14
gen 2018
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 42 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.343

… Segue…

Questo che segue è l’elenco di coloro che se ne sono andati nel secondo quadrimestre 2017.
Li elenco tutti, ma verranno onorati un po’ alla volta, hai visto mai che qualcuno di voi voglia scriverne anticipandoci (ne dubito e non so perchè):

- Carlo ZARDO
- Chris CORNELL
- Irio DE PAULA
- Gregg ALLMAN
- Jeffrey TATE
- Philip GOSSETT
- Geri ALLEN
- Paolo LIMITI
- Rudy ROTTA
- Chuck LOEB
- Bruno CANFORA
- John ABERCROMBIE
- Enzo DARA
- Nanni SVAMPA

08
gen 2018
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 35 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.069

ADDIO E GRAZIE A TUTTI!

Fermi lì!
Tutti quelli che hanno tirato furi le bottiglie di spumante sperando che il titolo si riferisse alla chiusura del Blog, cortesemente riponga.
Nel momento (elettorale) in cui tutti vogliono (promettono) di abrogare qualcosa e saranno i cattivoni dei vincitori (?) ad impedirlo, c’è una cosa che da qualche hanno si sta tentando di abrogare, in parte riuscendoci purtroppo: LA MEMORIA.
Bene, su un’idea che avevo accennato anni fa pensando che poi venisse dimenticata, c’è qualcuno che non dimentica, e che SENZA l’aiuto di Internet ha tenuto nota di musicisti, strumentisti, cantanti che se ne sono andati nel 2017, usando i giornali, le comunicazioni interpersonali, specie per chi non aveva grandi platee.
Si chiama Marco “Chivers”.
Il mese di Gennaio sarà dedicato a loro con note biografiche, collegamenti e filmati (dove esistono).
L’elenco, essendo lungo, e magari incompleto…, sarà proposto per quadrimestri.
Chivers ed io ci siamo ripartiti i compiti, MA MA MA, ognuno di voi che avesse qualcosa da aggiungere sarebbe molto gradito, magari con anedottica personale se ci fosse.
Abbiamo riflettuto a lungo se tenere tutto fissato sulla musica, poi abbiamo deciso di allargare, specie col vostro aiuto, alle altre SEI ARTI + UNA (Cinema) questo omaggio a chi se n’è andato.
I nomi del primo quadrimestre (Gennaio/Aprile) sono:
- George Pretre
- Al Jarreau
- Larry Coryell
- Alberto Zedda
- Tommy LiPuma
- Chuck Berry
- Alessandro Alessandroni
- Arthur Blyte
- Fausto Mesolella
- Rita Orlandi
- Alan Holdsworth
- Rino Zurzolo
Molti nomi sconosciuti o giù di lì, ma ognuno di loro, magari con un concerto, un’esibizione, un’interpretazione, ha reso appena più accettabile, magari per un’ora, ” LaVita Agra” (L.Bianciardi, 1962)

31
dic 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 30 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.689

GLI AUGURI.CI SONO UN SACCO DI MOTIVI PER SCAMBIARCELI…

… Solo che non me ne ricordo nemmeno uno.
Greetings everyone :|

24
dic 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 16 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.222

SUDDEN HISTORY

Mi scuso con tutti voi, sono un po’ incasinato e leggermente (?) infortunato.
Ho scoperto “buchi neri” nella mia conoscenza storica – che ritenevo adeguato – e invece non lo era.
Ieri sono arrivato al 1956, che non è solo l’anno della sciagurata invasione sovietica dell’Ungheria, ma di molto altro che ha inevitabilmente segnato molti eventi a seguire..
Però qualcosa per “ciacòlar” la troverò, portate pazienza.
Intanto Auguri a tutti i lettori, sono auguri “laici” ma sempre sinceri.

09
dic 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 59 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.717

03
dic 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 16 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.427

L’UOMO E IL SUO DOPPIO

Fin dall’Università, dalla lettura e dalle lezioni di Psicologia (avevamo anche il Trattato di Psicoanalisi di Cesare Musatti che tenne anche una Lezione Magistrale, prima che i “rivoluzionari” impedissero lezioni serie), l’Uomo e il suo Doppio è stato il filo conduttore della mia vita e delle mie azioni, in ogni campo.
Ma il Topic originario che avevo in mente sfiorava solamente quel dato.
Avevo assistito ad una trasmissione di Sky, non ben riuscita, sul ritorno dirompente in alcune “piazze” della “Droga delle Droghe: l’EROINA, dove l’asse Rogoredo-Bergamo è diventata la “capitale” europea dello spaccio di quella sostanza, con mini-dosi in vendita a 5 EURO!
Alcuni giorni dopo, parlando con un amico che avevo sempre ritenuto abbastanza colto e che aveva visto la stessa trasmissione, se ne esce con: “…non capisco come facciano a “non uscire da quel tunnel di morte, prima apparente, poi effettiva…”.
Il discorso, per me, finì lì.
Come fanno a non “uscirne”(?!?) mi sembrava una bestemmia scientifica e culturale.
E pensai alla mia “modesta” dipendenza dall’ansiolitico per dormire che mi trascino da circa trent’anni.
A tutti gli sforzi che ho fatto, sottoponendomi anche ad una laboriosissima terapia che mi liberò, con fatica, per un anno.
Poi al primo “incidente di percorso” che mi procurò un ingovernabile stato d’ansia, ricominciai, con la folle affermazione: “Tanto smetto quando voglio…”.
E non fu così.
Andai anche da uno Psicologo, bravo, del Comportamento.
Non più di quattro sedute perchè alla fine feci un lungo discorso passando dalle varie tappe della mia vita e arrivando ad una mia conclusione.
Il terapeuta mi guardò e disse: “credo che i nostri incontri finiscano qui, ti sei fatto un’autodiagnosi su cui non ho nulla da aggiungere, se ne sentirai il bisogno, ma non credo, ci vediamo dopo l’Estate”.
Ci vedemmo sì, ma su un campo da tennis per una bella partita.
Credo che sto facendomi del male, non perchè il farmaco sia tossico, ma perchè di notte sono Hyde, pieno di idee, di fermento intellettuale, con visione “presbite” di dove il mondo sta andando e sono spesso demoralizzato pensando alle nuove generazioni.
Poi, in un momento di lucidità, penso alle generazioni passate, anche quelle lontane, e capisco che ogni essere vivente “ha avuto le sue gatte da pelare”.
Ma non è un conforto.
Segue…, forse.

01
dic 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 3 Commenti
VISUALIZZAZIONI

656

Mr.HYDE – Doctor GAZZINI 5-1

Oltre che NULLA facente (leggere, guardare film, “fare” la spesa, non sono attività), NULLA tenente (ho venduto i vinili, ho regalato la mia autovettura) è vero possiedo alcuni preziosi – per me – dipinti del Francesco “Ruby” RUBINO, grande amico e Gran Artista, infine ho scoperto d’essere anche NULLA pensante.
Come ho potuto “pensare” di scrivere un Topic sul percorso che sto facendo per disintossicarmi, con annotazioni varie che ho sperato utili per una discussione.
Annotazioni che poi non ho scritto, discussione che ovviamente non poteva esserci (anche per coloro che giustamente pensano “echisenefrega”), il tutto non-pensato, ma digitato, tra le sei e le sette del mattino, avendo come obbiettivo ridurre l’ansiolitico che uso da trent’anni per dormire e avendo come imprescindibile “target”: MAI PIU’ A LETTO DOPO LE 02.30!
Mi scuso coi lettori e riscriverò il Topic.
Appena possibile.
Intanto sono a letto (goal per me), ma le gocce le ho prese come sempre (goal per HYDE).
Saluti alla salute.
La vostra, ovvio.

30
nov 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

490

Mr.HYDE – Doctor GAZZINI 4 – 0. Per ora…

Sto combattendo strenuamente una battaglia contro la dipendenza da un farmaco da 36 anni (non tossica per il fisico, ma per la mente si) .
Se guardate l’ora e pensate che mi stia divertendo, vi sbagliate.
Sto raccogliendo elementi che se serviranno a me per migliorare il mio tenore di vita, come vedere il sole del mattino e ricostruire il mio Ciclo Circadiano (sonno-veglia), forse potrò aiutare anche altri che soffrono maledettamente questo disturbo.
Dite che ci sono Cliniche Specializzate?
Li conoscete i costi globali?
Io si.
Alla prossima, se vincerò, non vincerò all’alba come il Calaf della Turandot.
Sappiate che dal decimo giorno in poi senza CHIUDERE OCCHIO (!) il rischio è mortale.
Io sono arrivato ad otto giorni consecutivi a causa di un errore di calcolo mentre mi trovavo in Africa dove questa patologia è una scelta di consumatori della droga di stato “la Miraa”, ma non ha praticamente diffusione in altri casi (mi somo documentato sul posto).
E come farmaco propostomi fu il Tavor, una specie di mentina per me.
E’ evidente che l’introduzione del nostro HYDE dovrebbe portarci lontano.
Per coloro che hanno voglia di sapere qual’è lo stato del loro equilibrio psichico.
NON ESISTONO IMMUNI, tranne i mistici trascendentali.
Avanti con forza e coraggio.

29
nov 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 2 Commenti
VISUALIZZAZIONI

460

IL MIO Mr.HYDE HA VINTO. Per ora…

Il testo del nuovo Topic sarà il mio primo post.
Se guardate l’ora si può capire.
E’ una cosa difficile da scrivere, perfino per me.

17
nov 2017
CATEGORIA

Par tirar tardi

COMMENTI 40 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.871

MA NON SI PUO’ ESSERE AL “Rosina dammela dammela dammela, Rosina…”

Con le pinze, ma niente bisturi.
Ho letto un po’ qua e là, ma sulla questione della violenza e delle molestie sessuali.
C’è chi ha scritto che “l’Orco” se lo conosci lo eviti (mica tanto facile), e chi fa una doverosa distinzione tra violenza (anche se solo psicologica) e la molestia sessuale (che ritengo di difficile e sicura definizione).
Quindi sono partito da me chiedendomi se ho mai molestato una femmina (di violenza neanche per scherzo!).
E’ chiarissimo che resta fondamentale una definizione di “molestia”, e non prenderei con facilità la versione giuridica che ne viene data, modificando la sociologia dei rapporti intersessuali, è diventata rigidissima.
E’ inutile usar modestia, l’ambito della sessualità mi è arci noto.
All’età di 5CINQUE5 anni fui piacevolmente molestato da una bambina di dieci anni e non ho mai “perdonato” l’occhiuta madre mia di aver interrotto quel momento di inconsapevole e indefinibile “plaisir”.
A 17 anni fui ancora piacevolmente molestato dalla miglior amica di mia madre, ma qui “l’occhiuta” lo seppe solo nel suo ultimo anno di vita.
E da lì la mia personale “diga” franò diventando quel che si dice un “tombeur des femmes”, fino a dieci anni fa, data del mio terzo matrimonio con cui mi sono ravveduto totalmente (fino ad ora…).
Ma oggi sono sicuro di aver fatto almeno DUE molestie sessuali, ed il fatto che ebbero alla fine un risultato concreto e positivo, non conta un cass.
L’approccio fu molesto e questo mi basta.
Su questo Topic non scriverà quasi nessuno, pur coperto dall’anonimato, ma poco mi frega.
Però la domanda se qui nessuno pensa d’esser stato “molesto”, almeno nei modi d’approccio, mi interessa.
Solo per il fatto che lo spirito “sociologico” della vicenda mi appartiene.
E’ anche materia di studio mia, e neanche tanto superficiale.
Rosina, anche se sei disponibile, vigila, e vigila bene, il passaggio dalla molestia alla violenza, oggi è un battito di ciglia.