09
giu 2021
AUTORE giovanni.vitacchio
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 9 Commenti
VISUALIZZAZIONI

963

IL PAGELLONE DI FINE STAGIONE

SILVESTRI 7 Ha vissuto una prima parte di stagione a dir poco scintillante. Inevitabile che gli occhi delle grandi società, e del c.t. della Nazionale Mancini, piombassero sul portiere gialloblù. Ha salvato spesso il risultato, diventando il cardine di quella che per lunghi tratti è stata una delle difese meno battute della serie A. Poi qualcosa si è inceppato. La sicurezza mostrata ha lasciato spazio a qualche incertezza di troppo. Ma non ha smesso di lavorare con intelligenza, riuscendo a mettersi alle spalle il periodo peggiore. Spero rimanga, ma alle sue spalle c’è chi comincia a bussargli sulla spalla.

PANDUR 6.5 Il preparatore dei portieri Cataldi ha fatto un enorme lavoro con Silvestri. Sulla stessa scia ha iniziato a plasmare il portierino croato, diventato protagonista nel finale di stagione. Dopo un debutto con le gambe che tremavano, Ivor si è scrollato di dosso l’ansia, dimostrando di poter essere un titolare. Forse ancora presto per essere IL titolare del Verona.

BERARDI 6.5 E’ un voto meritato dietro le quinte, perché il campo lo ha visto solo a Napoli, l’ultima di campionato, facendo, peraltro, un’ottima figura. Le qualità di Alessandro sono rimaste nascoste nello spogliatoio, dove è diventato uno dei riferimenti per i compagni. Sempre al suo posto, tranne quando il Verona segnava: in quel caso era il primo a lasciare la comoda poltrona della panchina. Li chiamano gregari, ma sulla salvezza c’è anche la sua preziosissima firma

GUNTER 6.5 Prima il covid, poi tanti piccoli problemini fisici che non gli hanno permesso di ripetere la stagione precedente, nella quale, dopo qualche inciampo di troppo, si era preso sulle spalle la difesa. Un po’ in altalena, ha fatto vedere cose super, ma anche qualche sbandata in più dell’accettabile. Quando è in condizioni fisiche e mentali impeccabili è un fattore. Lo sarà anche senza il suo mentore di Spalato?

DAWIDOWICZ 7 In redazione lo abbiamo simpaticamente ribattezzato Raimondo, perché il suo modo di correre ricorda quello dinoccolato di Vianello, Avete presente quando il mitico marito di Sandra giocava le Partite del Cuore? Ecco. Ma è diventato un nostro “eroe” perché dove non è arrivato con la qualità e la tecnica ci ha messo il cuore e la grinta. In due anni è passato dall’essere un mistero (e sono buono) fino a diventare un vero giocatore. In difesa o a centrocampo, raramente ha sbagliato partita. Ha cercato con ostinazione il gol, ma la fortuna non lo ha aiutato. Grande Raimondo.

MAGNANI 7 – Ci sono stati momenti del campionato in cui ho avuto la sensazione che fosse un fenomeno. Epici gli scontri con i colossi della serie A, su tutti Ibra. Annullato a San Siro, ha segnato proprio quando Jack è stato sostituito. Ma a questi sprazzi di enorme qualità ha alternato periodi in cui è letteralmente sparito. A un certo punto è finito fuori dalla scelte di Juric. Forse il limite di Giangiacomo è mentale, forse la mancanza di continuità. Ma si è rivelato un ottimo acquisto per il Verona e da lui si deve ripartire per puntellare la difesa.

LOVATO 6 + Vale i presunti 20 milioni di euro dei quali si è fantasticato all’inizio della stagione, dopo un paio di prestazioni da 7? No, almeno per il momento. Perché il giovanotto, soprattutto nelle prime uscite, buttato nella mischia più per costrizione che per scelta (vedi infortuni dei compagni di reparto) di cose interessanti ne ha fatte vedere, ma non sono mancati i momenti più rognosi. Fa parte del percorso che Matteo deve proseguire, a testa bassa, lavorando, ed evitando di leggere le favole del fantamercato. Solo così quei 20 milioni potranno diventare reali e non banconote del Monopoli.

CETIN 5 Eppure era partito bene, proprio contro la sua ex squadra, la Roma. Ma poi, un brutto infortunio muscolare ha messo fine a tutti i buoni propositi. Juric non lo ha più visto, nemmeno quando dietro si scassavano in due o tre alla settimana.

CECCHERINI 7 Che sorpresa! Un guerriero, mai domo, perfetto per il gioco di Ivan Juric. Si è rivelato utile sia a destra sia a sinistra, nella difesa gialloblù. Per carità, i piedi non sono sempre educatissimi, ma Cecche ha investito su altro, ha adattato le sue qualità alla causa e ha avuto ragione lui. Un brutto cliente per tutti gli attaccanti. Un limite, il fisico. Troppo spesso lo ha abbandonato. Un infortunio lo ha perseguitato per buona parte della stagione. Stringendo i denti, però, l’ha portata a casa alla grande.

DIMARCO 8 Ricordo le prime partite dello scorso anno. Imbarazzanti alcuni commenti che leggevo, qua e là, sui social. Era bollito ancora prima di essere cotto e mangiato. Ebbene, non solo ha spernacchiato gli allenatori di Facebook, ma in un anno e mezzo è diventato un gioiello. Prima più attaccante che difensore, poi difensore-attaccante e la differenza non è così banale. E poi ha segnato, tanto, e ci sono gesti che ci rimarranno nella mente e nel cuore (vedi Torino). E’ tornato a Milano per giocarsi le sue chances con la maglia dell’Inter. Il Verona poteva riscattarlo per 6.5 milioni, ma ha scelto di non farlo. E’ uno di quei misteri che non riuscirò mai a capire. Di mancini come lui in Italia ce ne sono pochini.

VELOSO 6 Lo scorso campionato era stato uno dei più presenti, uomo fidato di Juric, in campo e nello spogliatoio. Quest’anno gli acciacchi hanno presentato il conto e un intervento al collo, più fastidioso di quello che si potesse pensare, lo ha condizionato non poco. Però è come quell’amico che quando lo inviti alla festa, e non si presenta, ne senti la mancanza. Con lui il Verona gira meglio e, visto il rinnovo, sono sicuro che continuerà a farlo.

FARAONI 8 Ha scalato la classifica delle mie personali preferenze e i motivi sono tanti, non solo calcistici. Partendo da questi, si è confermato su livelli stratosferici, tatticamente prezioso in entrambe le fasi di gioco. Ha macinato chilometri su quella fascia destra, con la stessa lucidità in difesa e in attacco. Non ha permesso alle “riserve” di spodestarlo, troppo forte per tutti. E poi c’è l’uomo, che pare aver giurato amore eterno al Verona, che in lui ha creduto quando nessun altro era intenzionato a farlo. Sono convinto che non siano solo parole quelle di Davide, che conosce la parola riconoscenza.

BARAK 8 Quel modo di ciondolare in campo ha ricordato un po’ quello di un certo Briegel, col quale condivide anche i calzettoni abbassati. Uno strapotere fisico, mixato con tecnica e qualità sulle quali ha lavorato sin da ragazzino, quando ad allenarlo, tormentato dai compagni di squadra bulli, era il padre. Ha segnato, tanto. Sette gol che lo hanno fatto diventare miglior marcatore stagionale. Ha detto di sognare una squadra con la quale vincere lo scudetto e come dargli torto. Ma c’è tempo. Il Verona ha ancora bisogno di lui.

LAZOVIC 6.5 Prima il ginocchio. Poi il covid. E ancora tante piccole magagne che non lo hanno di certo aiutato. Non abbiamo rivisto il giocatore devastante dello scorso campionato, l’unico veramente in grado di saltare l’uomo con disarmante disinvoltura. Ha faticato per lunghi tratti, ma nelle giornate di grazia si è avvicinato a quella furia che ci aveva fatto stropicciare gli occhi, e che con Zaccagni e Dimarco faceva impazzire i difensori avversari. Qualcuno, come ho letto sui social, pensa che senza Juric sia un giocatore normale. Non sono affatto d’accordo. In serie A rimane un esterno che può fare la differenza. Il fisico, però, deve essere dalla sua.

UDOGIE 6.5 Ha giocato pochino, ma quando è sceso in campo sicuramente non ha fatto pentire Juric della scelta. Ha fisico e qualità sulle quali lavorare e, soprattutto, sembra poter giocare in più ruoli senza grande imbarazzo. Vediamo che lavoro riuscirà a fare su di lui Di Francesco.

ILIC 6.5 Juric lo ha detto in tutte le salse: ha potenzialità per diventare un top player. Io concordo col mister. Tecnicamente ha colpi di gran classe, un sinistro magico. Anche lui è stato “costretto” a giocare per i tanti problemi fisici di Veloso e questo non gli ha risparmiato qualche flop. Ma la bilancia pende sicuramente dalla sua parte. Quando troverà il lancio lungo e una maggior velocità di pensiero col pallone tra i piedi, potrà davvero fare la differenza. Come quel Jorginho, che dalla Sambonifacese è passato al Chelsea, vincendo la Champions. Servono dieci milioni per riscattarlo dal Manchester City. Setti punta rinnovare il presto a un milione. Speriamo che abbocchino.

RUEGG 5 Qualche occasione, qua e là l’ha avuta. La sua sfortunata è stata trovare sulla sua strada Faraoni. Una missione praticamente impossibile sperare di trovare un posto da titolare. Chissà se avrà voglia di riprovarci.

BENASSI S.V. Impossibile da giudicare, non lo abbiamo mai visto per colpa di un infortunio inaspettatamente grave che ne mette in dubbio anche il futuro. Eppure, quando ha potuto allenarsi bene ha fatto intravvedere grandi cose. Questo non fa altro che aumentare i rimpianti.

VIEIRA 5.5 Partito bene, aveva preso possesso del centrocampo. Fin quando il fisico non lo ha mollato. E’ stato uno dei misteri di questa stagione maledetta sul fronte infortuni. Spesso sul punto di rientrare, ha deluso chi contava di averlo a disposizione. Peccato perché in questo Verona ci stava, eccome.

STURARO 5.5 Voluto fortemente da Juric, doveva garantire grinta ed esperienza in mezzo al campo. Ci è riuscito solo a metà. Ha alternato prestazioni muscolari ad altre in cui ha faticato a tenere il passo della squadra. Anche per lui, poi, qualche acciacco di troppo che lo ha limitato.

BESSA 6 Tornato alla base in dicembre, dopo il prestito di 18 mesi in Brasile, ha dovuto lavorare tanto per mettersi in pari coi compagni. Vice Zaccagni ha ricordato a tutti noi le sue grandi qualità tecniche. Ma se vuole davvero prendersi un posto da titolare (ammesso che Zaccagni davvero venga ceduto) dovrà lavorare ancora parecchio su molti aspetti, soprattutto per quello che riguarda l’intensità nei novanta minuti. In questo senso, fare la preparazione con la squadra fin dall’estate potrà essere determinante. Io credo alla sua consacrazione.

TAMEZE 7.5 A inizio campionato la più grande preoccupazione dei tifosi del Verona era come superare il lutto per la cessione di Amrabat alla Fiorentina. Adrien non ha certo le caratteristiche di Sofian, ma io, personalmente non ne ho sentito la mancanza. Ha giocato a centrocampo, facendo legna e coprendo chi doveva dirigere l’orchestra. In difesa, nei tre centrali. In attacco, come falso nove. Proprio in quel ruolo forse la sua miglior prestazione, a Roma contro la Lazio, dove il gol della vittoria lo ha segnato lui. Che ricordi…

SALCEDO 6- Lo scorso anno mi era sembrato più dentro al progetto tecnico di Juric. E lui aveva ripagato anche con qualche gol pesante. In questa stagione, mi sarei aspettato qualcosa di diverso da Eddie, sono sincero, anche perché aveva e ha le qualità per incidere di più. Per troppo tempo è finito fuori dai radar e non è certo facile giocarne una per poi stare fuori per altre cinque partite di fila.

FAVILLI 5.5 Io coi numeri non sono mai stato ferrato, ma credo che abbia il più alto rapporto tra minuti giocati e gol fatti. Perché effettivamente il campo lo ha visto poco, ma quando lo ha visto ha segnato. Incredibile la rete che ha illuso i gialloblù a Torino, contro la Juve. Calciando si è infortunato. Un fisico di cristallo che lo sta limitando tremendamente. Ha detto di aver imparato molto a Verona. Tornerà a Genova. Purtroppo non ce lo siamo goduto come avremmo voluto.

ZACCAGNI 7.5 Talmente devastante da finire nel giro della Nazionale. Credo che molti fossero convinti del fatto che, continuando con un certo tipo di prestazioni, sarebbe finito anche agli Europei. E invece qualcosina ha mollato, forse inconsciamente o semplicemente perché dopo mesi al massimo un calo ci può stare. E magari anche perché gli avversari hanno iniziato a pestarlo senza ritegno. Ma a me rimangono negli occhi le sue prestazioni più belle, che ho raffrontato alle sue stagioni pre Juric. “E’ bravo ma non si applica”, dicevamo. “Rimane sempre a metà”. Negli ultimi due campionati è diventato un giocatore vero. Che sia pronto per una grande? Non so, può essere. Sicuramente l’ambizione deve averla. Ma pensi anche a cosa lascerà. Tutto qui. P.S. Grazie per il gol di La Spezia.

COLLEY 6 Uno dei “bambini” di Juric. Il mister ha cercato di coccolarlo, senza mai essere duro, nemmeno quando entrava in campo mezzo addormentato, un po’ fuori contesto. Ed effettivamente, seppur coi tempi volubili di un 18enne, questo diamante grezzo a tratti ha infiammato con la velocità e i colpi da campioncino. Come cantano gli Ac/Dc… “It’s a long way to the top if you wanna rock and roll”. La strada è lunga, ma Ebrina ha tutto il tempo per percorrerla, evidentemente lontano da Verona.

KALINIC 5.5 Quando è arrivato a Verona il grande dubbio riguardava la sua tenuta fisica. Quindi, se ci limitiamo a questa considerazione, Nikola ha fallito. Troppi infortuni, sempre uguali, che lo buttavano fuori appena era rientrato. Ma considerando le partite che ha giocato, a me è piaciuto. Molti non saranno d’accordo e lo capisco. Ma a me vederlo giocare, in condizioni ottimali, divertiva. Deve fare una preparazione come si deve e, probabilmente, mirata. Merita una seconda chance, ma la penserà così anche Di Francesco?

LASAGNA 5.5 Ha faticato tremendamente a capire il gioco di Juric e, va detto, ha anche avuto poco tempo per farlo, perché è stato buttato in campo in fretta e furia, per mancanza di alternative. Ci si aspettava molto di più da lui, non solo in termini realizzativi, ma anche di gioco. E’ sembrato un corpo estraneo, nel contesto nel quale si è trovato. Il cambio di allenatore potrebbe portargli benefici, questo ce lo farà capire solo Di Francesco. Ecco, se posso dargli un umile consiglio, cambi un po’ anche l’atteggiamento. Perché lui è un ragazzo molto composto, timido, e a volte il linguaggio del corpo tradisce una certa sconsolatezza. Creda nelle sue qualità.

JURIC 10 La premessa è doverosa: il suo addio mi ha colpito molto duramente. Si dice sempre che non ci si debba affezionare ai giocatori e agli allenatori. Razionalmente non fa una piega. Ma davvero il calcio è diventato tutto testa e niente cuore? A me ha fatto male vederlo andare via, perché per due anni ha riacceso in me il sacro fuoco del “balon”. E’ stato l’artefice di due miracoli, quest’anno ancora di più rispetto alla passata stagione. Eppure leggo commenti demenziali da parte di qualche tifoso che ora parla di Ivan come di un traditore, un mercenario, uno che pensa solo ai soldi. Ma veramente pensate che sia andato a Torino per qualche centinaia di migliaia di euro in più? Quello ha fatto la differenza? Quelle due parole di saluto “A Verona ho vissuto i due anni più belli della mia vita” contengono molto di più. Parole non dette, che forse un giorno Juric dirà. Io per due anni mi sono sentito rappresentato da lui, che ha difeso i nostri colori in campo e non solo. Che ha rotto le balle alla proprietà per non diventare un grigio impiegato. E che si è aggrappato al blasone sbiadito del grande Torino per inseguire cosa, solo lui lo sa. Ha fatto bene ad andare via, ne sono convinto. Avrebbe avuto tutto da perdere. Gli contesto solo l’aver firmato un rinnovo triennale col Verona. Avrebbe dovuto accordarsi per un anno, per poi andare a discutere con Setti. Ma tant’è, è andata così. Spero che un giorno torni. Fino ad allora, mi mancherà. Perché non è stato ruffiano, tanto meno capopopolo. E perché non ci ha ammorbato con le solite trite e ritrite super cazzole di chi non ha mai niente da dire di sensato.

963 VISUALIZZAZIONI

9 risposte a “IL PAGELLONE DI FINE STAGIONE”

Invia commento
  1. rino scrive:

    io invece non sono d’accordo su Juric, 9 per la parte tecnica, 4 per la parte personale. E non sono nemmeno d’accordo di prendermi del demenziale solo perchè la penso diversamente da Giovanni Vitacchio. Ho una certa età ed esperienza, ho visto più volte questi comportamenti anche se in ambit diversi e Juric si è dimostrato proprio un traditore, forse l’ha fatto perchè non sopportava più Setti? OK. Ma noi tifosi? Juric ha tradito i tifosi, la squadra ed anche il concetto di intelligenza che pensavo gli appartenesse. Perchè ha accettato delle promesse da uno che se non è come Setti è molto peggio e che presto si paleserà. Juric si troverà ad allenare una squadra che faticherà a salvarsi, proprio come qua ma anche peggio appunto. Poteva aprire un ciclo, farsi amare da un’intera città (anche se non avesse ottenuto altri ottimi risultati), almeno poteva provarci un altro anno, perchè comunque appunto un contratto l’aveva, firmato da lui, per tre anni, troppo comodo andarsene dopo uno senza pagare dazio, visto che l’altra parte ti ha pagato quello che ti doveva e che non era esattamente un obolo. Altro che correttezza, schiettezza, e non interesse per il denaro, Juric si è dimostrato il contrario di questi termini. Così la penso e non mi sento assolutamente demenziale, non più di te Giovanni.

    • giovanni vitacchio scrive:

      Caro Rino, lei come chiamerebbe commenti del tipo “Juric sengalo de merda”, “Sei solo uno sporco croato”? Dia lei l’aggettivo che più preferisce. Per me sono commenti demenziali, vergognosi e non degni di una tifoseria come la nostra. Alle cose bisogna dare il loro nome, basta con il politicamente corretto. Se uno è demente in ciò che afferma, lo dico, senza paura di farlo. Mi dispiace che l’abbia presa sul personale, anche perché ciò che lei scrive è la sua opinione e come tale io la rispetto al 100%. Non la condivido, perché io non ci ho visto alcun tradimento. I tradimenti sono altri, dal mio misero e modesto punto di vista. Concordiamo solo sul discorso contrattuale e infatti l’ho scritto nel voto che ho dato al mister. Se poi fallirà a Torino, sarà solo il tempo a dirlo. Se è andato via da Verona è perché, evidentemente, non ha avuto le garanzie tecniche che chiedeva. Non cerchiamo spiegazioni nei 100 mila o 200 mila euro in più, perché non sta lì la differenza. Sono contento che non si senta demenziale, comunque non più di me. Sicuramente qualcuno più di noi lo è stato, però. Le auguro una buona giornata e concludo dicendo che età ed esperienza non siano per forza sinonimo di equilibrio nei giudizi. Parlo ovviamente in generale.

      • rino scrive:

        Si Giovanni, certamente quel tipo di commenti tipo “sengalo de mer.d.” sono demenziali e vergognosi. Nessun dubbio. Ma lei niizialmente scrive che sono demenziali i commenti che descrivono Juric come un traditore o uno che pensa ai soldi. Ok, su questo di siamo chiariti, giusto?
        Per il resto, pur essendo “esperto” di vita concordo di non avere la verità in tasca, ma la mia opinione rimane sempre quella che Juric ha tradito la tifoseria e quell’ideale che noi, all’Hellas abbiamo ben chiaro, ossia che nulla sarà facile, che dobbiamo lottare con meno armi delle strisciate, che il presidente non ci comprerà Neymar, noi siamo l’Hellas, non la Juventus. Devi combattere anche contro il tuo presidente? Benissimo, sei uno di noi ancora di più. Te ne vai anche se sei a contratto (ben pagato) perchè vuoi di più di soldi e di giocatori, nonostante quello che il Verona, Verona ed i suoi tifosi possano rappresentare ? Ok, normale in questo mondo senza ideali, per me sei un traditore. E la mia esperienza in sottri ben diversi e poveri dice che questo tipo di personaggio poi si deve ricredere.

    • PAPO scrive:

      concordo con il fatto che Juric se ne sia andato perchè Setti ha promesso e non mantenuto. Sinceramente ho trovato comodo il messaggino a mo di contentino lasciato sulla pagina istagram del club. Una conferenza stampa forse era almeno dovuta ma qui sento puzza di Setti…se vuoi andare vai ma nessuna spiegazione e conferenza ai tifosi.

      • giovanni vitacchio scrive:

        Papo, non sei il primo che dice che avrebbe voluto una conferenza stampa di addio. Però, se posso, non mi pare che sia una grande consuetudine. Pirlo ha fatto una conferenza dopo esser stato sollevato dal suo incarico? Gattuso? Conte? Io penso che siano ragionamenti che arrivano da chi si sente ferito. Anche io mi sono sentito ferito, ma non tradito, perché ho compreso, in ciò che ha detto Juric, i motivi del suo addio. Il messaggio di poche parole, per me, ne contiene molte di più. Cose non dette che magari un giorno dirà, non so. Però, ecco, non credo che fosse tenuto a salutare in pompa magna Verona.

        • PAPO scrive:

          Giovanni, io mi sento ferito da Setti ogni volta che al posto di parlare con la stampa locale preferisce interviste a radio partenopee…e dopo sinceramente sono ferito perchè ha preferito il torino a noi ciò significa che ci voleva poco …se fosse andato a giocarsi l’europa a roma o Napoli avrei capito di più!

    1. RobyVR scrive:

      Iuric 11, sensa de lù saressimo sa in B da l’an passà. Basarse le manine de averghelo avuo qua.

      1. di fiera stirpe scrive:

        Juric 9, il girone di ritorno è stato un disastro

      Lascia un Commento

      Accetto i termini e condizioni del servizio

      Accetto i termini sulla privacy

      *