Torna al blog

ASTERISCHI

Presso un tot di miei amici, coetanei, sapendo che qualcuno deve sottoporsi ad esami di laboratorio, è in voga farsi reciprocamente una “scherzosa (?)” domanda:

– E allora?

– A quanti asterischi siamo?

Infatti, nei referti di laboratorio, quando un valore d’esame supera quanto previsto dal “range” minimo-massimo viene messo un asterisco.

Meglio precisare che tale simbolo viene messo anche per minimi – e non significativi – superamenti dei valori previsti.

Forse è un modo ludico per esorcizzare gli eventuali retropensieri che creano quegli asterischi?

Non lo so per gli altri, ma nel mio caso tale funzione è piuttosto blanda.

La settimana scorsa un paio di amici mi ha rivolto la classica domanda:

“E allora Gazza quanti?”

“Nove…”

“Eh hosthjya!”

“Caalma, otto di loro sono “standard”, li ho da anni e solo uno richiede maggiori approfondimenti, così parlò la mia dottoressa ucraina, brava ma con un caratterino che talora si scontra col mio

che non è propriamente “farina da ostie”.

Cari lettori under sessanta, anche questa è una parte della vita che vi aspetta, sempre sperando, OVVIAMENTE, che ci possiate “scherzare” sopra.

P.s.

Colgo l’occasione per informarvi UNO dei motivi per i quali scrivo poco negli ultimi tempi.

Ho avuto un significativo abbassamento della vista a causa delle cataratte, il che mi rende faticoso stare al computer più di un tot.

Tra una decina di giorni tocca al mio occhio destro, poi si “vedrà”.

Si tratta di un’operazione definita di “routine” tranne in alcuni casì.

Comunque timori pari a zero.

Un ex-amico di questo Blog più d’una volta mi rimproverò di entrare troppo in profondità sui miei fatti personali.

Oggi, in tutta serenità, gli risponderei: “fatti i cazzi tuoi”.

Ecco che è emersa la volgarità di uno nato nei quartieri popolari, non è un mio “standard” comunicativo ma talora mi sta bene così.

Ad maiora.

9 commenti - 743 visite Commenta

Gazza

OFF TOPIC

Ho una particolare passione per un cantante e autore di nome Ben Harper e credo di non essere il solo.
Possiedo quasi tutto quello che ha pubblicato ma mi era sfuggito un suo particolarissimo album solo strumentale.
Harper ha partecipato, non ricordo quando, ad un acclamatissimo concerto all’Arena ed in seguito, mi pare, al Castello di Villafranca.
Li ho persi tutti e due perchè ero in terra d’Africa in entrambi i casi, la sfiga ci vede bene, un detto confermatissimo…
Nell’album del 2020 “Winter is For Lovers”, c’è un breve brano che credo sia dedicato alla nostra città che, pare, lo affascinò molto.
>> https://www.youtube.com/watch?v=NBfpeP8dTqA

Negli Stati Uniti esistono 28 tra città, cittadine e sobborghi col nome Verona, ma quel pezzo è nostro!

Rispondi
joke

Primo, Ben Harper è un grande.
Secondo, oggi ho visto l’intervista di Berlusconi con la solita tiritera della flat tax al 23%.
Così col macroscopico debito pubblico che abbiamo i soldi del PNRR che dovrebbero arrivare dall’Europa li vediamo col binocolo rovesciato.
Terzo ed inquietante, ma l’avete vista la sua faccia?
Sembrava disegnata come un cartone animato e forse lo era, allucinante.
Gazza, se lo hai visto anche tu, ma quanti asterischi può meritare??
Ciao e auguri per i tuoi.

Rispondi
Gazza

Effettivamente l’immagine che ho visto anch’io potrebbe esere un ologramma o una registrazione del 1994, tanto le cose che dice sono le stesse, banali/elettorali e fuori dalla realtà.
Intanto continua inesorabilmente un dato storico e patologico ( asterischi a volontà): il masochismo della sinistra e quello dei suoi “alleati”.

Rispondi
paperinik

…….un nostro noto comico, in una citazione filmica passata su un brano di Ben Harper:
Undergrouuuuuuuuunddddddd

L’ho visto qua, circa vent’anni fa. Buono e abbastanza fedele alle incisioni.

… degli asterischi ho un po’ timore.

Rispondi
Marcello

Umilissimo consiglio: sbattetevi i maroni degli eventuali asterischi, nonché del presunto campo largo di sotti letta, e infine della plasticità del mafioso di Arcore.
La vita è breve, molto breve….

Rispondi
schetch

Mi sono fatto una “asteriscata” ad inizio anno e diciamo benino, anche per me qualcosa di “storico” per le mie vene…ma si sopravvive. Invece dovrò (quando si decideranno a chiamare da sta benedetta lista ulss…però non adesso chè con sto caldo mettersi il gambaletto non è proprio una passeggiata), farmi togliere la vena safena dalla gamba, patologie ereditarie ma potrebbero causare dei trombi….
E su chi mette becco sui fatti tuoi: saprai tu fare quello che ritieni giusto? Non ho dubbi, quindi dov’è il problema? Qui si parla al 90% di calcio, cosa di cui ho una passione sfegatata e incondizionata per i colori del Nostro Verona, ma che c’è di male, come direbbe Pino, a fare un po’ di outing? Mica hai svelato il tuo conto in banca!!
Ciao e auguroni per la o le cataratte

Rispondi
Gazza

Caro Schetch, per alcuni anni ho portato d’ESTATE, periodo più a rischio, i “gambaletti” per un problema simile al tuo.
Poi dalla mia testa balzana è uscito un “vaffa” – Grillo era ancora solo un comico come lo è tutt’ora – e li ho messi nel cassetto.
Ho avuto una vita piuttosto piena e soddisfacente senza possedere denaro, a parte 2/3 trogliate in campo sentimentale per un antico vizietto prettamente maschile che NON ha giustificazioni.
Quindi ho applicato, con un pelino di giudizio (??) la filosofia marcelliana.
Ciao Schetch e grazie

Rispondi
letore assiduo

Caro Gazza, ironizzare sugli “asterschi” alla tua età ci vogliono maroni solidi.
Complimenti.
Ciao.

Rispondi
 

Rispondi a Gazza Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code