26
mar 2017
AUTORE Francesco Barana
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 93 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.433

CERCASI UOMO FORTE

Cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia ci insegnava la maestra. Invertendo le panchine di Gattuso e Pecchia probabilmente sì, aggiungo io. La differenza sta tutta qui. Il Verona, oltre che di gioco, è una squadra sprovvista di mentalità vincente, quella che ti fa portare a casa le partite anche con i denti.

Prendete Gattuso, per tutta la settimana ha caricato con astuta teatralità la partita contro il Verona, prima minacciando (ad arte) dimissioni, poi procedendo a epurazioni in pubblica piazza. Aveva visto dei segnali di cedimento nella sua (scarsissima) squadra e si è speso pubblicamente in prima persona per ridestarla. Un condottiero.

Prendete Pecchia: ad ogni conferenza stampa per lui va sempre tutto bene con tanto di alibi incorporati. A forza di andare tutto bene, settimana dopo settimana, stiamo perdendo la serie A. Ora da ultimo, c’è da scommetterci, giunge comodo il paravento dell’arbitraggio, per carità pessimo e forse pure determinante (sottolineo forse, perché poi i rigori vanno anche segnati, Ascoli docet), ma sempre di alibi si tratta perché il Verona di Pazzini, Romulo, Bessa contro il Pisa in casa non dovrebbe mai (e ripeto mai) trovarsi nelle condizioni di dipendere da un episodio arbitrale nel finale.

Ma il problema del Verona non è solo l’allenatore, comunque il principale responsabile di quella che è una crisi tecnica in piena regola di una squadra forte (e che galleggia ancora grazie alle sue qualità individuali) ma male gestita. E’ dall’addio di Sean Sogliano – una figura mai rimpiazzata – che nel club manca un uomo forte, cazzuto, carismatico che sappia caricarsi la situazione sulle spalle. Non lo è Filippo Fusco e forse, con il senno di poi, in tal senso le avvisaglie si erano percepite già a luglio quando il diesse esordì con una frase decisiva: “Il Verona non ha l’obbligo di vincere”. Quella dichiarazione è la madre di tutti gli alibi e chi scrive fu l’unico a criticarla immediatamente. Non lo è Pecchia, allenatore ancora embrionale, inesperto e da tempo in confusione. Non lo può essere, per sua scelta di gestione aziendale, nemmeno Maurizio Setti, assente fisicamente nella quotidianità e più preposto ad occuparsi delle questioni politiche  in Lega che delle cose di campo. L’ho già scritto qualche settimana fa e torno a ribadirlo: un presidente come lui, proprio perché delegante, dovrebbe circondarsi di collaboratori di maggiore personalità. Setti invece ha scelto Fusco, ottimo manager e uomo mercato, ma poco nerboruto, e Pecchia un ex assistente alla prima vera esperienza. Risultato? Avremmo dovuto ammazzare il campionato, invece siamo a tre punti dal secondo posto e in affanno da più di quattro mesi.

5.433 VISUALIZZAZIONI

93 risposte a “CERCASI UOMO FORTE”

Invia commento
  1. mir/=\ko scrive:

    d'accordo con Simone. soprattutto quando parla di coperta corta. evidentissimo sin dall'estate. e non tirate in ballo l'alibi facile delle "nuove regole sulle rose". è fin troppo evidente il tentativo perfettamente riuscito da parte di Fusco di allestire una squadra reperendo qua e là materiale a poco prezzo… era poi altrettanto evidente lo sbilanciamento numerico tra i reparti, in particolar modo tra una difesa corta e debole e il resto della rosa. si poteva rimediare in gennaio. lo ha fatto molto bene il Frosinone che aveva una difesa già più solida di quella dell'hellas. ma Setti ha deciso di non intervenire incassando ulteriori plusvalenze. ottima gestione della società, non c'è che dire!!!!!

    1. Uomo Forte scrive:

      Ciao ho visto che mi cerchi. Sei carino. Ti contatto su facebook.

      1. stefano scrive:

        So da sempre che la squadra vincente non si cambia pertanto BESSA FOSSATI ROMULO era il centrocampo SILIGARDI LUPPI PAZZINI il tridente vincente. Da allora ogni giornata un cambiamento e mai una stessa formazione proposta. Allora Ti chiedo perchè ?
        Se hai una tua risposta nel merito Ti ringrazio.

        • Simone scrive:

          La mia è: a livello di fase difensiva un centrocampo composto da Rómulo Fossati e Bessa è un centrocampo molto debole e se attaccato va in difficoltà e in perenne sofferenza. Cosa che avveniva puntualmente da un certo punto in poi. Con i due Zuculini perdi in palleggio ma proteggi meglio la difesa, che di suo é piuttosto scarsa nell’uno contro uno. Infatti ora si soffre meno dietro ma si fatica di più a fare gioco. Coperta corta. Inoltre in questo periodo Fossati è purtroppo palesemente fuori forma. E questo pesa perché era il nostro giocatore più importante.

        1. Pinco Pallino scrive:

          Post praticamente perfetto! Non ho altro da aggiungere! Complimenti!

          1. mir/=\ko scrive:

            maxx… meglio averlo che finire nei dilettanti!! ovvio… ma io voglio sperare in qualcosa di meglio per una realtà come Verona… una città con simili potenzialità non può avere la sua squadra storica ridotta a livello societario in queste condizioni!! stiamo parlando di Verona… altro che Udine, Cagliari, Bergamo, Empoli… Stiamo scherzando?? Verona potrebbe tranquillamente avere stabilmente 2 società in A. Setti per una realtà come l'Hellas Verona è altamente riduttivo!!

            • Maxx scrive:

              Mah… Sembrava che non ti limitassi a sperare. Mi sarò sbagliato.
              Io, nel frattempo e per non sbagliarmi, sono contento di non finire nei dilettanti.

            1. mir/=\ko scrive:

              maxx… io non considero Setti né un delinquente, né un coglione. nulla di tutto ciò!!! è semplicemente un piccolo (troppo!!) imprenditore che ha deciso di buttarsi nel mondo del calcio professionistico senza avere mezzi economici e conoscitivi adeguati. un avventuriero che per guadagnare non può fare altro che indebolire progressivamente la rosa cedendo, via via, tutto il vendibile. questo è Setti… nulla più.

              1. mir/=\ko scrive:

                Vedo che iniziano a piovere parecchie critiche sul Carpigiano… meglio tardi che mai!!! finalmente anche i più ottimisti stanno cominciando ad inquadrare la situazione… siamo nelle mani di un imprenditore che non ha alcuna intenzione di migliorare l'attuale condizione societaria. la B è confacente agli interessi attuali e futuri di Setti. il resto sono chiacchiere ed alibi. se un imprenditore serio vuole raggiungere un traguardo, investe il proprio denaro e fa impresa!! così fece il primo Setti. quello attuale non è credibile minimamente e non incanta più nessuno. senza paracadute che fine avrebbe fatto il Verona con questo presidente?? e cosa mai potrebbe fare in A un imprenditore che non è in grado di fare un mercato di riparazione degno di rispetto in B???

                • Maxx scrive:

                  Sento moltissimi che considerano Setti un delinquente. Non mi pronuncio, potrebbe essere.
                  Ma non ne sento alcuno dire che è un coglione. Eppure se la sua intenzione fosse quella di rimanere in B, sarebbe molto più coglione che delinquente.
                  Se io fossi un delinquente-non-coglione farei così: andrei in A, venderei il vendibile (oltretutto giocatori che hanno centrato la promozione hanno più mercato di giocatori che l’hanno fallita o sono retrocessi, cfr. la Vostra augusta opinione su Bessa, Ganz e Luppi) costituirei una squadra di “promesse” a prezzo tendente allo zero, beccherei i 40 mln della serie A, verrei retrocesso, beccherei i 25 (e non più 15) mln del paracadute e venderei la squadra: circa 65 mln a fronte di 15, probabilmente con stipendi più bassi in A che non quest’anno in B.
                  Il modus operandi di qualche rappresentante-di-delinquenti-ancor-meno-coglioni-di-me è ben accetto.

                  • Punto scrive:

                    Piano A il tuo citato.
                    Piano B, resto in categoria, vendo il vendibile e faccio una squadra con i miei attualmente in prestito con qualche primavera.
                    Ovviamente si sta “giocando” e non credo in nessuna delle ipotesi.

                    Io penso semplicemente che Setti voglia centrare l’obiettivo con il minimo sforzo economico. Lo stesso sforzo, per inciso, che ha fatto per salvare la squadra l’anno scorso.
                    Quello che non è dato di sapere è l’effettiva solidità economica del nostro presidente.
                    Da qua, a mio avviso, nascono tutte le fantasiose ipotesi che spesso si leggono in giro.

                    • Maxx scrive:

                      Io ritengo che Setti pensasse di centrare facilmente la promozione anche non intervenendo, contando su un calo momentaneo. La crisi si sta rivelando maggiore del previsto.
                      Ma da lì a dire che gli convenga rimanere in B e che la non-promozione sia scientifica…

                      • Maxx scrive:

                        Non sono bravo nei processi alle intenzioni! :)

                      • Simone scrive:

                        Maxx, ne abbiamo già parlato, anche in privato. Setti non ha investito quest’anno per arrivare in A ”a tutti i costi”, come fece il primo anno, o il Cagliari lo scorso anno, o il Frosinone specie dopo il mercato di gennaio. La PRIORITA’ è tenere i conti a posto. Poi se viene la A, agire d conseguenza, che però vuol dire ua cosa diversa da come l’aveva gestita gli anni scorsi. Quindi, presumibilmente, costruirebbe una squadra di livello discutibile, coi presupposti attuali.

                      • Maxx scrive:

                        d’accordo.

                      • Punto scrive:

                        Certo, é evidente (per me) che Setti voglia la serie A.
                        Setti parlava a inizio stagione di spese di gestione intorno ai 10milioni di euro, quindi finchè la matematica non diventerà opionione, dire che convenga stare in categoria mi pare una vaccata.
                        Poi é chiaro che non dovessimo centrare l’obiettivo qualcosa dovrà per forza essere rivisto.
                        Per ora ,ma sono apertissimo a ricredermi poichè l’è dura nel calcio attuale avere certezze assolute, le “colpe” sono da divedere tra un mister che non riesce a trovare la quadra (sarà ora il 352?), alcuni elementi che non hanno reso il dovuto ed una società che sembra distante.

                      • Maxx scrive:

                        Ps. Mi sono dimenticato di far notare che col tuo piano si guadagnano circa 50 mln. in meno, che è più o meno il prezzo richiesto da Setti per vendere la società.

                  • Maxhellas scrive:

                    Se sali e riscendi subito non li prendi i 25. Servono 3 anni di A consecutivi per prendere 25….

                    • Maxx scrive:

                      Negativo. Ne servono 3 per prendere il doppio paracadute (25+15)

                      • Maxx scrive:

                        Le cifre di quest’anno erano molto simili per tutte tre pur essendoci due neopromosse a retrocedere. Il che mi fa pensare che non sia come dici tu. Ma non posso giurare su regolamenti che vengono cambiati quasi ogni anno.

                      • RH scrive:

                        No guarda che ha ragione maxhellas,
                        60 milioni di euro: paracadute per chi retrocede in serie B (e viene distribuito l’anno dopo), così suddiviso
                        – 25 milioni di euro per squadre che sono da 3 anni in serie A
                        – 15 milioni di euro per squadre che sono da 2 anni in serie A
                        – 10 milioni di euro per squadre che sono da 1 anno in serie A
                        – in caso di quota residuale questa verrà destinata al club retrocesso con 3 anni di anzianità in serie A nel caso in cui questo non venga immediatamente promosso

                1. Tomhv scrive:

                  Ricordo a tutti che il grande allenatore lo fa sempre il giocatore se non hai giocatori di qualità e quantità non vai da nessuna parte .. se metto allegri o Ancelotti o chi volete ad allenare Crotone o pescare sempre in b vai

                  • Daniele scrive:

                    concordo Tom, il tuo ragionamento non fa una piega, ma io preferisco avere un’auto modesta guidata da Sebastian Vettel che da mia moglie….con tutto il rispetto per mia moglie e per Pecchia……… forse in qualche curva riesce a star davanti ad auto un po’ più performanti.

                    • Francesco Barana scrive:

                      Nessuno ha Pazzini (Floccari e Floro Flores per quanto forti non ne valgono nemmeno la metà). Nessuno ha Romulo (ok gioca da cani, ha mille colpe, ma se io ho un capitale lo devo anche saper valorizzare). Nessuno ha Bessa. Poi mettiamoci Fossati, che sta giocando male ora, ma in B ha pedigree. Poi un giovane come Zaccagni ce l’hanno in pochi. Siligardi ha deluso, ma fatalità ha giocato discretamente ieri, unica volta nel suo ruolo, e anche lui ha una carriera (ed è ancora giovane) di grande valore in B. Poi Ganz e Luppi, riserve (e vanno valutate come tali) hanno 26 gol in due lo scorso torneo, in squadre che giocavano per non perdere e costruivano poco. La difesa se togliete i 9 gol tra cittadella e novara ha numeri normali, né pessimi né straordinari.
                      Ma di cosa parliamo?

                      • Ma scrive:

                        che Floccari valga la metà di Pazzini no, direi che sono quasi allo stesso livello, faticano in A ma sono determinanti e spostano gli equilibri in B.
                        Antenucci e Ciciretti (2 nomi a caso) li scambierei con Siligardi domani, e non solo io, una buona partita (una) ed una discreta carriera non fanno classifica.
                        Romulo, sinora un giocatore qualunque, vale (in campo) meno di un qualsiasi terzino della Spal.
                        Considerare questa rosa devastante per la categoria non è corretto, non sono i 25 mln o il nome Hellas o gli abbonamenti che fanno forte una rosa.
                        Ho la sensazione che per te il mister conti più di ogni altra componente, una volta era tutta colpa di Mandorlini ed ora è tutta colpa di Pecchia; a mio avviso la rosa è stata da subito sopravvalutata, aggiungi un allenatore emergente e chiaro che il campionato non lo vinci, sopratutto se nemmeno a gennaio (dopo evidente calo e allarmanti prestazioni) non intervieni sul mercato.

                      • Simone scrive:

                        Se mi dici che il Verona è più forte di Latina Ascoli o Pisa okay, se mi dici che è il più forte cambia..

                      • Simone scrive:

                        Rómulo giocava bene prima della firma del contratto. Più di qualche colpa il brasiliano ce l’ha, dai. Fossati involuto dopo l’infortunio. Pazzini ha fatto alla grande infatti prima dall’infortunio. Bessa o Maiello, giusto per fare un nome? O soddimo? Ariaudo? Terranova? Dionisi? Antenucci? Eccetera.

                  1. El balota scrive:

                    Francesco tu si che sei veramente imparziale…simpatico, antipatico o meno che sia se un allenatore sta sbagliando o deludendo lo fai notare!
                    Altri tuoi colleghi invece sono per la difesa spada tratta anche nei momenti di chiara colpa tecnica fino a quando sono simpatici, tranquilli e non si scaldano (il primo Mandorlini ed oggi Pecchia), e per la pubblica gogna in piazza quando si trasformano in scorbutici ed antipatici nei momenti di difficoltà…
                    Ce ne vorrebbero di giornalisti VERI come te!

                    • Simone scrive:

                      El balota, io credo che Pecchia abbia delle responsabilità, di cui la maggiore aver cambiato mentalità (prima bisognava vincere, ora sembra puntare più a gestire, e con una squadra con queste caratteristiche e difetti non lo puoi fare). Detto questo, a me no n sembra che abbiamo la risa migliore e l’ho spiegato spero bene sul blog di rasulo. Se te vol darghe un ocio…

                    1. maxforhellas scrive:

                      AAA Allenatore normale cercasi…. Allenatore che vinca partite facili a Latina, Avellino, Vicenza e Vercelli… che vinca con 3 gol di scarto con Ascoli e Pisa in casa… offresi contratto normale per la B con squadra che vale 5 volte le atre!!!

                      • Simone scrive:

                        Quindi nemmeno Marino andrebbe bene visto che ha probabilmente la squadra più forte e completa della categoria ma non ha vinto col Pisa, con l’entella, col cittadella, Perugia, ternana, pro Vercelli, Vicenza, salernitana,…

                        • Sick boy scrive:

                          Dai Simone,un po’ di obiettivita’.Non si vedeva un allenatore che cambiava formazione iniziale a ogni giornata dai tempi di Remondina.Marino rispetto a Pecchia e’ di un altro pianeta

                          • Simone scrive:

                            Io non ho detto che pecchia non va criticato. Io ho detto che in questo campionato hanno sbagliato partite con ottime o buone squadre pure allenatori “esperti” come Marino o Colantuono. Per non parlare di Castori o Cosmi. O sbaglio?

                            • Simone scrive:

                              Infine, se vuoi andare in A a tutti i costi, come al primo anno di Setti, seva gennaio vedo un calo e le altre che si rinforzano bene e che quindi prevedibilmente miglioreranno, intervieni pure in maniera diversa sul mercato. Migliorando la squadra prendendo più tasselli.

                            • Simone scrive:

                              Detto questo, per l’idea di calcio che ho io, vedo squadre costruite in maniera più completa di questo Verona, e concordo sul fatto che se volevi puntare su pecchia, avresti dovuto almeno mettergli a fianco un uomo forte. In questo vedo una mancanza societaria piuttosto evidente.

                            • Simone scrive:

                              Su questo non ci piove. Tutti qui, credo, ad inizio stagione ci saremmo aspettati un allenatore che dava delle sicurezze. Si faceva il nome di iachini tanto per dirne uno. Delneri mi pare (Francesco, dimmi se sbaglio) era nei pensieri di Setti, sarebbe potuto rimanere, ma non se l’è sentita. Questo a me ha fatto pensare molto. Perché se fosse vero, probabilmente significherebbe che non gli furono date determinate garanzie. Lui parlò mi sembra di progetti che non coincidevano.

                            • Angossa scrive:

                              Esempio: se vuoi andare su a tutti i costi ti prendi i piloti migliori sulla piazza, tipo Hamilton o Vettel. Non puoi permetterti di scommettere su un Bottas o un Kvyat qualsiasi.
                              A meno che tu non possa permetterti di rimanere in B anche il prossimo anno, forte del paracadute.
                              Al nostro presidente piace scherzare col fuoco però, perchè l’anno prossimo probabilmente la B sarà molto più competitiva. E allora si che i nodi verranno davvero al pettine. Questo sta giocando a poker butei.

                            • Sick boy scrive:

                              Certo,altrimenti non allenerebbero in B probabilmente ;) io rimango comunque dell’idea di Francesco,ossia che Pecchia ha l’aggravante di avere tra le mani la squadra piu’ forte

                      1. MaxP scrive:

                        Cesare…possiamo ammiccare finché vogliamo (io potrei tirar fuori anche una gamba ma sarebbe uno spettacolo poco edificante… eh eh eh) ma se Setti non vuol vendere non ci possiamo fare molto…il Verona è suo! Detto questo, se dovessimo cambiare dirigente, preferirei qualche italiano piuttosto che cinesi visti i comportamenti con le due milanesi…

                        1. Cesare scrive:

                          Nient’altro da aggiungere, tutto porta a dire che resteremo in B, ai playoff senza carattere si è già fuori, forse meglio cosi, ma il problema vero resta, la società (setti) è sovrastimato, se si vuole fare lo step vero, serve ammiccare a tutti sto cinesi che ci sono in giro, ce ne sarà uno di secondo livello che voglia investire in una città che cmq un po di fascino internazionale ce l’ha.. magra speranza?
                          ciao

                          1. mir/=\ko scrive:

                            AAA Presidente cercasi!!! il Verona non ha un presidente… tutti i mali vengono da lì. se sei obbligato a vincere ti comporti di conseguenza e costruisci una squadra che ti dia un buon margine di successo!! in alternativa fai quello che ha fatto Settorello: "il nulla"!!!

                            1. Danielr scrive:

                              Preso biglietto per Trapani , trasfertina comoda

                              1. Luca scrive:

                                CURVA SUD MARCHE

                                CONCORDO In pieno con quello che ha scritto Barana qui sotto,hai una Ferrari guidata da me.Ora pero' non capisco perche' Pecchia non venga esonerato…..Lo capiro' a fine campionato !

                                1. MANDINGO scrive:

                                  Se mai dovessimo riuscire subito a tornare in serie a (penso che l’unica possibilità sia che quelle dietro continuino a far piu’ schifo di noi) e se dovesse venire confermato il maestro pecchia, non voglio neanche pensare a quante batoste prenderemo l’anno prossimo in serie a…

                                  1. Gianluca scrive:

                                    X me e' un allenatore medìocre e nn pronto x una squadra come l'hellas. Peccato perche' quest'anno bastava poco. Cmq la societa' e' assente. Sfiduciato!

                                    1. Tomhv scrive:

                                      Francesco ma di cosa parliamo ?? Parliamo di un' allenatore che non fa mai la stessa formazione per più di una giornata, che cambia ruolo a tutti due tre giocatori più volte a partita , che sbaglia i cambi e che in conferenza per lui va tutto bene ..

                                      1. Simone scrive:

                                        Bisogna capire cosa intendi per uomo forte. Quando questa società ha messo piede a Verona ha innanzitutto definito i ruoli. Tu fai il ds e hai questi compiti, tu l’allenatore e hai questo compiti, tu il dg e hai questi, eccetera. Perfetto. Società con idee chiare, che ha speso, anche a gennaio, col chiaro intento di raggiungere la serie A. Arbitraggi sicuramente non sfavorevoli, e insomma, tutto lasciava pensare ad un qualcosa di serio. Col tempo sono cambiati tutti, tranne Setti. MA anche questo ci sta, una società importante non dipende da nessuna di queste figure se è tale. Tutti importanti, nessuno insostituibile. A patto che le idee siano sempre chiare, vincenti e si sostituiscano gli uomini chiave sempre con persone capaci e possibilmente affidabili. Si è fatto il nome di Toni qui sotto. Essere leader in campo è un conto, esserlo nel ruolo di dirigente, per di più al primo anno, è altro. E francamente solo un ingenuo poteva pensare potesse pesare. Specie in positivo. Pecchia è al suo primo anno da allenatore in una squadra che dovrebbe lottare per la promozione in A. La squadra è per lo più giovane e al di là di Zuculini Franco senza leader veri. Fusco, concordo, non mi pare uomo da spogliatoio da potergli affiancare in caso di bisogno (vedi Sogliano). A me non interessa né piace l’idea di avere come allenatore un capo popolo alla Gattuso perché significherebbe fare un passo indietro. E se vuoi fare bene ci vuole innanzitutto una società strutturata. Come era questa all’inizio. Ultimo pensiero, concedimelo. Setti sembra avere buoni rapporti con i dirigenti della Juve, con Lotito,… insomma, si è fatto un nome tra la gente che conta. Com’è possibile che al suo primo anno a livello arbitrale avevamo avuto problemi zero ed ora, dopo la partita d’andata col Frosinone, veniamo puntualmente trattati a pesci in faccia? Io lo trovo singolare.

                                        • Francesco Barana scrive:

                                          uomo forte cioè di grande personalità, che non vuol dire esagitato. Può essere calmo o temperamentale, non fa differenza.

                                          • Simone scrive:

                                            Secondo me la differenza la fa la società, con le sue possibilità e idee. E così dev’essere se vuoi portarti a certi livelli. Non puoi puntare su una figura forte e basta. Il tutto dev’essere strutturato.

                                        1. Daniele scrive:

                                          caro Francesco, so che io sono di parte ( apprezzo sempre la tua schietta e professionale disamina), ma sto aspettando cosa dirà il presidente, Fusco e Pecchia, dopo la partita di Trapani, ma so già che mi diranno che basta vincere le altre nove, che tutto va bene, che Pecchia ha piena fiducia……..ecc. ecc. ecc. Dimenticavo, diranno anche che ci sono altri 27 punti a disposizione!!!
                                          e la tua ultima frase è la cruda realtà: “Avremmo dovuto ammazzare il campionato, invece siamo a tre punti dal secondo posto e in affanno da più di quattro mesi”
                                          forza Hellas.

                                          • Simone scrive:

                                            Solo 3 squadre hanno ammazzato il campionato di B negli ultimi dieci anni. Non vedo perché avrebbe dovuto questo Verona.

                                            • El balota scrive:

                                              qua nessuno vuole ammazzare il campionato…qua si vuole solo fare punti e convincere contro squadre nettamente inferiori alla nostra vedi Vicenza, Latina, Avellino, Ascoli, pro Vercelli e Pisa…6 gare e 3 punti contro il nulla! contento ti…

                                              • Simone scrive:

                                                No son mia contento, ed è chiaro che nelle ultime tre andavano fatti 9 punti. Gioco involuto (vedi cosa ho scritto sotto) e pavido, specie nel secondo tempo, dove si è voluto gestire più che cercare il secondo gol. Dopo anche sfiga e arbitro i g’ha messo del loro, va detto. Detto questo, anche il Frosinone è nettamente superiore a Pisa, Perugia, Vicenza, Ternana, Salernitana, Pro Vercelli, Virtus Entella, Cittadella… eppure… Questo è un campionato in cui nulla è scontato. E a questo punto della stagione non si può non averlo capito.

                                                • Simone scrive:

                                                  Gli alibi stanno a zero. Noi abbiamo cominciato a fare male a livello di risultati da quando abbiamo smesso di giocare. Ma quello che mi chiedo io è perché. Qualche risposta l’ho data. Il Frosinone molte delle partite da te indicate le ha vinte anche in modo ”sporco”, noi non ne siamo in grado. Avessimo vinto con l’Ascoli e ieri, seppur non convincendo, ci sarebbe stato qualcosa da ridire sul risultato?

                                                • Francesco Barana scrive:

                                                  Nel campionato in cui nulla è scontato il Frosinone ha vinto ad Avellino e Latina, con l’Ascoli in casa, pareggiato a Vicenza, perso a Vercelli, pareggiato con il Pisa, 11 punti a 3.
                                                  A parte questo, nel campionato in cui nulla è scontato il Frosinone ha quattro punti più di te, mentre tu hai dilapidato 7 punti dalle seconde quando eri primo. Forse se guardassimo a casa nostra e la smettessimo anche noi di cercare alibi e frasi fatte?

                                          1. Fabio scrive:

                                            Toni in tutto questo marasma dov è e che ruolo ha?

                                            1. RH scrive:

                                              No, non sono d’accordo.
                                              è ora di finirla con l’assioma “sergente di ferro=risultati”;
                                              un allenatore, come qualunque altro manager, deve ottenere risultati. Che lo faccia con la foga di Gattuso o con la gentilezza di un Pecchia che fu non ha importanza, gli urlacci fomentano la gente ma non danno risultati.
                                              Non “cercasi uomo forte”, piuttosto “cercasi uomo capace”, e noi tra presidente, ds e allenatore (ognuno nel suo ruolo) ne abbiamo veramente bisogno.

                                              • Francesco Barana scrive:

                                                Io ho parlato di uomo forte, non di uomo “con foga” o “di sergente di ferro”. Ancelotti è un uomo forte nella sua compostezza. Allegri idem. In B anche un Pasquale Marino è un uomo forte nella sua calma.

                                                • RH scrive:

                                                  Gattuso però se permetti non lo vedo poi così ‘forte’ e sull’articolo hai parlato di lui, non di Allegri, Ancelotti e Marino. Pure Sogliano, con pregi e difetti, e con tutti i meriti per quanto di buono fatto qua, è più un Gattuso che un *metrici un nome a caso di quelli sopra*. Se poi intendevi dire ciò che ho scritto io [ tranne che sulla valutazione di Gattuso ] non posso che essere d’accordo ;-)

                                                  • RH scrive:

                                                    Poi, penso che l’ “uomo forte, cazzuto e carismatico” in società ci sia, è alto quasi due metri e altrettanto largo, non dice mai banalità quando parla ed ha avuto le biglie per diventare capocannoniere in SerieA davanti a fiorfior di strapagati campioncini a carriera finita, e sul carisma penso nessuno abbia dubbi.
                                                    Penso non servano “uomini forti” -e basta-, ma “uomini capaci” (e Questo Signore, a far il suo attuale lavoro, ancora non lo è).

                                                    • Francesco Barana scrive:

                                                      Ho parlato di Gattuso perché costa relativamente poco e dunque lo paragonavo a Pecchia per il budget non impegnativo. Ho parlato di Gattuso perché era il nostro avversario ieri. Ho parlato di Gattuso perché ha caricato la partita con maestria. Qua invece mi pare tutto un minimizzare e cercare alibi.

                                              1. mir/=\ko scrive:

                                                ma perché non ti rendi conto Francesco che siamo semplicemente modesti?? che dopo il disastroso campionato scorso, per centrare la promozione andava costruita una squadra forte con investimenti seri, giocando d'azzardo il meno possibile??? Setti non è semplicemente delegante… Setti è ne piu e ne meno la copia di Pastorello… !!! null'altro!!!

                                                1. Mattia scrive:

                                                  Ancora con questo guidolin.
                                                  Francesco guidolin è ancora sotto contratto con lo Swansea city.

                                                  1. Punto scrive:

                                                    Che a questa società manchi qualcosa o qualcuno più “robusto” mi sembra tanto evidente quanto vero.
                                                    Ci aggiungerei pure in campo, ieri ad esempio, cosa mai ti ha dato in più il migliore in campo stesso Zucolini?
                                                    Pressing, forza fisica, temperamento, decisione, voglia di sporcarsi (nel gol, passaggio per Pazzini in scivolata).
                                                    È bastato un “Gattuso” in mezzo al campo per far sembrare tutti gli altri timidi interpreti.
                                                    Tu difendi sempre a spada tratta il fatto che questa squadra abbia i mezzi necessari per ammazzare il campionato, o perlomeno sia sufficientemente attrezzata… io comincio seriamente a pensare che più di qualcuno dei nostri sia sopravvalutato… tra dieci giornate il dubbio sarà tolto.
                                                    Su Pecchia, ora io non so quanto un allenatore possa effettivamente incidere sul risultato finale di una stagione. Visto quanto guadagnano però rispetto ai giocatori sarei tentato nel dire 20/25% non di più.
                                                    Destino vuole che in questo momento, in termini numerici, quella percentuale sia decisiva…
                                                    Domanda, come ti è parso Setti?

                                                    1. k scrive:

                                                      dovevamo ammazzare il campionato ma il campionato ha ammazzato noi.
                                                      verona forte?basta elecare queste mezze calzette per smentire:souprayen,romulo,siligardi, bianchetti,fares,cappelluzzo.
                                                      ieri,chi ha visto frosinone- spal ha capito al volo perchè noi dovremo disputare i play off e perderli,come da copione.
                                                      ogni giocatore del frosinoine e molti della spal hanno la tempra che i ns non conoscono.
                                                      per pecchia c’è solo da stendere un pietoso velo sopra il suo operato:questo non ci sta capendo una mazza e lo dico dall’alto della mia pluridecennale esperienza di coach di ragazzini.qui non serve nemmeno sostituire il manico con una belva
                                                      alla gattuso ma anche solo con un mansueto che possieda un briciolo di logica,. un testardo che si è incaponito con un solo modulo e che lo fa eseguire a prescindere non merita di guidare una compagine che punta ai vertici

                                                      • Simone scrive:

                                                        Sul modulo, invece, non sono affatto d’accordo. Di moduli, e di stile di gioco, Pecchia ne ha cambiati più d’uno durante la stagione. Ieri compreso.

                                                      • Maxhellas scrive:

                                                        Non mi pare che Frosinone e Spal abbiano una rosa qualitativamente migliore della nostra.
                                                        La differenza la fa la grinta. Assente (salvo qualche raro caso tipo Zuculini) dalle nostre parti, e abbondante in molte altre compagini.
                                                        Ma la grinta, l’agonismo di solito sono caratteristiche che l’allenatore trasmette alla squadra. Al di là anche dei moduli e dei ruoli.
                                                        E’ su questo punto che Pecchia, a mio avviso, manca maggiormente. Ed è invece una qualità indispensabile nei campionati di B e di C.

                                                        • Simone scrive:

                                                          Se avessi tot Zuculini Franco, sembrerebbe una squadra di carattere. Il problema è che di Zuculini Franco questa squadra non ne ha, oltre a lui, a differenza che nel recente passato. E se non hai carattere difficilmente te lo puoi inventare. Specie se cominci ad essere arrendevole e pavido anche a livello di gioco. Squadra costruita con dei limiti ben precisi a mio avviso. Anche da quel punto di vista. Alcune recenti interviste o uscite di alcuni giocatori (con relative prove in campo) lo stanno a dimostrare.

                                                      1. pinkhellas scrive:

                                                        Io la penso da novembre che setti non vuole andare in serie A per i 15 milioni, ora dice che uno è Rinco….. Paragonare i 15 milioni alle Serie A. Questo però si sta avverando. Non so che partite vede Setti. Ottimo blog Francesco…. Vai giù di brutto perché El Vigo mi sembra ciupaciupa ciao

                                                        • ciccio2 scrive:

                                                          beh..pensi male.. su quali basi poi….tenendo conto che 40 è > di 15 …. non è possibile sentire gente che dice “non vuol andare in A” o “vuol andare in B” … se il business è in A (e molti dicono che Setti usi il verona come bancomat) non puoi restare dove NON C’E’ la GRANA…. logica spicciola….elementare…
                                                          poi ognuno libero di pensare quel che vuole.. anche che setti sia un emissario del campe…..

                                                          • RobyVR scrive:

                                                            Beh, vuto mettar 15 milioni puliti in B sensa spendar un casso con 40 milioni in A dove te ghe da spendarghene de più de quel che te ciapi par restarghe? Ci ghe le fa far a Seti? La passion? Dai su valà.

                                                        1. Maxhellas scrive:

                                                          Si, ma… Gattuso mi ricorda un pochino il cosiddetto “anticalcio”, o no?
                                                          E la piazza tutta, el pueblo unido, non voleva più l’anticalcio, ma il calcio champagne, o no?
                                                          O forse vogliamo il calcio champagne con grinta inclusa?
                                                          Ma quand’anche esistesse un allenatore così, siamo certi e sicuri che verrebbe ad allenare il Verona, o sarebbe magari lecito attendersi che sieda su panchine più blasonate?
                                                          Se fossimo consapevoli di ciò che siamo, nel bene e nel male, ci terremmo stretti quelli che sono buoni allenatori per una squadra del nostro livello, senza la pretesa di vedere Mourinho in panca…., anche se qualche volta dà del corvo a qualcuno o fa un gestaccio.
                                                          Col senno di poi, forse…..

                                                          • Simone scrive:

                                                            Non è che se riescono a proporre gioco a Empoli, Genova, Bergamo, Udine eccetera, qui non si possa, eh. Non facciamo di Gattuso un allenatore di livello, per favore.

                                                            • Maxhellas scrive:

                                                              Si, ma chi proponeva gioco a Empoli sta a Napoli adesso.
                                                              E Gasperini non credo verrebbe mai in serie B da no. Soprattutto in mancanza di un progetto serio.
                                                              Parlo di allenatori che, sic rebus stantibus (in termini di situazione societaria e quindi di prospettive), possono rimanere a Verona in modo da dare continuità.
                                                              Pecchia avrà anche il sacro fuoco dentro, come dice Setti, ma non se ne vede traccia guardando come gioca il Verona da lui allenato. E questo è un dato di fatto.
                                                              Nel campionato di B, con un livello qualitativo medio/basso, conta moltissimo l’agonismo e la cattiveria, molto di più delle doti tecniche, che comunque scarseggiano.
                                                              Se poi aggiungi il livello degli arbitri (ieri la sagra degli errori, non solo con noi), conta ancora di più.
                                                              Del resto, nella nostra storia non mi pare siamo mai stati molto amati dalla classe arbitrale: Tuttavia, le nostre promozioni le abbiamo ottenute lo stesso. Magari giocando un po’ più cattivi.

                                                              • Simone scrive:

                                                                Se un allenatore sa proporre un certo tipo di gioco, anche se venisse da zero esperienza, a Verona ci starebbe ben poco perché avrebbe altre offerte da società ci un progetto più importante. Tu dici che in b ci vuole grinta più che gioco. Ma io vedo che i punti con sta squadra li facevo quando giocavi, non da quando ti sei sistemato a livello difensivo a centrocampo.. Sulla qualità dei giocatori. La qualità non è data solo da come passi il pallone, ma da un’insieme di componenti: tecniche, caratteriali e soprattutto, come ho già scritto più di una volta, nella capacità di far bene le due fasi (jorginho e hallfredsson due esempi relativamente recenti). Questa squadra non mi sembra allestita in maniera esemplare da questo punto di vista.

                                                          1. jep scrive:

                                                            Zamparini sta a tutti sul cazzo perché è quella parte di noi squilibrata.. reattiva.. ribelle.. ma in zamparini, concreta.. fa ciò che pensa senza freno alcuno..
                                                            fai ca…re? la squadra non gioca? esonerato..
                                                            giochi di m…? lo dico a te e pure alla stampa
                                                            fai una campagna acquisti non all’altezza? licenziato..
                                                            ci vuole equilibrio nel calcio si.. ma anche un po’ di zamparini

                                                            1. RobyVR scrive:

                                                              Ciao Francesco,
                                                              doveene copar el campionato solo dopo le prima diese partie, prima dele diese partie l’èra evidente che la squadra l’èra inadeguata par un campionato de vertice. Par mi la campagna acquisti l’è sta falimentare, dopo pensava de èssarme sbajà ma purtropo g’avea reson. Sema rientrè nela normalità de na squadra fata sensa criterio, con qualchedun de fin massa brao par la categoria ma con la oia de uno che el castiga sempre quela da quarantani, e altri che no i va ben gnanca par la serie.
                                                              El tuto condio da un alenador veramente scarso con una società totalmente assente sopratuto se se trata de tirar fora schei.

                                                              1. luchinho scrive:

                                                                sottoscrivo in tutto Francesco, il tuo post credo si ail + equilibrato per questo dopo partita; credo siamo la squadra meno indicata per la promozione, che viviamo di rendita della qualità dei singoli, ma una squadra che vince il campionato di B senza un minimo di grinta, sacrificio, passione, non si è mai vista; ho paura che i play off ci saranno fatali, per l’agonismo e il sacrificio anche mentale che richiedono. Cercasi Uomo forte.

                                                                1. Ruspa62 scrive:

                                                                  Per quanto riguarda Guidolin ed il suo impegno con lo Swansea, i contratti si possono tranquillamente risolvere in ogni momento come ha fatto Mandorlini con il Verona per andare al Genoa. Ma sono convinto che basterebbe anche dare la squadra a Pavanel per vedere qualcosa di meglio che la confusione totale nella quale l'ha messa da mesi Pecchia.

                                                                  • Preben8485 scrive:

                                                                    Nella vita e’ tutto possibile ma tu credi che un presidente che ha preso un osso da brodo come allenatore (Pecchia) pagandolo 60.000 Euro all’anno, lo esonera e prende Guidolin che minimo minimo al Swansea prende 600.000 Euro?

                                                                  1. die980 scrive:

                                                                    Caro Francesco,

                                                                    temo sia gravemente vero quanto dici. Ho sempre pensato che una delle doti fondamentali di un allenatore debba essere il carisma e la capacità di trasmettere ai giocatori quegli stimoli e quella rabbia che spesso molti di loro non hanno o non percepiscono naturalmente. Al di la di questo, sottolineo poi la capacità di leggere le partite in corso e di azzeccare i cambi giusti. Ecco, temo che il nostro Pecchia sia un pò carente in entrambe le caratteristiche.
                                                                    Tuttavia alla fine in campo ci vanno in 11 e se questi 11 non riescono a fare due gol in casa alla penultima in classifica un motivo ci sarà.
                                                                    A prescindere da chi siede in panchina.
                                                                    Un discorso a parte per Setti. Come già avuto modo di scrivere, bisogna realizzare una volta per tutte qual è la dimensione dell’imprenditore di Carpi. E, attualmente, questa non è la serie A. Quantomeno non una serie A “a lungo termine”, programmata e ragionata. Ci dovrà andare un pò di c**o insomma!

                                                                    Un abbraccio e sempre forza Hellas

                                                                    Diego

                                                                    1. Nessuna Resa! scrive:

                                                                      Gattuso probabilmente è inesperto quanto Pecchia e dovrà fare ancora molta gavetta, ma per quanto mi riguarda farei cambio al volo! Quest'anno col Pisa sta facendo dei miracoli, fino a metà campionato senza una società e senza mezzi e soprattutto con una squadra veramente inadeguata alla categoria (leggi attacco peggiore della B) eppure ha la miglior difesa del campionato e sa tirare fuori grinta e motivazioni anche da giocatori che tecnicamente valgono la metà dei ns ma oggi non hanno mai smesso di lottare e nel secondo tempo quando noi abbiamo smesso di giocare hanno provato a fare qualcosa riuscendo anche fortunosamente a pareggiare. Questo Gattuso mi ricorda molto il primo Mandorlini in lega pro quando oltre all'allenatore doveva anche fare altro visto l'assenza della società ed i risultati li conosciamo. Il calcio non è sport per educande, quelli come Pecchia gente come Gattuso ma potrei dire Bisoli o Baroni, se li mangiano a colazione. Visto che non avevamo (e non abbiamo) i mezzi economici per prendere un allenatore di categoria (un Iachini ad es.) uno alla Gattuso sicuramente sarebbe servito come il pane sia per questa squadra di molli senza personalità sia per l'ambiente, oggi le uniche emozioni le ha regalate Franco Zuculini per un paio di recuperi in scivolata e per la grinta che ci ha messo e questo dovrebbe far riflettere qualcuno!

                                                                      1. Ruspa62 scrive:

                                                                        Condivido tutto al 100%, se Setti ha ancora un barlume di buon senso dovrebbe esonerare subito Pecchia e prendere Guidolin. Poi a giugno via Fusco e Toni ds.

                                                                        1. Denis scrive:

                                                                          Il discorso su uno scambio Pecchia Gattuso ce l'avevo in testa scendendo le scale della sud

                                                                          1. elcarma scrive:

                                                                            Non avremo la riprova ma se ghera Iachini, secondo mi, se podea coparlo benissimo sto campionato, adesso se ndemo ai play off (grat grat) sa femo?

                                                                            1. avanti i blu scrive:

                                                                              Se é cosí Setti si sarebbe dovuto cantidare alle elezioni non comprare una squadra di calcio; la veritá é che purtroppo sará anche un imprenditore bravo ma é un mediocre presidente

                                                                              1. Luca scrive:

                                                                                CURVA SUD MARCHE

                                                                                Pecchia va mandato via subito ma questo non accadra' mai !

                                                                              Lascia un Commento

                                                                              *