02
feb 2019
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 77 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.647

UN BRODINO PER IL MALATO

Brodino e mela cotta. Ha il sapore delle pietanze che si portano al malato direttamente a letto il pareggio ottenuto oggi contro la Salernitana. Il terzo 0-0 in casa della gestione Bisoli (gli altri due contro Spezia e Cittadella). L’allenatore biancoscudato si è detto felicissimo di questo pari, guardando al bicchiere mezzo pieno, per il fatto che non si è preso gol e si è riusciti in qualche modo a muovere la classifica, ma la preoccupazione nel tifoso non può che salire. Sale perché è vero che con la media che sta tenendo il Padova attualmente (da quando è tornato Bisoli una vittoria, due pareggi e una sola sconfitta) la salvezza normalmente non è un problema, ma è altrettanto innegabile che siamo ultimi e questi piccoli passi al momento non bastano per togliersi dalla zona bollente.

Conforta sapere che i nuovi arrivati si sono messi a completa disposizione. Che umanamente sono giocatori straordinari, che hanno voglia di soffrire fino all’ultimo. Che tecnicamente sono pure validi. Ma il tempo stringe e vincere (almeno in casa) è fondamentale per riuscire a risalire. Il tecnico dice che non si può avere tutto e subito. Che la fretta sarebbe la peggiore delle compagne di viaggio perché nella scalata dell’Everest può essere che un giorno c’è una bufera e rimani fermo lì ma può anche essere che il giorno dopo c’è il sole e magari guadagni più metri di quelli che avevi messo in preventivo di guadagnare, recuperando terreno.

Ma la cima è lontana. E bisogna raggiungerla. Costi quel che costi. E ora come ora è tanto dura coltivare l’ottimismo che Bisoli ostenta da quando è ritornato. Che dire: io mi auguro che abbia ragione lui il 12 maggio. Ma spero ancora di più che per esempio a Cremona la squadra dia altri segnali positivi. Magari andando in gol. Magari mostrando un po’ più di smalto e intraprendenza. “Tutto e subito” magari non va bene, ma neanche “domani o la settimana prossima” sono le parole che vogliamo sentirci ripetere.

2.647 VISUALIZZAZIONI

77 risposte a “UN BRODINO PER IL MALATO”

Invia commento
  1. Bozzi85 scrive:

    Unico che capisce di calcio giocato qui’ e’ ACP. Unico che capisce di statistiche, dna e destini e’ Lacoste. Vi leggo da anni, solo per loro, visto che sono rimasti gli unici a dire cose interessanti.
    Edel torni subito nel blog.
    Il resto e’ retorica da bar.
    Il Padova e’ ultimo perche’ si e’ presentato ad agosto con una squadra non all’altezza.
    La dirigenza e’ sana e con tanta voglia di fare bene, ma non ha la disponibilita’ economica illimitata, che alcuni pensano.
    Bonetto, anche se retrocede, rimane un grandissimo presidente.
    Campagna di gennaio,buona, ma mancano due pedine importanti come Buchel e Littieri.
    Bisoli ha troppa paura tattica per scalare questa montagna.
    Prendersela con la stampa e’ da bambini viziati.
    Ci salveremo?
    Lo scopriremo solo vivendo.

    • Lacoste76 scrive:

      Non mi va di essere accostato ad acp
      Solo la Patty è alla mia altezza

      • Bozzi85 scrive:

        La vita …la vita e la vita le bela , le bela , basta avere l’ombrella, che ti riparava la testa in un giorno di festa.

    • fabio.pd scrive:

      scusa Bozzi…ma hai fatto una disamina che è scontata, cose già dette. Poi…chi se la prende con una certa stampa ha dato anche le sue motivazione, giuste o sbagliate, ognuno fa le sue valutazioni ma ognuno è libero, con il dovuto rispetto, di criticare. L’unica cosa che io critico a te è che sostieni che acp è l’UNICO che si intende di calcio…ecco qui avrei molte perplessità. E penso di non essere il solo…..

    • acp scrive:

      bozzi ci conosciamo?

      • Bozzi85 scrive:

        Acp, anni fa’ al Ciocco. Magari ti ricordi, ho passato 2 turni.Fabio, ha detto ad agosto quello che sarebbe accaduto a dicembre con questa guida tecnica, seguendo la logica e non la corrente. Ho paura che alla guida dell’aereo ci sia un kamikazze giapponese.

    1. Filippo scrive:

      Alessandro Capello, il noto Zidane bolognese.
      Chi contesta ACP capisce di calcio come Malgioglio di figa.
      7-0, vi dirà: “volevate osare? Ho messo tre punte per accontentarvi”
      Bozzi85 un buffone.

      1. acp scrive:

        cremonese padova 4-1

        la fine.

        1. Il vecchio Max scrive:

          Qualcuno invita alla rassegnazione con grande veemenza e zelo.Non mi riferisco ad ACP,i cui post “bifronte” per dimostrare che lui ha sempre ragione hanno ormai un chiaro marchio di fabbrica,per cui se si retrocedera’ ci dira’ che lui ce l’aveva detto dai tempi di Marco Caco,e se disgraziatamente ci si dovesse salvare allora saltera’ fuori che aveva ironicamente trollato.
          Ognuno e’ libero di rassegnarsi quanto gli pare,sia chiaro,ma io non ci riesco proprio,mi sembra una cosa che onestamente in questo momento non stia ne’ in cielo,ne’ in terra,anche se uscissimo da Cremona con le pive nel sacco.
          Ovviamente non sono Nostradamus e non so se ci salveremo,ma so che abbiamo nelle nostre mani tutte le possibilita’ per farlo.Da un lato c’e’ il fatto innegabile che la squadra e’ stata notevolmente rinforzata e lentamente potra’ solo che migliorare in quantita’ e qualita’,per lo meno in assenza di eccessaive future disgrazie.Ma la porticina della speranza si allarga se comincio ad analizzare la stranezza del nostro cammino fino ad ora,una cosa che credo abbia pochi precedenti storici e di cui non mi ero accorto.
          A 15 giornate giocabili dalla fine ,ci sono 6 squadre in gioco per la salvezza. Metto quindi pure il Cosenza,anche se sta vivendo il suo momento di grazia e magari finira’ pure in seria A, ma che resta l’attuale punto di riferimento per la salvezza diretta,Siamo con 16 punti,che sono davvero pochi,ma siamo ULTIMI solo perche’ abbiamo vinto e pareggiato le partite sbagliate.
          No,non sono diventato matto. Il dato impazzito e da guiness dei primati e che con le le 5 AVVERSARIE nella lotta salvezza(Cosenza,Foggia,Crotone,Carpi e Livorno) abbiamo preso la bellezza di 1 punto su 15 a disposizione.
          Abbiamo preso un punto con le 5 squadre di piu’ bassa classifica e 15 punti con quelle che stanno sopra.
          Se in questo momento siamo fuori dai play-out e virtualmente in serie C e’ per questa innegabile disgrazia (calcisticamente parlando,ovviamente) di aver batturo ad esempio il Venezia in casa,ma poi perso con il Carpi. Se capitava il contrario noi saremmo sempre a 16,ma il Carpi sarebbe dietro di noi. E se Merelli la paperona la faceva a Verona invece di Foggia,noi saremmo a un punto da loro invece che a 3… E cosi’ via.
          Lo so, la storia non si puo’ cambiare, e’ andata cosi’,recriminare non serve,ma… C’e’ una domanda :possiamo rimediare a questa situazione disastrosa,visto anche che i risultati negli scontri diretti potrebbero determinare chi retrocedra’ direttamente ? Decisamente si’,e per 3 motivi : 1)tutte e 4 le sconfitte sono state con il minimo scarto 2)4 su 5 dovranno venire a casa nostra,dove siamo chiaramente piu’ competitivi 3)L’unica trasferta sara’ a Carpi,che invece in casa sua e’ piu’ vulnerabile che fuori…
          Chiaro,a tutti piace veder vincere la propria squadra e se le vincessimo tutte e 15 potremmo giocarci la serie A(ALLA FACCIA CHE IL TEMPO NON C’E’ PIU’),ma sappiamo che dobbiamo essere realisti e che non saremo capaci di vincerne cosi’ tante,per cui bisognera’ per forza di cosa farlo almeno con le squadre…giuste. Difficilissimo,non lo nego,pero’ la possibilita’ c’e’ ed e’ molto concreta.La salvezza bisognera’ pure meritarsela in qualche modo,no ?

          • nanan scrive:

            lo scorso anno l’ascoli era ultimo in febbraio e si e’salvato,la ternana 2 anni fa era ultima a marzo e si e’ salvata.tutto puo’ succedere anche che una squadra che e’ a ridosso dei playoff possa entrare in crisi,o il cosenza lottare per i playoff.con il verona stessa formazione a parte lollo -pulzetti che abbiamo visto con la salernitana …ci sono tanti fattori da valutare stato di forma avversari,modulo,episodi ecc.che possono condizionare il risultato. e’ vero che bisogna assolutamente fare punti ed osare un po’ di piu’ ,ma lo devono fare anche i giocatori indipendentemente dal modulo.con clemenza o baraje in campo speri di avere piu’ qualita’,ma sai che dovrai anche concedere qualcosa .

          • Enrico M. scrive:

            Almeno sul fatto che con la Salernitana di dovesse provare a vincere e non lo abbiamo fatto, siamo d’accordo?
            Che a Venezia non si doveva perdere, siamo d’accordo?
            Con questi 3 punti la salvezza diretta non sarebbe quasi impossibile com’è invece ora. Recuperare 8 punti a una squadra in forma tenendo la media un punto a partita? Bisoli, dal suo ritorno, a raggiungere la salvezza diretta non ci ha nemmeno mai pensato / provato

            Passiamo all’obiettivo playout. Il ritmo dal ritorno di Bisoli (1 punto a partita) può essere sufficiente solo se tutte le altre dirette concorrenti continuano a tenere un passo mediocre e nessuna riesce ad accelerare (ricordo che siamo dietro e quindi dobbiamo superarle)

            Quando scrivo che il tempo è finito, intendo il tempo delle scuse, degli alibi e del rimandare la svolta sempre alla partita successiva.
            Ci si può salvare certo, ma bisogna fare molto di più e farlo non tra un mese o due mesi… ma adesso. Altrimenti sarà tardi.

          • Marcantonio scrive:

            Una osservazione, se continui così fai preoccupare Lo statistico .
            Io penso positivo e non credo al DNA.
            L’anno che con Sabatini siamo saliti in B abbiamo vinto la bellezza di 10 partite consecutive nel girone di ritorno….emmm, mi sembra o forse erano di più… ma nel caso, per essere certi, basta far appello a Martina che è la nostra enciclopedia del calcio…..e quell’anno in finale abbiamo battuto la Pro Patria, che era stata capolista pressochè per tutto il campionato, in 10 contro 11, tanta era la spinta di quella rincorsa.

            Salvarsi quest’anno è fondamentale non solo per la categoria, ma anche per una serie di progetti che girano attorno al mondo Padova e che stavolta non possono subire battute d’arresto.

            • Marcantonio scrive:

              abbiamo vinto la bellezza di 10 partite consecutive

              un abbaglio, solo la metà, c i n q u e…..

              ….le facessimo ora!

          1. Lacoste76 scrive:

            Premetto che io sono Pro-Bisoli e soprattutto ANTIFOSCARINIANO
            PER ME NON SONO NEPPURE PARAGONABILI I DUE RUOLINI DI BISOLI E FOSCARINI

            Foscarini stesso dichiaró che il Padova di Ascoli non era il SUO PADOVA.
            Dopo di che ha perso non partite normali ma scontri diretti con Carpi e Cosenza che ci sono costati non 6 ma 12 punti.
            Bisoli fino a quel momento aveva incontrato tutte le più forti.
            Bisoli per carattere non lo vedo perdere 5 partite di fila. Non ci sarà mai la prova contraria ma sono convinto che non avrebbe mai perso sia Carpi che Cosenza.

            LE INTERVISTE DI FOSCARINI ERANO IRRITANTI PERCHÉ PARLAVA DA ALLEANTORE DEL CITTADELLA facendo sempre riferimento alla difficoltà insita nell’ambiente Padova, concetto inculcatogli ai tempi di Cittadella.

            Di certo Bisoli ora sbaglia a insistere su quest’eredità. A Bisoli non imputo colpe come allenatore ma nell’aver voluto e avvallato la conferma del blocco dello scorso anno che non era palesemente all’altezza della serie B.

            • acp scrive:

              te si proprio da hockey su ghiaccio.

            • Tifoso a 1/2 scrive:

              In effetti sulla comunicazione sta usando una strana strategia, mi auguro sia efficace

              • Marcatonio scrive:

                sulla comunicazione sta usando una strana strategia

                Penso voglia insistere sul fatto che il girone di ritorno debba comunque avere un a storia a sè.
                E’ la consapevolezza di aver bisogno di tempo, pur in questo momento drammatico in cui tempo ce n’è veramente poco, ma in cui anche la differenza tra 0 e 1 punto è fondamentale.

              • Lacoste76 scrive:

                Aggiungo che lui parla di 5 pareggi solo per non mettere pressioni a giocatori e ambiente. Logico che lui speri tra un mese di avere una squadra amalgamata da ruolino playoff e in questo mese cerchi di perdere il meno possibile.

                Massima stima in Bisoli.

                • Enrico M. scrive:

                  Mi vedo costretto a citare ACP: faremo una grandissima ultima partita di campionato (da retrocessi).
                  Il tempo è finito. Come siamo arrivati fino a qui, i tanti cambi ecc. sono ricostruzioni in parte ragionevoli ma che non cancellano il fatto che siamo nella merda fino al collo. Servono punti. Punto.

                  • Enrico M. scrive:

                    Non c’entra crederci o meno. Io tiferò e spererò fino all’ultimo secondo dell’ultima partita.
                    Mi fa incazzare un allenatore che continua a mostrare una sicurezza di facciata per poi andare in campo a cercare il pareggino e dire che è un grande risultato. E mi spiace che molti di voi continuino a difenderlo. Una sana criica fa crescere le persone intelligenti

                    Ps la barca vela mi fa venire mal di mare

                  • Marcantonio scrive:

                    Se non ci credi, perchè vieni a vedere una squadra perdente e retrocessa? Sii coerente, sta casa .

                  • Marcantonio scrive:

                    Se non ci credi, perchè vieni a vedere una squadra perdente e retrocessa? Sii coerente, sta .

            1. Il vecchio Max scrive:

              Per quanto mi riguarda Bisoli e’ criticabilissimo su un paio di concetti che tende a ripetere : 1) “Ho ereditato il Padova all’ultimo posto”,come se lui in questo flop non c’entrasse niente,quando la storia dice invece che nella miseria di quegli 11 punti in 17 gare c’era molta piu’ farina proveniente dal suo sacco che da quello di Foscarini. Lo score di Bisoli nelle ultime 6 gare precedenti all’esonero era stato di 3 pareggi e tre sconfitte,quello di Foscarini era stato di una vittoria e 5 sconfitte.Diversita’ di forma,ma sostanza identica ,e cioe’ 3 punti in saccoccia.Quindi non potra’ comunque dire che con lui 3 punti in 6 partite consecutive la squadra non li avrebbe fatti mai…
              2)”Al mio esonero eravamo comunque ai play-out” :grazie tante,con Livorno e Carpi con partite in meno e con il Foggia ancora a -8 per la penalizzazione !
              Insomma,certe sottolineature sinceramente potrebbe risparmiarsele.
              Sulla polemica riguardo alla teoria dei 5 pareggi di fila,invece,non mi appiglierei piu’ di tanto. Primo perche’ non credo che sia quello che lui speri veramente di ottenere ,secondo perche’ ,anche qualora riuscisse a realizzarla (statisticamente sarebbe un record),vorrei vedere cosa se ne farebbe nell’eventualita’ che un paio di squadre in lotta per la salvezza riuscissesero a portare nello stesso arco di tempo 2-3 vittorie.Davvero impossibile ?
              A parte le scelte tattiche e di formazione,che sono sempre discutibili quando i risultati non arrivano (e questo con qualsiasi allenatore),non starei li’ ad attaccarmi sul fatto che un paio giocatori abbiano detto che la squadra deve osare di piu’. Non credo affatto sia stata una critica la mister,ma un’autoctitica e quando Bisoli ha detto che la squadra deve crescere ancora molto volesse dire in fondo la stessa cosa.E’ evidente che si ha a che fare con un’altra squadra,in pratica nuova di zecca,con un oggettivo handicapp di una condizione atletica approssimativa per almeno 6-7 undicesimi.
              Questa e’ la vera attenuante. Quando si lavora con un nuovo gruppo titolare la prima cosa da trovare e’ un equilibrio difensivo,per poi migliorare l’efficacia offensiva,che normalmente e’ l’ultima ad essere perfezionata,tanto piu’ che si hanno giocatori con ancora scarso minutaggio. Insomma,se si considera il contesto,dobbiamo raccattare il piu’ possibile in questo mesetto di “arrodamento” dei nuovi e quindi anche sapersi accontentare…Puo’ non piacere,ma bisogna ammettere che ci sta.

              • Marcatonio scrive:

                Max, l’ultima parte del tuo intervento ad onor del vero, di tutto il vero, dice anche una terza cosa che se abbiamo una squadra nuova è perchè la precedente non andava bene…e qui possiamo disquisire su chi abbia fatto il mercato, ma almeno in questo io penso che Bisoli abbia dovuto a Luglio accettare la politica della società che ha scelto diciamo così… con il cuore , cosa che in questi casi è quasi sempre controproducente. Lui certo ha avvallato delle scelte, ma poteva forse fare diversamente? Si, quando parla dei giocatori lui ne parla sempre bene e penso lo farebbe con qualsiasi materiale tu gli metta a disposizione. Mi viene in mente Rambone che ci parlavadi Sorbello come di un campione….e, si, poi qualche gol l’ha pure fatto…
                Quindi a quel misero numero di punti prima dell’esonero ha contribuito anche questa componente.
                Poi vorrei dire qualcosa sul fatto che spero questo NON sia un anno particolare, si perchè siamo ultimi, ma se avete notato con poco o nulla polemica sugli arbitraggi. Questi benchè a volte lascino a desiderare, non li possiamo definire determinanti, in una parola, ce le tiriamo addosso: rigore di Contessa, rigore di Cappelletti…. e queste cose le ascriverei alla voce segnali preoccupanti e la sensazione è mitigata dal fatto che pali non ne prendiamo…. Speriamo di farcela.

                • Tifoso a 1/2 scrive:

                  Marcantonio fa sempre analisi lucide e veritiere. Aggiungo che ad oggi non credo che abbia alcun senso fare sterili ed inutili polemiche volendo sempre e comunque trovare un capro espiatorio (società, calciatori, mister). Evitare ulteriori tensioni o situazioni di critica/polemica gratuita può solo che giovare alla squadra. Poi, a campionato finito, se tutto dovesse andar male (qualcuno sembra proprio che voglia che vada tutto in vacca) ognuno potrà prendere lo scalpo che vuole

              • Enrico M. scrive:

                Dimostrazione che dall’esonero non ha imparato nulla o quasi e che quasi sicuramente rivedremo gli errori di gestione che lo hanno causato. A questi si aggiunge una strada interpretazione della matematica (che non dovrebbe essere un’opInione): il punticino non basta se si è ultimi e bisogna risalire

                • Marcatonio scrive:

                  …chissà se dall’esonero avrà imparato qualcosa Foscarini. Ma che discorsi sono!
                  … e poi nelle rubriche sportive si disquisisce di forma, di amalgama, di psicologia della squadra ecc. che roba è?
                  Noi vogliamo risultati subito e basta. Subito perchè è tardi!
                  Si ma una volta detto questo occorre dire che si è rivoluzionata l’intera squadra prendendo un rischio incredibile e…. si, ci si sta provando a portare in porto la barca, diciamo che si sta navigando di bolina, con onda al traverso per cui oltre a navigare occorre prestare attenzione a non scuffiare.

                  • Enrico M. scrive:

                    A me interessa che il Padova si salvi. Non sono né pro né contro Bisoli perché allenatori e calciatori vanno e vengono di continuo. Mi limito a constatare i suoi errori e il fatto che perseveri non perché mi interessi dimostrare che è un allenatore non all’altezza o mi preoccupi della sua crescita professionale, ma perché non voglio retrocedere.
                    E se non si vuole retrocedere devono arrivare i punti, non gli alibi. Umiltà, zitti e pedalare

              • svissero scrive:

                concordo in piene infati le interviste a Bisoli sono copia incola da settimane

              1. nanan scrive:

                Clemenza e’ l’ago della bilancia.se fa bene ed e’ in forma tutto diventa semplice . Per me andrebbe in campo anche solo per battere punizioni ed angoli…

                • Marcantonio scrive:

                  Da lui vorrei un po’ più di attenzione quando riceve la palla…. in molti casi la perde, paura di farsi male?

                  • Nanan scrive:

                    In effetti ha giocato a sprazzi perdendo palloni pericolosi interstandendosi talvolta in dribbling di dubbia utilità.a Livorno aveva fatto bene e poi non gli è stata data continuità.andrebbe utilizzato per le sue caratteristiche,cioè svariare sul fronte offensivo limitando la fase difensiva Il piedino educato lo hanno in pochi come lui ed un piedino che può fare la differenza

                    • Il vecchio Max scrive:

                      Sul piedino educato nessuna obiezione,ci mancherebbe…Il suo vero problema e’ che anche il suo complessivo atteggiamento in campo e’ altrettanto educato,quasi da educanda.
                      Se imparera’ a tirar fuori gli attributi sara’ utile anche ad Allegri ,altrimenti fara’ la fine di Giandonato

                1. nanan scrive:

                  comunque se il palermo salta ,molto probabile, quasi sicuro,puntare ai play out significa salvezza sicura con il nuovo format dove l’eventuale ripescata e’ della serie b.

                  • tifoso ignoto scrive:

                    Abbiamo odiato i ripescaggi del WCensa e adesso
                    mettiamo in conto un nostro eventuale ripescaggio
                    Siamo seri la serie B si guadagna sul campo.
                    Tanto vale allora fondersi col Cittadella per rimanere in B
                    un po’ di anni.

                    • Cane Pazzo Tannen scrive:

                      Visto lo sfascio del calcio italiano mi pare che da più di qualche anno ormai i ripescaggi siano una cosa abituale e purtroppo divenuta fisiologica al fine di completare gli organici dei campionati.
                      Al giorno d’oggi, quindi, non mi pare sia ormai più il caso di vergognarsi di un eventuale ripescaggio.

                      Quello del Vicenza è un caso più unico che raro… se in questi ultimi 15 anni avessero goduto di un ripescaggio isolato penso che nessuno si sarebbe scandalizzato più di tanto dato che, per l’appunto, i ripescaggi sono all’ordine del giorno.
                      Quello che ha fatto “odiare” i vicentini è il fatto che hanno goduto di ben tre ripescaggi/integrazioni (record mondiale) e, dulcis in fundo, la paraculata con Rosso che gli ha fatto evitare la ripartenza dalla serie D…

                      Per quanto riguarda il Padova, datemi pure dell’opportunista, ma piuttosto di tornare nuovamente in serie C prenderei con il sorriso l’eventualità di godere di un ripescaggio… (vi rendete conto o no che, per vari motivi, la retrocessione sarebbe un’autentica tragedia? mi viene l’incubo solo a pensarci… dopo anni e anni di squallida serie C trovarsi di nuovo contro Renate e squadrette varie… nella spettrale Euganeo poi… no… basta, grazie!)

                  • Cane Pazzo Tannen scrive:

                    Sì, se con le 4 retrocessioni in C e le 5 promozioni dalla C l’organico di 20 squadre non dovesse essere completo a causa di qualche mancata iscrizione, è stato deciso che i posti vacanti verranno occupati da chi era in serie B.
                    Quindi anche arrivare quart’ultimi (o comunque ai play-out) può essere importante per tale eventualità.

                  1. acp scrive:

                    roberto bonetto dovrebbe semplicemente tesserarmi e mandarmi come ospite fisso da borile.

                    1. Enrico scrive:

                      La classifica resta preoccupante, ma la squadra è viva. Abbiamo acquistato giocatori molto validi, di partita in partita entreranno sempre più in condizione sia dal punto di vista fisico che da quello tattico.
                      Siamo in corsa, abbiamo sconfitto il Verona, perso a Venezia per un episodio pazzesco e pareggiato contro la Salernitana sostanzialmente giocando meglio dei nostri avversari.
                      Fiducia nel mister e nei ragazzi, quest’anno è così, si deciderà tutto all’ultima giornata!

                      1. Claudio scrive:

                        Fortunatamente non ho visto la trasmissione incriminata, così posso limitarmi a commentare il post di Patrick senza essere influenzato da quanto invece voi fortunati avete potuto godere.
                        Caro Patrick, secondo me dovresti essere più preciso nel far capire che scrivi di Borile come giornalista con la G maiuscola unicamente per sfancularlo. Non vorrai per caso correre il rischio di certificare che il nostro sia veramente “noi giornalisti”"noi della stampa”noi addetti ai lavori” come ama definirsi?
                        Colui di cui si parla è semplicemente un “intrattenitore televisivo” cui al massimo, ma dubito, sarà stato rilasciato un tesserino di collaboratore esterno per consentirgli l’accesso alla sala-stampa. Sarà che al giorno d’oggi si accede alla laurea ed agli albi professionali con grande disinvoltura, ma a tutto dovrebbe esserci un limite. La costante, proterva, granitica, immarcescibile opera di violenza che il Borile attua nei confronti della lingua italiana non ha eguali nei palinsesti locali.
                        Per quanto riguarda Mariano Schiavon, mi sono chiesto centomila volte quali possano essere i motivi per cui accetta semipassivamente quel genere di trattamento: forse smania di protagonismo, forse l’acquisizione di qualche gettoncino di presenza, forse la possibile pizzetta e birra pagata a fine trasmissione, non capisco. Eppure mi sembra che sia stato professionalmente un insegnante di scuola superiore, che sia stato Sindaco del suo Comune e credo che dovrebbe per questi ed altri motivi essere vicino a persone che gli possano evitare di raccattare merda a palate per due sere a settimana. A meno che l’essere stato arbitro non lo abbia immunizzato dal recepimento di offese personali talvolta assolutamente insopportabili.

                        • Patrick scrive:

                          Ovviamente sì, la G maiuscola era puramente ironica…
                          Paghiamo sempre lo scotto di essere una piazza democristiana che ama tirarsi i calci sui testicoli…il povero schiavon ne è l emblema, d altra parte parliamo di un guardalinee e di un ex Arbitro (….) cioè Borile..
                          E’ una vergogna che Padova in B non abbia una sua trasmissione seria dedicata interamente al biancoscudo, tenendo conto di tutti gli organi di stampa presenti in questa citta’…
                          Sarebbe bello ragionare su quanti di questi suddetti personaggi tifino veramente Padova..altro problema storico di questa citta’, molto di frontiera, dove il senso di appartenenza latita e si vive sin troppo bene…infatti in troppi forestieri mettono radici…
                          Complimente a Cherubin, veramente una persona tutta d’ un pezzo, di questi tempi a livello calcistico così in altro non credono ce ne siano molti.

                          • Bozzi85 scrive:

                            Se ogni giorno, un giocatore diverso, parla di osare di più e se quelli andati via gli facevano la fronda, vuol dire che è colpa di Borile o il Padova ha un problema grande come una casa,oltre al fatto di essere ultimo?
                            Sembrate i gerarchi nazisti nella Belino ‘45…la guerra con lui è persa, rassegnatevi , aspettando gli altri 4 pareggi.
                            Lo passiamo mandare al posto del leone nel Mago di Oz a ricercare il coraggio perduto?

                            • Patrick scrive:

                              ma cosa centra il nostro discorso con le colpe di societa’ e squadra? ma c arrivate a capire che stiamo parlando di cose diverse???
                              BOrile è quello che è a prescindere, le colpe di questo campionato hanno un altro nome.
                              E’ semplicemente un soggetto che fa male all ambiente.
                              Minchia, come siete rigidi e ottusi a volte…

                            • Filippo scrive:

                              Sottoscrivo Bozzi85
                              Borile è quello che è ma i giocatori stanno dicendo cose chiare
                              Non basta arrivare a tirare in porta due tre volte, ti può andar bene e vincere come no
                              La salernitana ha avuto anche le occasioni per vincere, se ti facevano gol in quelle sue tre ripartenza che hanno avuto eri al dramma sportivo.
                              Ora proprio perché come dite sopra il nuovo gruppo è fatto di gente seria e di esperienza sono convinto che Bisoli dovrà adeguarsi a quello che chiedono, e non il contrario.
                              Mi aspetto un Padova vincente e convincente a Cremona. Forza biancoscudati.

                        1. Patrick scrive:

                          Stasera Borile ha toccato al fondo, difficile riuscirci un’ altra volta, eppure ancora una volta mi ha stupito.
                          Di fronte ad un Cherubin lucido, intelligente, sul pezzo, ha sciorinato una figura di M. dietro l’ altra, compatito o quasi dai presenti, nell’ ordine:
                          - Secondo il Giornalista l’occasione di Jerry uscita di un pelo domenica non è una vera occasione. Cioè, questo si schianta sul palo in scivolata e non incrocia la palla per pochissimo ed il sommo vate dichiara che non vale come occasione.
                          - Impartisce lezioni di vita a Cherubin appena arrivato, che a dir suo non puo’ capire l’ ambiente Padova…guardato sbigottito un po’ da tutti…
                          - Offende Schiavon che udite udite per poco se ne va dallo studio, per poi rinunciar in classico stile pretesco, figuriamoci se ce la fa…
                          - Spara la solita pantomima sui numeri telefonici registrati legati agli sms ( la meta’ scritti da vicentini frustrati…) e il suo potere atomico nel poter individuare nomi e cognomi, manco la Stasi nella germania dell’ est…ogni volta sta scenetta mitologica, ma almeno cambiasse versione….
                          - Si professa ancora una volta un Giornalista puro e indipendente, non servo di chissa’ quale potere locale e che quindi dice e professa il verbo della verita’…lui…il colmo…forse dovrebbe capire che se non se lo fila nessuno un motivo ci sara’..
                          Tutta questa tristezza per vincere il duello a distanza con Bisoli domenica pomerggio in merito alle reali occasioni di Padova Salernitana.
                          Rendiamoci conto come parte della stampa in questa citta’ non faccia altro che spargere negativita’..che triste…e il livello del tutto.
                          Eppure, allo stato attuale è l UNICA trasmissione che segue il Calcio Padova in B. Una vergogna.
                          Astenersi fighetti montanari che non guardano programmi televisivi locali perche si sentono superiori e non lo sono.

                          • Spinoccia scrive:

                            Concordo, sulla trasmissione stendiamo un velo pietoso… Comunque lui si piace così e non c’è niente da fare, tanto meno che non è più un ragazzino. Quell’altro gli fa da spalla (passiva e sottomessa) e sta lì a farsi pigliare a pesci in faccia. Contento lui… Che in quella trasmissione nessuno tifi Padova è un fatto acclarato da tempo.
                            E’ anche vero comunque che dalla gestione Bonetto-Bergamin in poi la stampa non è mai stata contro (e vorrei anche vedere che non fosse stato così).
                            Cherubin è un ragazzo molto serio e intelligente, l’avevo notato già nell’intervista di presentazione. Il messaggio che ha lanciato è molto chiaro. Tutto va recepito e interpretato nel modo giusto: la squadra non può essere pronta già da ora e bisogna avere pazienza almeno 4/5 partite. Lo so che non c’è tempo ma non può essere diversamente e a voler strafare da subito c’è il rischio di fare peggio o di avere infortuni. Ad esempio, se si spacca Jerry chi mettiamo a fare la prima punta?!? In quest’ottica bisogna dire che i famosi 5 0-0 di Bisoli vanno bene, purchè la sesta partita sia una vittoria. Così facendo sono 8 punti in 6 partite e la tabella è rispettata.

                          • Nanan scrive:

                            Vergognoso e rancoroso solo per screditare Bisoli.
                            Se si riguarda la partita abbiamo avuto l’ occasione di bonazzoli è quella di jerry, ma nel primo tempo bonazzoli sbaglia un contropiede 2 contro due calciando addosso al difensore quando poteva passarla o tentare il dribbling ,nel primo tempo sbagliato altro contropiede 3 contro 2 dove bonazzoli cincischia e rallenta passando in ritardo il pallone sulla destra a broh quando poteva far partire jerry o comunque lanciare subito e in profondità broh.nel secondo tempo broh ;un traversone di broh viene intercettato in area con bonazzoli libero dietro e jerry in ritardo sul primo palo e qui se broh fa altri 5 metri in velocità e punta l’avversario mette una palla che il difensore fa fatica a prenderla e da il tempo a jerry di entrare,poi broh verso la fine conquista sulla loro trequarti e invece di puntare l’unico difensore per cercare di saltarlo e metterla in mezzo o tirare in area ,calcia subito da fuori e il pallone viene intercettato.broh con la velocità che ha deve puntare per spaccare le difese.alla fine jerry che era distrutto si porta via due uomini e al limite dell’area invece di tirirare la passa a baraje che non segue e non capisce l’intenzione anche perché era in fuorigioco ,jerry in forma affonda ed entra in area calciando o facendosi fare fallo.
                            Questo per dire che le potenziali occasioni da gol ci sono state ma sono state sfruttate male per scarsa lucidità,per errori,per scelte sbagliate.sicuramente si può e si deve far meglio ma non è facile inserire gente che è da tanto che non gioca.

                            • Nanan scrive:

                              Dimenticavo punizioni e calcio d’angolo ogni tanto batterne qualcuno in modo pericoloso aiuterebbe vero bonazzoli…..almeno clemenza magari fa poco però è sempre pericoloso nei calci da fermo e in partite così chi la sblocca per primo la vince

                          • Cane Pazzo Tannen scrive:

                            Veramente incredibile e fantascientifico sostenere che quella di Mbakogu non fosse un’occasione da gol…
                            Borile imbarazzante…

                          1. effebi scrive:

                            sono d accordo come sempre con patrick vero cuore scudato….borile è un giornalista antipadova e procittadella..ci salveremo alla faccia di tutti quei gufi che vengono allo stadio a criticare per partito preso e che di calcio non sanno un cazzo… vediamo quanti saremo a cremona…almeno mille per tifare il nostro padova

                            1. svissero scrive:

                              si poteva vincere anche a venezia se si rischiava di piu e si dormiva di meno dunque x me sono 5 punti persi ma tant e questo e il nostro dna…ieri ho visto il brescia e devo dire che almeno lei prova sempre ad attacare e ha sempre segnato anche devo dire con aiutini arbitrali xro se li va ha cercare mentre noi no ….cmq ripeto se non si tira in porta non si segna e se non si segna al max fai 0a0 dunque in linea con Bisolipensiero secondo voi andiamo a pareggiare a Cremona ?

                              1. Bozzi85 scrive:

                                Uno alla volta li rompe tutti.

                                1. acp scrive:

                                  ma cosa criticate? ma cosa vi infervorate? a marzo avremo una squadra in piena forma che giocherà un calcio brillante. sc’è solo il piccolo dettaglio che saremo già retrocessi ma vabbè, la gioia del vedere due mesi di bel giuoco compenserà la delusione per la retrocessione.

                                  avanti bonetto, avanti con bisoli, con voi fino alla lega pro.

                                  ma vogliamo parlare dei miracoli fatti da zamuner a gennaio?

                                  1. fabio.pd scrive:

                                    premetto: a) ho letto i vostri commenti ed il post di Martina…condivido tutto, b) spero, sono ancora fiducioso nella salvezza da raggiungere quanto prima. Ma….ieri sono uscito dallo stadio con l’amaro in bocca: a) il primo tempo è stato soporifero, a parte la grande occasione capitata a Bonazzoli che già un’altra volta ha calciato alto ! b) il tempo purtroppo passa inesorabile….siamo già a febbraio e Bisoli afferma che firmerebbe per avere 5 pareggi in 5 partite. E’ pazzesco. Non accetto una frase del genere, come non ho gradito la sua esultanza per il pareggio ottenuto…..in casa! c) ho osservato la postura di Bisoli: mani dietro la schiena e sguardo fisso sulle pozzanghere con la schiena leggermente curva come se avesse un peso da sopportare….. d) quanto tempo ha impiegato Bonazzoli ad uscire dal campo ?? sembrava una lumaca…ha avuto anche il tempo di voltarsi e salutare la curva. e) grande sensazione positiva su Bareye il che mi fa ben sperare.

                                    • Enrico M. scrive:

                                      Bomazzoli che esce al rallentatore dal campo è il chiaro segno che il pareggio era considerato un obiettivo soddisfacente: meglio perdere tempo che sbilanciarsi cercando i tre punti.
                                      Ma la classifica la guardano? Bisoli e la squadra vivono in una realtà parallela in cui non siamo ultimi, basta un pereggino qua e là e Sant’Antonio ci salverà.
                                      Nel mondo reale: Cosenza a +8, la salvezza diretta è ormai un miraggio.

                                    • Patrick scrive:

                                      Alla squadra ieri interessava non perdere, palese dal primo minuto. dettami dall’ alto. c hanno provato per qualcuno era fondamentale non perdere. rimesse lente, indolenza cosmica, forse un po’ troppo..peccato per l occasione di jerry sul fnale perche bastavano tre cm piu’ in la….siamo sicuramente piu’ squadra, tecnicamente e caratterialmente, due mesi fa sarebbe stata sconfitta certa, benevento e palermo non credo avrebbero vinto cosi facilmente ad oggi…fate giocare baraye titolare che sembra il tipo giusto per spaccare le partite, tipo a cremona…
                                      ora tutti allo zini, spero almeno in 500….trasferta vicina, facile, importante e foriera di tanti ricordi. daje.

                                      • acp scrive:

                                        bravo tutti a cremona, qualcuno però ha già detto che diserterà cremona per andare a fare il ghedina nel cadore.

                                      • Bozzi85 scrive:

                                        Sembra quasi che al mister, interessi più arrivare, piano piano, vicino ai play out che salvarci veramente. Per vincere deve rischiare anche di perdere e appunto disintegrare un futuro alibi per il naufragio…senza esonero a novembre saremmo salvi.
                                        Per scalare le montagne ci vuole cuore e coraggio, non tattica. Tra Venezia e Salerno persi 3 punti.
                                        O la dirigenza gli fa’ cambiare atteggiamento o siamo già in C

                                        • fabio.pd scrive:

                                          Giusto!….il fatto che Bisoli abbia detto prima del primo esonero: “ci salveremo all’ultimo secondo dell’ultima partita”….mi fa incazzare enormemente. ( P.S. ci sarà anche un secondo esonero…ma spero avvenga dopo la salvezza….). SC9a

                                    1. Cane Pazzo Tannen scrive:

                                      Per fortuna che almeno i play-out rimangono lì a tiro perché stiamo buttando via un sacco di occasioni per fare punti e, come già scritto, solo tra Venezia e Salernitana ne abbiamo gettati via 3.
                                      Sabato, con un po’ più di brio e coraggio, la partita si poteva portare a casa tranquillamente. Invece ci siamo palesemente accontentati del pareggio… ma d’altronde le premesse erano quelle viste le dichiarazioni di Bisoli del giorno prima.
                                      Ergo, anche a Cremona si andrà per il pareggio e poi succederà quel che succederà…
                                      Questo atteggiamento non mi piace per niente perché, evidentemente, puntando a fare il punticino potremmo al massimo arrivare ai play-out da quart’ultimi… Di solito, però, per raggiungere un obiettivo minimo si dovrebbe puntare ad un target più alto, ovvero la salvezza diretta (che ad oggi è un autentico miraggio e che quindi richiederebbe un atteggiamento più voglioso e spregiudicato nell’affrontare le partite).
                                      Ritengo un delitto non aver provato a vincere una partita contro un avversario palesemente rinunciatario (la stessa cosa era successa con lo Spezia, ad esempio).
                                      Vero che la squadra non ha ad oggi la condizione fisica e l’amalgama per fare 90 minuti all’attacco (e nessuno pretende tutta una partita alla garibaldina), però avrei preteso almeno un tempo giocato con più convinzione e voglia di vincere.

                                      1. Nanan scrive:

                                        Bonazzoli fa troppo il fenomeno basta vedere come è uscito,Trevisan correva lui camminava perché aveva malissimo e mostrava a tutti la bua.2 3 situazioni pericolose lui è Broh potevano gestirle meglio….nella stessa situazione altri attaccanti ti fanno gol subito.purtroppo questo abbiamo e non basta fare il fenomeno con il Verona ,se poi le altre due mi combini poco o niente per non parlare dei calci da fermo e punizioni….un po’ più di qualità sarebbe auspicabile perché alla fine certe partite le vinci con il guizzo della punta o con i calci da fermo

                                        1. tifoso ignoto scrive:

                                          Concordo. Se vogliamo salvarci i punti li dobbiamo fare sopratutto in casa.
                                          Arriveranno all’euganeo Foggia,Cosenza,Crotone Livorno Ascoli Perugia
                                          tutte squadre alla nostra portata e i tatticismi non serviranno a niente, si pressa
                                          nella loro metacampo , vorranno difendere 1 punto a noi ce ne serviranno 3 x tutte
                                          queste partite. Anche la Salernitana era alla nostra portata certo il campo pesante
                                          non ha aiutato. Bareye è un buon giocatore ma quasi tutti quando entrano a 15 minuti
                                          dalla fine contro avversari ormai alla canna del gas può diventare più facile distinguersi
                                          bisogna vedere dal 1° minuto cosa combina. Anche Cisco faceva sfracelli per un quarto
                                          d’ora ma una partita intera non l’ha mai retta.

                                          1. Mario2 scrive:

                                            Ieri bisognava vincere stop..due punti persi..spero che il mago non ci faccia andare a Cremona con le braghe già abbassate perché bisogna provare a fare risultato sempre oramai

                                            1. Lacoste76 scrive:

                                              Mi piacerebbe ci fosse equilbrio.
                                              In questi anni mi avete conosciuto come pessimista ma io ero pessimista in era Cestaro perché tutto aveva sempre lo stesso film.
                                              Ora è ovvio che sia più probabile che il Padova venga retrocesso perché la storia dice che chi à febbraio è ultimo solitamente retrocede. Quindi ad oggi abbiamo un 70% di retrocedere MA ABBIAMO UNA SOCIETÀ SERIA CHE MERITA DI CREDERE IN QUEL 30.

                                              Crederci sognifica non fare previsioni ma vivere partita per partita senza creare negatività.
                                              L’attuale rosa è buona, partendo da settembre si salverebbe senza patemi.
                                              Crediamoci, consapevoli che è tanto Difficile.

                                              1. nanan scrive:

                                                si sapeva che se si comprano 10 giocatori era difficile trovare la quadratura.il problema e’ che tanti dei nuovi erano fermi o fuori lista.ieri calvano ,lollo ,mbakogu ,longhi nel secondo tempo avevano finito la benzina.bisoli in questo momento vuole tamponare ,e’ stata una botta pesantissima la sconfitta di venezia,ieri se avessimo perso probabilmente sarebbe stata la fine.i con lo stato fisico attuale si poteva rischiare clemenza trequarti?non lo so e forse ci saremmo trovati in difficolta’ o forse avremmo avuto piu’ occasoni e possibilita’ di segnare .il cosenza se continua così si aggancia al treno dei playoff. ieri bisoli ha detto che se in casa non perdo e ne vico 4 e ne pareggio 4 faccio 16 punti .in trasferta dobbiamo giocarne 7.4 sconfitte 1 vittoria e 2 pareggi .arriveresti a 37 punti bastano per i play out?se vinci gli scontri diretti e’probabile.

                                                1. Spinoccia scrive:

                                                  Se facciamo 4 punti ogni tre partite arriviamo a quota 36 e potrebbero bastare.
                                                  Certo ieri era una di quelle da vincere, comunque concordo sull’analisi di tifoso ignoto. Addirittura a me Lollo, nonostante la condizione, è piaciuto più di Calvano, specie nel primo tempo. Ottimo dinamismo e capacità di recupero della palla sull’avversario.
                                                  Mi preoccupa l’attacco, dove vediamo il solito Bonazzoli con pregi (caparbietà e capacità di saltare l’uomo) e difetti (distanza siderale dalla porta e tiri velleitari) ormai ben noti.
                                                  La famosa prima punta alla fine non è arrivata e il nostro potenziale offensivo alla fine dipende tutto dalla scommessa Mbakogu. Se è quello del Verona evviva, se invece quello delle ultime due allora c’è da preoccuparsi. Vederlo ciondolare con l’espressione sconsolata (vedi foto Padovasport) mette un po’ di ansia. Baraye promette bene, speriamo possa essere utile alla causa.
                                                  Nel complesso la squadra è nettamente migliorata, questo è certo. È anche vero che peggio di così era difficile

                                                  1. tifoso ignoto scrive:

                                                    Cerchiamo di vedere le cose positive e cioè la difesa si è rinforzata inutile negarlo
                                                    in queste ultime 3 ha preso solo due gol(1 su rigore) e ieri la Salernitana non ha fatto un tiro in
                                                    porta. Centrocampo solido con un Calvano super e Lollo non ancora brillante ma che già
                                                    si intuiscono le qualità di incontrista, certo l’attacco non ha brillato ma tenuto conto del campo
                                                    pesante una bella occasione da gol l’ha avuta e qualche tiro in porta l’ha fatto mentre
                                                    dall’altra parte 0 assoluto. Tirando le somme, il Padova si è elevato in qualità, diciamo che siamo
                                                    alla pari di squadre da metà classifica in giù. Il problema è che partiamo da ultimi e poco piu di1 punto a
                                                    partita serve poco, bisognerebbe fare un girone di ritorno quasi da playoff per agganciare la salvezza.
                                                    Comunque la speranza è l’ultima a morire: Forza Padova

                                                    1. svissero scrive:

                                                      il problema e che non puoi dire che Bisoli ha ragione o torto xk noi tifosi possiamo solo credere a quello che dice xk non conosciamo il futuro pero il presente dice che non si gioca bene non si gioca proprio….ma questo e sempre stato il gioco di Bisolone e lo sara fino alla fine …certe e che se si vuole salvarsi non si puo tirare una o due volte in porta senza neanche centrarla il giornale “il ferraiuolo di salerno scrive testualmente, prestazione imbarazante della salernitana al cospeto del ultima in classifica che farebbe fatica a salvarsi in lega pro……e tutto dire eh! e poi si offendono che noi gridiamo teroni e vorrebero sanzioni esemplari

                                                    Lascia un Commento

                                                    Accetto i termini e condizioni del servizio

                                                    Accetto i termini sulla privacy

                                                    *