Torna al blog

L’OTTAVA REGIONE CINESE… notiziuole

Ho dato un’occhiata alle notizie della “ottava regione” cinese: il Kenya, sette cinesi più una ormai acquisita, il Kenya.

Perchè non lo sapevate?
Eppure lo avevo scritto 4/5 anni fa proprio qui.

Era il 2019, sua celeste divinità Xi Jin Ping, “Presidente usque ad aeternum” della Cina, decise di fare un viaggio per incontrarsi con i suoi omologhi europei e… di “altri paesi”.
Ricordo bene quel viaggio, si fermò:

a) mezza giornata in Germania e Francia;

b) una mezzora con Mattarella e il tempo di un catering col goveno italiano e…

c) DUE GIORNI E MEZZO in kenya.
Dice qualcosa se poi quella visità in Kenya si concluse con un prestito di oltre venti miliardi di Euro a tassi risibili e come omaggio sopra il prestito una nuova linea ferroviaria Mombasa-Nairobi che sostituì una inaudita ferraglia con lo stesso tracciato lasciata in eredità dagli inglesi nel 1963, ma costruito negli anni tra il 1920 e il 1930?
A proposito di quel treno, non è il “Ministro cognato” Lollobrigida ad aver fermato un treno in una “non stazione”, SONO STATO IO!
Non potete immaginare come era ridotto ed allora che fare (parafrasando un libro di Lenin)?

La regola aurea del “money talk” (il denaro parla) che vige in tutta l’Africa: 100 Euro al capotreno per una fermata non prevista, 50 Euro per il mio tassista di fiducia, ritorno a Mombasa e biglietto di prima classe su un autobus (oggi quasi scomparsi a causa del nuovo treno) e via per un viaggio stupendo Mombasa-Nairobi attraversando due famosi parchi protetti, anche mica tanto, visto che alcuni anni prima, di notte, un bus si fracassò investendo… un elefante.
Va detto che con gli orari che fanno (facevano) fare ai conducenti, questi ultimi avevano tutti un “bolo” di miraa nella guancia, da succhiare, (la droga libera di stato) che può tenere svegli anche per tre giorni filati (ce ne sono anche per altre funzioni…)
Ho visto anche che finalmente quel furbone di William Ruto è diventato il nuovo presidente del Kenya battendo lo sfigatissimo eterno secondo (quattro elezioni…) Raila Odinga con uno scarto di voti, attenti eh, dello 0.39%!!!
Non sono più molto informato, ma la sorpresa è che Ruto è dell’etnia Kalenjin che rappresenta solo un 11% della popolazione, mentre, a parte il dittatore Arap Moi (obbligato a dimettersi nel 2000 pena un processo presso la Corte dell’Aja per “cosette” durante i suoi mandati), tutti i presidenti sono stati di etnia Kykuyu (di fatto i fattori delle tenute inglesi durante il colonialismo).
Ma se i pastrocchi delle alleanze politiche avvengono qui da noi, là dovete moltiplicarli per tre.

Comunque i Kalenjin hanno una caratteristica particolare: sono i più numerosi vincitori di medaglie varie nella corsa sulla media e lunga distanza.
Dovrei anche parlarvi della scoperta del massacro di un centinaio di donne bambini ad opera di una setta “religiosa” (là chi vuole se ne fa una) che non venivano uccisi direttamente, ma avevano il precetto “religioso” di NON MANGIARE MAI, dovevano morire di fame.
Dovreste vedere la foto del capo della setta, “un mganga nero” di 100 kili!, nero non per via della pelle, ma per distinguerlo dal “mganga bianco” che da noi sarebbe una specie di Vanna Marchi & Co., o se volete attualizzare la cosa una sorta di Ferragni…
In chiusura una strana notiziola sul Corriere che mi era sfuggita.
C’è un’avvocata del giro del “Briatore, detto l’erede di San Francesco”, che è agli arresti domiciliari da un mese per non meglio precisati motivi. Arresti domiciliari in una specie di paradiso che conosco, intendiamoci.
La tipa si lamentava un po’ di tutto ma molto anche della “solitudine”(?!?): ” Guardi, dice rivolgendosi al giornalista, ho solo il mio cane”. Il giornalista sente l’avvocata chiamarlo e ne scrive il nome: GIRIAMA.
Non saprò mai se il giornalista ne conoscesse il significato, ma I GIRIAMA sono l’etnia più povera del Kenya, silenziosa, forse anche per  il pudore del loro status.
Non c’è un caxxo da fare, tutto in perfetto stile Briatore, dove i poveri sono invisibili, inutili e magari dannosi.

13 commenti - 1.016 visite Commenta

Attilio

Mi pare che il cane questa avvocata di Bergamo abbia morsicato una manager di Briatore e finchè non paga il risarcimento per la morsicata non la fanno partire

Rispondi
Gazza

Grazie Attilio!
Sono andato a fare una ricerca ed è come hai scritto tu.
Se esiste una morale, questa è … La Vendetta del Povero (Giriama).

Rispondi
Gatón

Riagganciandomi al topic precedente, stamattina fatta ecografia ore 9.30.
Alle 11, da casa, pagato ticket 28,50 e scaricato referto.
Tutto bene.

Rispondi
lettore antico

Caro Gazzini, io ricordo abbastanza bene le tue “cronache dal Kenya” e sono un po’sorpreso dalla severità riservata dalla polizia in un paese dove “il denaro parla” e relative conseguenze facilmente deducibili.
C’è una contraddizione?
Cordiali saluti.

Rispondi
lector

E mister Gazzini ancora un passo avanti, e non è la prima volta.
Due giorni fa il “conducator” del blog si diverte a fare, dopo anni, un topic sul Kenya chiamandola “l’ottava regione della Cina che in realtà ne ha sette” e lascia intendere, come aveva già scritto, che l’Africa è tornato ad essere “Il Continente Perduto” parafrasando il titolo di un film.
Due giorni dopo ecco un servizio della Repubblica sul tema, indicando il Kenya sotto l’influenza (di fatto il vero governo) del Kenya.
Caro Gazzini so che hai qualche problema di salute (augurissimi!) ma dopo tanti anni di conduzione del blog sei sempre sul pezzo , ironico e con mente fresca.
Complimenti

Rispondi
Gazza

Caro Lettore Antico, scusa il ritardo.
Effetivamente il comportamento della polizia keniota è molto “ondivago”.
Ci sono reati che con una manciata di euro o dollari te la cavi senza storie.
Poi ci sono reati, apparentemente banali dove la severità è durissima.
Posso solo farti un paio di esempi cui ho assistito.
Uno riguardava me.
Avevo acquistato due moto per un modesto business di trasporto persone con documentazione scritta nel contratto con cui i conducenti patentati avevano l’obbligo di non far usare le moto a NESSUNO. Giuramenti e firme formali sul contratto furono acqua fresca.
Infatti una sera a mezzanotte vengo convocato dalla polizia che aveva sequestrato le due moto perchè le stavano guidando due senza patente a causa di quei due figli di buone donne dei miei collaboratori che le avevano date in sub-uso a due non patentati.
Dopo un’ora di attesa con minacce per il “grave reato” con una mancia di 80 euro sono ritornato in possesso delle moto anche se il reato era oggettivamente grave: esempio le assicurazioni non avrebbero più avuto valore.
Un altre sequestro l’ho subito per uno dei due falini posteriori rotto: con 30 euro me la sono cavata.
La scena alla quale invece ho assistito, tenendo conto del “fattore ambientale” in cui vivevo è stato quasi incredibile.
Il “mestiere più antico del mondo” era prassi comune e il linguaggio in uso consequenziale e facilmente intuibile..Il “you’re a bitch” usato a piena voce era prassi.
Una sera invece venne rivolta ad una “praticante” la medesima espressione… MA IN SWAHILI: WEWE NI MALAYA! che ha lo stesso significato dell’espressione inglese che TUTTI conoscono.
La “praticante” dopo aver risposto per le rime, corse alla stazione di polizia con un paio di testimoni e nel giro di un quarto d’ora la polizia ammanettò il tizio , lo sbattè in galera dove rimase un mese fino al processo per “calunnia” (alla praticante).
La polizia keniota mi ricorda molto i nostri carabinieri, causa anche le barzellette, sembrano “poco svegli”, in realtà sanno TUTTO, solo che usano il “libero arbitrio…”.
Avrei un altro episodio personale a conferma di quanto sopra , ma è troppo lungo e denso di particolari che si possono definire “cinematografici” senza esagerazione.
La settimana prossima sarò ricoverato in ospedale, quando uscirò, per chi lo vorrà ascoltare , ci daremo appuntamento in Piazza Vittorio Veneto, sarete miei ospiti per un caffè e vi racconterò “il film”.
Ne vale la pena, credetemi.

Rispondi
Gatón

ot Il nuovo giocatore dell’Hellas, CENTONZE.
Il pirandelliano don Lollò Zirafa ne avrebbe fatto ben 25 giare.

Rispondi
Gazza

Caro Lettore, lo farò molto volentieri.
Tuttavia per una serie di ragioni è molto meglio se lo facciamo via mail, capirai dopo…
La mia mail è: niero47@gmail.com
Domani entro in ospedale e non so per quanto, tu mandami la tua che ti scriverò io appena possibile.

Rispondi
Gazza

Un avviso.
Anche in Africa le stagioni sono un po’ “impazzite”, ma i mesi migliori per andarci sono Gennaio, Febbraio, e si “poteva” arrivare anche a quasi tutto Marzo, poi… i monsoni arrivano.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code