25
mar 2019
AUTORE Mariobasket
CATEGORIA

Sport

COMMENTI 6 Commenti
VISUALIZZAZIONI

2.502

IMPRESA

“…Attendi attendi, magnanimo campion (s’alla veloce piena degli anni il tuo valor contrasti la spoglia di tuo nome), attendi e il core movi ad alto desio. Te l’echeggiante arena e il circo, e te fremendo appella…” (A un vincitore nel pallone – Giacomo Leopardi – I Canti)

L’impresa sul campo di Montegranaro è un capolavoro di solidità mentale e tenacia, e va condivisa assieme a tutti i giganti gialloblù e allo staff di Luca Dalmonte, con i tifosi. Quelli che sono scesi a Porto San Giorgio, quelli che sventolano la bandiera gialloblù o indossano solitari la sciarpa, quelli che tifano, soffrono ed esultano davanti alla tivù. E a quest’ultimi siamo grati, perché speriamo che apprezzino lo sforzo di Telenuovo (ultima novità il tempo e 24” in onda) e soprattutto che si stiano divertendo.

Udite udite! La Tezenis ha espugnato il Palasavelli di Porto San Giorgio (teatro della vittoria all’overtime che nei playoff di serie B del 1983 riportò la serie a San Giovanni Lupatoto spianando la strada alla prima promozione in A2 della Scaligera targata Vicenzi Biscotti) tirando quasi il doppio da 2: 44 tentativi contro 23 triple. Ha vinto nettamente la sfida a rimbalzo, catturando il triplo di extrapossessi dei marchigiani: 15-5.  Una squadra capace di vincere segnando quasi 100 punti, ma anche concedendone 61 a Montegranaro.

L’eco delle critiche strumentali, del lamento forzato si fa sempre più debole e lontana. E la strada per salire sul carro comincia ad affollarsi. Ottimo segnale. Avanti così.

2.502 VISUALIZZAZIONI

6 risposte a “IMPRESA”

Invia commento
  1. Franco scrive:

    L’impresa è consistita anche nel non far togliere mai la giacca all’allenatore.
    Il coach con la giacca dall’inizio alla fine.
    Mai successo

    1. Angossa scrive:

      % al tiro basse ma grande gara a livello difensivo e finalmente una più equa distribuzione dei tiri da 2 e da 3. Il peso di Udom, Poletti e Candussi là sotto inizia a farsi sentire e Sasha con la sua sola presenza dà tranquillità a tutta la squadra. Senza ulteriori infortuni ce la possiamo giocare con Treviso ai playoff!

      1. Magni72 scrive:

        Grazie Mario e Telenuovo per aver inserito i 24 secondi. Ora finalmente si puo’ vivere la partita in toto.

        e visto che questa richiesta è stata esaudita….

        a quando un Telenuovo in HD ? :-)

        per quanto riguarda la squadra, non si puo’ paragonare questa squadra con quella di inzio stagione.
        Ora abbiamo una panchina lunga quasi come quella di Bologna.
        Ma visto che a roster c’è ancora Henderson, potrà giocare anche lui in contemporanea con gli altri stranieri oppure ci sono limitazioni ?
        grazie

        1. Max scrive:

          Mah, fatta la tara alle proteste delle solite “tricoteuses”, che comunque torneranno a chiedere la testa di Dalmonte alla prima vittoria con scarto inferiore ai 15 punti, io credo che molte delle critiche sollevate ad inizio stagione (ovviamente incluse le mie), soprattutto in relazione ai proclami in pompa magna della società, fossero tutto fuorché strumentali. Paragonare questa squadra a quella che ha cominciato il cammino della regular season non è possibile. Improbabile e poco sincero sarebbe l’esercizio di “difesa” delle scelte del primo roster, indicando nei miracoli del coach e nella chimica finalmente bilanciata il motivo dei ritorno ai risultati. Merito alla società per gli “aggiustamenti” in corso d’opera. Interventi che hanno comportato un extra sforzo economico non certo trascurabile, pertanto ancor più lodevoli. Interventi che hanno infine tappato la bocca ai contestatori onanisti come il sottoscritto. Anche la fortuna ha dato la sua benedizione (Se Siena non sbracava … Se Henderson non si infortunava … Se Vujacic veniva firmato una settimana prima …) La si può vedere e girare in molti modi, ma oggettivamente i fattori di crescita della percentuale dei tiri dal pitturato e il maggior numero di rimbalzi catturati si delineano con l’innesto dei nuovi elementi (con tutto rispetto per Maspero e Henderson). Arriverà il giorno in cui si potrà ammettere senza arrossire (e senza temere che qualcuno si offenda) che l’estate scorsa qualche valutazione è stata fatta, come dire, un po’ alla leggera ?

          • Mariobasket scrive:

            Max le critiche ci stanno tutte, ma i proclami non erano poi così in pompa magna: in società nessuno ha mai parlato di promozione…salvo poi spostare la barra nelle ultime settimane.
            Faccio anche presente che le 9 vittorie consecutive sono arrivate senza Poletti (e in parte senza Udom), quindi con la squadra che ha cominciato la RS. Poi è vero che ci sono state 5 sconfitte di fila (2 prima dell’arrivo di Poletti, 3 senza Henderson, tutte in assenza di Udom) e che l’innesto del “papa gialloblù” può girare la stagione. Ma anche senza di lui Verona era da primi quattro posti e ha dimostrato di esserlo. Altra cosa è invece la qualità del gioco, ma se nella chimica inserisci un elemento al top diventa più facile.

          1. Armix66 scrive:

            Un bellissimo concentrato di memoria storica e di attualità, questa volta Mario la racconti bene con garbo e sagacia anche a chi, come me, non utilizza i social ma ha modo e occasione per essere informato di quanto accade nel mondo. È allora avanti tutti insieme sul carro, c’è posto sia per i 25 che ieri sono saliti sul pullman sia per i silenziosi a volte invisibili 40 che per seguire la squadra in trasferta a volte prendono o Telenuovo o il tappeto volante.

          Lascia un Commento

          Accetto i termini e condizioni del servizio

          Accetto i termini sulla privacy

          *