13
mar 2021
AUTORE giovanni.vitacchio
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 5 Commenti
VISUALIZZAZIONI

904

IL PAGELLONE DI SASSUOLO-VERONA

SILVESTRI 6.5 Incolpevole sui gol, è autore di due belle parate, una per tempo. Reattivo sul colpo di testa da due passi di Ferrari. Gattone quando Berardi sembra azzeccare la punizione giusta. E’ bravo a distendersi e a mettere in angolo. Se ne prende tre in maniera del tutto inspiegabile.

MAGNANI 5 Non tranquillissimo. E questo gli avversari lo sentono e tendono a puntarlo. Fatica in più di un’occasione a contenere Caputo e quando l’attaccante sembra ormai lanciato a rete, lo stende e si prende il cartellino giallo. Juric lo toglie per evitare di rimanere in dieci nel momento in cui il Verona dà fondo a tutte le energie per riacciuffare il risultato.

BESSA 6.5 (dal 67′) Vivace e sempre bravo a trovare la giocata più utile e meno spettacolare. Prezioso quando il Verona confeziona la bellissima azione che porta al pareggio di Dimarco. Ecco, io qualche minuto in più tenderei a darglielo.

GUNTER 5 Non perfetto in occasione del primo gol del Sassuolo. Idem quando i padroni di casa trovano il raddoppio, proprio quando il Verona sembrava pronto a colpire per fare male. Il suo rilancio è pasticciato. Due errori decisamente evitabili che certificano un momento non esaltante per il centrale gialloblù.

DAWIDOWICZ 6 (dal 55′) Meglio di chi era partito dal primo minuto. Il solito lottatore quando c’è da scontrarsi fisicamente con gli avversari. Dà tutto quello che ha in corpo. Evita un gol fatto. Ma dal calcio d’angolo successivo, il Sassuolo trova l’insperato gol della vittoria.

CECCHERINI 6 Un primo tempo particolarmente intraprendente, attento dietro e propenso anche all’azione offensiva. C’è Berardi dalla sua parte, sempre capace di inventare. Ma cerca di lasciargli soprattutto le palle più sporche. Nella ripresa è sempre il Verona a fare la partita e lui si limita a rispettare le consegne.

FARAONI 6 Quarantacinque minuti a due facce per Davide. Si divora un gol clamoroso, solo davanti a Consigli. Invece di tirare, si impappina. Poi, però, si riscatta con l’assist decisivo per il gol di Lazovic. Evidentemente in condizione non ottimale, dopo l’intervallo rimane negli spogliatoi. Poco male, almeno rifiata un pochino.

DIMARCO 6.5 (dal 46′) Quarto gol stagionale per Federico, che entra subito nel pieno del gioco. A sinistra il Verona fa male, e, fatalità, c’è sempre lui. Bellissima la rete dell’illusorio 2-2.

TAMEZE 5.5 E’ poco reattivo in occasione del gol del vantaggio di Locatelli. Sta a guardare il centrocampista del Sassuolo invece di andare a fargli ombra. Un po’ compassato, fa fatica a trovare corsa e ritmo. Prova il colpo grosso con un tiro dal limite dell’area di rigore che non esce di molto. Esce dopo dieci minuti dall’inizio della ripresa.

STURARO 6 (dal 55′) Mette il fisico e per lunghi tratti, quando entra in campo lui, il Sassuolo non riesce a ripartire. Sta crescendo.

VELOSO 5.5 Seconda di fila non all’altezza delle sue tantissime qualità. Poche giocate illuminanti, quasi mai bravo a trovare il ribaltamento di campo. Il Verona fa affidamento sui suoi calci piazzati e oggi manco quelli gli riescono. Il centrocampo neroverde gli fa male e lui ha poche armi per soccombere definitivamente.

LAZOVIC 6.5 Oltre il gol c’è di più. C’è un giocatore che si sembra finalmente ritrovato, e questa è una grandissima notizia per mister Juric. Come dicevo, oltre alla rete dell’1-1, suo è l’assist per Dimarco che la pareggia ancora una volta. Ha di nuovo la gamba dei tempi migliori. Va da sé che questo aiuti anche l’auto stima, fondamentale per questo ragazzo che quest’anno di sfiga ne ha avuta tanta.

BARAK 5.5 Pronti e via, dà l’impressione di essere in giornata. Bello il colpo di testa a due passi da Consigli, ma il portiere del Sassuolo ha i riflessi per mettere in angolo. Piano piano perde energia e quando lui non è travolgente è come Sansone con i capelli a spazzola. Forse ha bisogno di rifiatare un po’ per ritrovare fiato e gambe.

ZACCAGNI 6 Non ha fatto male, ma nemmeno faville. Qualche fiammata delle sue, un paio davvero interessanti. Su tutte il bel cross per Barak che di testa poteva anche fare meglio. Ma Zac è un giocatore fenomenale ed è lecito aspettare sempre qualcosa di più da lui. Faccio lo stesso discorso fatto per Barak: magari deve riposare una partita, anche perché Bessa dà l’impressione di sostituirlo degnamente.

SALCEDO s.v. (dall’83′)

LASAGNA 5 Dopo il gol di Benevento ci aspettavamo che potesse finalmente sbocciare. Non è ancora arrivato il suo momento, evidentemente. La voglia di dimostrare gli è controproducente, perché le idee che ha sono tante, ma non ha chiaro come realizzarle. Arruffone, ha un’occasione importantissima nel primo tempo e, inspiegabilmente si decentra il tanto che basta per perdere il tempo giusto per calciare. Dubbio un contatto con Chiriches, ma l’arbitro non vede.

ALL. JURIC 5.5 Tre gol subiti, soprattutto questo tipo di gol, devono far riflettere il mister. Per la seconda di fila Magnani e Gunter non sembrano in giornata, mentre meglio ha fatto Dawidowicz entrando in corsa. Forse anche Barak e Zac dovrebbero rifiatare. Però la squadra c’è, su questo non ci sia il minimo dubbio, perché oggi il Verona non meritava assolutamente di perderla. Quindi, evitiamo di parlare di motivazioni esaurite, non ci sto.

904 VISUALIZZAZIONI

5 risposte a “IL PAGELLONE DI SASSUOLO-VERONA”

Invia commento
  1. Enri scrive:

    Concordo sui voti, forse qualcuno andrebbe fatto rifiatare un po’. Vedi Zaccagni, Barak e Tameze. Per assurdo in difesa eravamo meno distratti quando eravamo in emergenza…cmq il pareggio sarebbe stato giusto e la mischia del calcio d’angolo ha avuto dei rimpalli sfortunati

    1. ziga scrive:

      Vorrei sapere chi ha fatto quel retropassaggio subito dopo il pareggio del 2 – 2; E’ stato li che abbiamo perso la partita.
      DI Carmine è andato via sottotraccia mentre tra fanfare e squilli di tromba è arrivato Lasagna… siamo sicuri che l’ex Udinese gli sia superiore?

      • Antonio scrive:

        Io comincio a pensare che oltre agli squilli di tromba anche Juric abbia i suoi limiti e in particolare riguardo l’attacco: è vero che in questi due anni non ha avuto dei fulmini di guerra, ma i suoi attaccanti corrono tanto, ma gli arrivano pochissimi palloni giocabili e se non sono dei veri bomber alla Toni per dire, fanno una gran fatica.

      1. ziga scrive:

        Giovanni, in trasmissione hai detto che Veloso non può giocare tre partite in una settimana (?) … e passata una settimana dall’ultima partita e poco prima è stato fermo un mese all’incirca.
        Veloso è a mio parere molto sopravvalutato visto che di solito gioca metà delle partite di un campionato e tra l’altro bisogna aspettare tra un’assenza e l’altra “che torni in forma”…

        • giovanni vitacchio scrive:

          Intendevo che fa fatica a giocare tre partite di fila. Non sono assolutamente d’accordo che sia sopravvalutato. E’ un giocatore tecnicamente fortissimo. Quest’anno ha avuto qualche problema fisico, ma lo scorso campionato ha giocato 34 partite su 38. Come puoi dire che giochi solo la metà delle gare?

      Lascia un Commento

      Accetto i termini e condizioni del servizio

      Accetto i termini sulla privacy

      *