Torna al blog

LA STRADA E’ ANCORA LUNGA…

Il Padova ha perso l’occasione di avvicinarsi alla vetta, non andando oltre lo 0-0 in casa contro la capolista fin qui ancora imbattuta Sudtirol, ma non è retorica sottolineare anche in questo caso che siamo a un passo dalla fine del girone d’andata e che davvero manca ancora tanto, troppo, alla conclusione di questo campionato. Le prime sei giornate avevano illuso un po’ tutti, col Padova primo a punteggio pieno che sembrava destinato a non fermarsi più e a mantenere il primato fino alla fine. Non è stato così, ma solo fino a un certo punto per demeriti del Padova stesso: è la squadra altoatesina ad aver fatto fino a questo momento una stagione da record, a non aver mai perso, ad aver incassato solo 5 reti, come nessun’altra squadra professionistica in tutt’Europa. Certo i biancoscudati qualche punto per strada l’hanno lasciato ma essere arrivati fin qui a quota 38, con 11 vittorie, 5 pareggi e 2 sole sconfitte non è male. L’anno scorso i biancoscudati chiusero il girone d’andata a 39, c’è ancora il match con la Virtus Verona a disposizione per poter permettere loro di ritoccare il punteggio verso l’alto.
Sono comunque i pareggi portati a casa contro le ultime della classe in questo momento a lasciare un pizzico di amaro in bocca, non certo il pari contro il Sudtirol che, appunto, si è dimostrato squadra quadrata, stretta tra i reparti, concreta, pronta a chiudersi a riccio e a ripartire in ogni occasione non dando punti di riferimento. Lo 0-0 è stato il risultato più giusto, come hanno sottolineato a fine gara sia Massimo Pavanel che Ivan Javorcic.
Il Padova può anzi recriminare un po’ di più per il fallo di Da Col su Germano che l’arbitro ha visto fuori dall’area all’83’. A vederlo e rivederlo a tutte le velocità possibili si fa sempre più strada l’impressione che si tratti di un calcio di rigore negato. Un rigore che a quel punto della partita avrebbe potuto spalancare agli uomini di Pavanel la strada verso la vittoria e al Sudtirol quella verso la prima sconfitta stagionale. E’ andata così. Ma in cuor suo il Padova deve sapere che d’ora in avanti un piccolo credito con la fortuna ce l’ha e prima o poi passerà all’incasso. Magari in partite più determinanti di questa.

20 commenti - 1.829 visite Commenta

acp

c’è un rigore nettissimo su vasic nel primo tempo e uno enorme su germano nel secondo tempo.
sudtirol che ha potuto menare indisturbato tutta la partita. fatti di una gravità inaudita.

” A vederlo e rivederlo a tutte le velocità possibili si fa sempre più strada l’impressione che si tratti di un calcio di rigore negato” moscato ci sono pure dubbi?

cissè esterno alto ,cacia dal canto vibes. palla alta su chiricò eheheheheh. ceravolo da 8 ogni partita. nel senso che da solo fa per 8. non è possibile che ogni calcio da fermo di trasformi in una conferenza tra chiricò e ronaldo con conseguenti scambietti, tocchetti inutili. metterla dentro e basta. germano miglior mezzala del padova. ma vabbè lo sapevo da tempo. della latta deve giocare sempre? si riesce a far muovere in avanti tutti e 10 i giocatori? settembrini con quella rapida corsa 5 minuti ogni 3 settimane.

ghemo da ndar vanti ancora tanto co sto pavanel? ma poi che nome ha pavanel?

moro 20 gol a catania. ma a che serviva? ma dai abbiamo santini e jelenic che fanno gol ogni domenica. nicastro in panca fisso. biasci è ancora a padova?

1 persona a controllare i green pass all’ingresso. coda, io non tollero perdere tempo in questo modo. il calcio padova deve mettersi al mio servizio. io pago, voglio servizi. voglio la panchina sponsorizzata stia 3 metri indietro. così da farmi vedere tutto il campo.

sennò ghe meto do secondi a smettere de darve schei e rimanere a casa.

ho visto molti giornalisti senza mascherina domenica. immagino verranno tutti multati.

Rispondi
Nonostante Lutterotti:))

Acp, condivido tutti i tuoi interrogativi, in particolare l’ ostinazione a far giocare sempre un Della Latta fuori condizione da tempo, ignorando completamente diversi elementi a disposizione. Spiace dirlo ma ieri siamo cresciuti con l’uscita di Chirico’,….

Rispondi
Principe

” Ma in cuor suo il Padova deve sapere che d’ora in avanti un piccolo credito con la fortuna ce l’ha e prima o poi passerà all’incasso” …. Martina ma scherzi o fai sul serio? Siamo a meno 6, dopo l’episodio di Germano (e in realtà anche quello di Vasic) la società e i giocatori devono fare il macello, protestare, piangere, recriminare ad ogni intervista come faceva il Perugia, consapevole della propria inferiorità tecnica rispetto al Padova 20/21.
Germano finalmente è tornato titolare, era ora siamo a Natale, ma Cissè esterno alto? Perchè esporlo al pubblico ludibrio così?
Il sud Tirol è venuto per il pareggio ovviamente, visto il vantaggio e i titolari che gli mancavano e nonostante questo quando ha accelerato ci ha mandato in confusione totale. Squadra fortissima, sono proprio curioso di vedere quando e contro chi dilapideranno il loro vantaggio.
Sul resto ha detto tutto ACP, la gente che si reca all’euganeo andrebbe ringraziata e pagata e invece è costretta all’umiliazione della coda e della perquisizione, spero almeno che la storia delle multe rimanga appunto una storia inventata.

Rispondi
massimo

Siamo obiettivi, questo Sudtirol nonostante l’emergenza giocatori titolari è una signora squadra, compatta, organizzata e soprattutto consapevole delle proprie forze, mai andata in confusione ( anzi manda gli altri in confusione di gioco) con evidente obiettivo, facilmente raggiunto, di almeno pareggiare.
Questo campionato lo possono perdere solo loro, e dal calcio mercato si capirà se veramente vogliono fare sul serio.
Erano già buoni lo scorsa anno, quest’anno hanno preso un bravo allenatore che fa la differenza.
poi nel calcio può succedere di tutto….
A posto così.
Massimo

Rispondi
Mastro Cerilli

Concordo con chi ha detto che mettere Cissè esterno è stata una mossa paragonabile solo a quella di Cacia nello stesso ruolo. Vero che al momento Ceravolo è insostituibile ma Cissè esterno è stato proprio come regalare un uomo agli avversari. Se proprio si vuole farli giocare insieme allora è necessario giocare con il trequartista.
Tra l’altro questa sovrabbondanza di attaccanti che abbiamo in rosa (anche se molti dei quali di dubbio valore) mi ricorda molto la situazione del Padova di Dal Canto. A gennaio occorre sfoltire con almeno 3 elementi.
Chiricò e la sua ostinata ricerca del dribbling per andare al tiro a volte diventa veramente controproducente. Domenica è riuscito perfino a fare un cerchio completo palla al piede tornando nel punto in cui era partito. Cose che nel calcio moderno non esistono. Purtroppo gli avversari conoscono ormai tutto di lui e prendono le contromisure. Ciò nonostante anche quest’anno è riuscito a salvarci il culo più volte e mi sembra ingeneroso prendersela con lui. Anche come goal è perfettamente in media con la scorsa stagione. Molte volte gli capita di segnare nei primi minuti. Forse questa cosa dovrebbe far riflettere e valutare se è il caso di sostituirlo in tempo utile per dare una svolta alla partita. Domenica è successo proprio questo: con l’ingresso di Jelenic (e lo spostamento di Germano in mediana) la squadra si è resa molto più pericolosa.
Qualcuno poi mi deve spiegare il giochino del rinvio dal fondo in cui Donnarumma passa la palla a Vasic all’interno dell’area piccola e si rischia l’inverosimile per costruire l’azione dal basso. Fortunatamente dopo il secondo tentativo hanno pensato bene che dovesse essere il portiere a fare il rinvio tradizionale. Ecco, questa cosa della costruzione dal basso ad ogni costo non arriverò mai a capirla. Sarò io che sono di un’altra generazione…
Per finire, mi indispone vedere ad ogni calcio d’angolo e punizione Ronaldo e Chiricò che fanno pari o dispari su chi tira. Capisco le punizioni dal limite ma è possibile che debbano farlo sistematicamente ad ogni calcio da fermo? Non è più utile mandare l’uomo sotto rete?

Rispondi
QuoreSqudato

“piccolo credito con la fortuna”???
no, dico:
perdere il campionato con 79 punti per la differenza reti sugli scontri diretti,
riperderlo ai rigori trovando una squadra che ne tira 5 su 5 di imparabili (agli Europei solo la Svizzera contro la Francia è riuscita a fare altrettanto!!)
giocare ora in un torneo (definito “facile”) in cui si trova la squadra che, unica in Europa, non ha ancora perso ed ha subito il minor numero di reti….

me lo chiamate “piccolo credito”???

Lacoste, per favore, dillo tu di cosa si tratta…

Rispondi
Frengo

E’ vero. Siamo in credito con la fortuna.
Per onestà intellettuale bisogna però ricordare (e nessuno parlando dei play off lo fa) l’ENORME culo che abbiamo avuto nei quarti di finale di ritorno con il Renate (secondo tempo da incubo con loro occasioni per fare il quarto gol: 76′ gol dubbio annullato-78′ palo-80′ tiro a lato di pochissimo-88′ giocatore avversario solo davanti al portiere)….
Giusto per essere obiettivi

Rispondi
tifoso ignoto

Con mezza difesa fuori, il sudtirol ha dimostrato che non sono i singoli che contano ma la squadra e il gioco. Non fanno catenaccio difendono già a centrocampo, hanno proprietà di palleggio e in attacco trovano spesso l’uomo libero per concludere.
Questo è il calcio moderno che Sean non riesce a comprendere, va a cercare allenatori similmandorlini pensando che basta avere un buon centravanti un po’ di trequartisti una difesa sui generis e il gioco è fatto.
Appunto, con quale gioco?

Rispondi
massimo

E’ arrivato l’avversario che riuscirà a “battere” il Sudtirol….questo maledetto Virus.
Mi sento in dovere di essere solidale con un avversario di valore e fargli i migliori auguri che tutto si possa sistemare al più presto, credo se lo meritino.
Massimo

Rispondi
Patrick

Acp, dovevi nascere a Bagnoli (non di Sopra) per definire rigore quel contatto su Vasic..
Sul caso Germano credo fosse sulla linea o dentro, comunque caso non facile che pure col Var avrebbe creato disagi.
Il vero problema è che quel poveretto di Borile segue sempre la linea contro per alzare la sua misera audience, anche se in effetti quando parla del derby campodarsego luparense lo share s’ impenna vertiginosamente… era l unico l’ altra sera a pensarla cosi e qui c’è un modaiolo arrogante alla La Coste che nn ha il coraggio di dichiarare determinate posizioni in merito….cioè che il barile ha ragione quasi su tutto..capite come siamo messi…
Pavanel per quella scelta esterna di Cisse’ andava esonerato, se l avesse eseguita Mandorlini lo avreste crocifisso tutta la settimana.
L anno scorso la squadra giocava (!!) escluso l ultimo mese, schiacciava gli avversari e imponeva il suo ritmo. Quest’ anno andiamo a folate in seguito alle invenzioni dei singoli e quel personaggio in panchina sta facendo pena.
Vogliamo parlare del cambio con Santini??? un giocatore che porta in palmo di mano dall inizio della stagione….santini che di fatto è un contropiedista non uno spaccadifese come Nicastro o Biasci. roba da matti…..
Chirico perennemente sostituito, ancora una volta. non centra il fatto che domenica s incartasse su se stesso, a quel ragazzo va riservata fiducia incondizionata, è quel genere di giocatore, mi vedrei un Nanu che lo gestisce e lo fa riesplodere. Il depresso Pavanel lo cambia regolarmente da mesi. e l ultimo scorcio di match sarebbe utile.
ps. qualcuno dei personaggioni ancora sullo scranno invece di andare a coccolare la nipotina l’ anno capito che a padova la situazione stadio è ridicola e grottesca? si esaurisce la est e la ovest resta li…ma guarda un po? ma chi spende tutti quei soldi per partite del genere? padova, unica realta credo europea, stadio oltre i 30.000, con 2 SETTORI OPERATIVI…siamo uno zimbello…..

Rispondi
acp

non ti sei accorto che c’è un cantiere per fare un settore dignitoso? cosa dovrebbero aprirti per farti contento? pure con le nipotine te le prendi. vai al menti o al liberati.

chiricò bravissimo ad attaccare la linea laterale opposta. magari se pavanel gli dicesse di svoltare verso destra ogni tanto…..per me va ceduto a gennaio.

su vasic è rigore.

Rispondi
Principe

L’anno scorso abbiamo vinto una MAREA di partite grazie esclusivamente alla giocata di un singolo, quasi sempre Ronaldo o Chiricò, soprattutto nel girone di ritorno. Ma quale gioco, quale schiacciasassi. Concordo sul fatto che nè Martina nè nessun altro giornalista ponga l’accento sull’umiliazione che subiscono i tifosi padovani ogni volta che si avvicinano al peggior stadio d’Italia. Speriamo che il covid indebolisca nelle radici l’alto adige, è la nostra unica chance

Rispondi
Patrick

ma che scrivi?? ovvio che ci fossero le giocate dei singoli, compresi anche altri in gran forma come GERMANO, DELLA LATTA, SABER giusto per citarne alcuni…appunto con CHIRICO e RONALDO parliamo gia’ di mezza squadra portiere escluso…giravamo ad altri regimi e le partite venivano subito incanalate in una direzione, gli avversari lo sapevano….come gia’ osservato quest’ anno non ne hai vinta una di prepotenza a parte piacenza….contera’ qualcosa il manico o no????? escluso l ultimo sciagurato mese il Padova di Mandorlini era un’ altra roba….

Rispondi
Pietro Smaniotto

Mi dispiace dover attaccare un brav’uomo come Pavanel ma credo che sia in totale confusione nei cambi e nel gioco sente che la squadra gli sta fuggendo di mano. Una Ferrari ad un campione di kart.

Rispondi
stefano

Si insiste con il paragone Ferrari… per come va la Ferrari oramai da qualche anno …..l non e’ che ci sia tanto da andare fieri ..
Delle 2 l’una . Se pavanel ha una Ferrari per le mani direi che sta facendo il suo….l
Se invece si pensa che questa sia una squadra . .l. Super iniziate a paragonarla ad una Mercedes oppure ad una Red Bull.

Ps: a mio parere pavanel ha una squadra non proprio bene assortita …..
diciamo ….una alpha tauri.

…..

Rispondi
Principe

Dai ringraziamo Pavanel per la cortesia e l’indubbia gentilezza d’animo e voltiamo pagina.
Cissè confermato esterno alto con Biasci e Bifulco in panchina, Busellato, Nicastro e Settembrini spariti, difesa a 4 messa a caso. Ho perso il conto di quante volte i difensori hanno spazzato la palla più lontano possibile dalla propria metà campo. Halfreddson ha DOMINATO il centrocampo giocando come al solito da fermo. E’ stato uno spettacolo di una tristezza disarmante.
Complimenti a chi ha fissato la partita con il Renate alle 18, tanto lavoriamo tutti solo mezza giornata a padova e provincia.
Per carità no Sabatini, per sostituire Pavanel serve un allenatore vincente, il Modena ha preso Tesser per vincere, non una scommessa.

Rispondi
tifoso ignoto

La strada è ancora mooolto lunga per arrivare in serie b… non vedo Pavanel come il driver che ci piloterà verso l’agognato traguardo.
Comunque mai dire mai

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code