opposta” a quella di qualche giorno fa, una manifestazione di destra (vi era un poco di tutto anche ragazzi di destra estrema ma non solo, vi erano moltissimi “moderati”), manifestazione svoltasi in maniera pacifica fino a quando in piazza delle erbe si è voluto impedire ai manifestanti di esprimere le proprie opinioni sotto la Prefettura. Mi chiedo semplicemente perchè si è preferito iniziare una guerriglia in centro tra l’altro con un utilizzo di manganelli e lacrimogeni SPROPOSITATO invece che i manifestanti arrivassero sotto gli uffici del rappresentante dello Toto a Verona. Da quando in qua non si può manifestare sotto la Prefettura? Prego indicarmi quale legge impedisce di disturbare il Prefetto, mentre una famiglia di “normali” cittadini può essere “disturbata” da una manifestazione…. Il Prefetto gode di privilegi speciali? Ha un diritto speciale alla tranquillità?
A volte chi detiene legalmente l’uso della violenza ne abusa e questo per me è inammissibile.
Mario ti assicuro che in quel ottobre 2020 non vi era alcuna necessità di manganellare ed asfissiare , semplicemente si aveva voglia di mostrare i muscoli e a perderci è stato lo Stato perchè ha perso l’ennesima occasione di dimostrarsi democratico ed efficiente (magari si preferisce manganellare perchè si è capaci di mantenere l’ordine solo con la forze ed i divieti? Non lo so, ma se è così la mia speranza è che tali “servitori” dello stato si dedichino ad altro , magari in un altro lavoro riusciranno “meglio”)

Rispondi
Silvestro

ore 14:15
Inogniposto:
Non c’e dubbio, quella di Salvini è una sconfitta nella sconfitta. Se avesse vinto Truzzu, anche con queste percentuali l’esultanza sarebbe stata enorme.
Come ho scritto prima, il Governatore non rispecchia il consenso del parito di apparteneva.
La Todde, ha vinto in quota ad un movimento che ha preso l’8%. E’ vero che ci sono altri motivi
di esultanza, ma nessuno discute una vittoria del 5S.

IPOTESI: se approvato il 3° mandato, Zaia vincesse in Veneto con una Lega che raccoglie
il 6% dei voti (2019 = 17%), cosa direbbe Salvini?

Rispondi
inogniposto

Silvestro penso che un politico dovrebbe sempre trarre indicazioni politiche anche dalle elezioni amministrative anche perchè prima o dopo arriveranno comunque le elezioni politiche…. Se si verificasse l’ipotesi che hai disegnato tu beh… internamente alla lega il dato politico sarebbe che ha vinto Zaia e che la politica Salvini ha perso. Io vedo una erosione costante di voti che l’attuale segretario non sta tamponando. Tenuto conti che FI non ha più il gran capo (quindi potenzialmente terra di conquista per la lega) questo per me è grave. Io non voterei mai la Lega perchè il suo segretario non mi da alcuna sicurezza di serietà

Rispondi
Mario56

Il voto disgiunto in Sardegna non lo credo organizzato.
Semplicemente almeno un 5% di elettori di destra hanno preferito il programma e / o il valore della persona presentata da centro sinistra, a dispetto di Meloni che si credeva Re Mida.
Anche Zaia prende molti voti dalla sinistra nel Veneto: quindi nelle elezioni specialmente amministrative conta moltissimo chi presenti.
@ INOGNIPOSTO
Salvini dovrebbe essere cacciato a calci nel …
La linea della Lega nazionale è morta. O tornano al localismo e autonomia del nord ( cui io non credo) o a breve saranno finiti. L’estrema destra è già occupata da Meloni. Lì Salvini non passa.
15:45

Rispondi
Gatón

Loro devono demonizzare il nemico, per poi autoassolversi di qualunque nefandezza.
Sono quasi ottant’anni che giustificano tutto, terrorismo compreso, con la necessità di essere antifascisti.

Rispondi
Mario56

Per me la destra moderata poteva ravvisarsi nei liberali che avevano aderito a FI nei primi momenti.
Meloni per chi rappresenta , per i toni sopra le righe, per le urla, per appartenenza politica internazionale, per i comizi a vox, per gli apparentamenti
SI PUÒ CONSIDERARE A TUTTI GLI EFFETTI UNA ESTREMISTA DI DESTRA. Non è per niente moderata.
Come estremista e’ quel GATON che continua a credere a delle falsità che gli hanno inculcato nella capoccia fin da quando era bambino.
10:42

Rispondi
Gatón

Che Togliatti abbia concordato con Stalin di non far tornare a casa i prigionieri di guerra italiani è forse falso ?
Questo l’ho sentito da bambino.

Rispondi
Mario56

E non ti hanno insegnato da bambino che gli alpini italiani assieme ai soldati tedeschi andavano là in Russia per occuparla ed instaurare la dittatura nazifascista?
Che hanno massacrato milioni di russi, che hanno scatenato la seconda guerra mondiale portando morte nel globo terraqueo?
Da bambino ti hanno fatto vedere solo le foibe e le lacrime degli esuli istriani o degli alpini mandati al massacro dai tuoi?
Vergognati
Sono passati quasi cento anni e rinvanghi ancora le giuste umiliazioni che i vinti vi hanno dato a voi sconfitti.
Dovresti ringraziare baffone che è stato anche buono con gli italiani prigionieri grazie a Palmiro!
Ringrazia gaton!
12:30

Rispondi
El grinta

Te pensa uno come il Mario Viet 56. …Baffone pluristragista milionario che va ringraziato…Stiamo cadendo nel paradosso ai confini dell’assurdo in sto blog. Riprenditi vecio. Forse sei quasi in tempo…

Mario56

@ EL GRINTA
Chi è andato in casa di BAFFONE?
Poi stragista né più né meno di BENITO… o no?
Aveva diritto di difendersi e fare prigionieri gli occupanti italiani?
El grinta, mi sa che avete bisogno tu e gaton di riprendervi. Magari è la botta della Sardegna?
14:26

Rispondi
Gatón

Far morire i prigionieri di guerra dopo la fine del conflitto è criminale!
E chi lo ha concordato con l’ex nemico è traditore.
Chiudo.

Rispondi
Mario56

Intanto, gaton, ti basi su lettere di archivi del 92 AMPIAMENTE CONTRAFFATTE e su cui non c’è alcun accordo tra gli storici, proprio perché non c’è attendibilità delle fonti e sulle manomissioni altamente probabili ma
SOPRATTUTTO NON INTERESSANO MINIMAMENTE L’ODIERNA SINISTRA CHE HA RIPUDIATO MOLTI DECENNI FA quella ideologia e quei metodi. Ancora …
Se gli italiani ( alpini) fossero stati a casa e non mandati a rubare e occupare la casa d’altri non ci sarebbero state conseguenze, invece il CRIMINALE, DITTATORE, ASSASSINO DI BENITO MUSSOLINI, a voi tanto caro, ha mandato a morire centinaia di migliaia di giovani italiani ed è una vergogna che tu e quel EL GRINTA, incolpiate Stalin e Togliatti.
Sai cos’è mancato in Italia?
Un bel processo di Norimberga e una sana occupazione degli alleati e non avremmo ora al governo i nipotini di Mussolini, e al primo saluto romano una salutare settimana in carcere.
Chiudo io.
15:24

Rispondi
Mario56

1 identificazione spettatore al Teatro alla Scala che grida: “ Viva l’Italia antifascista “
2 identificazioni di alcune signore russe che mettevano dei fiori a Milano per commemorare i martiri di Putin
3 ufficiale dei Carabinieri che durante una manifestazione dice pubblicamente che non riconosce Mattarella come suo presidente e che lui non l’ha votato 😂
4 polizia non si muove e non identifica gli squadristi di Acca Larentia che svolgono riti di chiaro stampo fascista.
5 poliziotti che manganellano adolescenti inermi e con le mani alzate a Pisa con una violenza inaudita.
Gli indizi sono tanti per non pensare che si respira un’aria simile a quella del G 8 di Genova: aria di libertà a reprimere, aria di mani libere nel manganellare.
Mattarella ha fatto bene a far capire che l’aria deve essere sempre la stessa: quella della democrazia e dello Stato autorevole e non bastonatore.
17:44

Rispondi
El grinta

Però El baffon te va ben, Mario. Strana maniera di pensare, considerando i mezzi subdoli, coercitivi, lesivi e assassini che adoperava tal personaggio. Ma forse viaggiava dalla tua ex parte e anche Pol Pot risultava lecito. Totale mancanza di ratio e obbiettività da parte tua. Dovevi farti un po’ di Cambogia da giovinotto. Tutto ti sarebbe stato più chiaro… fidati.

Rispondi
Mario56

Quando mai avrei scritto che mi piaceva BAFFONE?
Ho detto semplicemente che SE I SOLDATI ITALIANI FOSSERO STATI A CASA, invece di aggredire la Russia del tiranno BAFFONE, chiaramente mandati da quel delinquente di nome Benito Mussolini ( che non ti ho mai sentito condannare) non ci sarebbero state le conseguenze citate da GATON.
Ma tu come il tuo camerata gaton vedere la pagliuzza e non la trave del fascismo. Baffone non ha mai comandato in Italia e non c’entra niente con noi. Mussolini invece SI!
20:04

Rispondi
martello carlo

Oggi su Repubblica, CARLO BONINI, titola giustamente ” la maschera è caduta “: quella tra il capo dello stato e la MELONI sui fatti ” polizieschi ” di questi giorni è chiaramente una contesa sulle riforme istituzionali.
Allo stato, mi sono quasi convinto che il PREMIERATO è una cosa sana e giusta, considerando che, come insinua l’opposizione, ciò li literebbe i poteri del QUIRINALE.
Un ultimo dubbio: chi difenderebbe i poveri fanciulli e fanciulle che manifestano per una definitiva soluzione dei problemi della pace nel mondo? 😎
12:05

Rispondi
martello carlo

Il TEMPISMO.
Il tempismo è fondamentale in politica:
– piovono querele e punizioni sul generale VANNACCI le cui idee ultra progressiste potrebbero essere il detonatore della deflagrazione del politicamente corretto che ormai è una cappa soffocante sulle teste della gente che desidera ragionare e lessicare con la propria testa e non con quella di pochi esaltati perditempo NON NORMALI. Uno che ha avuto questo coraggio anticonformista e ha avuto un seguito di centinaia di migliaia di FOLLOWERS superando ogni record di vendite del suo primo libro, non deve entrare nell’agone politico.
– pan per focaccia a stretto giro di posta, per la polizia torturatrice di innocui fanciulli e strillanti fanciulle, cui non va negato il diritto di fare ciò che vogliono in considerazione della loro tenera immaturità, aggredendo, sponsorizzati adeguatamente da parte dell’élite ( sinistra naturalmente ) del paese, la volante di Torino.
Un suggerimento per risolvere la questione ce la fornisce la neo eletta TODDE: armare la polizia di matite anziché di manganelli e un altro dalla consigliera toscana SILVIA NOFERI: dotare i poliziotti di scudi ANTISPUTO, diritto questo, riconosciuto costituzionalmente da chi in alto loco tacendo annuisce. 😎
11:30

Rispondi
Mario56

Per fortuna che c’è Crosetto:
11 mesi di sospensione dal lavoro.
Niente contributi per 11 mesi
Metà stipendio per 11 mesi
Vannacci ha disonorato l’esercito.
E che caxxxo. Invochiamo là terzieta ‘ dei magistrati e quella di un ufficiale dell’esercito italiano, no?
Un ufficiale, come anche la polizia non deve essere di parte ma deve rappresentare LO STATO che è di tutti, dai ragazzini per la pace in Palestina ai no green pass, dai lavoratori agli agricoltori.
La normalità italiana non mi va che sia stabilita da un retrogrado di un generale che tra l’altro in Russia si faceva dare indennità che non gli spettavano: indagato dal tribunale militare .
08:27

Rispondi
Silvestro

ore 10:10
Dal libro di Vannacci:
“Dobbiamo ricorrere ad un idioma straniero e chiamarli gay perché i vocaboli esistenti sino a pochi anni fa nei dizionari sono considerati inappropriati, se non volgari ed offensivi. Pederasta, invertito, sodomita, finocchio, frocio, ricchione, buliccio, femminiello, bardassa, caghineri, cupio, buggerone, checca, omofilo, uranista, culattone sono ormai termini da tribunale, da hate speech, da incitazione all’odio e alla discriminazione e classificati dalla popolarissima enciclopedia multimediale Wikipedia come lessico dell’omofobia»
Quindi se li chiamiamo gay non si offende nessuno.

In una intervista al corriere precisa:
Quando scrivo che Paola Egonu non ha i tratti somatici dell’italianità, non discrimino; esalto una differenza.
«Se io dicessi che non può entrare al bar, allora sarei discriminatorio. Io dico al contrario che è un valore aggiunto, ha un effetto propulsivo ….».

In pratica è un malinteso generale perché tutta questa manfrina è una esaltazione della differenza, del diverso. Magari avessimo molti più Egonu, molti più gay, anche nell’esercito, perché appunto hanno un “effetto propulsivo”: E’ un incitamento all’identità gay a valorizzarli per essere protagonisti originali.

Per concludere abbiamo capito niente noi, Crosetto, la magistratura.
Ma anche Salvini che pensa di reclutare Vannacci come simbolo dell’integrità nazionale, dell’italianità e contro ogni deviazione.

Rispondi
Mario56

Martello
Ci sono casi di malasanità e non per questo diciamo che medici e infermieri siano dei criminali.
Ci sono casi di malagiustizia e non per questo diciamo che tutti i giudici siano dei criminali
C’è mala amministrazione e non per questo diciamo che tutti gli amministratori siano criminali.
C’è mala polizia e non per questo diciamo che tutta la polizia sia criminale.
Quindi smettetela!
10:11

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code