31
mag 2019
AUTORE giovanni.vitacchio
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 8 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.240

IL PAGELLONE DI CITTADELLA-VERONA

SILVESTRI 5.5 Incerto sul primo gol di Diaw: il pallone sorvola il limite dell’area piccola e quello è territorio suo. Invece rimane nella terra di mezzo ed è costretto a raccogliere la boccia dalla rete. Anche sul secondo gol non mi è parso impeccabile. Domenica c’è disperato bisogno del miglior Silvestri.

FARAONI 5.5 Un passo indietro deciso rispetto a Pescara. Tanti palloni scialacquati malamente, soprattutto in fase di costruzione. Non scatta la magia con Matos, seppur sarebbero quelli con più gamba, raffrontando le due fasce. A conti fatti, pare assurdo, ma ha fatto vedere le cose migliori da centrocampista, sotto la gestione Grosso.

DAWIDOWICZ 5.5 Colpevole come il suo più vicino compagno di reparto sul primo gol di Diaw. Va in sofferenza nei primi minuti di partita, così come tutta la squadra e solo alla distanza cerca di limitare i danni. Ma a ben vedere non è che gli sia riuscito al meglio.

EMPEREUR 5 Ancora più in difficoltà rispetto a Dawidowicz. Nei primi venti minuti di gara, in evidente confusione, mette in fila un fallo dietro l’altro, anche con la palla lontanissima dalla porta di Silvestri. L’arbitro lo grazia in più di un’occasione: un giallo non sarebbe stato scandaloso.

VITALE 6 Intraprendente in fase offensiva, beneficia della discreta vena di Laribi, col quale fraseggia con disinvoltura. Mette dentro tantissimi cross, non tutti impeccabili, ma non trova compagni capaci di sfruttarli, a cominciare da Di Carmine. Fisicamente sta bene, ma ora serve qualcosa di più.

HENDERSON 5.5 Mi spiace ma da uno come lui è lecito aspettarsi di più, dal punto di visto qualitativo, ma anche quantitativo. Corre in maniera arruffata, goffa, non è certamente un velocista ma capita che si lanci in sgroppate che non sono nelle sue corde. Statico in un centrocampo che va a due all’ora.

DI GAUDIO (dall’84°) s.v.

GUSTAFSON 5.5 Veloce non lo è mai stato. Si è sempre salvato con l’agilità di pensiero. Se pure quello non va oltre la seconda marcia, campa cavallo che l’erba cresce. Non ricordo nulla di memorabile, se non la marcatura a uomo di Schenetti che fa di tutto per non lasciarlo mai ragionare in impostazione.

COLOMBATTO 6 Una delle poche note positive di serata. Primo tempo così, così. Secondo tempo in crescita, a dimostrazione di una buona condizione fisica. Si becca un giallo ingiustissimo che lo costringerà a saltare la finalissima di ritorno. Vista la poca scelta a centrocampo, un’assenza che si farà sentire e non poco.

MATOS 5 Se va avanti così, gli cambiamo il cognome e iniziamo a chiamarlo “Malos”. Un maalox servirebbe invece ai tifosi gialloblù e a noi cronisti che dobbiamo raccontare le sue partite. Non riesce più a ritrovarsi dopo l’infortunio muscolare. Ma di mesi ne sono passati tanti da quello stop. Direi che le scuse sono finite da un pezzo.

DI CARMINE 5- Sembrava finalmente aver spiccato il volo e il sangue freddo di Pescara poteva finalmente aver consegnato un nuovo giocatore al Verona. Ma dal primo round di Cittadella esce con gli stessi occhi gonfi di Rocky dopo essere stato “investito” da Apollo Creed. Ha una grande occasione al 61° quando solo davanti a Paleari tenta un pallonetto che si trasforma nel nulla. Io voglio credere nella sua voglia di rivincita, perché ce n’è bisogno. Ma domenica penso sia giusto che sia lui a partire dalla panchina.

PAZZINI (dal 77°) 6+ Non solo entra in campo a tredici minuti dalla fine, quando la squadra è in calo e non riesce più ad attaccare, ma gli si chiede anche di fare i miracoli. In una manciata di secondi riesce a combinare più lui rispetto a tutti i compagni. Centra la traversa con una bella girata di destro, sfiorando un gol che sarebbe stato bellissimo. Una bestemmia lasciarlo a marcire in panchina per 77 minuti.

LARIBI 6+ Come Pazzini prende un palo pieno, a Paleari battuto, con un bellissimo destro dritto per dritto. Ha qualità per confezionare buone giocate, che con un pizzico più di lucidità potevano essere finalizzate meglio. Ancora una volta viene sostituito, per me inspiegabilmente, al posto di Matos. Stanchezza, dirà Aglietti a fine partita.

LEE (dal 73°) 5.5 Si mette in mostra per un tiro di punta, neutralizzato da Paleari. Un’occasione sprecata malamente, visto che la stoccata, stile calcetto, è la conseguenza di un primo controllo fatto a caso. Ancora una volta non riesce a sfruttare fino in fondo la sua velocità, di fronte ad un Cittadella che ha finito con i crampi.

AGLIETTI 5 Sciagurato l’approccio alla partita, con la squadra, nei minuti iniziali, in balia totale del Cittadella. “Tafaziana” la gestione di Pazzini. Farlo entrare a 13 minuti dalla fine significa martellarsi gli zebedei, e provare anche piacere. Il capitano deve giocare dal primo minuto, lasciarlo in panchina è una bestemmia tecnica in questo momento. Altrimenti ci dica che non è al 100%, sennò non si spiega. Mi auguro che il mister non si incaponisca negli stessi errori di Pecchia e Grosso e che domenica Pazzini sia in campo dal primo minuto. Per carità, oggi c’è stata anche sfortuna. Ma tirare in ballo la sfiga è segnale di debolezza. Non una buona premessa per tentare l’impresa al Bentegodi.

1.240 VISUALIZZAZIONI

8 risposte a “IL PAGELLONE DI CITTADELLA-VERONA”

Invia commento
  1. gabbo scrive:

    Secondo me il Verona ha fatto una buona prova. Purtroppo abbiamo una difesa che va sistematicamente in affanno. E una punta che continuo a non capire.. Ma nessuno ha evidenziato il clamoroso errore di Empereur sul secondo gol del cittadella. Mai visto tra i professionisti un errore talmente grave. Fossi aglietti a fine partita gli avrei detto che la sua avventura col verona sarebbe finita quella sera. Un errore talmente grossolano che non può essere paragonato ad altri.
    Il 5 è un voto talmente clemente da essere ingiusto

    • Nike scrive:

      La colpa è proprio di Aglietti che lo ha messo in campo non in forma perfetta, infsatti tre giorni prima contro il Pescara si era infortunato e non credo che si sia ripreso così velocemente.
      Aglietti lo ha preferito a mezzo servizio ad un Bianchetti che a Pescara aveva fatto bene

    1. Matteo scrive:

      (el Teo)
      lo dico anche qua…servirà un'impresa, anzi un miracolo, per sistemare in 3 giorni un attacco che ha fatto un solo misero gol su azione in 4 gare…e de gol ghe nè serve due, senza ciaparne, cosa ardua…

      1. maurizio scrive:

        Non siamo entrati in campo con la concentrazione come a Pescara e di conseguenza sono emersi i soliti errori. Forse al ritorno il dover vincere ci farà bene. Capitolo diffidati, ci é andata bene perdendo solo Colombatto e secondo me alcuni giocatori hanno giocato contratti per non prendere il secondo giallo. La sostituzione di Laribi forse é stata fatta in questa ottica visto che era diffidato. Giusto la valutazione di Matos ma ieri la alternativa era Lee e per certe partite é troppo leggero Comunque non pensiamo alla partita di ieri, domenica é una finale secca dobbiamo vincere e vittoria sarà

        1. Carlo scrive:

          Una sola considerazione
          Ma quanti gol abbiamo preso dal Cittadella quest’anno?
          Stemo parlando del cittadella era, no della rubentus o del Barcellona

          1. RobyVR scrive:

            Pecchia, Grecchia, Grecchietti, Setti

            1. Caniggia scrive:

              Pienamente d'accordo sul 352 modulo che sarebbe andato bene anche l'anno scorso con pecchia… Ma oggi fanno tutti i guardiola e adattano i giocatori al modulo invece di trovare il modulo migliore in base alla rosa che hanno. E così ci subiamo centrali che fanno i terzini centrocampisti che fanno i centrali etc etc. Giovanni la penso esattamente come te su pazzini. Non me ne voglia di Carmine ma se grosso lo avessi fatto esse fatto giocare titolare dall'inizio sono sicuro che avrebbe superato i 20 gol anche quest'anno. È incredibile che 3 allenatori in 2 anni non lo abbiano capito

              1. Ricc scrive:

                passi indietro
                assurdi i tre disimpegni difensivi errati nel finali, uno dei quali ci costa un 2-0 pesantissimo.
                approccio sbagliato alla gara incapaci di liberare l'area.
                una squadra tesa e contratta
                ciò che doveva essere il Cittadella per esperienza e abitudine.
                poi due pali e due miracoli di paleari ma sono deluso
                faraoni è perfetto per il 352 con vitale a sinistra e due punte davanti
                non sembra così facile da capire.
                fuerza hellas
                hasta la Victoria siempre

              Lascia un Commento

              Accetto i termini e condizioni del servizio

              Accetto i termini sulla privacy

              *