01
giu 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 13 Commenti
VISUALIZZAZIONI

415

IL BRAND SENZA TRICOLORE

Mi ricordo perfettamente quando Saverio Guette nel 1995 mi fece vedere in anteprima il nuovo logo del Verona. Lo presi in mano e mi piacque subito. Saverio, uomo di intelligenza finissima e di grande cultura, che era milanese, ma nel tempo era diventato più veronese di noi veronesi, aveva dato un senso a tutto. Aveva recuperato l’ovale che era stato il primo logo del Verona, quello con la sola scritta Hellas (mi si accappona la pelle quando oggi qualche ragazzetto su instagram critica l’ovale…), una scelta precisa che era dettata a quel tempo dalla necessità di legare il nome Hellas a quello della società, nome che si era perso dopo l’acquisizione nel 1991 del fallito Hellas Verona AC dal Verona fc 1991. Saverio aveva persino creato undici linee gialloblù (contatele) che rappresentavano gli undici calciatori del Verona che scendevano in campo. Alberto Mazzi, assieme all’avvocato Dario Donella aveva lavorato moltissimo per riportare la denominazione Hellas e quel logo aveva lo scopo di celebrare quel nome riconquistato (sebbene più di un giurista sia ancora oggi propenso a ritenere che la denominazione Hellas appartenga ancora al vecchio Hellas Verona AC, società “in bonis”, oppure ad un’altra società iscritta regolarmente ai campionati Figc con la denominazione Hellas Verona, ma questa è un’altra questione…).

Poi Saverio ci aveva inserito un piccolo baffo tricolore a ricordo perenne della più grande impresa di una squadra provinciale. Un segno della storia che oggi nel nuovo logo di Setti si è perso.

Mi chiedo: c’era davvero bisogno di cambiare il logo del Verona, non era sufficientemente bello e rappresentativo quello del 1995? Gli uomini del marketing moderno e spregiudicato che notoriamente non godono della mia simpatia fanno sapere sulla brochure di presentazione del nuovo marchio che “il restyling ha come intento quello di semplificare e attualizzare il brand Hellas: due soli colori, il giallo e blu e infinite possibilità di utilizzo in monocromia sulla base dello sfondo e della superficie sulla quale andrà utilizzato e posizionato”. In pratica, per farla breve, si sono ritagliati i due mastini che Chiampan si era inventato nel 1984 in modo da poterli appiccicare più facilmente ovunque ci sia indizio di un business. Non c’è nemmeno da spendere tanti soldi per farli a colori. Sono i tempi, bellezza. Senza sapore e senza odore. Come un sintomo del Covid19.

 

29
mag 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 12 Commenti
VISUALIZZAZIONI

1.278

SURROGATO DI CALCIO

Dice Gravina: il calcio è un’industria. Il problema è che ha ragione. E’ proprio vero. Il calcio di Lotito, Setti, e compagnia non è più un romantico rifugio della passione della gente ma è diventato un gigantesco mercato, in cui quella passione è arata e concimata al fine di ottenere soldi soldi soldi. E’ ineccepibile il discorso: svuotato quasi completamente della passione della gente, il pallone tornerà per esigenza di bilancio a giocare. Senza la gente. Una bestemmia assoluta, un controsenso al pari di un rapporto incestuoso. Come si può dire che quello è calcio? No non lo è. Il calciatore, uno come Zigoni, o come Elkjaer o tutti gli altri campioni che abbiamo avuto a Verona vivono dell’esaltazione del momento, del trasporto della gente, il loro egocentrismo li porta a superare e a superarsi, come ha spiegato benissimo Valdano in una recente intervista. La gente è per il calcio come il sangue per il cuore. Senza non esiste cuore, nè battito. Non sarà calcio. Sarà la ciofeca, tristissima imitazione del caffè in tempi autarchici, sarà il surrogato del cioccolato, sarà una rappresentazione di un’industria che non poteva fermarsi pena il default. Ci dovremo abituare, ma non diteci che quella cosa lì che andrà in onda in chiaro e a pagamento ci deve anche piacere.

06
mag 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 34 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.115

VI SALVERANNO (FORSE) I PLAY OFF

C’è una straordinaria occasione davanti al calcio italiano: quella di cogliere dalla terribile esperienza dovuta all’emergenza del coronavirus un’opportunità unica: ragionare in maniera diversa rispetto a questi ultimi anni fatti di egoismi, miopia, incapacità imprenditoriale e in definitiva l’allontanamento dei tifosi dagli stadi, mai così vuoti.

Diciamoci la verità: la cosa più giusta sarebbe sospendere tutto. Non è morale davanti ai morti, agli ospedali, ai medici, agli infermieri, ai tamponi che non ci sono e se ci sono sono per pochi, creare ancora una volta un mondo parallelo, dorato e al limite del finto, una nuova frattura.

In più: che senso ha un calcio senza tifosi, senza gente allo stadio? La serie A, ancora una volta, ragiona con la protervia del più forte, con l’intento di accaparrarsi gli ultimi spiccioli dell’ultima rata delle televisioni che possa colmare in parte le follie di un classe di presidenti che da tempo ha smesso di investire nel calcio e dove da tempo si prosciugano la passione e le tasche dei tifosi che non smettono di spendere soldi per spettacoli che certe volte sono tra l’indecente e il vergognoso (ogni riferimento agli ultimi Verona di Setti con Pecchia e Grosso alla guida è puramente voluto).

Dato però che l’unica colpa che non si può fare a questa generazione di presidenti è quella del coronavirus che ha solo messo in risalto tutta la loro pochezza, ecco che la straordinarietà può essere tramutata in un’occasione.

Da tempo sostengo che l’unica possibilità di chiudere in qualche maniera questo campionato, l’unica vera via d’uscita che darebbe un senso anche all’incredibile situazione che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo, è quella di giocare i play-off per lo scudetto e i play-out per non retrocedere.

Ora, immaginate solo per un attimo che venga “congelata” la classifica e che venga data la possibilità alle prime otto di giocare una fase finale ad eliminazione diretta e alle ultime sei la retrocessione.

Una specie di mondiale che si giochi a porte chiuse, ovviamente, in due tre sedi in quelle regioni e città dove il maledetto virus ha colpito di meno. Vi immaginate il pathos, l’emozione e l’interesse che comunque si creerebbe anche in una situazione del genere? Immaginatevi un Verona-Juventus al meglio delle tre partite con il vantaggio, ovviamente a chi è meglio classificata di passare, come succede in serie C…

Non se ne avvantaggerebbero anche le tv a pagamento ora dissanguate nell’auditel e negli ascolti che sono precipitati? E non sarebbe un bel modo di assegnare un tricolore che altrimenti avrebbe poco senso? Qualcuno mi dice: non si cambiano le regole in corsa… Ma in pratica le regole sono già cambiate perchè il campionato è già falsato da un sacco di fattori perchè di fatto quello nuovo sarà totalmente un campionato diverso ed allora quanto sarebbe affascinante vedere duelli e gare con questa posta in palio?

Mi rendo conto conto che è tutto troppo alto, troppo bello, persino troppo semplice e che alla fine prevaranno le solite bottegucce romane, laziali, lotito-agnelliane-celliniane in cui la soluzione sarà di basso profilo e con la solita orchestrina che suona mentre gli iceberg si avvicinano.

22
mar 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 39 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.167

BINOCOLO AL CONTRARIO

Facevo un gioco da piccolo. Mi piaceva da matti girare il binocolo, quei piccoli binocoli di plastica che vendevano in Piazza Erbe, per vedere il mondo da lontano. Vi ricordate? Invece di avvicinare le cose sembrava spostare tutto distante, lontanissimo e irraggiungibile.

Ecco, in questi giorni mi sembra di vedere tutto dentro a quel binocolo al contrario. Tutto lontanissimo, tutto irraggiungibile.  Non c’è più nessun senso a parlare di calcio, di calciomercato, di quelle baruffe che nascevano per cose banalissime, tipo Setti e il suo operato al Verona. Che senso ha sapere oggi se Faraoni se ne andrà, se Kumbulla vale trenta, quaranta milioni di euro, se è stato giusto vendere a gennaio Amrabat e Rrahmani. Un invisibile nemico ci ha colpito duramente e ci ha fatto sentire tutti deficienti. Noi che ci arrabbiavamo per Grosso e Pecchia, per la fuga di Fusco, per Mandorlini… E i troll? Vi rendete conto? C’è qualcuno che organizzava queste cose per spostare l’attenzione, per creare fumo, per denigrare le persone.  Tutto lontanissimo,  piccole meschinità davanti a quella foto con i camion dell’esercito che portano fuori Bergamo centinaia di bare. E persino il gigantesco campionato di Juric e del suo incredibile Verona, diventa più lontano oggi.

Io non credo, amici miei, francamente che si tornerà a giocare per questa stagione. I giocatori non potranno tornare a breve ad allenarsi se non rischiando la vita. E quindi la mia idea è che questo campionato sarà consegnato alla storia, così, com’è. Sebbene i lontanissimi presidenti del baraccone calcio, mangiapassione della gente, non decidano di forzare la mano per salvare lo spettacolo e quindi i diritti televisivi che al dunque sono l’unica cosa che permette loro di gestire il giocattolo e di portare avanti la baracca. Una bolla che quando scoppierà, avrà l’effetto di allontanare tutta questa masnada di avventurieri che stanno nel calcio solo per drenare le risorse frutto della passione della gente. Non me lo immagino ancora cosa succederà alla fine di tutto questo. Se sarà tutto uguale o se qualcosa cambierà. Ma sono pessimista, terribilmente pessimista. Accidenti a questo binocolo…

08
mar 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 28 Commenti
VISUALIZZAZIONI

5.306

FERMATEVI. E BASTA

Non ha senso. Juric lo ha ripetuto due, tre volte. Non ha senso nulla. Giocare così non ha senso, non si può. Se la situazione è grave, lo si dica e basta. E si fermi tutto. Altrimenti diventa una pagliacciata che tra l’altro rischia di essere diseducativa nel momento in cui si prendono misure drastiche come quelle prese stanotte dal governo. Giocare gare come quella di oggi a Marassi non ha proprio senso. Ed è anche pericoloso per i calciatori.

Quindi il governo (e non altri…) prenda questa decisione. Stop al calcio così come si impone di chiudere le chiese e i pub. Perchè mai questo mondo dovrebbe godere di un’immunità così elevata davanti ad una situazione che è gravissima e può diventare tragica? Per salvare i diritti televisivi di Sky? E allora pensiamo anche alle compagnie aeree, al turismo, agli alberghi che sono vuoti, al vinitaly che è stato rimandato… Speriamo che con la giornata di oggi la farsa sia finita.

Ha senso a questo punto parlare della prestazione del Verona? Secondo me no. Lascio a voi i commenti.

06
mar 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 23 Commenti
VISUALIZZAZIONI

4.294

QUANDO GLI AGNELLI DIVENTANO LUPI

Se avete a portata di mano un medicinale anti-vomito prendetelo prima di leggere questo pensiero di Andrea Agnelli. Dice il presidente della Juventus: “Ho grande rispetto per quello che sta facendo l’Atalanta, ma senza storia internazionale e con una grande prestazione sportiva ha avuto accesso diretto alla massima competizione europea per club. È giusto o no?”.

Agnelli non è uno stupido. Sa benissimo di essere impopolare quando attacca la favola dell’Atalanta che rappresenta quello che il Verona ha rappresentato negli anni ’80. Cioè la provinciale che riesce a scalfire con capacità, professionalità e anche per una buone dose di fortuna il potere e la forza delle grandissime. Ma lo fa perché vuole creare un dibattito e iniziare a speronare quello che in Italia è un diritto inalienabile nel calcio e nello sport: la meritocrazia. Agnelli e il sistema di potere che rappresenta, vuole scalfire questo codice morale. Non più il merito, ma il blasone, la tradizione, le coppe vinte, il censo. Io so’ io e voi non siete un cazzo, direbbe il marchese del Grillo. Le grandi sempre più grandi e le piccole relegate al ruolo di comprimarie, senza più nemmeno l’illusione di poter qualche volta partecipare al banchetto.

Si parla ovviamente di soldi, di stramaledetti diritti televisivi, una torta sempre più imponente che ha stravolto il calcio fino a questo “mostro” che abbiamo sotto gli occhi. Sembra ieri quando Gianni Brera (avrete sicuramente letto il bellissimo articolo su quel Juventus-Verona a porte chiuse) diede dei ladri agli juventini usando come metafora una fantastica barzelletta. Scrisse il maestro, morto purtroppo in un incidente a Codogno, oggi paese noto per essere focolaio del coronavirus: “Sono considerazioni fatte senza cedere al sentimento, che deve ancora questo registrare, secondo nota barzelletta anti-juventina. L’arbitro si fa presso la panchina dalla quale il bravissimo Trap va gridando ai suoi: “Ritmo, ritmo!”, e l’arbitro perplesso: “Non eravamo d’accordo per una 132?”.

Allora vinceva il Verona, ma non contro Wurtz, l’arbitro della vergognosa gara al Comunale, oggi la piccola meravigliosa Atalanta di Gasperini, maestro di Ivan Juric che a sua volta sta compiendo un immenso capolavoro nel campionato italiano con il nostro Hellas. E quindi, come rappresentanti della sana provincia italiana, di una società che ha vinto l’unico scudetto al di fuor delle loro mura, oggi dobbiamo essere a maggiore ragione scandalizzati da questo modo di pensare che ha il solo scopo di creare una superlega miliardaria fatta non di merito ma dal sangue blu.

Ebbene, vado di provocazione: se la facciano questa superlega, escano dal campionato e ci lascino il nostro calcio pane e salame. Senza di loro, siamo sicuri, ci divertiremo molto di più.

16
feb 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 89 Commenti
VISUALIZZAZIONI

9.179

LA CHIAREZZA DI JURIC

Non c’è nessun motivo per cui Setti incassando “cento” non ne reinvesta “ottanta” per il Verona. Perchè non dovrebbe essere così? Perchè il presidente non dovrebbe sposare l’idea di Juric? Non vedo quale sia il problema. Seguendo il filo logico e la narrazione dello stesso Setti di questi ultimi anni, lui con l’Hellas non vuole guadagnarci e non vuole neanche rimetterci. Bene. Grazie al lavoro di Juric sarà esattamente così. In più Setti avrà anche la possibilità di accantonare “venti”, soldi che serviranno a dotare il club di infrastrutture importanti quali sede (a breve l’inaugurazione) e soprattutto il centro sportivo (il d.o. Barresi ha annunciato per la trentesima volta novità a brevissimo, speriamo sia la volta buona…).

Setti è stato bravo e fortunato con Juric. Per certi versi dovrebbe costruirgli un monumento. Non solo sta portando il Verona alla salvezza, ma ha anche creato preziose plusvalenze che renderanno il Verona, parole ancora di Juric “potente economicamente”. Setti ora non deve buttare via questa fortuna. Juric non mi sembra uno incontentabile. Gli basta la chiarezza. La stessa che la società ha avuto in questa stagione in cui, come da parole dello stesso mister, “non c’erano neanche i soldi per un ritiro anticipato nè per un aereo”. Ci sarebbe da chiedersi perchè, visto la valanga di denaro che il Verona ha comunque incassato in questi anni, ma facciamo finta di niente. E’ il futuro che ci interessa e Juric è chiaramente il timbro di garanzia sull’operato di Setti. Le bugie, come ci ha insegnato il recente passato, hanno le gambe cortissime. E con Juric, queste gambe, ci pare di poter dire, nemmeno esistono.

Aspettiamo fiduciosi le mosse del presidente.

09
feb 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 100 Commenti
VISUALIZZAZIONI

8.959

NELLA STORIA

Abbiamo esaurito voci e aggettivi. Che altro c’è da aggiungere? Sembra un sogno, invece è tutto vero. Un anno fa eravamo qui a toccare il punto più basso del nostro entusiasmo per colpa di una squadra squinternata e di un allenatore nel pallone ed oggi battiamo la Juve. Come si fa a non dire grazie a Juric e alla sua meravigliosa squadra? Come si fa a non volere bene a questi ragazzi che ci hanno fatto vivere una serata del genere? Stasera vi siete conquistati un pezzetto di gloria di questa incredibile società capace vincere uno scudetto, di fallire, di finire in C1, di rischiare la C2, di essere di nuovo sul punto di fallire e poi di rinascere e di fare cose incredibili, di toccare vette pazzesche.

Il Verona è la nostra vita, i nostri affetti, la nostra passione. Per questo va trattato bene, per questo va rispettato. Per questo chi lo onora ricorderà sempre Verona nella sua vita come una città calorosa e accogliente, qualcosa che ti entra nella pelle e non te la togli più. Juric sta onorando Verona come i grandi allenatori del passato hanno fatto. Come Bagnoli, Prandelli, Mandorlini, Ficcadenti, Perotti e a questi aggiungo Alfredo Aglietti e prima di lui Davide Pellegrini, due che hanno lasciato tracce profonde nella nostra storia pur in brevi apparizioni.

Il generale Ivan Juric a capo di una squadra pazzesca, costruita a costo zero, ha messo la sua firma su questo campionato di serie A. Il Verona è la squadra rivelazione, la squadra che gioca il calcio più bello, ed è ancora e sempre la fatal Verona. Lui è l’uomo della rinascita, lui è l’uomo del futuro. Lui sarà la certificazione che segnerà anche il domani di Setti e la sua riabilitazione a Verona dopo lo schifo diffuso a piene mani negli ultimi due anni. La permanenza in gialloblù di Juric, inutile girarci attorno,  significherà che il presidente ha veramente in cantiere qualcosa di importante e a lungo termine per questa società. Juric sarà la garanzia sulle intenzioni di Setti.

Se invece Juric se ne andrà vuol dire che il progetto non era ritenuto valido e per noi vorrà dire rischiare ancora sofferenza e patimenti. Io credo che il presidente stavolta farà di tutto per non disfare questo giocattolo che si è trovato tra le mani. Spero di non sbagliarmi.

 

06
feb 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 106 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.761

I CONTI SENZA L’OSTE

E tutti a dire e a scrivere di una Lazio lanciatissima verso lo scudetto, di una Lazio che dopo aver giocato la partita con il Verona sarebbe volata al secondo posto, come se fosse stata una mera formalità conquistare i tre punti con i gialloblù. I classici conti senza l’oste. L’oste sarebbe Ivan Juric che all’Olimpico ha costruito un altro capolavoro e che ha presentato il conto a Simone Inzaghi e alla sua bellissima Lazio. Un conto che poteva essere salatissimo per i Lotito boys se Borini avesse incrociato di più il suo tiro a conclusione dell’ennesima ripartenza chirurgica.

La verità è che il Verona non finisce più di stupire. Questa squadra sembra infinita. Mai un calo, mai un momento in cui possa dare l’impressione di non esserci con le gambe e con la testa. A fare una rapida carrellata delle gare giocate fino ad oggi credo che abbiamo concesso e sbagliato solo il primo tempo con il Torino. Quarantacinque minuti ampiamente riabilitati da quella ripresa con remuntada che è poi diventata uno dei ricordi più dolci della stagione. Questa forza mentale, che deriva dal grande lavoro in campo da parte del nostro allenatore, è frutto dell’alchimia che si è creata nello spogliatoio. Insomma, abbiamo un gruppo. Un grande gruppo. E quando succede, è come assistere allo spettacolo di un tramonto, è come vedere la nascita di un bambino.

Una serie incredibile di coincidenze hanno portato alla fortunata costruzione di questo Verona che sarebbe bello fermare nel tempo e cristallizzare per sempre in quell’abbraccio finale dell’Olimpico, in cui il generale da Spalato esultava consapevole di vedere finalmente in campo la creatura per cui ha tanto studiato e sofferto in precedenza.

Ora è chiarissimo che siamo davanti ad un miracolo sportivo. Che sabato sera potrebbe rivelarsi nella sua enorme bellezza nel tempio del pallone denominato Marcantonio Bentegodi, dalle parti della fatal Verona. Fossimo in Sarri non dormiremmo sonni tranquilli…

02
feb 2020
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 77 Commenti
VISUALIZZAZIONI

6.532

CINQUE (BUONI) MOTIVI PER CUI JURIC NON LASCERA’ VERONA

Ci sono cinque buoni motivi per cui Juric non se ne andrà il prossimo campionato e resterà ancora a Verona. Eccoli

1) LA RICONOSCENZA.  Juric ha un debito di riconoscenza nei confronti di Setti. Il presidente lo ha cercato, voluto e imposto anche dopo l’incredibile scalata alla serie A di Aglietti. Una scelta impopolare, allora, ma che poi ha pagato. L’allenatore di Spalato non se ne può scordare a cuor leggero. Non era facile per Setti, che aveva già clamorosamente ciccato le scelte di Pecchia e Grosso, rischiare anche con Juric.

2) CREDITO (QUASI) ILLIMITATO. Dopo un campionato del genere, Juric avrà a Verona un credito quasi illimitato. E’ vero che nel calcio, come dice lo stesso allenatore, tutto è subordinato ai risultati e che senza quelli non c’è credito che possa salvare una panchina, però è anche vero che adesso Juric a Verona può permettersi anche dei passi falsi che altrove lo metterebbero subito sulla graticola.

3) ARRIVANO SOLDI. Il Verona della prossima stagione avrà a disposizione un importante budget da reinvestire sul mercato. Juric potrà scegliere giocatori di qualità e sempre affini al suo gioco per iniziare un importante ciclo. Certo, non c’è una possibilità di spesa infinita, ma rispetto allo zero di questa stagione è già molto.

4) POTERE AL TECNICO. A Verona la parola di Juric sul mercato ha contato e conterà molto. Sarà così anche da altre parti? E’ un altro aspetto che l’allenatore deve tenere in considerazione. Magari con meno soldi ma qui può costruire una squadra che sia perfetta per il suo gioco con giocatori che prima di tutto siano uomini, come quelli che compongono l’attuale gruppo.

5) IL RISCHIO DI BRUCIARSI. E’ già successo a Juric quando ha lasciato il Crotone dopo il miracoloso campionato vinto. Al Genoa, diciamoci la verità Juric ha rischiato la carriera e solo gli attuali risultati veronesi lo hanno riabilitato. Vale la pena andare in una grande o in una presunta tale e fare la fine che altri prima di lui hanno fatto (vedi Giampaolo al Milan quest’anno)?