Torna al blog

NO TOPIC. TUTTAVIA CHI NON HA VISTO “DUNE 1” E NON VEDRA’ “DUNE 2” E’ UN…

Fantascienza senza la scienza nel 2.

Molta politica attualizzata e complessa.
Quasi Capolavoro, diciamo quattro stellette e mezza su cinque.
Gazza dixit.

P.s.

Astenersi amanti dei film con ritmi alla “Fast & Furious”.

21 commenti - 1.811 visite Commenta

Mingon Federico

Ti dico solo Gazza che ho provato a leggere la trama di Dune 1… e a metà mero za roto li coiones🫣

Rispondi
zz

Buonasera Gazza,
dopo una recensione del genere, ed altre dello stesso tenore che mi sono saltate sotto gli occhi senza averle cercate, davvero non posso esimermi dalla visione.
Prima però credo sia necessario passare dal Dune Primo…

Rispondi
Gazza

Caro ZZ, non “credo” ma è IMPOSSIBILE comprendere la tematica, e perchè no, la bravura del regista (Villeneuve) in DUNE2 senza avere visto il precedente.
Aggiungo poi che non è necessario essere super appasionati di fantascienza per apprezzarlo, occorre solo essere cerebro sapidi (avere sale in zucca-n.d.G.).

Rispondi
schetch

Non era male nemmeno quello del 1984…
L’uno è quella fantascienza che per immagini, fotografia, dialoghi al minimo, particolari vari, dove io rimango sempre affascinato come un bambino. In questo caso lo ero stato ancora di più.
Il due conto di andarlo a vedere alI’ IMAX credo meriti per spettacolo delle scenografie e non solo.

Rispondi
Gazza

Caro Schetch, avendo visto il Dune di David Linch un numero di volte tale da poter essere considerato degno di una casa di cura mentale, ed essendo entrato in possesso anche di una rarissima edizione COMPLETA con i tagli del regista in fase di montaggio, posso dirti che Linch (ottimo regista) non ci capì molto.
Credo che accettò la regia per avere i soldi per altri progetti, e il suo Dune è pieno di strafalcioni e aggiunte abusive incomprensibili.
Una parte li capii già allora, dopo aver visto i due episodi di Villeneuve… lasciamo perdere.
Uno come te capirà subito.
P.s.
Ti ricordo che a suo tempo rifiutasti un mio RARO invito per un aperitivo perchè stavi lavorando come un matto per raggiungere il tuo primo milione di Euro.
A che punto sei?

Rispondi
inogniposto

pensa che considero Linch un regista di valenza assoluta… Per me forse il migliore tra quelli viventi (o comunque assolutamente da “podio”)

Rispondi
schetch

Caro IL mio nuovo agente dell’AdE in missione speciale :-)) , posso solo dirti che vedo il traguardo vicino ma non mi soddisfa quello indietro, mi sta balenando l’idea di ricominciare da capo, tanto ho ancora sei (6) vite a disposizione..
P.S. non mi puoi dire che “rifiutai” devo bacchettarti per questo. Il mio numero c’è l’ai ( mi dicono che da un po’ si scrive così..) .
Ciao!

Rispondi
lector

Ammetto che senza la “recensione” ultra sintetica ma perfetta del Master probabilmente non ci sarei andato.
Il primo non mi aveva catturato.
Due ore e quaranta minuti del secondo sono stati ben spesi, grazie.

Rispondi
inogniposto

Ho visto DUNE (1) prima al cinema e poi l’ho rivisto la settimana scorsa in TV (italia 1) : film che va ASSOLUTAMENTE VISTO AL CINEMA.

Rispondi
Gazza

Ti rispondo qui su Lynch.
Anche se sono quasi vent’anni che non fa più film, quelli che ha girato bastano e avanzano per considerarlo tra i più grandi registi della storia del cinema, sicuramente tra quelli del XX° Secolo.
Una cinematografia complessa e talora apparentemente semplice, escluso Mulhollad Drive, uno dei pochi film da me visti e non capiti alla prima visione.
Insisto nel dire che l’unico film che ha sbagliato ad accettare (…?) è Dune, dove assieme a sprazzi del suo tocco magico, c’è tanta confusione e qualche licenza di troppo rispetto al romanzo originale

Rispondi
inogniposto

anche con la serie Twin Peaks secondo me (sono veramente ignorante in materia cinematografica) è stata geniale, non so se sei d’accordo… Io non posso dire quanto si sia allontanato dal romanzo iniziale perchè non ho mai letto i(l) libro

Rispondi
inogniposto

in realtà non sono un gran appassionato di romanzi di fantascienza, mi piace Asimov, adoro Robert Heinlein, ma molto più in là non vado

Rispondi
inogniposto

avevo dimenticato la trilogia di Dmitry Glukhovsky (Metro 2033- Metro 2034 -Metro 2035) non è proprio fantascienza ma ugualmente molto belli (con la speranza non siano tristemente premonitori)

Gazza

Caro Inogniposto, notando di cosa ti interessi, credo che la tua “modestia” sia un po’eccessiva, o più facilmente che la mia ignoranza sia più vasta di quello che pensavo.

Rispondi
schetch

Certo che sì, in tutto e per tutto…ah l’ho visto, il film, quindi sono doppiamente d’accordo!

Rispondi
schetch

E mi sono sciroppato anche le ben 3.50 ore che ci vogliono per “Killers Of The Flowers Moon”. Ho sentito/ letto svariate critiche sia sulla lunghezza che lentezza del film e quasi sempre negative.
Invece mi ha coinvolto nella trama (storia vera e quanto mai attuale), nelle interpretazioni, ma soprattutto nell’essenza del film che si può riassumere in una parola: “AVIDITA'”.
Non sono acuto come il Nostro ma personalmente gli assegno 4 su 5 stelle.
Ciao!!

Rispondi
Gazza

Un fim visto due volte.
Faccio sempre così quando non mi è piaciuto la prima volta.
Cinque stelle a Lily Gladstone (Flowers Moon), tre stelle al film.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code