Torna al blog

NOI VOGLIAMO #CAPRARIINNAZIONAL

Gianluca Caprari rappresenta il miglior affare di Tony D’Amico da quando è ds al Verona. Meno appariscente rispetto ai Rahmani, Kumbulla, Amrabat e Barak, è sicuramente la sua idea migliore.

Caprari arriva a Verona per sostituire un monumento come Zaccagni che appariva insostituibile dopo le prime tre giornate in cui aveva retto quasi da solo il Verona. La sua cessione alla Lazio fu una ferita per i tifosi e un de profundis per l’ambiente che nel frattempo faceva i conti con il Verona ancora bloccato a zero punti.

Caprari era solo un palliativo a quel doloroso addio, un “giocatorino” talentuoso che aveva sì qualche bel colpo, ma che fino al suo arrivo in gialloblù aveva sempre tradito le attese. Figurarsi se poteva prendere il posto del romagnolo tutto sale e pepe e social.

Tony D’Amico che invece sa sempre coniugare le nozze con i fichi secchi, ci credeva. Sapeva che nell’ambiente giusto, con la fiducia giusta, con la responsabilità sulle spalle, Caprari poteva far dimenticare Zaccagni. E così fu. Caprari iniziò la sua stagione con una gara meravigliosa con la Roma, continuò con lo Spezia in casa, non si fermò più. Trovando così anche quella chimera chiamata continuità, l’unica parte, la più importante, che mancava al suo repertorio.

Oggi Caprari è un giocatore nuovo, più maturo, più consapevole. Non so se più bravo di Zaccagni, forse sì. Sicuramente una delle più belle sorprese del campionato dell’Hellas di cui diventerà a tutti gli effetti un giocatore con una spesa tutto sommato modica di 5,5 milioni di euro, un riscatto obbligatorio già fissato con la Samp. In prospettiva un altro giocatore che potrebbe valere tantissimi soldi ma che potrebbe anche diventare, perchè no? un punto fermo.

Intanto però, Caprari non può essere dimenticato da Mancini e dalla nazionale italiana. Non si può non convocare in maglia azzurra un simile talento che in mezzo a tanti mediocri pedatori potrebbe veramente far comodo. Il gol di tacco alla… Mancini è più che un messaggio lanciato al Ct. Una vera e propria petizione popolare: noi vogliamo #Caprariinnazional…

262 commenti - 6.417 visite Commenta

Viceremo a Graz!

Verso Capodanno, conversando in chat con un tifoso Samp in merito al trasferimento di De Paoli, lui ci augurava che avessimo la stessa fortuna che con Caprari. Mi ha dato un aggettivo che ancora mi risuona. “Indisponente”. Diceva che aveva certo i numeri ma mancava per l’appunto di sostanza, leggi continuità. E che continuamente ricercava la giocata ad effetto fine a sé stessa, anziché mettersi al servizio della squadra. Diceva anche che Gasperini a cui l’avevano mandato in valutazione per qualche mese, l’aveva ritornato dopo soli 2 mesi senza nemmeno aver fatto gli allenamenti. Beh, a volte anche il mitico Gasp prende delle belle topiche, per nostra fortuna.

Rispondi
hellasmastiff

gloria gialloblu stasera con i ventimila sugli spalti l’aveamo chiusa al primo tempo….. ma tant’è speriamo che torni il 100% perchè in tv nazionale si vedono studi televisivi dove il pubblioco al chiuso la gente è attaccata uno con l’altro e nessuno dice nulla….. allucinante…… spero Setti si faccia sentire presto in lega……💪💛💙

Rispondi
Luca Bressan

Basta basta basta, ho già ribadito più volte che non voglio mai che nè Caprari nè Faraoni( come sostenevate qualche settimana fa) vengano convocati per vestire l’odiosa maglia azzurro savoia(maledetti) della squadra di Mancini. Poi si stancano( nella migliore delle ipotesi)o peggio ancora, si fanno male e allora tutti a piangere. Lasciate che Mancini venga eliminato dai mondiali senza il contributo dei nostri, e sarà ancora più bello festeggiare la seconda mancata qualificazione dopo quella di Ventura.

Rispondi
Gnanfo

Fantastico riassunto, condivido al 100%! Definire solamente odiosa la maglia nazionale è quasi un complimento! Ricordo ancora con orgoglio il carosello con bandiera verdeoro dopo i rigori in USA…

Rispondi
hellasmastiff

dopo Panagiotis Retsos e non tachsidis spero si stringa per marchizza ma ciò non significhi il sacrificio per casale a gennaio……. poi se parte kalinic in scadenza si potrà chiudere per Ola Solbakken molto forte giovane e con gamba può fare la prima punta o il lasagna di oggi col bologna…… per le uscite ruegg ragusa e forse cancellieri per mandarli a giocare in cadetteria….. ma in squadre che lottano per non retrocedere come cosenza vicenza ternana como altrimenti dar via a squadre già collaudate come è successo per amione non serve a nulla…. sperem….💪💛💙

Rispondi
Mir/=\ko

Si continua a parlare di difesa ed ovviamente è corretto e consequenziale, considerando l’esiguo numero dei difensori in rosa e le discutibili doti tecniche di alcuni singoli (vedi Gunter…!) Però trovo assurdo che non ci sia all’orizzonte il possibile arrivo di un giocatore che possa sostituire Tameze a centrocampo. E non parlatemi di Hongla, perché è tutt’altro giocatore e davvero non so cosa abbia visto Toni D’Amico in questo centrocampista!

Rispondi
Hellasebasta

Prenderei subito anch’io un centrocampista forte, ma Hongla è nostro e si cercherà di far di tutto per farlo crescere (anche lui è piuttosto giovane) come stan facendo con Ilic, poi se sarà una causa persa purtroppo dovranno pensare a una cessione. D’Amico è un ottimo DS che ha dimostrato di vederci benissimo in più di un occasione, ma non credo esista sulla faccia della terra un Direttore sportivo, anche tra i più affermati del mondo, che non abbia preso qualche volta un granchio, altrimenti sarebbero dei chiaroveggenti. Se mettiamo sulla bilancia i colpi e i flop, finora D’Amico sta facendo benissimo e mi auguro che rimanga a lungo da noi, visto anche che Setti gli sta dando tanta responsabilità e libertà.

Rispondi
villegas

Hongla ha avuto un brutto impatto con la serie A, investito anch’egli dalla disastrosa parentesi con Di Francesco, però anche Tudor non appena lo ha avuto a disposizione gli ha concesso un po’ di minutaggio, quindi credo che qualche qualità le abbia.. intanto è titolare fisso nel centrocampo del Camerun, insomma, non credo sia l’ultimo arrivato. Poi parlerà il campo ovviamente, io un acquisto a metà campo lo farei, mentre in difesa posto che Gunter è un intoccabile per tutti gli allenatori (vai a capire perchè) purtroppo vedo molto difficile trattenere Casale che, zitto zitto, si sta dimostrando più forte e completo di gente come Lovato o Magnani, spesso esaltati in questo blog oltre i propri meriti.
ps Solbakken piacerebbe anche a me, “ovviamente” c’è di mezzo il solito Genoa

Rispondi
Leo

Più che su Hongla io mi auguro non si siano sbagliati su Ilic. Sperem.
Capitolo Gunter: la seconda parte dello scorso campionato ha fatto bene, per cui andrei cauto col trarne giudizi trancianti.

Rispondi
Gino da Predappio

Giudizi trancianti? Par Leo le tutto tranciante. Podemo pure dir che te ne trancia’ les coconas oramai.

Rispondi
villegas

Caprari e Zaccagni sono due giocatori con storie calcistiche diverse alle spalle: mentre Zac ha fatto la “gavetta” vera, giocando in serie C a più riprese e faticando i primi anni a emergere anche a Verona (Pecchia per un breve periodo lo fece giocare addirittura come terzino destro), Caprari a Roma era considerato un predestinato, vinse molto a livello giovanile in una squadra con Politano, Verre, Florenzi, Viviani, ed era proprio lui la stellina.
I percorsi insomma sono stati differenti e mentre Caprari tra i “grandi” non è riuscito, se non a sprazzi, a confermare il suo grande talento, Zaccagni ha avuto una crescita tecnica e tattica notevole, in questo sicuramente aiutato da Juric che lo ha saputo valorizzare al massimo e lo ha fatto rendere. Zaccagni si vedeva dalle giovanili che aveva qualcosa in più anche dei vari Donsah e Fares che invece ebbero subito la possibilità di giocare in prima squadra, ma non si è mai abbattuto ed è diventato quello che sappiamo, un giocatore “moderno”, bravo a interpretare più ruoli, e che può imporsi anche alla Lazio, infortuni permettendo.
Detto ciò, e dato quindi a Cesare quel che è di Cesare, Caprari non ha niente da invidiargli sul piano squisitamente tecnico, anzi, ha più qualità palla al piede, più fantasia se vogliamo, ma a fare la differenza in questo momento è la sua condizione mentale: finalmente, come nelle giovanili giallorosse, si sente “il più forte della squadra”, in senso buono, cioè ha capito di poter essere il nostro valore aggiunto, sia per assist che per gol, mai fatti con questa media in serie A… perciò godiamoci questo giocatore che a quasi 30 anni può legittimamente ambire alla Nazionale, quella maglia che sembrava naturale per lui poter indossare.

Rispondi
Alberto

Il buon Caprari per andare in Nationale dovrebbe farsi qualche tatuaggio in più (se non ne ha già qlcn) essere più social e trovarsi una Wag…ma quella arriva quando passi in qualche “Big” o presunta tale…almeno nell’ingaggio. È la dura legge del calcio d’oggi. Altro che figurine panini anni’80 (basettoni e soppraciglione). E zo goti per dimenticare…

Rispondi
Pietro

Questa analisi è veramente di una bassezza disarmante. “il calcio moderno fa schifo, si stava meglio negli anni ’70,i tatuaggi, i blog, i social,…”. In nazionale, oggi come allora, si va perché ti sceglie il CT.

Rispondi
Alberto

Certo, ovviamente il mio era un post “provocatorio”. Certo a parità di prestazioni credo tu sia con me che possono avere il loro bel peso sponsor, squadra di appartenenza e di conseguenza visibilità “mediatica”…con tutto il “patinato” che segue.

Rispondi
Rosario

Ma anche no direi,una sua convocazione in nazionale servirebbe solo a Setti per un eventuale cessione, meglio restino qua ad allenarsi,sul mercati mi piacerebbe molto Miranchuk ma credo non si faccia

Rispondi
Martino

Leggo in giro che stanno trattando Solbakken per averlo già adesso…questo è ancora meglio del russo che si sente una star.

Rispondi
Martino

Fra 6 mesi sarebbe d’uopo impacchettare Gunter per il Galatasaray o il Besiktas. I turchi sono soliti strapagare i cartellini, magari potrebbe essere questa una plusvalenza insperata. La prossima estate si potrà costruire una rosa davvero competitiva, non solo per la salvezza. Ciò implica tenere almeno Casale e Tameze. Via Simeone, Barak, Gunter, Bessa, Kalinic (quelli che praticamente sono già certi di partire escluso Gunter che è più un augurio) dentro Retsos (già nostro ormai), Stryger Larsen, Alioski, Solbakken, Maggiore, Veerman, Luca Moro, Luuk De Jong, con Cancellieri, Coppola, Bertini e Sanè molto più coinvolti in prima squadra. Tutti calciatori seguiti da D’Amico, tranne De Jong che è più una mia suggestione.

Rispondi
villegas

eh magari ci fosse uno scenario simile, anche se io Simeone lo terrei… tra i nomi che mi hai fatto credo che quello più inverosimile, o per lo meno più difficile da ottenere, sia Maggiore, destinato a grandi club visto che già ora è tra i migliori interpreti nel ruolo

Rispondi
Martino

Per Maggiore è dura, ma non impossibile. Diverso sarebbe se lo Spezia viaggiasse come l’anno scorso. Se vanno in B ci possiamo inserire anche noi alla grande per il mediano. Il cholito piace anche a me, è un calciatore su misura per noi, ma credo sia impossibile riscattarlo e tenerlo. Dopo saremmo costretti a fare un mercato risicato. De Jong invece ai svincola a giugno…

Rispondi
Fabrizio Zandonella Necca

Buongiorno a tutti, ho assistito all’ interessante dibattito di ieri sera nel dopo partita, a riguardo dei sogni europei. Io la butto lì, siccome i numeri non mentono mai, dico che fin’ ora abbiamo perso con Inter,Milan, atalanta, comunque giocandocela,pareggiato con Napoli e Fiorentina, ma vinto con Roma, Lazio e Juventus, oltre a Sassuolo e Bologna quindi al netto dei risultati, non siamo da Champions, ma da Europa League si, poi arrivarci o meno è un altro discorso

Rispondi
bardamu

Caprari è stato per me una vera sorpresa e sta senz’altro rendendo qualcosa in più di Zac. Ieri comunque ho visto lazio-talanta e il nostro ex ha fatto una signora partita . Non a caso è stato il più colpito dai falli degli avversari, proprio come quando giocava con noi. Fare bene avendo come colleghi in campo Anderson, Milinkovic, e tutto il popo’ di armamentario della lazio secondo me conta un po’ di più. Fare molto bene in squadre come il Verona è un po’ più facile per certi giocatori, basti pensare a Iturbe, Amrabat o anche al grande Pietro Fanna. In certe squadre la palla non te la passano mai e ti vengono richiesti compiti più limitati. Nel Verona puoi esprimerti al meglio. Sarei molto curioso di vedere per esempio questo Barak in una ‘grande’.
Comunque si fa tanto per parlare un po’ de balon. E speriamo di poterci trattenere a lungo il bravo Caprari.

Rispondi
Mir/=\ko

Se parliamo di una ennesima futura plusvalenza milionaria a favore della società e quindi in ottica di cessione del giocatore, vale la pena auspicare la convocazione di Caprari in nazionale… Altrimenti è meglio che il nostro giocatore se ne resti a Peschiera!! La nazionale può tranquillamente fare a meno dei nostri giocatori. Meglio così…

Rispondi
Guinness

Off topic… Ma perché in home page è presente un riferimento alla conferenza stampa per partita di Torino- Sassuolo? Non trovo interessante la cosa… Oppure iniziate a mettere estratti di conferenza stampa di tutte le partite in programma…

Rispondi
Guinness

Tra l’altro conferenza stampa di una persona che tiene un atteggiamento molto maleducato e irrispettoso nei confronti di chi gli sta davanti

Rispondi
NIKE

E’ sempre stato maleducato ha questi atteggiamenti per accentrarsi e rendersi protagonista. La lacrima sul viso è un pò nervosetto ultimamente.

Rispondi
Leo

@Mirko
abbiamo superato il piccolo bovino in classifica: un tuo pensiero al riguardo? (Ricordi vero ultimo post dove vantavi che Juric ci stava davanti? Eccoci qui 🙂)

Rispondi
Enrico Marchesini

Ti stavo aspettando :)))
Ad onor del vero un Torino che nel primo tempo poteva dilagare ma che poi come sempre succede alle squadre di Juric molla tutto negli ultimi 20 minuti e favorisce un Sassuolo che trova immeritatamente il pareggio . Ma con i meriti non si fanno i punti ( lo abbiamo visto anche noi con la salernitana , e lo stesso Torino all’andata ).

Rispondi
Leo

Esatto Enrico.
Ho scritto perchè Mirko sosteneva che il Torino contro di noi aveva vinto e basta, scordandosi che lo avevamo dominato: a nulla valsero le mie obiezioni.
Allora eccomi qui, a fare lo stesso discorso… 🤣

Rispondi
Gabriele

Sto guardando l’ Empoli che gioca con la Roma e Marchizza, che tutti danno gia al Verona, si e’ infortunato seriamente. Temo che il suo acquisto salti clamorosamente.

Rispondi
Martino

Spiace per lui, ma per non per noi. Non è un calciatore che mi fa impazzire. Ora penso che Tony andrà tutto su Dijks o Stryger Larsen.

Rispondi
villegas

Dijks converrai che sarebbe più un vice o un sostituto titolare di Lazovic, Marchizza avrebbe fatto oltremodo comodo in difesa sul centrosinistra dove Ceccherini per carità nulla da dire sull’impegno ma non mi pare sto fulmine di guerra.. molto meglio Casale.. io in alternativa a Cecche farei giocare Sutalo che contro la Fiorentina fece una signora partita

Rispondi
Martino

Comunque avrebbero dovuto usare la cortesia e la cautela richieste in questi casi, ad Empoli. Non puoi far giocare un posticipo così fisicamente dispendioso ad un calciatore che è in procinto di firmare per un altro club.

Rispondi
di fiera stirpe

ahahah, Setti che si fa sentire in lega: con tutti gli arbitraggi vergognosi subiti, non ha mai detto nulla. Questo in lega scodinzola e basta.

Rispondi
Andrea

Juric quello che lo rode è che si sta accorgendo del grande errore che ha fatto, risponde male ai giornalisti, è tutta una critica alla società, afferma che il primo anno setti gli ha detto chiaramente che quella era la rosa e doveva fare con quella, al toro solo promesse e nulla di fatto. Per marchizza mi dispiace, ma personalmente l ho visto giocare e non mi entusiasma, macchinoso, si propone poco, ci sono altri profili su cui andare, tipo dicks. Speriamo chiudano per solbakken, grande fisico e grande forza e tecnica buonissima, miranchuk sta giocando male, ma sara forse una tattica, visto che ha le valigie in mano.

Rispondi
Mir/=\ko

Il Torino di Juric senza lo straccio di un reale investimento è ad un punto dal Verona e il grande merito va al suo tecnico. Credo si possa essere d’accordo di fronte all’evidenza. Vedremo a fine campionato dove sarà il Torino. Mi auguro dietro al Verona, ma molto dipenderà da questo mercato di gennaio!
Per quanto concerne Marchizza, l’Empoli a mio giudizio ha fatto benissimo in assenza di un suo degno sostituto; il cartellino del giocatore non è dei Toscani e semmai a rimetterci sono stati il Sassuolo che voleva vendere e il Verona che era intenzionato a comprare. A questo punto possiamo dire di essere davvero iellati in quella zona del campo: Frabotta prima e Marchizza poi!!!

Rispondi
Leo

Quindi stai sostenendo che il Torino non imveste ma il Verona si?
Fatico francamente a seguire il tuo pensiero ondivago, ma è certamente un limite mio.

Rispondi
Andrea

A giugno, se se ne andranno barak, casale, o simeone non verra riscattato, andare su maggiore, jhonsen del venezia e caldara, joao pedro del cagliari, sempre se retrocedono venezia e cagliari

Rispondi
Andrea

È veramente incredibile la stupidità di gestione dell’ empoli, hanno un giocatore in prestito praticamente venduto, e lo fanno giocare in coppa con l inter, quando potevi sapere gia il risultato, ed in più ieri con la roma. Mi auguro x marchizza non sia niente di grave, ma l empoli e probabile che pagherà un giocatore inutilizzabile fino a fine prestito, se fossi il sassuolo gli metterei anche una penale. Vlahovic è fuori perche forse va in porto con la iuve, con kulusewski alla fiorentina, dicks anche, quindi comportamento dell empoli gravemente lesivo, specie se c era gia un preliminare di contratto firmato

Rispondi
ziga

x Leo Ma sbaglio o il Torino ha una partita in meno? mi sembra che Juric sta facendo un ottimo lavoro a Torino e mi pare anche che sia in una posizione di classifica diversa rispetto agli anni scorsi. Quindi grande merito al mister. Io ieri speravo che il Torino non vincesse in modo che rimanesse ancora dietro a noi. Ripeto: il Torino non Juric!! Quanto odio, acredine per un mister che ha dato tanto all’Hellas…

Rispondi
Martino

Bravo ziga, avrei voluto ricordarglielo io che il Torino, purtroppo, dovrà recuperare una partita. Poi mi son detto che non valeva la pena puntualizzare innescando contraddittori anche sotto questo post. Altrimenti passo sempre per uno rognoso quando in realtà non è assolutamente così.

Rispondi
NIKE

A Ziga Juric ha ricevuto dal Verona più di quanto a dato, dimentichi dove lo abbiamo preso? ai margini del calcio che conta

Rispondi
Martino

Qualcuno saprebbe spiegarmi il motivo per cui i giornalisti sportivi del gruppo Athesis sperano che Barak e Casale partano a gennaio?

Rispondi
Andrea

Caro Ziga, su atalanta/ torino oggi dovrebbe decidere il giudice sportivo, l atalanta ha chiesto il 3 a 0 a tavolino, la salernitana per lo stesso motivo ha avuto il 3 a 0 per l udinese, e 1 punto di penalizzazione. Quindi, credo, ma mia ipotesi personale, daranno la vittoria a tavolino all atalanta, se x caso recuperassero, vincere con l atalanta la vedo dura x il torino. La risposta tanto per dire le cose come stanno, non ” tanto per “

Rispondi
ziga

Tu non dici le come stanno… ma come le vedi tu. L’Hellas di Juric è riuscita a vincere a Bergamo con l’Atalanta…

Rispondi
Martino

I granata hanno fatto ricorso sulla base delle decisioni dei giudici sportivi risalenti alla scorsa stagione, quando fecero giocare Juventus Napoli e Torino Lazio. Inoltre il giudice che ha preso in esame il caso di Bologna Inter ha già stabilito che debba essere giocata. Siccome l’ordinamento, anche in sede applicativa, tende all’uniformità, è altamente probabile che accolgano il ricordo della Salernitana e che facciano giocare anche le altre gare, compresa Atalanta Torino.

Rispondi
Andrea

In tal caso, come ho scritto, la vedo dura che il torino batta l atalanta fuori casa, quindi resteremmo noi davanti, ma resto sempre dell idea che daranno la vittoria a tavolino all atalanta

Rispondi
NIKE

Anche io farei pagare una penale all’Empoli che adesso si trova comunque senza difensore. Chi tira troppo la corda alla fine si spezza

Rispondi
Leo

Ziga, Martino: non vi rispondo perchè ho rispetto di questo blog, anche se il padrone del blog non ne ha per chi decide di non spargere continuamente polemiche sterili.
Ciò detto: il mio appunto era SPECIFICO per Mirko. In tal senso abbiate almeno il buon gusto di leggere quanto scriveva in qualche post precedente per capire il contesto, se no… le vostre sono solo brutte entrate a gamba tesa, che francamente mi hanno un pelino asciugato.

Rispondi
Martino

Tuttavia mi pare che questa sia una risposta, oltretutto non pertinente e anche un po’ scortese, visto che non ti si è detto proprio nulla di offensivo. Non so cosa avesse scritto Mirko. Ho letto un tuo messaggio in cui fai presente che siamo davanti al Torino e ho trovato giusta e doverosa la precisazione di Ziga. Tutto qua. Non capisco perché tu debba inasprire un semplice e innocuo scambio di battute. Stammi bene.

Rispondi
Mir/=\ko

Ti rispondo: il Torino non sta investendo come sperava Juric, da qui le lamentele e le roboanti polemiche del mister a inizio campionato. Si può tranquillamente affermare che la rosa dei granata conta certamente al suo interno più scommesse di quella dell’Hellas che sulla carta, a mio giudizio, è più affidabile soprattutto dal centrocampo in su. Merito di Setti? Certamente in questo caso il presidente va elogiato, non ho problemi ad ammettere ciò. Pertanto ritengo evidenti i meriti di Juric che a Torino, con l’attuale materiale umano a disposizione, sta facendo non bene ma benissimo. Figuriamoci se Cairo deciderà di allentare i cordoni della borsa! C’è poco da fare, Juric (che io rimpiango!) è di un’altra categoria e il suo Torino, meritava di vincere almeno con 3 gol di scarto il match con il Sassuolo. Spero di aver chiarito il mio pensiero “ondivago”…

Rispondi
Leo

Bene Mirko, ora che sei abbastanza sul pezzo ti chiedo: l’attuale rosa del Torino la trovi superiore o meno a quella del Verona?
Intendo sia a livello tecnico che dal punto di vista del valore economico.
Ti chiedo anche se a tuo avviso è lecito affermare che a Torino siamo stati superiori in tutto e per tutto nell’arco dei 90 minuti di gioco.
Grazie.

Rispondi
Andrea

Non sono daccordo con te assolutamente, tu reputi la rosa del torino fatta di scommesse?? Ma cosa dici? Intanto juric non lo prenderei più neanche gratis, un allenatore che va a mettere in piazza, come del resto ha fatto con noi, certe cose, secondo me andrebbe multato dalla societa, ma non lo fanno ancora. Parla troppo e male. Per secondo, avere in squadra piaca, belotti, zaza, singo, brekalo, sanabria, mandragora, lukic, etc etc secondo te hanno una rosa con cui brillantina sta facendo i miracoli?? Mi tengo tudor tutta la vita, ci scopriamo di piu, ma abbiamo un gioco esaltante, con juric non vedi le azioni che facciamo noi. Rimpiangerà sempre di essere andato via da qua, Setti , come il piangina da spalato ha dichiarato, è sempre stato corretto nei suoi confronti, cairo non lo so, se ascolti juric devi sempre avere il lacrimatoio in mano. Per me tra sei mesi la sua avventura al toro sarà gia finita, rompe troppo

Rispondi
di fiera stirpe

io invece credo che resterò: secondo me ha già fatto ottime cose rispetto al toro della scorsa stagione a questo punto del campionato, anche tenendo conto di belotti sempre rotto.
Comunque vedremo, cos’ si vedrà anche chi tra me e te capisce qualcosa di calcio, il resto chiacchiere.

Rispondi
Martino

Nel frattempo il ciuffo più fashion di Coverciano ha esteso le convocazioni per lo stage e non figura nessun gialloblù. Ennesimo spettacolo poco edificante di questo sport dominato da oligarchie e procuratori onnipotenti. Meglio per noi, anche se mi dispiace per i ragazzi, soprattutto per Caprari, che evidentemente ci tiene smisuratamente a indossare l’azzurro Savoia.

Rispondi
NIKE

Certo che vedere Fagioli e non Caprari in azzurro fà proprio c@g@re solo perchè è uno juventino. Inoltre ora che Zaccagni non è più a Verona viene convocato. Meglio così rischieremo meno infortuni.

Rispondi
Andrea

Se ci tocca fare gli spareggi è per il fenomeno che voleva battere tutti i rigori, col chelsea li fa, con la nazionale li sbaglia. In questo momento, tonali superiore di 3 spanne, come x fortuna abbiamo un vice chiesa, ed è zaniolo, tornato in forma, ha una potenza ed una corsa impressionanti

Rispondi
Papp

È chiaro che Mancini non convoca giocatori del Verona ed arrivati a questo punto penso che sia in malafede.
Vedere Luis Felipe, Fagioli, Balotelli e volete dirmi che Scalvini è meglio di Faraoni o Casale. Basta giocare nel Sassuolo con 3 partite discrete e sei convocato

Rispondi
Massimiliano

Gentile Vighini sono un Vostro assiduo frequentatore delle Vostre trasmissioni, talvolta ho condiviso le Vostre opinioni molte altre volte non le ho capite ma di una cosa vorrei si parlasse nelle sue trasmissioni di quanto siano ingiuste queste convocazioni per lo stage della Nazionale. Non saremo una delle sette sorelle ma siamo pur sempre al9 posto a tre punti dalla Lazio del convocato Zaccagni. Abbiamo un centrocampo e soprattutto un attacco esplosivo eppure chi ha fatto le convocazioni si è voltato da un’altra parte decidendo di convocare chi ha procuratori o squalifica maggiore peso. Sono stanco di un calcio old style e poi magari ci lamentiamo se ai Mondiali non ci andiamo. Vorrei che la voce dellHellas venga fatta sentire. I tifosi meritano rispetto non siamo solo dei consumatori che non vedono e non ragionano. Ve lo chiedo per rispetto di noi tutti città compresa. Grazie Massimiliano di Este (Pd)

Rispondi
Mir/=\ko

Ma chissenefrega della nazionale…! Ma vi rendete conto dei rischi che possono corriere i nostri giocatori, già peraltro contati? Per cosa poi? Di Caprari ne abbiamo uno ed è già un miracolo che vesta la maglia gialloblù. Lo stesso vale per Faraoni. In caso di infortunio non siamo la strisciata di turno che ne ha subito un altro pronto a subentrare dalla panchina! In nazionale è giusto mandare uno come Balotelli…

Rispondi
Martino

Il mio discorso è abbastanza pragmatico. Certamente il Verona può incorrere in rischi maggiori con quasi tutti i titolari convocati nelle rispettive nazionali, ma un conto è avere un nazionale del Camerun o della Serbia, , un altro sarebbe avere 2/3 nazionali azzurri, in un gruppo che ha vinto gli Europei. È una questione di prestigio, ma anche di valore economico. Tanto se arriva l’offerta giusta non tratteniamo comunque i nostri calciatori migliori, purtroppo. A quel punto sarebbe comunque meglio che le quotazioni di Casale schizzassero alle stelle perché marca dignitosamente Cristiano Ronaldo nello spareggio, o quelle di Caprari perché porta l’Italia ai mondiali con una bella volee, anziché lasciarli andare a 6/7 milioni il primo e 10 milioni il secondo. Poi per Caprari, come per Simeone, rientrare nel giro della nazionale è una delle massime aspirazioni. Non penso che faccia bene al loro morale che le proprie federazioni e i selezionatori non apprezzino le loro enormi qualità. Nel breve termine meglio per noi. Nel medio lungo termine peggio per noi. In ogni caso peggio per loro, per i calciatori gialloblù, che sono uomini con propri sentimenti, non asset finanziari.

Rispondi
hellasmastiff

meno di una settimana e chiude tutto e ci mancano:
un terzino sx/centrale stryger larsen se depaoli farà il vice lazovic
una punta se parte kalinic come ola solbakken
e qualche altro giovane stile lovato da metter in prima squadra
d’amico stringiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Rispondi
Martino

Stando a quanto scrive il Messaggero, Casale starebbe per firmare con la Lazio. Questa sarebbe grossa eh…una defezione pesantissima e un pugno nello stomaco per i tifosi ambiziosi. Non me lo aspetto da Casale…proprio lui, un tifoso del Verona, che lascia il suo Verona scoperto nella settimana conclusiva del mercato? A de no farne mia sto scherseto butin…fa l’omo.

Rispondi
Andrea

El sta fasendo l omo, casale ha sempre dato la propria disponibilità ad andare in un grosso club, napoli o lazio che sia. Che l è de verona, nol vol mia dir esar stupidi, vedi zaccagni nostro, fa il salto di qualità economico e anche sportivo, lo faria anca mi se podese

Rispondi
Martino

Per carità…ma a gennaio e nell’ultima settimana disponibile…questo no dai. Sarebbe proprio un’incu*ata colossale e inattesa.

Rispondi
Andrea

Par capirse, non è che io sia contento che Casale vada via adesso, ma il calcio oggi è questo, bisogna farsene una ragione, ma bisogna anche dire che è andato sempre in prestito, Prato, feralpi, venezia, empoli, con sarri, qui tornava a fine prestito. Se è vero quel che dicono, cioè prestito con obbligo a 15 ml, può andare bene, daltronde adesso o a giugno, sempre doveva andar via. Vedremo chi arriva, e soprattutto se il greco è bravo come dicono

Rispondi
bardamu

Capisco tutto: la giusta ambizione, i treni che passano una volta, e tutte le altre frasi fatte adatte a questo frangente, ma santo il cielo, è mai possibile che non si riesca nemmeno ad imparare il nome di un calciatore che già questo prepara la valigia e se ne va?
Il fatto poi che sia veronese mi dà ancora più fastidio.
Mah… mi sto iniziando a disamorare a questo tipo di calcio.

Rispondi
Andrea

Quel che a mi me fà veramente schifo di questo calcio, è che i rubentini, con 280 ml di passivo, col rinnovo di dybala che gli costerà una tombola, vanno a prendere vlahovic a 70 ml più bonus e gli danno 7 ml l anno di ingaggio, queste sono le merda..te dei grossi club, con l avallo della lega, altrochè fairplay finanziario. Se daranno via barak, minimo 40 ml, e sono anche pochi, caro Tony

Rispondi
Mir/=\ko

Se le notizie dovessero trovare conferma, Casale da parte sua fa benissimo! Il treno potrebbe anche non passare a fine campionato e forse è meglio firmare un lussuoso contratto fin da subito assicurandosi un futuro in un club di categoria ben superiore a questo Verona sempre costretto a vendere in tutta fretta. Ma costretto da chi? Da che cosa? Da Casale credo di no! Dal bilancio nemmeno. Si perché il sign. Casale, fresco di rinnovo con l’Hellas e quindi non certo in scadenza di contratto, se ne va perché il presidente del Verona lo cede alla Amica Lazio… Bastava semplicemente tenerlo ancora in rosa, nessuno ha puntato la pistola alla tempia di Setti… Mi pare!! Come vedete non cambia nulla di nulla in sede di mercato. Attendo fiducioso smentite societarie, perché sarebbe l’ennesima frettolosa cessione. Ancora più frettolosa dei precedenti Kumbulla e Lovato.

Rispondi
Leo

1) attendiamo che la vendita si concluda
2) se si conclude:
a) il Verona per il terzo anno di fila si arricchisce e ripete il successo sportivo = come al solito ti sei sbagliato
b) il Verona (Setti) si arricchisce e NON si ripete il medesimo successo sportivo A CAUSA DI QUESTA CESSIONE= per una volta avrai avuto ragione

Rispondi
ziga

x Andrea Hai detto: ” daltronde adesso o a giugno, sempre doveva andar via” . Questa frase la dice lunga su quanto tu sia interessato ai risultati sportivi dell’Hellas.

Rispondi
Andrea

Vedo che hai capito tutto, complimenti. Infatti io sono sempre stato ottimista sui risultati, voi dopo la salernitana vedevate le nubi nere della serie b addensarsi sulla città

Rispondi
Martino

Il calcio è sempre più spoetizzante, prosaico e senz’anima. Su questo siamo tutti d’accordo. Siamo anche d’accordo che, senza una proprietà di un presidente-tifoso e miliardario, nemmeno il Verona può sottrarsi a questo decadimento, a questa emorragia di sentimenti. Tuttavia faccio sommessamente notare una cosa, che giustamente rileva Mirko fra le righe del proprio commento. La società che gestisce l’Hellas Verona, differentemente da quasi tutte le società di Serie A, non prova a trattenere nessuno, non si sottrae alle trattative per nessun calciatore, è una controparte estremamente disponibile al dialogo per qualsiasi calciatore di proprietà ed estremamente malleabile, estremamente remissiva e condiscendente, soprattutto con Napoli e Lazio. Tutti i club da metà classifica in su, tutti i club che si consolidano nella massima Serie, hanno 2 o 3 tesserati a cui non intendono rinunciare e con cui entrano anche in rotta di collisione pur di non privarsi delle loro prestazioni. Noi no. La Lazio stessa da anni trattiene Milinkovic Savic e Luis Alberto loro malgrado…per anni ha trattenuto Candreva quando era un calciatore dominante sulla fascia destra in Serie A. Così il Torino con Belotti, Izzo e Lukic cercati continuamente da club più blasonati ma senza che la società avviasse trattative. L’Udinese ha fatto muro per De Paul per 3 anni. Noi no. Questo inizia a diventate un limite davvero troppo deficitario per il progetto sportivo, se mai ve ne fosse uno. E va bene nel 2015 quando ci dicono che dobbiamo rientrare da investimenti azzardati di Sogliano. Va bene anche nel 2020 e 2021 quando ci dicono che stiamo facendo giusti sacrifici per trovare una supposta stabilità finanziaria. Ma la cessione di Casale…a che pro? A chi giova? Perché non tentare di trattenere un calciatore proveniente dal vivaio che potrebbe essere una colonna dello spogliatoio? Le plusvalenze hanno senso fino ad un certo punto. Sappiamo che Barak e probabilmente anche Simeone andranno via a giugno, portando altre grosse entrare alle casse della società. E allora basta no?

Rispondi
Mir/=\ko

Leo, ma ti rendi conto che Casale verrebbe ceduto dopo soli 6 mesi dalla sua affermazione in maglia gialloblù? Non ha fatto tempo a mettersi non mostra che già il Verona deve vendere il giocatore per forza di cose… Spiegami per cortesia il motivo di tale eventuale cessione! E mi vieni a parlare di società che si arricchisce ulteriormente? Con Barak destinato a diventare con ogni probabilità la più grande plusvalenza mai realizzata dal Verona per un singolo giocatore, la società avrebbe la necessità di cedere Casale dopo appena 6 mesi? Cediamo Magnani alla Samp e lo sostituiamo con una scommessa Greca che ha fallito sia in Inghilterra che in Francia, nella speranza che possa rilanciarsi in Italia. E per di più non abbiamo ancora lo straccio di un terzino sinistro e un degno sostituto di Tameze a centrocampo… Però, a quanto pare, pensiamo a cedere Casale a gennaio! Dopo Kumbulla e Lovato, per forza di cose dobbiamo fare l’en plein con Casale. Mi pare giusto!

Rispondi
Leo

Attenzione, se leggi nel blog precedente scrivevo proprio che se, durante questa sessione invernale, non cediamo nessuno allora avremmo una prova di un ulteriore passo in avanti della società: una maturazione ulteriore. Ricordi che l’ho scritto? Quindi io per primo preferirei non vendere a gennaio.
MA….. mi fido di chi con i fatti sta lavorando bene: in questo specifico ambito mi fido di D’Amico. Se ritiene che per 15M Casale può andare (in accordo con Tudor mi auguro) credo che allora vuol dire che quello è il massimo che si possa monetizzare da Casale.
Ti ricordo che se Casale rimane e fa un girone di ritorno di melma il suo valore si dimezza. Ricordi Lovato, vero? Ecco, non mi pare sia poi esploso e finito ai Galacticos, ma al Cagliari.
Proviamo a fidarci dei fatti e non delle sensazioni? Vi è davvero così difficile?
Poi si trarranno le somme, tranquilli: non ci scappa nessuno.

Rispondi
Martino

Mi pare che il discorso sia di una semplicità elementare. Tutti confidiamo in D’Amico, ci mancherebbe. Ha già dato saggio delle sue abilità e del suo fiuto. Qui il fatto è un altro. Se desideri giocare per qualche obbiettivo importante in futuro, è palese che devi trattenere dei buoni calciatori che hanno dei valori e sanno creare un gruppo coeso. Se non sei con l’acqua alla gola non tratti la cessione di Casale, né a gennaio né a giugno. Hai già in tasca una grossa plusvalenza che da sola vale come il monte ingaggi della rosa. Respingi proprio al mittente qualsiasi offerta. 15 milioni per cosa? Di cosa me ne faccio quando ho un buon centrale veronese e tifoso del club in cui gioca? Non scherziamo dai.

Rispondi
Mir/=\ko

Sono curioso di vedere il mercato in uscita del Torino… Perché è innegabile che Juric stia facendo particolarmente bene, valorizzando un bel po’ di giocatori. Pertanto chissà quanti club busseranno alla porta di Cairo per avere questo o quel giocatore già da ora! Vedremo quanti ne venderà Cairo tra questo mercato di gennaio e quello di fine campionato.

Rispondi
ziga

x Martino, Bardamu, Tex67, Mirko; dovreste fare un giro su hellastory ogni tanto e riportare le vostre opinioni più che altro per sparigliare le carte. La’ è tutto un plebiscito alla società e certe idee o considerazioni sono considerate “bestemmie”!

Rispondi
Martino

Per me è gia troppo esternare le mie considerazioni su questo sito, non essendo un fruitore di social e detestando la sola comunicazione verbale senza prossemica annessa. Se stanno confinati nei recinti virtuali a belare non fanno del male al nostro caro vecchio Hellas. Che continuino pure, se questa narrazione li conforta.

Rispondi
Leo

To whom it may concern

Se la maggioranza delle persone la pensa diversamente è PROBABILE che la maggioranza abbia ragione.
[Cit. vecchio adagio cinese]

Rispondi
Martino

Pecà che la nostra civiltà si regga su criteri qualitativi e non quantitativi, altrimenti terremmo ancora le castagne matte nella tasca del cappotto per prevenire il covid. Le maggioranze silenziose non esistono. Se una minoranza è realmente attiva, ossia nella realta sensibile, fenomenica, la maggioranza silenziosa e più irrilevante di uno starnuto.

Rispondi
Andrea

Quando vi renderete conto che Setti non è mecenate, probabilmente vi darete le risposte, ma dire che in altre societá certi giocatori non vengono venduti per un progetto, mi sembra fantasia allo stato puro. Belotti già mi ricordo 2 anni fa era sul mercato, ma i 90 ml che voleva cairo logicamente non glieli davano, oggi la fiorentina dà vlahovic per 75 più bonus, l atalanta e in trattativa con l inter per gosens, ordine dei 40 ml..voglio dire che restano alle società fino a che non vengono venduti bene, altrochè volontà del club di costruire. Il torino con belotti l anno scorso si è salvato all ultima giormata mi sembra. Visto che vengo apostrofato come uno che giustifica sempre la società, vorrei dire che casale fino a questanno per molti era un oggetto misterioso, penso, ragionando un attimo, lo vendano adesso, primo perchè siamo praticamente salvi, secondo perchè se si infortuna nel ritorno, vedi marchizza, la trattativa salta, 15 ml con obbligo non sono noccioline. Ripeto che a questa societá non conviene assolutamente andare in b, oggi prendere giocatori forti e gia fatti per questo campionato è difficile, anche perchè i parametro zero o sono vecchi, o come qualcuno parlava di de jong, hanno ingaggi importanti, nel siviglia questo prendeva 8 ml a stagione, vengono a zero, ma in contropartita ingaggi fuori della norma, quindi si aspetta, e si vedrà. Intanto il milan ha preso lazetic che è un 2004, se fosse venuto qui??

Rispondi
Martino

Che Setti non sia un mecenate è sempre stato evidente. Mi domando per quale motivo si stia tenendo il Verona così pervicacemente. La risposta è che da nessun’altra sua azienda riesce a ricavare 3,7 milioni per sè stesso.
La clausola di rescissione pari a 100 milioni per Belotti era esattamente un espediente per non cederlo. Non era una valutazione di mercato bensì, ripeto, una clausola di rescissione. Qualora un club avesse fatto quella follia per aggiudicarsi Belotti, il Torino si sarebbe ritrovato con una somma mostruosa che avrebbe cambiato le sorti dei granata. Ti risulta che il Verona abbia mai fatto una cosa del genere con un proprio tesserato togliendolo di fatto dal mercato? Ovviamente no.
La Fiorentina sta per cedere Vlahovic a 75 milioni dopo 3 anni che gioca in prima squadra. Non l’ha ceduto nel 2020 per 15 milioni e non l’ha fatto nel 2021 per 40 milioni. Lo sta facendo al momento giusto. Noti la differenza col nostro Casale che dopo 6 mesi potrebbe essere “sacrificato” con questa nonchalance?
Gosens ha giocato nell’Atalanta per 5 anni. Ripeto la chiosa precedente…noti la differenza con Casale che dopo 6 mesi potrebbe essere “sacrificato” con questa nonchalance?
5) Casale era un oggetto misterioso solo per chi non segue i nostri calciatori in prestito. Per chi, come me o hellasmastiff, segue con interesse anche i nostri prospetti, Casale meritava una chance già dopo il prestito a Venezia. Erano almeno 2 anni che su questo blog lo segnalavo come calciatore fatto e finito. Se non ci credi, vai a recuperarti i post di Vighini di agosto, durante il ritiro con Di Francesco. Leggi cosa scrivevo. Sapevo perfettamente che ci avrebbe dato grandi soddisfazioni.
Questa società non ha una programmazione sportiva degna di questo nome. Non è possibile costruire uno zoccolo duro di ottimi calciatori che si affezionino alla città, al Bentegodi e che imparino a conoscere e apprezzare i nostri valori, molto diversi rispetto a quelli di tanti tifosi della penisola.
De Jong era una mia suggestione…anche scommettere su Luca Moro mi andrebbe bene, a patto di prendere anche un attaccante che abbia già giocato in un campionato competitivo dimostrando di fare la sua parte.

Rispondi
Andrea

Ti ho detto e ti ripeto, a fatti, non parole, che Setti, come amministratore unico, non é quello che grava di più, come amministratore, sulla società, l esempio milan è lampante, il bologna nel 2021 ha pagato 800 mila euro ogni amministratore, e non mi sembra poco. Belotti non è stato blindato, la valutazione era fuori norma, se cairo prendeva 90 ml glielo impacchettava subito. Vlahovic e esploso quest’anno, è stato fermo parecchio tempo, come kalinic per noi, la sua riconoscenza per la societá pari a zero, tifosi infuriati, minacce varie, ma va alla iuve x 75 ml più bonus, alla faccia del mecenate commisso. Casale non sarà venduto adesso, se ne riparla probabilmente a giugno, così cadono tutti i vostri discorsi. Non si è arrivati a marchizza, probabile venga tenuto per questo. Il calcio di cui tu parli non esiste più, i calciatori ed i procuratori sono baldracche al miglior offerente, le bandiere, lo zoccolo duro, dovete scordarveli, le societá non possono trattenere nessuno, piuttosto vanno in scadenza a zero e si accasano, per questo a casale hanno rinnovato fino al 2026. Chi ti dice, inoltre, che venduti certi giocatori, non ne possano arrivare di migliori, come caprari, o simeone? Sono tue congetture. Per quel che riguarda la societá, visto che parlate sempre di juric, vai a vederti cosa ha dichiarato a luglio su setti e d amico, e come parla di cairo e di vagnati, poi ne riparliamo

Rispondi
Andrea

Per ultimo, tu parli di giocatori che devono affezionarsi, di più dovrebbe essersi affezionato un tecnico, che invece, senza nessuna riconoscenza a mio parere, si era gia accordato con cairo, con cui si era trovato a cena anche l anno prima, dopo la partita con l inter, e che voleva portarlo a torino subito. Allora, tu poi gli dici che non vai x riconoscenza all hellas, ma intanto ci vai. Uno serio, neanche lo accettava il summit gastronomico, per questo lo considero una baldracca come i giocatori. Su tudor vedremo, ma mi sembra molto diverso, pianti zero, e pedalare

Rispondi
Martino

A me non frega una beata minchia di cosa fa il Bologna. Saputo ha un impero in Canada, ha una forza economica che setti può solo sognare, e se ritiene di poter pagare 800mila ad ogni dirigente, cifra adeguata a questi livelli, mi rallegro per loro. Ma poi, quanti dirigenti avrà il Bologna? Non penso che abbia una catena di comando con più di 4 uomini. 800×4 a casa mia fa 3,2 milioni. Ma tu li conosci gli emolumenti di Mazzola, di D’Amico, di Longo ecc??? Perché continui a riferirti ai dirigenti degli altri club come se noi pagassimo solo setti? Credi che gli altri utenti che leggono i nostri commenti siano così scemi da non riuscire a fare questi semplici ragionamenti? E poi, come mai ti informi così tanto su come utilizzano le loro risorse gli altri club? Cosa te ne frega? Non conoscevi nemmeno Casale prima di questa stagione, ma sai cosa prendono i dirigenti del Milan o del Bologna? Dai su, non ti ho mai visto fare un ragionamento dritto che sia uno. Belotti non è stato blindato ma la sua valutazione era fuori norma? Ma che discorso è?? Lo sai cos’è una clausola rescissoria? Lo zoccolo duro esiste in tutte le squadre che militano in Serie A da almeno un triennio. L’unica che ha cambiato vorticosamente negli ultimi 2 anni è stata l’Udinese, ma qui c’entrano gli scambi col Watford, l’altra proprietà dei Pozzo. Tutte le altre, dal Sassuolo al Bologna, dal Torino alla Sampdoria, la tirano lunga 2 anni prima di cedere i calciatori migliori tecnicamente e caratterialmente. Sei te che continui a parlare di Juric e ogni tanto qualcuno ti risponde, ma il discorso lo inizi te, sempre e solo per denigrarlo ovviamente. In questo caso non c’entrava nulla. Juric è uscito dai miei radar e non trovo più sensato discuterne. Non ho mai scritto che non possono arrivare calciatori tecnicamente migliori di quelli che se ne vanno. Congetture de che se non l’ho mai scritto e pensato nella mia vita?? Continuo a dire che D’Amico è la nostra fortuna. L’esatto contrario di ciò che mi attribuisci. Ho detto che se non abbiamo necessità di vendere per tenere il bilancio in bolla ALLORA PERCHÉ STRACAZZO STANNO TRATTANDO LA CESSIONE DI CASALE COSÌ PRESTO??? Riesci a capire che non ha senso? Che c’è evidentemente qualcosa che non va? Tutti devono rientrare di passività mostruose, la Lazio deve sbloccare l’indice di liquidità vendendo per forza. Noi invece continuiamo a depositare bilanci in attivo da anni. ALLORA PERCHÉ STRACAZZO DOBBIAMO TRATTARE PER CEDERE QUALSIASI COSA RESPIRI E INDOSSI UNA DIVISA GIALLOBLÙ??

Rispondi
Enrico Marchesini

Perché in questo modo abbiamo i bilanci in ordine . Vendendo. Vedo che sei ossessionato dal nostro super presidente come io alla tua età ero ossessionato da Edwige Fenech. Mettitela via, lascialo fare , sta facendo bene. Ci stiamo divertendo . Casale va via dopo 6 mesi giocati bene ? A me non sembra un fenomeno, sono contento se riusciamo a rifilarli a qualcuno che ci casca tutti sti prospetti ( casale lovato udogie e company ) finora nessuno di loro si è rivelato essere un crack ( eccetto zaccagni che sta facendo bene e si è guadagnato la maglia della nazionale assieme ai due giocatori della cremonese ).. importante è che resti Barak. Li mi incazzerei. Spero che questa cessione ci faccia da evitare l’altra. Ma mi incazzerei e morta lì , perché non sono ne il proprietario di questa società ne il direttore sportivo . Non ci ho messo soldi ( gli unici investimenti che ho fatto sono stati per abbonamenti e caffè borghetti e debiti li ho ha fatti solo con un nutelle che un giorno mi ha prestato un deca per una Birra a fine partita e non glieli ho più restituiti ) e mi fido perlomeno della buona sorte dj Damico.

Rispondi
Guglielmo

– tifoso A): Setti lè drio vendar anca so mare!
– tifoso B): ma cossa vuto, le tri ani de fila che se salvemo
– tifoso A): si ma…. se podarea mia….?
– tifoso B): guarda che emo batuo Roma lazio Juve e paregià col Napoli!
– tifoso A): ma questa lè pura sopravivensa!
– tifoso B): Eh belo…..comprelo ti el Verona!!
– tifoso A): …..ma va in cul
– tifoso B): vaghe ti……
– …….
– …….

Rispondi
papo

MI LASCIA PERPLESSO LA FORMULA DI RETSOS,
fino al 2023 in pratica è gia in scadenza e se fa bene e non rinnova , non è chiara questa situazione.

Rispondi
Andrea

È inutile, non capisci i concetti, meglio lasciar perdere. Setti è la tua ossessione ormai, il discorso su juric è per far capire certe cose, che evidentemente non inquadri. Le cose le so perchè le leggo, come te, ma tu leggi solo quello che ti fa comodo. Intanto continui con casale, hanno detto che non si fa niente, dovrebbe restare fino a giugno, sbagliamo anche li??? Dai, facci un altra filippica sui tribunali di bologna etc etc, guarda che d amico è un dipendente di setti, non è che fa lui i trasferimenti. Sta tranquillo, credo che setti si terrà il mantova e venderà l hellas, così troverai uno che prima di fare plusvalenze fa un referendum tra i tifosi, non ragionieri, per avere disposizioni su chi vendere o comprare. Te saludo

Rispondi
Andrea

Discorso di juric a luglio ” ma io rivato qua co entusiasmo, dito a presidente che devo vedere tuti i giocatori, e lui invece dato prestito, venduti, preso pobega prestito secco, come pesina, io deto non si fa cosi, no erano pati, ce vuole respeto, respeto ” . E ve saludo

Rispondi
Martino

El le vede anca un butin che te te rampeghe sui spei. Vai vai, continua a lesar gli emolumenti dei dirigenti del Poggibonsi, che noialtri parlemo del Verona. Saluti

Rispondi
Martino

Ossessione per setti? Enrico…ma me toto par el cul? Domanda retorica. L’è il presidente dela società che gestise el me club, ghe entra automaticamente in tute le ciacole de mercà. Ripeto ancora una volta che Casale è stato uno degli artefici della cavalcata dell’Empoli. Da due anni si esprime a grandi livelli, ma già nel Venezia aveva fatto capire di che pasta è fatto. È sempre uno dei migliori in campo, a parte nelle occasioni in cui Tudor gli ha chiesto di fare l’ala. È veronese, tifoso del Verona, un ragazzo serio, che cresce costantemente da 3 anni. Sarri ce l’ha sul taccuino dall’anno scorso, visto che segue sempre con particolare attenzione l’Empoli. Il fatto che i tifosi appagati non conoscano i nostri tesserati non significa che la loro presenza o meno nella rosa sia indifferente. Amrabat adesso lo vuole rilanciare Conte…dici forse che Conte non ne capisca di calciatori? Rrhamani quest’anno sta salvando la difesa del nabule…come vedete, cambia l’allenatore e torna ad essere determinante. Kumbulla è l’unico che sta faticando, ma solo 21 anni. Discorso bilancio invece. È già in positivo e saremmo praticamente costretti a cedere Barak perché sarà impossibile trattenerlo. Già la scorsa estate si era messo da solo sul mercato parlando dal ritiro della Repubblica Ceca. Con la sola plusvalenza di Barak ti sei pagato il monte ingaggi della squadra, e dopo ci saranno più di 50 milioni che arrivano dai diritti tv. Se rivendiamo subito anche Simeone, cosa altamente probabile, anche li otteniamo una cospicua plusvalenza. E noi stiamo qui a parlare di conti a posto fatte e ribadite tutte queste premesse? Eh no, questa volta, anno del signore 2022, non si può più accettare questo discorso. Vendere Barak, Simeone, Magnani, Ragusa e basta.

Rispondi
Raycharles68

Vendere Casale a gennaio sarebbe un grave errore e un segnale inquietante. Il ragazzo continua a crescere e ha dalla sua l’età, iltre che un contratto fino al 26….lasciamo che si consacri da noi e poi si faccia pure la cospicua plusvalenza. Ma, per favore, usciamo dalla logica dei pochi, maledetti e subito! La famosa crescita sostenibile passa da qui

Rispondi
Leo

Se vendono Casale subito e non lo sostituiscono con un altro uguale o migliore ti darò perfettamente ragione.
Per ora bisogna fidarsi di chi per lavoro fa questo, e lo sta facendo bene da 3 anni: dopotutto in Italia siamo 60 milioni di CT, 60 milioni di virologi, 60 milioni di Ingegneri…

Rispondi
Martino

Il lavoro sarebbe quello di costruire un gruppo forte e coeso per progredire. Questo è il calcio. Non è quello di fare plusvalenze non necessarie che vengono reinvestite in minima parte. Siamo fra i pochissimi club in Italia che presentano il bilancio in attivo da anni, ma dobbiamo continuamente vendere al primo offerente? No no, mi spiace ma evidentemente c’è qualcosa che non va. Fare plusvalenze per le plusvalenze non è lo scopo del calcio.

Rispondi
Raycharles68

Perdonami…ha senso sostituire adesso Casale? Uno di pari valore (tecnico, perché economicamente deve costare zero o poco) dove lo trovi? Casale è costato zero, l’hai formato, è sotto contratto per 5 anni e tu lo vendi dopo sei mesi a 10? L’ unica ragione potrebbe essere tecnica, cioè ritenere che il ragazzo viaggi al di sopra delle proprie possibilità per un’alchimia contingente e sia quindi sopravvalutato. Non mi sembra sia così. Allora se vogliamo crescere come società oltre che come patrimonio netto del presidente, devi fare un salto di mentalità: nessuno dice che tu debba andare in champions con Casale, ma lo devi tenere almeno fino a quando la sua valutazione sia cresciuta e stabilizzata. Rifiuta 10 oggi per puntare a 15/20 domani, assumendoti il relativo rischio d’impresa adesso che te lo puoi permettere. E lasciamo per favore perdere la volontà del ragazzo: se due mesi fa ha firmato con l’Hellas fino al 2026, il coltello lo impugna saldamente dalla parte della lama. Solo così si può sperare di crescere e consolidare. Senza chiedere la champions, ma pretendendo un passo avanti rispetto al solito “pochi, maledetti e subito”

Rispondi
Andrea

Ti, caro Martino, gnanca se i te parla in dialeto te capisi. Ti entra o no nella testa che è Casale, tramite il suo procuratore, che non vede l ora di andare alla lazio, c è anche la volonta del giocatore, comunque dicono che resti qui in prestito oneroso fino a giugno, e poi obbligo di riscatto. L hellas di noi ragionieri, non è asdolutamente quello che descrivi tu, il biilancio è fatto di conto economico e stato patrimoniale, sul secondo risultano debiti finanziari alti, che non centrano col milione di utile, sono indebitamenti, capisci la parola??? Inoltre si deve cautelare per i soldi del nigeriano, se dovrà pagare l esborso probabilmente sará oltre i 18, quindi de cosa steto parlando??… par ultimo, belotti aveva la clausola rescissoria x 100 ml, ma solo per L ESTERO, se lo prendevano in italia potevano farlo. Adesso per il rinnovo, stanno trattando col calciatore che vuole metterla a 25, e cairo che ne vuole 40. Se volevano blindarlo, perche si sono affezionati, sappi che la iuve nel 2020 poteva comprarlo, ma gli hanno sparato alto, e non centrava un caxo la clausola, centrava che cairo el vol vendarlo caro, altrochè blindar el sugador. Me par che qua te si solo ti che se rampega sui speci, te parli de casale, se el volea restar l era lu el primo che rifiutava, ed allora restava, me par ciaro e lampante, ma ti seita a sproloquiar, me godo sentir i to romansi

Rispondi
Martino

Ah ah ah sei pazzesco dio bon. Te parli de accantonamenti par risarcir Volpi come se fuse normalissima amministrazione, prassi. Va ben, Andrea, tegnete l’ultima parola come il solito. Più si va avanti coi discorsi, più le tue elucubrazioni fanno accaponare la pelle. O sei un minus, oppure sei qui per prendere in giro i tifosi del Verona. No ghe altre spiegazioni. E adesso me racomando, fame altri discorsi da dotor in economia e commercio al CEPU.

Rispondi
Andrea

Par to norma e regola, mi no togo in giro nesun qua, va a vedarte l esposizione finanziaria de setti, dopo parlemo, quel che me fa imbestialir de ti l e che te vol averghe rason a tutti i costi, i ta spiega che un conto l è presentar un utile, altro sono i debiti, quei i ghe sempre, i guarda se i crese o no, se ti te ghe da pagar el mutuo de casa, el fará parte dei to esborsi, o te lo paga la banca???? Sveiete, i romantici e gli idealisti no ià mai fato strada nela vita. I tifosi hellas te li tol in giro ti, che te fomenti quei che te sta drio con discorsi senza senso

Rispondi
Martino

Scolta nini, no te si gnan bon del lezar e de utilisar ben la puntegiatura, ma te vegne a scrivar tante de quele putanade da ragionier de botega con una sicumera profesorale, spacciandole per fatti oggettivi. Io credo che chiunque stia leggendo i tuoi commenti da 10 giorni a questa parte si stia chiedendo se ci fai o se ci sei. Va fora al bar a fare certi discorsi sul Verona. Voi vedar se te torne a casa sule to gambe, Marchionne.

Papo

Altra chicca del CT Mancini…al posto di Scalvini chiama un certo kaleb okoli sempre dalla cremonese

Rispondi
Andrea

Mi tifo brasil, ciuffettino l era masa sicuro, col caxo che te ve a vinsar in portogallo, te fè la fine de ventura

Rispondi
Andrea

Intanto Nini te te lo disi a ti, ti ho detto altre volte di non fare tanto il professorino saccente, virgole od altro sono al punto giusto. Se vado al bar, posso tornare anche zoppicando, bisogna vedar però i altri come i torna, io ho le mie idee, non ho paura a dirle, non sono pagato, mi baso sui fatti. Siete, come dice Leo, 4 o 5 saccenti che non avendo altro da fare, impestate il sito solo perchè vi ritenete tifosi. Voi???? Siete avvezzi solo alle critiche, che si vada bene o male, sempre i soliti discorsi vecchi, stantii, e allora ” COMPRELO TI L HELLAS, FENOMENO! “

Rispondi
Martino

Come occupo la mia giornata non è affar tuo. Sono un autonomo e posso gestire il mio tempo come voglio. Scrivi quello che vuoi e su chi vuoi, ma mochela di provare a confutare con sciocchezze inaudite i commenti da tifosi INFORMATI che scriviamo io e gli altri. Ne sai meno di tutti e continui a spizzicare su google facendo dei calderoni assurdi. Mochela, mochela e mochela. Ti ripeto, scrivi quello che vuoi e quanto vuoi, ma non contrapporti a chi tifa il Verona perché caschi malissimo. Buona giornata

Rispondi
Andrea

Vai a vederti i bilanci, bambinetto, altro che balle, tu sei autonomo solo quando si tratta di criticare, hai detto che non vedi l ora che il tribunale condanni setti, no??? Non e quello il sunto del discorso? Poi magari la fine di ferrero, ma con noi non sarebbe così, probabilmente ci fanno fallire. Saresti contento no, e senza neanche, nel contenzioso, sentire la difesa della società. Falla finita, bambinetto, persino su belotti hai detto cose fasulle, prendi i tuoi 4 amici, passati le aziende più grosse del territorio, passa da calzedonia, rana, veronesi, proponi una società x rilevare l hellas, insieme coi tifosi, fa i fatti, non le parole, così cambierai le sorti hellas, a me sta bene questo, quindi chiuso il discorso

Rispondi
Martino

Vecio sempioto, come tutti possono constatare sei te l’unico che scrive senza cognizione di causa perché vai a leggere freneticamente due robe in croce sui motori di ricerca. Se trovi la citazione testuale dove dico che spero nel fallimento di setti offro una cena a te e ai tuoi colleti da Perbellini. Ho scritto che spero si tenga il Mantova e ci lasci andare, possibilmente con i bilanci in ordine come afferma. Ma non vedi che scrivi corbellerie ogni volta??

Martino

Estratto da un articolo di novembre:
“Come riporta l’Arena nell’ultimo match contro l’Empoli, il Bentegodi pullulava di osservatori. Da Tameze a Barak, passando per Simeone, i gioielli nella vetrina veneta sono molti ma il presidente Setti non ha bisogno di cedere. Per questo i tifosi sperano in nessun addio per puntare ad un obiettivo più nobile rispetto alla solita tranquilla salvezza.”
Persino quei servi del gruppo athesis speravano che almeno stavolta non vendesse anca so mare…

Rispondi
alex85

andrea ad ogni intervento riceve 10 eur da setti. lasciamolo stare altrimenti fra un pò sarà il nuovo proprietari del verona

Rispondi
ak47

2014 Verona punti 32 svenduto Jorginho.
2022 Verona punti 33 via Magnani e casale.
La storia si ripete il laido indagato affarista smonta la squadra e noi tifoseria curva in testa taciamo ( chi tace acconsente) ed acconsentiamo che lui ci calpesti ancora. Povero Verona non ti meriti questo
p.s.
impariamo dai nostri fratelli viola, su la testa
ad maiora

Rispondi
ak47

Andrea par contar le balle bisogna essere in due uno ghe el le conta (setti)l’altro che ghe crede (ti cuco)

Rispondi
Mir/=\ko

Mi viene da ridere ogni qualvolta il giornalista e il tifoso di turno, particolarmente creduloni, auspicano l’ormai famosa “svolta imminente della politica societaria”, che dovrebbe realizzarsi conseguentemente al terzo anno di fila in serie A ed ad una salvezza ormai conseguita… Tutto ciò, secondo costoro, dovrebbe portare ad un aumento dell’attuale monte ingaggi e maggiori investimenti in sede di mercato. Infatti il primo effetto di questo straordinario risultato sportivo ed economico è l’ennesima cessione del giovane che acquisisce un minimo di valore dopo qualche mese “in vetrina”! Per carità Casale non è Turam, Nesta o Cannavaro, al momento, ma non è detto che non possa migliorare ulteriormente e raggiungere un livello tecnico più elevato di quello attuale proprio in gialloblù e conseguentemente un valore ben più alto. Eppure si ha una fretta tremenda di cederlo. Ma che razza di paragoni sarebbero quelli tra Casale ceduto a 10 milioni dopo 6 mesi e quelli che vedono protagonisti Vlahovic o Gosens, ceduti dopo molteplici stagioni con i loro clubs e a cifre esponenziali? Dai su, continuate pure ad arrampicarvi sugli specchi… Il Verona avrà sempre questa politica, anche se dovesse conquistare la 4^ salvezza consecutiva. Quando questa società avrà la forza di trattenere per almeno 3 stagioni consecutive i suoi gioielli ??? Mai, a mio avviso. Se non lo fa con questi bilanci, significa che non c’è la volontà di aspettare una ulteriore valorizzazione di un giocatore che ha mercato, beneficiando delle prestazioni sportive di questo…!!! Attenzione, ho parlato di CESSIONE dopo la max valorizzazione economico-sportiva del giocatore e nn di GIOCATORE BANDIERA da trattenere a vita. A mio avviso, se ti chiami Hellas Verona, non potrai mai trattenere a vita il gioiello di turno. Ma un conto è venderlo dopo due o tre stagioni, un altro è venderlo dopo 6 mesi. Dai su, per cortesia…!!!

Rispondi
Leo

Dici come è stato fatto per Barak, Mirko? Si?

Cmq hai vinto (anzi, avete vinto, tu e gli altri 3-4): da adesso in poi non ti tormento più e ti lascio le tue idee. 👌
A me basta che il Verona mi dia emozioni: del suo presidente, francamente, non me ne frega un beneamato cazzo.
Salutones.

Rispondi
Martino

Intendi il miglior trequartista della Serie A col contratto in scadenza nel 2023 e che siamo già sicuri di vendere? Quel Barak? Troppa grazia averlo visto per ben 2 stagioni vestire la nostra divisa! Non potevo auspicare di più. Per le emozioni basta comprar un biglietto del tagadà par la sagra de Pescantina.

Rispondi
Martino

Gli altri 3/4 saranno una decina, intanto. Di proni e allineati invece ne conto solo 2…a proposito di maggioranze bulgare. Comunque è chiaro che ci teniamo le nostre idee. Basta guardare in faccia la realtà.

Rispondi
Andrea

Ti sbagli, ho un mensile alto, più bonus, e mi hanno messo anche la clausola rescissoria, perchè, a differenza vostra, veri tifosi che difendono come i crociati la bandiera dell hellas, loro mi vogliono bene

Rispondi
Martino

Hellaslive non è affidabile. Avevano scritto la stessa cosa di Zaccagni due giorni prima che firmasse.

Rispondi
Martino

Giusto per mostrare ai gentiluomini che leggono i commenti quanto sia sul pezzo di buon Andrea, andatevi a leggere gli ultimi commenti sul blog di Barana. Ziga ricorda il mobbing vergognoso a Pazzini riferendosi chiaramente all’anno in Serie A con Pecchia. Andrea gli risponde dicendogli che Pazzini è stato escluso da un “serbo coi capelli unti”. C’è altro da aggiungere? Dov’eri Andrea quando succedevano queste nefandezze? Eri ancora in north side prima de saltar ancora de la del fosso??

Rispondi
Andrea

Perchè, chi è che non faceva giocare pazzini, setti?? La società, visto che doveva piazzarlo, avrà voluto valorizzarlo, o gli conveniva tenerlo in panchina??? Sei patetico nella tua crociata contro la società

Rispondi
Mir/=\ko

Io me la prendo per la tempistica legata ai vari Kumbulla, Udogie ed eventualmente Casale, non per la vendita di questi! Volete il mio pensiero su Barak? Trovo GIUSTA , anzi SACROSANTA la sua cessione a giugno! E vi sorprenderò affermando ulteriormente che potrei tranquillamente avvallare anche una cessione immediata del giocatore visto le cifre che ballano soprattutto in Premier. Lo abbiamo avuto per quasi due stagioni con noi e non trovo scandalosa la sua vendita oggi come oggi. Perché? Perché capisco perfettamente che la società ha “l’esigenza “di sostentarsi attraverso delle plusvalenze, guadagnandoci. Ci mancherebbe! Questo è Setti e contrariamente a quanto sperano alcuni tifosi e giornalisti particolarmente ingenui, lo sarà anche dopo 5, 6, 7 anni di serie A. La nostra dimensione è questa.
Su Casale però mi inca…zz… Proprio non condivido questo modo di operare una cessione già a gennaio che priva il Verona di un giocatore forte per la difesa e di un probabile ulteriore guadagno futuro. Perché è altamente probabile che tra un anno e mezzo, un giocatore come Casale, possa raddoppiare il suo valore!!! Con certi bilanci in perfetto ordine e certe plusvalenze in arrivo (Barak, Simeone…) mi aspetto il classico rischio di impresa su un giovane come Casale. Se non ora, quando??? Qui si ha il sentore che, pure senza un contratto in scadenza, qualsiasi giocatore DEBBA cedere alle lusinghe di questa o quella big… Abbiamo una difesa contata nei numeri e non particolarmente forte. E cosa facciamo? Senza lo straccio di un centrale sinistro di difesa, mandiamo via Magnani e Casale e sostituiamo Cetin con la imberbe scommessa Coppola, scommettendo nel rilancio dello sconosciuto al calcio Italico (nonché reduce da infortuni a catena!) Retsos, al quale chiediamo di integrarsi per forza in fretta. E il sostituto di Tameze??? Non lo cerchiamo nemmeno??? Per me, Casale va TENUTO fino a giugno in condizioni del genere.

Rispondi
Mir/=\ko

Lo spero! Tanto Casale lo vendi comunque a queste cifre pure a giugno. Se non meglio… Non avrebbe senso.

Rispondi
alessio caporali

spero che resti perchè un veronese che gioca nel Verona è il massimo a cui posso auspicare…
se proprio dovesse lasciare ci saranno tanti motivi e non voglio nemmeno saperli, saranno suoi, della società e di stocazzo, ma poco conta…
mi strappavo i capelli per zaccagni ed alla fine il buon d’Amico ha tirato fuori il coniglio dal cilindro quindi massima fiducia a quello che succederà

Rispondi
Andrea

La malafede di certi personaggi qui, Martino in testa, e veramente incredibile. Sembra che casale resti almeno fino a giugno, e allora è la fonte che è sbagliata. Se casale resterà, almanco tasi, te ghe sfranto gli zebedei a tutti disendo che l è venduo, che l è de verona e che nol ga da far carriera parchè te l e dito ti, ripeto, tasi e finisela de seminar zizzania, no te segue nesun, solo 4 gatti vicentini, i sondaggi sono lì a dircelo. No sta gnanca rispondar, i to romansi no i me interesa

Andrea

E se nel giron de ritorno, che semo sà salvi, ghe sucede come marchizza, quando lo vendito??? E vlahovic, i le vende adesso a gennaio, se lo fa ialtri iè in regola, se lo fa setti l e un delinquente. Dai anca ti, te seiti a sparar sentense par gnente

Rispondi
Mir/=\ko

Io sarei in malafede? Perché scusa? Ma se sto dicendo che Barak lo venderei anche adesso, se dovessero essere confermate certe offerte dalla Premier! Non sono contro le cessioni, ci mancherebbe. E quindi non sono nemmeno contro questa società per partito preso… Mi sembra una follia cedere adesso e con una difesa già rabberciata il buon Casale e mi affido al buon senso del presidente e del DS. In malafede sarà chi critica ogni mio commento, indipendentemente dal suo contenuto.

Martino

Ma finiscila scioccherello. Dovresti sotterrarti sotto le tue feci. Stai collezionando una quantità di figure barbine che non ho mai visto in 10 anni di frequentazione dei blog. Torna a seguire la Clivense.

Rispondi
alex85

ma chi si cela dietro il nome ‘andrea ‘? E’ il solo che difende Setti quasi fosse suo figlio o suo padre, è fin patetico per non dire altro

Rispondi
di fiera stirpe

Purtroppo setti si è dimostrato sempre lo stesso: se hai uno straccio di progetto di crescita uno come Casale non lo vendi. Veronese, tifoso Hellas da quando era piccolo, cresciuto nel vivaio, cerchi di fare tutto il possibile per farlo diventare una bandiera, non lo vendi dopo 3 mesi che gioca. Ma qui l’unico progetto è sempre lo stesso: vendere tutto il possibile augurarsi che i vari Juric e D’Amico facciano un miracolo indovinando altri acquisti rivelazione con cui affrontare un altro campionato e rivendere ancora tutto il vendibile al primo strassarolo che ti offre qualcosa.

Rispondi
Martino

Se si vendesse per necessità penso che tutti saremmo disposti a capire le ragioni e mettere da parte improbabili orizzonti di gloria, anche se, stando all’intervista di Barak, i nostri calciatori ci credono. Quando peró depositi per il secondo anno di fila un bilancio in attivo, tutta la narrazione del “di necessità virtù” decade. La cessione di Casale, oggi non se né parla ma nemmeno a giugno dovremmo, è totalmente in dissonanza con ciò che farebbe una società sana che addirittura produce utili ragguardevoli. Se pensi che fra Barak (sicuro), Magnani (sicuro), Simeone (probabile), Bessa (se rinnova come sembra) potrebbero entrare non meno di 40 milioni…

Rispondi
Martino

Dalle radio laziali si apprende oggi che la trattativa per la cessione di Casale sarebbe (uso SEMPRE il condizionale) in stallo perché le formule contemplate dai due presidenti non coincidono. Lotito vorrebbe portarlo a Roma con un diritto di riscatto, setti vorrebbe mandarlo a Roma con l’obbligo di riscatto…

Rispondi
Mir/=\ko

Io dovrei cosa? Sotterrarmi sotto cosa? Ma sei fuori di testa? Pensavo ci fosse un limite alle offese personali.

Rispondi
Martino

Mirko, evidentemente mi rivolgevo ad Andre con cui si è aperto ormai un dissidio insanabile da settimane. Dai, riveghe. Non è colpa mia se le stringhe dei commenti sono organizzate malissimo.

Rispondi
Martino

Mirko, sono anni che scriviamo entrambi su questo blog ti ho risposto rarissime volte. Oltretutto le nostre opinioni convergono molto spesso. Qui c’è gente che si rivolge a te come fossi un deficiente da anni, ma la tua indignazione nei loro confronti non l’ho mai letta. Sempre compostezza olimpica. Mi sembra praticamente impossible che tu abbia frainteso. Attendo le tue scuse

Rispondi
alessio caporali

ahahahahah
domani tggialloblu titolerà:
frattura inaspettata nel partito dei rensi… un’incomprensione porta tutti alle urne!
dai su un po’ di leggerezza in più che ridere non fa male a nessuno

Rispondi
Martino

Ghe mancarea Alessio. Io sono sempre così calmo e serafico…ahah. Comunque mi pareva giusto puntualizzare, visto che io a Mirko ho rivolto la parola penso 5 volte e sempre indossando guanti di velluto, vista la sua correttezza.

Rispondi
Enrico Marchesini

Come ziete inzicuri … ma fate così anche con le fighe ? Ecco spiegato come possiate avere così tanto tempo da dedicare alla lettura e alla scrittura di questo blogghe.

Rispondi
Andrea

Se qualchedun l offre diese euro par sveiar Martino, visto il torpore ormai dei soliti discorsi, partecipo subito. Naturalmente, se casale non va via adesso, el te rivoltarà la fritaia come d’ uopo…ho dito ben no…d’uopo…de profesori qua ghe n è uno, noialtri lesemo notizie come lu, ma LU el ga notizie fresche, l è in contatto diretto con schira, pedullà, el gota del calcio…el goto del calcio, nel suo caso

Rispondi
Andrea

In più, el se ostina a dir che l hellas el fa utili piu de quel de la tesla, e no l è gnanca bon de lesar un bilancio…come farghe guidar na ferrari a wanna marchi

Rispondi
Mir/=\ko

Scusami Martino, ho frainteso, porta pazienza. Ti ho proprio confuso con altro utente. Certo che le innovazioni apportate a questo blog fanno acqua da tutte le parti! Dovrebbero metterci mano… Sai benissimo che amo il confronto, anche aspro, ma necessariamente corretto e spesso non rispondo nemmeno a certe offese, che trovo di una indicibile bassezza. Ricordo un tizio, che alcuni anni fa su queste pagine virtuali, in assurdo soccorso del DS di allora, “se la prese persino con mia madre”, salvo poi scusarsi (almeno lo ha fatto!) e sparire dai radar pochi mesi dopo. Si sarà certamente riciclato con una diversa identità. Il turpiloquio lo lascio ai poveri di intelletto e per un attimo pensavo ti fossi rivolto a me. Tornando al nostro amatissimo Hellas, sembrerebbe che Casale resti… Lo spero di cuore, non tanto per le potenzialità della rosa, ma proprio nell’interesse della società. Secondo me a giugno lo potranno vendere anche a cifre superiori.

Rispondi
Martino

Io sono un popolano Mirko, ma posso avvalermi di registri linguistici differenti per essere più icastico. Tu rimani composto e corretto come ti impone la tua natura, che non sbagli mai. Su Casale mi taccio fino a che non sarà terminata la sessione di mercato. Ho già scritto ampiamente cosa ne penso di una sua eventuale cessione.

Andrea

Resta, resta, resterà anche barak, vuto vedar che el ve fa la sorpresa??

Martino

È così che si sono aggiudicati il lume della tua ragione, Andrea? Con 10 euro? Te ne offro 100 per tornare a fare il tifoso del Verona anziché il revisore dei conti di Bologna e Milan. 100 e uno… 100 e due… Aggiudicato!

Rispondi
Andrea

L unica roba che te pol far ti, visto che mi devo soterarme con le me feci, ti magnete na bela supa del CASALE, sperando che dentro i gabia meso la mescalina, te ragioni solo da imbriago. Te si riusio parfin a farme incaxar Mirko che l e la persona più corretta che ghe qua dentro. Che bei ani, quando sentivo bui che inzuccava in rete, te sentivi el rimbombo par tuto el stadio, adesso sento Martino, che me rimbomba gli zebedei co le so caxade

Rispondi
ziga

Mirko el sarà anca la persona più corretta che ghe qua dentro ma l’ha preso insulti e prese in giro a raffica dai cosidetti “Antirensi” perchè non era allineato alla dottrina settiana. E’possibile che ognuno non pol dir la sua sull’Hellas che intervien altri a dirghe su?
P.s. Nei post deve essere riportata almeno l’ora altrimenti non si capisce la cronologia degli interventi.

Rispondi
Leo

DC proprio ti te scrivi ‘ste robe? Che ho dovudo smetafr de rispondarte par la to maleducassion?
Eddai cazzo, almanco tasi!

Rispondi
Andrea

Ma colleghito quando te scrivi??? Cosiddetti antirensi perchè non era allineato alla dottrina settiana?? Te faresi meio a parlar col to amigo Martino, par via de insulti, ma si tuti na manega. Io se leggi tutto quello che ho scritto, mai ho insultato mirko, criticato si, ma mai insultato, ricordatelo, non sono molto daccordo con lui, ma è una persona correttissima

Rispondi
Mir/=\ko

Una cosa che mi infastidisce parecchio è che vengo definito sempre e comunque un accanito e imperterrito “antisocietario” ! Tutte le volte (magari non molte!) che ho espresso giudizi positivi sulle scelte di mercato della società, nulla è stato detto! Basta esternare anche solo una semplice perplessità sull’operato del Presidente o del DS, si accendono le ostilità dei strenui difensori della politica aziendale gialloblù. Non ho mai (DICO MAI!) ritenuto Setti né un demonio e né un santo… Dico solo che vorrei un qualcosa di diverso per il mio amatissimo Verona. Se non possiamo avere un presidente Veronese, almeno che sia uno con potenzialità economiche superiori a quelle di Setti che purtroppo, a mio avviso, non potrà mai far crescere ulteriormente il club. Questo è l’apice e non so quanto potremo restare a questo buon livello. Invidio tremendamente gli Atalantini perché hanno un presidente Bergamasco e ben più danaroso del nostro… Non bastano le intuizioni di D’Amico e la fortuna che sta baciando Setti in questo triennio per consolidare il club in A. Servono più soldi!!!

Rispondi
Enrico Marchesini

E fra l’altro in questi anni de opposizione alla società non te ghe n è intivada una che la fosse una e ancora te continui a tirar fora argomentassioni che non le sta in piè. E anca st’anno la te andà mal caro mirko.

Rispondi
Leo

Tu Mirko peró, pur avendo idee (per me) bislacche, nom sei mai stato maleducato, almeno per quel che mi riguarda.
Anzi, a volte ti ho pungolato io pure troppo per la ‘stranezza’ dei tuoi pensieri che trovo spesso poco logici (sempre a mio avviso).

Rispondi
ziga

Eccoli i è tornadi i senza macchia e senza paura… alla carica!! Ahahah No Andrea è vero, sei sempre stato gentilissimo con tutti… ahahah altro che Matrix

Rispondi
ziga

x leo Quale maleducazion? Perchè ti ho detto che viene prima l’hellas di setti? Ho smesso io di scrivere tempo fa per via della vostra arroganza… tua in primis.

Rispondi
Leo

Certo Ziga, hai ragione tu. 👍🏻
Peró non far el moralista perchè te sì l’ultimo che pol parlar. Ma proprio l’ultimo.

Rispondi
Andrea

Se qui avessero visto i 5 minuti che ha fatto con la fiorentina nel recupero, starebbero buoni, troppe critiche per ilic e hongla, non aspettano neanche che uno si ambienti, e mi riferisco soprattutto a quelli in studio a telenuovo. Ho sempre detto che per me un nazionale del camerun non può essere una ciofeca, staremo a vedar. Se si va in altri siti, dopo le parole di barak, ci sono insulti a raffica x il giocatore, che vuole la champions, da lì capisci che setti vorrà lucrare ma lui è il primo che vuole andare in un top club, come zaccagni e come casale, che da molto ha dato il suo ok ad un trasferimento, lazio o napoli che sia. Questo non vuol dire difendere a spada tratta la societa, ma vuol dire anche che esoste la volontà dei giocatori, se vogliono andare via non c è niente da fare, non ti rinnovano e vanno a zero.

Rispondi
Martino

Qui nessuno, e ripeto NESSUNO, può permettersi di esigere buone maniere e correttezza oltre a Mirko, Guglielmo, Bardamu e pochissimi altri. Dileggiare sconosciuti da anni con un fare sardonico, suggerire che non siano dotati di logica e capacità raziocinante, che scrivano critiche – nei confronti di chi si pone nelle condizioni di meritarle- perché profondamente insoddisfatti della propria esistenza, che anelino al fallimento del Verona…tutte queste cose accadono da quando è cambiata la proprietà nel 2012…anzi, da quando venne ceduto Jorginho a gennaio 2014. Tutti atteggiamenti da bulletti virtuali che vengono messi sistematicamente in atto da un manipolo di utenti che si interscambiano ogni anno. Tutti utenti che si sono avvicendati in un decennio per aggredire verbalmente chi muove critiche più che legittime, oltretutto senza argomentare i propri interventi o scrivendo addirittura mistificazioni imbarazzanti. Nessuno provi a far passare me, ziga o altri utenti per degli attaccabrighe, perché siamo stati portati all’esasperazione e abbiamo semplicemente deciso di smettere di porgere cristianamente l’altra guancia. Io, Mirko e altri siamo stati etichettati come “rensi” per ANNI, prima di coniare la locuzione settorello boys. Allora, per cortesia, siate ipocriti. Si raccoglie ciò che si semina.

Rispondi
Leo

Martino, se hai qualcosa da dirmi fallo direttamente cliccando su “RISPONDI” no?
E’ la quarta volta che ti “infili” tra me e altri: o gli altri sei tu, o non capisco cosa tu voglia.
Tu, PER ME, sei tra quelli che NON possono parlare di buone maniere: ti piaccia o no, ma questo è. Io se noti ti sto “schivando” per non insozzare il blog di stupidate inutili: fa la stessa cosa anche tu no?

Cmq per me finisce qua, l’è veramente stesso: come già scritto, a differenza VOSTRA a me del presidente del Verona NON ME NE FREGA UN CAZZO.
A me interessa del successo del Verona: e questo da 3 anni c’è. Resto? Ciacole ude da pistoleri da tastiera.

Rispondi
Martino

Si mi riferivo anche a te e con questo sfogo per tenerti dalla parte della ragione, sentendoti meritatamente chiamato in causa, ti stai autoaccusando. Ho letto il tuo nickname per la prima volta nel 2018 o 2019,non ricordo esattamente di preciso, e dopo uno scambio salace ma sostanzialmente corretto di battute eri scaduto immediatamente nell’offesa personale chiamandomi “webete” e “coglionauta” nientemeno. Non hai nemmeno il coraggio di scrivere che sotto il post precedente di Vighini ti riferivi a me e a Mirko quando ai parlato degli “altri due pajassi”. Tu sei l’utente più ipocrita e insolente su questo sito, primo premio hands down, visto che ti piacciono gli anglicismi. Sono io che tento di schivarti da un anno a dire il vero, ma è più forte di te la volontà di prevaricare. E adesso EVITAMI DAL BON PER CORTESIA. Addio e amai più risentirci, ipocrita.

Rispondi
Martino

Discorso Hongla: per me non è così imbarazzante e merita delle chances dopo aver raggiunto i 40 punti. Campanharo o Buchel, per dire, secondo me erano nettamente più scarsi. Secondo me, già lo dissi, c’è un equivoco sul suo ruolo: non è un mediano di rottura alla Amrabat e non è nemmeno un centrocampista box to box alla Tameze. Per me è un discreto metronomo che potrebbe garantire anche un minimo di filtro una volta imparato a leggere le partite della Serie A. Gli manca proprio il dinamismo per altri ruoli del centrocampo, e questo è un suo limite costitutivo, non dettato dalle contingenze di aver cambiato paese e difficoltà tattica. Poi magari un giorno potrebbe migliorare anche questo aspetto, nulla vieta.

Rispondi
Martino

E quel 15% di utenti che hanno votato per la “sacrosanta” cessione di Casale in questa finestra di mercato, attesta in modo lampante il sospetto di tanti utenti, me compreso, che questo sito sia frequentato da veri e propri provocatori. Ditemi quale tifoso sano di mente spera di rimanere scoperto con la difesa tutta da rifare a pochi giorni dalla fine del mercato. Nessuno. Allora, o qui qualcuno gioca a istigare, oppure hanno iniziato a votare anche padovani e clivensi.

Rispondi
Guglielmo

(Martino su Hongla): …..”Per me è un discreto metronomo che potrebbe garantire anche un minimo di filtro una volta imparato a leggere le partite della Serie A. Gli manca proprio il dinamismo per altri ruoli del centrocampo”….
Son d’acordo, è LENTO “sul breve”, poco reattivo. Questo gli impedisce sia l’aggressione rapida, sia il difender palla se aggredito: la buona tecnica ne fa un “discreto metronomo”, per sopravvivere in serie A deve velocizzare non le gambe, ma i tempi di gioco nel giropalla.
E’ un po’ il problema che riscontro per esempio in Bakayoko nel Milan, e talvolta in Ilic.

Rispondi
RH

Hongla ha dimostrato più volte di essere un brocco, sia fisicamente che tecnicamente non adatto a giocare in Serie A. Me ne batto il pendolo della coppa d’Africa, giocare bene contro le Isole Comore con un terzino in porta e avversari che faticherebbero a giocare nel Sona non significa che è diventato presentabile per affrontare squadre di Serie A.

Rispondi
Martino

Perfetto l’accostamento a Bakayoko. Ci stavo pensando anch’io. L’ex Chelsea ha dalla sua una stazza impressionante che lo rende un po’ più difficile da marcare. Hongla dovrebbe velocizzare il pensiero come dici te, perché le doti atletiche sono quello che sono. È un buon mezzofondista, non uno sprinter. Palla al piede poi è inesistente. Deve imparare a muoversi continuamente negli spazi giusti e a smistare i palloni velocemente. Non sono sicuro che ci serva un calciatore così. Ma comunque non è scarso.

Rispondi
bardamu

Su Hongla non ho abbastanza elementi per poter esprimere un giudizio. E’ vero che le sue poche presenze quest’anno sono state imbarazzanti, a voler usare un eufemismo, ma è già successo in passato che certi giocatori abbiano suscitato all’inizio una pessima impressione, per poi trasformarsi, se non in cigni, in volatili più aggraziati del brutto anatroccolo.
L’anno scorso Barak nelle prime partite non faceva disastri, ma vagava dinoccolato per il campo senza mai dare l’impressione di potersi rendere utile. Evidentemente però l’allenatore aveva visto in lui delle qualità che a noi sfuggivano e che si sono poi palesate dopo poche partite. A proposito di Barak, comunque, sono curioso di vedere cosa farà in una “grande”. Il ruolo che riveste da noi è molto singolare e esempi di ottimi giocatori che altrove sono finiti nel dimenticatoio si sprecano ( da Fanna a Iturbe fino al recente Amrabat ).
Tornando a Hongla vediamo come torna dalla Coppa. Ci serve moltissimo una pedina che possa giocare nel centro del campo a fianco del “regista” quando Tameze non è disponibile. E Ilic non mi sembra adatto a quel ruolo.

Rispondi
Martino

Magari Barak non sarà cosí incisivo come lo è qui a Verona, giocando in una big, ma a differenza degli altri due non credo che la sua parabola rischi di essere talmente discendente da arrivare al tracollo. A differenza di Amrabat e Iturbe, Barak è un ragazzo meno emotivo (non se ne parla rispetto a Iturbe) e ha una tecnica di base troppo consolidata. Barak padroneggia in modo impressionante tutti i fondamentali del calcio, gli altri due no. Nemmeno Pierino Fanna si avvicinava a Barak tecnicamente. Gli auguro di non fallire. Barak è l’unico impossible da trattenere secondo me.

Rispondi
Leo

Sbagli Martino.
Sai che se devo scrivere qualcosa lo faccio, senza troppi pensieri od esitazioni: se scrivo una cosa prendila per vera, almeno fino a prova contraria. Se devo apostrofarti lo faccio e basta, direttamente.

Il webete te lo sei cercato e lo hai trovato: purtroppo non riesco a risalire ai blog/post di riferimento perchè non più disponibili, ma ti garantisco che proverò (con WebArchive***) così, nero su bianco, ti rendi conto del perchè ti ho dovuto attribuire quelle etichette. Ma davvero tu non ricordi?
Ad ogni modo hai scritto anche cose giuste ricordando che, dopo alcune schermaglie pepate, tutto è stato riportato in una corretto scambio di opinioni, anche se spesso contrastanti.

Poi: per correttezza TI GARANTISCO che non mi riferivo in alcun modo a te.
Mi riferivo proprio a quei 3-4 che ho messo in black list perchè troppo insulsi per perderci tempo. Gente che scrive solo slogan, scemate od offese.
Ad uno ho risposto poco sopra. Gli altri 3 è da un pò che non scrivono, e va ben così.
Ah poi c’è una new entry fresca, ovvero quel ganassa che, non conoscendomi, mi ha subito attaccato in modo davvero maldestro (l’è un tò amigo da come te ghe rispondi). Anche quello messo in blacklist: non vale i bit delle mie risposte.

E come vedi da quel che ho scritto in risposta a Mirko, sono sempre ben pronto ad ammettere le cose per quello che sono: con lui forse potrei aver talvolta esagerato, ma perchè in fondo lo rispetto e non posso non criticarne i contenuti quando reputo che scriva cose aliene.

*** Trovato qualcosa, ma i vecchi commenti nel link che riporto nel mezzo della mia risposta non sono più accessibili.
12 settembre 2020
Link: https://blog.telenuovo.it/gianluca-vighini/2020/08/24/mercato-verona-perche-non-sono-preoccupato/

Io ho risposto ad un tuo intervento:

“Martino, mettiamo i puntini sulle “i” perchè anche io, laico, non esito a rispondere a tono a chi si presenta per la prima volta come facesti tu proprio qui:

https://blog.telenuovo.it/gianluca-vighini/2019/06/12/non-tenere-aglietti-e-come-buttare-nel-cesso-un-sei-al-superenalotto/

Ti chiedo, in tutta onestà: avresti potuto avere un atteggiamento più educato nei miei confronti? Non conoscendoci ed essendo la prima volta che rispondevi ad un mio post direi di si.
E quando parli del “non esagerare con la confidenza” hai proprio ragione.

Per quanto riguarda Wallace e ciò che ne deriva: è il padrone di casa che latita, si vede che avrà da fare altro che curare la qualità dei contenuti del suo blog. Blog che tecnicamente parlando è veramente pessimo: vorrei non lo diventasse anche nella sostanza.”

Rispondi
Martino

Per evitare di far scadere nei contenuti la sezione commenti di questi blog l’unica cosa da fare è discutere fra di noi esclusivamente di calcio. Ognuno poi ovviamente sarà libero di incensare o criticare setti, visto che della società in senso lato siamo tutti moderatamente o addirittura esageratamente soddisfatti. Io mi imbestialisco solo quando leggo elegie encomiastiche surreali nei confronti dell’amministratore unico, perché alla mia vista appaiono come affronti al Verona e ai suoi tifosi, infatti potrai constatare che sono tornato a bisticciare con una certa veemenza solo in corrispondenza del post di Vighini su Setti, volutamente spiazzante e divisivo. Come avrai notato, la settimana scorsa non ho dato seguito alle invettive di Tex, che saluto, contro di te, nonostante mi senta molto più affine a lui nel giudizio sul convitato di pietra setti e nel modo di concepire i rapporti fra società e tifosi. Mi aspetto che tu faccia lo stesso da ora in poi, evitando di fomentare chi va fuori scala con estrema facilità, chi scredita anziché confutare. Da parte mia posso solo evitare di discutere con alcuni utenti che mi fanno sbroccare, fra i quali non saresti compreso tu stesso, ma con i quali a volte fraternizzi. Avrei potuto relazionarmi con te in modo più pacato quella prima volta? Certo. Avresti potuto evitare di rilanciare con quegli insulti? Sicuramente. Sono portato assieme ad altri utenti a sentirmi come nella giungla del Vietnam qui dentro dal 2014, visto che ogni tanto piove merda a raffica inaspettatamente? Neanche da dirlo. Se credi evitami, altrimenti parliamo di calcio come suggerivo.

Rispondi
Martino

Per me la prima. Il mercato della Lazio è inchiodato su tutti i fronti in entrata. Tudor pedala col sasso in bocca come aveva fatto Juric il primo anno…non si puó permettere nulla perché è un altro trombato d’élite che il Verona ha riabilitato. L’ottimo D’Amico è pur sempre un aziendalista come Sartori, non un accentratore come Corvino o Sabatini. Se Setti dice A non vedrai mai D’Amico dire B.

Rispondi
Martino

Per il momento solo un grumo di consonanti messe a caso. Allora significa niente Solbakken per questa sessione…peccato, mi gasava.

Rispondi
bardamu

@Martino.
Mah… sul fatto dell’emotività non saprei. Qualche precedente l’ha raccontato lui stesso. Per quanto riguarda la tecnica, poi, non è la cosa più importante in un giocatore a certi livelli. E’ noto che tutti i giocatori dello scudetto indicassero in Turchetta il migliore per distacco sotto il profilo tecnico, ma la sua carriera non è stata certo da giocatore di alto livello.
Per come lo impiega Tudor, e prima anche se con alcune differenze l’altro croato, è decisivo. In un’altra squadra lo vorrei vedere. Ha un difetto grave per un giocatore di oggi: è piuttosto lento.
Comunque sia temo che scopriremo chi ha ragione tra qualche mese.
Per carità, lo capisco, e capisco anche la società. Ma mi dispiace, perché è un’ottimo ragazzo oltre che un giocatore per noi importantissimo.

Rispondi
Martino

Non ho mai visto giocare Turchetta dal vivo, solo qualche video di repertorio. So solo che quando giocava non faceva rimpiangere gli attaccanti titolari. Mi sento di paragonarlo a gente come Ciccio Tavano…attaccanti che lavorano per la squadra e che ogni tanto estraggono conigli dal cilindro. Barak è lento ma sa sempre dove mandare la palla quando lo costringono a giocare in spazi stretti. Per me ha un’intelligenza calciastica superiore alla media. Poi sa nascondere il pallone agli avversari con le finte di corpo. L’assist a Simeone contro il Napoli è di un’intelligenza e di un’eleganza sublimi. Non so, ho la sensazione che ormai sia un campione affermato. Ricordo grandi attaccanti di una lentezza impressionante ma che sopperivano alla grande con la tecnica e l’intelligenza…mi viene in mente Berbatov su tutti

Rispondi
ziga

x Leo Hai detto; “Mi riferivo proprio a quei 3-4 che ho messo in black list perchè troppo insulsi per perderci tempo. Gente che scrive solo slogan, scemate od offese.
Ad uno ho risposto poco sopra”… Guarda che il più insulso del Blog sei tu via che non te ne rendi conto!!

Rispondi
Mir/=\ko

Buonasera a tutti! Dai che alla fine siamo tutti qua a discutere, talvolta pure in maniera “un tantino fuori dalle righe” perché vogliamo un bene dell’anima al nostro Hellas. Tutti, nessuno escluso. È vero, io ad esempio mi sono via via un po’ troppi imborghesito e spesso dimentico da dove veniamo. Ve ne do’ atto! Cavoli, ma proprio non riesco a buttarmi alle spalle gli anni delle retrocessioni indegne con Setti a capo del Verona. E proprio per questo che finisco per essere tremendamente “prevenuto” nei confronti del Presidente di Carpi. Dopo questa riflessione, vorrei dire la mia su Hongla: a mio avviso tutte le considerazioni che avete esposto sono condivisibili. Anche se la Coppa d’Africa rappresenta un test probante in misura molto diversa dal Campionato di serie A, Hongla nn può essere tecnicamente quello visto in maglia gialloblù. Probabilmente, come scrissi tempo addietro, sta facendo molta fatica a calarsi nella nostra realtà agonistica. Il nostro campionato ha annoverato una marea di giocatori stranieri che hanno faticato oltremodo e che hanno abbandonato ben presto l’Italia per altri lidi, ove hanno trovato la loro perfetta dimensione. È giusto non aver fretta ma non possiamo nemmeno puntare ostinatamente su un giocatore che offre prestazioni imbarazzanti. Hongla in maglia gialloblù ha davvero deluso e creato pure qualche grattacapo di troppo. Potrebbe anche essere uno dei pochi fallimenti del nostro DS. Rientrerebbe nella normalità!!!

Rispondi
Martino

Scusate ma la Salernitana cosa sta muovendo?? Sono addirittura su Diego Costa…ma all’antitrust sono vivi o impagliati??

Rispondi
ziga

A mio parere Barak è tantissima roba per una squadra come l’Hellas, un “lusso”… però non è nemmeno da squadra di prima fascia tipo Inter, Juventus: è troppo lento. Farebbe molta fatica ad essere titolare… Poi chissà

Rispondi
Guglielmo

Molti sostengono che Barak sia lento! A me non sembra, esistono dati cronometrici?
Guardando il riscaldamento prepartita, lo vedo fare allunghi notevoli. Forse trae in inganno il suo incedere a passettini e sui talloni, sgraziato.
Comunque lui stesso ha dichiarato di essere lento.
Ma non è questo il punto; il punto è che quando il gioco transita dai suoi piedi non si rallenta, ma si velocizza, a differenza di altri sa sempre dove e a chi dare SUBITO la palla, e se la trattiene, è palla in banca!! Ad OGGI, lo preferisco a tutti i suoi concorrenti di reparto per COMPLETEZZA di caratteristiche: i vari Chalanoglu, Brahim Diaz, Dybala, Pellegrini, Milinkovic ecc. La controprova sarebbe vederlo inserito in una big.
Se solo potessimo “tirarcela”…..per andar a prendere uno cosi ti ci vogliono min. 40 MLN.
Forse non si era capito……..stravedo per lui, spero lo vendano in fretta, occhio non vede……..

Rispondi
Alberto

Si esatto…tipo quando i sa libera di dell’ingaggio de Esposito…sempre che non el sia ancora in qualche modo tacà ala teta…😅

Rispondi
Mir/=\ko

Onestamente in questa sessione di mercato mi sarei aspettato degli ingressi più titolati… Per assurdo, Depaoli rischia di essere il nostro giocatore più pronto, tra i nuovi giunti e questo è tutto dire! Su Marchizza è palese che siamo stati sfortunati, però Dijks, Mirianchuk, Stryger Larsen (per stare su quelli accostati dai media al Verona) erano e risultano tutt’ora disponibili. Retsos e questa New Entry Polacca sono delle scommesse a tutti i livelli, buone per ricavarne eventuali plusvalenze, ma le probabilità che trovino delle difficoltà di ambientamento, almeno all’inizio, che si ripercuoteranno di conseguenza sulla loro resa, sono da mettere in conto. Il Verona dimostra nuovamente di faticare tremendamente nel reperire giocatori pronti! Ingaggi, cartellini e prospettive obbligatorie di cessione, condizionano sempre enormemente gli acquisti. Sembra che certi giocatori non possano essere tesserati se non rappresentano la prospettiva futura di ricavarne una plusvalenza! Un 28enne come Dijks, ad esempio, potrebbe portare esperienza e qualità alla rosa gialloblù, ma ciò rappresenterebbe invariabilmente solo un costo per la società che ne ricaverebbe, già dopo una sola stagione, una quasi certa minusvalenza. A me preoccupa tremendamente la difesa che è stata sino ad ora ulteriormente penalizzata a mio avviso! Mi aspettavo davvero GENTE PRONTA. Vuoi cedere Magnani che reputi non del tutto affidabile? Lo cedi per fare spazio ad uno nettamente più forte e non solo sulla carta, ma nei fatti! Retsos è l’ennesimo giocatore che arriva dopo una catena considerevole di infortuni… Non mi pare il sostituto ideale di Magnani.

Rispondi
Andrea

Non serve uno pronto, serve gente capace di giocare, giovane, che corre, che ha ” fame”. Apettiamo almeno di vederli i giocatori prima di giudicare, essere ” pronti”non vuol dire che x forza devono aver giocato qui, sempre bravi a dare giudizi, poi quasi sempre smentiti. Mi fido di d ‘amico e della società, se saranno plusvalenze meglio, piuttosto di fare la fine del milan con donnarumma…

Rispondi
Martino

Se ne sono andati tutti i residuati bellici della prima campagna acquisti di D’Amico, bravissimo ma non infallibile, come vorrebbe qualcuno. Rimane un dubbio sul perché ci siamo tenuti Frabotta, ma è presumibile che Tudor lo stimi visto che l’ha già allenato. L’acquisto del nuovo polacco, che sembra possedere discreta tecnica, non lascia alcun dubbio sulla cessione di Barak a giugno, se non prima…si vocifera di un prestito oneroso di 5 milioni + 20 di riscatto al Tottenham. Sembra anche che col nuovo trequartista il nome di Solbakken si sia dissolto, e questo è un vero peccato perché il norvegese ha una prestanza e una velocità non comuni per un esterno destro d’attacco. Vedremo se Praszelik riuscirà ad inserirsi negli schemi e a progredire velocemente. Per il momento non sono né soddisfatto né scontento. Chiaro che se dovesse partire Casale, questa emorragia renderebbe il mio giudizio estremamente negativo.

Rispondi
Andrea

Il tottenham ha definito per kulusewski, una operazione da 35 ml, quindi non credo proprio andrà lì, devono chiedere 30 minimo x barak

Rispondi
Gabriele

Abbiamo un’esercito di difensori tra centrali e terzini, ma ce ne fosse uno mancino. Probabilmente è una razza in estinzione.

Rispondi
Martino

Sempre il solito Messaggero, che pare abbia infilato dispositivi di registrazione audio ambientale nelle mutande di Setti e di Casale, stamattina riporta la ferrea volontà di dell’amministratore unico di non cedere in questa sessione Casale, mentre il giocatore si sarebbe promesso per luglio. Allora, siccome un quotidiano romano sembra aver indagato a fondo nella psocologia del nostro tesserato, sarebbe il caso che qualche testata locale chiedesse a Casale se ha già preso accordi con la dirigenza laziale. I calciatori devono assumersi qualche responsabilità, soprattutto nei confronti di chi, come noi gialloblù, non ha mai chiesto fedeltà a vita. In questo caso specifico direi che sia il caso di rompere gli indugi, perché Casale avrebbe in sé tutte le caratteristiche per diventare capitano e bandiera di questo club. Non gli si chiede di rinunciare ai suoi sogni, ammesso che sia un sogno finire in un club che dopo l’anonimato decennale ha overperformato grazie a Inzaghi, solo di esprimersi e di disattendere i romantici creduloni come me e come altri utenti che, mi pare, nutrissero le stesse speranze.

Rispondi
Andrea

Il mercato deve ancora chiudere, quindi non è detto niente di definitivo nè su casale, nè su altri, ma al di lá di questo, noto una grande differenza rispetto agli altri anni, e cioè che non siamo più i valletti di napoli o lazio, casale va via con obbligo di riscatto, altrimenti resta qui, ed in questo vedo un cambiamento importante, formato atalanta, se vuoi un giocatore stai alle nostre condizioni, se no ti attacchi. La sudditanza non esiste più, secondo me, e questo è fondamentale, spero solo che non vendano barak a giugno x 20 ml, sono pochi, visti anche i 35 di kulusewski. I segnali della società comunque sono buoni in termini di personalità.

Rispondi
Marco

Kulusevski-Barak: come valore squisitamente tecnico concordo con te, ma tra un 2000 ed un 1994 la differenza la fa il prospetto e per me le diverse valutazioni ci stanno.
Per l’approccio societario al mercato, è vero che ci siamo evoluti ma contemporaneamente è aumentato il numero dei pezzenti non abituati ad essere tali.
Quindi, per ora, cioè alle ore 14:45, bene così!

Rispondi
Andrea

Per casale, risolti i problemi di liquiditá, non credo che alla lazio siano così pezzenti da fare un prestito oneroso di 6 mesi, con obbligo di riscatto. Lì, secondo me, è Setti che voleva l obbligo e non il diritto, quindi casale resta qui, x fortuna

Rispondi
Mir/=\ko

Cioè fatemi capire: come centrali di difesa abbiamo il primavera Coppola al posto di Cetin, Retsos al posto di Dawidowicz e il nulla al posto di Magnani… Mentre per il ruolo di terzino sinistro puntiamo sull’eventuale recupero di Frabotta… E questo sarebbe il mercato che “sistema la difesa”?

Rispondi
ziga

Sembra che non vadano via a gennaio ne Casale e Barak, molto bene! Però se si cercava Marchizza con insistenza poi infortunatosi si dovrebbe ora prendere un prospetto simile… e non dire come RadioVerona: “c’è Coppola”.
Coppola c’era anche prima quando si tallonava Marchizza o no? D’altronde uno dei giornalisti l’era Antolini fedelissimo Chxxxo.

Rispondi
Mir/=\ko

Non prendono nessuno sulla sinistra semplicemente perché la politica del Verona è incentrata totalmente su future cessioni e su plusvalenze! Le alternative a Marchizza ci sarebbero anche ma non sono più giovanissime. Stryger Larsen e Dijcks non hanno ingaggi proibitivi e sono giocatori che uniscono esperienza e qualità. Purtroppo non hanno 20 anni e quindi se fanno bene in maglia gialloblù non li puoi vendere a cifre elevate le stagioni successive. A meno che non vadano sull’ennesimo giocatore semisconosciuto proveniente da qualche campionato straniero paragonabile alla nostra serie B.

Rispondi
Martino

Un vero peccato che D’Amico si sia fatto bruciare dal Sassuolo per Luca Moro…davvero, davvero un peccato.

Rispondi
bardamu

Ci manca un difensore, e, se Hongla non cresce, un sostituto di Tameze. Però, per contro, non è andato via alcuno dei pezzi pregiati. Quindi mi ritengo moderatamente soddisfatto, anche perché a questo punto del nostro campionato l’unica cosa che mi interessa è vedere il Verona giocare a viso aperto contro tutti ( a cominciare da quei maledetti dalle maglie tristi come la loro esistenza di repellenti forme di vita viscide e striscianti domenica prossima ).
L’obiettivo stagionale credo si possa dire con tranquillità, ma toccate pure tutto ciò che vi aggrada, sia stato raggiunto. Penso, e spero, che D’Amico stia già pensando alla prossima stagione.

Rispondi
Guglielmo

Concordo con la modesta descrizione dei nostri prossimi avversari.
Occhio che domenica “devono” vincere per forza, manderanno sicuramente un SICARIO.
Sono curioso di vedere chi va su Vlahovic, non disdegnerei un Casale-bis.

Rispondi
Martino

L’arbitro per me sarà uno fra Pasqua, Abisso, Dionisi…questi tre in attività ci hanno sempre penalizzati se ve ne siete accorti. Vista la presenza di Vlahovic, metterei un terzetto di difesa con Tameze, Casale e Ceccherini. Speriamo che Kalinic sia catio come el velen.

Rispondi
Martino

Ah casso anca Massa 🙂 Va be, alora fem prima a elencar quei che i ha sempre arbitrà dignitosamente

Martino

Luca Moro al Sassuolo con una trattativa fulminea nonostante il Verona lo stesse osservando da tutto il campionato per puntare su di lui la prossima estate. Sogliano esonerato la settimana prima dal Padova…solo coincidenze?

Rispondi
bardamu

@ Guglielmo e Martino. Per la marcatura di Vlahovic non avrei dubbi sul rimettergli alle costole Casale. Nella partita con la Viola gli ha concesso solo un tiro.
Per quanto riguarda il risultato finale però stavolta non mi faccio illusioni nemmeno io: la rubentus ha investito molto per chiudere alla grande e di questo non si potrà non tener conto agli alti livelli.
P.S. Massa però l’ultima volta che ci ha arbitrati contro gli strisciati schifosi non è stato poi così male, anche se aiutato dal Var…

Rispondi
alessio caporali

confermo che nell’ultima partita era stato diligente, ma prima che mi passi l’incazzatura per la finale playoff passerà ancora un po’ di tempo…

Rispondi
Mir/=\ko

La società riscatterà Simeone per imbastire l’ennesima plusvalenza fine a se stessa, contrariamente a quanto auspica Vighini nel suo post! Se il Verona non si reggesse su più plusvalenze possibili, avrebbe ingaggiato, già a gennaio una volta sfumata l’operazione Marchizza, un difensore sinistro di esperienza e qualità. E poi resta il capitolo monte ingaggi: sarà verosimilmente lo stesso Simeone a chiedere di essere ceduto, in quanto potrà percepire un po’ ovunque un ingaggio superiore a quello attuale e puntare a palcoscenici Europei obiettivamente ben lontani dal Verona e da Verona. Simeone è qui di passaggio come lo sono Barak e Casale… Un “usato sicuro” da prendere ad un prezzo abbordabilissimo e rilanciare in serie A sarebbe Lapadula per il dopo Simeone. La dimensione del Verona è questa… Lapadula (o profili simili), oppure qualche giovane scommessa dell’Est Europa con tutte le incognite del caso. Io purtroppo non mi faccio più illusioni quando si tratta di costruire il futuro del club su un giocatore di qualità.

Rispondi
alessio caporali

mah Mirko…. hai mai pensato di accontentarti del presente?
il futuro è incerto per tutti con i tempi che corrono (mi riferisco all’economia mondiale)

Rispondi
Andrea

Certo che ti te inventi sempre qualcosa pur de criticar, adesso par forsa simeone l è riscatá solo par rivendarlo. Avi dito che casale l era via sicuro, barak anca, e no ghe na vì ciapá una, magari un poco de incenso in testa nol ve faria mia mal! Hanno sistemato cetin, ragusa e ruegg, che erano quelli che volevate partissero, marchizza era giá nostro, solo la sfortuna ha detto il contrario, hanno preso 2 prospetti forti che se ingranano hanno fatto 2 colpacci, uno svincolato e l altro 2 ml, non capisco veramente perchè critichi sempre, tra l altro, ripeto, no ghe ne bechì mai una

Rispondi
Enrico Marchesini

Ma adesso che setti non ha venduto i pezzi pregiati i rensi sono andati a nascondersi ?
Quale squadra di serie A ha venduto quindi il proprio centrale difensivo prodotto del vivaio dopo solo 6 mesi di serie A ? ( parlo specificatamente con te MIRKO ) ? Posto che se l’avessimo venduto dopo solo 6 mesi di serie A a quella cifra io avrei comunque fatto i complimenti a Tony Damico.

Rispondi
Martino

Contento per la cessione di Ruegg, che ha giocato male anche in coppa italia. Giocatore mediocre che può vedere la Serie A solo in televisione, soggetto oltretutto a continui infortuni muscolari. Se la cifra è intorno ai 4 milioni come leggevo nei giorni scorsi non facciamo nemmeno una minusvalenza. Depaoli non sarà un granché, ma almeno quando entra ha rabbia agonistica e si propone. Non ci siamo indeboliti, ma nemmeno rinforzati…siamo in bolla. Se non si rompe nessuno, tamponi permettendo, è lecito attendersi prestazioni in linea con quelle precedenti. Possiamo ancora dire la nostra. Sarà solo un’impressione, ma con Tudor mi sembrano meno spremuti i zugadori…eccezion fatta per Veloso che secondo me è al capolinea.

Rispondi
Martino

Non è riuscito a recuperare da tutti gli infortuni muscolari dell’anno scorso. Ormai ha i polpacci e gli adduttori perennemente infiammati. Non riesce più a calciare dalla lunga distanza. Non so quanto abbia senso continuare questa agonia.

Rispondi
Gabriele

Fossi stato un giornalista, nella conferenza stampa di Tudor, avrei sviscerto ulteriormente il cosa è stato il mondo dei gobbi per lui… 🙂 🙂 Cosi tanto per essere originale fino in fondo 🙂

Rispondi
Enrico Marchesini

Cosa vorresti dire ? Che pur di non riscattarlo ora lo faranno stare fuori tutta la stagione ? Sei anche novax magari ?

Rispondi
Papo

Scolta ma sei capace di leggere ? Cosa vorresti dire cosa? Mi dispiace per Caprari che penso ci tenesse tanto a diventare giocatore del Verona in una partita importante….sul novax ti commenti da solo e ti sito del PD?

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code