20
set 2019
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 60 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.345

108 a 7 (milione più, milione meno)

Non senza qualche ragione, la nostra società (mondiale) si occupa dei vivi e praticamente mai dei morti.

In una delle ultra rare volte che ho guardato per una decina di minuti Bruno Vespa nel suo “Porta a Porta” gli ho sentito profferire questa che se non assomiglia ad una bufala, appare una grave leggerezza (o voluta ignoranza):

“… Duemila anni fa quando tutto (??) è cominciato…”

E prima?

Mi ha sempre affascinato, al contrario di Vespa, il fatto che TUTTO quello che troviamo oggi sulla Terra, nel bene e molto nel male, proviene da persone morte, alcune da molte migliaia di anni.

Un Istituto di ricerca no profit statunitense, stimato dalla comunità scientifica, si occupa da molti anni di demografia sociologica.

Per tale istituto (Population Reference Bureau), da calcoli necessariamente approssimativi (ma non macroscopicamente), ha calcolato che dall’apparizione dell’ Homo Sapiens (50.000 anni fa circa) al 2011, data nella quale l’O.N.U. ha quantificato la popolazione mondiale in 7 Miliardi, ci sono stati in precedenza 108 Miliardi di umani apparsi sulla Terra e deceduti.

Vespa parla “dell’anno zero quando tutto(?) è cominciato” riferendosi probabilmente alla datazione cristiana che comincia ad enumerare gli umani, le loro scoperte, i loro scritti, la loro VITA e il loro “lascito”, dalla nascita del Cristo.

E prima?

Platone, Pitagora, Aristotele, sicuramente meno noti di Ronaldo o della Madonna di Medjugorje, appartengono alla leggenda o alla fantasia?

Partendo dal primo amplesso di un “Homo Sapiens e una Donna Sapiens” che diede origine al primo nascituro, quindi DUE viventi fino all’ “anno Zero vespiano, si calcola (con approsimazione) che fossero vissuti e morti circa 58 Miliardi di persone, con tutto il loro “portato”.

A questo punto mi sono chiesto, con una competenza teologica pari allo zero assoluto, le religioni pre e post-cristiane, ma in primis quella cristiana, dove collocano quei 58 Miliardi di esseri umani che, ad esempio, non possono aver ricevuto il Battesimo e quindi sono preclusi a trovare un posticino in Paradiso?

Senza aggiungere che i nati e morti prima dell’”anno zero” sono quasi equivalenti a coloro che sono nati e morti a partire da quell’anno.

Se qualcuno si ponesse la domanda del perchè mi è sfruculiata l’idea di un topic come questo, non trovo facile dare una risposta, o almeno esplicare tutto quello che gira nella mia testa su quanto sopra scritto.

Se devo esplicare ulmeno UNA delle motivazioni, prima dico che parte da lontano e dalla mia passione per l’antropologia evolutiva, poi, in modo più banale, se volete, è il fastidio al limite dell’intolleranza, il fatto che il TUTTO è rappresentato dall’OGGI, o se volete, “dall’anno zero” vespiano.

Perchè molti sono gli uomini e le donne che hanno calcato questa “cruenta polvere” (Manzoni) senza essere stati battezzati, ed in valore assoluto, molti di loro meriterebbero un posto in prima fila nel Paradiso Cristiano.

p.s.

Per il Paradiso  Islamico e delle leggendarie vergini Huri colà a disposizione, non provo interesse per totale assenza di elementari conoscenze, a meno di non avere a mia disposizione uno scienziato di Religioni comparate che non ho.

Nè cerco.

 

3.345 VISUALIZZAZIONI

60 risposte a “108 a 7 (milione più, milione meno)”

Invia commento
  1. paperinik scrive:

    Gazza, permettimi un’ indiscrezione un po’ azzardata sulla politica nostrana riferita a te. Se dovessi considerare quello che vedo nella mia citta’ acquisita, di sponda e potere di una singolare finta sinistra monocorde da vent’anni, direi che tu ci rientri abbastanza poco…fortunatamente.Prendila come un commento a cuor leggero di uno lontano da questo campo impervio.

    1. vecchio lettore scrive:

      Caro Gazza, conosco le regole di questo blog, le tue regole, raramente discutibili.
      Ma questo topic parla anche di EVOLUZIONE e io ne offro un esempio.
      Dopo il ministro 5stelle che vuole togliere il crocefisso, sostituendolo con un mappamondo, facendo così venire un infarto ai suoi elettori terrapiattisti.
      Dopo il pd che si è tuffato in una pozzanghera convinto di vincere una medaglia sui 100m.stile libero, in realtà poco libero.
      Ecco l’esempio evolutivo del pensiero politico.

      “La vera libertà si vive faticosamente tra continue insidie” (Aldo Moro)

      “L’insidia più grande per un politico è quella di innamorarsi del potere” (Sandro Pertini)

      “Il tortellino di pollo chiesto dai mussulmani CANCELLA LA NOSTRA CULTURA” (Matteo Salvini, accanito lettore di Spinoza)

      Siamo messi bene mi pare.
      O no?

      Saluti cordiali.

      • Gazza scrive:

        Caro Vecchio Lettore (quindi rispettatissimo), potrei scrivere una pagina su cio che penso della politica italiana dei governi dell’ultimo quarto di secolo, vista da sinistra, da destra o dal centro (ma esiste ancora e che non sia per atto di fede fuori dalla realtà?).
        Non è una consolazione , è un peggiorativo assoluto, ma se hai un medio interesse per la Politica Internazionale pensa a quel “minus habens” di Trump che ieri ha dichiarato (via twitter!!) il ritiro degli americani dal fronte siriano, abbandonando il popolo Kurdo, vero vincitore, con donne combattenti con gli uomini, e con sacrifici immani e migliaia di morti, della guerra contro i folli terroristi di DAESH (ISIS), dichiarando TESTUALMENTE che the Americans “non si mescolano in ridicole guerre tribali…”?!!?
        Temo che l’unico libro che ha letto (e male) sia “L’IDIOTA” di Fedor Dostoevskji, e che l’unico film che ha visto (non capendoci un caxxo, sia Blade Runner, ma solo per l’evocazione di Roy Batty, il replicante nella scena finale e “…le navi da battaglia in fiamme al largo dei bastioni di Orione…”.
        Per il tronfio Trumphio contano le Guerre Stellari: “Donaldo (Jan) SOLO!”.
        Spero solissimo.

      1. Gazza scrive:

        SERVIZIO LETTORI

        Ho appena visto il film para-Fantascientifico, più morale che scientifico o fanta.
        La sceneggiatura potrebbe essere di Shakespeare o un tragediografo greco tipo Sofocle o di Freud.
        O di tutti e tre con una scrittura a più mani.
        Un’ottima prova di Brad Pitt.
        Film introspettivo, senza eccessi o paranoie, anzi e talora, elementare.

        p.s.
        se siete tra quelli che sperano in intelligenze aliene, o non avete mai cercato dentro di voi o forse vi fanno un po’ difetto gli strumenti per farlo.
        Cordialità a tutti.

        1. TERMINATOR scrive:

          ATTENZIONE!
          ATTENZIONE!
          IN UN FLASH DI MISERICORDIA CHE DETIENE UNA MACCHINA DI MORTE COME ME, AVETE 47 SECONDI PER L’ADDIO A

          f.a.b. i. olà

          46,45,44,43…

          • fan scrive:

            Bravo Terminator (Gazza???), controllo rapido e fuori dal blog le buffalone

            • fan scrive:

              Reduce da seratona alcolica e con semina di prospettive goderecce, ritorno in taxi, occhiata al blog e nanne.
              Saluti a tutti i lettori.
              Son proprio carico caxxo……….

              • fan scrive:

                …e caro Gazza ti debbo delle scuse perchè avevo visto la bufala fabiola e credevo lasciassi correre.
                E invece Terminator taglia la capa ai furbastri

                • Gazza scrive:

                  Sicuro che sia stata una “seratona alcolica” ?
                  Già smaltita, almeno da come scrivi.
                  Bon fegato!

          1. Gazza scrive:

            Scusate HELLAS IN CORSO…
            Ci leggiamo dopo ;)

            1. chivers scrive:

              … ‘n’altro Cassano…. anca no, grassie!

              1. Gazza scrive:

                GAZZA CORNER

                Mi mancava solo la febbre “ignota”, non rilevata dai test ematici.
                Avevo pronti ben DUE Topic ma lo scandalo delle molestie su minorenni ANCHE in ambiente sportivo me ne ha fatto sospendere uno.
                Ma quello che mi ha fatto girare i cowlions è stata l’ennesima querelle sul crocifisso.
                Pur non essendo cattolico, cosa nota, trovo quest’ultima uscita di un 5 asteroidi, le stelle sono cosa seria, insopportabile.
                Avevo il crocefisso alle elementari, alle medie non ricordo, alle superiori non l’avevo.
                Non mi ha MAI provocato alcun disturbo, di nessun genere.
                Il crocefisso, dove c’è, è là, SILENTE, a ricordare una storia, immaginaria ma sensibile per me, o reale per i credenti.
                Ma chi cavolo può essere disturbato da quel simbolo?
                Sicuramente a qualcuno che non sta molto bene con le sinapsi cerebrali, questo lo credo fermamente.
                Ad maiora.

                  • Gazza scrive:

                    >> https://www.youtube.com/watch?v=-ihs-vT9T3Q

                    Uso questa perchè “the fever” comincia a salire da adesso fino al suo massimo alle 23

                    E poi vorrei anche dire che La Febbre del Sabato Sera, sia come sceneggiatura, interpretazione e COLONNA SONORA, fu anche sputtanata “ai tempi”, soprattutto per alcune “cadute” nell’incrocio sentimentale tra la “tormentona” infigata del Travolta-Manero e la “snob” che stizza il Manero.
                    Cazzate.
                    Riguardatelo con mente sgombra e passione filmica in generale, è un OTTIMO Film.
                    Gazza dixit.

                    • cine scrive:

                      Dominus Gazza sempre coraggioso sulle proposte filmiche.
                      La Febbre del Sabato sera non fu un film per “mostrici” (ragazzini nel dialetto antico), ma un film sociologico puro di una tranche dell’America appena uscita dalla guerra del Vietnam.
                      L’America dei quartieri bassi e interrazziali, Italiani e Latinos.
                      A modo loro ribelli senza una causa, dove le frenetiche esibizioni di ballo erano l’unica uscita dallo squallore della quotidianità (P.M.).
                      Il fenomeno Hippy era già tramotato e una bella botta tombale la diede la “Charles Manson Family” con la strage di Cielo Drive a Hollywood, dove venne uccisa, con altri amici, la splendida Sharon Tate, moglie di Polanski.
                      A proposito, Dominus, hai visto l’ultimo Tarantino “C’era una volta a… Hollywood” che interseca in modo originalissimo quella drammatica vicenda?
                      Che ne pensi?

                1. playlong scrive:

                  Dominus altissimus Gazza, un topicino musicale tanto per tagliare l’aria no?

                  1. Gazza scrive:

                    Ecco fatto, Chivers e Paper hanno messo daccordo Playlong e Pearìn: la Musica sì, ma gnocchica…
                    Ho i titoli maledetti, ma non so cosa scrivere.
                    Cantami, o Diva, del Pelide Achille di quando s’incazzò perchè gli uccisero il Patroclo, che sostituiva Briseide sulle pelli morbide e di bella concia quand’ella non era disponibile…
                    Ispirami orsù!

                    1. Gazza scrive:

                      Sono in cerca di idee…
                      Quelle che ho non mi piacciono.
                      O comincio a non piacermi io?
                      Bella rogna.
                      Voi VI piacete, ma senza guardarvi allo specchio delle vostre brame?
                      Potreste mica farmelo sapere, tanto siete anonimi…
                      Mai dare una mano he?!
                      Volette ributtarmi sul barchinio per tornare in Libia?

                      1. Gazza scrive:

                        Addio MIGUEL “CHICO”

                        Questa appare una giornata come le altre, anzi lo è, ma non per me, per questo Blog e per altri lettori.
                        Se n’è andato “El Chico”, qui conosciuto come FioldePreben.
                        Un amico, giovane, che da anni viveva in America Centrale.
                        Non mi perdonò mai di avergli offerto della “cerveza tiepida” quando fu ospite a casa mia.
                        Basta, le parole, almeno oggi, sono superflue

                        • Lorenzo quel blu cavaliere senza macchia scrive:

                          Michele è andato oltre, chi crede gli dica una preghiera e chi non crede lo faccia comunque.
                          Forse non servono ma male non fanno sicuramente.

                          ciao Miche per sempre voleremo in alto!

                          lo zio piccolo

                        1. do minus gazza scrive:

                          Trovo strano che non vi sia stato nessun commento, dopo lettura, del link postato da ZZ il 23 Settembre che riporta un estratto di un romanzo di Isaac Asimov, perchè credo che fooorse aprirebbe qualche succosa, cazzeggiante, mini discussion, ma anche, per pura condivisione , potrebbe finire con la semplice lettura del link riportato.
                          Ha un finale super-intrigante, a patto di aver letto tutto quello che lo precede , tempo di lettura stimabile in 12/15 minuti se si ha un minimo di dimestichezza con la fanta(fanta?!?)-scienza.
                          E credo pure che anche un Creazionista potrebbe accettarlo.
                          Comunque qui non c’è nessuno autorizzato a dare i compiti per casa.
                          Nemmeno io, arda tì.

                          1. Papà Neanderthal scrive:

                            Anni fa a un mio conoscente venne la fregola di ricostruire il suo albero genealogico.
                            Andò a Roma, dove pare ci siano dei veri sciamani di araldica e cominciò.
                            Soprattutto a spendere molti quattrini, li aveva beato lui.
                            Alla fine scoprì che il suo primo antenato di cui vi era traccia era il Barone di…vattelapesca.
                            Era orgogliosissimo, anche se poteva essere una bufala.
                            Poi qualcuno gli spiegò che il titolo di barone era il più basso della gerarchia nobiliare e lui ci rimase un po’ male.
                            Poareto, non sapeva che nel coso dei secoli ci potevano essere stati dei mascalzoni e qualche mignotta sul suo “albero”.
                            E magari quel titolo lo aveva comprato vendendo la moglie ai favori di qualcuno più nobile di lui.
                            E questa è storia, basta avere dimestichezza con qualche biografia storica o con qualche film “in costume” ben fatto, magari il Gazza potrebbe saperlo.

                            • do minus gazza scrive:

                              Papà Neanderthal benvenuto.
                              Non mi sorprende quello che hai narrato, anche perchè ho avuto lo stesso fatto in famiglia.
                              Lo zio ricco, magari anche a scapito degli altri fratelli, tra cui mio padre, spese più di una miGLionata nei primi anni ’70 (erano soldi he!) per ricostruire l’albero genealogico di un “casato” presumo inesistente.
                              Però gli “sciamani araldici” quando vedono una tetta bella gonfia si attaccano, e dagli torto tu.
                              Comunque sia la cosa terminò, ma nessuno dei parenti seppe mai il risultato.
                              L’unica cosa che circolò era la sua (dello zio) soddisfazione perchè lo stemma del “casato” era TRIPALLICO.
                              Conteneva cioe tre bisanti (palle) che tuttavia non si riferivano a particolari capacità amorose.
                              E tutto finì lì.

                            1. faith scrive:

                              Ho visto un documentario di History su Sky, sulla possibile esistenza del DNA di Gesù, quindi eredi da adorare?, tra gli attuali viventi.
                              Da credente e praticante non ottuso, mi sono vergognato a vedere un genetista e un “bibblista”??, alla ricerca di reperti per cercare una conferma di questa follia.
                              La Religione Cristiana può essere solo Fede e ancora Fede, con tutti gli opportuni aggiustamenti della Dottrina.
                              Mille volte meglio un dott.Gazzini che da non credente si interroga comunque tra Creazionismo ed Evoluzionismo che non un “bibblista”?? che piange e si lava il volto con l’acqua del Lago di Tiberiade.

                              1. zz scrive:

                                Egregio Gazza,
                                parto dal fondo: non ho assolutamente scorto dell’ironia nella tua risposta (tranne quella su te stesso), e anche fosse stato, sarebbe stata la benvenuta. Credo che l’ironia sia condizione necessaria -ahimé non sufficiente- per definirsi persona intelligente. Rima casuale, metro migliorabile.
                                Non sono la persona seriosa che credo sia stata percepita. Giusto per dire: all’inizio, leggendo il titolo del post, era convinto si trattasse di una disamina psico-sociale delle differenze tra il monte ingaggi della Juve e quello del nostro Hellas. Seriamente. Il giorno prima del match ci poteva anche stare…
                                Invece mi sono ritrovato in uno dei più intriganti post degli ultimi tempi, soprattutto perché le questioni -molto profonde invero- ivi poste, erano sinistramente molto simili a pensieri che mi frullano nella testa da un po’. E a cui ero riuscito a darmi risposta.

                                Ecco perché sono arrivato “preparato” alla domanda sulla collocazione delle anime pre-Cristiane: frequentando la S.Messa qua e là, qualche buon prete lo si trova ancora. Ammetto che anch’io, pur credente e praticante, fino a poco tempo fa (un paio di anni?) non avrei saputo rispondere alla stessa questione. Si è trattato quindi di pura fortuna. Non saprei peraltro cosa aggiungere alle successive tue domande, se non che -ma qui vado ad intuito, prego se ci fosse qualche teologo serio in ascolto di correggermi nel caso-, unendo le tue due ipotesi, il Cristo “muore volutamente” per scendere agli inferi e compiere la sua missione. Non ho idea dei criteri usati per la selezione laggiù; credo che in ogni caso, se si parla di anima, come referente principale possa essere stata presa la Coscienza di ognuno, che anche senza tante Rivelazioni Ufficiali dall’alto dovrebbe essere esistita anche per loro.

                                Due parole infine sulla questione della popolazione umana già trapassata. Partendo da tutt’altro stimolo (l’apparente piccolezza dei nostri cimiteri in proporzione alla popolazione che devono accogliere), ero arrivato alle stesse (quasi identiche) conclusioni: circa 110 miliardi di persone sono già nate sulla Terra da quando esiste l’Uomo, e se a breve arriveremo a 10 GigaViventi, la differenza deve costituire la montagna di trapassati. Un’enormità. E tutti ancora in carico di questa vecchia cara Terra. Insieme poi anche a tutti gli animali, che da qualche parte devono pur finire anche loro. Mah, speriamo che tutto il sistema regga.

                                Per finire, un piccolo vezzo che esamina la questione creazione/destino del mondo in modo piuttosto originale.
                                Un capolavoro ai miei occhi.
                                https://comedonchisciotte.org/forum-cdc/#/discussion/97647/lultima-domanda-di-isaac-asimov-testo-integrale

                                Con stima.

                                • Gazza scrive:

                                  Caro ZZ, dopo la lettura di quell’estratto da un romanzo di Asimov, provo ancor di più un indefinibile piacere d’essere un mortale, che tuttavia sa di aver vissuto la propria parte (misurazione teorica valida solo per un decente cazzeggio dialettico)..
                                  Da giovane avevo letto un romanzo, assai complesso, di Simone de Beauvoir: “Tutti gli Uomini Sono Mortali”, tranne uno che descriveva la pena infinita d’essere Immortale, da lì forse, e dico forse, partì il mio NON desiderio d’essere immortale.
                                  Pensa poi che per un simile scritto, l’ottimo Asimov, poco più di cinque secoli fa sarebbe andato al rogo come eretico.
                                  Per fortuna, per ora, i creazionisti si limitano a farsi gli affari propri e ad espandersi.
                                  Credo non ti sarà sfuggito quel “Per Ora”.
                                  Stima ricambiata.

                                  1. do minus gazza scrive:

                                    Caro ZZ benvenuto.
                                    L’ora tarda e le note problematiche fisiologiche e mentali che provoca l’ipotiroidismo (ecco il più recente danno alla già malandata Arna-Gazza) mi permettono solo una breve interlocusione col tuo Topic, più che interessante.
                                    Il Cristo muore e va (come tutti i morti) o SCENDE volutamente agli Inferi per liberare i “Giusti” che così acqisiscono l’anima?
                                    L’anima comincia ad essere un elemento fondante delle Religioni Rivelate (Cristianesimo,Ebraismo, Islam, non so se ve ne siano altre)?
                                    Va notato che alcune religioni introducono un concetto simile all’anima SOLO dopo la morte.
                                    E se così non fosse, il Cristo discriminava chi fosse un Giusto e chi no, come poteva esserlo un umano prima del suo avvento, con quali criteri?
                                    Mettiamo pure chi non rispettava il Decalogo, sconoscito al 98% della popolazione precedente che si comportava ,probabilmente, con le regole della propria tribù o comunità e con le regole della sopravvivenza?
                                    E comunque nessuna Legge, o Precetto o PENA religiosi possono essere applicati retroattivamente, almeno credo.
                                    Quindi la “liberazione” dal Satana, persecutore degli Inferi, dovrebbe valere per tutti i 47 Miliardi di morti precedenti.
                                    Non so come la Teologia abbia risolto questo problema, o forse è un NON problema per le Religioni Rivelate?
                                    Per educazione e per il desiderio di avere interlocutori anche come te su determinati argomenti, ti garantisco che nulla di ciò che ho scritto contiene un briciolo di ironia.
                                    Tranne quella su me stesso.
                                    Cordialmente.

                                    • do minus gazza scrive:

                                      Ooops! … aQUisiscono e non acqisiscono… (lapsus digiti et febbrile)

                                      • Gatón scrive:

                                        Acquisire è giusto grammaticamente
                                        Non filosoficamente, l’anima gli uomini l’avevano anche prima di Cristo.
                                        Poi dove fossero collocate è un altro discorso.

                                        • do minus gazza scrive:

                                          Per i Cattolici “corpore et anima unus”.
                                          Barta precisare che nelle età della Evoluzione, diciamo a partire dall’Homo Erectus era qualcosa di molto diverso, più vicina alla “psiche” intendo, e la tua asserzione appare accettabile.
                                          Che i primitivi, 70/80 mila anni fa conoscessero la paura appare plausibile, per la gioia mi pare più complessa la “dimostrazione, ma che ci fose un rapporto tra la corporeità e qualcosa di DIVERSO da essa, percepibile, ma non visibile, appare, appunto, accettabile.

                                    1. Andrea scrive:

                                      Salve signor Gazza
                                      Ogniuno di noi cerca delle risposte, e, per una serie di ragioni ( geografiche, culturali, ormonali , chimiche ecc.), finisce per trovarle dove più fa comodo.
                                      È chiaro che Bruno Vespa trova le sue risposte nei testi sacri e non certo in libro di antropologia.
                                      Quindi Nino, non dovrebbe essere Lei a porsi questi interrogativi, ma piuttosto i tanti Vespa che spopolano in questo paese tanto affezionato al medioevo.

                                      • do minus gazza scrive:

                                        Caro Andrea ciao, però ANCHE uno come Vespa dovrebbe conoscere i tre modesti pensatori che ho citato e che con altri, anche di molto precedenti, diedero origine al PENSIERO RIFLESSIVO, Filosofico o Scientifico, da cui “tutto ebbe origine” .

                                      1. paperinik scrive:

                                        Bene…senza un perché ancora meglio.Gazza sei uno che ama pensare con calcolata fantasia.Buona dote.
                                        Allora vai in prospettiva e la domanda è:quanti uomini troveranno vivranno e passeranno su una nuova Terra nella galassia, entro i prossimi 500 anni secondo te?
                                        Per me diversi milioni…

                                        • do minus gazza scrive:

                                          Caro Paper ciao.
                                          Penso che ci sia molta attesa per la fantascienza che non per le Scienze.
                                          Dopo aver capito che la Luna tornerebbe ad esere interessante (per ritornarci) solo se si scoprisse che è ricca, molto ricca, di minerali rari e oggi indispensabili, o addirittura con minerali sconosciuti e più “evoluti” per il prosieguo e sviluppo delle necesità tecnologiche (belliche in primis).
                                          Adesso è Marte a dominare la scena.
                                          La domanda (scandalosa) che mi pongo è: forse si è definitivamente compreso che la Terra non potrà a lungo alimentare qualche altra miliardata di nascituri, apparendo il controllo delle nascite proibito da tutte le religioni del mondo, oltre a non esistere alcuna “Autorità Globale” che possa imporlo.
                                          Il primo pianeta che viene definito più “simile” (??) alla Terra è K2 -18 b, che dista 110 anni luce da noi.
                                          Aggiungi che da nuove e più accurate ricerche, si è scoperto che l’assenza di gravità, già adesso e nel lungo periodo ancora di più, provoca problemi seri al corpo umano.
                                          Guarda che è possibile che tra un 1507200 anni la Terra sarà abitata dalla Drosophila Melanogaster, che ha un DNA che più si avvicina a quello dell’uomo.
                                          Quindi attenzione alla esagerata mito-mania delle “nostre radici profonde” perchè la storia dell’EVOLUZIONE dimostra il contrario.
                                          A partire da coloro che fecero l’”OUT OF AFRICA I ” (Homo Erectus) dando vita ad un numero imprecisato di etnie oggi presenti.
                                          Anche perchè seguì un “OUT OF AFRICA II” (Homo Sapiens) che diede origine, con evoluzioni molteplici, alla maggior parte di coloro che troviamo oggi.

                                        1. half scrive:

                                          Io non credo che i temi che ci sottopone Gazzini siano frutto della sua fantasia.
                                          Forse è vero che possono essere a doppia lettura che qui, in verità, mi pare invece abbastanza esplicita.
                                          I non credenti, come se non sbaglio si è dichiarato Gazzini, non se la mettono via e morta lì.
                                          Quelli intelligenti si interrogano anche se non si danno il voto.
                                          E questo topic mi pare intrigante ed intelligente, anche perchè pur dedicandomi alla riflessione su molte cose, questa posta da Gazzini mi ha proprio colto impreparato e “innervosito”:perchè non ci avevo mai pensato.
                                          Una cortese domanda al Dominus del blog:
                                          perchè la scelta di una sola coppia di “Sapiens” occupata a congiungersi e magari essendo la prima, poteva anche non sapere che esisteva la possibilità di procreare con quell’atto?
                                          Un piccolo grazie per portarmi spesso in un luogo alternativo ad alcune basse povertà del confronto politico del nostro paese.

                                          • do minus gazza scrive:

                                            Caro Half benvenuto.
                                            Ne ho indicati DUE sicuramente non pensando all’Eva ed Adamo dei Creazionisti, ma pensando astrattamente alla prima coppia di Sapiens che, congiungendosi, ebbe la “prima” creatura.

                                          1. Gatón scrive:

                                            Da credente mi sono sempre chiesto perché Dio abbia scelto l’evoluzione quale mezzo per portare a termine il suo disegno sull’ Uomo.
                                            In questo ambito sorge il dubbio su quale sia stato il livello evolutivo a cui lo abbia ritenuto pronto per essere dotato di un’anima.

                                            • do minus gazza scrive:

                                              Dubbio assai legittimo per un credente, caro Tom, pensa a chi come me pensa ai 47 miliardi di morti in 50.000 anni precedenti all’avvento del Cristo, tra cui i Sumeri inventori della ruota “grezza” prima e con i raggi in seguito, oltre 3.000 anni A.C.
                                              Per non parlare di “invenzioni” straordinarie precedenti.
                                              E la “dotazione di un’anima” non dovrebbe essere un optional.
                                              Ciao Gat.

                                              • Gatón scrive:

                                                Non c’entra per niente AC, te lo ha già spiegato zz.
                                                In termini laici la domanda è quale sia l’Homo che per primo possa essere definito Uomo.
                                                Secondo me il Sapiens.

                                                • do minus gazza scrive:

                                                  A ZZ risponderò in seguito, anche perchè ho qualche dubbio (non semplice da rendere intelleggibile).
                                                  E comunque non lo hai letto bene.
                                                  E comunque la “Liberazione dei Giusti” dagli Inferi (che non è ovviamente l’Inferno), sarebbe stata SELETTIVA?!?

                                            1. Gazza scrive:

                                              Due postanti, che ringrazio, pongono una questione molto complessa e una riflessione sulla macroscopica ignoranza da parte mia sulla religione, il Cristianesimo, più diffusa al mondo.
                                              Proverò a dire la mia domani.

                                              1. zz scrive:

                                                Buongiorno Gazza,
                                                la teologia crisitiana insegna che Gesù Cristo è sceso sulla Terra per due scopi principali:
                                                1) (fatto molto noto) annunciare la Buona Novella
                                                2) (fatto poco noto) farsi ammazzare da innocente, scendere agli inferi (durante ilTriduo pasquale), ingaggiare una battaglia
                                                con Satana e, sconfiggendolo, riscattare tutte le anime meritevoli che fino a quel punto momento non avevano potuto accedere al paradiso. (Questo spiega anche la presenza di personaggi ante-Cristo nel Paradiso di Dante, ad esempio Adamo o Re Salomone).

                                                Al di là delle convinzioni e credenze di ognuno, reputo questa storia molto affascinante.

                                                Complimenti per il post, molto interessante.
                                                Cordialità.

                                                1. zz scrive:

                                                  Egregio Gazza,
                                                  trovo molto interessante questo topic, essendo le questioni ivi poste sinistramente molto simili a domande che mi posi in passato, e che mi fecero temere di essere internato qualora le avessi esplicitate al mondo civile. Invece è bello non sentirsi così soli.

                                                  Sulla questione del destino delle miliardate di umani vissuti prima della anno 0, la risposta teologica (limitatamente alla religione cristiana) la so: Gesù Cristo è sceso apposta sulla nostra povera Terra, oltre che per annunciare la buona Novella ai viventi di allora e ai loro pronipoti (noi), per: farsi ammazzare da innocente, scendere agli inferi da Figlio di Dio, ingaggiare una furiosa lotta col Demonio (durante il Triduo pasquale), vincerla, poter quindi affrancare tutti i meritevoli che fino a quel momento erano in balia dell’infernaccio, e infine resuscitare a missione compiuta. (Questo spiega anche tutti quei personaggi ante-Cristo che Dante incontra in paradiso, tipo Re Salomone, Adamo, etc). Da quel momento in poi invece, essendo venuti a conoscenza della possibilità di credere o non credere in Dio, gli umani allora viventi e futuri hanno avuto facoltà di scelta e così possono determinare da soli il loro destino post-mortem. Insomma, è stato tutto organizzato nei minimi dettagli.
                                                  Dico questo col massimo rispetto, e, al di là delle convinzioni di ognuno, trovo questa storia molto affascinante.

                                                  Sempre restando in ambito teologico, resta sempre dentro di me il dubbio che l’esito della battaglia contro Satana non fosse così scontato, come invece i proclami “di regime” hanno sempre assicurato. Un po’ come la Juve contro di noi domani sera. Magari se c’è qualche teologo in linea…

                                                  Con i dovuti rispetti.

                                                Lascia un Commento

                                                Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                Accetto i termini sulla privacy

                                                *