Torna al blog

L’INFANTE

In terra spagnola la figlia o il figlio del sovrano non si chiama principessa o principe ma Infante.

La Svizzera che è più piccola ha invece l’Infantino, che è, con forzatura dinastica, il re delle F.I.F.A. (Féderation Internationale de Association de Football).

Da sviSSero ha grande dimestichezza con la carta filigranata (schèi) e il Qatar ne è così stracolmo da finanziare notoriamente ANCHE gruppi terroristici.

Quindi l’Infantino ci si è buttato a capofitto come faceva Paperon de’ Paperoni, stravolgendo i campionati nazionali e facendosi un baffo che in Qatar, dove sono stato alcuni giorni per un errore di rotta aerea, i cosiddetti “diritti civili” (vige la sharia…) ti danno “diritto”, ad esempio se commetti un adulterio, di avere la pena di morte per impiccagione o 100 anni di carcere durissimo.

Più, ovviamente, tutti gli ammennicoli e vincoli ferrei che la sharia, legge coranica, si porta dietro nella vita “civile”.

E fin qui nulla di nuovo.

Ma, ma, ma, l’Infantino filigranato è scoppiato in una reprimenda sul mondo occidentale, che sarebbe anche il suo se non passasse la vita ad inseguire la filigrana, tuonando sull’ipocrisia occidentale per le malefatte compiute in TREMILA (testuale) ANNI…

Tremila anni?

Mille prima di Cristo, con chi ce l’aveva?

Coi filosofi greci? Con Alessandro il Grande?, con Pericle? Con Archimede?

Poi, con un minimo di serietà, a quell soggetto obnubilato dalla grana gli si potrebbe spiattellare in faccia che, certo in mezzo al sangue e ai disastri morali, NOI siamo arrivati con fatica a poter parlare di libertà incomplete ma irreversibili – ci provi qualche pirla a violarle – LORO dal 600 d.C. devono seguire parola per parola, immutabili!, i precetti coranici e pene allegate.

Anche i cristiani avevavano un testo piuttosto violento come l’Antico Testamento, ma poi arrivarono gli evangelisti e San Paolo con le sue lettere, e le cose mutarono un bel tot.

Insomma Infantino, una figura di cacca e non solo sua perchè, mi punge vaghezza, che nel suo comitato direttivo NESSUNA voce dissenziente si è alzata.

Magia della filigrana.

20 commenti - 1.154 visite Commenta

bardamu

Ormai il calcio è diventato vomitevole.
E tu sai quanto mi costi ammetterlo.
Non faccio la verginella e non fingo che ai bei tempi i schei non contassero, ma, almanco, gh’era un po’ più di pudore, e si fingeva che ci fosse anche dell’altro ( amore per i colori, per il bel gioco, sana rivalità tra campanili ).
Con questi mondiali abbiamo toccato il fondo, o l’apice, dipende dai punti di vista.
Ieri ho dato un’occhiata distratta alla cerimonia di apertura ed ho percepito l’imbarazzo dei commentatori rai, azienda che ha sborsato una cifra importante di denaro pubblico per assicurarsi l’esclusiva dell’evento ed ora si trova a gestire una cosa ignobile senza nemmeno la possibilità di ottenere gli spettatori che ci sarebbero stati con la partecipazione della Nazionale italiana.
Tutto sommato è una fortuna che non si partecipi, e non sto interpretando la volpe della famosa favola di Esopo a proposito dell’uva.
Spero solo che si rivelino un flop in tutto il mondo in termini di spettatori affinché si inizi quella “decrescita felice” che in questo ambito almeno è quantomai desiderabile.

Rispondi
Gazza

Caro Luca, post intoccabile il tuo, non si può aggiungere o chiosare alcunchè.
Trovo felice quella della “decrescita felice” nel calcio che entrambi amiamo.
Si tratta di un concetto complesso e molto controverso usato in economia, che purtroppo in pochi ne capiranno invece la forza creativa e (forse) rigenerante nel mondo della pedata alla palla di cuoio.

Rispondi
lector

Caro Gazza, fosti proprio tu a farmi scoprire l’importanza della cinematografia distopica, mai sentita prima e te ne sono veramente grato.
Ti pongo una domanda che riguarda anche l’attento Bardamu.
Il denaro sta rovinando il calcio e per ora mi limito all’argomento del topic e di un calcio sempre meno desiderabile (distopico).
Tuttavia mi domando perchè nella NBA basket, NFL hockey su ghiaccio e MLB baseball, sport noiosissimo ma il più amato d’America, corrono ingaggi assurdi per i giocatori e miliardi di dollari e tutto resta integro.
ps
Gazza avevo detto a un mio amico, anche lui assiduo lettore, che non ti saresti fatto scappare l’Infantino, lui dice che ormai la butti in politica.
Cena vinta, grazie e ciao.

Rispondi
Mingon Federico

Dici Gazza che anche ai Piccoli Infanti pecunia non olet? Basta infin QATAR qualcosa e poi fare El pistolotto “educativo ” per metter a posto la coscienza dei Altri….vecchio schema reiterato nei secoli ma sempre valido.

Rispondi
Gazza

Esatto.
Il fatto è che nel calcio, qualsiasi nefandezza venga attuata. nessuno farà mai sciopero!!
Le federazioni calcistiche possono condizionara fortemente le società e i giocatori, ma i tifosi no!
Tuttavia i tifosi si incazzano solo per delle mignonole (espressione dialettale che se non la conosci va imparata).

Rispondi
schetch

E di conseguenza l’evento in se ( che sarebbe ciò che conta se guardiamo p.e. ai mondiali o ai campionati di 30 anni fa), diventa marginale per paradosso. Le mignognole il rigore non dato, il fuorigioco, l’azione bellissima da gol, sono lo spettacolo di facciata, sebbene questa benzina serva sempre e comunque se vogliamo fare affari, ma il VERO spettacolo si svolge nelle stanze degli svizzeri…cappellini arcobaleno compresi. L’ideona della Superlega va nella direzione di pochi ricchi e mafiosi che gestiscono lo show.

Rispondi
paperinik

…la questione peggiore è che sono costati migliaia di morti, una decina di stadi per 2 eventi magari in 20 anni. Con trattamento da schiavi dei muratori sui cantieri. Solo per questo, meritano un’invasione ferrea, una perdita dei pozzi e processo per direttissima a qualsiasi ( qualsiasi) dei loro esponenti politici ed economici in tutti i paesi occidentali. Allo svizzerotto in questione, compresa la sua corte di guardie stessa sorte, al di fuori del suo paese. Più incriminazione di tutta la dirigenza FIFA per sfruttamento umanitario a fini di lucro e contrario ai principi sportivi. Vedi….che dopo ci pensano 10 volte.

Rispondi
Gazza

Lector, scusa il ritardo.
Le tre principali associazioni statunitensi da te citate hanno REGOLE SEVERISSIME.
Chi sgarra paga.
Se sono giocatori pagano multe anche milionarie e le società ancor di più.
Là non ci sono le Juventus, fino a pochissimo tempo fa intoccabili.
E, cosa fondamentale, i provvedimenti hanno una rapidità supersonica e i “ricorsi” (che sono visti come fumo negli occhi) sono accolti rapidamente e solo davanti a prove inconfutabili.
Niente cavilli all’italiana, ma capelli scalpati: dai Lakers alla più sfigata delle squadre.

Rispondi
Gazza

Mi domando quante tonnellate di dollari ha pagato il Qatar a Infantino, l’infamino, che proibisce le proteste che non ha – faticosamente e obtorto collo – autorizzato lui.
Vedi la proibizione, in Qatar ovviamente ma anche in molti altri paesi non non sarebbe cambiato, di impedire ai giocatori di portare al braccio la fascia arcobaleno,
Comunque VIVA NEUER, portiere tedesco, in prima fila affinchè lo sport non si limiti a far rotolare là dove viene impedito in molti paesi islamici l’accesso delle donne allo stadio e le più ELEMENTARI, ma elementari davvero, libertà civili.
Sia chiaro, non solo Hitler non strinse la mano allo stra-fuoriclasse di jessie Owens, quattro medagle d’oro in due specialità diverse, ma anche negli USA la cosa passò sotto silenzio,
Perchè?
Ohibò non era un WASP (white anglo saxon protestant), ma solo un Bovero Nigger…
Che il Signore protegga gli dei del calcio coraggiosi!!!!

Rispondi
Gazza

… scusate gli errori di BATTITURA, ma come disse il grande Tom Hanks in Forrest Gump, dopo DIECIMILA kilometri di corsa: “… sono un po’stanchino…”.
Io non li ho fatti ma sono 36 ore che non dormo.

Rispondi
Mingon Federico

Ra Gazzini c’è vita su sto pianeta! Leggete pag 155 di Televideo RAI. Il Parlamento UE definisce la corruzione della FIFA “dilagante, sistemica e profondamente radicata”….. ohibò…che dici Gazza? Tutti comunisti sti (N)euro deputati?

Rispondi
Mingon Federico

….poi vedi il secondo gol del Brazil e non pensi più a Infantini Infamini ma alla Grande Bellezza del gesto sublime

Rispondi
throat

Scrivo da lei perchè, anche senza conoscerla di persona, ho provato una forma di empatia nei suoi confronti, nonostante nei suoi topic ci siano talora notizie vere ma abilmente “manipolate” per portare i lettori sulle sue tesi.
Vivo all’estero e ho talora rapporti d’affari con un personaggio con un incarico non di rilievo nella FIFA ma là le notizie girano.
Quello che avete scritto sul giro di danaro in quella sede è a malapena una punta d’iceberg.
Un cordiale saluto a lei.

Rispondi
Gazza

SE, e ripeto SE, dietro questo post si nasconde davvero una persona reale e informata – tranne che sulle mie manipolazioni ! – e non una fake. TUTTO ritorna al primo post di Bardamu.

P.s.
Sempre che dietro questo nick-name non si nasconda un lettore che riporta le notizie di suo cugggino che ha una zia che va dalla stessa parucchiera dove va la cuggina della donna delle pulizie del portinaio dell’abitazione di Infantino.
Ohibò!

Rispondi
paperinik

Cmq Gazza, hai fatto bene a mettere in rilievo contraddizioni così evidenti. Secondo me anche perseguibili per legge. E non solo per la legge italiana. Vedo che sui vari programmi dedicati ai mondiali, quasi nessuno ne vuole fare apertamente cenno. Quale ipocrisia e quale caduta verso il basso. Il problema è che potrebbe rivelarsi un grave precedente senza seguito. Anche negli anni a venire. Brutte robe.

Rispondi
bardamu

Temo che il mio desiderio circa il flop di ascolti di questi mondiali non sarà esaudito.
Non ho letto dati in proposito ma sento molti affermare una cosa che nella sua banalità avrebbe dovuto essere prevista, anche da me: in Europa, d’inverno, si sta molto di più a casa e si guarda più facilmente la TV.
Per i Paesi dell’America latina dovrebbe essere il contrario, ma credo che dal punto di vista commerciale gli spettatori europei siano molto più importanti.
A margine di questa nota ne inserisco un’altra che riguarda lo “spettacolo”, visto che il calcio è diventato soprattutto questo.
Negli ultimi anni mi sto annoiando a morte a vedere la maggior parte delle partite, anche della Premier. Questa mania del possesso palla con frequentissimi passaggi all’indietro è una cosa inguardabile per più di 2-3 minuti.
Se continua così l’andazzo disdirò l’abbonamento SKY che utilizzo prevalentemente proprio per le partite di Premier.
Non capisco come mai i veri padroni del calcio ( televisioni e sponsor ) non abbiano ancora capito questa verità elementare: per lo spettacolo servono le azioni di attacco all’area avversaria, non quelle che una volta chiamavamo “melina”.
Convochino i loro “dipendenti”, cioè presidenti e allenatori, e impartiscano disposizioni in merito.
Comunque meglio così, per me almeno. Rimarrò solo tifoso, che è la cosa che mi dà più soddisfazione, e dello “spettacolo” che può offrire l’Hellas francamente me ne impipo.
A me bastano, e avanzano, i risultati ( non quelli di quest’anno, ovviamente ).

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code