Torna al blog

POVERA GIORGIA, CHE PENA

Che pena vederla, immagini diffuse a raffica su tutte le reti, vederla baci e abbracci con Zelensky. Che pena vederla in punta dei piedi baci e abbracci con Biden, questo padrone del mondo tanto “affaticato” che non è andato nemmeno a cena con Mattarella. Che pena poveri ucraini che Zelensky, oltre ad aver cancellato non so quanti partiti, ha cancellato pure le elezioni presidenziali, e quindi gli ucraini non possono nemmeno decidere se confermarlo o meno. Ma l’Occidente è schierato con un leader democratico o con un dittatore autoritario?…
Poi l’Occidente ha coperto Kiev di miliardi attinti dai fondi russi bloccati ma, la cosa interessante, è che non si tratta di finanziamento a fondo perduto bensì di un prestito. Quindi Zelensky dovrà restituire fino all’ultimo Euro. E se non lo farà? I leader occidentali potrebbero eliminare l’insolvente avendo così compiuto l’opera: liberare gli ucraini da un dittatore, non Putin ovviamente, ma lui, Zelensky.
Poi al G7 arriva il Papa e parla di intelligenza artificiale; forse indispensabile per credere ancora nella Chiesa cattolica da lui diretta…In fine Giorgia Meloni col piano Mattei inonderà l’Africa di miliardi, liberando così il Continente Nero dalla colonizzazione cinese? Impresa ardua, povera Giorgia speriamo che ci riesca…

43 commenti - 1.026 visite Commenta

marco.com

11:45

Innanzitutto, voglio esprimere tutto la mia partecipazione al dolore di Zwirner.
Deve essere davvero dura per lui passare dalla massima soddisfazione di risultati elettorali trionfali alla dura realtà di sentirsi preso per il culo perfino dalla sua salvatrice.

Rispondi
Mario56

Zwirner deve ancora capire che Giorgia non conta una minchia nel panorama mondiale . Anche se colpiti a sangue contano sempre i Macron e gli Scholtz
11.55

Rispondi
Mario56

Spread 175 punti.
Se gli “altri “ hanno perso le elezioni NOI PERDIAMO IL PORTAFOGLIO:
Sarà l’economia, marco.com la disciplina che farà cadere Meloni, la burina. E’ UNA CERTEZZA. NON CERCARE I MASSIMI SISTEMI. L’ELETTORATO ITALIANO NON È COSÌ COLTO.
L’instabilità in Europa danneggia solo i più deboli: NOI ITALIANI.
12:34

Rispondi
Silvestro

ore 15:30
L’europarlamentare ILARIA SALIS da oggi è libera e merita qualche sottolineatura:
>>> E’ avvenuto nella indifferenza generale;
>>> Se avesse ottenuto solo la metà dell’attenzione che ha avuto Chicco Forti, ergastolano a Miami, sarebbe stato un gesto di coerenza per l’attenzione dei detenuti italiani all’estero;
>>> Non è certo merito del governo o di Tajani ma della sinistra più becera e ideologica.

Personalmente ho sempre avuto molti dubbi sull’opportunità di candidarla, ma se a Bruxelles c’è posto per Vannaci e le sue idee, anche quelle della Salis certamente non sfigurano.

Rispondi
Mario56

A proposito di Chicco Forti, ho cercato invano di capire perché il governo di destra – estrema destra, perché così bisogna chiamare il nostro governo, ha riservato un trattamento di riguardo da Papa, tanto che persino i carcerati hanno protestato.
Tu Silvestro hai informazioni in merito ?
Era uno dalla loro parte?
16:37

Rispondi
Silvestro

ore 18:00
No, non mi risulta e non ho trovato notizie utili; solo dubbi sullo svolgimento del processo a Miami; ma i carcerati sono sempre innocenti. L’impressione è che si tratti di un manifesto elettorale tre settimane prima del voto europeo.
Sarò anche in malafede ma è ormai accertato che ogni iniziativa del governo più o meno importante, gia al suo annuncio deve sempre trovare grande risonanza mediatica.

Vedrai che risonanza a settembre con la manovra per il prossimo bilancio.

Rispondi
Mario56

Difatti.
Io lo scrivo frequentemente, ma da gaton e martello SILENZIO ASSOLUTO eppure anche oggi la maglia nera delle borse e’ andata a Milano come già avviene da giorni dopo il voto. Lo spread è salito di 20 anche 30 punti base, MA LA CRISI POLITICA E’ IN FRANCIA E GERMANIA mentre da noi che va tutto bene VA IN CRISI IL PORTAFOGLI.
19:57

Rispondi
ilFrance

Ma il Dottor Zwirner invece di attribuire bollini di dittatore ad cazzum, ci può fare un esempio di elezioni tenute in un paese invaso?
P.S. non valgono le buffonate stile quelle fatte da putin in Donbass

Rispondi
El grinta

Impossibile giocarsela con i cinesi in Africa. Si sono mossi prima e massicciamente. E sono un’enormità rispetto all’Italia di oggi Si può però prendere ed organizzare qualche buon avanzo utile per noi, da quelle parti. Ne avevamo parlato a suo tempo…. Vedremo.
Il resto un po’ lo sappiamo. Zelensky non è convincente come democratico. Non lo è neanche, si può dire. E si rischia pure un tuffo nella piscina finanziaria vuota dell’Ucraina. La verità è che da quelle parti è tutto gestito da mafia e paramafia. Non solo in Russia. I rischi ci sono.

Rispondi
Mario56

@ gaton
Scommetto che sarai d’accordo nel definire Bruno Vespa uno speaker stile ISTITUTO LUCE di meloni e fratelli d’Italia. Basta vedere la figuraccia che ha fatto con la polemica con Furfaro.
Giornalista pagato dal noi cittadini e SMACCATAMENTE DI PARTE.
Anche la Gruber è Formigli sono smaccatamente di parte ma non li paghiamo noi.
20:51

Rispondi
El grinta

Opinione sulla Salis semplice e definita: un oggetto utile per i consensi mediatici organizzato dal PD. Nient’altro. Quali qualità avrebbe per essere finanziata da poveri milioni di “sudditi” europei che hanno non rapprentanze opportunistiche e finte come la sua. Basta con ste mosse da terzomondisti rossi. Fuori dalle pelotas. Sei libera e via. Devi essere già contenta per le minchiate che fai. Solo una bella patata impomatata per Alghero ad agosto. Fanculo.

Rispondi
Silvestro

ore 09.00
E’ interessante la tua posizione definita sulla Salis, che almeno esprime una opinione chiara. Magari ti è sfuggito, o forse non ho colto una tua valutazione su Vannacci e sulle sue qualità molto più concrete che i poveri “sudditi” europei finanziano.
Questo ovviamente se hai letto il suo libro, perché diversamente potresti astenerti, e non saresti il solo.

Rispondi
Mario56

El grinta dice
“ le minchiate che fai …”
Si riferisce al presunto reato contestatole in Ungheria, ma non è ancora stata condannata e quindi si dovrebbe presumere l’innocenza fino a condanna di terzo grado.
Oppure si riferisce al reato di resistenza a pubblico ufficiale per la quale è stata condannata in Italia?
Perché se el grinta, sempre più sgrintato e incaxxato, si riferisse a questo ultimo sappia che È LO STESSO REATO PER CUI È STATO CONDANNATO MATTEO SALVINI ( u cinghiale).
Però per la narrazione di Telemeloni, Mediaset, giornali gruppo Angelucci, la Salis viene fatta passare come una picchiatrice, assassina, una che ne ha combinate tante, invece di Salvini quasi si narra che sia un santo, un buon padre di famiglia!
09:16

Rispondi
marco.com

VARIE ED EVENTUALI

Premessa: se riusciamo, teniamo il blog per una rappresentazione delle proprie opinioni ?
Ci provo.

Tema Salis: mi sento più vicino alla posizione di El Grinta che a quelle di Silvestro e Mario56, con una osservazione per El Grinta. In questa vicenda, non è tanto il PD che ha piantato il caso, almeno non tutto il PD, ma quella parte che pende verso la sinistra dei salotti più che della sinistra alla Bonaccini. E’ evidente l’utilizzo mediatico del tema Salis per dire che Meloni è sorella di Orban, che Orban è un fascistone (uso il termine a scopo puramente illustrativo). In tutta questa vicenda, l’astensionista al voto, resta e resterà convintamente astensionista.
In sintesi: il tema è da curva sud contro curva nord. Effetti nulli.
Vannacci. Vannacci ha preso oltre 500.000 preferenze e quindi va di diritto trionfalmente in UE. Per me le sue tesi sono aberranti, odiose, deliranti, grottesche, ignoranti, antiscientifiche, pro-putiniane, retrograde e ripugnanti (se mi fermassi un attimo, troverei altri aggettivi).
Il tema è che queste idee sono ben radicate nel tessuto sociale. A fronte della paura della “gente” di vedersi impoverire sempre di più, le tesi di Vannacci sono quanto di più facile da mangiare per avere un nemico sul quale scaricare tutte le colpe (il politically correct, le radici cristiane e l’identità nazionale messa a rischio dalla società multietnica, l’Europa della Finanza e delle Banche, i migranti islamici, Soros, i vaccini e chi più ne ha più ne metta.

Italia nel contesto internazionale. Mi sa che Zwirner non ha mai colto (non mi sorprende) che le palle della Meloni, come le palle di tutti gli italiani e delle italiane, sono in mano alla finanza dominata dagli USA. Se gli USA si incazzano, l’Italia resta in mutande in 4 secondi.
Per cui la Meloni, che diversamente da Zwirner forse lo sa o l’ha capito, sta buona buona a dichiararsi filo-atlantista e a sostenere Zelensky.
Che piaccia o non piaccia è così.
E questo sarebbe il tema principale di cui chiedere conto ai sovranisti di casa nostra.

Mario56: fai bene a sottolineare i temi legati allo spread, perché è proprio questo di cui ho parlato sopra. Certo, che l’impressione che dai, Mario56, è quella del gufo (amichevolmente).

Rispondi
Mario56

No. Amichevolmente ti sbagli. Soffro a vedere che l’economia va a rotoli ma tutti se ne fregano perché guardano telemediasetmeloni.
Ma meloni cascherà sull’economia e li va attaccata ed incalzata.
Gufi?
Ma quanto hanno gufato questi lazzaroni che ci governano col covid?
12:50

Rispondi
Mario56

Marco.com
Ti meravigli tanto del mezzo milione di voti di Vannacci, quasi da trarne l’impressione che tutti gli italiani siano dalla sua parte.
Orbene il sindaco Decaro del profondo sud di Bari ha preso all’incirca gli stessi voti solo in una circoscrizione a differenza del generale traditore che era capolista ovunque.
Quindi stiamo aderenti alla realtà e non attribuiamo al nemico più di quello che ha.
12:59

Rispondi
Gatón

A MIA OPINIONE, scendere in piazza, come stanno facendo i francesi, per manifestare violentemente contro i risultati della recente tornata elettorale è fascismo.
Voi cosa ne pensate ?
Buona fine settimana.

Rispondi
Mario56

Ti avevo postato un paio di quesiti a cui non hai risposto.
Poi risponderò a te sulla specifica domanda!
15:51

Rispondi
marco.com

No, caro Mario56. Non ne traggo l’impressione che tutti gli italiani siano dalla sua parte.
Faccio solo presente che molta gente, magari anche qualcuno che si sarebbe astenuto, è andato a votarlo. Per quanto abominevole, questa è la realtà con cui fare i conti.
Probabilmente anche Salis ha portato più di qualcuno che si sarebbe astenuto, ad andare a votare Fratoianni&Bonelli. Ma se facciamo il confronto, non è forse vero che ha vinto Vannacci?
Decaro è invece un bel simbolo: attaccato come fosse una merda mafiosa, ha avuto il riconoscimento dei cittadini.
Ecco, forse questa è una chiave importante: Decaro, come Bonaccini, come Gori a Bergamo, esempi di persone che sono a contatto con il popolo e che ne hanno la stima.
In generale, caro Mario56, penso di essere più aderente io alla realtà di quanto non lo sia tu.
Quanto al fatto che le palle degli italiani sono nelle mani di Moodys, è una cosa che tutti gli italiani hanno costruito (nota bene: non ho detto ‘accettato’ ma ‘costruito’, costruito con l’adesione al modello di vita americano. Quel modello di vita che per Ruggiero, il tradizionalista cattolico di Verona, spesso invitato da Zwirner, ritiene essere opera del diavolo) e con il quale tutti devono fare i conti.
Il punto da discutere è questo: perché la sinistra è più amica della Finanza Americana di quanto non lo sia la destra? Se qualcuno vuole provare a rispondere …

14:15

Rispondi
Silvestro

ore 14:45
Marco: VARIE ED EVENTUALI
Più che sui contenuti su cui mi trovo sostanzialmente d’accordo, vorrei chiarire i termini della premessa, ovvero quale debba essere il ruolo che assume questo blog.
La voce “rappresentazione” sta a significare la realizzazione di uno spettacolo da offrire ad un pubblico che può solo applaudire o fischiare. Zwirner offre una riflessione alla quale, chi lo legge, reagisce con applausi (pochi) e fischi (molti) accompagnati però da critiche feroci al limiite dell’oltraggio che peraltro il direttore non coglie. Già questo ci dice che siamo ben oltre la “rappresentazione“ classica; quindi la domanda è quale, secondo te, sarebbe il confine del commento alle considerazioni altrui.

Il altri termini se la rappresentazione di una opinione risulta agli spettatori incomprensibile, tendenziosa, superficiale, è lecito chiedere spiegazioni?
Un esempio:
Vannaci e Salis sono evidentemente figure antitetiche nella loro espressione politica; E’ un rilievo che ho fatto fin dall’inizio.
Ma se sulla Salis EL GRINTA si lascia andare ad espressioni quali “Basta con ste mosse da terzomondisti rossi. Fuori dalle pelotas. Sei libera e via. Devi essere già contenta per le minchiate che fai. Solo una bella patata impomatata per Alghero ad agosto. Fanculo”, è lecito chiedere come mai non abbia speso una sola parole su Vannacci che politicamente è il suo opposto?

Se non lo facesse potrei interpretarlo come una approvazione delle sue idee, senza però essere accusato di malafede.

Rispondi
Gatón

Non che mi interessi particolarente l’opinione di chi continua ad insultare il P.d.C., ma Vespa chi è ?
Poi, se vogliamo puntualizzare, le mie domande senza risposta da parte tua e del tuo compagno di merende, sono innumerevoli.

Rispondi
Mario56

Ma di quali insulti parli ?
Non ho mai insultato la TUA GIORGIA!
Al max burina = borgatara, persona con scarsa istruzione e modi rozzi, popolani di agire.
Ma è proprio lei che si dipinge così in alternativa al politicamente corretto e radical chic, o professoroni, giornaloni.
Impreparata, buona a nulla sono critiche politiche.
15:43

Rispondi
Mario56

@ marco.com
Chiaro che tra Vannacci e Salis c’è un abisso di SOLDI PER LA CAMPAGNA ELETTORALE, DI AVERE DALLA PROPRIA PARTE O CONTRO TELEMEDIASETMELONI, nonché tutti i giornalacci di Angelucci, il semplice portantino.
Quindi non c’è da meravigliarsi che Vannacci prenda mezzo milioni di preferenze e Salis 170 mila mi pare.
Anzi, con le risorse di partenza e le aspettative create ad arte da un partito che tre anni fa valeva il 30%, Vannacci vs Salis ha fatto mezzo flop.
Ps
Le parole di EL GRINTA verso la Salis denotano un odio profondo che ha verso tutto quello che crede rosso.
Aspettiamo le condanne a Vannacci ora. Se non ci saranno sarà evidente a tutti, a me lo è da tempo, che EL GRINTA e’ schierato apertamente coi reazionari.
15:52

Rispondi
Silvestro

Ore: 17:15
Stefano
Se le tue frasi sono rivolte a me e vuoi una risposta devi essere più chiaro; cosi le trovo parole incomprensibili.

GATON:
Le mie mancate risposte, sei libero di interpretarle come meglio credi purchè ne spieghi il significato, ma mi risulta che tu non l’abbia mai fatto.

Rispondi
marco.com

IL BLOG SECONDO MARCO

Considero questo blog uno spazio completamente aperto e senza censura ove ognuno può dire quello che vuole, provare a confrontarsi, offendere, prendere alla lettera ogni parola di un blogghista, montarci su un castello di polemica. Il blogghista ha la possibilità di partecipare o di non partecipare, senza dover spiegazioni a nessuno, anche perché nessuno timbra il cartellino e deve portare il certificato medico in caso di assenteismo.
Non trovo confini di commento alle considerazioni altrui.
Ogni blogghista è libero di commentare e criticare le opinioni altrui, chiedere spiegazioni, argomentare ecc. e non può vantare alcuna pretesa oltre che quella che va all’immagine che ogni blogghista costruisce con i suoi interventi, i quali interventi vengono inevitabilmente giudicati con le lenti che ognuno di noi ha sui propri occhi.
Quindi è assolutamente lecito chiedere spiegazioni e se il tuo riferimento è ai post di Gaton sui quali anch’io ho la tua vista di “ho detto ma non ho detto”. Il tutto, ovviamente, diventa un ostacolo all’approfondimento dei temi e diventa subito un rossi contro neri e viceversa.

Se El Grinta non risponde su Vannacci, io penso che il principio sia sempre questo “amico con gli amici, nemico con il nemico”. Non sappiamo se El Grinta la pensa come Vannacci, è probabile o forse no. Direi che è abbastanza irrilevante. Ma El Grinta ha il diritto a non scendere nell’arena per parlare di Salis e di Vannacci.

C’è anche una domanda di Gaton sulla Francia: la risposta per me è “non credo”. Non vedo nessun Mussolini che vuole instaurare la dittatura. Né tanto meno un movimento politico che vuole arginare le richieste di maggior uguaglianza sociale in favore degli industriali e dei latifondisti.
La società do oggi, anno di grazia 2024, non è confrontabile con quella del 1924. Ogni se c’è un Mussolini in giro, esso è Putin.

Poi: anch’io sarei curioso di capire un pò meglio di Stefano, che, per quello che dice, mi è anche simpatico.

19:15

Rispondi
El grinta

Su Vannacci mi sono un po’ già espresso poco tempo fa, Marco. Sicuramente un’ operazione mediatica. Sempre avuto dubbi sui militari al governo. Non è certo solo il piccolo caso italiano. Lo è storicamente di diversi paesi. Però mi sembra preparato, almeno nelle sue cose. Altro ne so poco e qualche dubbio ce l’ho.
La Salis non ha argomenti specifici da buttare sul campo La differenza tra i 2 mi sembra questa.

Rispondi
Gatón

Prendiamo atto che “burina” per te non è offensivo, aspetto il resto.
Che non arriverà ne’ da te ne’ dal tuo compagno, secondo il quale dovrei spiegare io le sue mancate risposte…
A Verona i dise che semo drío a nàr de mal.

Rispondi
Mario56

Aspetto l’elenco delle “offese” che per te avrei scritto, eccetto burina che è assodato non essere offensivo.
Se tu definisci persona fine dai modi eleganti un leghista di Pontida ti manderà subito a cagare.
Perché essere GREZZI, BURINI, POPOLANI, RUVIDI, MALEDUCATI e ‘ un vanto per loro .
Un po’ come se gli dicessi che l’acqua è buona e fa bene.
10:45

Rispondi
Gatón

Marco, non ho mai parlato di Vannacci, non ho letto il libro, ma se ha scritto quello che dicono è in linea con me oltre che con la stragrande maggioranza degli italiani.
Un monsieur de la Palisse di casa nostra.

Rispondi
Gatón

Non essendovi nessuna sentenza definitiva è soltanto una tua opinione che vale quanto la mia.

Rispondi
Mario56

Su Vannacci ci sono anche dei provvedimenti disciplinari militari e addirittura del ministero della difesa. Non c’è qui da aspettare sentenze e inoltre c’è già la sentenza della figlia, Rita, del vero generale: Carlo Alberto Dalla Chiesa che dice che Vannacci disonora l’esercito italiano, che un vero generale non si schiera ma ha la schiena diritta ed è superpartes.
Arbiter
Mario 1 Gaton 0
08:38

Rispondi
Silvestro

ore 12:50
Ma io Marco lo avevo avvertito:
>>> Se fai l’arbitro lo devi fare fino in fondo;
>>> Lo devi fare contestualmente all’argomento in discussione (altrimenti è difficile stabilire chi ha detto cosa);
>>> solleverai un vespaio;
AUGURI MARCO

Rispondi
marco.com

Grazie degli auguri.
La partita riguardante Salis-Vannacci si conclude con un 0-0.
La partita è stata sostanzialmente corretta, ogni partecipante ha espresso le proprie opinioni.
C’è un’ammonizione per El Grinta, per un intervento un pò scoordinato.
Il gol reclamato da Mario56 è annullato per fuorigioco. L’accusa di razzismo a Vannacci ricade in ambito militare, ambito estraneo a questa partita.
Da segnalare anche un fallo evidente di Gaton: l’affermazione che la stragrande maggioranza degli italiani la pensi come Lapalisse-Vannacci è un intervento falloso.
L’arbitro ha fischiato la fine della partita.
Se qualcuno pensa che l’arbitro sia nipote di Ponzio Pilato, pazienza.

18:00

Rispondi
Mario56

Gaton sarebbe da cartellino rosso. Crede che tutti siano INDIETRO COME LA COA DEL PORCO come lui.
Salis batte Vannacci 10/1 perché era strasfavorita. Bonelli e Fratoianni hanno riparato al guaio Soumahoro
21:00

Rispondi
Gatón

L’arbitro decide a posteriori chi ha giocato contro chi.
In compenso nessuno ha ancora risposto alle mie domande.

Rispondi
Silvestro

ore 09:00
Marco – Giugno 16th, 2024 – ore 18
EH no caro arbitro, capisco che ci sia la voglia di chiudere la vicenda nel modo più indolore possibile, ma la questione Vannaci non può essere relegata ad un problema di competenza militare perché è riduttivo e fuorviante.

La controversia infatti non riguardava il generale ma le frasi riportate dal suo libro. Affermazioni cosi vergognose da suscitare la presa di distanza sia dei media che del suo stesso partito. Affermazioni cosi gravi da indurre Gaton mettere in dubbio la loro esistenza ventilando addirittura un imbroglio colossale.
Poichè la nostra democrazia consente di esprimere liberamente anche orientamenti razzisti estremi, bastava che Gaton dicesse subito di condividere quelle frasi e non ci sarebbe stata alcuna polemica. Invece il contrasto si è protratto per giorni con accuse strumentali di malafede quando alla fine è emerso che l’unico in malafede era proprio lui. lapalissiano.

Per quanto esposto trovo il tuo ruolo inadeguato, cosi come trovo improprio anche il tuo accenno a Ponzio Pilato: lui era comunque una autorità nominata da Roma, tu sei un arbitro che si è eletto da solo.

Rispondi
marco.com

Ottimo
Risultato raggiunto.

Nessun confronto di opinioni.
Solo arroccamento su posizioni stranote.
Fa specie non aver visto alcuna opinione, ad es. di Gaton, sulla povera Giorgia.
Tutto in linea con il blog secondo Marco.

Rispondi
inogniposto

su Vannacci: mi dispiace si sia candidato per la Lega di SALVINI, se si fosse candidato per FdI o FI lo avrei votato

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code