09
feb 2021
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

966

OGGI O DOMANI

Ho letto  qua e là.

Ho appuntato qua e là.

Ho ascoltato qua e là.

E’ probabile un nuovo Topic.

966 VISUALIZZAZIONI

8 risposte a “OGGI O DOMANI”

Invia commento
  1. polis scrive:

    Però….
    Il Dominus, direi poco simpatizzante dei leghisti, due mesi orsono fa il suo “endorsement” al leghista Giorgetti e Giorgetti cucca un ministero importante.
    Azzo Dominus endorsa pure me che il mio capo si vanta di essere un tuo amico ma mi vede poco e non mi promuove.
    Grasie.

    1. do minus gazza scrive:

      Ancora un po’di pazienza, tanto il prossimo Topic non sarà molto gradito ai più…

      1. Gazza scrive:

        Oggi è una giornata di silenzio, un silenzio parlato dalla memoria per gli italiani infoibati dai comunisti titini in Jugoslavia.
        Conosco quanto basta delle polemiche “giustificazioniste” (?) di quell’orrenda vicenda, ma oggi non mi interessano.

        • opinione scrive:

          Seguo da qualche anno questo blog e ho imparato che un suo certo modo di scrivere delle cose, facete o serie, non è quasi mai casuale.
          Anche sull’orrenda vicenda delle foibe non non mi è sfuggito quel suo “… OGGI non mi interessano”.
          Tuttavia un “domani” qualcuno potrebbe dare completezza storica a una vicenda, che pur rimanendo orrenda, ha degli antefatti che di norma vengono sottaciuti.
          Come spesso accade, di fronte ad atti esecrabili di uomini in divisa, pagarono persone civili ed innocenti.
          Con stima, cordiali saluti.

        1. FantaFormajo scrive:

          un commento qua e là, che suppergiù è la stessa cosa, più o meno.
          All’incirca quello che a spanne volevo dire è che forse ora o mai più , nei limiti del possibile, proveremo a dire, fare, baciare, lettera, testamento. Saltamoleta o s-cianco?

          • Gazza scrive:

            Baciare era l’agognata “penitenza” e non eravamo così maliziosi da scegliere un bocia per un bocia.
            Anche se intuivamo (?!) che uno tra noi lo avrebbe preferito, come in seguito confermò la sua vita sentimentale.
            Capita e non deve menar scandalo.
            L’età di quei primi approcci estremamente “ellittici” della nascente sessualità da quartiere ultra popolare?
            Tra i 10/12 anni.
            Di lì a poco il gioco preferito divenne il “telefono senza fili”, seduti in modo alternato, un maschioi e una femmina.
            Perchè?
            Perchè incominciavano ad intravedersi i primi rilievi pettorali sotto le “maglette fini” delle bambine e qualche “malizioso e titubante tocco” ci poteva scappare.
            Così fu l’iniziazione.
            Maglietta fina?!?

            >> https://www.youtube.com/watch?v=klEi6FZrmXY (niente immagini che orienterebbero all’eccessivo rispetto alla realtà di quel tempo).
            Gazza dixit.

        Lascia un Commento

        Accetto i termini e condizioni del servizio

        Accetto i termini sulla privacy

        *