28
feb 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 21 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.879

THE MACHINE

“Il vino prepara i cuori e li rende più pronti alla passione”. (Ovidio) 

Nemmeno nei tempi d’oro della Verona dei canestri era mai arrivato a vestire la maglia gialloblù un giocatore con il palmarès di Saša Vujačić. Stiamo parlando di un vincitore di due anelli Nba con i Lakers, che l’anno dopo il secondo titolo passando ai NJ Nets ha tenuto oltre 11 punti di media in 28,5 minuti di utilizzo. Un tipo da 10 stagioni nei pro con 581 partite giocate e una media di oltre 15 minuti.

Un regalo senza precedenti che il patron Gianluigi Pedrollo – legittimamente soddisfatto nonostante questo ennesimo extrabudget – ha fatto ai tifosi gialloblù giusto alla vigilia delle Final Eight di Coppa Italia, quella Coppa Italia che la stella slovena ha vinto l’anno scorso in serie A con Torino, tenendo 12,7 punti di media con la squadra targata Fiat.

Ai Lakers lui e Kobe Bryant erano subito entrati in sintonia perché condividevano la lingua italiana (si narra che il Black Mamba lo abbia più volte insultato in partita nella nostra lingua) e la stessa voglia ossessiva di lavorare in palestra, trovandosi anche per sessioni di allenamento all’alba. Ecco quindi il nickname “The Machine”, la macchina, perchè Vujačić è un professionista ineccepibile quando si tratta di pallacanestro.

Un colpo straordinario anche sotto l’aspetto mediatico, che sorpassa in un amen il precedente arrivo di Logan a Treviso e quello recentissimo di Carlos Delfino alla Fortitudo. Adesso dal pubblico dovrà arrivare una risposta all’altezza degli sforzi della proprietà della Scaligera Basket, giacché con un incasso come quello di sabato scorso contro la Bakery si arriva a malapena a coprire le spese per gli stewards.

Il vicepresidente Giorgio Pedrollo e il g.m. Daniele Della Fiori hanno portato avanti la trattativa con pazienza e tenacia, grazie anche ai buoni uffici del manager veronese Zeno Pisani, che da anni vive a Los Angeles.

E il ruolo di Verona città del vino ha avuto un’influenza determinante, considerata l’attività extracestistica che Vujačić ha avviato nella Napa Valley a Paso Robles con il brand Alexander Wine. E allora brindiamo, rigorosamente con l’Amarone. Dobrodošli Sasha.

 

2.879 VISUALIZZAZIONI

21 risposte a “THE MACHINE”

Invia commento
  1. GG scrive:

    apprezzo anchi’io l’impegno e lo sforzo economico della proprietà per aver portato un giocatore di tale calibro a Verona, le possibilità di inserimento ci sono tutte, anche perchè con la sua intelligenza cestistica può quasi fare da allenatore in campo….
    per quanto riguarda la gestione vedremo: Sahsa è stato allenato da gente come Jackson e Tomjanovic, per i quali era un eccellente comprimario dei vari campioni, ed era l’epoca dei suoi massimi livelli come età e carriera. Alla Scaligera il discorso è del tutto diverso (ricordiamoci di altre “meteore” dal passato glorioso) ma sta comunque a DalMonte trovare la chiave per il suo inserimento, che potenzialmente può avere un impatto devastante

    a proposito di antichi fasti, non trovate anche voi che i banner dei trofei e le maglie ritirate disposti sui pilastri laterali siano abbastanza anonimi…? per un periodo erano stati appesi al soffitto come da tradizione, come mai non li hanno lasciati là?

    1. Ciccio Fedele scrive:

      Questo colpo mediaticamente é il migliore di tutti i tempi della Scaligera… Nonostante abbia passato notti insonni quando arrivò Dalipagic…

      • Vittorio scrive:

        Storicamente parlando le svolte nella storia della Scaligera sono sempre avvenute dopo un infortunio. Williams per Crowder, Iuzzolino per Lorthridge, Beric per Griffin. Adesso però deve intervenire la componente-coach, perchè se amministra male questi nomi è finita.
        Peccato per la Coppa Italia.

      • Vittorio scrive:

        Dalipagic che si rifiutò di giocare bene nei playoff perchè scazzato e per l’incompatibilità con Bailey. Giocatore devastante ma dimenticabile, ghe sta ben che la sua maglia nella Hall of Fame è della Glaxo.

        • Moscow Mule scrive:

          Ps Vittorio scusami…,ho visto ora le tue scuse. Ciao

        • Moscow Mule scrive:

          Dimmi Vittorio, per essere felice chi vorresti vedere a Verona? LBJ scommetto di no, probabilmente ti sta antipatico.Curry potrebbe andare o hai qualcosa da ridire anche su di lui? Ma Dalipagic lo hai mai visto giocare dal vivo qui a Verona? Ma che stai farneticando? Non era scazzato ma incazzato per la mancanza di attributi e coraggio di alcuni suoi compagni. Ricordo personalmente varie occasioni in cui andava DI FORZA a strappare la palla ai compagni perché stavano scadendo i 30 e NESSUNO pur libero (se lui era costantemente raddoppiato qualcuno libero lo era) aveva il coraggio di tirare. Devi essere una persona estrememente triste se non sei in grado di GUSTARTI un simile campione passato da Verona. Mario ti ha pubblicato lo score ma le percentuali di tiro ti assicuro sono ancora più impressionanti.

        • Mariobasket scrive:

          Con Dražen Dalipagić abbiamo giocato i playout e non i playoff, con due squadre di A1 e 4 di A2 per due posti in serie A.
          a Udine: 19 punti
          vs Reggio Emilia: 32 punti
          vs Rimini 36 punti
          a Pistoia 32 punti
          vs Roma 26 punti
          vs Udine 39 punti
          a Reggio Emilia 25 punti
          a Rimini 28 punti
          vs Pistoia 38 punti
          a Roma 28 punti
          Totale 303 punti per 30,3 di media…meno male che era scazzato…

          • Vittorio scrive:

            Ho usato un termine sbagliato perché avevo fretta (“dimenticabile”), comunque su di lui il mio parere cambia poco: la cronaca di quel periodo dirà che era in rotta con la società e che smise di giocare come sapeva fare. Col senno del poi qualcuno ha detto che quella era la squadra che poteva salire prima dei vari Williams & Co., se non ce l’hanno fatta un motivo ci sarà stato e se vuoi posso anche elencarti alcuni episodi dello “scazzo”.
            Arrivato alla Hall of Fame, protestò vibratamente per essere stato messo con la maglia di Verona. Bah!
            Lascio ad altri elevarlo a idolo, io lo apprezzo come ex, probabilmente se non fosse venuto a Torniamo tutti a Canestro non me lo sarei cag*to manco di striscio.
            Grande è stato grande, ma personaggio storico della Scaligera… direi di no.

            • Vittorio scrive:

              Mi sono documentato un attimo e devo chiedere scusa: lo scazzo du di Bailey che cominciò a tirare da 3 rubando le posizioni ai compagni ed entro in polemica con Lombardi. Ricordavo male.

      1. Pier scrive:

        Ma andrà a sostituire L americano o si andrà ad aggiungere al roster?

        1. Ciccio Fedele scrive:

          Quoto Armix66.
          La fam Pedrollo ha fatto in passato e continua a fare anche oggi grossi sforzi per mantenere un livello di basket importante a Verona. Onore al merito. Aggiungo un dettaglio… Al palasport non venite a fare le mummie, servono tifosi non soltanto spettatori

          • Angossa scrive:

            Serve coinvolgere le nuove generazioni, i più giovani dove cacchio sono? Davanti alla playstation? L’età media al palasport è da messa prima della domenica mattina! Che energia vuoi che ci sia? :lol:

          1. Armix66 scrive:

            Spero che chi scriva minchiate lo faccia solo perché non ha mai visto giocare Vujacic .. altrimenti alzo bandiera bianca. In un post a lui dedicato, trovare poi commenti sulla sconfitta di oggi è assolutamente ridicolo, io veramente credo che qui qualcuno non ha ancora capito e probabilmente mai capirà lo sforzo economico della fam. Pedrollo nel portare a Verona un simile giocatore, e la gioia che può portare al pubblico veronese poterlo ammirare dal vivo. Se oggi non capiamo che tutto il pubblico deve compattarsi sulla squadra e la proprietà, credo che avremo buttato via forse una delle ultime occasioni per continuare a vedere basket di qualità a Verona.

            • Angossa scrive:

              Fatalità in contemporanea c’era un quarto di finale di una coppa da vincere (cit.) che si è tramutato in un allenamento al piccolo trotto (scrimmage è onestamente troppo per quello che si è visto in campo oggi).

              Nessuna mancanza di rispetto per “The Machine”, ci mancherebbe. Speriamo che almeno lui riesca a dare una mentalità vincente alla squadra. ;-)

            1. Ciccio Fedele scrive:

              Hall of fame con maglia Scaligera per me é da cazzo barzotto e vanto… Considerando poi il giocatore che era in assoluto e non solo a Verona. Poi smettiamo di chiamare la squadra di Verona con i nomi dello sponsor… È LA SCALIGERA e nome più bello non c'è.
              Sulla partita di oggi pazienza, ho già letto le solite critiche coach, tiro da 3 non gioco… Dai su stiamo calmi. Personalmente non mi piace perdere ma qui si denigra anche la coppetta che vincemmo qualche anno or sono. Vincere non é mai semplice ma qui pare che sia all ordine del giorno. Testa e cattiveria alle prossime uscite pensando al miglior piazzamento per i P. O.

              1. Angossa scrive:

                Vediamo con che spirito/animo arriva, speriamo bene. Spero non abbia visto i suoi compagni oggi però!

                Come previsto è andata in scena la più classica e prevista delle figuracce nella coppetta del nonno. Fanno tenerezza le dichiarazioni pre-match di Gandini e Candussi. Abbiate pietà di noi, altro che vincere la coppetta! Assomigliava tanto ad uno “scrimmage” oggi, anzi un allenamento! Molli, lenti e con la “voglia di vincere saltami addosso”. :lol: Che figura di m. -29 ad inizio ultimo quarto, poi Roma decide di riposarsi un po’ e ci lascia un margine sotto il ventello. WOW.

                Speriamo almeno nessun nuovo infortunio

                1. Max scrive:

                  Per chi ha voglia di sognare, come il sottoscritto, questo è uno di quei momenti. Per chi ha una certa età, come il sottoscritto, si ricordi di Spud Web.

                  1. Ciccio Fedele scrive:

                    Colpaccio…

                  Lascia un Commento

                  Accetto i termini e condizioni del servizio

                  Accetto i termini sulla privacy

                  *