Torna al blog

HO VISTO UNO SCHIAVO DELLA FURIA STANDO AFFACCIATO A UNA FINESTRA SUL CORTILE

Gazza è impazzito oppure ha bevuto?
Ma no, tranquilli, non ho una moglie che aspetta un figlio e lo so bene.

Sarà l’ennesimo “non Topic” che al massimo interesserà una decina di lettori, anche per motivi anagrafici, in un periodo nel quale faccio fatica a scrivere di altri argomenti, vista l’aria che tira.
Vorrei vedere voi…
Lo “sviluppo” di questo “non Topic” lo farò prossimamente anche se le tracce ci sono e qualcuno potrebbe anche cimentarsi ad intuire.
Intuire cosa?
Intuire ‘azzo, date un’occhgiata al Devoto-Oli e la definizione vi sarà chiara.

17 commenti - 922 visite Commenta

Gazza

Certo che scrivere “occhgiata” alla fine e prima di citare un dizionario famoso, è una bella figura di cacao, carissimo Gazza.

Rispondi
Gazza

Sto cercando di costruire una colonna sonora per quello che (non) scriverò.
Da adesso alla fine di quello che (non) scriverò chiunque può cimentarsi, possibilmente in base alle tracce del (non) testo.

Rispondi
schetch

Dunque: c’è di mezzo un’evasione e uno scontro a fuoco per una donna, e un tizio, che con una gamba ingessata, si diverte a guardare i vicini di casa dalla sua finestra per controllarne i comportamenti e scopre che… in ambedue la donna c’entra sempre..

Rispondi
schetch

Ho dei vecchi vhs frutto di miei acquisti di riviste specializzate in “vecchi sterei..” che acquistavo anni 80/90, allegate ad esse, come si usava a quei tempi, c’erano spesso vhs di svariati film o concerti. Quindi non è frutto di una mia specifica volontà sul film, piuttosto di una casualità. Schiavo Della Furia lo vidi e tra le altre cose mi piacque. A questo punto me lo rivedrò ma: o ricollego il videoregistratore, cosa che stuzzica la mia mente “vintage”, o cercherò di rivederlo in altro modo che non sia Netflix perchè non ce l’ho. Salud!

Rispondi
lector

E Gazzini torna dopo mesi con un “non topic” più ermetico di De Gregori in Rimmel (citato).
Che Alice nel Paese delle Meraglie, altro romanzo ermetico, probabilmente non c’entra o sì?
L’unica cosa di sicuro credo sia la citazione che riguarda Raymond Burr (Perry Mason, l’avvocato pacioso), ma mai sentito parlare della Furia Umana un film del 1948, di cui era il protagonista.
Più semplice la citazione dello splendido film La Finestra sul Cortile, con una sua parte secondaria nonostante sia l’omicida o uxoricida.
Gazza, non ne vengo fuori e aspetto delucidazioni.

Rispondi
Gazza

Schetch, che mi pare un caso a parte, si è abbastanza avvicinato al “non senso del non Topic”.
Poi ci sono cose oggettivamente più complesse, frutto della mia testa impegnata in cose serie.
Ci sono più letture, quando ne scriverò vi appariranno probabilmente delle cazzate.
Ma così va il mondo, il mio di sicuro.

Rispondi
Gazza

Vediamo di aggiungere qualche traccia, va’…
Oggi è normalissima la polivalenza interpretativa di attori (bravi).
Una volta non era così.
Faccio un esempio utilizzando uno dei miei attori preferiti: Matt Damon.
Cito alcuni film: The Good Sheperd, ottimo e dove pur da protagonista (Madre) pronuncerà 5/6 battute in tutto il film, ripeto da protagonista; The Departed nella parte di un agente, traditore e spia, dei Servizi Segreti; Jason Bourne, saga che non ha bisogno di commenti; per finire ad Air (nascita della Nike) e il generale Groves. reponsabile supervisore del Progetto Manhattan per la fabbricazione della bomba atomica.
In questi ultimi due ruoli si ingrassa di una ventina di kili (!).
Tutto normalissimo nel cinema di oggi, il multiruolo.
Cosi non era nel cinema statunitense fino agli anni ’60.
Di norma se eri stato un “cattivo” in precedenti film, continuavi a recitare da cattivo, più o meno accentuato.
Arriviamo al “non Topic” e a Raymond Burr.
Aveva fatto sempre ruoli da “cattivo” : Schiavo della Furia e altri minori, per finire con l’uxoricida Lars Thorwald ne lo straordinario “La Finestra sul Cortile”.
Ed eccolo tre anni dopo nelle parti del “pacioso e POSITIVO” avvocato filantropo PERRY MASON.
Una cosa quasi incredinile ai miei occhi di ragazzotto.
Ma le Cose Cambiano, come nel film di Mamet (anni ’90?).

Rispondi
Gazza

FUORI SACCO (o quasi)

Credo che La finestra sul Cortile (1953) sia il primo film dove il protagonista recita da “ferito-ingessato” per tutto il film.
Solo un genio come Alfred Hitchcock poteva pensarlo e farlo.
Ma… ma… , e sicuramente come omaggio al Maestro, vent’anni dopo un grande regista europeo gira un Capolavoro (per me…) dove un famosissimo attore gira almeno la metà del film da “ferito”, creando un effetto filmico straordinario.
TEST
Che film è?
Vi do un aiutino…
>> https://www.youtube.com/watch?v=bHlE7E0MMYs
P.S.
SCHETCH tu stai in panchina per almeno due giorni!!
Rientri solo se qualcuno non avrà indovinato nel frattempo il titolo che ho chiesto.
Chiaro?!

Rispondi
filmico

E’ la prima volta che leggo questo blog attirato da un titolo direi strambo ma non fuoriluogo, specie con quello che è stato scritto successivamente.
Il film in questione non può che essere lo spledido CHINATOWN.
Scrivo recensioni per un gruppetto di lettori affezionati (followers è un’espressione che detesto).
Nel merito di quanto scritto da Gazzini devo ammettere che ci sono due osservazioni, una sui ruoli fissi del cinema americano del passato a cui non avevo mai pensato e mi obbligherà a lavorarci sopra.
Per quanto riguarda l’omaggio di Roman Polanski a Hitchcok, pur essendo nota l’ammirazione di Roman, mi appare un po’forzato ma ci voglio riflettere perchè oggettivamente il naso incerottato di Nicholson per più di mezzora di film è una novità assoluta in tutti i film che ho visto.
Tuttavia non è impossibile, caro Gazzini mi hai dato uno spunto per chiederlo ai miei lettori.
Cordiali saluti e ciao collega.

Rispondi
schetch

Come omaggio a Hitchock so di un Brian De Palma con Omicidio A Luci Rosse che non ha mai nascosto il suo apprezzamento verso il Maestro. Però De Palma non è europeo e non mi pare che nel film abbia girato un attore ferito veramente in più se non ricordo male è dell’85 pertanto sono fuori strada..
Il povero Brandon Lee invece ci rimise la pelle sul set..

Rispondi
paperinik

Un saluto al Gazza. Dato che è un po’ che non lo sento.
I 2 che citi, Schetch, li ho visti entrambi all’uscita nelle sale. Vero anni 80 il primo. Buon thriller, ma un po’ demodé.
Il corvo no. Non mi è piaciuto. Anche se con gran lancio sul mercato cinematografico.

Rispondi
pische cresciutello

Se non avessi letto questo topic mi sarei perso due capolavori: La Finestra sul Cortile con una Grace Kelly bella, quasi assurda e lo splendido e imperdibile Chinatown

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code