09
feb 2020
AUTORE giovanni.vitacchio
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.618

IL PAGELLONE DI VERONA-JUVENTUS

SILVESTRI 6 Immagino che a casa abbia un altarino di devozione a “San Palo” che in due partite lo ha protetto ben quattro volte. Ma, si sa, la fortuna aiuta gli audaci, o comunque aiuta e basta. Tutto sommato i bianconeri non lo chiamano a imprese epiche, anzi.

RRAHMANI 6.5 Di differenze tecniche e di qualità tra lui e Ronaldo ce ne sono a bizzeffe. Sullo scatto che porta al gol del portoghese sembra quasi tenere la stessa velocità. Poi le doti di CR7, inevitabilmente, emergono. Ma nel corso di tutta la gara, riesce a controllarlo, per quanto sia possibili limitare un fenomeno come lui. Se non altro, lo costringe spesso a partire da lontano.

GUNTER 7 Autoritario e autorevole in mezzo alla difesa. Bada al sodo e conferma l’anticipo il suo vero punto di forza. Bravo a far partire l’azione da dietro e sempre posizionato alla perfezione in fase di marcatura. Quando serve, la spara in curva, tanto, visto la bellezza alla quale ci ha abituato questo Verona, qualche credito se lo potrà pure spendere.

KUMBULLA 8,5 La foto della sua partita, a mio modesto avviso, è il superbo anticipo che fa su Dybala, entrato in campo “fresco fresco” per portare i bianconeri alla vittoria. Un piccolo grande gesto che consacra questo neo ventenne (ha compiuto proprio oggi gli anni) al grande calcio. Grandissima prestazione, sempre preciso, sia col destro, sia col sinistro. Riesce anche a segnare ma il Var gli annulla il gol per un pezzo di gomito oltre a tutti. Ha scelto di restare a Verona e i miei “uccellini” mi confermano che un altro anno qui lo farebbe. Ma temo che la realtà sarà ben diversa. Campioncino.

FARAONI 7 Inizia con un paio di galoppate che mettono paura ad Alex Sandro. Al decimo un missile terra-aria non finisce sotto al sette solo per lo straordinario intervento di Szczesny. E ancora a correre come un matto, fino ad esaurimento fiato e fibre muscolari. Ancora un bel tiro che finisce fuori non di molto. Sempre tra i migliori.

AMRABAT 7 Inesauribile, come sempre. Più fresco degli altri dopo aver saltato la Lazio per squalifica. E si vede. Esce spesso dalle spire dei bianconeri, disorientando loro, e facendo finta di disorientare anche sé stesso. Questo crea un corto circuito tutto gialloblù. Tuttocampista, gestisce una marea di palloni e ne perde forse due. Più di così, mancherebbe solo il gol. Ma per i miracoli si sta ancora attrezzando.

VELOSO 6.5 I suoi calci piazzati sono sempre risorsa preziosa per questo Verona. Dal suo calcio di punizione arriva il gol-non gol di Kumbulla, annullato per centimetri. Poi la solita gestione in mezzo al campo, davanti a gente abituata a giocare in Champions League. Alla fine i suoi “enta” si sono fatti sentire.

VERRE (dal 13′ s.t.) 6.5 Entra in campo come un gladiatore al Colosseo, ops all’Arena. Si butta su ogni pallone, aiutando i suoi a guadagnare metri in vista del gran premio della montagna. Prezioso in mischia, quando le punte dei suoi piedi spesso spizzicano la palla di quanto basta per riprendere il filo del discorso.

LAZOVIC 6.5 Sprazzi di grande giocate, sapientemente miscelate all’arte della difesa davanti a Cuadrado che, se gli lasci due metri, se ne va e non lo prendi più. Il serbo, a dispetto di un fisico mingherlino, trova sempre lo strappo per ripartire. Oggi è arrivato davvero cotto alla sostituzione.

DI MARCO (dal 34′ s.t.) 6 Partecipa alla grande festa e alla grande volata finale.

PESSINA 7 Quando vedi uno come lui, che ha qualità da vendere, ti domandi cosa ci faccia appiccicato a Pjanic. La risposta è così semplice, quanto scontata: spegne la luce della Juve. Ma se qualsiasi altro giocatore si sarebbe accontentato di questo, lui no, lui crea e inventa con la sua classe cristallina. Non spreca niente, mai.

ZACCAGNI 7 Le ultime tre partite sono state un crescendo per Zac, sempre più convinto delle sue qualità e sempre più bello da ammirare in questo Verona. Ai ghirigori di inizio stagione ha aggiunto il pragmatismo e la concretezza del giocatore con la G maiuscola.

PAZZINI (dal 24′ s.t.) 8 Cinquantesimo gol con la maglia del Verona, quarto in questa stagione, il più pesante in assoluto. L’apertura alare di Szczesny sarà di otto metri, ma lui sa bene che non sbaglierà. E non sbaglia, sotto quella curva che lo ama come pochi altri ne ha amati. E’ a un solo gol dal suo amico Toni. Avanti così, vecchio Pazzo, prova a portare il tuo Hellas in Europa.

BORINI 7.5 Per lui Juric a fine partita ha avuto parole al miele: “Fabio è un ragazzo pulito, che ha voglia, è concreto, segna… ha tutto”. Più di così cosa potrebbe chiedere questo ragazzo che in una manciata di partite ha già fatto due gol, pesantissimi. Se questo è il suo modo di mettersi in gioco, penso che sarà naturale per il Verona, a fine stagione, proporgli un rinnovo di contratto. Ammesso che lui lo voglia.

JURIC 10 A questa squadra mancava l’impresa contro una grande. E’ arrivata la più bella, contro la più grande. Una vittoria autorevole, dopo una prima mezz’ora a tenere la Juve nella sua metà campo. Tre punti in rimonta, quando il gol di Ronaldo sembrava potesse uccidere questa Armata Brancaleone. Che invece, d’orgoglio, di forza, di qualità e di cuore si è andata a piazzare, almeno per una notte, in Europa League. Anche se questo Hellas viaggia a ritmo scudetto. Il fenomeno ce l’abbiamo noi…

1.618 VISUALIZZAZIONI

6 risposte a “IL PAGELLONE DI VERONA-JUVENTUS”

Invia commento
  1. Maxhellas scrive:

    Partita sontuosa. Il gioco del calcio lo abbiamo fatto vedere noi, non certo la Rubentus.
    Meritano tutti 10, dal primo all’ultimo.
    Bravi, bravi, bravi!

    1. Caniggia scrive:

      per me ieri 10 a tutti

      1. Riccardo scrive:

        kumbulla
        quando un ragazzo a vent'anni fa una prestazione del genere, contro una delle squadre più grandi d'europa, implacabile in difesa e decisivo in attacco. beh allora vuol dire che siamo davanti ad un Campione.
        MK24: buon viaggio nell'Olimpo del calcio .
        che sia solo un caso che abbia lo stesso numero del grande Kobe Bryant?

        1. Sarsacolo scrive:

          Kumbulla, poteva firmare per l'inter e rimanere qua fino a fine stagione come gli altri due, non lo ha fatto. un motivo ci sarà.

        Lascia un Commento

        Accetto i termini e condizioni del servizio

        Accetto i termini sulla privacy

        *