11
dic 2017
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 23 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.284

IL MONOLITE SETTI-FUSCO-PECCHIA

Se non fosse dannatamente drammatico sarebbe tutto irresistibilmente comico. D’altronde tra commedia e tragedia il confine è spesso labile. I grandi drammaturghi insegnano.

Senti Pecchia in sala stampa e non sai se ridere o piangere. Lui, nel frattempo, filosofeggia: “Si è fatta rimontare anche la Samp, capita”. Mai una disamina tecnica o tattica, una mezza autocritica, un confronto serrato e onesto. Solo slogan, peraltro stanchi e stantii. “Siamo in crescita”. Carisma assente. Personalità debole. La squadra, per la quarta volta rimontata, ne risente.

Eppure il tecnico un alibi ce l’ha, gigantesco e definitivo, e glielo offre ogni giorno Setti, che non lo esonera, ma nemmeno lo mette in discussione. Delle due l’una: o salvarsi è importante ma non fondamentale (se succede meglio, male che vada c’è il paracadute), o l’allenatore è intoccabile perché Setti ritiene la squadra scarsa. Delle due nessuna, perché forse c’è una terza via, meno calcistica e più aziendale: Setti ha bisogno di “mister risparmio” Fusco e Fusco ha bisogno di Pecchia. Per questo, mentre si continua a perdere, nulla si muove. Cortocircuito tecnico, ma Setti ha sempre detto che “prima viene l’azienda Verona”.

Partiamo dall’inizio. Fusco non è solo un ds, ma un manager ad ampio raggio, con compiti anche amministrativi. A Bologna ha tagliato di 12 milioni il monte ingaggi, ceduto giocatori per una cifra simile e speso quasi zero. A Verona Setti, dopo le spese pazze di Gardini-Bigon (il quinquennale milionario a Pazzini, l’esborso record per Viviani), da un anno e mezzo gli chiede la stessa cosa. E Fusco sta eseguendo diligentemente. L’anno scorso, pur con affanno, se l’è cavata anche sul piano tecnico grazie al redivivo Pazzini (lo stesso del quinquennale) e a tre abili operazioni: Bruno Zuculini, Ferrari e soprattutto Bessa. Obiettivi (taglio costi e promozione) raggiunti. 

Quest’anno in A le difficoltà sono cresciute e Fusco, che in ambito amministrativo ha mantenuto la rotta, sul piano tecnico è parso spaesato. Un mercato deficitario: con poco budget, è vero (ma Fusco è a Verona proprio per questo), ma anche con tanta confusione. Dalla querelle Cassano al pasticcio Pazzini, (una tentata cessione che rientrava nel ridimensionamento dei costi), dal tentativo ingenuo per Bony alle priorità sbagliate (Kean). Fusco ha perso tempo, consegnando a Pecchia una squadra incompleta e malassortita.

Già Fusco e Pecchia. Un rapporto indistruttibile. Fusco non esonererà mai Pecchia, che è una sua “pedina”, cioè il perfetto archetipo di allenatore per il suo modo di lavorare. Mi spiego: Fusco è un dirigente “totalizzante”, che vive il campo e la quotidianità, non vuole primedonne attorno e costruisce il “suo” spogliatoio plasmando un gruppo ristretto e fiduciario a sua immagine e somiglianza (“per me la squadra è uno stato d’animo che si costruisce nel tempo su un asse tecnico e caratteriale” e troppi giocatori rischiano “di ubriacare l’allenatore”, dichiarava il 15 giugno 2015 alle pagine bolognesi di Repubblica). La figura minimalista di Pecchia è complementare al potere decisionale di Fusco.

Dunque Setti ha bisogno di Fusco, per risparmiare. Fusco ha bisogno di Pecchia, perché lo impone la sua leadership. Perciò nulla si muoverà da qui alla fine del campionato.

4.284 VISUALIZZAZIONI

23 risposte a “IL MONOLITE SETTI-FUSCO-PECCHIA”

Invia commento
  1. Max scrive:

    Sono convinto che quest’anno ci salviamo.E dopo sarà divertente parlare di Pecchia. Ma poi direte tutti che con questo organico ci si poteva salvare tranquillamente a marzo e magari fare qualcosa di più

    1. hellasmastiff scrive:

      e che vadan in mona tutti i pessimisti che tifano hellas………… questa squadra se concentrata come oggi aveva almeno 17-18 punti tutti meritati sul campo senza che nessuno ci ha regalato nulla……………… il mercato di gennaio ora diventa fondamentale per quei 4-5 tasselli che fusco non può e non deve sbagliare………….

      halfredsson
      sala
      crisetig
      maietta o tonelli
      vido e orsolini
      un terzino sx con la T maiuscola dico rispoli per fossati dal palermo
      e un mediano che da fiato a zuculini
      giaccherini

      via i valoti suprayen felicioli zaccagni calvano fossati ecc…..

      fusco segnati i nomiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!

      1. D.n.c. scrive:

        Sempre i soliti discorsi triti e ritriti. Il presidente non parla , l’allenatore non sarà cambiato e il direttore sportivo è un testardo senza portafoglio. Quindi? È più utile continuare a ribadire il concetto sperando che d’un tratto il presidente ascolti il grido di giornalisti e tifosi o magari cambiare rotta e sostenere anche con blog e articoli il Verona ( squadra , società e giocatori)? Esiste anche l’opzione smettere di seguire e andare sul lago o all’adigeo. Ma continuare a macinare gli stessi concetti , seppur condivisibili , credo non porti a nulla. Onestamente seppur con ,incavolature e delusioni frequenti , non mi sembra che la squadra stia offrendo delle prestazioni indecenti. Tutt’altro . Manca un po’ di lucidità es esperienza nel gestire le partite ma questo ,nonostante nelle modalità a quanto pare dia fastidio a molti, è quello che ripete l’allenatore che segue con coerenza una linea che può non essere condivisa ma che è la stessa .
        Mi piacerebbe una volta nei momenti di difficoltà che ci sia un post ultra positivo anche da parte tua Francesco come ho letto da Gianluca. Perché spesso mi sembra che tu cerchi consensi facili tra la gente dicendo loro quello che vuole sentirsi dire. Il periodo ci offre questo , cerchiamo di vedere ciò che di buono anche se è poco magari invece di essere sempre e solo negativi. Credo sia utile e necessario. Un saluto.

        • RobyVR scrive:

          Bè insoma, par sostegnar na società che la passa dal model Borusia al model Crotone, che par risparmiar la se tien un alenador chiaramente alucinà e la tol gente che nesun altro vol, che la fa sparir i schei par tapar i busi nei calzetti… più che de un post ultrapositivo ghe serve na bona dose abondande de LSD.

        • Stefano scrive:

          Abbi la compiacenza di tacere, chiunque tu sia…

        • Massi scrive:

          C’è GIà IL GRUPPO ATHESIS per le tue richieste.

        • Francesco Barana scrive:

          Sempre i soliti discorsi o sempre le solite sconfitte? Sei meraviglioso. Che poi tu manco hai letto il pezzo dato che non scrivo quanto tu sottolinei e scrivo anzi cose in precedenza non trattate. Per il resto prenderò lezioni di giornalismo da te tale d.n.c.

        1. paperinik scrive:

          …queste continue frecciate sulla proprietà e le conseguenti smentite di facciata della società danno la sensazione di essere in una scialuppa di salvataggio più che su un vascello bello solido. Per me. Ha a che vedere poco col topic, ma dato che si parla anche della dirigenza…

          1. pinkhellas scrive:

            Papo….. Rispetto mesi precedenti, non come Punti che non è né abbiamo fatti tanti, come gioco… Dico un po' meglio. Ecco

            1. D.n.c. scrive:

              Francesco non sai mai accettare un critica. Mai.Mi hai bloccato anni fa su Facebook perché dissentivo, sempre in maniera educata come sotto del resto.si possono avere opinioni diverse senza per forza fare sarcasmo o ironia. L’ho letto bene in realtà nella mia meraviglia non avrò capito… non mi sembra che io ti abbia dato lezioni , ho solo scritto che mi piacerebbe sentire una voce diversa da parte tua visto che hai trattato argomenti sempre e solo nella direzione più “facile”. Spero potessi sostenere uno scambio Pacifico ma è evidente che dissentire con te vuol dire essere trattato da cretino. Io comunque spero che il Verona si salvi e che vinca con chiunque sia alla presidenza o in panchina, anche se questo vorrebbe dire toglierti parecchi argomenti sul blog.

              1. pinkhellas scrive:

                D n c… Ottima risp, è da inizio campionato critiche e ancora critiche. Qs è la società che ci piaccia o no, (a me non piace) sopratutto El Carpignano però tutto sommato nell'ultimo mese non mi sembra così drastico, l'unica cosa da capire è cosa vuol fare il pseudo presidente. Restare o no in A. Pecchia fa quel che può l'unica cosa ke non mi piace sono le risp dettate dall'alto. Mandorlini non era così all'inizio anzi, poi però la società gli ha tirato le orecchie e Anke lui si è calmato e fatto quello ke diceva società…. Quindi pecchia Fusco non c'entrano un c…. Come dico da sempre unico colpevole ( camisa verità). Certo che se ci salviamo tutti sti tastieristi devono nascondersi….sempre tutto negativo e pecchia incapace. Bo….

                • kanyelutis scrive:

                  Qui non è questione di salvarsi, qui è questione di essere lungimiranti, rischiamo seriamente di finire come dieci anni fa mentre il paracadutista da Carpi si arricchisce alle nostre spalle e non sarà certo un’eventuale salvezza risicata a cambiare il nostro futuro!

                1. Papo scrive:

                  ultimo mese andato non male ? guarda che nella prossima 4 partite se facciamo un punto le tanto?

                  1. Franchellas scrive:

                    Articolo chiaro ma forse una morale troppo benevola. Il disegno della triade e’ chiaro ma è completamente mirato a interessi personali e a distogliere valore economico e morale (?) alla società. Per questo il giudizio non può che essere quello di un disastro perpetrato da tre perfetti falliti.

                    1. ciccio2 scrive:

                      quella della sampdoria che pareggia è senza dubbio una battuta, anche se detta senza sorriso… o sbaglio?! ma come si fa?!

                      1. giacomo scrive:

                        Ragionamento penso perfetto non si può nulla accettiamo questa situazione fare striscioni “via pecchia ” ” via Fusco” via setti” non servono. Quelle promesse stadio -serie A – Dortmund sono sparite . Questa situazione continuerà fino alla fine si vedrà poi

                        1. RobyVR scrive:

                          Par far la Banda Bassotti bison èssar in 3 e in 3 je. E via col malopo.

                          1. moreno scrive:

                            articolo
                            condivisibile , quindi tristezza ed opacità imperano.

                            1. Ruspa62 scrive:

                              Credo anch'io che non ci saranno cambiamenti almeno fino a giugno e mi sa che anche il mercato di gennaio sarà parecchio low cost. Si può solo sperare di arrivare prima di Spal, Crotone e Benevento.

                              1. luca scrive:

                                come sempre disamina oggettiva ed onestà. c'è poco da dire. complimenti per la penna, scrive molto bene. e purtroppo dal momento in cui a Verona nessuno si interessa, per vari motivi, di eventuale acquisto della società, setti è la nostra sola dimensione.

                                1. Stefano scrive:

                                  PURTROPPO TUTTO VERO.

                                Lascia un Commento

                                Accetto i termini e condizioni del servizio

                                Accetto i termini sulla privacy

                                *