Torna al blog

NEL MEZZO DEL CAMMIN DEL GIRONE D’ANDATA…

Nel mezzo del cammin del girone d’andata, mi ritrovai davanti un Padova capace di imprese e disfatte, di capolavori e di errori grossolani, di successi perentori e di sconfitte decisamente evitabili.
Difficile farsi un’idea precisa di come potrà andare da qui alla fine, sebbene la navigazione stia avvenendo con un una granitica certezza, ovvero che la squadra biancoscudata ha una sua precisa identità: gli uomini di Caneo giocano sempre all’attacco, cercando un gol in più dell’avversario anche a costo di prenderlo. La gestione del risultato o, tanto per parlare dell’ultima sfida dell’Euganeo, l’accontentarsi del pareggio, non sono pensieri che attraversano le loro corde.
Ecco perché, in queste prime dieci giornate, si è passati con agghiacciante disinvoltura dalla vittoria risolleva morale col Vicenza e dallo spettacolare 3-0 alla Pro Patria alla debacle di Crema, attraversando anche un pari bello solo a metà contro la FeralpiSalò e un pari decisamente brutto con la Virtus Verona fino ad arrivare alla battuta d’arresto con il Novara di domenica scorsa. Sconfitta maturata al 91′ dopo che, poco prima, era stato il Padova ad avere la possibilità di affondare il colpo decisivo con Liguori.
Questi siamo. Si può puntare al primo posto? Sì, ma a patto di esserci sempre tutti, come ha sottolineato l’allenatore sardo a fine gara in sala stampa, e di dare sempre tutto, in ogni prestazione. Non è una questione solo di numeri (mancano Kirwan, Germano, Curcio e l’ultima volta anche Dezi) ma anche di caratteristiche.
Indipendentemente dal possibile traguardo finale, comunque, è bello constatare che ai tifosi, tutto sommato, questo Padova così com’è piace. In tanti preferiscono divertirsi ed entusiasmarsi sugli spalti anche se poi si rischia qualcosa nel risultato finale piuttosto che andare allo stadio e vedere 11 giocatori che giocano al ribasso, suscitando pochissime emozioni in cui li segue.

52 commenti - 2.401 visite Commenta

Flavio Rossetti

Piuttosto che non divertirci ed illuderci come successo nei due anni precedenti con spese non più sostenibili, meglio divertirsi, entusiasmarsi e …non si sa mai che alla lunga. Domenica delusione ma non condanna dei nostri, anzi. Purtroppo, troppe assenze importanti. Ma, a Piacenza, non si deve fallire

Rispondi
Marcantonio

Come se a Piacenza avessimo risolto il problema assenze importanti… Non voglio fornire alibi, ma la coperta è corta, cortissima….

Rispondi
fabio.pd

Quest’anno il Padova è questo, un Padova disinvolto, un pò sbarazzino……a me piace.
Pensare di avere una squadra “potenzialmente” in grado di essere tra le prime, come abbiamo assistito in questi ultimi anni, dopo aver operato una seria programmazione e poi alla fine si rimane con un pugno di mosche in mano….meglio così!

Rispondi
massimo

Se quest’anno ci fosse la squadra dello scorso anno ( che adesso tutti ripudiano) si sarebbe a punteggio pieno o quasi, comunque primi in assoluto.
Quest’anno siamo belli ( non so fino a che punto viste le ultime performance) ma resteremo in C, a fine stagione ( sempre che l’Armeno rimanga) vendono i pezzi più promettenti e si ritorna a scommettere su altri soggetti…. soluzione che a meno i qualche miracolo ci farà rimanere in Serie C …categoria che sino a poco tempo fa faceva schifo a tutti ( Martina compresa) adesso invece abbiamo il gioco bello….belli ma poveri!!!

Rispondi
Maurizio C

Il Padova che gioca bene (per un tempo) ma che perde 3 partite su 10 non mi fa impazzire. Meglio giocare da C (male) ma vincere e lasciare questo inferno. Frega una mazza del bel gioco. Servono almeno tre giocatori a gennaio e magari un nuovo allenatore che riprenda a giocare con la difesa a 4 e giocatori che randellano in mezzo al campo. Mirabelli rovina di molte squadre, non lo voleva nessuno!

Rispondi
acp

il bel gioco l’ho visto fino al gol di vasic a lignano.

mirabelli ha operato complessivamente bene. i fuori rosa non son colpa sua. avesse potuto usare anche quel milione ora avremmo un’ottima rosa.

Rispondi
tifoso ignoto

Caneo sta provando varie soluzioni, il problema piu grosso cmq rimane spesso lo scollamento tra difesa e centrocampo.
Galuppini lasciato libero di tirare, quando tutti sappiamo della sua pericolosità con i tiri da fuori sta a indicare la fatica dei centrocampisti a far filtro per la difesa.
Si era gia visto a TS li per fortuna la qualita dei loro attaccanti era bassa.
Novara ha uomini importanti, non puoi lasciarli giocare.
C’e da lavorare parecchio ancora. Le prime partite il Padova le giocava molto bene, squadra corta e ripiegamenti veloci.
Ma non è facile essere costanti con questo gioco, ci vuole forza fiato e tanta concentrazione. Bisogna essere sempre al top.
Secondo me Caneo deve trovare la quadra tra dinamicità ed efficienza senza strangolarli di fatica, sapendo che con i cambi si perde qualità semplicemente perchè i migliori stanno finendo la benzina.

Rispondi
sauz

Martina i tanti che dici tu bisogna vederli tra qualche mese perchè alla fine l’unica cosa che conta e’ vincere e permettetemi qualche appunto:
1) Davvero dopo quattro mesi e mezzo non capisco ancora l’astio per una squadra che in due anni ha fatto 175 punti ed e’ arrivata a un passo dal traguardo; non eravamo maturi il primo anno e ce la siamo mangiata? Si’; siamo arrivati il secondo anno con la lingua fuori tentando un recupero quasi impossibile che abbiamo poi pagato nei playoff? Si.
Questa e’ la chiave di volta, nessuno si e’ comprato niente dormite sonni tranquilli non siamo negli anni 80, semplicemente loro avevano più fame e il Barbera pieno ha intimorito i nostri già di per loro quando l’ansia cresce non erano proprio dei cuor di leone. Questo e’ tutto io non nutro nessuna rabbia per l’anno passato, mi mordo le mani per l’anno prima ma quando siamo arrivati in finale con il Palermo era lapalissiano che sarebbe stata un’impresa visto che comunque non eravamo brillantissimi. Io ringrazio i ragazzi per aver vinto una coppa italia e per esserci stati li’ sin quasi alla fine e non preferisco questo corso, io almeno no, perchè:
2) Ci si e’ affidati a un credo tattico azzardato perdipiu’ non dando al mister cio’ di cui necessita; qui la coperta non e’ corta, qui la coperta non esiste e Mirabelli ha responsabilità titaniche su questo, bisognava impostare la squadra con un mister di categoria un bisoli di turno, cosi’ si che tornavano i conti e si provava ad arrangiarsi alla bella e meglio. Qui sono tutti spompati dopo 10 dieci giornate di cui un terzo le abbiamo perse e non dopo 30 partite altro che sogni primo posto fieno in cascina di quello abbiamo bisogno e di meno rischi possibili, con questo campionato livellato la quota salvezza, solitamente di 44 punti con 20 squadre può alzarsi occhio a fare scherzi ne manca di strada
3( Ribadisco lasciamoli pero’ tranquilli perchè la frittata e’ stata fatta quest’estate con un mercato disennato ma tant’è questi sono e questi dobbiamo tenerci e, nota pero’ di merito, visto che sono dei bravi ragazzi e un gruppo unito sosteniamoli perchè facciano piu’ punti possibili ma smettiamola con proclami di alta classifica, pordenone vicenza novara e feralpi sono di un altro pianeta, anche la stessa triestina se se sveja, impariamo una buona voltam chiedo solo una, dagli innumerevoli errori di valutazione del passato e voliamo a filo d’erba, piu’ basso che non si può perchè quest’anno non c’e’ nulla da sperare se non tenere la categoria
4) Se si porta in porto la barca a fine anno bisogna però chiedere alla dirigenza cosa si vuole fare da grandi, i soldi sono loro e io non metto becco però un cambio di strategia cosi’ pacchiano passando dalla sicurezza inossidabile alla vivere giorno per giorno non può andar bene; padova almeno in C ha il diritto e il dovere di recitare da protagonista a costo anche di vedere partite noiose ma in questa categoria non c’e’ divertimento che tenga o si macinano risultati o non va per niente bene, spellarsi le mani per un’inchiappettata con il novara e’ da perdenti, noi dobbiamo fare punti, il gioco anche se non c’e’ non cambia nulla in quanto ricordo che in italia a giocare bene al calcio sono in pochi, veramente pochi.
5) Tre fuori rosa su quattro darebbero un’inerzia positiva a questo gruppo; Monaco sarebbe il difensore piu’ forte della rosa, Busellato a centrocampo quantomeno il secondo miglior centrocampista e bifulco mangia i risi in testa a russini; trovo inconcepibile lasciare fuori tutto questo potenziale
6) Riallacciandomi al punto 1 non capisco infine le critiche oltre misura verso Sogliano, si’ avrà sbagliato anche molto ma ragazzi non ha mandato sul lastrico nessuno, solamente c’e’ chi ha gli imprenditori con soldi che però hanno il braccino corto, come succede a Vicenza, come succede qua, non ha distrutto nulla di che e anzi ci e vi toccherà rimpiangerlo quando vedrete i disastri che Mirabelli farà anche se spero con tutto il cuore, almeno questa volta, di essere smentito in toto.

Rispondi
Principe

Caro Sauz,
la finale di Alessandria è la più grande delusione sportiva per almeno 2 generazioni di padovani e tale rimane; invece la finale di Palermo non può essere dimenticata, non è ammissibile dimenticarsi come il Padova ha approcciato quella partita, come si è sviluppata la partita stessa e come è scaturito il rigore. Vorrei anche ricordare, ma qui pare che nessuno ne voglia parlare, le facce dei giornalisti presenti in tribuna stampa al Barbera al momento del rigore. Lo sanno tutti, nessuno ne parla, almeno evitiamo di ringraziare quei giocatori.

Su tutto il resto sono d’accordissimo, soprattutto sull’assurdità dell’ostracismo verso Monaco che oggi serve come il pane e che paghiamo profumatamente per non giocare.
A me la Feralpi ha impressionato e non è normale che siamo con la lingua fuori a fine ottobre.
Comunque amen, come dici tu questi siamo e dobbiamo solo cercare di mettere via più punti possibili in attesa della primavera

Rispondi
Flavio Rossetti

Siamo agli ottavi di Coppa Italia. Bene. Giovani volenterosi; promesse ? mah, vedremo; comunque, la nostra Primavera2 è ultima in classifica. E Ghirardello, deludente, dovrebbe giocare con loro per aumentare il potenziale offensivo senza bruciarsi in prima squadra e giocare pochissimo. Dei 4 separati in casa, Monaco servirebbe più di tutti. Caneo ha rischiato togliendo Busellato che stava reggendo, mentre Gasbarro, dopo 180′ in meno di 3 giorni, ha rischiato di lasciare per crampi. Per il campionato, vediamo domenica ma rendiamoci conto che non siamo da primissimi posti. Comunque, FORZA PADOVA

Rispondi
massimo

Sauz, per quello che hai scritto propongo per te un monumento in Piazza Cavour.
Hai toccato perfettamente tutti i tasti giusti con concretezza e soprattutto grande verità.Bravo, le tue parole e concetti sacrosanti.
E vorrei aggiungere che lo scorso anno di fronte avevamo dei “marziani” travestiti da Tirolesi, mai più nessuna squadra di calcio ed in qualunque categoria ripeterà certi numeri.
Li rimpiangeremo.
Divertitevi pure a vedere questo Padova ( anche se mi sembra ad oggi ci sia molto ma molto meno da vedere) divertitivi a giocare in questa Categoria di sfigati …..io non mi diverto più.

Rispondi
Pietro Smaniotto

Vista Piacenza – Padova in tv noia Mortale gioco del Padova lanci lunghi e caos meritava di perdere dov’erano i boys tanto acclamati…. INGUARDABILE IERI SERA IL PADOVA

Rispondi
Massimo

D’accordo con te Pietro. Vista una squadra
( squadretta) da metà classifica con gioco improvvisato e tanta inutile foga che porta appunto a solo caos.( a chi sta divertendo questo Padova?) . E che loro erano tanto scarsi specialmente in attacco altrimenti…..

Rispondi
Emanuele

Il Padova visto ieri è un insulto a tutte quelle persone che ancora una volta si sobbarcano km e km per sostenere questa squadra ingrata.
VASIC per quello che sta facendo da dopo Pordenone andrebbe lasciato in panchina almeno 3 turni a rinfrescarsi le idee….il fatto è cari geni del calcio che siamo spompi….abbiamo la lingua fuori….

Rispondi
Baldo

Da quello che si é visto in campo, alla fin fine si potrebbe dire che al Piacenza il pareggio potrebbe stare anche stretto!!
Se analizziamo bene i 100 min giocati, il Padova ha tirato 4 volte verso la porta.
Non dimentichiamoci che il Piacenza é ultimo…..!!!É che per nostra fortuna ha un attacco abbastanza scialbo..

Poi se andiamo ad analizzare le ultime partite, possiamo dire che come gioco siamo calati in modo evidente e vistoso. Sarebbe da capire se per demeriti nostri, oppure dal fatto che gli avversari ormai siano in grado di prendere le giuste contromisure nei nostri confronti.
La vedo dura…

Rispondi
acp

prestazione indecente e inaccettabile contro una squadra da serie D.

caneo o si adatta alla realtà o ciao ciao.

Rispondi
DM

Non sono per niente d’accordo con chi critica la società, a cui invece dovremmo essere molto grati per avere messo a disposizione ancora una volta suon di milioni. L’invito è sempre quello: compratelo voi il Padova, o trovate chi lo compra (buttando oltre 5 milioni di euro ogni anno), altrimenti i fatti stanno a zero.
Le prime partite hanno dimostrato quello che si pensava a inizio anno: ce la giochiamo per il 5-7° posto, ma abbiamo troppi limiti per pensare di vincere il campionato.

Sulla partita di Piacenza, nello specifico: prestazione indegna. Per quanto mi riguarda il primo responsabile di ieri è l’allenatore. Non mi interessa del gol annullato ingiustamente, o della stanchezza fisica, o delle contromisure prese dagli avversari rispetto a inizio anno; non si chiede brillantezza ogni domenica. Ci spiegasse cos’ha preparato: ci siamo fatti prendere a pallonate per 90 minuti da una squadra molto scarsa che avrebbe meritato la vittoria. Posso scusare la sfortuna, l’episodio sfortunato, ma l’atteggiamento remissivo per tutta la partita l’ho trovato sconcertante; senza parlare poi dell’incapacità di gestire il risultato per l’ennesima volta facendosi uccellare nel recupero.

Guardiamo la nota positiva, Gasbarro squalificato 3 turni.

Rispondi
francescosolesino

a avete visto tutti gli attaccanti che vanno via da padova segnano tutti quest anno santini e arrivato gia a 11 gol

Rispondi
Baldo

DM, per quel che riguarda la tua prima parte del discorso, condivido tutto. È giusto essere grati a questa proprietà che ha ancora voglia di investire soldoni, visto e considerato che ancor prima di oggi (dove ormai la crisi é globale) i grossi proprietari dei club italiani più blasonati, hanno venduto tutto.
Ma noi siamo il Padova.. non possiamo “accontentarci”di vivacchiare nella medio/alta classica di serie C.
Non possiamo accontentarci di vedere solo il bel gioco(che a mio avviso non cé) .. poi se i risultati arrivano bene, altrimenti va bene lo stesso..
Non dimentichiamoci il fatto che le due leghe di B è di C stanno spingendo per le nuove riforme dei campionati..
A quanto pare nell imminente verranno proposte SOLO 3 promozioni in B…. e non più 4….e peggio ancora non più dirette, ma con fase lunghissime di play off nazionali… Hai idea della difficoltà??
Se venissero confermate, avremmo una sorte della serie A2 del basket, dove per essere promossi nella massima serie, bisogna compiere un vero e proprio miracolo..
Quindi! se nell imminente futuro ci saranno questi cambiamenti, o ti arriva un Berlusconi, oppure già da quest anno a gennaio bisognerà investire e provar di cercare di andar su… Altrimenti ho paura che nella C ci marciremo.

Rispondi
acp

ma basta con sto atteggiamento. pensate che oughurlian spenda per il padova come se fosse un’opera di bene?lo fa perchè avrà i suoi interessi, ringraziarlo anche no. se vuole farci fallire ci faccia pure fallire. serie D già vista. tra l’altro la tifoseria era meno depressa quell’anno che nell’ultimo periodo.

altra trasferta con quasi 250 persone. onore ai padovani.

il padova siamo noi.

Rispondi
Principe

La proprietà ha chiarito sin da subito che a vincere il campionato non ci credono nemmeno loro; allenatore “emergente”, giovani, qualche scommessa e avanti sperando vada bene a maggio.
Il pubblico dimostra sempre un attaccamento che francamente è commovente e va oltre ogni logica.
La squadra ha giocato bene un mese e poi è diventata altalenante giocando più spesso male che bene; Piacenza la peggior partita della stagione, Trieste altrettanto male ma abbiamo avuto culo, Crema lasciamo perdere.
Vorrei sapere se a gennaio è intenzione della società fare cassa o se ci sono intenzioni serie.
Poi casomai parliamo di ringraziamenti.
p.s. Santini 11 gol stagionali

Rispondi
Pietro Smaniotto

Come si fa a far correre come forsennati sti giocatori con una panchina così corta, mah… solo Mirabelli lo sa. Aziendalista per stipendio che nessuno dopo il Milan gli dava più. Baracca scudata.

Rispondi
filippo

6 partite, 6 punti.
Nelle prime 5 gli altri 12.
Trend chiaro, da playout più che da playoff.

Preparazione leggera o apparente incapacità di gestire la rosa a disposizione?
Probabilmente entrambe le cose, ma Caneo non può smenarla per mesi con il gioco delle coppie, e poi ci troviamo che giocano sempre gli stessi, con la lingua di fuori (vedi un Cretella ormai da camera iperbarica).

il Padova di Lignano che fine ha fatto?
Perchè da un mese l’unico schema ricorrente che vedo è attaccanti sempre nella metacampo avversaria, che non rientrano, che allungano la squadra e vivono dei lanci lunghi di Donnarumma o dei difensori?

Caneo riprenda subito il bandolo della matassa, altrimenti si proceda con la ricerca immediata di un suo sostituto.

A Wcenza, con un punto in meno di noi, i messaggi sono già chiari.
Noi dopo un’umiliante 5-0 con il Pergoletto abbiamo regalato 4 punti alle due ultime in classifica. Dopo aver perso in maniera ignobile in casa contro il Novara, allo stesso modo ci facciamo raggiungere a tempo scaduto dal temibilissimo Piacenza, dopo che abbiamo fatto 10 minuti di calcio discreto e altri 80 di nulla cosmico. Dove sono calcio champagne, gol a raffica, squadra corta, pressing, corsa etc. etc.?

Inaccettabile.

Società come al solito imbarazzante. Gol dentro di un metro e tutti muti, però facciamo ricorso (legittimo, per carità) per ridurre la squalifica ad uno che sarà anche un bon toso ma fa più danni della tempesta col secco, e non certo dall’altro ieri.

Ringraziamo sempre il milione di euro che abbiamo parcheggiato alla Guizza, grazie Sogliano e grazie a chi quei contratti ridicoli li ha avallati. Nel girone A più mediocre della storia della mediocrità, con due tre pedine giuste a quest’ora potremmo veleggiare in cima alla graduatoria, col braccio di fuori fumando una sigaretta e beandoci delle disgrazie altrui.

Perchè i tifosi padovani devono sempre subire? Perchè?

Rispondi
Principe

“Bifulco, Monaco , Busellato e Terrani giocheranno dall’inizio, avranno modo di mettersi in mostra, si sono sempre impegnati agli allenamenti e quindi se lo meritano”
Adesso qualcuno mi spieghi questa cosa perchè la puzza comincia ad essere insostenibile

Rispondi
filippo

allucinante
Mirabelli una settimana fa ha parlato chiaramente di gente che era fuori dal progetto perchè non voleva starci. Minacciando poi di prendere a calci nel culo chi avesse voluto “imitarli”.
Caneo oggi parla di gente che “non ha mai disturbato”. Siamo al delirio.

Domanda per il solito amico: giocano così perchè ne mancano per arrivare a 11, o perchè si pensa reintegrarli? Li vogliono far giocare per avere più possibilità di venderli, ma allora sono disponibili anche in campionato? E quindi non si poteva farli giocare prima che magari evitavamo imbarcate stile Pergolettese, portavamo a casa un punto col Novara e magari tre con il Piacenza? Invece di far giocare gente palesemente alla canna del gas con il fiato e fuori ruolo?

Ma soprattutto, ci prendono per il culo o cosa?

Basta. Via questa società indecente, esonerare tutti: presidente AD, ds e allenatore. Tabula rasa. Oughourlian ha na squadra seconda in Ligue 1 e gestisce il Padova peggio di una Sunday League di dopolavoristi ferroviari. Pietà per i tifosi padovani.

Rispondi
acp

dici che degli stipendiati, pure parecchio, con curriculum e qualità assolutamente bastevole per giocare in una buona squadra di lega pro sarebbero potuti tornare in qualche modo utili in queste 11 partite? dici che forse qualche punto in più lo avremmo avuto? dici forse che alcuni giocatori ora sarebbero in condizioni migliori se avessero potuto risparmiarsi qualche mezz’oretta?

attendo anch’io una spiegazione per questa scelta. anche perchè è ovvio sia una scelta concordata tra caneo e la dirigenza. giusto per capire cos’è cambiato rispetto all’estate.

domani voglio una doppietta di bifulco, un partion di busellato e la solita eccellente prestazione di monaco.

Rispondi
Emanuele

dopo la lettura di tutti i messaggi, giusti e sacrosanti… ho il vomito…la delusione e la depressione…uno stadio che fa cagare
una curva che fa cagare…BONAVINA non so come tu faccia ad andare in giro con tutte le false promesse che hai fatto fino ad ora….
e dovremo anche ringraziare la società per i soldi tirati fuori per sti brocchi??? io la derido e mi schifo perchè son soldi buttati al vento altro che gran sopcietà.
si riparta dalla D che tanto altro non meritano e con umiltà si risalga pian piano
invece noi appassionati e padovani meritiamo altro che B

Rispondi
Andrè The Giant

I 4 dissidenti domani giocheranno la Coppa Italia?!? Cioè tu dici che gente che ti costringe a tirare fuori un milione di Euro va premiata perchè si impegna agli allenamenti?!? Bella coerenza davvero!
Sento aria di crisi, dopo la partita indecente di domenica mi sa che si corre ai ripari. Non mi stupirei se a breve venissero addirittura reintegrati.
Caneo, visibilmente nervoso nell’intervista, probabilmente costretto suo malgrado a mettere in campo i 4 ora sta facendo la figura della marionetta.
Tutto troppo bello per essere vero nelle prime 5 partite. Ora siamo tornati al nostro infame destino fatto di bocconi amari e delusioni.

Rispondi
massimo

Ora sarebbe troppo facile dirvi che in tempi non sospetti ” io l’avevo detto” e non voglio basarmi su questo, ma cosa si poteva pretendere da un mercato fatto sulle “scommesse” a risparmio, anche buone se vogliamo dirla tutta ma in questo modo si “bruciano” solamente i giocatori per di più in una piazza dove hanno una pressione ingestibile per la loro età , poi su un allenatore per il quale non trovo un aggettivo appropriato se non nel dire semplicemente che è “inadeguato”, poi su una Società che non sa né di carne né di pesce, inadatta.
Certo Padova ormai è una piazza calcistica allo sbando e derisa ………questa è l’amara verità.

Rispondi
Emanuele

FILIPPO concordo al 1000% con te…e con tutti del resto…pietà per noi proprio…
manca soeo che WCANZA merda nr. 2 venga a fare il risultato domenica…..

Rispondi
Baldo

Dopo la scelta di far giocare i 4 calciatori fuori rosa, rimango basito.
Vedo una società in confusione.. Poi la cosa peggiore,é vedere una grossa(ormai ho dei dubbi) società priva di fermezza e autorità…
Come scriveva qualcuno, Caneo sembrava molto contrariato ma soprattutto indispettito.
Altro punto:ma secondo voi!! Tu fai giocare quattro calciatori fuori lista, dichiarando che comunque in campionato mai è poi mai metteranno piede in campo.
Secondo voi, dopo questo bel “dispetto“, non cé il rischio concreto che questi puntino ancora più i piedi per terra??
Sia chiaro!Non li sto difendendo, ma a mio avviso,la società per il quieto vivere, per l’equilibrio del gruppo/allenatore ecc ecc, doveva agire con più professionalità, magari inserendo la primavera,
Visto che non si tratta di semifinali, nessuno degli avversari in lizza avrebbe creato polemiche e tutto sarebbe filato lisco….

Rispondi
crestaalta!

per me la storia dei 4 non è poi così importante, posto che della Coppa Italia alla società non interessa niente , fa riposare alcuni titolari e giocare questi, anche per metterli in mostra, altrimenti a gennaio chi se li prende?

Rispondi
Principe

Non sarebbe importante se fossero 4 scarponi in mezzo a una squadra di fenomeni.
Ma in realtà è il contrario
Quando aboliranno la ridicola coppa italia di serie C sarà un bel giorno

Rispondi
acp

1milione di euro del budget non speso per giocatori che giocano in campionato. in serie C è una cifra enorme. avremmo 5-6 TITOLARI di altissimo livello in più.

ma la storia dei 4 non è importante.

bravi restate in C a vita. a ciapare 5 peri dal quartieretto pergoletto.

Rispondi
acp

grazie fuori rosa grazie. ci avete fatto passare il turno con le vostre encomiabili e professionali prestazioni.

ora in tribuna fino alla partita col gubbio. non sia mai che veniate utilizzati per fare il vostro lavoro anche in campionato.

Rispondi
Flavio Rossetti

Siamo agli ottavi di Coppa Italia. Bene. Giovani volenterosi; promesse ? mah, vedremo; comunque, la nostra Primavera2 è ultima in classifica. E Ghirardello, deludente, dovrebbe giocare con loro per aumentare il potenziale offensivo senza bruciarsi in prima squadra e giocare pochissimo. Dei 4 separati in casa, Monaco servirebbe più di tutti. Caneo ha rischiato togliendo Busellato che stava reggendo, mentre Gasbarro, dopo 180′ in meno di 3 giorni, ha rischiato di lasciare per crampi. Per il campionato, vediamo domenica ma rendiamoci conto che non siamo da primissimi posti. Comunque, FORZA PADOVA

Rispondi
tifoso ignoto

Dei 4 reprobi, ritengo che Bifulco sia ancora importante per il Padova, sarà discontinuo ma è uno dei pochi che vede la porta. Monaco buon difensore anche se ieri mi è sembrato polemicamente lezioso nel difendere palla a tutti i costi invece di passarla, segno di un carattere non particolarmente collaborativo. Busellato è un buon geometra di centrocampo senza grandi acuti, ma è chiuso da Raddrezza piu mobile e Cretella piu fantasioso e incisivo. Per Terrani sospendo il giudizio, confesso che non mi ha mai entusiasmato all’inizio sembrava avesse un po’ di velocità negli allunghi, ma nell’ 1contro1 generalmente si fa superare e il tiro, va beh lasciamo perdere. Magari va in un’altra squadra e fa una caterva di gol, ma qui a Padova non ha lasciato il segno.

Rispondi
sauz

Se avessimo ragazzi un allenatore degno di tal nome i quattro, o almeno tre di questi, non sarebbero mai stati messi fuori rosa.
Io con una banda del buco come la nostra mi chiedo come sia possibile rinunciare a un giocatore del calibro di Monaco per me è fantascienza allo stato puro e francamente dei vari codazzi delle disamine di spogliatoio mi tange ben poc, la domanda e’ Monaco è forte? Risposta: Si’ e allora gioca senza se e senza ma, risparmiamoci la manfrina del gioco di caneo che sento come una poesia recitata a memoria da agosto in avanti. Cosa ha vinto nella sua fuglida carriera Caneo? Nulla Che piazze di spessore ha allenato? Torre Del Greco..ragazzi bastano poche domande secche e altrettanto secche risposte per capire tutto. E poi vuoi vedere che in un centrocampo granitico come il nostro uno come Busellato stona? Ci metterebbe piu’ di una pezza e tanti contropiedi non li prenderemo mica. e poi in avanti mi direte che Alfredo Bifulco vale meno di Russini per esempio? Non scherziamo certe palle vedasi contro il Novara Bifulco non te le sbaglia mica ma qui tutti a ergersi paladini della filosofia societaria. Tanto bella questa filosofia che se andiamo avanti di questo passo entro due domeniche ci troviamo impelagati in zona playout altro che settimo ottavo posto farei la firma adesso ma il tanto bistrattato e scarso mantova ha solo sei punti meno della splendida armata biancoscudata mica venti..fate vobis..
Qui bisogna reintegrare tutti a parte Terrani ma non per cederli a gennaio ma per salvarsi a giugno perchè con la squadra costruita in maniera approssimativa da Mirabelli il pass per la prossima lega pro non so se lo prendiamo.
Ma la colpa si badi non e’ di Caneo ma proprio di Mirabelli che ha voluto mettere al timone un allenatore con un credo calcistico senza dargli gli strumenti per interpretarlo e con una coperta cortissima.
E non meniamola con il milione dei fuori rosa, per questa società è come se il sottoscritto offrisse uno spritz a cinque di voi, vado in malora per 15 euro? Fatemi il piacere dai sono solo paraventi per giustificare un fallimento su tutta la linea.
Io si’ io rimpiango i della latta, i saber, anche i pelagatti che magari non ci offrivano garanzie eccelse e spettacolo ma a fine anno i tuoi 80 punti te li portavi a casa, con questi farne la metà sara’ un impresa segnatevelo.
Ma la colpa è anche di questa piazza senza mezze misure che dopo un paio di vittorie (di cui quella ad alessandria mica tanto entusiasmante) promuoveva a pieno regime la nuova era buttando in malora il passato, esaltando fuori misura dei giovani ragazzi che si sono sentiti con il mondo in mano, tutt’al più in una città con pressioni pari allo zero assoluto e la frittata è fatta. Non capiremo mai e non cambieremo mai la storia di questa piazza finchè non cambiamo noi, si esaltano dei giocatori dopo dieci sonanti vittorie non ai primi squili positivi ci vuole equilibrio cazzo, sia nel negativo ma anche nel positivo. Ora il tempo dei peana è finito, bisogna muovere il culo e macinare punti e cominciamo noi a levarci dalla testa le parole e i desiderata di alta classifica, sono il primo che vuole abbandonare questo inferno ma sono realista, questa squadra nelle migliore delle ipotesi puo’ salvarsi senza patemi se fa un miracolo ma e’ talmente male costruita che deve guardarsi alle spalle dall’inizio alla fine. Cominciate a crederlo anche voi e cominciamo a trasmetterlo anche alla squadra , raggiungiamo sta salvezza e a giugno dell’anno prossimo si parli chiaro con la società: Se il nuovo progetto è continuare con campionati simili alla cazzo di cane, si cerchi un nuovo acquirente e si venda, un viganò è bastato e abbiamo già dato a sufficenza… a buon intenditor…

Rispondi
tifoso ignoto

Troppi se nella tua arringa caro Sauz, se avessimo un altro allenatore se avessimo tutti quelli dell’anno scorso, quanti se.
Ti basti pensare che la stella del Padova dell’anno scorso un certo Ronaldo naviga con lo squadrone WC a mezza classifica dietro di noi.
Facile parlare con i se, intanto in testa c’è il Renate mica il WC ol Novara ol Pordenone, ma na squadra che gioca a calcio senza nomi altisonanti o budget astronomici(vero WC?) senza ingaggi da serie B o megapresidenti diesel coi iniettori sporchi. Ribadisco Bifulco serve al Padova come il pane, rimettetelo in rosa e date via Gasbarro il mercato di gennaio potrebbe ricominciare da qui, Monaco è un discreto difensore ma contro le riserve dell’Imolese è facile farsi vedere e quindi non fa testo. Nei rapidi capovolgimenti di fronte l’è lento come na tartaruga.

Rispondi
Frengo

Ma secondo te Valentini è più veloce di Monaco? Assolutamente no. Ti assicuro che nel breve e nel lungo Monaco non è per niente lento.
Tra i due la tartaruga è Valentini che sopperisce con il tempismo, la lettura in anticipo degli interventi e con la struttura fisica. Certo è che sia l’uno che l’altro pagano dazio di fronte a giocatori più agili.
Vista la situazione, la società faccia mea culpa e reintegri subito Monaco, Bifulco e Busellato. Rinforzi a costo zero, fino a gennaio. Poi si vedrà.
Terrani per favore cedetelo alla Caritas in prestito … definitivo senza diritto di riscatto.

Rispondi
Principe

Lo Zeman de noialtri si è trasformato in Bisoli già ai primi di novembre contro l’Arzignano.
Campionato senza padroni, vediamo come siamo messi in marzo ma nel prossimo mercato servono assolutamente 2 difensori, uno ce lo avremmo già ma a quanto pare possiamo permetterci di farlo giocare solo le partite che non servono.
Bene lo striscione sulla curva nuova, questa presa in giro deve finire. Martina grazie per l’approfondimento a proposito

Rispondi
Tifoso a 1/2

Dire che quest’anno ci stanno massacrando in termini arbitrali è peccato o è sempre cercare alibi? Salò (goal preso e fatto), Piacenza (goal) e ieri. Avremo dei problemi, ma passare sempre per mona e dirci che è sempre e solo colpa nostra boh…

Rispondi
acp

l’esperienza di bruno caneo come allenatore del padova si è già conclusa. resta da capire quando verrà cambiato. bisogna adattarsi alle situazioni.

Rispondi
Massimo

Non verrà cambiato perché il Padova con questa Società non ha alcun obiettivo particolare se non di fare dei discreti campionati di Seri C … mettiamocela via.

Rispondi
fabio.pd

Ottimo Liguori, ottima l’intesa con Dezi. Dal centro campo in su….tutto è oliato bene. Il problema è la difesa….e per fortuna non ha giocato Gasbarro…. Nelle scorse partite ci ha messo le pezze Donnarumma, ma non può ogni volta fare miracoli. Il reintegro di Monaco lo vedo come l’unica azione possibile nell’immediato: la sua mole si impone in mezzo all’area, è un giocatore che si sacrifica, non è falloso e dà fiducia. Caneo dovrebbe, viste le circostanze, adattare il suo modulo, la sua visione di gioco. Tutto deve concorrere al bene della squadra, anche qualche passetto indietro se necessario.

Rispondi
Andrè The Giant

Lo hanno detto chiaramente (più volte): sono giocatori fuori lista e non possono essere reintegrati almeno fino alla riapertura del mercato.
Con Monaco in particolare si è capito che ci sono stati screzi con Caneo, quindi credo proprio che non ci siano speranze. O uno o l’altro.
Le interviste di Caneo sono sempre più desolanti, l’uomo è chiaramente in difficoltà. Prima dava la colpa all’attacco che non era mai al massimo causa infortuni (ora però ci sono tutti), ieri ha lamentato l’assenza di Germano e Gasbarro (!!!). In realtà non sa a che santo votarsi e la scelta di passare al 352 subito dopo essere passati in vantaggio rinnegando di fatto il suo credo tattico fa capire che non sa più nemmeno lui se sia il caso di continuare a fare gioco aggressivo (che dura si e no 30 minuti) oppure badare al sodo e coprirsi.
Morale: speriamo di arrivare a gennaio in una posizione decorosa e poi vediamo quali sono le reali intenzioni della società.

Rispondi
Principe

In base alle intenzioni proclamate dalla società ad inizio stagione siamo già ampiamente in una posizione decorosa. Ci attende una noia mortale fino a marzo/aprile, quando si comincerà a fare sul serio. L’unica cosa veramente importante è la curva nuova, magari se Bonavina avesse appaltato i lavori ad una ditta che conosce la ruota ed il fuoco saremmo a buon punto

Rispondi
Andrè The Giant

Si, vero. Però io spero che rendendosi conto che il campionato è più che abbordabile per latitanza di veri squadroni (un pò tipo l’annata di Bisoli) si possa anche decidere di provare a fare sul serio.

Rispondi
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code