31
ago 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 419 Commenti
VISUALIZZAZIONI

8.449

CHE SERATA FLUO…

Mettiamola così: Il Verona ha indossato delle magliette così brutte che poi ha adeguato il tono della sua prestazione. Non avessimo visto il Verona che ha brillato contro la Roma, ci sarebbe da preoccuparsi. Nel secondo tempo non l’abbiamo mai presa e il Genoa ci ha preso a pallate, con una squadra appena rabberciata dove il vero fuoriclasse siede in panchina.

Il Verona ci ha provato. E nel primo tempo ci è anche in parte riuscito. Ritmo sufficientemente alto, pressing, buone discese sulle fasce. La luce si è spenta quando si è fatto male Emil. E non so quanto questa considerazione sia di sollievo. Con l’islandese ko è entrato in campo Viviani, lento e compassato evidentemente fuori condizione, Greco è stato spostato a sinistra e da lì in poi il gioco del Genoa è decollato. Toni ne ha prese pochine e come sempre si dovrà aspettare per vederlo in forma. Non è colpa di Viviani, mi pare scontato dirlo. Però oggettivamente la sua prestazione è stata sottotono e ha condizionato la squadra. Forse si poteva mettere Romulo, ma non so cosa sarebbe cambiato. Anche lui non è al meglio, quando lo sarà, dovrà giocare titolare.

Pazzini non c’era e il tema è scottante. Ovviamente si è perso ed ora ci si abbatte contro la scelta di Mandorlini che solamente sette giorni fa aveva pagato sotto ogni profilo. Pazzini come Saviola? In molti lo pensano, io credo che solo ipotizzare una cosa del genere sia da folli. Sarebbe stato folle Setti a prendere Pazzini dopo aver praticamente buttato via l’ingaggio di Saviola l’anno scorso, sarebbe stato folle Pazzini a venire, sarebbe stato folle Mandorlini a volerlo. Non credo sarà così. Pazzini giocherà dalla prossima partita e sarà giustamente un titolare fisso, altrimenti davvero dovremo parlare di un caso incredibile.

In molti hanno già iniziato il tiro alla difesa e al povero Rafael. Siamo alle solite: bisogna trovare un colpevole, sia esso Bordin, o Moras o Marquez o il nostro portiere. Ma questa difesa è la stessa che ha fermato Dzeko, Salah, Iago Falque, Pjanic e Ibarbo. Quindi cos’è cambiato? E’ cambiato che il Genoa ad un certo punto ha spinto, siamo indietreggiati, esattamente come in certe gare della scorsa stagione, e quando difendiamo in area facciamo fatica e l’errore capita sempre. E’ cambiato l’atteggiamento generale, le motivazioni, la gamba. Non vorrei ripetermi: o il Verona ha un’applicazione massimale oppure diventa una squadra lenta, brutta e prevedibile. Troppo facile farlo solo contro le grandi. Lì le motivazioni le trovi semplicemente. Ma la mentalità la devi sempre avere. Altrimenti rifaremo la fine della scorsa stagione con le eterne montagne russe che danno sempre l’idea di un’incompiuta.

Chiudo con un riferimento che con la gara c’entra relativamente. Penso che la maglia fluo sia la più brutta maglia mai indossata dall’Hellas Verona nei suoi 112 anni di vita. Una maglia senza senso, senza riferimenti ai nostri colori, senza eleganza. Credo che tutti gli uomini del marketing si debbano dare una calmata e debbano fare una seria riflessione. C’è un limite a tutto. E stavolta il limite è stato veramente superato.

 

 

 

22
ago 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 605 Commenti
VISUALIZZAZIONI

14.401

LA DIFESA NON E’ PIU’ IL TALLONE D’ACHILLE

Il Verona non ha cambiato nessuno in difesa. Rafa Marquez ha fatto la sua miglior partita da quando è arrivato. Souprayen sembra Marangon. Moras assomiglia a Roccia Fontolan. E a destra Pisano ha tenuto quasi tutta la gara, sbagliando solo quel maledetto pallone su cui poi Florenzi ha inventato il gol. Chi vaticinava valanghe di reti subite contro Dzeko, Salah, Gervinho e Iago Falque ha sbagliato di grosso.

E da lunedì forse, anche chi continuava a dare la colpa ai difensori per le 68 reti che si sono incassate l’anno scorso, dovrà puntare il dito da un’altra parte. Non avendo cambiato interpreti, allora, cosa ha cambiato il Verona? Semplicemente l’atteggiamento che contro la Roma ha rasentato la perfezione. Un Verona che ha pressato alto, che non ha dato respiro ai giallorossi, bissando, a mio avviso anche in meglio, la già perfetta gara di fine stagione con la Juventus.

Finalmente la squadra non ha rinculato tirandosi gli avversari in area di rigore, rischiando il meno possibile anche contro quelli che alla vigilia erano dei marziani. Lasciatemi fare un applauso particolare a Greco a cui mio avviso vanno molti meriti di questa partita. Se scrivevo un po’ di giorni fa che Greco era un ripiego in attesa di Viviani, beh, oggi dico che questo è un gran ripiego. Ci ha visto giusto anche il mister che ha pensato a Leandro per rivestire quel ruolo. E penso che Viviani dovrà veramente sudarsela la maglia per strapparla dalla schiena dell’ex romanista. Senza contare che oggi l’unico marziano visto al Bentegodi era pelato e veniva dall’Islanda.

Giocando in questa maniera il Verona ha quasi “oscurato” il caso della giornata: Pazzini in panchina. Ovviamente essendo solo alla prima non può essere un caso, ma è altrettanto logico che non è possibile pensare ad un Pazzini formato Saviola. E non sarà così, ne sono sicuro. Mandorlini troverà il modo di farlo giocare e di farlo rendere al meglio, anche con Toni vicino, non solo come alternativa. Ma oggi era la scelta giusta da fare. Non c’è dubbio.

21
ago 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 92 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.458

…CHE AL MERCATO UN TOPOLINO COMPRO’…

Nardino Previdi che era stato a lungo un ras del mercato, aveva iniziato vendendo bestiame. L’indole gli era rimasta. Trattava i giocatori come vacche. E i procuratori come bestie. Un giorno bussarono alla porta del Verona per chiedere soldi per Rafael. Fece aspettare un’oretta. E poi quando entrarono tirò fuori una carta e disse: “Mi dovete trecentomila euro, e io dopo ve ne restituisco sessantamila”. Non si videro più e Rafael divenne un giocatore completamente del Verona.

Pastorello, dopo aver messo in vendita la società (lo faceva ad ogni difficoltà), scoperto verso dicembre che la squadra allenata da Ficcadenti aveva ancora dei valori (da cedere) prima di Santa Lucia disse: “Solo un folle smembrerebbe questo giocattolo”. Il giorno dopo cedette Italiano al Genoa, smembrò il giocattolo portando Rosina, in procura ai figli, Pizzinat e Soligo. Per un punto quel Verona non salì in serie A (fu l’anno dei ripescaggi…).

Quando entrò Martinelli nel Verona, trovarono nell’ufficio di Cannella un pacco di contratti già firmati dal Conte Arvedi. Contratti in bianco, su cui si poteva mettere la cifra che si voleva. Il Verona era ad un passo dal baratro. Ogni giorno bussava un procuratore a caccia di soldi. Martinelli pagò tutti.

Bonato non riuscì a prendere un attaccante vero per la Lega Pro. Portò Selva, cercò di rimediare con Colombo, prese Di Gennaro. Niente. Ma in più prese tre giocatori alla frutta dal Sassuolo. Pagandoli pure. Una bestemmia calcistica che ancora oggi grida vendetta.

Il mercato è pazzo, i procuratori comandano e quest’estate non è da meno.

I procuratori di Donsah sono dei fenomeni e si stanno segnalando per questo. Riescono a far viaggiare il nome dell’ex del Verona, che alla fin fine ha fatto solo una manciata di apparizioni a Cagliari, finendo in serie B. Prima la Juve, poi addirittura il Chelsea. Bum. Non è vero niente come ha detto il presidente del Cagliari Giulini che ha verificato personalmente con Marotta. Ma visto che si sparano balle, tanto vale spararle grosse. Intanto il nome di Donsah circola e si ipotizzano aste che non esistono. Forse lo prenderà il Napoli.

A proposito di Napoli: De Laurentiis l’altro giorno si è lamentato perchè l’Inter avrebbe contattato direttamente Maertens. Ma poi dice: “Ho verificato con Fassone, non è vero”. Intanto lui cosa fa? Si mette a trattare con l’agente di Sala (lo stesso di Donsah…) senza passare dal Verona. La cosa bella è che tutti danno l’affare per fatto, addirittura con le cifre esatte. Sei milioni subito, oppure otto con bonus. Al Verona leggono allibiti e stizziti.

La verità? Soldi veri non ce ne sono, si scambiano tre scimmie con due cammelli,  il baraccone mediatico attorno al calcio mercato è sempre più esagerato. Tutti hanno fatto un colpo, ma a ben guardare la formula del prestito con il diritto di riscatto è quella più usata. E’ un grande sogno, un’illusione, un miraggio, diciamoci la verità, e pur sapendo che ci stanno prendendo in giro e che tre quarti delle notizie che pubblicano i siti specializzati sono false, non vogliamo risvegliarci…

17
ago 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 184 Commenti
VISUALIZZAZIONI

7.092

L’IMPORTANZA DI VIVIANI

Credo che un giudizio definitivo sul Verona lo si potrà dare solo quando Mandorlini avrà a disposizione a tempo pieno Federico Viviani. Ovviamente il mister ha già dato un’identità alla squadra, optando per la soluzione al momento più logica per supportare la coppia Pazzini-Toni. Inserire cioè Siligardi alle loro spalle, un giocatore che a mio avviso potrà regalare delle grandi soddisfazioni quest’anno.

In molti si chiedono e mi chiedono se Pazzini e Toni possono giocare assieme: penso proprio di sì e per merito soprattutto della grande disponibilità di Giampaolo. Come ho già detto, e lo ribadisco dopo la gara con il Foggia (la miglior partita del Verona fino ad ora), i due non si pestano i piedi e quando sono cercati e riforniti creano ogni volta un disagio alla difesa avversaria. La chiave, però è il trequartista. Pazzini con il Foggia ha toccato più palloni di tutte le altre amichevoli e non è un caso. E’ stato “dentro” a tutte le azioni offensive, si è prodigato come mai mi sarei aspettato da un attaccante con il suo curriculum. E Siligardi ha corso e tamponato (può fare di più, ovviamente) con il risultato che il Verona ha tenuto più alto il baricentro, conquistando spesso la palla sulla trequarti avversaria. Quanto questo sia possibile con Roma, Juve, Milan e Inter non è dato a sapere. Ma tenete presente che il mister ha altre frecce al suo arco, tipo Gomez, che in quanto ad abnegazione non ha da imparare nulla da nessuno. E poi può sempre tornare a gara in corso all’amato 4-3-3, garanzia di equilibrio.

Torniamo alla questione Viviani:  abortito l’esperimento Tachtsidis, la società è andata a prendere uno dei più talentuosi giovani in quel ruolo. Un giocatore però tutto da costruire e da plasmare, uno a cui piace inserirsi e andare al tiro, bravo nelle punizioni. E’ costato quattro milioni e rotti non a caso. E’ un investimento immenso per una società come l’Hellas e con lui non si dovrà sbagliare.

Viviani però fino ad oggi non c’è mai stato. Ha i muscoli ingolfati dalle infiltrazioni, per essere al top vuole prima “ripulirseli”. E al Verona è mancato. Sia detto chiaro e tondo: Greco che lo ha sostituito è un ragazzo d’oro, anche abile tecnicamente ma quello non è il suo ruolo. E’ una questione di “sensibilità” di tempi di gioco, di predisposizione. Greco affronta il compito con diligenza e grande senso del dovere, ma in quel settore la palla deve viaggiare veloce e le idee di più. Viviani dovrebbe essere sicuramente un’altra cosa. La speranza è che al più presto si mette a lavorare con il gruppo per trovare condizione e meccanismi. Si sono già persi due mesi. Altro tempo il Verona non può permettersi di perderlo.

11
ago 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 190 Commenti
VISUALIZZAZIONI

9.153

BARARE PAGA

Dunque, ricapitolando: chi trucca le partite, altera il risultato, paga giocatori e in più si gioca anche la combine alle scommesse, cioè commette il più grave assassinio che possa essere esistere nello sport, non viene radiato, cacciato, espulso, retrocesso. Basta che poi si penta e inizi a trattare con il pm sportivo perchè quell’”assassinio sportivo” venga diluito in una mite condanna.

Ciò che sta succedendo a Catania in questi giorni è l’ultimo atto del declino del calcio in Italia, finito in mano di truffatori, ladri e banditi. Appena si è concluso il tam tam mediatico, appena gli opinionisti (tutti scandalizzati) hanno girato la loro faccia dall’altra parte, non appena il Palazzo (con la P grande perchè fa più Puttana) si è messo a trattare, la fogna e il putridume sono tornati a galla. Pulvirenti, presidente reo confesso di combine verrà squalificato per cinque anni. Il Catania retrocesso in Lega Pro (ma penalizzato, oddio che terrore!) e così va tutto ben madama la marchesa.

Il calcio altro non è che lo specchio del paese dove chi delinque, evade le tasse, sbaglia e non rispetta le leggi non paga mai. Viva l’Italia dove barare paga. Sempre.

04
ago 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 283 Commenti
VISUALIZZAZIONI

9.666

CI VUOLE PAZIENZA, MA BISOGNA FARE IN FRETTA

Lo so, il titolo è una contraddizione. Voluta ovviamente. Perchè è esattamente la contraddizione che sta vivendo il Verona in questi giorni. Mi spiego meglio: mai come quest’anno è necessario avere tempo a disposizione per rendere organico l’inserimento di un top player come Pazzini. Non è una questione facile, come avevamo intuito fin dalla prima volta in cui il suo nome venne accostato al Verona. L’arrivo di Pazzini è stato ben meditato. Ci ha pensato su soprattutto Mandorlini, il quale ha parlato con il giocatore dopo aver parlato con la società. Insomma, non è un acquisto “calato dall’alto”, ma è condiviso dal tecnico.

Significa che Mandorlini ha intenzione di superare i problemi di convivenza tra il Pazzo e Luca Toni. La disponibilità massima dei due aiuta in tal senso. Sono due prime punte, ma non si vogliono pestare i piedi. In più sono amici e Toni ha “spinto” per portare Giampaolo a Verona. Ma tra il dire e il fare, come sempre, poi c’è di mezzo il campo.

Come ho avuto modo di spiegare non credo che il problema sia “l’intesa” tra Toni e Pazzini. Nei due test che ho visto non ho mai avuto la sensazione che i due si pestino i piedi e che facciano gli stessi movimenti. Pazzini gira vicino a Toni e cerca di sfruttare qualche sponda e qualche volta cerca di andare via con l’uno-due. Il problema, semmai, è un altro. I due non sono riforniti adeguatamente. Mancano palloni giocabili, non c’è lavoro sulle fasce, e quello che ne consegue è lo spreco di tanta potenza di fuoco. E’ su questo che sta lavorando il mister, prima cercando di non squilibrare la squadra (e fa bene) e poi cercando di rendere più fluidi i movimenti degli esterni.

Gran lavoro lo dovranno fare Gomez o Jankovic (ci sarà posto solo per uno dei due giocando così) e dall’altra parte Sala. Proprio Jacopo dovrà diventare il grande equilibratore del Verona. Per ora lo ha fatto a metà, e francamente, non esaltando nelle due prove che ha fatto, soprattutto ad Amburgo.

E’ una questione di tempo. Mandorlini deve lavorare tantissimo su questo aspetto e solo con tanto lavoro e tanta pazienza verrà a capo della faccenda. Il problema è che il Verona non ha tanto tempo a disposizione. Il calendario, molto duro all’inizio, impone una super-partenza. Partire bene allevia i problemi, fa ragionare con serenità, permette di superare molti problemi. Il Verona lo sa e questa è la grande contraddizione che vive in questi giorni.

26
lug 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 321 Commenti
VISUALIZZAZIONI

12.356

PERCHE’ SALA NON DEVE ESSERE CEDUTO

Ci sono mille motivi per non vendere Jacopo Sala. Ma due sopra ogni altro. Il primo: visto stasera il Verona con le idee tattiche (abbozzate) da Mandorlini, con il trio Pazzini-Toni-Gomez in avanti, Sala è l’uomo più importante della squadra.

E’ lui che garantisce gli equilibri a destra e permette la coesistenza di Toni-Pazzini. Senza di lui (e con Romulo ancora balbettante a livello fisico), il Verona farà molta fatica a supportare i due assieme.

Se in fase offensiva il Verona parte con un 4-3-3, in fase difensiva si ricolloca con il 4-4-2, con Sala che scala a destra e la squadra che si riposiziona di conseguenza. Senza la gamba, la forza fisica, la generosità di Jacopo non credo che il Verona possa giocare con questo modulo. E questo è il primo motivo prettamente tattico.

Poi c’è un motivo economico. Quanto vale Sala? Per me molto, e la verità è che ancora non si è visto il vero Sala. L’esplosione non è ancora avvenuta, la maturazione potrebbe compiersi nel prossimo campionato. Potenzialmente Sala può diventare uno dei più importanti esterni del campionato italiano e se non sarà tormentato dagli infortuni come l’anno scorso, lo è già ora. Il Verona lo sa e Setti ha deciso di sfidare tutti su questo terreno. Sala se ne va solo a prezzo congruo.

Per fortuna il Verona non pare avere problemi di bilancio e la società pare in grado di assorbire questa mancata cessione. Così ha detto il presidente. Può darsi anche che Setti abbia bluffato per non farsi prendere dal collo da nessuno (prima regola di un buon commerciante, mai far vedere che hai bisogno di vendere a tutti i costi la tua merce…), ma non credo.

Togliendo in pratica Sala dal mercato, Setti si è preso anche una bella responsabilità nei confronti della piazza che generosamente lo sta supportando anche quest’anno con la solita messe di abbonamenti. Il presidente ama far seguire i fatti alle sue dichiarazioni, spesso (Pazzini) addirittura i fatti alle parole. Non credo abbia voglia di deludere nessuno anche stavolta.

23
lug 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 117 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.241

NON É UN PAESE PER GIOVANI

L’Italia é un paese per vecchi. Giovani bamboccioni di 35 anni vivono ancora a casa di mamma e papá, un po’ (tanto) perché lo stipendio che prendono non é sufficiente a fare una famiglia, un po’ (tanto) perché la mamma fa da mangiare bene, lava e stira e papá paga le bollette.

Il concetto di giovane é molto strano in questo paese. La classe dirigente appartiene all’era glaciale, un 40 enne sembra quasi un lattante.

Il calcio riflette questo stato di cose. Non passa giorno in cui un presidente non si esibisca nella famosa frase: puntiamo sui giovani. Naturalmente si é adeguato anche Setti. Viva i giovani, adelante. Verona dei baby, sarebbe una bella idea, non fosse rischiosa (vedi Cagliari) perché coi giovani puoi avere sorprese di ogni tipo. Meglio allora puntare sul sicuro,su Toni e sui trentenni che in fondo, in Italia, é come avere in squadra un dodicenne. I giovani intanto li mandiamo a “maturare” altrove, in prestito. In attesa che invecchino… 

22
lug 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 77 Commenti
VISUALIZZAZIONI

3.537

ATTACCO STELLARE, MA LA VERA SFIDA SARÁ LA DIFESA

Pazzini e Toni sono una coppia fantastica, una coppia di attaccanti che, numeri alla mano, il Verona ha poche volte avuto nella sua storia. Questa é una garanzia per il prossimo campionato. Ma se l’Hellas vorrá soffrire meno (poco) dovrá sicuramente cambiare registro in difesa. I gol presi nella scorsa stagione sono tanti, troppi, e solo l’annata straordinaria di Toni unita alla oggettiva pochezza degli avversari,  ha permesso all’Hellas di non restare invischiata nella palude della lotta per non retrocedere.

La societá e Mandorlini hanno voluto cambiare lo staff di fatto  silurando Roberto Bordin, il fidato vice del mister, che curava la fase difensiva. Io non credo che Roberto avesse tutte le colpe del mondo nei gol presi dal Verona. In parte erano responsabilitá dei singoli, piú in generale dell’atteggiamento a “rinculare” della squadra. La questione é nota. Il Verona difende talvolta molto basso e il rischio di portarsi in area gente che non perdona é evidente. 

Ho letto recentemente un’intervista di Maran in cui l’allenatore del Chievo, che é squadra solidissima in difesa, pur avendo a livello di singoli meno qualitá, a parer mio, rispetto all’Hellas, spiegava di non praticare allenamenti per singolo reparto, ma di allenare personalmente ogni singola fase, meglio se in maniera omogenea (con la distinzione possesso/non possesso).

Credo sia questo, piú che lo staff, a fare la differenza. Vedremo a breve cosa cambierá nel Verona da questo punto di vista (oltre a verificare la qualitá dei singoli). La grande partita di questa stagione si giocherá lí. Al resto ci penserá la nostra “bomberlandia”…

12
lug 2015
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 413 Commenti
VISUALIZZAZIONI

16.674

PAZZINI-TONI DA FAVOLA

Poche chiacchiere. La coppia Toni-Pazzini é una coppia da favola. Raramente il Verona ha avuto nella sua storia una coppia di attaccanti cosí forte. Mi viene in mente il fantastico duo Bui-Traspedini e i puffi al tritolo Galderisi-Iorio. É evidente che Pazzini-Toni devono giocare sempre e comunque assieme. Credo che Mandorlini ne sia conscio è che sappia benissimo che ora tocca a lui trovare il bandolo della matassa. Quest’anno l’allenatore dovrá dimostrare finalmente di sapere fare un altro modulo oltre al 4-3-3. Non ho dubbi che Mandorlini abbia voluto Pazzimi e mi pare che il Verona che sta nascendo sia quello piú “Mandorliniano” di sempre. Se le premesse sono queste ci sará da divertirsi  molto anche quest’anno. Un piccolo ps sulle nuove maglie che hanno innescato il solito dibattito. Come ho giá avuto modo di dire altri anni credo che la questione sia soggettiva (piacciono, non piacciono). Ma la considerazione che vorrei fare é generale: capisco il marketing, ma l’unica cosa che mi sento di dire é che almeno la prima maglia mi piacerebbe restasse sempre uguale, magari solo con piccoli restyling. Il Verona sembra essere una squadra diversa ogni stagione e questo mi pare francamente eccessivo.  È quella di quest’anno mi ricorda troppo la Juventus. Quindi la reputo orrenda. Parere personale, sia chiaro.